Il Giappone forgia superchippetti

Alcuni scienziati hanno messo a punto un processore che promette di divenire il principale tassello di supercomputer molto compatti, capaci di fornire prestazioni nell'ordine dei petaflops. Sfida agli USA


Tokyo (Giappone) – Il Giappone, che con l’ Earth Simulator di NEC detiene nelle sue mani il primato del più potente supercomputer al mondo, sembra deciso a conservare l’ambito record sfidando gli Stati Uniti in uno dei settori più promettenti del calcolo ad alte prestazioni: quello dei cosiddetti supercomputer-on-a-chip.

L’Istituto nazionale di ricerche fisiche e chimiche, noto in ambito internazionale in lingua inglese con l’acronimo RIKEN, ha svelato pochi giorni fa un nuovo processore, battezzato MDGrape 3 , progettato per massimizzare l’efficienza di calcolo in specifici ambiti della ricerca scientifica.

Gli scienziati del RIKEN hanno spiegato che il nuovo system-on-a-chip rappresenta il fondamento per una futura generazione di elaboratori capaci di fornire, a prezzi e consumi energetici ragionevoli, potenze di calcolo dell’ordine dei petaflops (milioni di miliardi di operazioni in virgola mobile al secondo). Tanto per fare un confronto, l’Earth Simulator ha oggi una potenza di 36mila miliardi di flops.

MDGrape 3 è per certi versi simile al processore Cell di IBM, lo stesso che promette di fornire, in un solo chip, prestazioni nell’ordine dei teraflops.

Le prime versioni sperimentali del superchippetto giapponese sono oggi capaci di fornire potenze di calcolo appena al di sotto dei 250 gigaflops ad una frequenza di clock di 350 MHz. E’ questo un rapporto clock/prestazioni che, secondo il RITEK, è sensibilmente superiore a quello dei comuni processori general purpose.

L’MDGrape 3 è stato ottimizzato per eseguire lunghe e ripetitive sequenze di calcoli su di un insieme di dati relativamente piccolo, una caratteristica che lo rende particolarmente adatto per l’impiego in settori quali le scienze naturali e la bio-nanotecnologia .

“Possiamo ottenere performance fino a 100 volte superiori grazie alla specializzazione dei processori. I chip general-purpose non possono più rispondere con efficacia alle esigenze di calcolo del mondo scientifico”, ha affermato Makoto Tanji, un ricercatore di RIKEN.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Giusto oggi...
    Sbagli a pensare che il SACD è migliore del DVD-A. La decodifica DSD è problematica e poi devi contare che la fase di registrazione e mix è tutta in modo PCM perché è il formato più naturale e più semplice da manipolare. Infine molti lettori SACD convertono il DSD in PCM per poi suonarlo con normali DAC multibit. Insomma, tutto marketing e poco arrosto.Mi spieghi come può la traccia CD dei SACD essere migliore di un CD normale ?
    • avvelenato scrive:
      Re: Giusto oggi...
      - Scritto da: Anonimo
      Sbagli a pensare che il SACD è
      migliore del DVD-A. La decodifica DSD
      è problematica e poi devi contare che
      la fase di registrazione e mix è
      tutta in modo PCM perché è il
      formato più naturale e più
      semplice da manipolare. Infine molti lettori
      SACD convertono il DSD in PCM per poi
      suonarlo con normali DAC multibit. Insomma,
      tutto marketing e poco arrosto.
      Mi spieghi come può la traccia CD dei
      SACD essere migliore di un CD normale ?probabilmente avrà sentito un sacd su un lettore cazzuto da migliaia di euro e poi lo stesso disco l'avrà inserito su un lettore cd da poche deicne di euro.... :
      • Anonimo scrive:
        Re: Giusto oggi...
        - Scritto da: avvelenato...
        probabilmente avrà sentito un sacd su
        un lettore cazzuto da migliaia di euro e poi
        lo stesso disco l'avrà inserito su un
        lettore cd da poche deicne di euro.... :No, possiedo diversi dischi in entrambi i formati e li ascolto con la stessa catena produttiva, che certamente è diversa dalla tua scatola per gli mp3.Non ho ancora capito se ti diverti ad offendere le persone che diversamente da te "pensano"; è l'unica soddisfazione che riesci ad avere?Per me ascoltare la musica è un piacere che mi concedo dopo ore di lavoro, non passo le mie giornate a cazzeggiare su questi forum ascoltando mp3 scaricati da internet.Esite un editore italiano "Foné" che offre la possibilità di confrontare le stesse registrazioni effettuate con le diverse tecniche e disponibili nei vari formati.Ascoltandoli potresti iniziare a comprendere qualcosa, ovviamente non con i tuoi altoparlanti in plastica e con il ronzio delle ventole necessarie a disperdere il calore di un forno da 100W.Forse preferisci le persone che si comportano in questo modo infantile?Cerca di crescere; i tuoi interventi abbassano il livello qualitativo del forum, nonché distruggono l'utilità dello stesso allontanando le persone che vorrebbero condividere le proprie esperienze senza incassare una valanga di insulti dal cretino di turno.Vado a spendere il mio tempo in modo migliore!
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto oggi...

      Sbagli a pensare che il SACD è
      migliore del DVD-A.Ci sono molti motivi per cui preferisco il formato SACD; una è puramente geografico, ovvero nel nostro continente (in vero anche negli altri) il formato di Philips è molto più diffuso ed offre i titoli migliori.
      La decodifica DSD
      è problematica e poi devi contare che
      la fase di registrazione e mix è
      tutta in modo PCM perché è il
      formato più naturale e più
      semplice da manipolare.Questo purtroppo risulta vero in momento critico come quello attuale, dove le case discografiche ripropongono i successi del passato e non investono in nuove produzioni; partendo da materiale PCM i vantaggi del DSD svaniscono.
      Infine molti lettori
      SACD convertono il DSD in PCM per poi
      suonarlo con normali DAC multibit. Insomma,
      tutto marketing e poco arrosto.Questo dipende più da scelte fatte per assecondare il portafoglio degli utenti; non dipende dal formato audio.Se vuoi aggiungere ad un lettore di DVD la capacità di leggere i SACD, probabilmente questa sarà la strada più economica.
      Mi spieghi come può la traccia CD dei
      SACD essere migliore di un CD normale ?Non ti sei mai chiesto perché nel formato PCM usato dai CD-DA e dai DVD-A si utilizza l'"oversampling"?Perché è dannatamente necessario.Il formato DSD aggira tale inconveniente permettendo, senza l'ausilio di DSP di lavorare con lo stream prelevato direttamente in prossimità dei microfoni (pochi cm).I vantaggi divengono evidenti in tutte le situazioni dove occorra conservare l'evento in quanto tale, mentre si perdono dovendo ricorrerre alle lavorazioni a cui è soggetta la quasi totalità delle opere in commercio.Insomma il formato DSD incontra le richieste degli audiofili più esigenti, non certo quelle dei brani in hit-parade.
      • avvelenato scrive:
        Re: Giusto oggi...
        - Scritto da: Anonimo

        Sbagli a pensare che il SACD è

        migliore del DVD-A.

        Ci sono molti motivi per cui preferisco il
        formato SACD; una è puramente
        geografico, ovvero nel nostro continente (in
        vero anche negli altri) il formato di
        Philips è molto più diffuso ed
        offre i titoli migliori.sony.

        Mi spieghi come può la traccia
        CD dei

        SACD essere migliore di un CD normale ?

        Non ti sei mai chiesto perché nel
        formato PCM usato dai CD-DA e dai DVD-A si
        utilizza l'"oversampling"?
        Perché è dannatamente
        necessario.
        Il formato DSD aggira tale inconveniente
        permettendo, senza l'ausilio di DSP di
        lavorare con lo stream prelevato
        direttamente in prossimità dei
        microfoni (pochi cm).
        I vantaggi divengono evidenti in tutte le
        situazioni dove occorra conservare l'evento
        in quanto tale, mentre si perdono dovendo
        ricorrerre alle lavorazioni a cui è
        soggetta la quasi totalità delle
        opere in commercio.
        ma il layer cd dei sacd come può essere registrato in dsd?
        • Anonimo scrive:
          Re: Giusto oggi...
          - Scritto da: avvelenato
          - Scritto da: Anonimo

          il formato di

          Philips è molto più

          diffuso ed

          offre i titoli migliori.
          sony.Su cerca di essere serio almeno una volta nella tua vita, o vuoi che altri utenti sulla scia del primo, trovino di meglio da fare?Il formato SA-CD senza i brevetti di Philips non potrebbe esistere; ciò non toglie che anche Sony abbia contribuito con brevetti propri, alla definizione dello standard.Si tratta di una pratica comune al giorno d'oggi; diverse imprese scambiano i propri brevetti per poter rilasciare nuovi prodotti derivati da altri già esistenti.Probabilmente ciò che Sony ha gelosamente custodito e il brevetto 662428, che permetterebbe di utilizzare lo stream ricavato da un SA-CD con altri dispositivi, anche se sarà possibile dal 2020 quando scadrà il brevetto.
          ma il layer cd dei sacd come può
          essere registrato in dsd?Il layer CD-DA sarà conforme al Red Book, ovvero sarà in formato PCM, ma l'uso del DSD poi convertito in PCM riserva ulteriori vantaggi, avendo ridotto le elaborazioni necessarie prima di giungere sul supporto fisico.Ovviamente per la maggior parte delle produzioni, create in studio come processo industriale e non artistico, il DSD non offre vantaggi e la qualità rimarebbe comunque bassa.
  • Anonimo scrive:
    li compro di sicuro!!
    oops scusate pensavo fosse il primo aprile...
  • Anonimo scrive:
    carino ma...
    ...la domanda è sempre la solita..a quali costi?gira e rigira se mi compro un cd è per ascoltare la musica dell'artista..adesso sarò obbligato a pagarlo 50? giustificati dal fatto ke sono su un DualDisc e ci sono anche le interviste?!?!?..e po cazzarola basta con questa ricerca forsennata del video..in questo campo è la musica ke conta,ma ormai penso ke non si possa + tornare indietro!stanno uccidendo la Musica..e in + quella di merda ke ci propongono costerà un botto perchè c'è il DVD!..se m'interessa il video me l ocompro a parte semmai..o (ancora meglio) vado al concerto
  • Anonimo scrive:
    Accidenti, il moderatore mi ha censurato
  • Anonimo scrive:
    altra scusa per caricare i prezzi?
    come da subject... così porteranno tutta la produzione su sta cosa e chiederanno 30 ? per un cd-dvd? wella, loro sì che han capito il disagio e la rabbia dei consumatori... mah...
  • Anonimo scrive:
    Chi ha scritto l'articolo ?
  • Anonimo scrive:
    Per me perfettamente inutili.
    Non so voi, ma il meglio della musica lo sto trovando tutto su materiale tutt'altro che recente e registrato con qualita' tale che persino un mp3 basta e avanza.La vera musica e' bella a prescindere dalla qualita'!
    • Anonimo scrive:
      Re: Per me perfettamente inutili.
      - Scritto da: Anonimo

      La vera musica e' bella a prescindere dalla
      qualita'!Saggezza Rara....Eddai, 6 tv e niente che vada bene?Tutte la roba che fanno le carissssssssime Major (mai mi permetterei di ostacolarle, baciamo i piedi (e che è, sono Urbani?)) e niente che ti vada bene?Negli ultimi 3 anni è uscito un film che non sia un ramake???SiOgni mese escono 10 film di vampiri ad esempio.Conclusione: non ti preoccupare, non hanno integralmente commercializzato solo la musica.E vuoi mettere la possibilità di rigare un DVD9 ed un CD contemporaneamente? Pagati 30? e passa?P.S.Se uno vuol fare lo sborone incolla i due dischi e fa una copia davvero completa in tutto, anche nella struttura del disco...ma non capisco a chi interesserà la doppia dose di commerciale.... a quei prezzi.... ..... esiste altra roba buona a prezzi anche + sensati...:|
  • DKDIB scrive:
    Re: Giusto oggi...
    Anonimo wrote:
    Il nuovo formato DualDisc offre solo costi di produzione
    maggiori [...]Per i costi di produzione d'un DVD Video si parla di 0.20 Euro.Magari se questi DualDisc li palccassero d'oro potrebbero arrivere fino ad 1 Euro. ^^''Per i media ottici, i costi di produzione sono proprio l'ultima delle voci ke compongono il prezzo finale.La prima e' ovviamente la pirateria (delle major nei confronti degli utenti).Anonimo also wrote:
    [...] facendo perdere la parte stampata del disco, che a mio
    avviso rende immediatamente riconoscibile un originale
    rispetto ad un CD-R, contribuendo a dare maggior valore
    aggiunto al prodotto.Quoto: ho un DVD10 ed esteticamente e' una cagate (in compenso il contenuto e' perfetto :D ).Anonimo also wrote:
    [...] il formato SA-CD di Philips (che non ha gli inconvenienti
    di cui sopra) [...]Ma non necessita di lettori appositi? ?_?Inoltre, hanno creato questo formato principalmente per poter mettere video ed interviste, cose ke su un SA-CD non penso proprio si possa fare (e vista la musica ke commercializzano le major, non penso ke la qualita' dell'audio sia poi cosi' rilevante).Anonimo also wrote:
    Non potevano infine fare due layer sovrapposti per evitare di
    non poter stampare le dita su entrambi i lati?E' la prima cosa ke mi son kiesto ank'io, fino a quando non ho letto ke la parte DVD sara' un DVD9.Evidentemente la capacita' d'un DVD5 non gli bastava.Anonimo also wrote:
    mi costringono a dover acquistare nuovi lettori per ascoltare
    i pochi artisti che compro [...]?_?Ehm... ma l'hai letta la notizia?Non definirei "nuovo lettore" un lettore di CD Audio (!!!) oppure uno di DVD Video.Al massimo ti potrebbe servire un nuovo apparecchio (PC a parte) per i DVD Audio, ma si tratta solo di uno dei 4 formati di cui sara' composto il disco (CD Audio, CD Plus, DVD Audio e DVD Video).
  • avvelenato scrive:
    Re: Giusto oggi...
    correzione: sacd=sony :)
    • DKDIB scrive:
      Re: Giusto oggi...
      Avvelenato wrote:
      correzione: sacd=sony :)Ah ecco: mi pareva strano ke potesse essere un formato europeo! ^^''
    • Anonimo scrive:
      Re: Giusto oggi...
      - Scritto da: avvelenato
      correzione: sacd=sony :)Dimenticavo come il forum sia frequentato da sapientoni come Avvelenato che devono dire sempre l'ultima!Ma ti è mai passato per la scatola cranica il dubbio di andare a verificare chi detiene i brevetti delle tecnologie utilizzate come ad es. la DSD?No ti sembra che si tratti di due imprese che hanno già collaborato alla creazione del formato CD-DA?Non ti sei mai chiesto quale possa essere l'apporto di Sony che risaputamente è nota per la propria capacità di rielaborare tecnologie esistenti per offrire prodotti molto apprezzati.Non è forse questa la storia del marchio, fini dai primi ricevitori a transistor, passando per i televisori Triniton, per i Walkman, i floppy da 3,5", i MiniDisc, fino ai palmari, tutte tecnolie già esistenti migliorate da Sony tramite accorgimenti degni di nota (eccetto Atrac).Inutile discutere anche dell'enorme contributo di questo continente nello sviluppo di tecnologie poi largamente utilizzate dai colossi giapponesi, che al massimo hanno derivato da queste nuovi prodotti, come l'acqua calda!
      • avvelenato scrive:
        Re: Giusto oggi...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: avvelenato

        correzione: sacd=sony :)

        Dimenticavo come il forum sia frequentato da
        sapientoni come Avvelenato che devono dire
        sempre l'ultima!inutile mettere faccine, con gli incazzosi.

        Ma ti è mai passato per la scatola
        cranica il dubbio di andare a verificare chi
        detiene i brevetti delle tecnologie
        utilizzate come ad es. la DSD?btw, io so che il marchio sacd è registrato da sony.se mi vuoi correggere fai pure, ma chi ha registrato il brevetto del dsd non c'entra nulla.

        No ti sembra che si tratti di due imprese
        che hanno già collaborato alla
        creazione del formato CD-DA?sì, e allora?il cd-da è una roba diversa.

        Non ti sei mai chiesto quale possa essere
        l'apporto di Sony che risaputamente è
        nota per la propria capacità di
        rielaborare tecnologie esistenti per offrire
        prodotti molto apprezzati.eh! certo!

        Non è forse questa la storia del
        marchio, fini dai primi ricevitori a
        transistor, passando per i televisori
        Triniton, per i Walkman, i floppy da 3,5", i
        MiniDisc, fino ai palmari, tutte tecnolie
        già esistenti migliorate da Sony
        tramite accorgimenti degni di nota (eccetto
        Atrac).
        sì, proprio quelli!
        Inutile discutere anche dell'enorme
        contributo di questo continente nello
        sviluppo di tecnologie poi largamente
        utilizzate dai colossi giapponesi, che al
        massimo hanno derivato da queste nuovi
        prodotti, come l'acqua calda!già!btw, il marchio sacd è sony o philips?facevi una più bella figura se mi postavi un link nel quale si mostrava chiaramente che stavo prendendo una cantonata, piuttosto che sparare un nugolo di parole a caso... :
  • DKDIB scrive:
    Re: Migliore qualità audio del DVD?
    Anonimo wrote:
    MA il DVD-AUDIO non adotta un formato audio compresso?
    Come fa una cosa compressa suonare meglio di una cosa
    non compressa com'è il CD-AUDIO?La musica professionale non viene certo registrata a meno di 48 KHz, mentre invece i CD Audio possono contenere musica esclusivamente a 44.1 KHz.Per quanto riguarda invece il DVD Audio, non solo il formato usato e' a bassa compressione, ma esso agisce in buona parte sui dati ke non sarebbero comunque udibili (e per l'altra buona parte si comporta come un algortimo di compressione lossless).
    • avvelenato scrive:
      Re: Migliore qualità audio del DVD?
      - Scritto da: DKDIB
      Anonimo wrote:

      MA il DVD-AUDIO non adotta un formato
      audio compresso?

      Come fa una cosa compressa suonare
      meglio di una cosa

      non compressa com'è il CD-AUDIO?

      La musica professionale non viene certo
      registrata a meno di 48 KHz, mentre invece i
      CD Audio possono contenere musica
      esclusivamente a 44.1 KHz.

      Per quanto riguarda invece il DVD Audio, non
      solo il formato usato e' a bassa
      compressione, ma esso agisce in buona parte
      sui dati ke non sarebbero comunque udibili
      (e per l'altra buona parte si comporta come
      un algortimo di compressione lossless).non lo è:il formato dvd-audio prevede la traccia registrata 2 volte:una volta in formato non compresso (compresso loseless per la precisione), o stereo 192khz 48bits, o 5.1 96khz 24bits (mi pare)e la seconda volta in formato compresso lossy AC3, secondo gli standard dvd-video, per mantenere compatibilità coi lettori dvd-video da tavolo.è scontato che nel secondo caso la qualità è comunque migliore di un cd.
      • Anonimo scrive:
        Re: Migliore qualità audio del DVD?
        Se ricordo bene AC3 è al massimo 640Kbit/s, quindi si hanno 6 canali a 110Kb/s, quindi la qualità è comparabile con l'MP3 a 128k.Soltanto la traccia PCM, che non è compressa, è di qualità superiore al CD, a meno che non sia stata aggiunta la filigrana (detta anche watermark, cercate sul web per farvene un'idea), sempre che non l'abbiano aggiunta pure al CD.
        • avvelenato scrive:
          Re: Migliore qualità audio del DVD?
          - Scritto da: Anonimo
          Se ricordo bene AC3 è al massimo
          640Kbit/s, quindi si hanno 6 canali a
          110Kb/s, quindi la qualità è
          comparabile con l'MP3 a 128k.
          Soltanto la traccia PCM, che non è
          compressa, è di qualità
          superiore al CD, a meno che non sia stata
          aggiunta la filigrana (detta anche
          watermark, cercate sul web per farvene
          un'idea), sempre che non l'abbiano aggiunta
          pure al CD.è un errore grossolano quello di paragonare 110kbps x 6 canali ai 128 di un mp3 in joint stereo.....
  • Anonimo scrive:
    ma esistevano gia !
    Nel 2002 ho comprato il dvd zona 1 di Blair Witch 2 ed era gia DVD con il film da una parte e CD con la musica del film dall'altra !n.b come si vede nel link seguente nelle caratteristiche tecniche si parla di "double-sided:DVD-9 e CD"Che novità e novità e dunque questa ?Turk 182
    • Anonimo scrive:
      Re: ma esistevano gia !
      scusatemi ecco il link : http://www.filmfreakcentral.net/dvdreviews/bookofshadows.htmTurk 182
    • Ga7su scrive:
      Re: ma esistevano gia !
      già... anche io ho un disco in tale formato... si tratta del concerto "Rage & Lingua Mortis Orchestra", da un lato cdaudio, dall'altro dvdvideo... dove sta la novità??
  • Anonimo scrive:
    Migliore qualità audio del DVD?
    MA il DVD-AUDIO non adotta un formato audio compresso? Come fa una cosa compressa suonare meglio di una cosa non compressa com'è il CD-AUDIO?
  • Anonimo scrive:
    Giusto oggi...
    ...ho fatto un giro in alcuni negozi di dischi nel centro di Milano e i DVD Audio hanno prezzi dai 22 ai 30 Euro.Il nuovo formato DualDisc offre solo costi di produzione maggiori, facendo perdere la parte stampata del disco, che a mio avviso rende immediatamente riconoscibile un originale rispetto ad un CD-R, contribuendo a dare maggior valore aggiunto al prodotto.Quanto a qualità sono certo, come ho già constatato con mano, che il formato SA-CD di Philips (che non ha gli inconvenienti di cui sopra), grazie alla riduzione delle elaborazioni in fase di produzione, offre una resa qualitiva migliorata anche sul layer CD-DA.Da tempo acquisto i miei dischi in formato SA-CD e non sento certo il bisogno di questa pseudo-innovazione, e pago già malvolentieri il costo richiestomi.Non potevano infine fare due layer sovrapposti per evitare di non poter stampare le dita su entrambi i lati?A mio avviso serve una regolamentazione del settore, perché una catena riproduttiva capace di far apprezzare la maggior qualità offerta non costa 50 Euro come un lettore di DVD e si mi costringono a dover acquistare nuovi lettori per ascoltare i pochi artisti che compro, esercitando una leva inaggirabile nota l'escusività di cui godono le major con gli artisti, mi si aggiunge un nuovo costo che graverà proprio chi la musica la compra e non riuscirebbe ad ascoltare le porcherie che si trovano in mp3.E ora di finirla!
  • scorpioprise scrive:
    Re: indeciso su che lato graffiare?
    Mah, guarda, nell'indecisione li graffio tutt'e due, tanto sono copy-prohibited (e anche read-prohibited....) :p
  • avvelenato scrive:
    indeciso su che lato graffiare?
    questo dualdisc fa per te! :D
Chiudi i commenti