Il Paint alle vitamine si aggiorna

Paint.NET 2.5 è una nuova ed importante release di un programma gratuito e open source che ambisce a ritagliarsi un proprio spazio nel panorama dei software per il disegno e il fotoritocco
Paint.NET 2.5 è una nuova ed importante release di un programma gratuito e open source che ambisce a ritagliarsi un proprio spazio nel panorama dei software per il disegno e il fotoritocco


Washington (USA) – Con il rilascio della nuova versione 2.5, gli sviluppatori di Paint.NET hanno ormai ampiamente superato l’obiettivo iniziale: quello, cioè, di creare un programma di grafica gratuito e open source che potesse rimpiazzare l’ormai vetusto e limitato Paint di Windows.

Sviluppato da un gruppo di studenti della Washington State University , Paint.NET è oggi ben più di un semplice sostituto di Paint: è un software per il disegno e il ritocco fotografico che, seppure molto lontano dal competere con Photoshop o GIMP , è capace di sposare la semplicità e la leggerezza del programma originale con alcune delle funzionalità presenti nei prodotti più blasonati. In particolare, Paint.NET adotta un’interfaccia utente molto simile a quella del software di Adobe e, come quest’ultimo, supporta i layer, infiniti livelli di undo, una grande varietà di filtri ed effetti, e strumenti per il disegno di spline e curve di Bezier.

Gli sviluppatori sostengono che la nuova versione 2.5 rappresenti un grande passo in avanti rispetto alla precedente 2.1b, sia in termini di ottimizzazione delle performance e occupazione di memoria, sia in termini funzionalità. Tra le novità, sintetizzate qui , c’è il supporto allo standard di localizzazione I18N, l’inclusione di una funzione per l’aggiornamento automatico del software, nuovi strumenti per la rotazione tridimensionale delle immagini, il supporto alle GIF con trasparenza e al formato TGA, e nuovi effetti blur e noise.

Paint.NET, la cui versione 2.0 è stata recensita nella rubrica PI Download , utilizza il runtime di MS.NET Framework e, di conseguenza, gira esclusivamente sulle più recenti versioni di Windows (2000, XP, 2003). Il codice sorgente, scritto nei linguaggi C++ e C#, è rilasciato sotto la licenza open source del MIT e può essere scaricato, insieme ai binari del programma, da questa pagina .

La prossima release del software, attesa per metà gennaio, si baserà sul nuovo MS.NET Framework 2.0, fornirà supporto nativo alla piattaforma Windows x64 e migliorerà l’aspetto dell’interfaccia grafica (icone, toolbar ecc.).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 11 2005
Link copiato negli appunti