Il cellulare di MacGyver salverà vite umane

Un hacking e via: come uno smartphone può diventare un potente salvavita, capace di esami del sangue ed altre analisi

Roma – La scienza si fa anche con l’hacking di tecnologie di uso comune, come ad esempio quelle integrate nei diffusissimi cellulari dotati di cam per scattare foto e girare piccoli spezzoni video. Partendo da questa base, i ricercatori dell’ UCLA sono riusciti a realizzare un “mod” a là MacGyver , creando un tester di fluidi sanguigni capace di eseguire diagnosi a un costo praticamente insignificante , posto che lo si colleghi a un comune PC.

Laddove, con la tecnologia attuale, per eseguire test sul sangue alla ricerca di specifiche patologie servono attrezzature dispendiose e voluminose, qualcuno capace di usarle e un laboratorio che li ospiti entrambi, con un LED, un filtro luminoso di plastica e qualche cavo, all’UCLA hanno tramutato un cellulare Sony Ericsson nel prototipo di una generazione completamente nuova di tester per la salute, la cui luce filtrata riesce a “fotografare” le qualità distintive delle cellule presenti nel sangue , da far poi interpretare da un software custom realizzato dal dottor Aydogan Ozcan.

Nessuna necessità di attendere giorni per conoscere l’esito dei test. La sua accuratezza dipende dalla dimensione del campione “inquadrato” dal sensore CCD della cam, che scatterà la “foto” rivelatrice con cui poter individuare HIV, malaria e altre patologie , malattie che piagano soprattutto paesi in via di sviluppo ed aree disastrate nel mondo.

Il mod si chiama Lensfree Ultrawide-yeld Cell-monitoring Array platform based on Shadow imaging (o LUCAS in breve), e come mette a nudo uno slideshow , non richiede davvero nessuna abilità peculiare con l’elettronica e la tecnologia se non la capacità di usarla. Cambiando il tipo di luce con cui illuminare il campione e la relativa lunghezza d’onda, inoltre, è possibile ottenere diverse informazioni sulle cellule sotto esame.

Il team di Ozcan ha studiato anche una versione di LUCAS pensata per l’utilizzo in laboratorio, anche se in questo caso il sensore CCD delle web-video-cam viene sostituito da CMOS in grado di analizzare grossi campioni e produrre immagini di qualità e bitrate molto maggiori , ideali dunque per uno studio più approfondito.

Tecnologia dalle grandi promesse, LUCAS rimane al momento un prototipo e un semplice hack, appunto, che per quanto sorprendente non è ancora maturo per il mercato: i ricercatori dell’UCLA sono alla ricerca di chi voglia produrre un dispositivo capace di inglobare le qualità del mod .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Grego scrive:
    Re: niente video scientifico su youtube..
    Fare il thermite e' facilissimo:e' soltanto polvere di un metallopiu' un ossidante. Un thermite fortissimoe' persino polvere di ferro mischiatocon la normalissima sabbia. Bruciacreando altissime temperature, maaccenderlo e' difficile. E come si accende?Con un altro termite!Si puo' creare una catena di thermitida quelli piu' facili da accendere(polvere di aluminio o di magnesio)il primo acceso con un fiammiferoaccende un'altro, quello un'altroancora fino a quello di ferro e sabbia.tutti i partilcolari si puo' trovarein una marea dei libri di chimica,anche amatoriale (per i hobbisti).Ma anche wikipedia contiene tuttoil sapere necessario.Era un sapere accessibile ancheprima di internet e pure in paesipolizieschi. Sono ventuto a saperetutto cio' 30 anni fa, mentresognavo di buttare giu' il monumentodi Lenin a Cracovia senza distruggereniente intorno.
    • mirkojax scrive:
      Re: niente video scientifico su youtube..
      per il mio esperimento pensavo ruggine e alluminio, cmq pure su quei bastoncini scintillanti che si usano a carnevale mi sa che c'e' il thermite, infatti mi ricordo che dopo che lo scintillio era finito il bastoncino di ferro era rosso. E per finire sto off topichino, a mythbuster hanno detto che il Hindenburg si e' incendiato cosi proprio perche' era verniciato di un composto di alluminio e ossido di ferro.
  • Zio Fester scrive:
    Buttassero via le chiavi
    E' "bello" vedere come questi cani vadano a studiare nei paesi che odiano per poi aumentare la criminalità nazionale con le loro farneticazioni religiose. Se sbatteressero questi elementi in celle 2x2 forse qualcuno capirebbe...
    • Franco scrive:
      Re: Buttassero via le chiavi
      - Scritto da: Zio Fester
      E' "bello" vedere come questi cani vadano a
      studiare nei paesi che odiano per poi aumentare
      la criminalità nazionale con le loro
      farneticazioni religiose. Se sbatteressero questi
      elementi in celle 2x2 forse qualcuno
      capirebbe......Ok giudice.Adesso dimostrami,che quel ragazzo è effettivamente un terrorista.Ah non puoi?Allora taci idiota.Solita americanata che,al minimo indizio,condanna senza alcuna pietà.La colpa di quel tizio è l'essere arabo.
    • pippo scrive:
      Re: Buttassero via le chiavi
      - Scritto da: Zio Fester
      E' "bello" vedere come questi cani vadano a
      studiare nei paesi che odiano per poi aumentare
      la criminalità nazionale con le loro
      farneticazioni religiose. Se sbatteressero questi
      elementi in celle 2x2 forse qualcuno
      capirebbe...Lo fanno già, ma non mi sembra serva a molto...
      • Mr. X scrive:
        Re: Buttassero via le chiavi
        Bene, allora buon soggiorno a lui.Carino il monocilio comunque...deve aver conquistato talmente tante ragazzine che poi si è ritirato a fomentare rivolte e jihad
    • Gauss scrive:
      Re: Buttassero via le chiavi
      Eh si l'occidente è brutto e cattivo..però appena possono vengono tutti qua!
    • r1348 scrive:
      Re: Buttassero via le chiavi
      Nulla da eccepire sul fatto che meritasse una pena, l'articolo però non spiega se l'indagine abbia verificato se egli fosse veramente in contatto con organizzazioni terroristiche, o fosse semplicemente un mitomane.Che fosse un idiota è palese, mettere un video su youtube equivale ad auto-denunciarsi.
Chiudi i commenti