Il mio operatore si è volatilizzato

Un lettore racconta la sua avventura con Qtel: ottimi servizi e prestazioni e poi più nulla. Problemi con Telecom Italia? Cose che succedono?


Roma – Un saluto a tutti i lettori e internauti. Come già accaduto per il provider Village di cui ha parlato Punto Informatico , una situazione simile riguarda ora Qtel Spa .

Quest’ultima Azienda, alla quale avevo affidato uno dei miei due link con Internet, mi aveva fornito una eccellente connessione, con 16 indirizzi IP, rete delegata reverse e tutto quanto possa definirla una connessione professionale. Ero contentissimo. Avevo trovato un eccellente supporto tecnico, per merito del quale sono stati superati agevolmente spinosissimi problemi, di difficile individuazione.

Improvvisamente, il buio. Ho tentato i contatti telefonici: nulla, sempre occupato. Ho fatto trascorrere un giorno, nulla. Al secondo giorno ho iniziato ad insistere maggiormente finchè, stanco, gli ho scritto. Al terzo giorno, ogni tentativo su qualsiasi numero mi forniva la risposta “Il numero selezionato è inesistente”.

Per fortuna avevo il numero di cellulare del Direttore Commerciale. L’ho chiamato e, al secondo tentativo, mi ha risposto. Era affranto: mi ha riferito che, a causa di una lite con Telecom Italia, i collegamenti del provider, sia telefonico che internet, erano stati tagliati. Mi ha detto: “Sarà difficile, anche se vinceremo la causa, che possiamo riprenderci da un colpo simile. L’intero nostro parco clienti, Lei compreso, è scollegato. Ho dovuto licenziare quasi tutti. Si cerchi un altro provider, perché proprio non saprei come aiutarla”.

Sono rimasto allibito: non tanto per la connessione persa, che in qualche modo si risolverà, ma per aver appreso che tante persone dipendenti di QTEL S.p.A. si sono ritrovate senza lavoro. Vista la professionalità e competenza che hanno dimostrato (con fatti, non con parole) nei miei confronti, ritengo questa una perdita incalcolabile per la comunità Internet italiana, dove trovare quelle doti è divenuto davvero difficile.

Non conosco esattamente i motivi del contrasto fra i contendenti, potrebbe anche darsi che sia Telecom ad aver ragione: tuttavia, francamente, m’è parso un provvedimento un tantino… drastico. La mia solidarietà e il mio apprezzamento va quindi ai tecnici e a QTEL tutta per il lavoro svolto finora, con l’augurio che tutto possa, sia pure miracolosamente, risolversi.

Saluti a tutti.

Marco Valerio Principato
Roma

Caro Marco, abbiamo cercato noi stessi, inutilmente, di metterci in contatto con i dirigenti dell’azienda. Saremo felici di ospitare su queste pagine qualsiasi ulteriore approfondimento sulla questione, da parte loro o di altri soggetti interessati, per capire quanto accaduto. Un saluto, la Redazione

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sul risparmio ..... M$
    In questo dibattito, sui risparmi introdotti da Linux rispetto M$, sulla concorrenza frre/closed, etc.; sarebbe corretto da parte di chi sostiene M$ fare anche le seguenti considerazioni.Mettere un portale su win*, o meglio completamente su win*; non sempre è possibile. Se le richieste di servizio sono alte occorre considerare che bisogna metterlo in cluster ad alta disponibilità ed in cluster per il bilanciamento di carico (rete).Ora a Hotmail, M$ utilizza allo scopo Solaris (o meglio utilizza la tecnologia di Sun che è la migliore nel campo dei cluster ad alta disponibilità); i cluster cosi fatti con win* non reggono ed occorre mettere i server web IIS in cluster con il background di Solaris a decidere il bilanciamento di carico e i nodi disponibili.Onde per cui se il servizio lo richiedesse, non basterebbe mettere i server win*, ma occorrerebbe metterli in cluster alta disponibilità/bilanciamento carico; tutto questo perchè win non è buono (decisamente no!) per i cluster, per cui superate piccole necessità, win è inadeguato.Mentre un sistema Linux/UNIX, non necessariamente dodato della tecnologia Sun, riesce a tenere meglio esisgenze di ordine superiore. Sicuramente la tecnologia Sun è la migliore, ma ad esigenze più basse anche i sistemi open vanno bane. Ora ciò produce un notevole risparmio, rispetto a win*, risparmio da considerare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sul risparmio ..... M$
      - Scritto da: BSD_like
      Onde per cui se il servizio lo richiedesse,
      non basterebbe mettere i server win*, ma
      occorrerebbe metterli in cluster alta
      disponibilità/bilanciamento carico; tutto
      questo perchè win non è buono (decisamente
      no!) per i cluster, per cui superate piccole
      necessità, win è inadeguato.Ti risulta per caso che www.microsoft.comoppure msdn.microsoft.comgirino su sistemi che non sono Windows?Non mi dirai che quelli sono sitiscarsamente visitati o che non hanno applicazionicomplesse dietro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sul risparmio ..... M$
        A parte il fatto, che alla M$ non dichiarano mai completamente i sistemi usati; è il caso el progetto con Unisys, il quale dopo esser stato scoperto a girare su UNIX, è stato migrato il nome e l'indirizzo IP, per impedire i fermi sistema (tre volte se non sbaglio).nei sistemi che citi si sà che il servizio DNS è fatto da o.s. UNIX (BSD o Linux); e vorrei sapere anche il firewall su che gira (ci scommetterei FreeBSD).Non è cmq il primo caso di siti legati a M$ direttamente o indirettamente di cui si viene a conoscenza che utilizzano FreeBSD (frequentemente è questo l'o.s.).Cmq nel caso in oggetto, mi riferivo direttamente ad Hotmail.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sul risparmio ..... M$
          - Scritto da: BSD_like
          A parte il fatto, che alla M$ non dichiarano
          mai completamente i sistemi usati; http://www.microsoft.com/backstage/inside.htmI DNS di Microsoft sono in outsourcing presso Akamai.Hotmail è nato come progetto su Solaris.
  • Anonimo scrive:
    Non ha la patch di Apache
    Il nuovo megasito ha la patch per il buco di Apache?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ha la patch di Apache
      - Scritto da: Mario Rossi
      Il nuovo megasito ha la patch per il
      buco di Apache?
      e tu che fai titoli affermativi e poi mantieni il contenuto interrogativo, credi di aver davvero comunicato qualcosa di intelligibile?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ha la patch di Apache
        Francamente non ho trovato motivi sufficienti per rispendergli: chiunque si interessi minimamente ad Apache e abbia avuto almeno l creanza di fare una ricerca di 30 secondi su apache.org conosce PERFETTAMENTE la risposta.Niente da mangiare da me.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ha la patch di Apache
          - Scritto da: gsam
          Francamente non ho trovato motivi
          sufficienti per rispendergli: chiunque si
          interessi minimamente ad Apache e abbia
          avuto almeno l creanza di fare una ricerca
          di 30 secondi su apache.org conosce
          PERFETTAMENTE la risposta.Ossia che forse le versioni a 32 bit non sonosoggette ad exploit. Ma che in determinatecondizioni lo sono?Il fatto che nel post nel titolo mettevo un'affermazione e nel testo uno domanda eraproprio ispirato al quanto scritto sul sitodi Apache. Comunque ad oggi lo scanner di Retina diceche il sito è vulnerabile.
  • Anonimo scrive:
    chi lascia la via nuova per la via vecchia sa que
    llo che lascia e non sa quello che trova, alla prima fattura by IBM la regione lazio farà dietro front.comunque già da ora faccio presente alle menti della regione lazio che sono cascate nel trappolone open che in inverno la MS presentera nuove opportunita di multilicenza e consulenza per realizzare portali con punto net, quindi farete ancora in tempo dopo il flop a sfruttare le proposte.bye
    • Anonimo scrive:
      Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa que
      Don't feed the troll.Cambi nick ma l'italiano è lo stesso, ormai ti si riconosce.
      • Anonimo scrive:
        Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa

        Don't feed the troll.
        Cambi nick ma l'italiano è lo stesso, ormai
        ti si riconosce.mi spieghi perche' uno che dice che IBM non conviene rispetto a MS ( NON LINUX, IBM!!!!) deve essere automaticamente un troll?Se IBM non vendesse linux, la difendereste cosi'a spada tratta?ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa
          Rileggi: opencess (e già questo è più che sufficiente) parla di trappolone open, che evidentemente con IBM a poco a che fare.In ogni caso è un ragazzetto che si diverte a postare appunto cercando il flame, riguarda i topic inerenti in questi ultimi giorni.
          • Anonimo scrive:
            Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa
            allora...un mio amico gestisce un sito Internet su piattaforma NT (perchè dà meno lavoro di implementazione...) ma credo che passerà presto a Linux, in quanto il server NT si pianta di continuo...e questo e solo un esempio...spendere soldi per delle multilicenze microzzoz è quantomeno stupido...
          • Anonimo scrive:
            Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa
            - Scritto da: trecorone
            allora...un mio amico gestisce un sito
            Internet su piattaforma NT (perchè dà meno
            lavoro di implementazione...) ma credo che
            passerà presto a Linux, in quanto il server
            NT si pianta di continuo...e questo e solo
            un esempio...spendere soldi per delle
            multilicenze microzzoz è quantomeno
            stupido...onestamente se il tuo amico riesce a far piantare winnt con un semplice sito (fatto sicuramente alla ca***) gli dire di non andare verso l'open ma di cambiar mestiere, il venditore di gratta checca fa per lui sicuramente.
        • Anonimo scrive:
          Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa
          - Scritto da: maks
          mi spieghi perche' uno che dice che IBM non
          conviene rispetto a MS ( NON LINUX, IBM!!!!)
          deve essere automaticamente un troll?A dire la sacrosanta verità, tu non l'hai nemmeno letto il messaggio per rispondere così... Trappola Open... LOL haahah :-)È chiaro che si sfama solo con le risposte di chi si incazza (giustamente) per le stronzate che scrive... e cmq è sempre lui, cambia nick ma si riconosce sempre.Inutile agitarsi troppo, sarà il futuro, e non c'è .NET che tenga... finalmente l'informatica diventerà come sarebbe dovuta essere da sempre.
          • Anonimo scrive:
            Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa

            Inutile agitarsi troppo, sarà il futuro, e
            non c'è .NET che tenga... finalmente
            l'informatica diventerà come sarebbe dovuta
            essere da sempre.sidifficilealla portata di pochipoco produttivaincentrata sul correggere i bug, piuttosto che sullo sviluppo di sistemi e linguaggi che li evitino in partenza...bello
          • Anonimo scrive:
            Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa
            - Scritto da: penetrator
            si
            difficile
            alla portata di pochi
            poco produttiva
            incentrata sul correggere i bug, piuttosto
            che sullo sviluppo di sistemi e linguaggi
            che li evitino in partenza...

            belloOttimo, ironicamente parlando hai detto giusto...Se invece non era ironia, beh, sarà totalmente il contrario... Sto osservando oggettivamente come si sta evolvendo la tecnologia offerta dai software Open Source, ed è totalmente il contrario di come la dipingi tu...Il tuo esempio, parlando del Software closed, assomiglia direttamente a quelli fatti dai dirigenti Microsoft.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: chi lascia la via nuova per la via vecchia sa

            Il tuo esempio, parlando del Software
            closed, assomiglia direttamente a quelli
            fatti dai dirigenti Microsoft.
            Ciaopossibile che nel mondo del software non open source per voi esista solo Microsoft?siete dei monomaniaci.Il software che vorrebbero molti dei sostenitori dell'OS, de Icaza escluso, e' una delle cose piu' lontane che esistano dall'uomo.Se mi volete dire che il livello medio dell'utente si e' alzato e quindi ci si puo' permettere l'uso di sistemi alternativi ai classici Mac/Windows, sono d'accordo.Se mi volete dire che con l'avvento dei sistemi OS ci sara' finalmente l'informatica come sarebbe sempre dovuta essere... beh non sono piu' cosi' d'accordo con voi.Forse conoscerai l'aneddoto sulla nascita del C e di unix.Quella secondo te e' "l'informatica come sarebbe sempre dovuta essere"?Solo il buon kenzo kabuto poteva capire al volo i dati di un robot nemico leggendoli direttamente dal nastro perforato che usciva dall'elaboratore della fortezza delle scienze.Ma, appunto, quello e' un cartone animato.
    • Anonimo scrive:
      Re: chi lascia la M$ per l'Open ci guadagna
      - Scritto da: opencess
      llo che lascia e non sa quello che trova,
      alla prima fattura by IBM la regione lazio
      farà dietro front.oppure si rivolgerà ad altri operatori del mercato Open SourceMa la parola MERCATO e competitività LIBERA è un concetto sconosciuto al mondo vicino al monopolio microsoft
      comunque già da ora faccio presente alle
      menti della regione lazio che sono cascate
      nel trappolone open che in inverno la MS
      presentera nuove opportunita di multilicenzal'ennesimo trappolone strozacapponi del monopolio , vorrai dire.A queste fole non ci si crede più.Ripassa fra 70 anni, in coincidenza del passaggio della cometa Halley
  • Anonimo scrive:
    Quiz
    The site dirstudio.sirio.regione.lazio.it is running Lotus-Domino/5.0.8 on Windows 2000. The site www.operereti.regione.lazio.it is running Microsoft-IIS/4.0 on NT4/Windows 98. The site www.sirio.regione.lazio.it is running Apache/1.3.12 (Unix) FrontPage/4.0.4.3 PHP/4.0.1pl2 on AIX.The site pop3.sirio.regione.lazio.it is running Lotus-Domino/5.0.8 on NT4/Windows 98. The site www.regione.lazio.it is running IBM_HTTP_Server/1.3.12.6 Apache/1.3.12 (Unix) on Linux.Cosa metteranno sul prossimo server? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Tutto come previsto
    Alla fine metteranno Linux su delle macchineiSeries da 16 processori e spenderanno la modicacifra di 0 lire per Linux,2.000.000 Euro per un iSeries (AS/400) e 500.000Euro di licenze WebSphere, ovviamentemoltiplicato per i vari servizi della Regione. Il ministro Stanca è l'ex direttore di IBM EMEA.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto come previsto
      Tutto come previsto, esatto.L'adozione di Linux viene vista come uno strumento di IBM che secondo molti dovrebbe far adottare hardware potentissimo per UN sito.Molto meglio Windows e mettere in mano a un produttore straniero le nostre PA, fargli adottare falsi standard e sistemi insicuri.Cosa BEN diversa che utilizzare questo o quell'altro hardware o questa o quell'altra applicazione.Forse molti ignorano che l'hardware si può cambiare e che le applicazioni vanno upgradate quando se ne ha effettivamente bisogno e non perchè vengono dismesse.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto come previsto

        Tutto come previsto, esatto.
        L'adozione di Linux viene vista come uno
        strumento di IBM che secondo molti dovrebbe
        far adottare hardware potentissimo per UN
        sito.eh...pensa un po' che svolta...prima bastavano i pc, ora ci vogliono i mainframe IBM per fare la stessa cosa...
        Molto meglio Windows e mettere in mano a un
        produttore straniero le nostre PA, fargli
        adottare falsi standard e sistemi insicuri.
        Cosa BEN diversa che utilizzare questo o
        quell'altro hardware o questa o quell'altra
        applicazione.ma perche' IBM e' italiana?
        Forse molti ignorano che l'hardware si può
        cambiare e che le applicazioni vanno
        upgradate quando se ne ha effettivamente
        bisogno e non perchè vengono dismesse.questa considerazione prescinde da quale sistema usi, o sbaglio?ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Tutto come previsto
          - Scritto da: maks


          Tutto come previsto, esatto.

          L'adozione di Linux viene vista come uno

          strumento di IBM che secondo molti
          dovrebbe

          far adottare hardware potentissimo per UN

          sito.

          eh...
          pensa un po' che svolta...
          prima bastavano i pc, ora ci vogliono i
          mainframe IBM per fare la stessa cosa...Infatti è FUD, non succederà. In regione i conti devono tornare e tra un mainframe e PC c'è una leggera differenza di prezzo.L'equivalente di "Piove! Governo ladro! " insomma.

          Molto meglio Windows e mettere in mano a
          un

          produttore straniero le nostre PA, fargli

          adottare falsi standard e sistemi
          insicuri.

          Cosa BEN diversa che utilizzare questo o

          quell'altro hardware o questa o
          quell'altra

          applicazione.

          ma perche' IBM e' italiana?Linux è IBM ?

          Forse molti ignorano che l'hardware si può

          cambiare e che le applicazioni vanno

          upgradate quando se ne ha effettivamente

          bisogno e non perchè vengono dismesse.

          questa considerazione prescinde da quale
          sistema usi, o sbaglio?Mi pare che MS smetta di supportare i suoi sistemi operativi in favore di quelli più nuovi a dir la verità.
          ciaoCiao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto

            Infatti è FUD, non succederà. In regione i
            conti devono tornare e tra un mainframe e PC
            c'è una leggera differenza di prezzo.
            L'equivalente di "Piove! Governo ladro! "
            insomma.
            allora websphere costa meno di IIS? o di apache?

            ma perche' IBM e' italiana?

            Linux è IBM ?
            quindi vorresti intendere che la rgione lazio e' passata da windows a linux, non che sia passata da MS ad IBM?E che se domani arrivasse Sun non passerebbero a Solaris?
            Mi pare che MS smetta di supportare i suoi
            sistemi operativi in favore di quelli più
            nuovi a dir la verità.
            IBM i suoi da una parte li affossa (propone linux, windows e AIX ai clienti), dall'altra li supporta (OS/2 e' ancora a listino)Se questa e' coerenza...ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            - Scritto da: maks
            allora websphere costa meno di IIS? o di
            apache?Cosa c'entra ? Il tizio parlava di hardware. Websphere è un software se vogliono cambiarlo lo cambiano. Avranno avuto buone ragioni per adottarlo no ? E' un web server mi pare.C'è una leggera differenza tra sospettare che un sito giri su un mainframe perchè l'IBM lo sponsorizza e che un sito giri su un determinato webserver perchè l'IBM lo sponsorizza: la prima è un'ipotesi campata per aria che NON giustificherebbe assolutamente la spesa di un mainframe la seconda invece è ovvia dato che l'IBM tira acqua al suo mulino.
            quindi vorresti intendere che la rgione
            lazio e' passata da windows a linux, non che
            sia passata da MS ad IBM?
            E che se domani arrivasse Sun non
            passerebbero a Solaris?Il problema di fondo è sempre lo stesso: Linux non è IBM. IBM sponsorizza (o Stanca se preferisci), ma se sponsorizza Linux (o FreeBSD o NetBSD o OpenBSD) ben venga IBM. Non sponsorizzerebbe se non avesse un tornaconto, ma non sono benefattori. Dipende dalla regione ma Linux NON è legato a IBM. Se vogliono abbandonare IBM posso tenere Linux.
            IBM i suoi da una parte li affossa (propone
            linux, windows e AIX ai clienti), dall'altra
            li supporta (OS/2 e' ancora a listino)
            Se questa e' coerenza...Li affossa proponendoli ?
            ciaoCiao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            allora websphere costa meno di IIS? o di

            apache?

            Cosa c'entra ? Il tizio parlava di hardware.
            Websphere è un software se vogliono
            cambiarlo lo cambiano. Avranno avuto buone
            ragioni per adottarlo no ? E' un web server
            mi pare.
            C'è una leggera differenza tra sospettare
            che un sito giri su un mainframe perchè
            l'IBM lo sponsorizza e che un sito giri su
            un determinato webserver perchè l'IBM lo
            sponsorizza: la prima è un'ipotesi campata
            per aria che NON giustificherebbe
            assolutamente la spesa di un mainframe la
            seconda invece è ovvia dato che l'IBM tira
            acqua al suo mulino.
            ??????oltre quindi a dover comprare l'hardware, non per forza un mainframe, ma sono sicuro che qualche netfinity IBM alla regione ci finira', devi anche comprare websphere, che costa una botta, se questo e' risparmiare...

            quindi vorresti intendere che la rgione

            lazio e' passata da windows a linux, non
            che

            sia passata da MS ad IBM?

            E che se domani arrivasse Sun non

            passerebbero a Solaris?

            Il problema di fondo è sempre lo stesso:
            Linux non è IBM. IBM sponsorizza (o Stanca
            se preferisci), ma se sponsorizza Linux (o
            FreeBSD o NetBSD o OpenBSD) ben venga IBM.
            Non sponsorizzerebbe se non avesse un
            tornaconto, ma non sono benefattori. Dipende
            dalla regione ma Linux NON è legato a IBM.
            Se vogliono abbandonare IBM posso tenere
            Linux.
            Invece se IBM sponsorizza windows (o altro che non sia OS), non dici piu' ben venga?perche'?Io faccio un semplice ragionamento, la regione e' passata ad IBM, non a linux.Il ragionamento "Se vogliono abbandonare IBM possono tenere Linux" vale anche al contrario, se vogliono passare ad IBM, possono anche tenere windows. Websphere c'e' anche li'.Quindi deduco che IBM gestira' in toto la fornitura, dall'HW al SW.Non vedo dove sia il vantaggio se c'e' linux o qualcos altro su quei server.

            IBM i suoi da una parte li affossa
            (propone

            linux, windows e AIX ai clienti),
            dall'altra

            li supporta (OS/2 e' ancora a listino)

            Se questa e' coerenza...

            Li affossa proponendoli ?
            no, li ha a listino ma non li propone...per questo ho fatto riferimento alla coerenza...ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            - Scritto da: maks
            ??????
            oltre quindi a dover comprare l'hardware,
            non per forza un mainframe, ma sono sicuro
            che qualche netfinity IBM alla regione ci
            finira', devi anche comprare websphere, che
            costa una botta, se questo e' risparmiare...Ho riletto i miei post e non vedo da nessuna parte la parola risparmio.
            Invece se IBM sponsorizza windows (o altro
            che non sia OS), non dici piu' ben venga?
            perche'?Perchè non è più un sistema Open (a prescindere da Linux).
            Io faccio un semplice ragionamento, la
            regione e' passata ad IBM, non a linux.
            Il ragionamento "Se vogliono abbandonare IBM
            possono tenere Linux" vale anche al
            contrario, se vogliono passare ad IBM,
            possono anche tenere windows. Websphere c'e'
            anche li'.
            Quindi deduco che IBM gestira' in toto la
            fornitura, dall'HW al SW.
            Non vedo dove sia il vantaggio se c'e' linux
            o qualcos altro su quei server.Non utilizzano formati propietari. Server più sicuri. Non è male.In ogni caso il tuo ragionamento non fa una grinza, quando/se lasceranno Linux che se ne vadano al diavolo.Se la decisione è caduta su Linux bene !Se in futuro decideranno per Windows male, ma visto l'andazzo generale è improbabile. Non perchè sia Windows ma perchè non è open.Come Linux è un mezzo per IBM anche IBM è un mezzo per Linux, almeno io la vedo così.
            no, li ha a listino ma non li propone...
            per questo ho fatto riferimento alla
            coerenza...Come non li propone ?Ad esempio se gestisce l'hardware/software della regione in che modo sul server c'è finito Linux ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            ??????

            oltre quindi a dover comprare l'hardware,

            non per forza un mainframe, ma sono sicuro

            che qualche netfinity IBM alla regione ci

            finira', devi anche comprare websphere,
            che

            costa una botta, se questo e'
            risparmiare...

            Ho riletto i miei post e non vedo da nessuna
            parte la parola risparmio.
            appuntoquindi confermi il fatto che la scelta e' "politica" e non basata su un oggettiva analisi costi/ricavi o degli eventuali benefici che linux potrebbe portare.

            Invece se IBM sponsorizza windows (o altro

            che non sia OS), non dici piu' ben venga?

            perche'?

            Perchè non è più un sistema Open (a
            prescindere da Linux).
            e cio e' male?nu OS e' una religione o nu mezzo per far funzionare gli applicativi (ti ricordo che alla regione non fanno personalizzazioni di OS, ma devono mettere su un sito web...)

            Io faccio un semplice ragionamento, la

            regione e' passata ad IBM, non a linux.

            Il ragionamento "Se vogliono abbandonare
            IBM

            possono tenere Linux" vale anche al

            contrario, se vogliono passare ad IBM,

            possono anche tenere windows. Websphere
            c'e'

            anche li'.

            Quindi deduco che IBM gestira' in toto la

            fornitura, dall'HW al SW.

            Non vedo dove sia il vantaggio se c'e'
            linux

            o qualcos altro su quei server.

            Non utilizzano formati propietari. Server
            più sicuri. Non è male.cose che puoi fare anche con windows...il formato doc e' una schiavitu' culturale..i formati alternativi ci sono anche da altre parti
            In ogni caso il tuo ragionamento non fa una
            grinza, quando/se lasceranno Linux che se ne
            vadano al diavolo.
            Se la decisione è caduta su Linux bene !
            Se in futuro decideranno per Windows male,
            ma visto l'andazzo generale è improbabile.
            Non perchè sia Windows ma perchè non è open.non capisco l'assunzione open=bene
            Come Linux è un mezzo per IBM anche IBM è un
            mezzo per Linux, almeno io la vedo così.
            probably, e' cosi...

            no, li ha a listino ma non li propone...

            per questo ho fatto riferimento alla

            coerenza...

            Come non li propone ?
            Ad esempio se gestisce l'hardware/software
            della regione in che modo sul server c'è
            finito Linux ?parlavo di OS/2ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            - Scritto da: maks
            appunto
            quindi confermi il fatto che la scelta e'
            "politica" e non basata su un oggettiva
            analisi costi/ricavi o degli eventuali
            benefici che linux potrebbe portare.Mai detto diversamente. Linux porterà benefici come in tutti gli altri casi.
            e cio e' male?
            nu OS e' una religione o nu mezzo per far
            funzionare gli applicativi (ti ricordo che
            alla regione non fanno personalizzazioni di
            OS, ma devono mettere su un sito web...)No guarda: capisco il divertimento di etichettare le persone come fanatiche della "nuova moda" ma con me sei decisamente fuori strada.Un sistema operativo deve far girare gli applicativi garantendo determinate funzionalità:alla scoperta di un bug deve essere immediato il fix, con i sistemi open è così, con quelli closed no; il sistema operativo deve garantire la massima trasparenza, con i sistemi open è così, con quelli closed no. Queste considerazioni, specialmente in regione, sono già più che sufficienti.
            cose che puoi fare anche con windows...
            il formato doc e' una schiavitu' culturale..
            i formati alternativi ci sono anche da altre
            partiCertamente: magari ora non sarà più così e si metteranno un po' di sale in zucca.
            non capisco l'assunzione open=benevedi sopra.
            parlavo di OS/2Beh... Con tutto il rispetto per OS/2 ci vuole anche un certo supporto, senza contare che le applicazioni per OS/2 (potrei sbagliare) stanno per essere portate su Linux.Indovina da chi :p
            ciaoCiao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            appunto

            quindi confermi il fatto che la scelta e'

            "politica" e non basata su un oggettiva

            analisi costi/ricavi o degli eventuali

            benefici che linux potrebbe portare.

            Mai detto diversamente. Linux porterà
            benefici come in tutti gli altri casi.
            tutti?tu ne sei certo?

            e cio e' male?

            nu OS e' una religione o nu mezzo per far

            funzionare gli applicativi (ti ricordo che

            alla regione non fanno personalizzazioni
            di

            OS, ma devono mettere su un sito web...)

            No guarda: capisco il divertimento di
            etichettare le persone come fanatiche della
            "nuova moda" ma con me sei decisamente fuori
            strada.
            Un sistema operativo deve far girare gli
            applicativi garantendo determinate
            funzionalità:appuntoe questa non e' prerogativa solo dei sistemi open....
            alla scoperta di un bug deve essere
            immediato il fix, con i sistemi open è così,
            con quelli closed no; il sistema operativo
            deve garantire la massima trasparenza, con i
            sistemi open è così, con quelli closed no.
            Queste considerazioni, specialmente in
            regione, sono già più che sufficienti.
            mah..dai troppe cose per scontatese l'architettura si basa su websphere, non vedo dove sia l'open source...ma tant'e'..basta sentire linux e si tirano fuori le storie sulla velocita' delle patchse metto oracle su linux, che vantaggi ho rispetto ad un oracle su windows o su solaris?Le patch per linux escono piu' velocemente?o oracle su linux e' OS?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto

            tutti?
            tu ne sei certo?Si.
            appunto
            e questa non e' prerogativa solo dei sistemi
            open....I due punti significavano "a seguire le funzionalità che devono garantire". Che sono prerogativa degli OS open.
            mah..
            dai troppe cose per scontate
            se l'architettura si basa su websphere, non
            vedo dove sia l'open source...Linux ? Apache ?
            ma tant'e'..
            basta sentire linux e si tirano fuori le
            storie sulla velocita' delle patch
            se metto oracle su linux, che vantaggi ho
            rispetto ad un oracle su windows o su
            solaris?Lasciando perdere che cmq Oracle non c'è: IBM fornisce assistenza. Non dirmi per favore che MS fa lo stesso perchè non è vero.
            Le patch per linux escono piu' velocemente?
            o oracle su linux e' OS?Non ha senso.Innanzitutto se proprio vogliamo tirare fuori Oracle i sistemi Oracle sono (da quel che so, non sono un cliente Oracle) embedded. Con Windows è impossibile, è closed. E' un vantaggio mi pare.Ti rimando a unbreakable Linux per chiarimenti su Oracle.Con tutta probabilità (in via ipotetica sempre) qualsiasi prodotto closed è maggiormente integrabile in un sistema Open Source che in uno closed.In ogni caso ripeto che un conto è avere un'applicazione Closed un conto è avere il sistema operativo.Tra l'altro "mi spieghi perche' uno che dice che IBM non conviene rispetto a MS ( NON LINUX, IBM!!!!) deve essere automaticamente un troll?" ciaociao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            Quindi deduco che IBM gestira' in toto la

            fornitura, dall'HW al SW.

            Non vedo dove sia il vantaggio se c'e'
            linux

            o qualcos altro su quei server.

            Non utilizzano formati propietari. Server
            più sicuri. Non è male.Formati proprietari?su un server web?cosa significa?
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Vorrei precisare, che a detta IBM, non M$, Linux.org, etc.; che nei primi 5 mesi di lancio della sua campagna pro-Linux (e UNIX; vero!); IBM ha detto di aver venduto 10.000 server, in un momento di magra economica per il settore, grazie al fatto che l'o.s. e il sw Linux erano gratuiti (o cmq a basso costo se si comprava l'intero pacchetto Red Hat, SuSE, etc.) rispetto alle altre soluzioni proprietarie, tra cui AIX stessa.Ora quei 10000 non erano solo Linux, ma IBM dice che l'exploit è dovuto principalmente a Linux, non AIX, ne a win; di quest'ultimo tra l'altro, è andato ad occupare server x86 destinati in principio (cioè precedentemente) a win.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto

            Vorrei precisare, che a detta IBM, non M$,
            Linux.org, etc.; che nei primi 5 mesi di
            lancio della sua campagna pro-Linux (e UNIX;
            vero!); IBM ha detto di aver venduto 10.000
            server, in un momento di magra economica per
            il settore, grazie al fatto che l'o.s. e il
            sw Linux erano gratuiti (o cmq a basso costo
            se si comprava l'intero pacchetto Red Hat,
            SuSE, etc.) rispetto alle altre soluzioni
            proprietarie, tra cui AIX stessa.
            Ora quei 10000 non erano solo Linux, ma IBM
            dice che l'exploit è dovuto principalmente a
            Linux, non AIX, ne a win; di quest'ultimo
            tra l'altro, è andato ad occupare server x86
            destinati in principio (cioè
            precedentemente) a win.e questo a dimostrare cosa?visto che un server con su AIX costa 10 volte uno con linux o windows...perche' non chiedi ad HP o Compaq quanti server con windows hanno venduto nello stesso periodo?Si chiama pur sempre IBM, avra' o no un certo potere commerciale?se non li vende lei i server chi dovrebbe farlo?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Cioè?Quei server, innanzi tutto sono stati venduti (parliamo dei primi 5 mesi di lancio IBM pro Linux) principalmente in Giappone.Poi, AIX gira solo su RISC (ritengo cmq che è sempre un o.s. migliore di Linux, nelle parti in cui è possibile confrontarli; direi che solo i *BSD possono superarlo/uguagliarlo; pecca però, nella gestione della VM (cosa su cui un BSD invece non pecca), soprattutto nella swap: se provi a toglierli la swap succedono casini: Il meglio di Linux su AIX è sicuramente il supporto del kernel a molte più tecnologie come al sw più vasto).I server in oggetto non erano solo RISC/Linux, ma anche x86/Linux per quanto riguarda Linux.Le altre case. HP, Compaq, etc., che si sono gettate anche loro su Linux, non l'hanno fatto in modo pieno come IBM, e per quel che sò, il periodo considerato è stato di magra per queste.Poi, cmq è un dato generale: in esso ci sono anche server che hanno bisogno di nulla o scarsa assistenza (non a caso ha rubato anche quote a win/x86 originariamente destinati da IBM); occorrerebbero dati più dettagliati anche sui server "bisognosi" d'assistenza.Il dato cmq presentato dall'IBM è di un'avanzata nelle vendite grazie a Linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Facciamo alcune considerazioni.1) IBM vende websphere. La piattaforma di elezionedi WebSphere è iSeries, in seconda battuta ci sono AIX, Linux e Windows2) Se IBM spingesse solo per piazzare WebSphere su una piattaforma come Linux correrebbe il rischio di vedersi tagliare fuori dalla componente di vendita dell'Hardware.3) IBM spinge gli utenti alle cosidette politiche di consolidamento dei server. Il consolidamentoconsiste nell'installare macchine Iseries con partizionamento logico sulle quali girano n istanze di Linux (Suse per la precisione).4) 4 istanze Linux consolidate su Iseries costano come 32 box intel.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Ok, ma la regione deve giustificare le sue spese no ? Se non c'è necessita non c'è necessita.Credo si accontenti del ritorno di immagine e di aver piazzato comunque WebSphere. Poi chi vivrà vedrà.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Se IBM, dice che i suoi clienti (o almeno una parte) ha preferito Linux per il risparmio, allora significa che l'o.s. funziona e fà quel che promette.Per inciso, cmq non è vero che tutte le soluzioni Linux porteranno necessariamente ad un risparmio; o meglio ad un risparmio significativo: l'unico risparmio che producono è l'acquisto della lic.Ora in una soluzione dove non vi è necessità di grande assistenza, o in soluzioni dove l'assistenza (IBM, Red HAt, HP, etc.) è cmq presente a prescindere dal sistema (scelta aziendale) la mancanza d'acquisto della lic. costosa, pesa; nelle soluzioni "bisognose" d'assistenza anche occasionale, questa pesa in modo irrilevante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            - Scritto da: maks


            allora websphere costa meno di IIS? o
            di


            apache?



            Cosa c'entra ? Il tizio parlava di
            hardware.

            Websphere è un software se vogliono

            cambiarlo lo cambiano. Avranno avuto buone

            ragioni per adottarlo no ? E' un web
            server

            mi pare.

            C'è una leggera differenza tra sospettare

            che un sito giri su un mainframe perchè

            l'IBM lo sponsorizza e che un sito giri su

            un determinato webserver perchè l'IBM lo

            sponsorizza: la prima è un'ipotesi campata

            per aria che NON giustificherebbe

            assolutamente la spesa di un mainframe la

            seconda invece è ovvia dato che l'IBM tira

            acqua al suo mulino.



            ??????
            oltre quindi a dover comprare l'hardware,
            non per forza un mainframe, ma sono sicuro
            che qualche netfinity IBM alla regione ci
            finira', devi anche comprare websphere, che
            costa una botta, se questo e' risparmiare...VERAMENTE NON E' PARAGONABILE A IIS , NON E' UN WEB SERVER .. E' UN'APPLICATION SERVER ..



            quindi vorresti intendere che la rgione


            lazio e' passata da windows a linux,
            non

            che


            sia passata da MS ad IBM?


            E che se domani arrivasse Sun non


            passerebbero a Solaris?



            Il problema di fondo è sempre lo stesso:

            Linux non è IBM. IBM sponsorizza (o Stanca

            se preferisci), ma se sponsorizza Linux (o

            FreeBSD o NetBSD o OpenBSD) ben venga
            IBM.

            Non sponsorizzerebbe se non avesse un

            tornaconto, ma non sono benefattori.
            Dipende

            dalla regione ma Linux NON è legato a IBM.

            Se vogliono abbandonare IBM posso tenere

            Linux.



            Invece se IBM sponsorizza windows (o altro
            che non sia OS), non dici piu' ben venga?
            perche'?
            Io faccio un semplice ragionamento, la
            regione e' passata ad IBM, non a linux.
            Il ragionamento "Se vogliono abbandonare IBM
            possono tenere Linux" vale anche al
            contrario, se vogliono passare ad IBM,
            possono anche tenere windows. Websphere c'e'
            anche li'.
            Quindi deduco che IBM gestira' in toto la
            fornitura, dall'HW al SW.
            Non vedo dove sia il vantaggio se c'e' linux
            o qualcos altro su quei server.



            IBM i suoi da una parte li affossa

            (propone


            linux, windows e AIX ai clienti),

            dall'altra


            li supporta (OS/2 e' ancora a listino)


            Se questa e' coerenza...



            Li affossa proponendoli ?



            no, li ha a listino ma non li propone...
            per questo ho fatto riferimento alla
            coerenza...

            ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            Web Sphere è un application server, incentrato sul web.Non è un web server.Come web server si appoggia su Apache.Se alla regione hanno voluto un'Application server, evidentemente gli serve.Ho avuto modo di studiare Web Sphere e potremmo stare a parlare su come le arch. Application Server (termine generico cmq) facciano risparmiare soldi (pesanti) hw; in pratica cercando di fare con il sw quello per cui è richiesto un'hw dedicato e server allo scopo.La scelta di un'Application server se si può fare (cioè quando le esigenze non richiedano hw apposito) è ottimo.tra l'altro mi è giunta voce che quello IBM è il secondo migliore Application server; il migliore è quello della BEA.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto

            Mi pare che MS smetta di supportare i suoi
            sistemi operativi in favore di quelli più
            nuovi a dir la verità.prima di sparar fesserie informarsi please, ms supporta e sviluppa ancora per ogni suo so prodotto, altrimenti come avrei potuto upgradare il browser (ie 5.0) su dei vecchi pentium che usano ancora 3.11.quindi prima di parlare con la vista obnublata da linux si prega di leggere e studiare altrimenti si fa la figura dei fessi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            Mi pare che MS smetta di supportare i suoi

            sistemi operativi in favore di quelli più

            nuovi a dir la verità.


            prima di sparar fesserie informarsi please,
            ms supporta e sviluppa ancora per ogni suo
            so prodotto, altrimenti come avrei potuto
            upgradare il browser (ie 5.0) su dei vecchi
            pentium che usano ancora 3.11.


            quindi prima di parlare con la vista
            obnublata da linux si prega di leggere e
            studiare altrimenti si fa la figura dei
            fessi.ROTFLOra concentrati:sistemi operativi ---- internet explorersistemi operativi ---- internet explorersistemi operativi ---- internet explorer:DP.S. 3.11 non è un sistema operativo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto


            ROTFL
            Ora concentrati:
            sistemi operativi ---- internet explorer
            sistemi operativi ---- internet explorer
            sistemi operativi ---- internet explorer
            :D

            P.S. 3.11 non è un sistema operativo.eh eh eh eh eh eh eh eh eh come no .. Bill diceva che 3.11 era un'ottimo sistema operativo ..
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto come previsto
            M$ non supporta più da anni win 3.x; da circa 6 mesi non supporta più win 95.Tra poco toccherà a win98 e NT.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto come previsto
      - Scritto da: Mario Rossi
      Alla fine metteranno Linux su delle macchine
      iSeries da 16 processori e spenderanno la
      modica
      cifra di 0 lire per Linux,
      2.000.000 Euro per un iSeries (AS/400) e
      500.000
      Euro di licenze WebSphere, ovviamente
      moltiplicato per i vari servizi della
      Regione.Mi dispiace, Mario, ma questa è pura detrologia degna di un certo "pensiero debole" a cui non ti ho mai visto allineato (anzi).Certamente sceglieranno HW anabolizzato e sovradimensionato, con contratti di assistenza principeschi; ma dagli entry all'AS/400, ci sono 180 pagine di catalogo IBM zeppe di articoli proponibili. D'altronde NON sarei contento di sapere che i servizi della PA (o di chiunque, per questo riguardo) girano su assemblati raccattati chissà dove e server made-in-cantina. Che sia IBM o SUN, Compaq o HP, non fa poi molta differenza: con certi clienti usano tutti gli stessi guanti bianchi e la stessa quantità di vaselina.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto come previsto
      non mi stupirei .. eh eh eh eh
  • Anonimo scrive:
    OS/2 OPEN!!!
    Cazzarola!Tanto ormai non se ne fa' piu' nulla.O forse no... infatti e' ancora in listino e siamo gia' (!) alla vers. Warp4.5Pero' se ci pensate bene poter unire le tecnologie di OS/2: il multithreading insuperabile che LINUX non ha, la GUI completamente ad oggetti e ancora superiore a quella di Win (e provato il sistema va senza soffrire anche su un p133 con 32MB di ram) e sicuramente alle varie Kde-Gnome....alla tecnologia Linux ne verrebbe fuori un' OS insuperabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: OS/2 OPEN!!!
      Hai presente le biglietterie automatiche alla stazione? Dentro lo scatolone dimensione orso c'è dentro un pc con OS2.- Scritto da: Volta&Gabbana
      Cazzarola!
      Tanto ormai non se ne fa' piu' nulla.
      O forse no... infatti e' ancora in listino e
      siamo gia' (!) alla vers. Warp4.5

      Pero' se ci pensate bene poter unire le
      tecnologie di OS/2: il multithreading
      insuperabile che LINUX non ha, la GUI
      completamente ad oggetti e ancora superiore
      a quella di Win (e provato il sistema va
      senza soffrire anche su un p133 con 32MB di
      ram) e sicuramente alle varie Kde-Gnome....
      alla tecnologia Linux ne verrebbe fuori un'
      OS insuperabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: OS/2 OPEN!!!
      - Scritto da: Volta&Gabbana
      Cazzarola!
      Tanto ormai non se ne fa' piu' nulla.
      O forse no... infatti e' ancora in listino e
      siamo gia' (!) alla vers. Warp4.5

      Pero' se ci pensate bene poter unire le
      tecnologie di OS/2: il multithreading
      insuperabile che LINUX non ha, la GUIIn cosa sarebbe insuperabile, scusa? Gia' con 2.4 e' disponibile la patch perrendere il kernel totalmente preemptive.Circostanzia la tua osservazione, perchè proprionon la capisco. Magari mi puoi dire che il threading di Linux non e' totalmente posix (es. per la faccenda dei pid differenti per ciascun thread), ma in cosa consiste la superiorita'?
      • Anonimo scrive:
        Re: OS/2 OPEN!!!
        - Scritto da: tanenbaum


        - Scritto da: Volta&Gabbana

        Cazzarola!

        Tanto ormai non se ne fa' piu' nulla.

        O forse no... infatti e' ancora in
        listino e

        siamo gia' (!) alla vers. Warp4.5



        Pero' se ci pensate bene poter unire le

        tecnologie di OS/2: il multithreading

        insuperabile che LINUX non ha, la GUI

        In cosa sarebbe insuperabile, scusa?
        Gia' con 2.4 e' disponibile la patch per
        rendere il kernel totalmente preemptive.
        Circostanzia la tua osservazione, perchè
        proprio
        non la capisco. Magari mi puoi dire che il
        threading di Linux non e' totalmente posix
        (es. per la faccenda dei pid differenti per
        ciascun thread), ma in cosa consiste la
        superiorita'?Non ti fornirà alcuna spiegazione perchè non sa di cosa sta parlando!
    • Anonimo scrive:
      Re: OS/2 OPEN!!!
      - Scritto da: Volta&Gabbana
      Cazzarola!
      Tanto ormai non se ne fa' piu' nulla.
      O forse no... infatti e' ancora in listino e
      siamo gia' (!) alla vers. Warp4.5

      Pero' se ci pensate bene poter unire le
      tecnologie di OS/2: il multithreading
      insuperabile che LINUX non ha, la GUI
      completamente ad oggetti e ancora superiore
      a quella di Win (e provato il sistema va
      senza soffrire anche su un p133 con 32MB di
      ram) e sicuramente alle varie Kde-Gnome....
      alla tecnologia Linux ne verrebbe fuori un'
      OS insuperabile.Hai detto un sacco di verità purtroppo o per fortuna , non l'ho ancora deciso ..
  • Anonimo scrive:
    Ma chi ha detto che l'unione europea la consiglia?
    Come si fa a fare una dichiarazione simile se tutti i prodotti IBM non rispettano le linee guida per l'accessibilità dei siti web e ne tantomeno generano codice conforme agli standard del W3C?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig

      e ne tantomeno generano codice conforme agli
      standard del W3C?Beh dai qualche piccola sbavatura nelle pagine web rispetto lo std w3c lo trovo persino nei siti di amici smanettoni linuxari e open-dipendenti.Non credo sia la cosa piu' grave questa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
        Beh... esistono 2 circolari ministeriali che dicono il contrario...Hai visto il sito? intro in flash, menu caotici gestiti da javascript.Ricordo che il 2003 sarà l'anno del disabile e vedrai quante denuncie piomberanno alle Pubbliche Amministrazioni che non si adeguano alla circolare (che recepisce una direttiva UE) visto che non consentono l'accesso agli atti della PA a persone disabili. L'unico sistema che ha un ente pubblico per "proteggersi" è il rispetto delle linee guida W3C per HTML/XHTML e WAI per l'accessibilità.La cosa, per il prezzo che sicuramente hanno pagato lo sviluppo, è molto grave.Si continuano ad avere grossi nomi che, pur vantandosi di essere membri del W3C non ne rispettano le linee guida, linee guida che sono diventate Circolare Ministeriale.Lasciando stare l'aspetto grafico (che è da ottimizzare), il sistema che ho generato per la regione Veneto e che è in sorgente aperto ed è costato 13 MILA EURO (vorrei vedere la fattura per il servizio della regione lazio in linux, a differenza del mio su piattaforma Windows 2000 e db Oracle)è stato concepito per inserire contenuti in modo semplice e soprattutto con validazione totale al massimo livello di accessibilità.L'accessibilità ad un sito web è un diritto, non un optional.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
          -
          Ricordo che il 2003 sarà l'anno del disabile
          e vedrai quante denuncie piomberanno alle
          Pubbliche Amministrazioni che non siNon ci avevo pensato
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            Probabilmente manco chi l'ha commissionato...Sto scrivendo una lettera a Storace e in copia per conoscenza alla redazione di PI.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            Il sito ha evidenti difetti di progettazione (nemmeno molto furbi) ma che c'entra con le tecnologie che usa ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            Al momento, e di questo ne sono certo in quanto lavoriamo strettamente con il W3C a livello internazionale, non esiste un tool commerciale di gestione contenuti (CMS) che generi codice validato HTML/XHTML e che superi il livello di A per i siti generati con supporto database.Personalmente (e qui lo dico con un po' di orgoglio) ne ho sviluppato uno appoggiandomi ad un tool americano ma ottimizzandolo per l'accessibilità. Il risultato? anche ieri ho fatto un controllo dei documenti inseriti nel sito della Regione Veneto (visto che è una settimana che inseriscono i contenuti e sono in fase di "rodaggio") e sui 110 documenti inseriti in quella giornata 110 erano validati W3C XHTML 1.0 e 108 validati bobby livello AAA (2 contenevano link con lo stesso nome, errore umano del referente :-D).Quello che fa pensare è la mancanza di competenza tecnologia per il rispetto degli standard da parte dei grossi gruppi che sviluppano sistemi di gestione contenuti, considerando che noi come IWA abbiamo sviluppato tutto in due persone in circa 20-30 giorni di lavoro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            Infatti non c'entra nulla.Si possono realizzare siti accessibili e usabili su qualsiasi piattaforma. Certo che usare flash per un sito istituzionale vuol dire spararsi nella palle.E per il sito della regione Lazio quella è solo la punta dell'iceberg.Cla
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            Guarda la versione solo audio: chiede al disabile visivo di cliccare su uno dei due link senza spiegare dove si trova.... Tappati gli occhi e prova :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            La navigazione continua cliccando a caso: l'errore secondo me ben più ingenuo è che cliccando a caso parte la versione per vedenti.Era difficile pensare che molto probabilmente chi non clicca esattamente sul link è un non-vedente? (per lo meno molto più probabile sia un non-vedente che un vedente). Non ho mai sviluppato nulla di simile quindi do per scontato che prima di sviluppare un sito così delicato l'azienda si informi e progetti a puntino. Non mi sembra sia stato fatto.Sul Flash no comment :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
            ciò che manca è la conoscenza da parte delle P.A. di queste indicazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi ha detto che l'unione europea la consig
      l'UE consiglia sw open source, anche nei desktop; non centra niente IBM.È questo il senso dell'articolo.
  • Anonimo scrive:
    Dalla Padella....
    Esulta IBM e ha ragione visto che di "open" in ciò che ha realizzato negli ultimi 20 anni non c'è nulla...Esultiamo dunque anche noi celebrando il salto della Regione Lazio dalla padella Microsoft alla brace IBM
    • Anonimo scrive:
      Re: Dalla Padella....
      - Scritto da: Giorgio
      Esulta IBM e ha ragione visto che di "open"
      in ciò che ha realizzato negli ultimi 20
      anni non c'è nulla...http://www.eclipse.org/http://oss.software.ibm.com/developerworks/oss/
      Esultiamo dunque anche noi celebrando il
      salto della Regione Lazio dalla padella
      Microsoft alla brace IBMPiù che altro esulto per l'adozione di documenti standard poi fa tu...Ciao !
    • Anonimo scrive:
      Re: Dalla Padella....
      - Scritto da: Giorgio
      Esulta IBM e ha ragione visto che di "open"
      in ciò che ha realizzato negli ultimi 20
      anni non c'è nulla...IBM ha finanziato Linux massicciamente negli ultimi mesi, e lo offre insieme ad alcune delle sue configurazioni server. Se lo puo' permettere perche' e' un produttore di hardware, DEVE permetterselo perche' non ha piu' un OS proprietario da opporre con efficenza a Microsoft, e ovviamente tutto, in casa IBM, e' preferibile all'adottare l'OS dell'odiato nemico. Lo so benissimo, insomma, che IBM non e' certo una sostenitrice di Linux della primissima ora, ma d'altraparte quale multinazionale lo e'? Da qualche parte dovremo pure iniziare per abbattere il monopolio di Microsoft.Alberto Scala
    • Anonimo scrive:
      Re: Dalla Padella.... che TI CUOCE
      - Scritto da: Giorgio
      Esulta IBM e ha ragione visto che di "open"
      in ciò che ha realizzato negli ultimi 20
      anni non c'è nulla...basta citare il progetto Eclipse o il filesistem journaliyng per dimostrare che stai sbagliandoSe proprio si vuol denigrare, almeno si scelgano gli argomenti giusti.
  • Anonimo scrive:
    Scelta condivisibile, ma...
    ...definire Websphere un prodotto a "tecnologia aperta" mi sembra un tantino eccessivo...O no?
  • Anonimo scrive:
    toc-toc!
    Governo? Sveglia!!!!Passano all'open source la francia, la germania, la finlandia, la russia, il perù (ma forse gates ha corrotto il primo ministro e il perù tornerà nei ranghi), perfino l'iper-conservatrice Gran Bretagna. E poi i comuni italiani, ora le regioni.Qualcuno ha un caffè per il ministro TLC?O ha proprio bisogno di una pista?
    • Anonimo scrive:
      Re: toc-toc!
      Il ministro interessato non è quello delle Tlc, ma quello della tecnologia ed innovazione: Stanca, il quale da par suo ha diffuso circa 1 mese fà una nota in cui licenziava l'uso del sw open source all'interno delle PA se queste lo ritenevano di doverlo scegliere.Si sta attendendo una legge quadro sul sw open source in dibbattito al parlamento che metta questo sw e o.s. open come centrali.
      • Anonimo scrive:
        Re: toc-toc!
        - Scritto da: BSD_like
        Il ministro interessato non è quello delle
        Tlc, ma quello della tecnologia ed
        innovazione: Stanca, il quale da par suo ha
        diffuso circa 1 mese fà una nota in cui
        licenziava l'uso del sw open source
        all'interno delle PA se queste lo ritenevano
        di doverlo scegliere.
        Si sta attendendo una legge quadro sul sw
        open source in dibbattito al parlamento che
        metta questo sw e o.s. open come centrali.Speriamo pure che facciano un serio studio di settore, con delle simulazioni su realta' esistenti, per vedere costi, benefici, utili, passivi, tempi, usabilita', portabilita', ecc.E magari un piccolo allegato alla nuova legge, che ne so' un bel 20% dei soldini risparmiati per il non-acquisto delle licenze software donato ad universita' enti o anche societa' private che sonoimpiegati in progetti di sviuluppo di software OpenSource.Ma mi sa che, comunque, su quest'ultima, soldi soldi soldi, la sara dur!
        • Anonimo scrive:
          Re: toc-toc!
          Crederete mica che si risparmieranno soldi?Avete una minima idea di quanto costerà la conversione? O di quanto costi IBM!?!?!?! Websphere non è affatto aggratise! Forse non è chiaro ma il business dell'opensource non sono le licenze ma l'assistenza e i servizi!Non crederete mica che IBM & Co si stiano buttando sull'opensource per farci risparmiare...
          • Anonimo scrive:
            Re: toc-toc!
            - Scritto da: Soldi?
            Crederete mica che si risparmieranno soldi?
            Avete una minima idea di quanto costerà la
            conversione? O di quanto costi IBM!?!?!?!
            Websphere non è affatto aggratise!

            Forse non è chiaro ma il business
            dell'opensource non sono le licenze ma
            l'assistenza e i servizi!

            Non crederete mica che IBM & Co si stiano
            buttando sull'opensource per farci
            risparmiare...Ci sono miriadi di motivi per preferire il software open source a Microsoft. Certo, websphere non e' gratis, ma lo vuoi confrontare al prezzo di "equivalenti" soluzioni Microsoft? Vuoi dare una letta alle loro famigerate licenze-capestro? Vuoi essere sottoposto al ricatto degli upgrade e del loro "licensing programm"? Vuoi programmi dove non puoi neanche dare una sbirciatina, dove non e' possibile alcuna personalizzazione? Dove il formato dei documenti e' legato a un brevetto posseduto da una compagnia straniera? Ah, certo, queste erano tutte cose scontate fino a qualche tempo fa, ma anche questo si chiama progresso, acquistare coscienza che le cose possono essere fatte in modo piu' logico e razionale, l'open source e' quel modo.Alberto Scala
          • Anonimo scrive:
            Re: toc-toc!
            Secondo me non hai non hai mai avuto a che fare con IBM....Ma perchè sempre Micro$oft Micro$oft Micro$oft?Non che io la ami particolarmente, non sono un suo fanatico ma cerco di vedere le cose con una certa obiettività! Esistono migliaia di software house che vendono software proprietari e se lo sognano di condividere i loro sorgenti con gli altri! Io lavoro per una di loro e se sviluppassimo in open-source saremmo già chiusi (assicuro), noi vendiamo software e basta non servizi, licenze ecc ecc. Cenrchiamo di guardare il lato economico della cosa, anche da parte di acquista!Ripeto il concetto che la cosa non costerà di meno!!! e questo è certo!+logico, +razionale...+costoso (non male come linea di marketing, quasi quasi mi ci butto)
      • Anonimo scrive:
        Re: toc-toc!
        - Scritto da: BSD_like
        Il ministro interessato non è quello delle
        Tlc, ma quello della tecnologia ed
        innovazione: Stanca,Hai ragione, me ne sono accorto dopo averlo spedito. Scusassero.
        il quale da par suo ha
        diffuso circa 1 mese fà una nota in cui
        licenziava l'uso del sw open source
        all'interno delle PA se queste lo ritenevano
        di doverlo scegliere.Dire "se hai necessità di usare l'open source, puoi farlo", non aiuta molto, visto che anche prima potevano farlo. Il problema non è licenziarne l'uso, ma promuoverlo o, meglio, decretare eccezione il suo mancato utilizzo.
        Si sta attendendo una legge quadro sul sw
        open source in dibbattito al parlamento che
        metta questo sw e o.s. open come centrali.Si, ma nonostante le petizioni sembra che stiano nicchiando. Intanto il mondo si evolve. Dovremmo aspettare le direttive dell'UE per darci una mossa?Tit.
Chiudi i commenti