Il P2P? Non fa che crescere

Mentre appaiono nuovi studi sul declino di Kazaa a favore di eDonkey alcuni accademici americani si imbarcano in misurazioni di nuova concezione, scoprendo che l'uso del P2P non è mai calato, checché ne dicano le major. Crociate inutili?
Mentre appaiono nuovi studi sul declino di Kazaa a favore di eDonkey alcuni accademici americani si imbarcano in misurazioni di nuova concezione, scoprendo che l'uso del P2P non è mai calato, checché ne dicano le major. Crociate inutili?


San Francisco (USA) – “Secondo le nostre rilevazioni, il volume del traffico P2P non è mai sceso dal 2003 ad oggi. I dati confliggono con le dichiarazioni di cali significativi del traffico”. Ad affermare che il peer-to-peer vive oggi un’età di costante crescita sono gli accademici statunitensi che hanno presentato un singolare studio denominato “Il P2P sta morendo o si sta solo nascondendo?”.

Gli autori – Thomas Karagiannis, Andre Broido, Nevil Brownlee, kc claffy e Michalis Faloutsos dell’Università di Riverside e quella di San Diego nonché membri dell’associazione CAIDA – affermano di aver seguito una procedura di indagine innovativa che si basa sulla misurazione del traffico su tutti i protocolli peer-to-peer conosciuti.

“Inoltre – si legge nell’abstract dello studio – andiamo oltre la ben nota limitazione sulle porte attraverso il reverse engineering dei protocolli e l’identificazione delle caratteristiche dell’utilizzo. E scopriamo che, se viene misurato con attenzione, il traffico P2P non è mai sceso ; in realtà non abbiamo mai notato un calo del traffico P2P nel tempo (qualsiasi cambiamento è un aumento) da nessuna delle nostre rilevazioni”.

Lo studio ( qui in pdf) viene presentato come autorevole risposta ad alcune rilevazioni presentate dai discografici che indicherebbero un calo nell’uso del peer-to-peer come conseguenza della crociata legale che ormai da tempo viene condotta non soltanto verso chi realizza software di scambio, ma anche direttamente verso gli utenti finali.

“A nostro parere – spiegano infatti gli autori dello studio – accurate misurazioni sono destinate probabilmente a rimanere assai difficili dal momento che gli utenti P2P si spostano spesso su protocolli nuovi e più sofisticati, ad esempio BitTorrent. In linea generale possiamo osservare che l’attività P2P non è diminuita. Al contrario, il traffico P2P rappresenta una parte consistente del traffico internet ed è destinato a continuare a crescere nel tempo, indipendentemente dai comportamenti della RIAA”.

Proprio nelle scorse ore è stato peraltro presentato un nuovo studio della società di rilevazione BayTSP , secondo cui per la prima volta lo scorso mese i volumi di traffico delle reti eDonkey-Overnet hanno superato quelli del network di FastTrack, dove primeggia Kazaa. Il lento declino di Kazaa, già segnalato lo scorso luglio sembra dunque proseguire, probabilmente a causa del fatto che molte delle denunce presentate dalle major contro gli utenti hanno preso di mira proprio utenti della piattaforma di Sharman Networks.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 10 2004
Link copiato negli appunti