Il Gartner mette una croce su Rambus

E ' una dichiarazione pesante come un macigno quella che chiude le porte al futuro della tecnologia Rambus nel mercato dei PC. E se fino a pochi mesi fa avrebbe potuto essere largamente condivisa, ora sorge qualche dubbio


Cannes (Francia) – “Le memorie Rambus? Il loro destino è già segnato”. A dirlo è un analista del Gartner Group , Kevin Knox, che durante il Symposium/ITXpo di Cannes ha anche aggiunto ” Rambus è già praticamente morta. Essa può ancora sperare soltanto in alcuni segmenti, come quello delle workstation hi-end, ma ha già fallito per quanto riguarda il mercato principale dei PC. E’ probabile che non sia una grande idea quella di supportare questa tecnologia”.

L’analisi del Gartner, che prevede in 6-8 mesi la completa morte di Rambus sul mercato PC, sarebbe giustificata, oltre che dall’ancor elevato prezzo dei moduli RDRAM, anche dai continui problemi produttivi e d’implementazione dei chipset in grado di supportarle. Inoltre, l’avanzare delle economiche DDR SDRAM, che a pari frequenza di bus sembrano non aver nulla da invidiare, in termini di prestazioni, alle costosissime cugine, sembrano mettere le Rambus su un piano ancor più inclinato.

Nonostante questo, e nonostante che le varie opinioni espresse su Punto Informatico siano sempre andate in questo senso, la valutazione del Gartner appare ora un po’ “inopportuna”, almeno sulla tempistica. Se fino a qualche mese fa infatti il cielo sopra a Rambus era davvero nero e non si vedevano significativi spiragli di luce, oggi la situazione appare, seppur difficile, sicuramente meno buia che in passato.

Forte di un patto di ferro con Intel, che costringe quest’ultima a supportare le RDRAM nel P4, e forte di una politica “del terrore” con la quale sta convincendo diversi noti chipmaker a pagarle royalties per la licenza di alcune tecnologie adottate nella fabbricazione delle memorie SDRAM, Rambus sembra aver cominciato a respirare di nuovo: spalleggiata anche da un’ Intel delusa ma non per questo meno determinata, la produzione di memorie RDRAM è in lenta crescita ed il prezzo in leggera diminuzione.

Che il destino di Rambus rimanga incerto è fuor di dubbio, ma se oggi si dovesse scommettere la testa sulla morte di quest’azienda, sarebbe forse più salutare attendere ancora per qualche mese lo svolgersi degli eventi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti