Il cellulare si aggiorna via rete mobile

Uno standard partorito dall'Open Mobile Alliance potrebbe presto consentire agli operatori mobili di aggiornare il firmware di telefonini e smartphone degli utenti

Roma – Open Mobile Alliance ( OMA ), una delle più grandi alleanze di aziende che operano nel settore delle telecomunicazioni e dell’informatica, ha pubblicato una specifica standard per l’aggiornamento automatico dei telefoni cellulari attraverso la rete mobile.

Denominata Firmware Update Management Object (FUMO), la specifica consentirà agli operatori mobili che l’adotteranno di inviare all’utente, in modo trasparente, update per il proprio telefonino: si potrà trattare di semplici correzioni al firmware del dispositivo o, nel caso più estremo, della completa sovrascrittura del sistema operativo.

Per funzionare, la tecnologia partorita da OMA dovrà essere supportata anche dai singoli terminali mobili: l’utente di uno di questi apparecchi dovrà espressamente autorizzare l’uso del servizio da parte del proprio operatore. Servizio che, secondo quanto previsto dagli analisti, potrebbe essere fornito in certi casi dietro un abbonamento: in cambio, gli operatori offriranno all’utente le ultime patch di sicurezza e funzionalità aggiuntive.

La prova sul campo di FUMO inizierà a settembre, mentre i primi cellulari compatibili dovrebbero arrivare sul mercato all’inizio del prossimo anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Plextor ,ma che combini?
    Secondo plextor il drive si autoalimenta ma spulciando nelle caratteristiche tecniche, è dichiarato un consumo massimo di 4,8 Watt che avviene in scrittura , e l'interfaccia è USB 2.0 . Considerato che l'usb USB 2.0 può fornire 5V * 500mA = 2,5W , qui c'è qualcosa che non torna.. poi nel sito Plextor c'e'e si "no need for an external power supply" ma in basso tra i product codes viene invece indicato presente nella retail l' "Adapter + Power Cable"...ancora qualcosa che non quadra... .Molto probabilmente il lettore si autoalimenterà solo per la lettura ma per la masterizzazione necessiterà di alimentatore ed una spina di corrente...molto comodo per un masterizzatore destinato al segmento "ultraportatili". Ma io dico, plextor , visto che è ovviamente un prodotto destinato ai portatili, visto che tutti i portatili hanno da molto tempo almeno una presa firewire , visto che tecnicamente il firewire supplisce almeno 5-8w , ma allora perchè non l'avete fatto firewire?
    • carobeppe scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      non fa una piega!
      • Sparrow scrive:
        Re: Plextor ,ma che combini?
        Aggiungerei anche che:- su quasi tutti i laptop nuovi c'è già un masterizzzatore DVD- su quasi tutti i portatili avrà grossi problemi con l'alimentazione delle porte USB e il sistema le disattiverà al volo ... LOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      - Scritto da: CUT
      Ma io dico, plextor , visto che è ovviamente un
      prodotto destinato ai portatili, visto che tutti
      i portatili hanno da molto tempo almeno una presa
      firewire , visto che tecnicamente il firewire
      supplisce almeno 5-8w , ma allora perchè non
      l'avete fatto
      firewire?Perchè una qualche mente del progetto ha deciso che è meglio uno standard di massa usb che firewire che usano in 4 gattipoi evidentemente i costi di produzione usb sono ridotti rispetto a quelli di un firewire
      • Anonimo scrive:
        Re: Plextor ,ma che combini?
        - Scritto da:

        - Scritto da:
        CUT

        Ma io dico, plextor , visto che è ovviamente un

        prodotto destinato ai portatili, visto che tutti

        i portatili hanno da molto tempo almeno una
        presa

        firewire , visto che tecnicamente il firewire

        supplisce almeno 5-8w , ma allora perchè non

        l'avete fatto

        firewire?

        Perchè una qualche mente del progetto ha deciso
        che è meglio uno standard di massa usb che
        firewire che usano in 4
        gatti

        poi evidentemente i costi di produzione usb sono
        ridotti rispetto a quelli di un
        firewireOK,trovami un portatile,anche vecchio di 3-4 anni che non abbia una presa firewire... che poi non si sia molto imposto nei desktop è un altra cosa, visto che un prodotto del genere non lo compri mica per usarlo con un fulltower.Poi ovvio che i loro manager possono fare quello che vogliono, ma risparmiare 10 euro sul prodotto finale per non usare il firewire su un prodotto che costa già un bel pò e renderlo meno utile non mi piace.
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      forse usa due prese usb, una x dati+ alimentazione, l'altra solo x l'alimentazione, come succede in alcuni casi con gli hdd portatili da 2,5"maybefrik---
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      cmq nei portatili di solito la firewire è a 4 pin senza alimentazione
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      Consuma 4.8W nella scrittura di DVD-R a 8X. Con una semplice logica di controllo si può disabilitare l'8X se non è connesso anche il cavo di alimentazione.Non credo che in Plextor siano così idioti da non avere considerato questa eventualità...Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor ,ma che combini?
      Ovviamente usa 2 porte usb.E comunque non è nulla di nuovo, già da 1 anno ci sono in giro i box slim esterni usb 2.0 per masterizzatori slim da notebook. Si trovano su ebay, io ce l' ho, ci ho messo dentro un masterizzatore slim 8x e scrive regolarmente a 8x, usando 2 porte usb del portatile e senza alimentazione esterna.
  • Anonimo scrive:
    Ma a chi servirà?
    Si trovano masterizzatori dvd praticamente ovunque... mancano solo nei cellulari... a che serve? Forse permette di scaldare anche il toast...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma a chi servirà?
      - Scritto da:
      Si trovano masterizzatori dvd praticamente
      ovunque... mancano solo nei cellulari... a che
      serve? Forse permette di scaldare anche il
      toast...Palmari USB host (rotfl)(rotfl)Manca solamente un software di masterizzazione per palmare e siamo apposto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma a chi servirà?
      Agli "ultraportatili" (schermo 10" circa, peso 1-1.5kgr )
  • Anonimo scrive:
    Audio: EAC + PLEXTOR = perfezione.
    ricordo a tutti che EAC (vedi recensione su PI-Download) in combinazione con masterizzatori (CD) Plextor significa estrazione audio praticamente PERFETTAper non parlare dei plextools che sono all'altezza di EAC.e ho detto tutto.
  • Anonimo scrive:
    Il problema sarà il costo assurdo
    I Plextor sono ottimi prodotti ma i prezzi appena escono sono osceni. E non giustificati se vi sono alternative. Al giorno d'oggi infatti non ha senso spendere 100 euro su un masterizzatore interno Plextor quando si può prendere un Pioneer a 35 euro che ha le stesse funzionalità. I Pioneer si rompono prima di solito ma costano quasi 1/3, quindi volendo uno ne compra tre invece di un Plextor.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema sarà il costo assurdo
      - Scritto da:
      I Plextor sono ottimi prodotti ma i prezzi appena
      escono sono osceni. E non giustificati se vi sono
      alternative. Al giorno d'oggi infatti non ha
      senso spendere 100 euro su un masterizzatore
      interno Plextor quando si può prendere un Pioneer
      a 35 euro che ha le stesse funzionalità. I
      Pioneer si rompono prima di solito ma costano
      quasi 1/3, quindi volendo uno ne compra tre
      invece di un
      Plextor.Se le tue proporzioni sono vere, allora conviene un Plextor!!35 * 3 = 105 + tempo speso per la riparazione + effetti della legge di Murphy applicata mentre ti serviva il lettore per leggere dati importanti e/o urgenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema sarà il costo assurdo
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        I Plextor sono ottimi prodotti ma i prezzi
        appena

        escono sono osceni. E non giustificati se vi
        sono

        alternative. Al giorno d'oggi infatti non ha

        senso spendere 100 euro su un masterizzatore

        interno Plextor quando si può prendere un
        Pioneer

        a 35 euro che ha le stesse funzionalità. I

        Pioneer si rompono prima di solito ma costano

        quasi 1/3, quindi volendo uno ne compra tre

        invece di un

        Plextor.

        Se le tue proporzioni sono vere, allora conviene
        un
        Plextor!!
        35 * 3 = 105 + tempo speso per la riparazione +
        effetti della legge di Murphy applicata mentre ti
        serviva il lettore per leggere dati importanti
        e/o
        urgenti.?? I Pioneer si trovano come il pane. A meno che non ti si rompe di domenica puoi uscire e comprarne un altro e ne devi comprare 3 in tutto per spendere quanto per un singolo Plextor. Riparazione? E chi te li ripara al giorno d'oggi ? Solo se la Pioneer te lo riprende in garanzia te lo riparano, ma se è una OEM è difficile. Fuori garanzia costa più la riparazione di comprarne un altri 2.
Chiudi i commenti