Il naso elettronico sarà piccolo così

Un gruppo di scienziati sta lavorando ad una nuova generazione di sensori olfattivi che potranno essere integrati su di un solo chip. Molte le applicazioni pratiche


Warwick (GB) – I cosiddetti “nasi elettronici”, ovvero sensori capaci di percepire odori, sono al momento strumenti costosissimi e vengono impiegati in una stretta cerchia di applicazioni.

Alcuni ricercatori inglesi delle università di Leicester, Warwick ed Edinburgo, stanno però lavorando ad un progetto che, entro pochissimi anni, dovrebbe portare allo sviluppo del naso elettronico più piccolo al mondo. Si tratta di un sensore contenuto in un solo chip di silicio in grado di prestarsi ad un gran numero di compiti: valutare la commestibilità di un cibo, il livello di inquinamento dell’aria o la presenza di mine nel sottosuolo.

I ricercatori sostengono che entro tre anni saranno in grado di produrre un chip-sensore di un solo centimetro quadrato, capace di “odorare” aromi e sostanze chimiche in modo simile a quanto fa il sistema olfattivo dell’uomo.

Il “naso-in-un-chip” sarà, secondo gli scienziati, nettamente superiore a quelli utilizzati da qualche anno nell’industria, come quella dei profumi. La nuova generazione di sensori potrà essere utilizzata in modo molto più flessibile ed in un’ampia gamma di prodotti. Grazie alle sue dimensioni, e grazie soprattutto all’abbattimento dei costi di produzione, questi chip potrebbero sbarcare, entro la fine del decennio, anche sul mercato consumer.

I ricercatori britannici sostengono che, nel prossimo futuro, questa tecnologia potrebbe essere integrata in moduli a basso costo da interfacciare ai più comuni PDA e capaci di diagnosticare malattie, verificare la presenza di inquinanti nell’aria o seguire “tracce” odorose proprio come fanno i cani da caccia. E chissà che i computer non saranno finalmente in grado di riconoscere l’odore del padrone…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Synaptics, non Toshiba...
    I Touchpads sono ideati e creati dalla Synaptics, che POI li vende a Toshiba & Co. ...
  • Anonimo scrive:
    una penna...
    mi sono sempre chiesto perchè non esista una penna in grado di essere usata al posto del dito sul touchpad... il risultato sarebbe interessante: come avere una mini tavoletta grafica integrata sul portatile!Se qualcuno conosce l'esistenza di una tale penna me lo dica!Ciao a tutti.
Chiudi i commenti