Il DivX salta a cavallo dell'hardware

Entro l'anno sbarcheranno i primi player DivX e, più avanti, una serie di dispositivi hardware compatibili col formato video più amato su Internet


San Diego (USA) – Dopo essersi rifatto il trucco ed essere emerso nel bel mezzo del mondo commerciale, il formato DivX è riuscito anche ad inserirsi nella caldissima battaglia per la conquista del mercato dello streaming di contenuti attraverso Internet.

Oggi il DivX, seguitissimo e amato da moltissimi utenti Internet, sembra pronto anche ad un’altra sfida: quella dell’hardware. Grazie ad un accordo con e.Digital , produttore a livello globale di tecnologie e dispositivi per il mercato dell’elettronica di consumo, DivXNetworks avrà infatti l’opportunità di integrare il supporto al DivX in una vasta serie di dispositivi digitali.

L’accordo prevede la creazione di un certo numero di dispositivi hardware “DivX Certified” che includeranno player portatili, lettori DVD, set-top box, jukebox, videoregistratori digitali, videocamere digitali ed altro ancora. In aggiunta, le due aziende lavoreranno insieme per sviluppare ed integrare in hardware un sistema di digital rights management (DRM) per la protezione delle proprietà intellettuali dei contenuti.

Come è successo con l’MP3 nel campo della musica, il DivX può far leva sulla sua grande popolarità “per saltare” sull’hardware e dar vita ad un nuovo business. DivXNetworks spera anche di rendere il suo formato il futuro standard per la distribuzione di film attraverso Internet, un obiettivo che richiederà l’appoggio non soltanto degli utenti, ma anche dell’industria dell’hardware e di quella dei contenuti. E’ per questo motivo che DivXNetworks, al contrario di quanto è successo con il formato MP3, intende affiancare da subito al DivX una sofisticata tecnologia di DRM che renda questo formato appetibile anche alle major cinematografiche ed ai distributori di contenuti.

Il primo frutto della partnership fra e.Digital e DivXNetworks dovrebbe vedere la luce entro la fine dell’anno e, con tutta probabilità, si tratterà di un player portatile di DivX. Oltre a commercializzare prodotti con il proprio marchio, e.Digital licenzierà a terzi (OEM e ODM) molti dei progetti partoriti dall’alleanza con DivXNetworks.

“Non credo sia possibile sopravvalutare l’importanza della tecnologia video DivX e l’influenza globale che essa avrà nel media entertainment”, ha affermato Jim Collier, presidente e COO di e.Digital. “Il DivX promette di essere quello che l’MP3 è stato nel settore audio, ma in una scala molto più vasta. Le sue potenzialità di divenire lo standard per lo streaming video (…) ne fanno una delle più preziose tecnologie del decennio”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    MI HANNO ROVINATO LA FAMIGLIA...
    Signori, fate attenzione a questa gente.Hanno spaccato in due la mia famiglia e hannon quasi mandato sull'astrico mio padre. Solo standogli vicino davvero, con affetto, senza pretese e senza promesse siamo riusciti a "tirarlo fuori" dal giro.Conosco fin troppo bene queste persone, ho avuto molto a che fare con loro, ho sempre tentato di avere un dialogo con loro: si sono sempre rintanati dietro al loro "tu non puoi capire: non sai nulla... solo se vuoi davvero Conoscere (e avvicinarti a Dianetics) potrai parlare con noi"... insomma, sono delle sanguisughe. Ron Hubard non era niente più che una Vanna Marchi fantascientifica degli anni '50. E coloro che profetizzano il suo verbo non fanno altro che allargare quel cancro sociale che è la Chiesa di Scientology.
  • Anonimo scrive:
    DMCA
    Si tratta di un problema che non ci tocca direttamente.Il DMCA vale per gli stati uniti: noi abbiamo le direttive europee e le norme nazionali.Io, personalmente, sono d'accordo con la norma: credo non ci si scandalizzerebbe se, al posto di Scientology si trattasse di link ad un sito dove si fa commercio di materiale pedoporno (e infatti non ci sono link del genere).Il problema è questo: se io utilizzo un robot che raccoglie tutto quello che c'è in rete, non posso controllare più di tanto quello che fa.Ma io rispondo: nessuno ti obbliga a usare quel robot! Se poi ti fa più comodo, assumitene le responsabilità!Ad esempio, la guida telefonica dei cellulari (che probabilmente verrà pubblicata presto) non verrà certo redatta con robot che razzieranno i database di TIM ecc!Bensì con ben più complesse e costose (e controllate!) procedure, per evitare il rischio di commettere illeciti.Stesso discorso avviene per i giornali di annunci: vengono controllati uno a uno, quando sarebbe di certo più comodo pubblicarli automaticamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: DMCA
      - Scritto da: Marco
      Si tratta di un problema che non ci tocca
      direttamente.
      Il DMCA vale per gli stati uniti: noi
      abbiamo le direttive europee e le norme
      nazionali.AHAHAHAHHAHallora non sai come funziona internet eh?Non sai che una societa' americana puo' far causa a un provider italiano se quello supporta la pirateria eh?
      • Anonimo scrive:
        Re: DMCA
        - Scritto da: Anvedi

        - Scritto da: Marco

        Si tratta di un problema che non ci tocca

        direttamente.

        Il DMCA vale per gli stati uniti: noi

        abbiamo le direttive europee e le norme

        nazionali.

        AHAHAHAHHAH
        allora non sai come funziona internet eh?Ehm, non vorrei sembrare impertinente, ma qualcosa della legge di internet la capisco...Anche se certamente ne sai di più tu.
        Non sai che una societa' americana puo' far
        causa a un provider italiano se quello
        supporta la pirateria eh?Certo. Ma forse sei tu che non sai che la società americana può agire nei confronti della società CHE OPERA IN ITALIA (non necessariamente italiana) soltanto in base a leggi italiane, quale non è il DMCA.A tale scopo, in Italia c'è stato nel 2000 l'"aggiornamento" della legge 633/41 (che tu ovviamente conoscerai), con inasprimento delle sanzioni e ampliamento delle condotte criminose perseguite: questa è l'unica legge applicabile in Italia, da un giudice italiano.Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: DMCA

      Stesso discorso avviene per i giornali di
      annunci: vengono controllati uno a uno,Ahahahah ... spero che il messaggio sia solo una provocazione perchè se stai parlando sul serio vuol dire che hai dei problemi.Grossi.
      • Anonimo scrive:
        Re: DMCA
        - Scritto da: eymerich


        Stesso discorso avviene per i giornali di

        annunci: vengono controllati uno a uno,

        Ahahahah ... spero che il messaggio sia solo
        una provocazione perchè se stai parlando sul
        serio vuol dire che hai dei problemi.

        Grossi.Non ti preoccupare. Tanto voglio vedere come fara' con freenet e gnutella (per esempio)... Secondo me sono le leggi che si dovranno adeguare...
    • Anonimo scrive:
      Re: DMCA
      - Scritto da: Marco
      Il DMCA vale per gli stati uniti: noi
      abbiamo le direttive europee e le norme
      nazionali.Tu non sai che, dopo l'11 Settembre, gli americani possono piombare in casa tua, prelevarti, portati in USA (Magari a Cuba, assieme ai presunti terroristi/Talebani) e farti un processare da un tribunale militare ? Come dici ? Le norme internazionali ? E cosa vuoi che gliene freghi alla nazione piu' potente del mondo :-] ?Magari non si arrivera' a questo punto, ma se hai seguito la storia del programmatore russo attirato negli USA e arrestato dall'FBI a causa del DMCA, credo che ci penserai due volte prima di violare la legge degli altri a cuor leggero ...
      • Anonimo scrive:
        Re: DMCA
        - Scritto da: Giambo


        - Scritto da: Marco

        Il DMCA vale per gli stati uniti: noi

        abbiamo le direttive europee e le norme

        nazionali.

        Tu non sai che, dopo l'11 Settembre, gli
        americani possono piombare in casa tua,
        prelevarti, portati in USA (Magari a Cuba,
        assieme ai presunti terroristi/Talebani) e
        farti un processare da un tribunale militare
        ? Come dici ? Le norme internazionali ? E
        cosa vuoi che gliene freghi alla nazione
        piu' potente del mondo :-] ?

        Magari non si arrivera' a questo punto, ma
        se hai seguito la storia del programmatore
        russo attirato negli USA e arrestato
        dall'FBI a causa del DMCA, credo che ci
        penserai due volte prima di violare la legge
        degli altri a cuor leggero ...Mi arrendo, stiamo ragionando su livelli troppo alti per me.Devo andare a documentarmi, guarderò Studio Aperto e leggerò su Stop.Lì sì che ci son le verità, non sui codici e nei tribunali.E poi piove, governo ladro...Marco
      • Anonimo scrive:
        Re: DMCA
        - Scritto da: Giambo


        - Scritto da: Marco

        Il DMCA vale per gli stati uniti: noi

        abbiamo le direttive europee e le norme

        nazionali.

        Tu non sai che, dopo l'11 Settembre, gli
        americani possono piombare in casa tua,
        prelevarti, portati in USANo, questo non può succedere.A meno che gli USA non dichiarino guerra anche all'Italia, nel qual caso allora sarebbe probabile (anche se non certo per questioni di diritto d'autore o di marchi). (Magari a Cuba,
        assieme ai presunti terroristi/Talebani) e
        farti un processare da un tribunale militare
        ? Come dici ? Le norme internazionali ? E
        cosa vuoi che gliene freghi alla nazione
        piu' potente del mondo :-] ?Beh, se si parla di rapimenti, 007, ecc, il discorso è diverso e non c'entra niente la legge, nè, tantomeno, il Dmca.
        Magari non si arrivera' a questo punto, ma
        se hai seguito la storia del programmatore
        russo attirato negli USA e arrestato
        dall'FBI a causa del DMCA, credo che ci
        penserai due volte prima di violare la legge
        degli altri a cuor leggero ...Diciamo che qualcosa l'ho letto...Preciso che il soggetto di cui parli aveva realizzato un virus che, in pochi giorni, ha rischiato di rovinare l'economia americana.Non era proprio una questione di link...Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: DMCA
          - Scritto da: marco

          Magari non si arrivera' a questo punto, ma

          se hai seguito la storia del programmatore

          russo attirato negli USA e arrestato

          dall'FBI a causa del DMCA, credo che ci

          penserai due volte prima di violare la

          legge degli altri a cuor leggero ...

          Diciamo che qualcosa l'ho letto...
          Preciso che il soggetto di cui parli aveva
          realizzato un virus che, in pochi giorni, ha
          rischiato di rovinare l'economia americana.A me pareva che avesse documentato una debolezza nel software dell'Adobe ...
          Non era proprio una questione di link...
          Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: DMCA

          Preciso che il soggetto di cui parli aveva
          realizzato un virus che, in pochi giorni, ha
          rischiato di rovinare l'economia americana.
          Non era proprio una questione di link...veramente aveva trovato un bug nell'algoritmo rsa se non sbaglio
          • Anonimo scrive:
            Re: DMCA
            Non credo...Nn ricordo se RSA ci entrasse qualcosa, ma di certo non aveva trovato un bug nell'algoritmo Rsa (scusa la ripetizione). Al limite aveva trovato un bug in quella PARTICOLARE IMPLEMENTAZIONE dell'algoritmo.
          • Anonimo scrive:
            Re: DMCA
            - Scritto da: klllllllll
            Non credo...
            Nn ricordo se RSA ci entrasse qualcosa, ma
            di certo non aveva trovato un bug
            nell'algoritmo Rsa (scusa la ripetizione).
            Al limite aveva trovato un bug in quella
            PARTICOLARE IMPLEMENTAZIONE dell'algoritmo.Da quel che mi ricordo CHIUNQUE puo` essere arrestato per aver violato il DMCA appena mette piede negli Stati Uniti anche se nel suo paese di origine cio` che ha fatto non costituisce reato.Ad esempio, in Italia non e` reato pubblicare le vulnerabilita` del software, ma se lo faccio anche negli USA (pur restando in Italia) appena arrivo la mi possono trapanare il posteriore.A seguire due "divertenti" episodi legati al DMCA ...Il primo riguarda le dimissioni di Alan Cox (Kernel Hacker di Linux) dal comitato ALS di Usenix in seguito all'arresto di Dimitry Sklyarov.http://www.prosa.it/philosophy/opinioni/cox-dmca.it.shtmlIl secondo riguarda il Changelog di una prepatch AC del kernel 2.2, lasciato vuoto in quanto per la DMCA e` vietato rilasciare pubbliche vulnerabilita` del software.http://www.linuxsecurity.com/articles/forums_article-3897.htmlBella roba...Ciau!
          • Anonimo scrive:
            Re: DMCA

            veramente aveva trovato un bug
            nell'algoritmo rsa se non sbaglioNo, un bug nel sistema di codifica degli E-Book.Comunque, chettifrega, basta che non metti in programma un viaggio negli USA e sei a posto :-)
  • Anonimo scrive:
    Oscuriamoli, piuttosto...
    Se fossi nei gestori di google, allo stesso modo, rimuoverei OGNI link verso scientology, oscurandoli di fatto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Oscuriamoli, piuttosto...
      - Scritto da: Ce
      Se fossi nei gestori di google, allo stesso
      modo, rimuoverei OGNI link verso
      scientology, oscurandoli di fatto. Cosi' poi gli fanno causa per censura
      • Anonimo scrive:
        Re: Oscuriamoli, piuttosto...

        Cosi' poi gli fanno causa per censurail censuratore censurato...;-)sembra il titolo di un film;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Oscuriamoli, piuttosto...
          - Scritto da: blah

          Cosi' poi gli fanno causa per censura
          il censuratore censurato...
          ;-)
          sembra il titolo di un film
          ;-)*grin*Beh, comunque credo di essere libero di pubblicare quello che mi pare sul mio dominio, o no? Se mi chiedono di pubblicare trattati filo-nazisti mi posso rifiutare, giusto? :)Google non e` un ente pubblico, e` una azienda privata...
          • Anonimo scrive:
            Re: Oscuriamoli, piuttosto...
            NO!google è un MOTORE DI RICERCANON decide cosa linkare.NON ci dovrebbero essere decisioni dettate da alcuna politicy dietro. ne' economiche, nè giuridiche, di sicurezza o di privaticy.sta' a chi mette su' il sito il compito di proteggere informazioni che non voglia rivelare a tutti.google e' grande per questo!se non la si pensa cosi' non ci si lamenti del fatto che i primi siti ad apparire sono quelli che paghano di piu', che i risultati non corrispondono mai a quello cercato e cosi' via.GOOGLE è UNO STRUMENTO DI RICERCA, non un'azienda.pur con odio incondizionato verso scientology...pace.k
  • Anonimo scrive:
    Linkiamoli ...
    Chiunque ha un sito dovrebbe linkare questi articoli ...Se c'è qualcuno che ha contattato un avvocato per avere una versione tradotta del testo di google è il benvenuto.
  • Anonimo scrive:
    Io ho avuto a che fare con scientology.
    Io nel 83 ho avuto a che fare con la chiesa di scientology.Firmano la loro "chiesa di scientology" come "marchio di fabbrica".Questo dovrebbe far capire tutto:Sono gente a caccia di soldi, in cambio ti offrono solamente l'appartenenza ad un gruppo.Statene alla larga.Hanno metodi per demolire sistematicamente la personalita'.E se un vostro amico o parente comincia a parlarne, rizzate subito le orecchie.Ripeto: statene alla larga.Dopo quasi vent'anni mi perseguitano ancora.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io ho avuto a che fare con scientology.
      Ti capisco.Anche io ho avuto a che fare con loro, per fortuna in maniera più blanda....ma è incredibile con quali metodi "efficaci" riescano a mandare in confusione e in "corto-circuito" la mente di una persona.Regole contraddittorie, etica sballata, inquadramente all'interno di un "gioco"... è per menti insicure, vuote, che non sanno darsi risposte e vengono accalappiate da questi personaggi senza scrupoli... e purtroppo qualcuno ci crede davvero.Che gabbia....
      • Anonimo scrive:
        Re: Io ho avuto a che fare con scientolo
        Averne a che fare una volta o dieci non vuol dire nulla, so che genere di persone ci sono ma nessuno è obbligato a fare nulla.Usufruisco da anni dei servizi di Scn (e mio padre pure) e nonostante ogni volta si litighi per molte cose con lo staff, la filosofia alla base è una rivoluzione, si risolvono GROSSI problemi.Insomma basta stare alla larga dall'organizzazione e prendere solo ciò che è utile per il proprio miglioramento personale. Lasciate stare l'apparato e guardate ai risultati, come dovrebbe fare ogni persona dotata di senso critico.Distinguere Scn dalla CoS!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    he he ... uno degli articoli più linkati ... :-)
    questo è uno degli articoli più linkosi che avete fatto ... he he ... non è una mossa casuale vero?:-)) grandi!!!
Chiudi i commenti