Il giocattolo è sicuro, lo dice l'SMS

Fornendo il nome di un giocattolo, si ricevono le informazioni riguardo al contenuto di sostanze tossiche. Negli USA, via SMS e anche via web

Roma – Non si è ancora placata la polemica sulla vicenda – esplosa la scorsa estate – della scoperta di giocattoli fabbricati con sostanze tossiche , che ha costretto aziende come Mattel al ritiro di milioni di prodotti. Il consumatore USA, pur plaudendo all’iniziativa, è diventato diffidente. E ora ha un’arma in più per tutelare gli acquisti per i propri bambini: si chiama Healthy Toys .

L’idea è venuta a MomsRising.org , associazione di famiglie di consumatori che ha lanciato un servizio di messaggistica SMS legato ad un database di oltre 1.200 giocattoli censiti e verificati per il loro contenuto di sostanze tossiche (piombo, cadmio, mercurio, arsenico, a altre sostanze).

Come riferisce Post-gazette , il funzionamento è piuttosto semplice: chi desidera notizie su uno specifico giocattolo, magari perché si trova in un negozio e intende acquistarlo, deve solamente scrivere in un SMS il testo “Healthytoys” seguito dal nome del giocattolo, seguito dal numero 41411. Si riceverà un messaggino che, in relazione al prodotto richiesto, comunicherà il livello (basso, medio o alto) di sostanze tossiche riscontrato dai test effettuati.

Il sito web del servizio fornisce le stesse informazioni agli utenti registrati , offrendo un servizio di ricerca per nome, marchio o tipo di giocattolo e pubblica anche alcune classifiche di prodotti in base alla quantità di sostanze rilevate (a questa pagina c’è l’elenco dei peggiori, mentre qui ci sono quelli ritenuti più sicuri).

Il sistema è molto utilizzato: online da poche settimane, ha attirato una mole di contatti tale da risultare molto lento, negli ultimi giorni. È difficile capire se, nei consumatori, questo servizio generi più tranquillità o più apprensione, ma l’argomento è sicuramente di vasto e pubblico interesse. Sicuramente è utile, purché un papà al supermercato non spedisca un SMS per ognuno dei 10mila giocattoli esposti sugli scaffali. Altrimenti l’unico ad essere soddisfatto sarà l’operatore mobile.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bastard Inside scrive:
    Ma a banchettare sul cadavere di Palm...
    ... WinCE, che in passato aveva rosicchiato quote a Palm approfittando dei suoi errori, stavolta non è invitato: Symbian e Linux faranno la parte del leone, dato chehttp://www.roughlydrafted.com/RD/RDM.Tech.Q1.07/50755EA6-A759-42FD-84ED-EBB5A060AF16.htmle in più, rispetto a quando è stato scritto l'articolo, le cose per WinCE sono anche peggiorate, Symbian mantiene la sua forza, per Linux è arrivato Android, che alle spalle ha Google, e aumenterà ulteriormente la forza di Linux che è già secondo alle spalle di Symbian, e in più è arrivato iPhone e RIM è nel pienodi un esplosione di dinamismo e rinnovamento che già da mesi sta dando i suoi frutti.
    • Ste scrive:
      Re: Ma a banchettare sul cadavere di Palm...
      Symbian non mi piace...sarà una cosa personale forse.Però credo che sia il secondo più diffuso SO per smartphone solo perchè Nokia lo monta su tutti i suoi e Nokia da sola ha più del 35% del mercato.Riguardo ad Android ho tanta curiosità, molte aspettative, ma anche molti dubbi. Aspetto di vederlo all'opera...se sarà un successo e manterrà le promesse è candidato a polverizzare la concorrenza. Da verificare la questione privacy.WinCE...non l'ho mai utilizzato, quindi non posso dare giudizi pratici. Però posso dire di certo che vuole troppe risorse (memoria in primis) a parità di operazioni da svolgere.PalmOS: se ACCESS non si muove a svilupparlo si trova in mano un cadavere. Sempre meno developer lavorano a software per PalmOS, dato che non si sa nemmeno cosa sarà il suo successore. Quindi il futuro PalmOS (se mai ci sarà) potrebbe trovarsi a corto di soft aggiornato e poco appetibile.
      • Gianmarco scrive:
        Re: Ma a banchettare sul cadavere di Palm...
        Access ha già completato il lavoro, la suite ALP è già disponibile e ci stanno lavorando alcuni costruttori (Sharp ha già annunciato un dispositivo, e Nokia ha messo l'emulatore sui suoi tablet).
  • Carlo scrive:
    Palm nettamente inferiore ai Nokia
    Per uso personale ho un Nokia E61, configurato con Blackberry connect. Per lavoro ho un palm Treo 650. Non c'e' paragone...Il software Nokia e' stabilissimo, quello Palm, cioe' Windows Mobile, si pianta molto spesso - da bravo Windows che si rispetti. La batteria del mio Nokia dura da 3 a 7 giorni, in base all'utilizzo; quella del Palm si scarica se lo lascio in standby 24 ore (nel weekend, quando non mi erano arrivate email ne' telefonate). Viaggiare per lavoro col palm e' un incubo: devo sempre portarmi un caricabatteria e caricarlo appena ne ho l'occasione.Direi che Palm sta facendo la fine che si merita.
    • Eh? scrive:
      Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
      Windows Mobile + Treo??
      • Ste scrive:
        Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
        Per Carlo:ma sei sicuro che il tuo sia un Treo650...perchè i difetti che hai elencato sono esattamente quelli a mio avviso presenti sul Treo700 (batteria scarsa in particolare, nonostante il display più piccolo). Tra le altre cose il 700 è l'unico Palm a montare windows. Sul 650 anche volendo windows non ce lo puoi mettere proprio...non c'è abbastanza memoria.
      • mmorselli scrive:
        Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
        - Scritto da: Eh?
        Windows Mobile + Treo??Purtroppo si, Palm ha fatto un Treo con windows mobile, e se dire che per questo merita di fallire è troppo, almeno deve essere punita...La forza di Palm è il PalmOS, che non è semplicemente migliore di Windows Mobile, ma è proprio concettualmente di un altro pianeta. Windows Mobile ha provato a mettere Il windows dei PC dentro a dei palmari, che è come mettere le ruote di una formula uno su una panda. PalmOs è stabile, leggero, veloce, ogni cosa è come deve essere per un palmare.Il problema di Palm è avere fatto oggetti troppo perfetti, io ho comprato un PalmTX più di due anni fa e oggi non riesco a desiderare un palmare migliore, è troppo perfetto. E questo per un'industria di elettronica consumer equivale ad un suicidio. I processori, le macchine fotografiche, i televisori, sei sempre invogliato a prendere un modello migliore, che corregge le mancanze dei modelli precedenti, ma con un TX non succede...
        • Carlo scrive:
          Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
          Windows = Ferrari??? :)A costo di scatenare un flame, sono convinto che Windows sia un sistema estremamente instabile gia' sui PC, e farne una versione per palmari e' di una idiozia che solo Microsoft... Quando - cioe' molto spesso - mi vedo lo screen of death sul palmare, e la richiesta di inviare l'error report proprio come su Windows, non so se ridere o piangere. Mai avuto uno screen of death su Linux ne' sullo smartphone Nokia.
          • mmorselli scrive:
            Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
            - Scritto da: Carlo
            Windows = Ferrari??? :)LOL ! Si... almeno per i consumi :-))))Già il fatto che Windows Mobile o Win CE abbia un pulsante start è una follia... su un palmare ? ma siamo pazzi ? Per fare una cosa su Windows mobile occorrono 3 o 4 volte più click che su PalmOS, e in un palmare la rapidità è tutto, perchè lo usi in condizioni estreme, spesso scomode.Ma la cosa più assurda di tutte è che in un dispositivo con poca ram e poca cpu le applicazioni non vengono mai chiuse veramente finche non vai tu dal pannello di controllo a chiuderle. Forse è troppo avanti... è già pronto per il 2015, quando i palmari avranno un quad core e 2 giga di ram :-)Speriamo davvero che un qualche progetto open source ci salvi dalla distruzione di questi oggetti invece utilissimi che sono i palmari. Tanto in un palmare non devi montare 10.000 applicativi, ma devi montarci i 10 che ti servono, che funzionino bene, rapidamente e sempre.
          • Carlo scrive:
            Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia
            Un'altra assurdità è che il mio Treo non si puo' spegnere. Sì, avete capito bene: il bottone rosso lo mette in modalità "aereo", togliendo la ricezione del segnale, ma l'unico modo per spegnerlo veramente è rimuovere brutalmente la batteria. Quindi quando si vola, a meno di non voler disobbedire alle norme di sicurezza, bisogna togliere la batteria durante decollo e atterraggio.MA LA STUPIDITA' PROPRIO NON HA LIMITI????????PS Il dipartimento IT della mia azienda è composto o di incompetenti o di corrotti che hanno preso mazzette da Vodafone e da Palm, altrimenti non si spiegherebbe perché sono passati dai Blackberry ai Treo...
          • Ste scrive:
            Re: Palm nettamente inferiore ai Nokia


            PS Il dipartimento IT della mia azienda è
            composto o di incompetenti o di corrotti che
            hanno preso mazzette da Vodafone e da Palm,
            altrimenti non si spiegherebbe perché sono
            passati dai Blackberry ai
            Treo...Non è detto. L'abbinata Treo750v+Vodafone era venduta (perchè non so se c'è ancora) ad un prezzo molto "intrigante".E poi è UMTS...vuoi mettere! Scherzo...Cmq questa è un'altra cosa su cui Palm si è "seduta" molto: la vendita brandizzata dagli operatori a prezzi stracciati. Di fatto Palm non era più un fornitore degli utilizzatori, ma delle compagnie telefoniche.
  • pistol3 scrive:
    assistenza nokia:un bluff
    scusate ho fatto un errore-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 dicembre 2007 12.06-----------------------------------------------------------
  • Brrr scrive:
    Foleo
    Personalmente non ho capito il perchè del Foleo, date le ridotte mansioni che poteva fare.Vista la potenza dei microprocessori attualmente disponibili per i palmari forse sarebbe stato meglio implementare una "scocca vuota" con display, tastiera e batteria, più uno slot dove infilare il palmare. Niente sincronizzazione o duplicazione di interfacce e basso costo di realizzazione dell'espansione.
    • Gianmarco scrive:
      Re: Foleo
      Quali ridotte mansioni?Il Foleo è un dispositivo equivalente all'Eee, cioè un sistema non "full-featured PC" (cioè le macchine per uso generalizzato) dedicato ad alcune attività che poi sono quelle che vengono svolte dal 90% delle persone che si comprano un portatile: email, web, documenti office, messenger, voip, e poco più.
      • Brrr scrive:
        Re: Foleo
        - Scritto da: Gianmarco
        Quali ridotte mansioni?

        Il Foleo è un dispositivo equivalente all'Eee,
        cioè un sistema non "full-featured PC"Non è proprio così. Il portatile Asus può lavorare da solo, il Foleo doveva neccessariamente appoggiarsi allo smartphone per funzionare correttamente.Sono due concetti diversi.
        • Gianmarco scrive:
          Re: Foleo
          Mi spiace ma non è assolutamente vero quanto dici. Il Foleo era una macchina assolutamente indipendente, dotata di propria connettività WiFi e gestione di files/documenti/funzioni varie, con *in più* la possibilità di condividere dei dati con gli smartphone.Purtroppo qualche genio in Palm ha avuto la pensata di denominarlo "Smartphone Companion" e la gente ha capito male.
          • Brrr scrive:
            Re: Foleo
            - Scritto da: Gianmarco
            Mi spiace ma non è assolutamente vero quanto
            dici. Il Foleo era una macchina assolutamente
            indipendente, dotata di propria connettività WiFi
            e gestione di files/documenti/funzioni varie, con
            *in più* la possibilità di condividere dei dati
            con gli
            smartphone.Da quanto avevo letto non mi sembrava così. Ad esempio non ho visto citata la possibilità di installare applicazioni proprie. Che potesse lavorare da solo è vero, ma non poteva fare tutto da solo e per quello che costava le sue mansioni erano decisamente limitate. Almeno così avevo letto.Ad ogni modo, il progetto è morto e spero non lo ritirino fuori così com'era pensato.
          • Gianmarco scrive:
            Re: Foleo
            Veramente di applicazioni proprie ce ne erano e nemmeno poche, nelle due settimane prima della data presunta del lancio ne avevano già annunciate una decina......personalmente auspico che lo ritirino fuori molto presto, esattamente così come era :)
  • Andrea M scrive:
    Ma il Centro sarà disponibile in europa?
    99 dollari sì per il Centro ma solo se ti abboni (a quanto pare).sarà disponibile in Europa?
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
      Eccolo. ;)http://www.shop.190.it/190/trilogy/jsp/home.do?shop_forward=%2FphoneCard.do&sn=s&pfid=41091370&tk=9893,v6&channelId=-8810&pageTypeId=9893&programId=9820&ty_logged=no
      • Brrr scrive:
        Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Eccolo. ;)

        http://www.shop.190.it/190/trilogy/jsp/home.do?shoPerò!369 senza abbonamento e 149 con abbonamento di 2 anni, contro 99$ con abbonamento Sprint di 2 anni.Le solite fregature qui in Italia...
        • Gianmarco scrive:
          Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
          ????Ragazzi, vediamo di non fare confusione dicendo cose a vanvera... Il Palm Treo 500 NON c'entra niente con il Palm Centro.Il Treo 500 si chiama, per l'appunto, Treo. Il Centro si chiama Centro (e non "Treo Centro" come alcuni credono).Il Treo 500 è Windows Mobile 6 Standard, il Centro è Palm OS Garnet 5.5.Il Treo 500 è uscito - per ora - solo in Europa, il Centro è uscito - per ora - solo negli USA.Hanno anche forma e dimensioni molto diversi.
          • Brrr scrive:
            Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
            - Scritto da: Gianmarco
            Ragazzi, vediamo di non fare confusione dicendo
            cose a vanvera... Il Palm Treo 500 NON c'entra
            niente con il Palm
            Centro.Chiedo venia, mi sono fidato di Luca senza controllare il sito americano :)Tralaltro vedo che il Centro è Dualband CDMA quindi non lo vedremo in Europa sotto questa forma.
          • Gianmarco scrive:
            Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
            Il Centro è esclusiva Sprint (rete cdma) per 3 mesi dal lancio, l'uscita in versione GSM/quad-band/Edge è prevista per fine gennaio. A Febbraio dovremmo vederlo in Italia, anche se non sarà certo a 99 euro (quello è il prezzo sovvenzionato da Sprint).
          • Brrr scrive:
            Re: Ma il Centro sarà disponibile in europa?
            - Scritto da: Gianmarco
            A
            Febbraio dovremmo vederlo in Italia, anche se non
            sarà certo a 99 euro (quello è il prezzo
            sovvenzionato da Sprint).Ottimo. Forse con qualche contratto di 2 anni costerà una cifra simile anche in Italia.
  • m7yit scrive:
    spero bne per Palm
    Uso da 10 anni palmari con SO Palm, non so ancora per quanto tempo ... La crisi di Palm è la dimostrazione che non basta essere i migliori, è necessario migliorarsi, sempre....Palm ha inventato il palmare di massa, è stata la migliore piattaforma, e ora? spero che non scompaia, i Treo sono ancora fra i migliori, che cosa gli manca?il sistema operativo non puo essere aggiornato a breve per i noti motivi, forse dobbiamo rassegnarci a rinunciare al WIFI, e non è semplice. Però assistere al successo dell'IPHONE senza tastiera è una beffa atroce per chi ha speriemntato la superiorità del "Graffiti" Palm..io propongo:1) un smart phone senza tastiera(anche + economico)2) una offerta flat degli operatori operatori telefonici che consenta di essere on line a costo contenuto..3) se il wifi non c'è si puo provare a potenziare il Bt e se nemmeno questo è possibile, un "In bocca al lupo...."Forse SI PUO ANCORA EVITARE LA FINE...!Auguri!
  • Gianluca Roncati scrive:
    peccato per il S.O.
    mi spiace perchè il S.O. palm è sicuramente migliore dei Windows che ora stanno proponendo su tutti gli smartphone, io ho provato HTC ed HP e sono sempre ritornato al mio Treo 650
    • fud and fud scrive:
      Re: peccato per il S.O.
      - Scritto da: Gianluca Roncati
      mi spiace perchè il S.O. palm è sicuramente
      migliore dei Windows che ora stanno proponendo su
      tutti gli smartphone, io ho provato HTC ed HP e
      sono sempre ritornato al mio Treo
      650mm.. magari si decideranno a rendere beos opensource..sempre che lo abbiano ancora loro.
    • Gianmarco scrive:
      Re: peccato per il S.O.
      Il S.O. viene portato avanti da ACCESS, che ha acquisito PalmSource.
  • Ste scrive:
    Poche idee...e ben confuse
    Palm ahìmè non ne azzecca neanche mezza da circa 18 mesi. E in un mercato dove ogni sei mesi devi innovare per non rimanere indietro...vuol dire che ha perso anni luce dai concorrenti. Mi stavo giusto chiedendo come si tenesse a galla. Se non ha investito correttamente quando i soldi li aveva...ora che è con l'acqua alla gola non vedo proprio grosse possibilità.Palm aveva avuto per prima grandiose idee, sulle quali si è però cullata, senza coltivarle. Prendiamo gli smartphone: con il treo650 aveva un grosso vantaggio sui concorrenti...e poi si è arenata. Il 680 è poco più che un restiling, nessuna novità realmente significativa).Basta vedere che per abilitare il wifi sul 650 sarebbe bastato un nuovo firmware, che chiaramente Palm non ha rilasciato, sennò il 680 chi se lo comprava...visto che a parte la memoria in più era identico al 100%?Il 700 secondo me è addirittura peggiore del 650 come prestazioni (ok l'UMTS...ma per il resto è un catorcio in confronto). Sul Foleo non commento...un aborto in partenza. Si fosse capito almeno a cosa serviva realmente...come se un "manager" non avesse già un PC.Ora tirano fuori il canto del cigno: Centro. Di fatto lo paghi per quello che è. Un ottimo smartphone, ma vecchio di almeno 18 mesi in partenza. Poichè è praticamente la stessa cosa del 650 migliorato (anche nello stile, ok). Tagliando sul prezzo ovvio che vende. Ma non so quanto Palm ci possa guadagnare.Per il resto poche idee e ben confuse (come da titolo): prima vogliono abbandonare PalmOS (ottimo per l'epoca, ma senza più sviluppo non regge più). Poi lo riesumano (ma senza svilupparlo, perchè il progetto è morto e sepolto). Poi vogliono buttarsi su linux...anzi no...ma forse si. Intanto sul 700 ci mettono windows che non si sa mai (però processore e memoria sono quelli del 680, quindi windows ci arranca).
    • Relax! scrive:
      Re: Poche idee...e ben confuse
      Hai per perfettamente ragione: ho sempre avuto e consigliato palmari Palm ed erano veramente ben fatti e venduti ad un prezzo secondo me piu' vantaggioso rispetto a quelli con windows. Ho avuto il Treo 650: buon prodotto. Poi Palm si e' persa e ha sprecato un patrimonio di utenti/software (trovavi veramente di tutto): per me il colpo di grazia e' stato quando ho visto lo smartphone con windows, un po' come vedere un mac con windows.... non lo dico per una "guerra di religione", ma e' la prova che nemmeno i manager credevano piu' nel loro sistema operativo. Buon Natale!
    • Gianmarco scrive:
      Re: Poche idee...e ben confuse
      Non è andata proprio così, direi.Il Foleo sarebbe stato un prodotto di successo, lo dimostrano i risultati che sta avendo l'Asus Eee negli USA. E' stato cancellato per lotte intestine tra Ed Colligan (il CEO che sta portando Palm al tracollo, purchè possa rimanere lui in poltrona) e Jeff Hawkins (il fondatore di Palm, inventore dei nuovi prodotti - Foleo incluso).La storia del S.O. è molto più articolata, c'è un pò di corresponsabilità da parte della vecchia PalmSource, ma soprattutto resta colpa di Colligan che ha cercato di affossare in borsa e ricomprare PalmSource per pochi spicci. Non ci è riuscito, l'ha comprata ACCESS, ed ora Palm si trova nella situazione attuale.
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Poche idee...e ben confuse
        - Scritto da: Gianmarco

        Il Foleo sarebbe stato un prodotto di successo,
        lo dimostrano i risultati che sta avendo l'Asus
        Eee negli USA. E' stato cancellato per lotte
        intestine tra Ed Colligan (il CEO che sta
        portando Palm al tracollo, purchè possa rimanere
        lui in poltrona) e Jeff Hawkins (il fondatore di
        Palm, inventore dei nuovi prodotti - Foleo
        incluso).Permettimi di fare una precisazione, visto che io stesso ero caduto nello stesso errore.Come mi hanno fatto notare ieri, Foleo ed EeePC sono due cose diverse: il primo era un affare che avrebbe funzionato solo abbinato ad un Treo, una sorta di agenda elettronica potenziata. Il secondo è un vero e proprio PC. Senza contare l'enorme differenza di target e di prezzo tra i due oggetti. ;)Luca
        • Gianmarco scrive:
          Re: Poche idee...e ben confuse
          Ciao Luca,purtroppo devo smentirti: il Foleo non ha alcun deficit funzionale rispetto all'Eee. Semmai ha un elemento in più, che è l'abbinabilità con lo smartphone. Purtroppo l'utenza ha capito male, oppure la scelta marketing è stata sbagliata, e tutti hanno pensato che il Foleo fosse "solo" un'estensione dello smartphone anzichè "anche".Riguardo la differenza di target non la vedo, mentre per il prezzo, beh, considera che lo Eee 8G costa 499 dollari come sarebbe costato il Foleo (che aveva sì meno memoria, ma schermo da 10").Se segui il tema sarò lieto di fornirti una storia dettagliata e vissuta in prima persona delle vicende Palm/PalmSource/Access degli ultimi 7-8 anni.Ciao
          • Ste scrive:
            Re: Poche idee...e ben confuse
            Accidenti...io scrivevo solo per mia esperienza personale...qui siete più che esperti della materia.Comunque da profano posso dire che si, certamente più di qualche cosa non ha funzionato nel marketing di Palm riguardo al Foleo, almeno sul mercato europeo (quello americano è un po' diverso e non lo conosco molto bene).PS: anche io ho avuto il Treo650...e ce l'ho ancora (va che è una bomba considerato che ha quasi due anni). Anche perchè per aggiornarlo aspettavo che uscisse qualcosa di veramente nuovo (ma non ne ho viste di novità da parte di Palm).Il risultato è che per l'aggiornamento mi sto già orientando verso altre marche. Con il risultato che se anche Palm dovesse stupirmi a breve...probabilmente comprerò Asus o HTC.Ed è forse questo il guaio peggiore per Palm: sta perdendo l'interesse della sua stessa clientela...fuguriamoci erodere quote di mercato altrui.
  • tecno-share scrive:
    palm
    qualcosa non mi torna , a giudicare dai dati io la cosa la vedo in attivo , voi no ???Le perdite nel Q3 si sono assestate sui 9,63 milioni di dollari, a fronte di entrate per 349,63 milioni. Al 30 novembre 2006 le entrate erano state pari a 392,91 milioni di dollari, con un ricavo netto di 12,77 milioni. Le cose vanno male pure in borsa, dove il titolo ha toccato il minimo a poco meno di 6 dollari.
    • Ste scrive:
      Re: palm
      - Scritto da: tecno-share
      qualcosa non mi torna , a giudicare dai dati io
      la cosa la vedo in attivo , voi no
      ???

      Le perdite nel Q3...CUT - CUT... Le cose vanno
      male pure in borsa, dove il titolo ha toccato il
      minimo a poco meno di 6
      dollari.Mica tanto bene: anzitutto le entrate sono i ricavi. Ricavi-costi=utile. Se i costi sono maggiori dei ricavi c'è perdita anzichè utile.Quindi in un anno Palm non solo ricava di meno (cioè perde volume di affari), ma non riesce neppure più a coprire i costi con i ricavi.Tradotto vuole dire che vende di meno...e vende pure in perdita!Questa è una delle situazioni peggiori possibili per un'azienda: il vero problema è la combinazione simultanea delle due cose, indice di digrazia prossima ventura.Unisci questo al fatto che non hanno assi nella manica (leggi novità di prodotto) per sistemare le cose...e la frittata è dietro l'angolo. Centro non è un asso nella manica...è un disperato tentativo: un prodotto ottimo, ma vecchio alla nascita. Proprio perchè idee nuove non ci sono.
Chiudi i commenti