Il mio ADSL è lento

Lo afferma un lettore che si lamenta del proprio fornitore e della velocità di connessione. Ma è un problema comune quasi a tutti. La qualità ADSL non è la velocità


Roma – Gentile redazione di Punto Informatico, vi scrivo per raccontarvi la mia esperienza negativa (comune purtroppo con altri abbonati al servizio) con la connessione ADSL Light di Libero Infostrada.

Verso la metà di aprile del 2002 decido di abbonarmi al servizio ADSL di Infostrada convinto oltre che dal prezzo conveniente, dall’ottimo servizio offerto dalla connessione analogica utilizzata da me fino a quel momento. Tutto va a buon fine subito, mi attivano la portante, il modem arriva dopo 3 giorni e così inizia la mia avventura con la banda larga.

Purtroppo la gioia termina dopo una settimana, quando la velocità di download cala vertiginosamente dai 20-25 Kbytes/s per attestarsi sui 3-4 K/s nei momenti “buoni”, i continui timeout rendono difficoltoso scaricare files anche di soli 50K, spedire una semplice email diventa un calvario.

Decido allora di telefonare al numero verde dell’assistenza, dove un gentile operatore (consulenti WIND secondo la vocina) dopo 40 minuti di attesa mi spiega cortesemente che il problema potrebbe essere la mia linea telefonica disturbata. Inutile spiegare che nel frattempo nulla era cambiato nel mio impianto telefonico, l’operatore mi tranquillizza dicendomi che avrebbero interpellato Telecom Italia per le verifiche del caso.
Naturalmente dopo altri 3 giorni con la connessione quasi inutilizzabile, ricontatto il numero verde e l’operatore del momento mi consiglia di scaricare un ottimizzatore dei parametri MTU e RWIN della mia macchina, software che funziona solo su sistemi operativi windows 98/ME quindi inutile per me che uso Windows 2000.

A questo punto dopo le innumerevoli telefonate, faccio un giro sui newsgroup per cercare di capire se il problema è solo mio o c’è altra gente nella mia situazione e un po’ sollevato (mal comune mezzo gaudio:) ) scopro che molti sono affetti dallo stesso problema, e che sono nate iniziative per cercare una soluzione comune al problema Infostrada.. L’iniziativa più concreta la trovate su questo sito
http://digilander.libero.it/liberiamosogno/adslow/

Quello che mi chiedo io è, come è possibile pubblicizzare un servizio che sulla carta dovrebbe essere a “banda larga” che possa consentire la visione di contenuti multimediali e il download di files grossi ad alta velocità, quando spesso è impossibile spedire una semplice e-mail contenente solo testo? È vero, Infostrada non dichiara la banda minima garantita, ma è possibile mai che un modem 56K possa fare di meglio di una connessione adsl?

Cordiali Saluti
Mario Prato

Caro Mario, sono molte, moltissime, le email che quotidianamente Punto Informatico riceve da abbonati ADSL di quasi tutti gli operatori italiani. Il problema che hai sperimentato non è di Wind-Infostrada ma è segnalato come tipico per una quantità di offerte di fornitori diversi. Le cose cambiano soltanto con quelle poche offerte basate su servizi garantiti che costano di più “in cambio” di un migliore controllo della qualità del broadband (in realtà non c’è un “prezzo conveniente”, c’è un’offerta che può esserlo se vengono messi in relazione prezzo e qualità).

Il punto è che l’ADSL “economico”, quello che più degli altri si sta sviluppando laddove esiste la copertura, perloppiù non viene offerto assieme a garanzie di banda e la sua qualità “vera”, che chi non ha l’ADSL senz’altro apprezzerebbe, è l’always-on, ovvero la possibilità di rimanere connessi in permanenza alla rete.

Gran parte dei problemi che si riscontrano sono dovuti alle aspettative per l’ADSL, ingigantite da pubblicità spesso irresponsabili, aspettative irrealistiche soprattutto per i prodotti a larghissima diffusione, a basso costo e senza alcuna garanzia contrattuale.

In bocca al lupo, Lamberto Assenti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono pazzi!!!!!
    2 anni fa un'adsl full 640/128 costava molto meno di adesso!!!! Ma dove sta il risparmio??? L'unica alternativa valida è fastweb secondo me!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono pazzi!!!!!
      Si, è incredibile... bah- Scritto da: Paperinik
      2 anni fa un'adsl full 640/128 costava molto
      meno di adesso!!!! Ma dove sta il
      risparmio??? L'unica alternativa valida è
      fastweb secondo me!!!
  • Anonimo scrive:
    top e premium
    prima incongruenza:avere l'adsl a 640 kbps si pagano 55 euro.per avere garantita una banda inferiore a quella di una 640 si devono pagare 83 euro.sono pazzi???seconda incongruenza:con le nuove offerte di alice con 60 euro e rotti si può avere l'adsl a 1 mbps in tutti i distretti coperti da telecom, quale idiota pagherà 83 euro???mah
    • Anonimo scrive:
      Re: top e premium
      Prima incongruenza:640 kbps è la banda massima... Vuol dire che al massimo arrivi a 640, non di più. Banda garantita è la banda minima. Vuol dire che più lento non andrai mai. Se non c'è banda garantita vuol dire che in certi momenti, quando ci sono tanti utenti collegati, andrai lento (alla faccia dei 640kbps). Avere banda garantita è garanzia di qualità (teoricamente....)Seconda incongruenza:Dove hai letto che Alice arriva a 1Mbps? Alice arriva a 256 kbps senza banda garantita.- Scritto da: gabriele
      prima incongruenza:
      avere l'adsl a 640 kbps si pagano 55 euro.
      per avere garantita una banda inferiore a
      quella di una 640 si devono pagare 83 euro.
      sono pazzi???
      seconda incongruenza:
      con le nuove offerte di alice con 60 euro e
      rotti si può avere l'adsl a 1 mbps in tutti
      i distretti coperti da telecom, quale idiota
      pagherà 83 euro???
      mah
  • Anonimo scrive:
    Bah, chiamatela concorrenza...
    Io vedo che tutti hanno gli stessi prezzi, ed il servizio è penoso, chiamatela concorrenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah, chiamatela concorrenza...
      e' chiara la strategia: tutte le società di DNA telefonico, (tiscali inclusa) stanno virando verso il consumo (telecom insegna) perchè per svariati motivi (aumento progressivo dell'uso in seguito, difficoltà di controllo dei tempi) è MOLTO piu' vantaggioso, naturamente per LORObyegluca
Chiudi i commenti