Il futuro dell'interfaccia uomo-computer

Il futuro dell'interfaccia uomo-computer

Il Gartner delinea il futuro prossimo delle interfacce d'interazione fra uomo e computer, prevedendo l'evoluzione di strumenti quali periferiche di input, display e software. Nel 2012 si userà ancora tastiera e mouse?
Il Gartner delinea il futuro prossimo delle interfacce d'interazione fra uomo e computer, prevedendo l'evoluzione di strumenti quali periferiche di input, display e software. Nel 2012 si userà ancora tastiera e mouse?


Roma – In una recente analisi, il Gartner tenta di delineare quale sarà il futuro delle interfacce uomo-computer da qui al 2012, un arco di tempo in cui l’evoluzione sembra destinata a procedere con velocità assai differenti a seconda degli strumenti d’interazione presi in esame. Se ad esempio il Gartner stima che la tecnologia dei display nei prossimi anni farà passi da gigante, così non sarà per le periferiche di input: fra dieci anni, la nota società di analisi prevede infatti che più del 95% delle informazioni sarà ancora immessa nei computer attraverso tastiera e mouse.

Entro il 2012 il Gartner pronostica il definitivo pensionamento dei monitor a tubo catodico (CRT) in favore di quelli a cristalli liquidi (LCD). Questa migrazione sarà favorita dall’arrivo, nei prossimi anni, di nuove tecnologie LCD come la Organic Light-Emitting Diodes ( OLED ) e la Light-Emitting Polymers (LEP), entrambe in grado di funzionare senza retroilluminazione (con un notevole risparmio energetico) e di migliorare ulteriormente la qualità visiva. A partire dal 2006 alcuni produttori dovrebbero poi rilasciare sul mercato i primi schermi flessibili , la cui caratteristica peculiare sarà quella di poter essere piegati o arrotolati come un poster.

Sul fronte delle periferiche di input, come si è detto, l’evoluzione tecnologica sarà assai più prudente, tuttavia il Gartner stima che a dare un certo impulso all’innovazione sarà soprattutto il settore mobile, dove già oggi si stanno diffondendo tecnologie come quella per il riconoscimento della voce e della scrittura: soprattutto quest’ultima ha trovato terreno fertile sul mercato dei palmari e del Tablet PC. Il Gartner sostiene che entro il 2007 oltre il 70% dei PDA supporterà in modo nativo il riconoscimento della scrittura e alcune più limitate funzionalità per il riconoscimento di comandi vocali.

Sebbene la tecnologia per il riconoscimento vocale sia al momento in uno stato di sviluppo più avanzato di quella relativa al riconoscimento della scrittura, il Gartner ritiene che la prima non ha ancora grandi chance per diffondersi sul mercato di massa ma resterà, probabilmente fino al prossimo decennio, una funzionalità particolarmente adatta alle applicazioni business-to-consumer: oggi, ad esempio, sta entrando in un numero crescente di call center aziendali.

Per quel che riguarda le interfacce software, il Gartner ritiene non subiranno grosse rivoluzioni (il 3D, a quanto pare, è ancora lontano) ma continueranno il loro processo di avvicinamento al Web: questo dovrebbe migliorare, secondo la società di analisi, l’interoperabilità fra ambienti operativi differenti e il miglioramento della qualità dell’accesso alle informazioni. Il “browsing” sarà, secondo il Gartner, “il paradigma di accesso per il futuro”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 12 2002
Link copiato negli appunti