Il P2P? Ci ha manipolato

Lo dicono una trentina di studenti universitari americani che, denunciati dalla RIAA, intendono farla pagare ai gestori del servizio di file sharing che avevano utilizzato. La RIAA - dicono - non dobbiamo pagarla noi


Boston (USA) – Il concetto è semplice, il fenomeno invece è relativamente nuovo. I discografici americani della RIAA hanno denunciato 400 studenti perché sfruttavano un sistema P2P su Internet2 scambiandosi file illegalmente. Ma loro sostengono che non sapevano cosa stavano facendo e che il vero colpevole è la società che ha fornito quel sistema di scambio.

La novità, oltre al fatto che sono attività che si svolgevano sulla rete ultraveloce che collega università e centri di ricerca, è proprio l’atteggiamento degli studenti: la RIAA chiede loro, a ciascuno di loro, poco più di 3mila dollari di compensazione con cui chiudere i procedimenti legali. E alcune decine di loro hanno deciso di chiedere quei soldi ai gestori di i2hub , rei, secondo gli studenti, di averli indotti a compiere azioni che non sapevano essere illegali.

Si tratta di accuse che ancora non s’erano sentite: sebbene l’industria da sempre denunci le società che producono software di sharing, ritenendole colpevoli di quanto fanno i loro utenti con quei programmi, è probabilmente la prima volta che un gruppo di utenti omogeneo, come gli studenti dell’Università del Massachussets, arriva a dichiarare di non conoscere le leggi sul diritto d’autore e di essere stato tradito dalle pubblicità che i2hub aveva prodotto nel campus universitario.

Una tesi inedita che qualcuno ha già voluto commentare: “Questa cosa suona così ben congeniata, dire cioè che sono le azioni dell’azienda ad aver indotto gli studenti a condividere materiali protetti da diritto d’autore, che i più maliziosi pensano che questa idea sia venuta dalla RIAA”.

Un dubbio lecito, secondo altri, perché a sostenere gli studenti in questa crociata contro i gestori del sistema, riconducibili a Wayne Chang, programmatore di 22 anni, sono nientemeno che gli uffici legali dell’Università. Uffici che si trovano a gestire non solo il problema di studenti denunciati in massa ma anche le ripercussioni in termini di immagine subite dall’ateneo. Da qui, sospettano in molti, l’idea di trasformare gli utenti del sistema di sharing in vittime di un complotto.

Sebbene dai gestori del fu i2hub sia già arrivato un commento lapidario con cui si esclude qualsiasi responsabilità di questo tipo, c’è la possibilità che qualche magistrato creda effettivamente alla tesi degli studenti. Da parte sua Chang, che può contare sull’assistenza legale gratuita degli stessi avvocati che hanno già difeso StreamCast Networks (i produttori di Morpheus), ha sottolineato come prima di utilizzare il software gli utenti venivano invitati a non condividere file illegali. Contro di lui gioca però la giurisprudenza: dopo la sentenza della Corte Suprema sul caso Grokster , i produttori di software P2P negli USA rischiano di vedersi attribuite pesanti responsabilità. Ed è per questo che molti siti e servizi dedicati hanno chiuso da quando quella sentenza è stata pronunciata, sebbene questo non abbia influito in alcun modo sulla crescita del P2P nel suo complesso (vedi notizia di oggi a questo proposito).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Domandina legale sui diritti
    Se io acquisto il cd di madonna originale, poi ho diritto ad avere le suonerie di tutte le canzoni per il telefonino.Come si fa ad ottenerle senza dover ripagare i diritti, la siae e quant'altro ?Badate bene, la domanda e sull'aspetto legale, non quello tecnico.
  • Anonimo scrive:
    Solo 6 milioni di utenti p2p??
    Pochini direi!! E come mai una volta si parla di 90 milioni poi di colpo son scesi a 6 milioni?? Mettetevi daccordo voi!!!
  • Anonimo scrive:
    i discografici ce lo hanno messo in c...
    anche questa volta. Faranno paccate di soldi con le nuove tecnologie e noi beceri a comprarci tutto
    • Anonimo scrive:
      Re: i discografici ce lo hanno messo in
      - Scritto da: Anonimo
      anche questa volta.
      Faranno paccate di soldi con le nuove tecnologie
      e noi beceri a comprarci tuttoNoi???? p) (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: i discografici ce lo hanno messo in
        Basta non comprare ,il p2p esiste per questo ,con la merda che si produce oggi ritengo molto stupido l'acquisto di cd ehm... musicali ,ditemi pure che sono un criminale ma finche ci saranno i p2p continuerò a farne uso.potrei parlare contro il mio interesse ,sono musicista ,ma se la mia musica viene scaricata sui p2p vuol dire che piace (spero... :p )ciao a tutti
  • Anonimo scrive:
    Suonerie: scandalo
    Ma soltanto io mi indigno a fronte del corrispettivo chiesto per la suoneria di un cellulare?????Dico, bisogna pagare il TRILLO musicale!!COSE PAZZE !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Suonerie: scandalo
      - Scritto da: Anonimo
      Ma soltanto io mi indigno a fronte del
      corrispettivo chiesto per la suoneria di un
      cellulare?????

      Dico, bisogna pagare il TRILLO musicale!!


      COSE PAZZE !!!!é uno schifo pagare le suonerie (io me le faccio) cifre assurde ... e sono pure fatte in maniera ricicola (sopratutto le midi o cosidette polifoniche)
      • Anonimo scrive:
        Re: Suonerie: scandalo!!!!!!!!!!
        Pagare le suonerie? Significa comprare le *suonerie* del telefono? Voi comprate il suono del cellulare?Cazzo, ma siete fuori di testa??? Fategli fare drin-drin e basta!!!
  • Madder scrive:
    400 milioni di USD...
    ... in suonerie telefoniche ????? ma porc ! a questo punto, il mondo si *_merita_* 100 Britney Spears, la RIAA^2, e la exp(SIAE). Ma è così difficile trovare il midi (o il wav o l'mp3) e spedirselo gratuitamente sul cellulare (e-mail, mms, bluetooth, usb) ?Madder
    • Anonimo scrive:
      Re: 400 milioni di USD...
      - Scritto da: Madder
      Ma è così difficile trovare il midi (o il wav o
      l'mp3) e spedirselo gratuitamente sul cellulare
      (e-mail, mms, bluetooth, usb) ?

      MadderHo comprato l'adattatore bluetooth per fare proprio quello che dici (e no solo).
    • Anonimo scrive:
      Re: 400 milioni di USD...
      - Scritto da: Madder
      ... in suonerie telefoniche ?????

      ma porc ! a questo punto, il mondo si *_merita_*
      100 Britney Spears, la RIAA^2, e la exp(SIAE).

      Ma è così difficile trovare il midi (o il wav o
      l'mp3) e spedirselo gratuitamente sul cellulare
      (e-mail, mms, bluetooth, usb) ?

      Maddereh eh ehd'accordissimo con te ma..............vallo a spiegare ai ragazzini di 13 anni come usare una chiavetta bluetooth
    • otacu scrive:
      Re: 400 milioni di USD...
      - Scritto da: Madder
      ... in suonerie telefoniche ?????

      ma porc ! a questo punto, il mondo si *_merita_*
      100 Britney Spears, la RIAA^2, e la exp(SIAE).

      Ma è così difficile trovare il midi (o il wav o
      l'mp3) e spedirselo gratuitamente sul cellulare
      (e-mail, mms, bluetooth, usb) ?

      MadderNon mi stupisco più di niente.Dopotutto se le tv rigurgitano e vomitano pubblicità di suonerie in continuazione vuol dire che il business tira come una locomotiva!
      • Anonimo scrive:
        Re: 400 milioni di USD...
        - Scritto da: otacu
        - Scritto da: Madder

        ... in suonerie telefoniche ?????

        ma porc ! a questo punto, il mondo si

        *_merita_* 100 Britney Spears, la RIAA^2,

        e la exp(SIAE).

        Ma è così difficile trovare il midi (o il wav o

        l'mp3) e spedirselo gratuitamente sul

        cellulare

        (e-mail, mms, bluetooth, usb) ?

        Madder
        Non mi stupisco più di niente. Se un bimbo cresce allevato dai lupi si comporta come un lupo, se cresce tra le scimmie si comporta come una scimmia, se cresce guardando la tv :
        Dopotutto se le tv rigurgitano e vomitano
        pubblicità di suonerie in continuazione vuol
        dire che il business tira come una locomotiva!Allora qual e' la causa e quale l'effetto ?
        • otacu scrive:
          Re: 400 milioni di USD...


          Dopotutto se le tv rigurgitano e vomitano

          pubblicità di suonerie in continuazione vuol

          dire che il business tira come una locomotiva!

          Allora qual e' la causa e quale l'effetto ?La causa?Il bisogno di minchiate dei ragazzini! Se non sono le suonerie stai sicuro che sono altre stupidaggini.
  • Anonimo scrive:
    Legale?
    Compriamo LEGALMENTE mp3 in Russia, che costa meno (ed è perfettamente legale, basta che il sito paghi i diritti nella misura impostagli dalle leggi russe).
    • Anonimo scrive:
      Re: Legale?
      il sito è illegale
      • Anonimo scrive:
        Re: Legale?

        il sito è illegalePeccato che la magistratura russa non la pensi come te.Dettagli a parte ti faccio notare una cosina: sul più famoso, www.allofmp3.com , comprare un pezzo costa circa 10eurocent . Ovvero con 10eurocent non solo pagano l'infrastruttura tecnico/commerciale/etc ma immagino ci guadagnino pure.Ti rendi conto che iTunes o simili chiedono circa 10 (dieci!) volte di più? Non ti viene il dubbio che forse le major, e le cosiddete star, difendano con le unghie e con i denti i costi pazzeschi del loro stile di vita? E se provassero a rinunciare a megaville, megayacht, megafeste, puttanone, cocaina etc etc ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Legale?
          ma.... perchè comprate gli mp3? non capisco... : pagate per dei file audio con perdita di qualità? Se i prezzi in italia sono così alti, perchè non comprate i cd all'estero?
Chiudi i commenti