Il cellulare fa male? Lo dice l'esperto

Il massimo esperto di radiazioni in Germania accusa i telefonini: sono dannosi, soprattutto per i bambini
Il massimo esperto di radiazioni in Germania accusa i telefonini: sono dannosi, soprattutto per i bambini


Berlino – Ogni tanto si alza un’altra voce dal coro a puntare il dito contro i cellulari e la loro “potenziale pericolosità”. Voce autorevole, questa volta: il Savonarola della situazione è Wolfram Koenig, massimo esperto tedesco di radiazioni e direttore dell’Agenzia di Protezione dalle Radiazioni.

Afferma Koenig, con toni preoccupati, durante un’intervista: “In generale, i cellulari dovrebbero essere usati il meno possibile, i genitori dovrebbero tenere i loro bambini lontani da questa tecnologia quanto più possibile”. Anche sconsigliato il possesso di telefonini in macchina, che porta il guidatore a rimanere sempre sotto l’effetto delle radiazioni.

Koenig sembra così condividere le tesi del fisico Gerard Hyland, pubblicate sull’autorevole rivista medico-scientifica The Lancet, sulla maggiore vulnerabilità dei bambini alle radiazioni provenienti dal cellulare.

Allarmismo ingiustificato? Koenig è consapevole come non ci siano ancora prove scientifiche sulla dannosità dei cellulari, ma non sono da escludere, avvisa l’intervistato, possibili rischi nascosti: la scienza ha il dovere di analizzare e chiarire il problema.

Nulla di certo quindi, come anche sostengono gli studi pubblicati sulla questione dal New England Journal of Medicine e dall’American Medical Association, che hanno smentito possibili relazioni tra l’uso del cellulari e l’insorgenza di tumori al cervello. Ma, ribatte Koenig, potrebbero esserci altri effetti dannosi delle radiazioni emesse dal cellulare, che ancora non sono stati scoperti.

Le stesse incertezze, non dimostrate scientificamente, sono state espresse riguardo alle onde elettromagnetiche prodotte dai ripetitori che consentono il funzionamento della rete mobile, come si può leggere in questo articolo .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 07 2001
Link copiato negli appunti