Il confronto all'americana è virtuale

Un team di ricerca della Stanford University ha sviluppato una sistema hardware/software capace di agevolare i testimoni di crimini nel riconoscimento dei potenziali responsabili
Un team di ricerca della Stanford University ha sviluppato una sistema hardware/software capace di agevolare i testimoni di crimini nel riconoscimento dei potenziali responsabili

New York – La Stanford University sta portando avanti un nuovo progetto sperimentale che permetterà tramite la “realtà virtuale” di agevolare i testimoni di atti criminosi nel riconoscimento di furfanti .

Come ripete spesso la letteratura di genere, il cosiddetto “testimone oculare” non sempre è attendibile. Non tanto per malafede, ma semplicemente perché la nostra memoria spesso non è in grado in pochi secondi di “archiviare” compiutamente i tratti di un individuo. “Ci sono molti innocenti in galera per colpa del confronto all’americana. Bisogna infatti riconoscere una persona che magari si è vista per non più di 10 secondi”, ha dichiarato il professor Jeremy Bailenson, direttore del Virtual Human Interaction Lab di Stanford.

L’idea del team di Bailenson, quindi, è stata quella di realizzare una piattaforma software capace di sfruttare le potenzialità di due comuni PC e un elmetto per la realtà virtuale. Una volta indossato il casco, viene ricreata una dimensione assolutamente virtuale. Oggetti, sfondi e soprattutto la fisionomia della persona – o persone – che potrebbe essersi macchiata del crimine a cui il testimone ha assistito.

L’idea di fondo è che la serie di dettagli visualizzati e la possibilità di muoversi in una dimensione virtuale possa stimolare la memoria del testimone . Agevolando di fatto l’operazione di riconoscimento. Inoltre il criminale virtuale può essere personalizzato con abiti, acconciature e quant’altro per emularne eventuali travestimenti.

“Nella realtà virtuale puoi ottenere informazioni illimitate. Puoi guardare la faccia di una persona da qualsiasi distanza e angolo”, ha aggiunto il docente ricercatore. “Quando fornisci così tante informazioni il riconoscimento è molto più accurato”.

National Science Foundation nel 2002 ha finanziato il progetto con 500mila dollari di investimento, ma secondo Bailenson la conclusione degli studi è ancora lontana . “Il mio intuito mi dice che siamo sulla strada giusta, ma ancora lontani dal poterlo dimostrare”, ha spiegato il ricercatore.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 05 2007
Link copiato negli appunti