Il fotofonino scatta a 7 megapixel

La convergenza tra cellulari e cam digitali arriva al suo culmine con un telefonino dotato di tutte le tipiche funzionalità di una fotocamera consumer hi-end

Seoul (Corea del Sud) – Fotocamera con funzionalità di telefonino o telefonino con funzionalità di fotocamera? È un dilemma di non facile soluzione quello che ci si pone davanti al nuovo modello di fotofonino di Samsung, definito dal produttore il primo con sensore da 7 megapixel.

Nell’aspetto il nuovo SCH-V770 somiglia senza dubbio più ad una fotocamera digitale compatta piuttosto che ad un cellulare, e le affinità con una macchina fotografica non si fermano all’estetica: oltre alla già citata risoluzione di 7 megapixel, il gadget hi-tech di Samsung vanta funzionalità tipiche delle fotocamere consumer di fascia alta e di quelle semiprofessionali. Tra queste la regolazione manuale della messa a fuoco e della lunghezza focale, l’apertura del diaframma, la priorità di tempi e apertura, e una modalità di scatto completamente manuale. A tutto ciò va aggiunto uno zoom ottico 3x, un flash e la possibilità di montare sull’obiettivo ottiche addizionali, come un grandangolo o un teleobiettivo.

Samsung SCH-V770 Se quindi al primo impatto si potrebbe tranquillamente scambiare l’SCH-V770 per una normale macchina fotografica digitale, basta guardare sul retro del dispositivo per scoprirne – in tutti i sensi – l'”altra faccia”: un videofonino costituito da un display da 2 pollici con risoluzione d 320 x 240 pixel (QVGA) e una tastiera da cui è possibile controllare sia le funzioni delle fotocamera che quelle del telefono. Il software del cellulare include un player MP3 e un programma per gestire foto e video.

Al momento l’SCH-V770 supporta unicamente le reti con tecnologia CDMA, uno standard alternativo a quello GSM che viene utilizzato in buona parte delle Americhe e dell’Asia.

Samsung presenterà ufficialmente l’SCH-V770 durante il CeBIT di Hanover, una fiera che apre i battenti proprio oggi e si protrarrà fino al 16 marzo. Al momento non si conosce né il prezzo né la data prevista per il lancio ufficiale del fotofonino sui mercati internazionali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Prova su strada?
    Qualcuno lo ha provato? Sono curioso, ho sempre dubitato di un emulatore che ti porta "molto vicino" alle prestazioni mac partendo da un pc
    • Anonimo scrive:
      Re: Prova su strada?
      - Scritto da: Anonimo
      Qualcuno lo ha provato? Sono curioso, ho sempre
      dubitato di un emulatore che ti porta "molto
      vicino" alle prestazioni mac partendo da un pcsemplicemente è impossibile altivec è a 128 bit è permette in ambito scientifico di arrivare a 7 volte la velocità dei migliori xeondiciamo che con un overclock pentium 4 ghz arriva con certe applicazioni a sembrare un g3 233 con quelle che davvero usano altivec si scende a 603 200 mhz ( fà rimpiangere i 604e ; ) )Altro che g4 anche se l'emulatore prova a farlo è più vicino alle macchine 604e con osx craccato (non funziona con qst macchine) Per quanto molti troll in qst forum parlano di esperienze e altre cavolate la realta e che dal punto di vista dei dati vettoriali un g4 è anni luce dai pentium ecco perchè in alcuni campi è ancora attuale.... (video audio immaging)dal punto di vista degli interi un g4 fà vedere tutti i suoi anni.... peccato che ormai tutto su mac è ottimizzato per altivec.ad ogni modo non credo che un sw che a parita di codec su mac va del 200% più veloce lo farà anche su x86 altrimenti non si spiegherebbe perchè non lo fà gia attualmente.(after effects)
  • pippo75 scrive:
    http://www.mxsinc.com/ e firefox 1.0.1
    non riesco ad aprire la pegine di quel sito con firefox, e' un problema mio, del sito, oppure di firefox?grazie e ciao.p.s. ho tolto l'unico plug-in, l'ho già disinstallato e reinstallato (versiona italiana).
    • DKDIB scrive:
      Re: http://www.mxsinc.com/ e firefox 1.0.1
      Pippo wrote:
      non riesco ad aprire la pegine di quel sito con firefox, e' un
      problema mio, del sito, oppure di firefox?Con Opera 8.0 beta 2 (fra l'altro identificato come Opera) sembra funzionare tutto.
    • Giambo scrive:
      Re: http://www.mxsinc.com/ e firefox 1.0
      - Scritto da: pippo75
      non riesco ad aprire la pegine di quel sito con
      firefox, e' un problema mio, del sito, oppure di
      firefox?Boh, io la vedo perfettamente, Firefox 1.0.1
  • Anonimo scrive:
    il business è copiare dall'Open Source.
    CherryOS, un emulatore copiato da PearPC per far girare OSX, un osx copiato da linux e bsd.Che cè che non va ?ci mancava solo qualche brevetto di mezzo e la torta era pronta.
    • mutek scrive:
      Re: il business è copiare dall'Open Sour
      OSX non e' copiato da Linux nel modo piu assoluto.OSX = NextOS con microkernel Mach e strato BSD sopra per tirare fuori uno UNIX e poi UI Apple basato sulle librerie NextOS.Poi Linux e' solo un Kernel e quindi a maggior ragione OSX non puo aver copiato Linux in quanto il suo Kernel ha una architettura completamente opposta e OSX e' un sistema operativo completo e non un solo Kernel.Se vuoi confrontare puo farlo tra OSX vs (Mandrake || RedHat || Ubuntu || Vector || Linspire || ...), allora hai dei termini di paragone.Ma questi ultimi hanno seguito ognuno una propria via e tutti derivano un po anche da UNIX BSD e UNIX System V. Sono rami di sviluppo e non copie!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: il business è copiare dall'Open Sour
      Apple ha preso spunto da FreeBSD per quanto riguarda il kernel di OSX, creando il kernel Darwin, ma c'è da dire cheha mantenuto libero il codice. Per x86 vedere www.opendarwin.org.Ma OSX non è certo solo il kernel....
    • DKDIB scrive:
      Re: il business è copiare dall'Open Source.
      Anonimo wrote:
      [...] un osx copiato da linux e bsd.Apple ha usato l'open source in modo perfettamente lecito.
    • Giambo scrive:
      Re: il business è copiare dall'Open Sour
      - Scritto da: Anonimo
      CherryOS, un emulatore copiato da PearPC per far
      girare OSX, un osx copiato da linux e bsd.Tu hai un grosso problema se non riesci a vedere la differenza tra copiare[1], copiare[2] e copiare[3][1] Copiare nel senso di masterizzare[2] Copiare nel senso di riprodure le funzionalita' in un altro prodotto[3] Copiare nel senso di rubare il codice, modificare un paio di cosette e spacciarlo come proprio.Indovina: Quale delle 3 e' legale ? Quali sono illegali ? E l'articolo di quale parla ?Ciao trollone confuso :) !
      • Anonimo scrive:
        Re: il business è copiare dall'Open Sour
        - Scritto da: Giambo
        [3] Copiare nel senso di rubare il codice,
        modificare un paio di cosette e spacciarlo come
        proprio.Sono un'altro, ma che problema c'è? sono tutte sottigliezze.Come se fossero degli agnellini quelli che dicono a tutti gli altri di usare open source, di debuggare il software open source degli altri, perché fa tendenza e fà "professional", e che poi fanno il giro delle aziende a DRAGARE i DOBLONI con il lavoro degli altri, magari anche vendendo dei prezzolatissimi consulenti fatturati centinaia di euro al giorno e pagati il becco di un quattrino a 90 gg, ma sai, c'è molta crisi, se devono prendere un programmatore serio mica prendono quello, costa sai cambiare il macchinone!Questa è la verità dell'open source, fosse un utopia sarebbe bello, ma non è un'utopia perché è un'accozaglia di idee contraddittorie ( idem per il software libero, non cambia poi molto ).La verità fa male.
        Indovina: Quale delle 3 e' legale ? Quali sono
        illegali ? E l'articolo di quale parla ?Quando vi fa comodo andate a dire che l'open source non costa nulla.Quando non vi fa più comodo, andate a sbandierare che, cavolo! l'open source si paga! e ancora più del closed source! si paga pro-fu-ma-ta-men-te.Io ormai ho una lista di link in continua crescita dove affermate prima una cosa ( p.es. "l'open source avrà successo nella PA perchè non hanno più soldi da spendere" ), e poi l'incontrario ( p.es. "l'open source non è gratis, se non sei d'accordo non vale la pena cominciare a discutere" ), ma non li posto per decenza e brevità.Tu mi vieni a parlare di legalità? Ma se non sai neanche cos'è l'ordinamento giuridico, vai, vai in edicola che è meglio.
        • LaNberto scrive:
          Re: il business è copiare dall'Open Sour
          poche idee, ma ben confuse...
        • Giambo scrive:
          Re: il business è copiare dall'Open Sour
          - Scritto da: Anonimo
          Come se fossero degli agnellini quelli che dicono
          a tutti gli altri di usare open source, di
          debuggare il software open source degli altri,
          perché fa tendenza e fà "professional",Nessuno e' obbligato a collaborare ad un progetto Open Source, ma chi lo fa' sa' benissimo a cosa va' incontro.
          e che poi
          fanno il giro delle aziende a DRAGARE i DOBLONI
          con il lavoro degli altri, magari anche vendendo
          dei prezzolatissimi consulenti fatturati
          centinaia di euro al giorno e pagati il becco di
          un quattrino a 90 gg, ma sai, c'è molta crisi, se
          devono prendere un programmatore serio mica
          prendono quello, costa sai cambiare il
          macchinone!C'e' qualcuno nel publico che ha capito questa frase e me la possa tradurre in italiano ?
          Questa è la verità dell'open source, fosse un
          utopia sarebbe bello, ma non è un'utopia perché è
          un'accozaglia di idee contraddittorie ( idem per
          il software libero, non cambia poi molto ).La tua analisi brillante mi ha lasciato di stucco.Peccato che solo tu ne sei convinto :D

          Indovina: Quale delle 3 e' legale ? Quali sono

          illegali ? E l'articolo di quale parla ?

          Quando vi fa comodo andate a dire che l'open
          source non costa nulla.Ma l'hai letta la mia domanda o il tuo Generatore Random di Fregnaccie(tm) ha preso il controllo totale delle tua persona ?
          Quando non vi fa più comodo, andate a sbandierare
          che, cavolo! l'open source si paga! e ancora più
          del closed source! si paga pro-fu-ma-ta-men-te.Ok, dimentica la domanda sopra, ho la risposta :)
          Io ormai ho una lista di link in continua
          crescita dove affermate prima una cosa ( p.es.
          "l'open source avrà successo nella PA perchè non
          hanno più soldi da spendere" ), e poi
          l'incontrario ( p.es. "l'open source non è
          gratis, se non sei d'accordo non vale la pena
          cominciare a discutere" ), ma non li posto per
          decenza e brevità.Ma no, dai, posta queste affermazioni, queste verita' piovute dal celo, questi dogmi assoluti, sono curioso.
          Tu mi vieni a parlare di legalità? Ma se non sai
          neanche cos'è l'ordinamento giuridico, vai, vai
          in edicola che è meglio.ECCO !! Si, tu sei Palmiro Cangini !! Butti giu' frasi a casaccio, slegate dal discorso, confusione, confusione, confusione !Ciao Trollone confuso :D !
          • Anonimo scrive:
            Re: il business è copiare dall'Open Sour
            - Scritto da: Giambo
            Nessuno e' obbligato a collaborare ad un progetto
            Open Source, ma chi lo fa' sa' benissimo a cosa
            va' incontro.Hai letto, hai capito quello a cui stai rispondendo? Vi preoccupate tanto di questa presunta scopiazzatura, però non vi preoccupate di chi si muove nell'open source con interessi economici.E' lingua italiana, mi sembra chiaro, vi sto mettendo di fronte ai fatti, di fronte alla vostra ipocrisia, che vi scandalizzate se c'è il sentore che qualcuno non open abbia speculato sul del software open source.Ma non vi scandalizzate di quelli interessati all'open source che predicano di razzolare come l'open source vuole, cioè usare SOLO sofware open source e fare debugging di applicazioni open source.E' lingua italiana mi sembra chiaro, riesci a capire?Non pensate di mettere in ridicolo chi la pensa diversamente da voi facendo FINTA di non capire cosa uno vi dice.
            C'e' qualcuno nel publico che ha capito questa
            frase e me la possa tradurre in italiano ?Proseguendo il discorso di cui sopra, chi scrive vuole criticare la vostra abissale ipocrisia nel criticare uno sviluppatore non-open in odore di plagio, e nell'ignorare gli individui con interessi economici e politici che incoraggiano l'open source perché poi lo sfruttano.E' lingua italiana, mi sembra chiaro, lo so che pensare costa fatica, ma occorre un piccolo sforzo.Te lo traduco riga per riga dato che non sei capace di capire.Il succo è che non criticate quelli che dicono di comportarsi come l'open source comanda, che però...

            e che poi

            fanno il giro delle aziende a DRAGARE i DOBLONI...hanno il secondo fine del vile denaro, perché dopo essersi raccomandati che la gioventù segua la retta via dell'open source ( e software libero ), vanno nelle aziende a chiedere denaro in cambio del software che i programmatori volontari dell'open source hanno prodotto.Mi sembra molto chiaro, te lo sto spiegando in lingua italiana.DRAGARE è un verbo molto usato da un grande sostenitore del software libero che qui definisce Bill Gates come DRAGASACCOCCE DI REDMOND, dovreste saperlo no? che sorcini siete? quindi DRAGARE è sinonimo di incassare.DOBLONI è sinonimo di denaro, utilizzatissimo negli articoli, dovreste sapere anche questo, come, non siete aggiornati?

            con il lavoro degli altri, magari anche vendendo

            dei prezzolatissimi consulenti fatturatiIn sintesi, i sostenitori dell'open source evangelizzano i programmatori e i sistemisti con il secondo fine di battere cassa.Si capisce così?

            centinaia di euro al giorno e pagati il becco di

            un quattrino a 90 gg, ma sai, c'è molta crisi,
            seCome se non bastasse, questi loschi personaggi, usano anche affittare i lavoratori.L'affitto dei lavoratori, anche chiamato "Body Rental" è un modo con cui le aziende "assumono" dei consulenti informatici.Le grandi aziende sono clienti di intermediari che si incaricano di procacciare consulenti, ma questi non vengono assunti dalle aziende ma da questi intermediari ( con varie forme di precariato e "flessibilità all'italiana" ).Questi intermediari hanno il compito di fustigare i consulenti, di occuparsi dei vari assolvimenti ( stipendio, tasse, etc ) e di cacciarli quando il cliente non li vuole più per qualsiasi motivo, come fossero un calzino usato.Le grandi aziende ricorrono a questo per evitare di assumere e dover star dietro alla gente, usano dei "finti dipendenti", cioè prendono uno che non viene pagato niente ma fa finta di essere un dipendente in quanto subordinato e con vincolo di orari.Il guadagno è dell'intermediario che prende centinaia di euro al giorno per testa, ma il consulente vede solo poche briciole di tutti quei flussi di denaro.Il guadagno è dell'intermediario perché si impegna di far correre il consulente quando serve e di eliminarlo quando non lo vogliono più per qualsiasi motivo.Quello che vuole dire chi scrive, è che alcuni loschi personaggi, oltre a predicare bene (predicano "usate SOLO open source e sw libero perchè vi salverà dal lock-in, salverà il mondo etc etc etc...") e razzolare male ( vendono il software scritto da altri ), come se non bastasse, affittano pure dei consulenti che fanno a fare dei finti dipendenti in un'azienda.Io ci vedo un'ipocrisia enorme in chi predica la libertà del mondo, e non solo ci specula sull'open source, ma vende pure la carne umana a chilo ( un pò come la tratta degli schiavi ).E' italiano, hai capito?

            devono prendere un programmatore serio mica

            prendono quello, costa sai cambiare il

            macchinone!Probabilmente chi scriveva voleva dire che i consulenti sono sottovalutati e maltrattati, l'importante è farsi firmare il contratto dal cliente per cambiare macchina di lusso.Non so, ma ci vuole tanto?
            La tua analisi brillante mi ha lasciato di stucco.
            Peccato che solo tu ne sei convinto :DGuarda, io mi sto facendo un'idea sulla gente che frequenta questi forum, perché le cose sono chiare e scritte in italiano, basta leggere e sforzarsi di capire.
            Ma l'hai letta la mia domanda o il tuo Generatore
            Random di Fregnaccie(tm) ha preso il controllo
            totale delle tua persona ?Bell'argomentazione, complimenti, molto professionale.
            Ok, dimentica la domanda sopra, ho la risposta :)No no mi sembra molto chiaro, come ho già letto, quelli dell'open source sono dei volta gabbana: per fare pubblicità vanno a dire in giro che le soluzioni open source sono gratuite, però quando bisogna batter cassa insistono su un fatto che danno come assodato e scontato, che l'open source non significa gratuità ( ma dicevano il contrario fino a un momento prima ).E' così difficile?Per chi non se ne accorge, forse è difficile da capire, ma è la realtà che è complicata, non si può fare nulla, o si capisce, o non si capisce, penso sia più importante capire piuttosto che rinunciare perché la realtà è più complessa di quanto si vorrebbe.
            Ma no, dai, posta queste affermazioni, queste
            verita' piovute dal celo, questi dogmi assoluti,
            sono curioso.A me risulta che i dogmi assoluti ci siano nel software libero, nulla si può mettere in discussione, voi, addirittura, pretendete che esista già un modello di business, non solo, pensate che addirittura il software libero stesso sia il modello di business! Questo è un dogma assoluto!
            ECCO !! Si, tu sei Palmiro Cangini !! Butti giu'
            frasi a casaccio, slegate dal discorso,
            confusione, confusione, confusione !

            Ciao Trollone confuso :D !Tutti quelli che non sono d'accordo con voi sono troll e confusi.Invece i confusi siete proprio voi perché dite uno il contrario di quello che dice l'altro quando si parla di soldi ( vedi sopra ), e non siete capaci di leggere un messaggio che non sia "linux rulezz" "uinzozz cacca".Ma cos'è, anche tu hai il suocero che ti trova i clienti?
          • Giambo scrive:
            Re: il business è copiare dall'Open Sour
            - Scritto da: Anonimo

            Nessuno e' obbligato a collaborare ad un
            progetto

            Open Source, ma chi lo fa' sa' benissimo a cosa

            va' incontro.

            Hai letto, hai capito quello a cui stai
            rispondendo? Vi preoccupate tanto di questa
            presunta scopiazzatura, però non vi preoccupate
            di chi si muove nell'open source con interessi
            economici.Ma allora sei veramente duro di comprendonio ...Primo: Non e' una presunta scopiazzatura, e' una palese violazione della GPLSecondo: Chi si muove nell'Open Source con interessi economici lo puo' fare finche' non viola la licenza.E' chiaro ? Devo farti un disegnino ?[Farneticazioni varie a tratti ripetitive, spesso incomprensibili]OK, basta scherzare, ti giuro su mia madre che sono serio: Tu hai veramente molta confusione in testa.Tu confondi chi produce software open source con chi vende soluzioni basate su questo software.
            Invece i confusi siete proprio voi perché dite
            uno il contrario di quello che dice l'altroGuarda che mica devo rendere conto di quel che dicono gli altri. Non siamo un partito che ha un portavoce, ognuno dice la sua.Ripeto, molta, ma molta ma molta confusione.
        • DKDIB scrive:
          Re: il business è copiare dall'Open Sour
          Anonimo wrote:
          Io ormai ho una lista di link in continua crescita dove
          affermate prima una cosa ( p.es. "l'open source avrà
          successo nella PA perchè non hanno più soldi da spendere"
          ), e poi l'incontrario ( p.es. "l'open source non è gratis, se
          non sei d'accordo non vale la pena cominciare a discutere"
          ), ma non li posto per decenza e brevità.O_O''Mi metti i brividi...Raccogli link di affermazioni dette dalle persone piu' disparate per poter sostenere (quando? dove?) che "la comunita' open source" afferma una cosa od un'altra a seconda di cosa gli faccia piu' comodo? E che sono, i Borg?!Se fosse vero, guarda che e' una cosa grave... spero per te e per chi ti sta intorno che tu sia gia' in cura.
          • Anonimo scrive:
            Re: il business è copiare dall'Open Sour
            azzarola lascia perdere da come parla per me lavora in microsoft
          • Anonimo scrive:
            Re: il business è copiare dall'Open Sour
            - Scritto da: DKDIB
            piu' comodo? E che sono, i Borg?!No, ma che conseguenze si devono trarre da una presunta comunità che promette libertà e lavoro, quando non vanno d'accordo su niente? cioè quando si contraddicono? cioè, per esempio, quando PRIMA dicono che l'open source non è gratis ( ma scherzi?! ) e DOPO che si paga profumatamente?Io non vado avanti per politica o per partito preso, io ascolto e voglio capire, e prima o poi saltano fuori queste MOSTRUOSITA', che significa che quello che dite non ha senso, l'importante è accendere il PC e vedere il disegno del pinguino, ma a me questo non basta e non dà conforto.
            Se fosse vero, guarda che e' una cosa grave...
            spero per te e per chi ti sta intorno che tu sia
            gia' in cura.Parla per te.
          • Giambo scrive:
            Re: il business è copiare dall'Open Sour
            - Scritto da: Anonimo
            cioè, per esempio, quando PRIMA
            dicono che l'open source non è gratis ( ma
            scherzi?! ) e DOPO che si paga profumatamente?Entropia, confusione :) ...
  • Anonimo scrive:
    Articolo errato : il derivato non e' gpl
    Il derivato non e' gpl, in quanto non e' venduto con quella licenza, quindi la conseguenza non e' che se e' stato copiato, questa "copia" e' gpl, ma questa copia e' PIRATA.Che e' una cosa un po diversa:E' come vendere MacOs dopo avere cambiato l'interfaccia grafica, ed averlo riempito di bachi. [ ma non e' questo il momento di parlare di windoz ;O) ].
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo errato : il derivato non e' gpl
      - Scritto da: Anonimo
      Che e' una cosa un po diversa:
      E' come vendere MacOs dopo avere cambiato
      l'interfaccia grafica, ed averlo riempito di
      bachi. [ ma non e' questo il momento di parlare
      di windoz ;O) ].ma quale pazzo farebbe mai una cosa del genere per un mercato (mac) che è sceso sotto l'1% per via del pinguino?
      • LaNberto scrive:
        Re: Articolo errato : il derivato non e' gpl
        - Scritto da: Anonimo
        ma quale pazzo farebbe mai una cosa del genere
        per un mercato (mac) che è sceso sotto l'1% per
        via del pinguino?questa l'hai letta su "forse tutti non sanno che..." della Settimana enigmistica eh?o forse intendevi il Pinguino gelato da passeggio?
        • Anonimo scrive:
          Re: Articolo errato : il derivato non e'
          - Scritto da: LaNberto

          - Scritto da: Anonimo


          ma quale pazzo farebbe mai una cosa del genere

          per un mercato (mac) che è sceso sotto l'1% per

          via del pinguino?

          questa l'hai letta su "forse tutti non sanno
          che..." della Settimana enigmistica eh?

          o forse intendevi il Pinguino gelato da passeggio?Beh se l'esempio lo da' Torvalds (con Apple + Linux) non ha tutti torti: http://www.engadget.com/entry/1234000470035164/:D
  • Anonimo scrive:
    Non riesco a capire perché...
    ...'sti stupidelli si vogliano ficcare nei guai.Rilasciate 'sto c@xx0 de codice e vendete i binari !!!Ma è così difficile ?(FairUse docet... www.fairuse.com)Marco Radossevich
    • Anonimo scrive:
      Re: Non riesco a capire perché...
      - Scritto da: Anonimo
      ...'sti stupidelli si vogliano ficcare nei guai.
      Rilasciate 'sto c@xx0 de codice e vendete i
      binari !!!
      Ma è così difficile ?

      (FairUse docet... www.fairuse.com)

      Marco RadossevichNel momento in cui il codice verrà rilasciato, la domanda del bene crollerà, perché l'eseguibile con il sorgente sarà già condiviso in tutte le rete di file sharing ( gratuitamente, ovvio ).Ciò è possibile perché ogni individuo in un sistema economico cerca di soddisfare i suoi bisogni secondo il principio edonistico: raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo.Questa è solo una conseguenza della pseudo teoria del software libero.La definizione di quell'assurdità piena di contraddizioni la trovi a questa pagina:http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.htmlSveglia, questo è il piranha software.
      • DKDIB scrive:
        Re: Non riesco a capire perché...
        Anonimo wrote:
        Questa è solo una conseguenza della pseudo teoria del
        software libero.

        La definizione di quell'assurdità piena di contraddizioni la
        trovi a questa pagina:

        http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.html

        Sveglia, questo è il piranha software.Se c'e' un piranha, sono quelli che han fatto CherryOS e nessun altro.L'unica cosa loro che han messo in questo software e' stato cercare (alla buona) di mascherare il fatto che si trattasse di PearPC.Per il resto han rubato il lavoro di altri per guadagnarci sopra.
  • Anonimo scrive:
    Non credo sia un plagio
    ho usato pearpc in passato e noto subito le seguenti differenze:- supporta il G4 (pearpc solo il G3)- il distribuibile è 7MB (contro i pochi KB di pearpc)- molto ma molto più veloce- la struttura dei file è diversa, anche se usa i driver come dice l'articoloIn sostanza l'engine è completamente diverso, i driver video e rete probabilmente no, ma questo non infrange la licenza GPL di questi componenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non credo sia un plagio
      Solo se quei componenti fossero distribuiti secondo le regole della licenza adottata (da PearPc), ovvero, in genere, source e copyright.La quale licenza potrebbe anche prevedere il non-uso in prodotti closed o commerciali e obbligare a rendere aperto il codice di tutto il programma (indipendentemente da cosa sia stato copiato)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non credo sia un plagio
      A parte poche modifiche qua e la', il file CherryOS.exe contiene tutto il codice di PearPC.exe, ci sono pure gli stessi messaggi di errore, le stesse stringhe, le stesse tabelle utilizzate dall'emulatore PPC.Il file MainCherryOS.exe invece non e' altro che uno stupidissimo programma in Visual Basic che si limita quando fa finta di 'formattare' un'immagine hd. Il setup e' grosso perche' contiene una decina di file .RAR contenenti le immagini compresse di hard disk che vanno da 3 a 15GB, Questo dimostra che il tizio non sa nemmeno com'e' fatto un filesystem HFS e non e' capace di scrivere poche righe che creano un file di n GB pieno di zeri e con qualche settore contenente le strutture base del filesystem. L'emulatore ha la stessa velocita' di PearPC, emula lo stesso processore (sembra piu' fluido perche' l'intervallo di refresh e' settato in modo diverso da quello predefinito di Pearpc (parametro redraw_interval_msec, pearpc usa 40, mentre CherryOs usa 10).Altra cosa, il file di configurazione ha gli stessi parametri, viene creato dal programma in visual basic con un nome strano variabile... un altro metodo ingenuo per cercare di nascondere le proprie malefatte..
      • Anonimo scrive:
        Re: Non credo sia un plagio
        - Scritto da: Anonimo
        A parte poche modifiche qua e la', il file
        CherryOS.exe contiene tutto il codice di
        PearPC.exe, ci sono pure gli stessi messaggi di
        errore, le stesse stringhe, le stesse tabelle
        utilizzate dall'emulatore PPC.
        Il file MainCherryOS.exe invece non e' altro che
        uno stupidissimo programma in Visual Basic che si
        limita quando fa finta di 'formattare'
        un'immagine hd. Il setup e' grosso perche'
        contiene una decina di file .RAR contenenti le
        immagini compresse di hard disk che vanno da 3 a
        15GB, Questo dimostra che il tizio non sa nemmeno
        com'e' fatto un filesystem HFS e non e' capace di
        scrivere poche righe che creano un file di n GB
        pieno di zeri e con qualche settore contenente le
        strutture base del filesystem. L'emulatore ha la
        stessa velocita' di PearPC, emula lo stesso
        processore (sembra piu' fluido perche'
        l'intervallo di refresh e' settato in modo
        diverso da quello predefinito di Pearpc
        (parametro redraw_interval_msec, pearpc usa 40,
        mentre CherryOs usa 10).
        Altra cosa, il file di configurazione ha gli
        stessi parametri, viene creato dal programma in
        visual basic con un nome strano variabile... un
        altro metodo ingenuo per cercare di nascondere le
        proprie malefatte..Complimenti bell'analisi.Non ho testato sto CherryOS xche' non mi interessa ma se e' proprio come dici tu e' veramente na tristezza di rip
  • Anonimo scrive:
    Vorrei...
    Sentire il parere di quanti affermano che e' il software libero a scopiazzare...
    • Ekleptical scrive:
      Re: Vorrei...
      Vorrei capire come si può essere ideologicamente e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le idee di un programma per farne un altro.A me sembra una contraddizione in termini, poi vedete voi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        Non hai risposto alla sua domanda: perchè aggiri l'argomento?E poi non ha detto che è contrario, ha solo rimarcato che *forse* è stata violata la GPL.Senza rancore.Saluti,byUlixAmiga lover since 1985,
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.Una cosa è copiare le idee: la GPL non vieta di fare un programma che faccia le stesse cose di PearPC.Altra cosa è copiare il codice: la GPL vieta di chiudere il codice di PearPC, non di copiarlo, né di venderne le modificate.I brevetti e il copyright sono due cose diverse.
        • Anonimo scrive:
          Re: Vorrei...
          - Scritto da: Anonimo
          Altra cosa è copiare il codice: la GPL vieta di
          chiudere il codice di PearPC, non di copiarlo, né
          di venderne le modificate.La GPL non vale un FICO SECCO.Se è per questo sai a quanti americani hanno venduto la luna oppure la fontana di Trevi? Credi che quei contratti ( per vendere la luna o la fontana di Trevi ) abbiano valore legale? No? E perchè mai dovrebbe averlo quella licenza virale della GPL?
          • Anonimo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo
            La GPL non vale un FICO SECCO.

            Se è per questo sai a quanti americani hanno
            venduto la luna oppure la fontana di Trevi? Credi
            che quei contratti ( per vendere la luna o la
            fontana di Trevi ) abbiano valore legale? No? E
            perchè mai dovrebbe averlo quella licenza virale
            della GPL?Perché è legalmente valida: una persona cede agli altri una parte dei propri diritti a patto che la licenza venga mantenuta.Vendere la fontana di Trevi è una truffa perché si vende qualcosa di cui non si ha la proprietà.
          • Giambo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Altra cosa è copiare il codice: la GPL vieta di

            chiudere il codice di PearPC, non di copiarlo,


            di venderne le modificate.

            La GPL non vale un FICO SECCO.Chi sei tu per dirlo ? Hai qualche prova ? Contattami in privato: Ti fornisco un mio programma sotto GPL e tu prova a violare la licenza. Se riesci a farla franca davanti al giudice, qui davanti a tutti giuro che ti do' 1000Euro.
            Se è per questo sai a quanti americani hanno
            venduto la luna oppure la fontana di Trevi? Credi
            che quei contratti ( per vendere la luna o la
            fontana di Trevi ) abbiano valore legale? No?No perche' hanno venduto qualcosa che non apparteneva a loro, chiaro.
            E perchè mai dovrebbe averlo quella licenza virale
            della GPL?E perche' no ? Perche' invece la licenza di Windows si ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Giambo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            Altra cosa è copiare il codice: la GPL vieta
            di


            chiudere il codice di PearPC, non di copiarlo,




            di venderne le modificate.



            La GPL non vale un FICO SECCO.

            Chi sei tu per dirlo ? Hai qualche prova ?
            Contattami in privato: Ti fornisco un mio
            programma sotto GPL e tu prova a violare la
            licenza. Se riesci a farla franca davanti al
            giudice, qui davanti a tutti giuro che ti do'
            1000Euro.
            la licenza è un contratto che per avere valore legare deve contenere le firme di entrambi le partiio potrei pure rivendere il codice della gpl dicendo che non so leggere l'inglese (la quale non è una lingua ufficiale)... ecc... ecc..la gpl è solo fuffa per lameroni e fonte di business per i truffaldini, tutto questo a scapito dei poveri muli open source
          • gerry scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo
            la licenza è un contratto che per avere valore
            legare deve contenere le firme di entrambi le
            partiVuol dire che la licenza della mia copia di XP non è valida?Davvero ci posso fare quello che voglio?
          • Giambo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo
            la licenza è un contratto che per avere valore
            legare deve contenere le firme di entrambi le
            partiRilancio la mia proposta: 10'000 (diecimila) Euro se riesci a dimostrare che la licenza di Windows quindi non ha valore.
            io potrei pure rivendere il codice della gpl
            dicendo che non so leggere l'inglese (la quale
            non è una lingua ufficiale)... ecc... ecc..Hai letto sopra ? DIECIMILA !! Corri, cosa fai ancora li' ?!?
            la gpl è solo fuffa per lameroni e fonte di
            business per i truffaldini, tutto questo a
            scapito dei poveri muli open sourceSeee, seee ... intanto qui l'unico che prdocuce fuffa sei te, dato che non hai ancora risposto ad una sola delle mie osservazioni.E per quel che concerne i "muli opensource", sei d'accordo con la mia line di condotta ? Picchettiamo le sedi dell'IBM finche' non liberano i programmatori incatenati nelle segrete :) ...Ciao, trollone tontolone ;) !
          • Anonimo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo
            la licenza è un contratto che per avere valore
            legare deve contenere le firme di entrambi le
            partiInfatti tu installando il programma accetti la licenza. Ne' più o ne' meno come quando installando windows premi F8
            io potrei pure rivendere il codice della gpl
            dicendo che non so leggere l'inglese (la quale
            non è una lingua ufficiale)... ecc... ecc..Quale parte de "La legge non ammette ignoranza" non hai capito? Credi davvero di svangarla dicendo che non capisci l'inglese?
            la gpl è solo fuffa per lameroni e fonte di
            business per i truffaldini, tutto questo a
            scapito dei poveri muli open sourceQuesto è opinabile, è un tuo parere (non il mio) ma è un parere, il fatto che tu possa violare la GPL invece no. E' nè più nè meno come copiare windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        Brevetti, diritti d'autore e licenze non sono la stessa cosa.C'e' un po' di confusione in merito ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Vorrei...

          C'e' un po' di confusione in merito ;)pure troppa confusione. ma sai com'è, quelli che hanno i paraocchi vedono solo quello che vogliono, e nonostante tutti gli sforzi che si fanno per cercare di chiarire le idee (e ne ho visti tanti sforzi, nei thread di PI), chi non vuole sentire parlare di alternative a MS semplicemente alza la voce per ignorare le spiegazioni. :-(
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.

        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...La contraddizione in termini è il tuo cervello.Qui non c'è un brevetto che reciti qualcosa tipo "uno strato software atto ad emulare un altro sistema operativo". Nessuno ti vieta di farti il TUO emulatore di Apple.Qui c'è la copia del codice però, che è consentita dalla GPL a patto però che... è quel che il punto. Il prodotto è proprietario.Come, l'open non era il male di tutto? Allora, non copiatelo!
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.

        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...L'accusa riguarda principalmente il furto dei diritti morali. Ad esempio:Tu scrivi un romanzo e lo metti sotto creative commons. Io lo prendo, lo copio, tolgo il tuo nome e ci metto il mio e lo metto sotto una mia licenza
      • ultrotter scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.
        Oddio... mi sembra estremamente semplice...Copiare le idee, o avere tue idee, parallele a quelle di qualcun altro è permesso. Rubare il codice scritto da altre persone senza (a) rispettare la loro volontà sul codice stesso o (b) contrattare con loro una licenza diversa (il che è sempre possibile, vedete l'esempio di mysql) è cosa ben diversa...
        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...No, non lo è. Il codice è protetto dal diritto d'autore, che nessuno contesta. Le idee dietro al codice sono invece libere, e ciascuno può implementarle, sia in forma open sia in forma proprietaria (a patto di scrivere proprio codice... se si vuole usare il codice di altri bisogna ovviamente stare alle loro regole).
      • jokanaan scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.

        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...non confondere brevetti e (c)....il tipo può benissimo realizzare un emulatore di ppc closed, nessuno gli viene a recriminare "ci abbiamo pensato noi per primi!"l'implementazione può essere protetta (o liberata) da (c), il concetto dev'essere libero.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.

        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...Quì non si tratta della "violazione" del brevetto del click, della barra di avanzamento o qualche altra amenità, bensì di appropriazione indebita di codice sorgente.Quì c'è stato un PLAGIO.Muto (troll)
      • Giambo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.Sbagli: Qui non si parla di copiare le idee, bensi' di vero e proprio furto di codice in barba alla licenza GPL.
        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...A me sembra che tu non abbia letto bene l'articolo.
      • Parliamone scrive:
        Re: Vorrei...
        Veramente qui non si contesta la copiatura dell'idea (Un emulatore PPC per X86), cosa in sé legittima anche per chi, come me, è contro i brevetti software.Quello che si contesta è una scopiazzatura e chiusura del codice (Che è comunque protetto da diritto d'autore), con conseguente violazione della licenza del codice stesso (GPL nel caso specifico)==================================Modificato dall'autore il 10/03/2005 10.28.56
      • pikappa scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Ekleptical
        Vorrei capire come si può essere ideologicamente
        e radicalmente contrari ai brevetti da un lato e
        scandalizzarsi dall'altro se qualcuno copia le
        idee di un programma per farne un altro.

        A me sembra una contraddizione in termini, poi
        vedete voi...Forse perchè questo tizio si è preso pari pari il codice GPL di pearPC e lo ha infilato (oltretutto pure male!) nel "suo" pacchetto che vende binary only?Qui non si tratta di scopiazzare, qui si tratta proprio di rubare il lavoro altrui!Se questa versione dichiarasse di utilizzare software GPL, e fornisse i sorgenti (non necessariamente di tutto, se avesse sviluppato delle routine con una licenza proprietaria, quelle potrebbe benissimo tenersele, ma non quanto rilasciato sotto GPL)Nessuno avrebbe trovato da ridire
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...
        sai la differenza tra brevetto e copyright?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vorrei...
      - Scritto da: Anonimo
      Sentire il parere di quanti affermano che e' il
      software libero a scopiazzare...Ecco cosa succede a scrivere il software e dare in giro i sorgenti.Il colmo è che poi vi impuntante a dire che non è vero.Se è vero che ha copiato, e se non è tutta una montatura, il tipo non è stato molto furbo ( ma mi sembra molto strano che sia così ingenuo ).Ma questa è solo la punta dell'iceberg.Nel mondo software-libero o quello dell'open source è pieno di gente che prima fa proseliti dicendoti di donare il tuo codice, però poi passa nelle aziende a raccattare i soldi vendendo il software o i contratti di manutenzione oppure programmatori a centinaia di euro al giorno che però sono pagati un'inezia.Sì sì, poi anche li difendete, che robe, dovrebbero renderlo illegale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...

        oppure
        programmatori a centinaia di euro al giorno che
        però sono pagati un'inezia.
        ??????? che vuol dire??
        Sì sì, poi anche li difendete, che robe,
        dovrebbero renderlo illegale.dovrebbero rendere te illegale, con tutte le m* che spari...
      • Giambo scrive:
        Re: Vorrei...
        - Scritto da: Anonimo
        Nel mondo software-libero o quello dell'open
        source è pieno di gente che prima fa proseliti
        dicendoti di donare il tuo codice, però poi passa
        nelle aziende a raccattare i soldi vendendo il
        software o i contratti di manutenzione oppure
        programmatori a centinaia di euro al giorno che
        però sono pagati un'inezia.Qualche esempio ? Me ne bastano mille, cosi' copriamo una minima percentuale di tutto il software open.
        Sì sì, poi anche li difendete, che robe,
        dovrebbero renderlo illegale.Per me dovrebbero rendere illegale l'uso del PC a chi ha un QI inferiore a 20 :-)Ciao, trollone !
      • Anonimo scrive:
        Re: Vorrei...

        Ecco cosa succede a scrivere il software e dare
        in giro i sorgenti.Ecco cosa succede a scrivere il software e proteggerlo solo con una password di 5 parti di 5 caratteri l'una!
        Il colmo è che poi vi impuntante a dire che non è
        vero.Il colmo è che poi vi impuntate a dire che la pirateria è un male.
        Se è vero che ha copiato, e se non è tutta una
        montatura, il tipo non è stato molto furbo ( ma
        mi sembra molto strano che sia così ingenuo ).Se è vero che ha copiato, e se non è tutta una montatura, il tipo non è stato molto furbo ( ma mi sembra molto strano che sia così ingenuo ).
        Ma questa è solo la punta dell'iceberg.Ma questa è solo la punta dell'iceberg.
        Nel mondo software-libero o quello dell'open
        source è pieno di gente che prima fa proseliti
        dicendoti di donare il tuo codice, però poi passa
        nelle aziende a raccattare i soldi vendendo il
        software o i contratti di manutenzione oppure
        programmatori a centinaia di euro al giorno che
        però sono pagati un'inezia.Nel mondo del software-protetto o quello dello shared source è pieno di gente che prima fa proseliti dicendoti di proteggere il tuo codice, però poi passa nelle aziende a raccattare i soldi vendendo il software o i contratti di manutenzione oppure sistemisti a centinaia di euro al giorno che però sono pagati un inezia.
        Sì sì, poi anche li difendete, che robe,
        dovrebbero renderlo illegale.Sì sì, poi anche li difendete, che robe, dovrebbero renderlo illegale (il sesso?).Ciao TROLL
        • Anonimo scrive:
          Re: Vorrei...
          - Scritto da: Anonimo
          Ecco cosa succede a scrivere il software e
          proteggerlo solo con una password di 5 parti di 5
          caratteri l'una!Non distribuiscono il sorgente ma i binari.
          Il colmo è che poi vi impuntate a dire che la
          pirateria è un male.Ah, è un bene?

          Ma questa è solo la punta dell'iceberg.

          Ma questa è solo la punta dell'iceberg.Hai gravi problemi? Mi pare sia vero, che quella sia solo la punta dell'iceberg.
          Nel mondo del software-protetto o quello dello
          shared source è pieno di gente che prima fa
          proseliti dicendoti di proteggere il tuo codice,No, non mi risulta, nel mondo del closed source il know-how che vale viene tenuto stretto, e il codice non viene regalato e dato ai quattro venti perché non serve, e senza un contratto di licenza ristrettivo, è molto dannoso.Lo shared source è solo un modo della Microsoft per adeguarsi alla MODA del software libero corredato di sogenti.La Microsoft non è sicuramente l'unica azienda che si è adeguata alla MODA, anzi, Sun ha aderito all'open source con ancora più entusiasmo ( il che fa pensare anche a un gesto di disperazione ).Ma ci tieni così tanto a copiare il software degli altri?
          però poi passa nelle aziende a raccattare i soldi
          vendendo il software o i contratti di
          manutenzione oppure sistemisti a centinaia diMi sembra giusto, il software costa per essere prodotto, è prodotto per risolvere i problemi di un'azienda, quindi il software deve essere pagato.
          euro al giorno che però sono pagati un inezia.Beh, a me risulta che molti venditori di carne da macello che non sono stati toccati dalla fede dell'open source e del software libero, assumano i loro dipendenti con uno stipendio dignitoso e pagando l'INPS.Inoltre il software che rivendono l'hanno scritto loro per il cliente, assemblando altro software pagato pure quello da chi l'ha scritto, ed avvalendosi di eventuali consulenze pagate pure quelle, e non sono pagate per pescare nel grande prodo del software open-source qualche cotenna cotta e stracotta ma ancora utilizzabile con qualche pezza.Mica RIVENDONO qualche schifezza scaricata da internet spacciata per la soluzione più innovativa che libererà il mondo.Mica prendono un programmatore o un sistemista e lo mettono in un ufficio a seminar zizzania affinché il cliente sia persuaso dall'open source e il software libero.Ci sarà pure l'azienda non toccata dalla FEDE dell'open source e del software libero che pagherà un'inezia il lavoratore in affitto, ma almeno non è così ipocrita da sbandierare al cliente e al collaboratore che libereranno il mondo, almeno non aizzeranno nessuno, metteranno solamente un individuo a lavorare, tale individuo potrà andarsene quando vorrà, mica lo costringono sai?

          Sì sì, poi anche li difendete, che robe,

          dovrebbero renderlo illegale.

          Sì sì, poi anche li difendete, che robe,
          dovrebbero renderlo illegale (il sesso?).

          Ciao TROLLMah, non so veramente dove volevi arrivare, invece che mettere in luce una contraddizione mi hai dato l'opportunità di ribadire le vostre ipocrisie.
          • Giambo scrive:
            Re: Vorrei...
            - Scritto da: Anonimo
            La Microsoft non è sicuramente l'unica azienda
            che si è adeguata alla MODA, anzi, Sun ha aderito
            all'open source con ancora più entusiasmo ( il
            che fa pensare anche a un gesto di disperazione
            ).Cioe', se e' la Microsoft allora e' moda, se lo fa' la SUN e' alla disperazione. Bah ...E poi, scusa, chi lavorano alla SUN e alla Microsoft ? I Puffi, che appena c'e' una MODA (Tutto in maiuscolo) loro copiano ? Non e' forse piu' logico pensare (Pensare ? Mamma mia !) che abbiano dovuto cedere alle pressioni dei clienti e che a loro convenga mostrare il codice ?
            Mi sembra giusto, il software costa per essere
            prodotto, è prodotto per risolvere i problemi di
            un'azienda, quindi il software deve essere
            pagato.Lo zerbino e' peloso, tu sei peloso, tu sei uno zerbino.Si chiama sillogismo.
            Mah, non so veramente dove volevi arrivare,
            invece che mettere in luce una contraddizione mi
            hai dato l'opportunità di ribadire le vostre
            ipocrisie.Condenso le tue farneticazioni in poche parole:"Grwzbfu brvàz zaofgg rwrwuh !"Il significato e' il medesimo. Nullo.Ciao trollone confuso e confusionario :D !
Chiudi i commenti