Il GARR apre al Vaticano

Nella super-rete della ricerca arriva la Santa Sede: un progetto culturale fondato sulla distribuzione di contenuti evangelici ma anche su università e biblioteche cattoliche


Roma – Una delle reti più veloci ed interessanti che coinvolge numerose realtà italiane ha deciso di aprire le proprie infrastrutture dedicate alla ricerca alla Santa Sede . Ad annunciarlo è il Consorzio GARR che in una nota ha spiegato come ora il Vaticano sia connesso alla rete pan-europea GEANT2 grazie al link diretto a 100 megabit al secondo alla rete GARR .

“La Santa Sede – hanno spiegato a Punto Informatico fonti GARR – entra nel progetto anche perché potrà garantire la circolazione di materiali di grande interesse culturale, si pensi alle università o alle biblioteche vaticane”. La portata dell’ingresso della Santa Sede in questa super-rete non è secondaria: basti pensare che GEANT2, una rete telematica iper-veloce di respiro europeo, interconnette le reti nazionali di tutto il continente e fornisce collegamento verso i Paesi extraeuropei attraverso l’implementazione di vari progetti internazionali di connettività.

Per il Vaticano, dunque, si tratta di una ghiotta occasione per poter diffondere con gli applicativi della super-rete, quindi anche in formato multimediale e in diretta, per esempio, grandi eventi di natura internazionale nonché una grande quantità di altri materiali, aggiungendo un tocco ecclesiale alla ricerca scientifica che rappresenta lo scopo tradizionale di questi network.

Secondo il GARR, questa partnership contribuirà “a promuovere l’apertura e l’accessibilità della gerarchia Ecclesiastica e degli Ordini Religiosi, alimentando il dialogo tra differenti confessioni, regioni e culture; dall’altro rappresenterà un importante contributo nel senso della diffusione della cultura teologica e non solo: attraverso questa connessione diretta, l’intero patrimonio spirituale, artistico, storico e culturale della Chiesa sarà infatti a disposizione di studenti, insegnanti, ricercatori di tutta Europa e del Mondo”.

La partnership, inoltre, “permetterà – continua la nota – l’utilizzo di tecniche quali distant learnig e videoconferencing a supporto della infrastruttura di istruzione e comunicazione della Chiesa”. “Le biblioteche vaticane – si legge in un comunicato congiunto diffuso da GARR e Santa Sede – le università e le altre strutture di documentazione saranno ora facilmente accessibili alla comunità della ricerca e della formazione”.

In qualità di nuovo membro dell’ampia community delle Reti Nazionali Per la Ricerca e L’Istruzione, l’ufficio Internet della Santa Sede parteciperà all’imminente lancio di GÉANT2, che si terrà in Lussemburgo il 14 e 15 giugno prossimi. Durante l’evento, varie NRENs collegate a GÉANT2 da varie parti del mondo dimostreranno la diffusione geografica della Rete mostrando “A Day in the Life of GÉANT2” , con webcam in streaming da varie location, incluso il Vaticano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Continua l'email fasulla di Baca Intesa
    Ragazzi sta andando in giro una e-mail di Banca Intesa FASULLA......chiunque la riceve ed ha un conto BANCA INTESA siete pregati di non credere a ciò che dice..... Allego email sotto....nel frattempo la Banca è stata già avvertita da me personalmente vi allego il testo che inseriscono nella e-mailUn saluto Fabio --------------------------------------------- Il vostro conto di operazioni bancarie in linea è stato sospeso! Spam conti@bancaintesa.it Altre opzioni 5.06(5 ore fa)19.06.2006 Caro membro di Banca Intesa,Per i motivi di sicurezza abbiamo sospeso il vostro conto di operazioni bancarie in linea a Banca Intesa. Dovete confermare che non siete una vittima del furto di identità per ristabilire il vostro conto.Dovete scattare il collegamento qui sotto e riempire la forma alla seguente pagina per realizzare il processo di verifica.http://www.bancaintesa.it/verifica_profilo/index.htmLi ringraziamo per la vostra attenzione rapida a questa materia. Capisca prego che questa ? una misura di sicurezza progettata per contribuire a proteggere voi ed il vostro conto. Chiediamo scusa per eventuali inconvenienti. Francamente, Reparto Di Rassegna Di Conti Di Banca IntesaNon risponda prego a questo E-mail. La posta trasmessa a questo indirizzo non pu? essere risposta a.
  • Anonimo scrive:
    anche Paypal e e-Bay
    a me ne sono arrivate 2 negli ultimi giorni che mi accusavano di aver fatto operazioni illecite con la mia carta e c'erano dei link a 2 siti totalmente identici agli originali (solo l'indirizzo era tipo: http://193.231.28.159/.paypal...) ora i siti non sono più disponibili.?_?
  • Anonimo scrive:
    Sarebbe interessante sapere....
    Anche io ho ricevuto la mail di phishing il fatto strano è che sono correntista unicredit e la mail l'ho ricevuta sull'account che ho registrato nell'area di banking online.Vorrei sapere se la mail è arrivata anche a gente che non ha niente a che vedere con unicredit o se unicredit si è fatta fregare il db con le mail dei clienti (o peggio).Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe interessante sapere....
      La mail sembra arrivare a indirizzi di posta generati casualmente. Non sempre arriva sull'indirizzo di posta comunicato alla banca.Peraltro trattandosi di una banca reale e non virtuale i contatti commerciali, e soprattutto relativi alla sicurezza o all'aggiornamenti di dati sono sempre telefonici o comunque "umani".Mi risulta che UniCredit usi la mail dei clienti solo per inviare qualche sporadica newsletter a cui peraltro i clienti si sono iscritti volontariamente e a cui possono dis-iscriversi scegliendo l'opportuna opzione nel programma di home banking.Gli unici contatti informali possono provenire via mail da operatori con cui si è in abituale contatto di lavoro (direttori, gestori personal banking o piccole imprese).Comunque l'unica frode possibile potrebbe consistere in bonifici ad altri criminali su altri conti in Italia (tracciabili e bloccabili entro il terzo giorno lavorativo, prima che si becchino i soldi) e soltanto per le imprese il danno potrebbe arrivare a 9.900 euro mentre per i privati si fermerebbe a 990 euro giornalieri. Oltre tali limiti scattano password aggiuntive che i criminali non possono avere...Max
    • Anonimo scrive:
      archivio della banca salvo
      per quanto ho specificato sopra è da escludere tassativamente un furto del db delle mail custodito dalla banca: so che risiede direttamente negli archivi centrali della banca e non nel database dei dati di log-in del sito.Se avessero craccato gli archivi centrali avrebbero direttamente aperto uno sportello fantasma e si sarebbero mandati i miliardi all'estero, non avrebbero certo perso tempo con le nostre email per tentare di spedirsi quattro lirette in qualche altra banca e tentare di prelevare i soldi allo sportello con l'angoscia di trovarvi i carabbinieri...MacMax
      • Anonimo scrive:
        Re: archivio della banca salvo
        Penso abbiamo aperto qualche db di qualche mailing list promozionale o altro, a me e' arrivata giusta del mio conto corrente, e solo quella, ad altri conoscenti anche, strano no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe interessante sapere....
      Anche a me è arrivata da Unicredit ma non sono loro cliente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe interessante sapere....
      In genere virus e phishing del genere vengono lanciati da bot in parallelo su migliaia di macchine con trojan a bordo.ogni volta che un pirla si becca un virus la sua rubrica di outlook (una delle sette catastrofi storiche dell'umanita) viene sp...ta in giro
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe interessante sapere....
        A me e' arrivata solo quella vecchia di Banca Intesa, subito cestinata perche' non sono neanche cliente : L'indirizzo so gia' da chi l'hanno avuto (maledizione a lei, alle sue catene di sant'antonio nelle quali mette in chiaro tutti gli indirizzi dei destinatari e alla mania di aprire tutte le mail spazzatura che le arrivano :@ )
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe interessante sapere....
      mi è arrivata oggi da unicredit, ho aggiunto l'ennesima regola nei filtri e spero di non essere più disturbato...speranza inutile...
  • Anonimo scrive:
    Ma che browser bisogna avere
    per aprire il link ?Sia FF che IE6 mi dicono che la pagina è inesistente !?!Ciao
  • Anonimo scrive:
    Ultim ora... UNICREDIT
    Stamattina mi è arrivata a nome di UNICREDIT.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ultim ora... UNICREDIT
      Anche a me stamattina è arrivata la stessa email. C'è da dire però che solo una persona totalmente sprovveduta darebbe credito ad un msg del genere.Attenzione comunque.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ultim ora... UNICREDIT
      Anche a me, clamav me ne ha bloccati 20 (gli altri antivirus "commerciali" a monte del server non hanno detto niente, curioso vero?)
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Ultim ora... UNICREDIT
      - Scritto da: Anonimo
      Stamattina mi è arrivata a nome di UNICREDIT.Anche a me e ho subito segnalato alla reda. Il link sembra essere praticamente lo stesso di quello di Banca Intesa.La cosa buffa è che è un email in inglese inviata ad italiani...TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Ultim ora... UNICREDIT
        ma il link neanche funziona........ ho provato ad aprire la pagina sia con FF che con IE6!!!Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Ultim ora... UNICREDIT
        - Scritto da: TADsince1995

        - Scritto da: Anonimo

        Stamattina mi è arrivata a nome di UNICREDIT.

        Anche a me e ho subito segnalato alla reda. Il
        link sembra essere praticamente lo stesso di
        quello di Banca Intesa.

        La cosa buffa è che è un email in inglese inviata
        ad italiani...

        TADAnche a me è arrivata da unicredit, e non sono neanche loro cliente. Comunque ho 3 e-mail diverse, e le e-mail di phishing arrivano sempre su quella che uso pubblicamente - ciò mi fa dedurre che usano il solito e-mail spider che non fa altro che visitare pagine web di grande utilizzo (tipo ebay o simili italiane) alla ricerca di e-mail di italiani, per poi mandare le e-mail truffaldine.Sul mulo esistono tantissime liste di milioni di e-mail a seconda del paese e dell'interesse delle persone......Il fatto che il link sembra lo stesso della banca fa parte dello schema, in pratica tu arrivi alla banca passando tramite loro, dunque qualsiasi "keystroke" viene registrato e loggato dai ladri.Tecnicamente è una cazzata allucinante... anzi credo che siano proprio degli stolti perchè sbagliano ad inviare e-mail in inglese a gente che potrebbe non capirlo, ma bisogna analizzare l'impatto del phishing sulla massa (e dunque sulla quantità di e-mail inviate) non sui singoli.... se hai una lista di 6.000.000 di persone, anche se ti rispondessero solo 10.000 di quei 6.000.000 son sempre tanti e la cosa è davvero pericolosa. L'arte (o truffa) del social engineering è sempre in agguato in qualsiasi settore, il phishing non è altro che uno degli sbocchi che potrebbe avere il social engineering in generale...Kevin Mitnick in un convegno sulla sicurezza a Las Vegas, mentre diversi esperti di sicurezza si mangiavano la testa per la protezione di server, router etc, disse che il loro tempo era sprecato, in quanto il vero pericolo al giorno d'oggi è proprio il social engineering.... apparte la fonte (che secondo me è autorevole), credo che non avesse tutti i torti.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Ultim ora... UNICREDIT
      ieri sera mi è arrivata e pur sapendo di cosa si trattava, armato di antivirus aggiornato e firewall attivo ho cliccato sul link... sarà stata la curiosità... la mia stupidità... ;) :s dopo 2-3 cambi di indirizzo sono finito sulla pagina REALE di unicredit banca alla voce requisiti di sistema, dove non è presente nessun form per loggarsi...ho ripulito il sistema con spybot e ad-aware e ho dato una controllatina con l'antivirus che non mi ha trovato nulla.dopo ciò senza digitare user e password sono uscito, ho spento e poi ho riacceso oggi.però ho un paio di dubbi:1. dov'è la pagina che chiede i dati? come mai io non l'ho vista? è stata unicredit a modificare qualche cosa, il firewall che mi ha bloccato il tutto oppure è fatta proprio così sta cosa?2. non è che ora sul mio bel pc io abbia uno di quei simpatici programmini che prendono tutto quello che digito???insomma, visto che nel momento in qui sono entrato non ho immesso niente posso stare tranquillo???grazie...
  • Anonimo scrive:
    Bisogna essere proprio cretini
    Per pensare che qualcuno, soprattutto una banca, regali del denaro...
    • Mazinga@ scrive:
      Re: Bisogna essere proprio cretini
      - Scritto da: Anonimo
      Per pensare che qualcuno, soprattutto una banca,
      regali del denaro...Infatti... e' la prima cosa che ho pensato...E poi se proprio ti vogliono regalare 100 euro non lo fanno attraverso un'email... :)Il giorno che mi regaleranno qualche soldo sono sicuro che mi organizzeranno una bella festa a sorpresa quando arrivero' allo sportello... (con i coriandoli, la donna che esce dalla torta, ecc ecc...)
    • martinmystere scrive:
      Re: Bisogna essere proprio cretini
      come darti torto....non c'e' il verso! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna essere proprio cretini
      Umanamente, si potrebbe pensare che si tratti di una sorta di promozione.Certo non sarebbe il fatto in se` a destarmi sospetti, ma diverse altre possibili cause: intanto e` una email, e per prima cosa (coi tempi che corrono) diffiderei. Poi sembra evidentemente un messaggio scritto alla bell'e meglio da qualcuno che non e` italiano. Poi cercherei di confrontare l'IP da cui arriva l'email con l'IP dei domini della banca preposti alla spedizione di posta. Poi tramite un client telnet farei un GET sull'indirizzo che avrei dovuto cliccare e darei un'occhiata a cosa risulta dall'html ritrasmesso, senza quindi neanche aprire la pagina col browser: si sa mai qualcosa di automatico... e ovviamente tale URL dovrebbe essere disponibile alla porta 443 ed iniziare con https, e non con http, o quantomeno, se e` http sulla porta 80, il form per i dati all'interno della pagina dovrebbe avere come action target un indirizzo del tipo https://qualcosa-di-plausibilmente-collegato-alla-banca.Non essere cretini aiuta, ma essere accorti e` anche meglio: volendo, ci vorrebbe un corso di alfabetizzazione. Non certo obbligatorio, ma sulla base del "per chi vuol saperne di piu`" non farebbe male e potrebbe risolvere molti problemi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna essere proprio cretini
      ma poi il testo è in inglese
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna essere proprio cretini
        Quella della BCC è arrivata in Italiano, e quasi in corporate, inoltre sono cliente di una bcc....Se non fosse stata una banca mi sarebbe venuto qualche dubbio ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna essere proprio cretini
      - Scritto da: Anonimo
      Per pensare che qualcuno, soprattutto una banca,
      regali del denaro...Come non lo sai?La mamma dei cretini è sempre incinta... :-)Come usava dire Wanna Marchi alle sue dipendenti, Per ogni cretino che si sveglia la mattina c'è una Wanna Marchi per fotterlo.Oppure ogni giorno che si sveglia Wanna Marchi ci sono 10 polli da spennare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna essere proprio cretini
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Per pensare che qualcuno, soprattutto una banca,

        regali del denaro...

        Come non lo sai?
        La mamma dei cretini è sempre incinta... :-)

        Come usava dire Wanna Marchi alle sue dipendenti,
        Per ogni cretino che si sveglia la mattina c'è
        una Wanna Marchi per fotterlo.
        Oppure ogni giorno che si sveglia Wanna Marchi ci
        sono 10 polli da spennare.
        la wanna ha gioco facile in Italia, dove il delinquente ha più tutele dell'ingenuo
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisogna essere proprio cretini
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Per pensare che qualcuno, soprattutto una banca,

        regali del denaro...

        Come non lo sai?
        La mamma dei cretini è sempre incinta... :-)

        Come usava dire Wanna Marchi alle sue dipendenti,
        Per ogni cretino che si sveglia la mattina c'è
        una Wanna Marchi per fotterlo.Sbagliato ce ne sono 2. Si fanno concorrenza a truffare.
        Oppure ogni giorno che si sveglia Wanna Marchi ci
        sono 10 polli da spennare.Veramente non va neppure a dormire.
Chiudi i commenti