Il Papa: Internet? Niente Male

Nella Lettera apostolica alle Comunicazioni sociali, Karol Wojtyla chiede di tenere fermo il timone: alla via, verso la verità e la responsabilità dell'informazione. Stanca apprezza

Roma – Il Pontefice si sottrae ancora una volta alle facili retoriche del più retrivo integralismo pseudocattolico per ribadire che le nuove tecnologie dell’informazione sono uno strumento straordinario che va coltivato e cresciuto senza imbarazzi in un quadro di responsabilità diffusa in chi vi opera e in chi, attraverso questo e gli altri media, fa informazione.

C’è anche questo nelle parole che il Papa ha voluto diffondere con una lettera apostolica dal titolo Il rapido sviluppo , un documento rivolto agli operatori della comunicazione sociale in cui Giovanni Paolo II descrive le “nuove vie per comunicare, con massima facilità, notizie, idee e insegnamenti d’ogni genere”.

La necessità di una informazione “veritiera e libera” su tutti i media, a cominciare da Internet, massima espressione della comunicazione nel villaggio globale , è secondo il Papa legata al fatto che “i mezzi di comunicazione sociale hanno raggiunto una tale importanza da essere per molti il principale strumento di guida e di ispirazione per i comportamenti individuali, familiari, sociali”.

Il Pontefice Da tutto questo discende una responsabilità perché “i media possono e devono promuovere la giustizia e la solidarietà, riportando in modo accurato e veritiero gli eventi, analizzando compiutamente le situazioni e i problemi, dando voce alle diverse opinioni”.

Nella lettera, in cui il Pontefice ricostruisce come la Chiesa si sia avvicinata ai più moderni mezzi della comunicazione, si legge anche che “mentre i contenuti vanno naturalmente adattati alle necessità dei differenti gruppi, il loro scopo dovrebbe sempre essere quello di rendere le persone consapevoli della dimensione etica e morale dell’informazione”. Ma si spinge anche su una maggiore consapevolezza all’uso dei nuovi mezzi e non solo da parte degli operatori ma di tutti, in particolare dei giovani “che manifestano una naturale propensione alle innovazioni tecnologiche”.

Ed è un appello quello che il Papa rivolge agli operatori delle comunicazioni sociali. “Non abbiate paura delle nuove tecnologie! – scrive – Esse sono tra le cose meravigliose – “inter mirifica” – che Dio ci ha messo a disposizione per scoprire, usare, far conoscere la verità, anche la verità sulla nostra dignità e sul nostro destino di figli suoi, eredi del suo Regno eterno”.

Molte le reazioni alle parole del Pontefice, ormai avvezzo ad occuparsi dei media e dei nuovi media in particolare all’insegna del motto grandi opportunità, grandi responsabilità . Il ministro all’Innovazione Lucio Stanca ha sottolineato che “il definire internet una risorsa importante è certamente una affermazione di notevole rilievo, soprattutto venendo da quella cattedra, pur consapevoli di una grande attenzione che è necessario riporre nell’utilizzo di queste risorse innovative”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stefano scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le altre
    ma smettetela di sparare XXXXXXX
  • Anonimo scrive:
    Re: Acer Invece
    in 3 anni scarsi, 6 interventi di assistenza, ogni volta senza pc per 2 mesi, adesso è finita la garanzia e per cambiare una ventola 170euro...state lontani dall'acer...
  • Anonimo scrive:
    Compaq-HP Assistenza perfetta
    Per tutti gli utenti, copio e incollo la lettera che ho mandato all'autore dell'articolo riguardante l'assistenza tecnica dei pc, in modo da indirizzarvi meglio verso un marchio che ha dimostrato di meritarsi tutta la mia fiducia:Gentile Sig. Biancardi,Le scrivo in merito al servizio da Lei curato riguardante l'assistenza per inotebook.Proprio quando è stato pubblicato il suo articolo il mio notebook Compaq Presario ha iniziato a manifestare dei pesanti problemi al display. Il flat panel, infatti, presentava una sorta di "effetto neve" in presenza di alcunetonalità di tinte chiare. In pratica, per fare un esempio, in alcuni punti del classico sfondo di windows xp con il prato verde e il cielo azzurro, lo schermo si popolava di pixel verdi fosforescenti.Quando ho letto il Suo articolo mi si è gelato il sangue.Infatti il mio notebook, ancora in garanzia, avrebbe potuto presentare diversi motivi per i quali la riparazione sarebbe dovuta ricadere a mie spese:innanzitutto avevo aggiunto della ram non HP, ma avrei potuto sempre togliere la dimm incriminata.In secondo luogo avevo cambiato il personalmente masterizzatore cd/lettore dvd presente con un nuovo masterizzatore DVD Sony Dual layer, e per farlo avevo dovuto aprire il pc (ho parecchia dimetichezza in questo genere di cose).Non disponevo più del vecchio masterizzatore originale, per cui non potevo nemmeno pensare di rimetterlo al suo posto per evitare sospetti.Inoltre, rimontando il portatile per il cambio di drive, avevo infilato una vite più lunga del dovuto in uno spazio dove ce ne voleva una più corta, colrisultato di far apparire un "bozzo" indelebile proprio accanto al tasto sinistro del touch pad. Appena me ne sono accorto ho subito sostituito la vite con quella giusta, ma oramai il "bozzo" c'era e non poteva più essere levato (e meno male che non si è addirittura bucato il pannello di plastica!).A questo punto, dopo aver formattato ed riinstallato il sistema operativo, unico obbligo che HP-Compaq riversa sul cliente in modo da sincerarsi che i problemi non derivino da virus o pasticci software, ho richiamato l'assistenza. Il gentilissimo operatore mi ha detto che il corriere sarebbe passato il giorno seguente.E così è stato, il corriere (UPS) è passato martedì della scorsa settimana, ha ritirato il portatile inserendolo in una scatola apposita fornita da Compaq-Hp ed è ripartito. Io ho incrociato le dita.Questa mattina, lunedì della settimana seguente e quindi 4 giorni lavoratividopo, alle 10.30 il portatile, con mia somma sorpresa, mi veniva riconsegnato.Per un attimo, vista la rapidità, ho temuto che non fosse stato nemmeno aperto a causa del visibilissimo "bozzo" e del masterizzatore non originale,e invece no! Il computer ha uno schermo nuovo (il vecchio aveva anche un pixel bruciato che ora non c'è più) e funziona perfettamente.Compaq-HP mi ha restituito il portatile fuzionante alla velocità della luce.Il servizio di riparazione di questa azienda merita veramente di essere ringraziato e spero che questa mail venga pubblicata sul VS sito in modo chealtri utenti, che magari stanno scegliendo il proprio portatile, sappiano per lo meno che con Compaq-HP cadono in ottime mani.Il mio voto per il servizio assistenza, in una scala da 1 a 10, è 11!Quando dovrò comprare il prossimo portatile già so verso quale marchio mi rivolgerò.Complimenti davvero.--Dott. Maurizio GALLO
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    Stacci il disco e te lo tieni a casa, ovviamente se non è il HD che è andato a put**ne, questo almeno per HP, loro non fanno problemi.
  • mgreg scrive:
    Odissea Sony
    Nel dicembre '93 ho acquistato un notebook Sony del considerevole costo di circa 3.200 euro. L'acquisto e' stato fatto telefonicamente direttamente da Sony Europa. Dopo una lunga attesa di circa un mese, innumerevoli telefonate ed email al loro call center, mi dicono che il modello non e' disponibile (ma al momento dell'ordine lo era e mi avevano chiesto, ottenendolo, il pagamento anticipato del portatile).In seguito a proteste vigorose, ottengo la restituzione della somma pagata ed acquisto lo stesso articolo da una ditta rivenditrice su internet. Passano nove mesi ed, in autunno, il portatile si spegne e non si riaccende piu'. L'assistenza di Sony provvede all'immediato ritiro per la riparazione. Dopo un'attesa piuttosto lunga, il portatile mi viene restituito, ma le porte usb non funzionano: nuova chiamata, nuovo ritiro, nuovo ritardo, nuova riparazione. Stavolta, il portatile funziona solo a corrente alternata ma non a batteria, sebbene questa sia efficiente. Chiedo una rapida soluzione: inutilmente. Nel frattempo, mi sottopongo all'indispensabile prolungamento biennale della garanzia, previo pagamento di una sostanziosa somma (circa 300 euro). Ai primi di marzo, dopo l'ennesimo guasto consecutivo dello stesso tipo dei precedenti, viene disposto il nuovo ritiro: disguidi anche su questo fronte e mi tocca aspettare oltre una settimana per la nuova spedizione. Dopo alcuni giorni, mi viene comunicato che Sony ha deciso di sostituire il mio portatile con un altro prodotto del valore commerciale di 2.200 euro circa e dalle caratteristiche nettamente inferiori al mio vecchio notebook. Dopo una serie di proposte e controproposte che, complessivamente, mi costano altre 2 settimane d'attesa, concordiamo sul modello sostitutivo. Era il 29/3 e, dovendomi assentare per motivi di salute per circa una settimana, giovedi' 31/3 informo telefonicamente l'assistenza Sony che il prodotto va recapitato ad un indirizzo alternativo: in questa occasione mi viene detto che il portatile e' appena uscito dal magazzino ed e' in partenza, quindi verra' senz'altro consegnato ad uno dei due recapiti segnalati.Il 7/4 rientro a casa e chiamo l'assistenza Sony per avere notizie della spedizione che, intanto, non e' stata recapitata in nessuno dei due indirizzi da me indicati. La risposta e' che "stranamente, non ci risulta neppure il numero di spedizione e quindi non e' possibile fare ricerche presso il corriere, ma ci impegniamo a darvi i chiarimenti richiesti entro la giornata odierna"; ovviamente, non vengo richiamato e percio' sono costretto a ritelefonare l'8/4, ricevendo una generica risposta che parla di "ricerca presso il corriere" (ma come? il giorno prima non era possibile farle ed il giorno dopo dobbiamo attendere l'esito delle indagini!). Faccio sentire in modo vigoroso la mia considerazione che, dopo 15 mesi dal tribolato acquisto del portatile, ho potuto utilizzarlo, pressappoco, per 9 mesi e, nel frattempo, ho dovuto sborsare una considerevole somma per evitare che mi scadesse la garanzia su un prodotto evidentemente inefficiente da molto tempo.Signori, guardatevi dall'acquistare prodotti Sony: in base alla mia esperienza appena riepilogata e non ancora conclusa, si potrebbe coniare il seguente slogan "SONY SEGUE I SUOI CLIENTI FIN DAL MOMENTO DELL'ACQUISTO, e per tutto il tempo in cui riesce a spillargli soldi, PER CREAR LORO PROBLEMI, evitando accuratamente ogni rapida soluzione".
    • Anonimo scrive:
      Re: Odissea Sony
      Caro ti Capisco, anche io ho ricevuto un disservizio enorme dalla SONY. L'assistenza fa acqua da tutte le parti!!Il mio televisore LCD BRAVIA 26' acquistato il 9/8/06 si rompe improvvisamente il 4/11/06 e il 06/11/06 viene immediatamente portato nel centro assistenza SONY autorizzato. Il TV viene restituito solo il 5/12/06 senza neanche una parola di scusa per il disservizio arrecato. Morale: 900 euro per una TV che il produttore non riesce a riparare in tempo breve e/o a garantire la sostituzione ex-novo...non comprate SONY,meglio FUNAI risparmi e ti offrono lo stesso tipo di servizio della SONY!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Invece dura proprio 24+2 mesi !!!

    Quindi, come ho gia' avuto modo di provare presso
    un rivenditore Apple, i 24 mesi ci sono... e'
    bastato litigare un po', portare le stampe del
    decreto legge e minacciare di rivolgermi presso
    il giudice di pace :@.dipende sempre dagli obiettivi aziendali di chi ti risponde... se sono in customer satisfaction... ok te la fanno perchè poi sarai un cliente felice, se hanno invece obiettivi di contenimento costi non accetteranno... e sarà fuori garanzia... daltronde vai a dimostrare il difetto di conformità... una presa in giro folle!eppoi parlate di garanzia 1 anno... ce chi la fa 3 mesi....cmq prima di chiamare puoi fare l' estensione di garanzia (con molte aziende è possibile farlo)
  • Anonimo scrive:
    Re: finchè la gente guarda solo il prezz
    - Scritto da: Diablo
    Purtroppo se compri alla GDO la garanzia la fa
    ilo produttore e non chi te lo ha venduto (GDO).Questo perchè in Italia le ridicole associazioni di consumatori sono solo capaci di fare la voce grossa contro i piccoli rivenditori, la GDO è intoccabile. Ma anche Sky, Telecom, etc.Scusa, la legge parla di garanzia di 2 anni ( OK, OK, 6 mesi + 18, ma NON 8 GIORNI!!! ), per il venditore, senza distinzioni. Dov'è è scritto che la GDO è "unta dal signore" e per loro la responsabilità verso l'utente è di soli 7-8 giorni ???
  • Anonimo scrive:
    Re: impossibilitati nell'assistenza
    - Scritto da: chemicalbit
    Se il venditore non ne rispondesse ognuno
    potrebbe fare quel cavolo che gli pare.Il problema è che la garanzia delle case produttrici è quasi sempre di 12 mesi, mentre il venditore deve fornire anche quella aggiuntiva di altri 12 al consumatore.E' questo il problema: se fossero garantite le stesse tutele ai rivenditori e ai consumatori, nessun rivenditore farebbe storie con gli utenti finali, se lui fosse a sua volta tutelato allo stesso modo con cui è costretto a tutelare gli utenti finali.Purtroppo non è così, la legge è stata fatta per dare ai consumatori una parvenza di tutela maggiore, salvaguardando però gli interessi delle multinazionali costruttrici, e chi ci smena, e si pigli anche gli insulti, ovviamente sono quelli che stanno in mezzo, cioè i rivenditori.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo
    La apple italia garantisce solamente 12 mesi
    anche se è lei stessa a rivendere.FALSO. Come scritto chiaramente sul sito Apple Store:10.3 SE SIETE UN CONSUMATORE QUESTA GARANZIA SI AGGIUNGE A QUELLA DI LEGGE E NON INFICIA IN ALCUN MODO I DIRITTI A VOI SPETTANTI IN BASE ALLA LEGGE."SI AGGIUNGE A QUELLA DI LEGGE"..che è, appunto, 24 mesi, per i consumatori privati che comprano senza partita IVA
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Ma i dati?
    ci fosse stato uno che ha acceso il cervello prima di risponderti..evidentemente qui nessuno ha mai fatto foto pornografiche con il/la proprio/a tipo/a, specie prima dell'avvento della home-photoora è evidente che quando vai dal fotografo, a meno che non vai da un burzone, e porti le tue foto ricordo egli non ti dice, per esempio, che non conosceva quella interessante posizione di sesso orale, anche se in realtà l'ha vista ed è rimasto molto incuriosito..questo xk è tenuto al segreto professionale, a cui sono tenuti tutti quelli che, per professione appunto, vengono a contatto con dati personali sensibilipersonalmente è evidente che se un cliente mi chiede di riparare un guasto e non di, per esempio, leggere la sua posta e così io facciod'altronde se mi mettessi a visionare i dati dei miei clienti non riparerei il guasto...chiaro che i burzoni esistono in ogni campo ma a questo punto non dovreste fidarvi anche del vostro medico, non solo dell'assistenza clienti di una azienda informatica..
  • Anonimo scrive:
    Re: finchè la gente guarda solo il prezz
    - Scritto da: Diablo
    .....senza tener conto del servizio che
    eventualmente ci sta dietro (...)E come dovrebbe "tenerne conto"?Se sul depliant del notebook si recita "Garanzia di tre anni on-site", cosa si dovrebbe volere di più? Se poi ciò non si attua in caso di problemi è truffaldino chi promette e non mantiene.
    Ci ho passato l'infanzia nei negozi di pc, erano
    come dei "templi del sapere" una volta (...)Invero erano covi di smanettoni, il che aveva i suoi pregi ma non erano certo "templi del sapere": facile che il rivenditore sapesse tutto delle caratteristiche tecniche di un prodotto ed avesse provato mille varianti di overclock, ma poi trascurasse i più basilari canoni dell'usabilità. In quei luoghi si vendevano macchine sì tirate all'inverosimile come prestazioni, ma la stabilità e semplicità era un accessorio oscuro: basti vedere quali interfacce uomo/macchina (tastiere, mouse, monitor) proponevano.
    E allora di chi è la colpa?

    Di tutti!Ci sono sì responsabilità su vari fronti, ma non esageriamo con questa apologia del negoziante/assemblatore...
    della carente cultura informatica del popolo
    italiano che non distingue una radeon 8700 da una
    x850 ma conosce tutti i dettagli tecnici delle
    automobili (e a volte crede di conoscerli). Ah quindi è quello il tuo concetto di "cultura informatica"? Conoscere a menadito prodotti che cambiano ogni dieci giorni sarebbe "cultura"? Ma siamo seri!"Cultura" sarebbe semmai sapere che la potenza del sistema in sé non importa nulla: conta solo quanto efficacemente risponde alle necessità, il che la maggior parte delle volte dipende più dal software che dall'hardware.Per contro avere l'ultima Radeon è nella maggior parte dei casi un vezzo ancor maggiore dell'ultimo P4-HT: quest'ultimo perlomeno oggi viene un po' sfruttato dall'elaborazione video (sempre più diffusa in ambito casalingo) mentre la scheda grafica ultrapotente importa solo a chi vive di videogiochi 3D.
    L'assistenza fa schifo? Vendete pc con contratti
    assistenza on site 24 o 4 ore...Molti non hanno necessità di risoluzione in due giorni: perchè si dovrebbe in più sino il 50% del prezzo del prodotto (è il caso di diversi notebook di fascia bassa DELL) per far valere ciò che *la legge* impone come dovere del venditore? Per il PC dell'ufficio anche quattro ore sono un danno che non vale il risparmio nelle formule dell'assistenza, ma in quello casalingo? D'altra parte però è inaccettabile che per prodotti che divengono obsoleti in sei mesi capiti di aspettarne altrettanti un intervento in garanzia...--- debrando
  • Anonimo scrive:
    ASUS, la storia infinita....
    Io son protagonista di un disservizio da parte di Asus, posseggo un notebook pagato 2000? e ho il masterizzatore che presenta alcuni difetti. Asus dopo 4 mesi di continue email finalmente mi risponde dicendomi di spedire il notebook, precisando però alcune cose:1. Non sono responsabili della spedizione, per cui se il notebook non arriva quando lo spedisco io e quando lo spediscono loro dopo aver effettuato la riparazione, ho buttato via al vento 2000?.2. Nel caso in cui i "tecnici" asus non riscontravano alcun difetto, dovevo pagare a mio carico le spese di spedizione (andata e ritorno) più il lavoro dei "tecnici" per il disturbo.3. Devo restare senza notebook per circa 1 mese.A sapere tutte queste belle cose, se solo potessi tornare indietro di certo non acquisterei un notebook asus. Dove abito io ci son 2 centri di assistenza toshiba e quindi a pensarci prima avrei optato per un notebook Toshiba. Inviare per posta un bene di circa 2000?, non coperto da nessuna assicurazione per il trasporto, le eventuali "botte" prese di qua e di la (perchè sappiamo tutti con che delicatezza i trasportatori trattano i pacchi). Inoltre rischiano che i cosidetti "tecnici" asus nn riscontrano nessun problema, insomma cornuto e mazziato ci sarei andato a perdere. Per risolvere il problema acquisterò un nuovo masterizzatore per il mio notebook,in questo modo vado ad aggiungere altri 150? ai già 2000? pagati ad asus non di certo per una mia responsabilità. Consiglio a tutti, prima di acquistare un qualsiasi prodotto verificate bene dove si trovano i centri di assistenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    iNFATTI TE L'HO DETTO CHE E' TUTTA UNA FREGATURA!!!nON FACCIAMO FREGARE! aLTRO CHE DUE ANNI!!ops, caps LOCK!- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    la legge e' chiara ed e' anche scritta
    in

    italiano

    Sul serio? Strano per una legge...


    La garanzia copre SOLo difetti di

    fabbricazione presenti al momento

    dell'acqusto

    Se il difetto compare nei primi sei
    mesi, si

    presuppone che fosse preesistente al
    momento

    dell'acquisto (ossia che ti hanno
    venduto

    una cpu difettosa)

    Se sono passati sei mesi, sei tu a dover

    dimostrare che si e' rotto perche' era

    difettoso e non per esempio con uno
    sbalzo

    di tensione causato, per esempio da una

    microscarica generata da uno dei tanti

    condensatori (quelli delle abit per

    esempioscoppiavano quasi tutti dopo
    alcuni

    mesi!) della mainboard!

    Ah certo, io da bravo utonto so tutto su
    microscariche e condensatori... :|


    Insomma...entro i primi sei mesi, si

    presupponeche il prodotto fosse
    difettoso

    fin dall'inizio

    Dopo sei mesi, non c'e' piu' questa

    supposizione e devi dimostrarlo tu (con
    una

    perizia)

    Ti rendi conto da solo, vero, che se le cose
    stanno davvero cosi' e' tutta una grossa
    presa per il culo?
    Per quasu qualsiasi cosa mi si rompa dopo i
    6 mesi, meglio ricomprarla, visto che la
    perizia probabilmente costa di piu' (tempo e
    denaro).
  • Anonimo scrive:
    Re: L'utonto idiota
    bravo,hai capito tuttoio infatti vendo solo online da oltre 3 anniHoridotto ad un decimo le spese rispetto al negozio e non ho piu' a che fare con gli arrogantiNon stiamo parlando di persone concui puoi discutere, ma di persone impaccate di soldi che si credono di essere gesu' cristo in persona e di avere sempre ragioneL'utente online valuta, si informa e calcola bene i suoi acquistiSe sbaglia effettua ilrecessoMa non e' arrogante come i figli di papa' che pensano di comandare anche fuori da casa loro...- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    l'utente normale, quando qualcosa non
    gli

    funziona, non mi torna dentro il negozio

    sbraitando davanti ai clienti, rosso in

    faccia, con la tastiera in mano come se

    fosse una spada, ricordandomi che i
    soldi

    che mi ha dato non erano difettosi e
    bla bla

    bla

    L'utente normale, che poverino non e'

    esperto visto che nessuno nasce
    "imparato",

    torna al negozio e chiede consigli "mi

    succede questo e quest'altro, forse ho
    rotto

    qualcosa?"

    L'utente lo aiuti, anche gratis se se lo

    merita

    L' utonto arrogante lo sbatti fuori dal

    negozio

    Capita la differenza?

    auguri, sei prossimo al fallimento...
    :D

    buttar fuori le persone dal negozio è
    la cosa più stupida che tu possa
    fare, trova un punto d'incontro con questi
    CLIENTI, discuti in modo civile.
  • Anonimo scrive:
    Re: impossibilitati nell'assistenza
    in base alla vecchia normativa, e' SEMPRE il cliente a dover dimostrare l'esistenza del difetto gia' dal momento della consegna (difetto di fabbricazione), tranne i primi sette giorniDi fatto, la garanzia 24 mesi, ha esteso a 6 mesi il periodo in cui si presume che ildifetto sia di fabbricazionedopo sei mesi ti attacchise invece non rientri nella garanzia 24 mesi, ma in quella "vecchia" 12 mesi, dopo 7gg, il negoziante puo' dirti " te lo cambio solo se dimostri che si e' rotto per difetto di fabbricazione"Puoi andare da qualsiasi giudice, ma la legge e' quellaUna bella fregtura...- Scritto da: chemicalbit
    Ciao Anonimo!

    - Scritto da: Anonimo


    ma perche' parli se non hai letto la
    legge?
    tutta tuta, in effetti non l'ho letta ... :$


    La garanzia e' VALIDA solo tra
    consumatore e

    venditore, dove per consumatore si
    intende

    chi acquista per copi estranei alla
    propria

    attivita'


    Hai capito la fregatura?

    Il negoziante non e' "consumatore"
    rispetto

    al fornitore!

    e' tutto qui l'inghippo!


    Sì, certo, come spiegato in
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=907481

    Ma quella è la (nuova) garanzia
    (europea) di conformità (che
    vale 2 anni, però solo nei primi 6
    mesi ... bla bla ..)


    C'è però anche (come spiegato
    in
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906892


    Del resto sarebbe un controsenso fare
    vendite senza garanzia!!!! : tu sei un
    venditore di hardware infromatico, ordini un
    PC e ti arriva una scatola di mattoni ...
    un'altro è un fruttivendolo, ordina
    delle fragole ... gli arrivano delle banane
    (magair marce), ecc. ecc.

    Se il venditore non ne rispondesse
    ognuno potrebbe fare quel cavolo che gli
    pare.



    se il negoziante potesse fare causa al
    suo

    fornitore, i problemi non esisterebbero!

    di solito i negozianti fanno ancor
    più presto che afer (lunghe e
    costose) cause: bloccano il pagamento delle
    rimesse bancarie successive :o (a volte
    anche solo per 2 euro in più sulle
    spese di spedizione su un ordine di 500 euro
    :s )


    o pensi che un negoziante preferisca
    perdere

    ore a litigare con i clienti, subire

    insulti, perdere clienti etc ect

    Mica e' masochista!

    No di certo.
    Neanche io non sono così masochista
    da credere una cosa del genere.
  • Anonimo scrive:
    Re: la Garanzia e' di due anni per legge
    questa e' disinformazionenon facciamoci fregare!dopo sei mesi (leggi la legge o chiedi alle associazioni consumatori ) spetta alcliente dimostrare che ilguasto era presente sin dal momento della consegna (difetto di fabbricazione)Se non lo dimostra, niente garanziaDi fatto si chiude un occhio per altri sei mesi, quindi tutti danno 12 mesi, ma nessuno 24 , perche' fare una perizia costa decine di volte ilprodotto (almenoin campo informatico) e anche facendo la perizia si scoprirebbe nel 99% dei casi che magari l'hard disk si e' rotto per uno sbalzo di tensioneNon facciamo fregareleggiamole per intero le leggi, altrimenti la prenderemo sempre nel didietro!www.aduc.itdifesa diritti dei consumatori- Scritto da: Anonimo
    Salve a tutti...

    Per legge, l'utente finale, e' coperto da
    garanzia, per ben due anni, contro difetti
    di fabbricazione o malfunzionamenti.
    La garanzia, deve essere data direttamente
    dal "venditore".
    L'utente finale, non e' tenuto a portare il
    pezzo al centro assistenza: e' il venditore
    che si deve sorbire l'onere di offrire lui
    il servizio.
    L'utente ha ben due anni per riscontrare un
    eventuale difetto.
    In tal caso, il rivenditore puo' riparare o
    sostituire il pezzo "guasto" con uno nuovo.
    NOTA BENE: tale legge non vale per i
    professionisti con Partita IVA o le aziende.
    Vale solo per i privati.

    --
    Il Corvo
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ? [ot]
    - Scritto da: Anonimo

    n ogni caso e' innegabile che l'Italia

    e' in una grave crisi e che
    presto o

    tardi il crack ci sara'.
    che cosa vuoi dire con questo ? spiegati
    bene, per favore....Che a mio avviso la situazione e' critica. Se avessimo una classe politica veramente interessata al paese forse potremmo sperare di risollevarci, ma dato che cosi' non e', non vedo come possano cambiare le cose. Il che equivale a dire che prima o poi questa parabola discendente arrivera' al fondo del barile, e dopo aver raschiato un po' dovra' per forza scoppiare.Dati alla mano, da terzo paese europeo che eravamo (perche' strano ma vero dopo Francia e Germania, c'era l'Italia) stiamo scendendo rapidamente la china e quello che e' peggio e' che le persone iniziano ad accorgersene. Cosi' tutte le situzioni di insofferenza scoppiano in manifestazioni e agitazioni a volte fuori luogo. Basta vedere com'e' di moda bloccare i binari dei treni per ogni minima cavolata, o anche le semplici sfuriate che si vedono sempre piu' di frequente negli uffici pubblici e la depressione generata dal drastico calo del potere di acquisto.La gente e' stanca e non ha nessuno che la rappresenti, perche' non dobbiamo dimenticare che la democrazia in Italia e' solo sulla carta. Basta vedere quanti volevano supportare la guerra americana contro "il terrorismo" e quanti erano contro (mai visto tante bandiere della pace.. ce n'era una ad ogni finestra dalle mie parti!). Ma dato che l'america detiene il controllo degli appalti per la ricostruzione e dato che i politici italiani hanno interesse a prendere una fetta della torta devono per forza supportare l'America. A dimostrazione che la democrazia non esiste e che la classe politica (non tutti, ma troppi) non ha interesse negli affari nazionali, ma solo nei propri (vedi RFID: col cavolo che credo alle stupidaggini del garante della privacy che non sa nemmeno come funziona un RFID, chissa' com'e' se e come e' collegato economicamente a questa tecnologia).E in ogni caso la crisi e' generalizzata a buona parte dell'europa purtroppo. Questo perche' la magnifica comunita' europea e' basta su principi e interessi puramente economici e non sociali il che equivale a dire che vista in termini economici, qualsiasi situazione trova spiegazione, peccato che le persone la vedano in termini sociali, qualita' di vita etc. e che in questi termini le cose non si pieghino.Ad ogni modo il concetto resta lo stesso, prima o poi la crisi scoppia. Mi domando se ci fosse la corsa a ritirare i risparmi, con un misero 4-5% di denaro realmente stampato (il restante e' virtuale) cosa accadrebbe.Mi spiace aver esposto il concetto in modo cosi' confuso, ma volevo solo fare un panoramica di massima, tanto per avere dare un idea generale di quello che penso.In un confronto diretto forse riuscirei ad esprimermi meglio.Fammi sapere che ne pensi, ciao.
  • Tharon scrive:
    Re: L'utonto idiota
    Quelli sono tonti e basta. Viene prima il tonto e poi l'utente, capita la differenza ? :p==================================Modificato dall'autore il 24/02/2005 1.34.04
  • Anonimo scrive:
    la Garanzia e' di due anni per legge
    Salve a tutti...Per legge, l'utente finale, e' coperto da garanzia, per ben due anni, contro difetti di fabbricazione o malfunzionamenti.La garanzia, deve essere data direttamente dal "venditore".L'utente finale, non e' tenuto a portare il pezzo al centro assistenza: e' il venditore che si deve sorbire l'onere di offrire lui il servizio.L'utente ha ben due anni per riscontrare un eventuale difetto.In tal caso, il rivenditore puo' riparare o sostituire il pezzo "guasto" con uno nuovo.NOTA BENE: tale legge non vale per i professionisti con Partita IVA o le aziende. Vale solo per i privati.--Il Corvo
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia: c'è distinzione?
    - Scritto da: Anonimo
    A quanto so io la garanzia di due anni
    è rivolta alle sole persone fisiche.
    Per soggetti in possesso di partita IVA la
    garanzia è di un anno salvo
    estensioni e/o diverse indicazioni della
    casa produttrice del bene risultato
    difettoso.
    A voi i commenti.Si, e' verissimo: la legge sulla garanzia di due anni, vale solo per le persone fisiche. Non vale per le ditte, o per i professionisti che hanno acquistato il bene con PIVA. In questi ultimi casi, bisogna rivolgersi non piu' al venditore (che deve garantire direttamente i due anni di garanzia all'utente finale, privato) ma alla rete di assistenza ufficiale del produttore. In tal caso, la garanzia potrebbe essere anche di un anno o meno...--Il Corvo
  • Macs scrive:
    Re: Esperienza SONY
    Con il mio vaio invece non e' andata cosi' bene..arriva con lo schermo che non funziona., lo rimando indietro con il sistema che descrivi anche tu e me lo rimandano con un uno schermo nuovo ma 2 pixel bruciati, bastardo di un tecnico! Sicuramente per provare lo schermo sostituito li avra' visti i pixel visto che rimangono belli accesi, nemmeno gli ha sfiorato la mente di mettermi uno schermo senza difetti dopo quello che mi hanno fatto passare..se ti interessa trovi la notizia anche su pu punto informatico, dove descrivo l'odissea che ho vissuto per quel portati, che tutt'oggi uso.. perche' cmq e' troppo bello.
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo
    la legge e' chiara ed e' anche scritta in
    italianoSul serio? Strano per una legge...
    La garanzia copre SOLo difetti di
    fabbricazione presenti al momento
    dell'acqusto
    Se il difetto compare nei primi sei mesi, si
    presuppone che fosse preesistente al momento
    dell'acquisto (ossia che ti hanno venduto
    una cpu difettosa)
    Se sono passati sei mesi, sei tu a dover
    dimostrare che si e' rotto perche' era
    difettoso e non per esempio con uno sbalzo
    di tensione causato, per esempio da una
    microscarica generata da uno dei tanti
    condensatori (quelli delle abit per
    esempioscoppiavano quasi tutti dopo alcuni
    mesi!) della mainboard!Ah certo, io da bravo utonto so tutto su microscariche e condensatori... :|
    Insomma...entro i primi sei mesi, si
    presupponeche il prodotto fosse difettoso
    fin dall'inizio
    Dopo sei mesi, non c'e' piu' questa
    supposizione e devi dimostrarlo tu (con una
    perizia)Ti rendi conto da solo, vero, che se le cose stanno davvero cosi' e' tutta una grossa presa per il culo?Per quasu qualsiasi cosa mi si rompa dopo i 6 mesi, meglio ricomprarla, visto che la perizia probabilmente costa di piu' (tempo e denaro).
  • Anonimo scrive:
    Re: L'utonto idiota
    - Scritto da: Anonimo
    l'utente normale, quando qualcosa non gli
    funziona, non mi torna dentro il negozio
    sbraitando davanti ai clienti, rosso in
    faccia, con la tastiera in mano come se
    fosse una spada, ricordandomi che i soldi
    che mi ha dato non erano difettosi e bla bla
    bla
    L'utente normale, che poverino non e'
    esperto visto che nessuno nasce "imparato",
    torna al negozio e chiede consigli "mi
    succede questo e quest'altro, forse ho rotto
    qualcosa?"
    L'utente lo aiuti, anche gratis se se lo
    merita
    L' utonto arrogante lo sbatti fuori dal
    negozio
    Capita la differenza?auguri, sei prossimo al fallimento...:Dbuttar fuori le persone dal negozio è la cosa più stupida che tu possa fare, trova un punto d'incontro con questi CLIENTI, discuti in modo civile.
  • Anonimo scrive:
    Re: impossibilitati nell'assistenza
    ma perche' parli se non hai letto la legge?La garanzia e' VALIDA solo tra consumatore e venditore, dove per consumatore si intende chi acquista per copi estranei alla propria attivita'Hai capito la fregatura?Il negoziante non e' "consumatore" rispetto al fornitore!e' tutto qui l'inghippo!se il negoziante potesse fare causa al suo fornitore, i problemi non esisterebbero!o pensi che un negoziante preferisca perdere ore a litigare con i clienti, subire insulti, perdere clienti etc ectMica e' masochista!- Scritto da: chemicalbit
    Ciao IlCarletto

    non capsico una cosa.

    • chemicalbit scrive:
      Re: impossibilitati nell'assistenza
      Ciao Anonimo! - Scritto da: Anonimo
      ma perche' parli se non hai letto la legge?tutta tuta, in effetti non l'ho letta ... :$
      La garanzia e' VALIDA solo tra consumatore e
      venditore, dove per consumatore si intende
      chi acquista per copi estranei alla propria
      attivita'
      Hai capito la fregatura?
      Il negoziante non e' "consumatore" rispetto
      al fornitore!
      e' tutto qui l'inghippo!Sì, certo, come spiegato in http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=907481Ma quella è la (nuova) garanzia (europea) di conformità (che vale 2 anni, però solo nei primi 6 mesi ... bla bla ..)C'è però anche (come spiegato in http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906892 ) la solita "vecchia" garanzia commerciale del venditore (che la nuova normativa non ha abrogato).Del resto sarebbe un controsenso fare vendite senza garanzia!!!! : tu sei un venditore di hardware infromatico, ordini un PC e ti arriva una scatola di mattoni ... un'altro è un fruttivendolo, ordina delle fragole ... gli arrivano delle banane (magair marce), ecc. ecc. Se il venditore non ne rispondesse ognuno potrebbe fare quel cavolo che gli pare.
      se il negoziante potesse fare causa al suo
      fornitore, i problemi non esisterebbero!di solito i negozianti fanno ancor più presto che afer (lunghe e costose) cause: bloccano il pagamento delle rimesse bancarie successive :o (a volte anche solo per 2 euro in più sulle spese di spedizione su un ordine di 500 euro :s )
      o pensi che un negoziante preferisca perdere
      ore a litigare con i clienti, subire
      insulti, perdere clienti etc ect
      Mica e' masochista!No di certo.Neanche io non sono così masochista da credere una cosa del genere.
  • Anonimo scrive:
    Re: L'utonto idiota
    l'utente normale, quando qualcosa non gli funziona, non mi torna dentro il negozio sbraitando davanti ai clienti, rosso in faccia, con la tastiera in mano come se fosse una spada, ricordandomi che i soldi che mi ha dato non erano difettosi e bla bla blaL'utente normale, che poverino non e' esperto visto che nessuno nasce "imparato", torna al negozio e chiede consigli "mi succede questo e quest'altro, forse ho rotto qualcosa?"L'utente lo aiuti, anche gratis se se lo meritaL' utonto arrogante lo sbatti fuori dal negozioCapita la differenza?- Scritto da: Tharon
    Vorrei sapere se è tanto glorificante
    dare implicitamente del tonto a persone che
    hanno altro da fare nella vita che perdere
    tempo al PC. Sono utenti, tutto qui. Utenti

    Forse che bisogna essere meccanico per
    acquistare / guidare una macchina ? (e
    magari per non sentirsi chiamare Autotonto)
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi più spende ..........
    O non mi sono spiegato..... o non sono stato capito oppure non sono stato letto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi più spende .......... cos'ha ?
    Quello che tu avevi : aveva una tecnologia che all'epoca tutti hanno deciso di non seguire, anche notevolmente più performate. Tuttavia la hanno ripresa con le periferiche PCI in seguito ...........   Quelle si che erano macchine .......
  • chemicalbit scrive:
    Re: impossibilitati nell'assistenza
    Ciao IlCarlettonon capsico una cosa.Hai scritto:- Scritto da: IlCarletto
    come rivenditore mi è capitato
    questo,
    acer non mi accettava il rientro in garanzia
    di un notebook... ma doveva farlo il
    cliente... [eccetera]
    morale, sono io il primo ad informare il
    cliente su come esercitare la garanzia. se
    vendo xò un pc di marca gli DEVO
    dire... sono **zzi tuoi... rivolgiti a
    qualche call center del produttore (se sei
    fortunato è un numero verde), ma io
    non posso fare niente.L'utilizzatore finale è cliente rispetto a te. E rispetto a lui tu sei il venditore.Ma rispetto a te è il produttore ad essere il venditore (del quale sei tu ad essere il cliente).Per cui tu ( CLIENTE) avresti tutto il diritto di ottenere garanzia ed assistenza dal produttore (PRODUTTORE/VENDITORE).non capsico tutte queste storie ...p.s.: sostituisci "IMPORTATORE" a tutte le ricorrenze di PRODUTTORE se quest'ultimo è extra-CEE
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperienza SONY
    Sul mio vaio FR215E per accedere all'HD basta aprire uno sportellino sul fondo: 1 vite da svitare e 30 secondi di tempo da perdere. Non conosco gli altri VAIO.
  • Tharon scrive:
    Re: L'utonto idiota
    Vorrei sapere se è tanto glorificante dare implicitamente del tonto a persone che hanno altro da fare nella vita che perdere tempo al PC. Sono utenti, tutto qui. Utenti che comprano un computer giusto per scrivere 2 mail al giorno o come aiuto per le questioni di ufficio. Persone che utilizzano il computer per quello che gli è utile, dopotutto è uno strumento e non una ragione di vita.L'utente è questo che fa. Utilizzare uno strumento.Se poi qualcuno si sente superiore, problema suo e della sua psiche.Polemiche a parte, non vedo cosa ci sia di male a cercare il prezzo minore. Non tutti vogliono un pc per giocare o per fare vedere quanto sono fighi. La maggior parte degli utenti usa il pc per poche cose e delle prestazioni gliene importa poco o niente. Va nei negozi, si informa su quello che gli viene offerto e acquista. Se poi quello che gli viene venduto è di scarsa qualità e non rispecchia quanto offerto, che colpa ne ha l'utente ?Forse che bisogna essere meccanico per acquistare / guidare una macchina ? (e magari per non sentirsi chiamare Autotonto)
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    E' anche palese che dopo 6 mesi debba
    essere

    il

    "cliente" a "dover dimostrare" che il
    guasto

    e' imputabile

    ad un vizio costruttivoe non il
    contrario.

    Mi spieghi, in italiano corrente, cosa
    esattamente vorrebbe dire?
    Ti pongo due esempi di eventi improvvisi:
    1) la CPU 'muore'.
    2) l'hard-disk comincia a fare rumori
    strani, e lo S.M.A.R.T. annuncia la sua fine
    prematura.
    Come cliente, ponendo di essere all'interno
    dei due anni, io cosa (e soprattutto, in che
    modo) dovrei dimostrare?la legge e' chiara ed e' anche scritta in italianoLa garanzia copre SOLo difetti di fabbricazione presenti al momento dell'acqustoSe il difetto compare nei primi sei mesi, si presuppone che fosse preesistente al momento dell'acquisto (ossia che ti hanno venduto una cpu difettosa)Se sono passati sei mesi, sei tu a dover dimostrare che si e' rotto perche' era difettoso e non per esempio con uno sbalzo di tensione causato, per esempio da una microscarica generata da uno dei tanti condensatori (quelli delle abit per esempioscoppiavano quasi tutti dopo alcuni mesi!) della mainboard!Insomma...entro i primi sei mesi, si presupponeche il prodotto fosse difettoso fin dall'inizioDopo sei mesi, non c'e' piu' questa supposizione e devi dimostrarlo tu (con una perizia)Visto che i componenti informatici costano ormai un decimo rispetto a qualche anno fa', se ogni tanto si rimpe qualcosa, la butti e te lo ricomprie' piu' facile!
  • Baldus scrive:
    Re: Esperienza SONY
    Si, devi smontare tutto il portatile per togliere il disco......lassamo perdere!Ho un vaio A117s e per montarmi un disco da 7200 giri ho dovuto sudare sette camice!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: The_GEZ
    Cioè un tizio vi arrive dicendovi che
    il comuter non funziona e voi non siete in
    grado di teterminare un problema come questo
    ?!Complimenti: hai davvero le facoltà cognitive di un paramecio. Il tizio sopra ha solo scritto che il cliente gli riporta la STAMPANTE lamentandosi che non funziona, senza specificare altro... il resto è solo frutto delle tue distorsioni paranoidi da piccolo smanettone.
  • Anonimo scrive:
    Re: GIGABYTE
    - Scritto da: Anonimo
    nel negozio dove lavoro, abbiamo preso 20
    gigabyte a novembre . A gennaio ce n'erano
    gia' rientrate 11
    Inutile dirti che stiamo ancora aspettando
    che il distributore tedesco ce le cambi...Mi ricordo di una mb gigabyte slot-A con chipset irongate: non è stato possibile montare win2k o suse linux (l'installazione arrivava a metà e si bloccava).Alla fine la usai per fare un assemblato, ci installai win98 con un po' di software didattico per infanti (giochi). Tale accrocchio lo regalai a mio nipote per natale (è ancora funzionante, strano ma vero).Mai più comprato mb gigabyte. A cotale "corporation" offrii gratuitamente il servizio di pubblicità negativa.
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo
    E' anche palese che dopo 6 mesi debba essere
    il
    "cliente" a "dover dimostrare" che il guasto
    e' imputabile
    ad un vizio costruttivoe non il contrario.Mi spieghi, in italiano corrente, cosa esattamente vorrebbe dire?Ti pongo due esempi di eventi improvvisi: 1) la CPU 'muore'.2) l'hard-disk comincia a fare rumori strani, e lo S.M.A.R.T. annuncia la sua fine prematura.Come cliente, ponendo di essere all'interno dei due anni, io cosa (e soprattutto, in che modo) dovrei dimostrare?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Diablo

    in genere esiste una cosa che ogni
    utente

    dovrebbe fare:



    BACKUP

    Ma il backup... non lo fa nessuno. 8)Certo che invece si fa il backup !!! Basta mettere un nastro nell'unità DDS o DLT e copiarci in automatico tutti i dati... tutte le sere... per anni... sempre sullo stesso nastro... sovrascrivendo i dati vecchi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: Diablo
    in genere esiste una cosa che ogni utente
    dovrebbe fare:

    BACKUPMa il backup... non lo fa nessuno. 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Q88

    Il mininimo, all'interno dell'UE non

    dovrebbe essere di 24 mesi per ogni

    prodotto?

    Il problema della garanzia di 2 anni
    prevista dalla normativa non è solo
    della apple, non capisco perchè
    continuate a spalare merda su un'azienda che
    riuscì per prima a portare nelle case
    delle famiglie i primi computer; famosi sono
    l'Apple II e il Lisa.
    (apple)Se aggiungi anche il Macintosh FX puoi passare a 6 mesi di garanzia...
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo




    Lascia perdere, Archi! Ho la netta
    impressione che quel tizio sia uno di quelli
    che hanno comprato la stampante USB
    Spippolix 3200C SuperColor e solo ora ha
    capito come mai non funziona col suo
    Nintendo...No ti sbagli di grosso. Sono molto esperto (programmatore) e so cosa compro, quando compro!
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le altre
    bravo truffatore..evasore!- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo






    I prezzi in Italia tasse o non
    tasse

    sono


    troppo alte. Se vuole può

    abbassare e


    uniformare i prezzi.





    C'è una grossa differenza
    che va

    al


    di là di ogni
    spiegazione... Iva,


    tasse di dogana e di trasporto, non

    bastano,





    Ma forse fa piacere nascondersi
    dentro


    ipotetiche spiegazioni di tasse, di


    trasporti etc. Ma non siamo nel
    famoso


    villaggio globale? Non si
    può

    usare


    carte di credito, paypal etc?




    Il tuo intervento dimostra una cosa
    sola:

    totale e assoluta ignoranza di come
    funziona

    il commercio, come si crea un prezzo, e

    soprattutto quali sono le spese per

    internazionalizzare un prodotto e per

    esportarlo.



    Differenza di prezzi fra gli USA e
    l'Italia?

    C'è in tutti i prodotti, non
    solo i

    PC, e non solo su Apple, anzi: se tu -
    come

    me - andassi spesso negli USA, e come me

    comprassi spesso negli USA, e come me

    ordinassi spesso on-line su siti USA,

    sapresti che i prezzi italiani di Apple
    sono

    fra i più convenienti, tanto che
    io,

    che compro tutti i prodotti di
    informatica e

    fotografia in USA, compro tutti i
    prodotti

    Apple in Italia.

    Prova a fare un confronto con Dell, per

    esempio. Prendi il Mac mini e il Dell

    Dimension 2400, guarda i prezzi USA e
    quelli

    italiani, poi mi dici chi ha fatto la

    conversione più onesta da
    dollari a

    euro.

    Non sei convinto? Bene, al tuo primo
    viaggio

    in USA compra il Mac Mini
    laggiù. Lo

    paghi 499 dollari, più le "sales
    tax"

    (l'equivalente della nostra IVA, dal 2
    al 7%

    a seconda dello stato); poi
    all'aeroporto ti

    fai rimborsare la sales tax, e torni ai
    499

    dollari (383 euro). Quindi arrivi in
    Italia

    (Mac mini è leggerissimo quindi
    non

    paghi trasporto - nel senso che lo hai

    già pagato nel tuo biglietto
    aereo,

    che comprende circa 20 kg di bagaglio,
    il

    Mac è circa 2 kg).

    Alla dogana paghi IVA 20% più
    dazio

    circa 10%. Diciamo circa 145 dollari.

    Alla dogana dichari che ce l'avevi
    già quando sei partito mica fanno
    alcun controllo, quindi ci risparmi!!!


    Se la

    tua carta di credito ti applica le
    migliori

    condizioni sul mercato (quelle che fa
    alla

    fiat) il cambio te lo darà a 1,3

    dollari per euro. Quindi il Mac,
    comprato

    negli USA, ti sarà costato
    appena...

    vediamo... 495 euro, invece di 499!

    Accidenti, quegli str..zi di Apple
    italia

    volevano fottermi ben 4 euro! Che
    ladri!.

    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA

    è venduto con il Mac Os X in
    inglese.

    Ma chissenefrega, al limite il sistema

    operativo te lo traduci da solo... vuoi

    mettere il risparmio di 4 euro rispetto
    alla

    piccola scomodità di un sistema
    in

    inglese? Ah, tra parentesi, la presa di

    alimentazione americana va sostituita.
    Te la

    cavi con due euro al Brico, se sai
    qualcosa

    di elettricità.









  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le altre
    - Scritto da: Anonimo



    I prezzi in Italia tasse o non tasse
    sono

    troppo alte. Se vuole può
    abbassare e

    uniformare i prezzi.



    C'è una grossa differenza che va
    al

    di là di ogni spiegazione... Iva,

    tasse di dogana e di trasporto, non
    bastano,



    Ma forse fa piacere nascondersi dentro

    ipotetiche spiegazioni di tasse, di

    trasporti etc. Ma non siamo nel famoso

    villaggio globale? Non si può
    usare

    carte di credito, paypal etc?


    Il tuo intervento dimostra una cosa sola:
    totale e assoluta ignoranza di come funziona
    il commercio, come si crea un prezzo, e
    soprattutto quali sono le spese per
    internazionalizzare un prodotto e per
    esportarlo.

    Differenza di prezzi fra gli USA e l'Italia?
    C'è in tutti i prodotti, non solo i
    PC, e non solo su Apple, anzi: se tu - come
    me - andassi spesso negli USA, e come me
    comprassi spesso negli USA, e come me
    ordinassi spesso on-line su siti USA,
    sapresti che i prezzi italiani di Apple sono
    fra i più convenienti, tanto che io,
    che compro tutti i prodotti di informatica e
    fotografia in USA, compro tutti i prodotti
    Apple in Italia.
    Prova a fare un confronto con Dell, per
    esempio. Prendi il Mac mini e il Dell
    Dimension 2400, guarda i prezzi USA e quelli
    italiani, poi mi dici chi ha fatto la
    conversione più onesta da dollari a
    euro.
    Non sei convinto? Bene, al tuo primo viaggio
    in USA compra il Mac Mini laggiù. Lo
    paghi 499 dollari, più le "sales tax"
    (l'equivalente della nostra IVA, dal 2 al 7%
    a seconda dello stato); poi all'aeroporto ti
    fai rimborsare la sales tax, e torni ai 499
    dollari (383 euro). Quindi arrivi in Italia
    (Mac mini è leggerissimo quindi non
    paghi trasporto - nel senso che lo hai
    già pagato nel tuo biglietto aereo,
    che comprende circa 20 kg di bagaglio, il
    Mac è circa 2 kg).
    Alla dogana paghi IVA 20% più dazio
    circa 10%. Diciamo circa 145 dollari. Alla dogana dichari che ce l'avevi già quando sei partito mica fanno alcun controllo, quindi ci risparmi!!!
    Se la
    tua carta di credito ti applica le migliori
    condizioni sul mercato (quelle che fa alla
    fiat) il cambio te lo darà a 1,3
    dollari per euro. Quindi il Mac, comprato
    negli USA, ti sarà costato appena...
    vediamo... 495 euro, invece di 499!
    Accidenti, quegli str..zi di Apple italia
    volevano fottermi ben 4 euro! Che ladri!.
    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA
    è venduto con il Mac Os X in inglese.
    Ma chissenefrega, al limite il sistema
    operativo te lo traduci da solo... vuoi
    mettere il risparmio di 4 euro rispetto alla
    piccola scomodità di un sistema in
    inglese? Ah, tra parentesi, la presa di
    alimentazione americana va sostituita. Te la
    cavi con due euro al Brico, se sai qualcosa
    di elettricità.




  • IlCarletto scrive:
    impossibilitati nell'assistenza
    come rivenditore mi è capitato questo, acer non mi accettava il rientro in garanzia di un notebook... ma doveva farlo il cliente...lavoro vicino a milano, e il centro assistenza acer è ad agrate brianza.. 5 km da me...questo è quanto. frase facile: io farei tutta l'assistenza del mondo.....ma non posso!morale, sono io il primo ad informare il cliente su come esercitare la garanzia. se vendo xò un pc di marca gli DEVO dire... sono **zzi tuoi... rivolgiti a qualche call center del produttore (se sei fortunato è un numero verde), ma io non posso fare niente.ciaoo
  • Ics-pi scrive:
    Re: HP Italia
    Rotfl!
  • Anonimo scrive:
    Re: HP Italia
    che te pijasse un colpo- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    per caso lavori per l'hp?

    ho avuto la stessa risposta dal loro
    call

    center

    sì, ti ho risposto io al call center!

    non ti ricordi?
  • Anonimo scrive:
    una sola inesattezza

    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA
    è venduto con il Mac Os X in inglese.
    Ma chissenefrega, al limite il sistema
    operativo te lo traduci da solo... vuoi
    mettere il risparmio di 4 euro rispetto alla
    piccola scomodità di un sistema in
    inglese? LOL una sola inesattezza Mac OSX è multilingua (non come OS 9)quindi l'OS che compri in America è esattamente lo stesso di quello che compri in Italia.Non a caso quando inserisci il DVD per l'installazione ti chiede qual'è la tua lingua preferita per usare l'OS.(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: HP Italia
    - Scritto da: Anonimo
    per caso lavori per l'hp?
    ho avuto la stessa risposta dal loro call
    centersì, ti ho risposto io al call center!non ti ricordi?
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    mi sa' che la cazzata l'hai detta tuassociazione per i diritti degli utenti e dei consumatorihttp://www.aduc.it/dyn/sosonline/caraduc/carasingola.php?id=67788- Scritto da: Ics-pi
    Basta scrivere cazzate:

    www.prontoconsumatore.it/detail.asp?IDSezione

    Firmato Adiconsum...
    • Ics-pi scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      Effettivamente sembra che sia proprio cosi'. Tuttavia penso che nemmeno chi offra la garanzia conosca questa legge nei dettagli, in quanto mi e' capitato piu' volte che merce rotta (per problemi reali o solo per danni provocati) mi venisse cambiata a quasi un anno dall'acquisto, e cosi' anche ad amici, parenti, clienti etc...Inoltre molti produttori (anche se poi bisogna vedere quando lo dicono, se poi lo fanno davvero) allungano la garanzia citata sul DECRETO LEGISLATIVO n.24 aggiungendo una garanzia di 2/3 anni del produttore (per esempio alcune ram garantite a vita, o Asus che sul suo sito cita 3 anni di garanzia).Comunque bella inculata la storia dei 6 mesi...davvero un'enorme fregatura. :
      • Anonimo scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        te l'ho detto che e' una fregatura!e' ovvio che il commerciante quando puo' ti aiuta e cambia (se a lui la merce la cambiano, cosa gli costa cambiarla a te? sicuramente si evita un mucchio di discussioni, telefonate,insulti, minacce...ma e' importante conoscere la legge per non fare la figura del fesso (come mi e' successo) se da un negoziante ti senti dire che il suo fornitore gli cambia la merce dopo i 12 mesi, solo se gli fornisco la prova che il difetto era presente sin dall'origine....- Scritto da: Ics-pi
        Effettivamente sembra che sia proprio cosi'.
        Tuttavia penso che nemmeno chi offra la
        garanzia conosca questa legge nei dettagli,
        in quanto mi e' capitato piu' volte che
        merce rotta (per problemi reali o solo per
        danni provocati) mi venisse cambiata a quasi
        un anno dall'acquisto, e cosi' anche ad
        amici, parenti, clienti etc...
        Inoltre molti produttori (anche se poi
        bisogna vedere quando lo dicono, se poi lo
        fanno davvero) allungano la garanzia citata
        sul DECRETO LEGISLATIVO n.24 aggiungendo una
        garanzia di 2/3 anni del produttore (per
        esempio alcune ram garantite a vita, o Asus
        che sul suo sito cita 3 anni di garanzia).
        Comunque bella inculata la storia dei 6
        mesi...davvero un'enorme fregatura. :
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    appunto, su quel link hanno messo solo cio' che i consumatori vogliono sentirsi direleggiti la legge, o comprati pc rpfeossionale. dove il direttore di un'associazione consumatori ha ribadito piu' volte che dopo i 6 mesi, spetta al cliente l'onere della provaSe non ci credi, peggio per tela legge e' scritta nero su biancoi polli leggono sonoquello che vogliono...ma in questo modo non fate altro che arricchire gli avvocati...http://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024dl.htm- Scritto da: Ics-pi
    Basta scrivere cazzate:

    www.prontoconsumatore.it/detail.asp?IDSezione

    Firmato Adiconsum...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le altre
    - Scritto da: Anonimo



    I prezzi in Italia tasse o non tasse
    sono

    troppo alte. Se vuole può
    abbassare e

    uniformare i prezzi.



    C'è una grossa differenza che va
    al

    di là di ogni spiegazione... Iva,

    tasse di dogana e di trasporto, non
    bastano,



    Ma forse fa piacere nascondersi dentro

    ipotetiche spiegazioni di tasse, di

    trasporti etc. Ma non siamo nel famoso

    villaggio globale? Non si può
    usare

    carte di credito, paypal etc?


    Il tuo intervento dimostra una cosa sola:
    totale e assoluta ignoranza di come funziona
    il commercio, come si crea un prezzo, e
    soprattutto quali sono le spese per
    internazionalizzare un prodotto e per
    esportarlo.

    Differenza di prezzi fra gli USA e l'Italia?
    C'è in tutti i prodotti, non solo i
    PC, e non solo su Apple, anzi: se tu - come
    me - andassi spesso negli USA, e come me
    comprassi spesso negli USA, e come me
    ordinassi spesso on-line su siti USA,
    sapresti che i prezzi italiani di Apple sono
    fra i più convenienti, tanto che io,
    che compro tutti i prodotti di informatica e
    fotografia in USA, compro tutti i prodotti
    Apple in Italia.
    Prova a fare un confronto con Dell, per
    esempio. Prendi il Mac mini e il Dell
    Dimension 2400, guarda i prezzi USA e quelli
    italiani, poi mi dici chi ha fatto la
    conversione più onesta da dollari a
    euro.
    Non sei convinto? Bene, al tuo primo viaggio
    in USA compra il Mac Mini laggiù. Lo
    paghi 499 dollari, più le "sales tax"
    (l'equivalente della nostra IVA, dal 2 al 7%
    a seconda dello stato); poi all'aeroporto ti
    fai rimborsare la sales tax, e torni ai 499
    dollari (383 euro). Quindi arrivi in Italia
    (Mac mini è leggerissimo quindi non
    paghi trasporto - nel senso che lo hai
    già pagato nel tuo biglietto aereo,
    che comprende circa 20 kg di bagaglio, il
    Mac è circa 2 kg).
    Alla dogana paghi IVA 20% più dazio
    circa 10%. Diciamo circa 145 dollari. Se la
    tua carta di credito ti applica le migliori
    condizioni sul mercato (quelle che fa alla
    fiat) il cambio te lo darà a 1,3
    dollari per euro. Quindi il Mac, comprato
    negli USA, ti sarà costato appena...
    vediamo... 495 euro, invece di 499!
    Accidenti, quegli str..zi di Apple italia
    volevano fottermi ben 4 euro! Che ladri!.
    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA
    è venduto con il Mac Os X in inglese.
    Ma chissenefrega, al limite il sistema
    operativo te lo traduci da solo... vuoi
    mettere il risparmio di 4 euro rispetto alla
    piccola scomodità di un sistema in
    inglese? Ah, tra parentesi, la presa di
    alimentazione americana va sostituita. Te la
    cavi con due euro al Brico, se sai qualcosa
    di elettricità.Tutto giusto tranne che OSX è multilingue, non esiste una versione "solo inglese"......L'altra piccola inesattezza è che nel prezzo italiano è compresa anche la famigerata tassa Urbani, su HD e mesterizzatori, ma questo non fa che confortare la tua tesi. ;)
  • chemicalbit scrive:
    Re: Chi più spende .......... cos'ha ?
    chi più spende ..... cosa ha in cambio?io il mio primo computer (nel 1992, un 386-25Mhz) l'ho comprato di una ben nota marca .... non faccio nomi dico solo che è uan sigla di 3 lettere ... blu!All'epoca leader del mercato (poi si è man mano ritirata dal mercato consumer) e col motto "lo standard da chi ha inventato lo standard" (tant'è che gli altri computer si chiamavano "***-compatibili" ...)A parte il fatto che non era per nulal compatibile (era compatibile solo coi pezzi non solo di quelal marca, ma fatti appsota per quel modello di computer .... che non si trovavano! - per fortuna perché un minimo upgrade , tipo affiancare una secondo hard disk -quello di serie era da 80 MB , a pensarci mi viene da ridere- costava di più che comprarsi un computer nuovo, a quel punto ovviamente rigorosamente "compatibile").Ma quando mi si è guastato (pochi mesi dopo averlo comprato) se lo sono tenuti via quasi un mese (e meno male che mio padre l'aveva portato lui direttamente al centro di assistenza della sede della [grande_ditta_omissis] qui vicino a Milano.Senza contare che pubblicizzavano che loro oltre ad ahrdware e software davano anche un servizio di assistenza telefonica 24 ore / 24. Lasciamo stare i tempi di risposta (altro che 24/24 ...) .... ma chi avesse dato anche solo uan sbirciata al manuale del dos 5.0 (dato in dotaizoen col computer) ne avrebbe saputo più dell'assistenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo






    I prezzi in Italia tasse o non
    tasse

    sono


    troppo alte. Se vuole può

    abbassare e


    uniformare i prezzi.





    C'è una grossa differenza
    che va

    al


    di là di ogni
    spiegazione... Iva,


    tasse di dogana e di trasporto, non

    bastano,





    Ma forse fa piacere nascondersi
    dentro


    ipotetiche spiegazioni di tasse, di


    trasporti etc. Ma non siamo nel
    famoso


    villaggio globale? Non si
    può

    usare


    carte di credito, paypal etc?




    Il tuo intervento dimostra una cosa
    sola:

    totale e assoluta ignoranza di come
    funziona

    il commercio, come si crea un prezzo, e

    soprattutto quali sono le spese per

    internazionalizzare un prodotto e per

    esportarlo.



    Differenza di prezzi fra gli USA e
    l'Italia?

    C'è in tutti i prodotti, non
    solo i

    PC, e non solo su Apple, anzi: se tu -
    come

    me - andassi spesso negli USA, e come me

    comprassi spesso negli USA, e come me

    ordinassi spesso on-line su siti USA,

    sapresti che i prezzi italiani di Apple
    sono

    fra i più convenienti, tanto che
    io,

    che compro tutti i prodotti di
    informatica e

    fotografia in USA, compro tutti i
    prodotti

    Apple in Italia.

    Prova a fare un confronto con Dell, per

    esempio. Prendi il Mac mini e il Dell

    Dimension 2400, guarda i prezzi USA e
    quelli

    italiani, poi mi dici chi ha fatto la

    conversione più onesta da
    dollari a

    euro.

    Non sei convinto? Bene, al tuo primo
    viaggio

    in USA compra il Mac Mini
    laggiù. Lo

    paghi 499 dollari, più le "sales
    tax"

    (l'equivalente della nostra IVA, dal 2
    al 7%

    a seconda dello stato); poi
    all'aeroporto ti

    fai rimborsare la sales tax, e torni ai
    499

    dollari (383 euro). Quindi arrivi in
    Italia

    (Mac mini è leggerissimo quindi
    non

    paghi trasporto - nel senso che lo hai

    già pagato nel tuo biglietto
    aereo,

    che comprende circa 20 kg di bagaglio,
    il

    Mac è circa 2 kg).

    Alla dogana paghi IVA 20% più
    dazio

    circa 10%. Diciamo circa 145 dollari.
    Se la

    tua carta di credito ti applica le
    migliori

    condizioni sul mercato (quelle che fa
    alla

    fiat) il cambio te lo darà a 1,3

    dollari per euro. Quindi il Mac,
    comprato

    negli USA, ti sarà costato
    appena...

    vediamo... 495 euro, invece di 499!

    Accidenti, quegli str..zi di Apple
    italia

    volevano fottermi ben 4 euro! Che
    ladri!.

    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA

    è venduto con il Mac Os X in
    inglese.

    Ma chissenefrega, al limite il sistema

    operativo te lo traduci da solo... vuoi

    mettere il risparmio di 4 euro rispetto
    alla

    piccola scomodità di un sistema
    in

    inglese? Ah, tra parentesi, la presa di

    alimentazione americana va sostituita.
    Te la

    cavi con due euro al Brico, se sai
    qualcosa

    di elettricità.

    ASSURDO I MACACHI CHE SI COMBATTONO FRA DI
    LORO CHE MACACHIInutile x86luser alza i tacchi, nessuno sentirà la tua mancanza.
  • Ics-pi scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    Di tutte le centinaia di post che ho letto, questo e' decisamente il piu' sensato. Se Asus (facciamo un esempio, tanto per fare un nome a caso eh?) vuole vendere le sue MB in Italia DEVE dare garanzia di almeno 2 anni, come previsto dalla legge Italiana, la garanzia ovviamente vale per tutti verso il basso fino ad arrivare all'acquirente che compra il PC e sa di poterlo rivedere funzionante dopo un guasto entro X giorni nei primi 2 anni di vita.Se Mr. Asus vuole risparmiare, le sue belle MB in Italia non le vende. Fine della storia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      Se non capiamo che la garanzia EUROPEA e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: Ics-pi
      Di tutte le centinaia di post che ho letto,
      questo e' decisamente il piu' sensato. Se
      • Ics-pi scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Basta scrivere cazzate:http://www.prontoconsumatore.it/detail.asp?IDSezione=2&IDN=1654Firmato Adiconsum...
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi più spende ..........
    speso quasi 3 milioni per un montiro philips LCD (quando noncostavano due soldi come adesso)sto' ancora aspettando che me lo sostituiscanoe ti puoi immaginare quanto puo' valere oggi un monitor 15 lcd vecchio, usato e non funzionante20 euro?garanzia tre anni first choicesostituzione in 48 ore!ma fatemi il piacere...laprossima volta mi compro quello che costa di meno, magari il marchio sconosciuto ha piu' a cuore i suoi pochi clienti....- Scritto da: jimkirk71
    Il problema è la compressione dei
    margini spinta soprattutto verso il mercato
    consumer. Compressione che è promossa
    dall'agressività dei prezzi proposti
    dalle case che producono configurazioni
    fasulle e scadenti a buon mercato. Se il
    margine sulla
    produzione/distribuzione/vendita fosse
    quello di 5/6 anni fà l'assistenza
    sicuramente migliorerebbe. E comunque credo
    che prima che il consumatore su abitua al
    fatto di trattare il computer esattamente
    come il televisore e il telefonino, prima
    eviteranno di essere assaliti da false
    aspettative.
  • jimkirk71 scrive:
    Chi più spende ..........
    Il problema è la compressione dei margini spinta soprattutto verso il mercato consumer. Compressione che è promossa dall'agressività dei prezzi proposti dalle case che producono configurazioni fasulle e scadenti a buon mercato. Se il margine sulla produzione/distribuzione/vendita fosse quello di 5/6 anni fà l'assistenza sicuramente migliorerebbe. E comunque credo che prima che il consumatore su abitua al fatto di trattare il computer esattamente come il televisore e il telefonino, prima eviteranno di essere assaliti da false aspettative.
  • Diablo scrive:
    Re: Ma i dati?
    in genere esiste una cosa che ogni utente dovrebbe fare:BACKUPma nessuno lo fa maiQuando un PC si trova in assistenza in genere i dati potrebbero essere persi.Sta al cliente salvaguardarsiIn genere quasi tutti avvisano il cliente prima di formattare un HD o dirgli che è guasto e va sostutuito, è una prassi comune.Per il backup esistono INFINITE soluzioni:hd usb/f.wire2° HD interno estraibilenorton ghost e similarinastricontroller raid 1/5e altri
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    volevi il link?eccolo, te l'ho gia' scritto e ti ho anche gia' detto comma sesto che altro vuoi?www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024d- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    e' ovvio che non l'hai trovato

    Si vede solo cio' che ci interessa e non

    cio' che ci da' fastidio, per questo
    motivo

    le associazioni consumatori (vedi pc
    prof)

    cercano di farlo capire agli utenti che

    pero'non ne vogliono sapere....

    basta leggere la legge intera
    ATTENTAMENTE

    solo conoscendo la legge potremo
    tutelare i

    ns diritti

    Altrimenti lo prenderemo sempre nel
    didietro

    se diamo retta a tutte le fesserie che

    dicono/scrivono certe persone

    ecco il link


    www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024d

    comma sesto



    Salvo prova contraria, si presume che i

    difetti di conformita' che si
    manifestano

    ENTRO SEI MESI dalla consegna del bene

    esistessero gia' a tale data



    quindi nessun negoziante potra' dirvi
    che

    avete overclocckato una cpu, ma dovra'

    DIMOSTRARLO

    trascorsi sei mesi, invece tocchera' a
    voi

    dimostrare di NON aver overclocckato la
    cpu


    è ovvio che non hai letto il
    messaggio che ho inviato alle 20:08. In
    ogni caso ponevo una domanda semplice a cui
    non hai risposto, la tua lunghissima e
    soprattutto INUTILE risposta è solo
    un riassunto di quanto hanno già
    (correttamente) scritto altri . Penso
    inoltre che chi dice:
    , o simili, e poi
    non sa rispondere a una domanda diretta (ad
    esempio quella che avevo posto, che
    correttamente termina col punto
    interrogativo, e che perciò è
    più difficile che sfugga anche se la
    si legge di fretta), dimostri una conoscenza
    superficiale acquisita SOLO per 'sentito
    dire'.

    P.S.
    In realtà l'articolo di cui parlavo
    non è il 1519 quater (del codice
    civile, come modificato dal dlgs n.24 del
    2/2/2002), ma il 1519 sexies, l'errore che
    ho commesso è dovuto
    all'impaginazione della stampa che ho fatto
    (e alla fretta).
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    - Scritto da: Anonimo
    e' ovvio che non l'hai trovato
    Si vede solo cio' che ci interessa e non
    cio' che ci da' fastidio, per questo motivo
    le associazioni consumatori (vedi pc prof)
    cercano di farlo capire agli utenti che
    pero'non ne vogliono sapere....
    basta leggere la legge intera ATTENTAMENTE
    solo conoscendo la legge potremo tutelare i
    ns diritti
    Altrimenti lo prenderemo sempre nel didietro
    se diamo retta a tutte le fesserie che
    dicono/scrivono certe persone
    ecco il link
    www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024d
    comma sesto

    Salvo prova contraria, si presume che i
    difetti di conformita' che si manifestano
    ENTRO SEI MESI dalla consegna del bene
    esistessero gia' a tale data

    quindi nessun negoziante potra' dirvi che
    avete overclocckato una cpu, ma dovra'
    DIMOSTRARLO
    trascorsi sei mesi, invece tocchera' a voi
    dimostrare di NON aver overclocckato la cpuÈ ovvio che non hai letto il messaggio che ho inviato alle 20:08. In ogni caso ponevo una domanda semplice a cui non hai risposto, la tua lunghissima e soprattutto INUTILE risposta è solo un riassunto di quanto hanno già (correttamente) scritto altri . Penso inoltre che chi dice:
    , o simili, e poi non sa rispondere a una domanda diretta (ad esempio quella che avevo posto, che correttamente termina col punto interrogativo, e che perciò è più difficile che sfugga anche se la si legge di fretta), dimostri una conoscenza superficiale acquisita SOLO per 'sentito dire'.P.S.In realtà l'articolo di cui parlavo non è il 1519 quater (del codice civile, come modificato dal dlgs n.24 del 2/2/2002), ma il 1519 sexies, l'errore che ho commesso è dovuto all'impaginazione della stampa che ho fatto (e alla fretta).
  • Anonimo scrive:
    Re: HP Italia
    per caso lavori per l'hp?ho avuto la stessa risposta dal loro call centerspiegami allora perche' quello di mia sorella, identico al mio, non emette nessun tipo di rumore, ronzio, fruscioTi sto' parlando di un sibilo che ti entra dritto nel cervello e che si sente anche dall'altra stanza!!ma ti pare normale, dopo aver sborsato quasi 900 euri?E cosa dire dei pixel difettosi sull'acer che abbiamo in ufficio?"Gentile cliente, se i pixel difettosi non sono almeno tre, non possiamo fare niente"i miei soldi pero' mica erano difettosiche li possino ammazza' a tutti quanti!!!- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    l'alimentatore del mio Hp emette dei
    strani

    sibili quando e' collegato alla
    corrente e

    ti assicuro e' veramente fastidiso (non

    posso lasciarlo per esempio la notte a

    caricare nella mia stanza ...)

    non c'e' modo di farlo riparare visto
    che

    funziona bene

    e nessuno vuole credere che il
    trasformatore

    emette strani suoni

    per fortuna ho testimoni...

    c'è scritto da qualche parte che deve
    essere silenzioso? non credo...se da' la
    corrente giusta al computer funziona.

    io, piuttosto che perdere tempo al telefono
    con il numero verde, aspettare che vengano a
    ritirarlo, la riparazione e la consegna ed
    eventuali incazzature, preferisco fare un
    salto in un negozio di elettronica e uscire
    con 20 euro in meno e un trasformatore che
    non fa rumore...
  • Anonimo scrive:
    Re: HP Italia
    - Scritto da: Anonimo
    l'alimentatore del mio Hp emette dei strani
    sibili quando e' collegato alla corrente e
    ti assicuro e' veramente fastidiso (non
    posso lasciarlo per esempio la notte a
    caricare nella mia stanza ...)
    non c'e' modo di farlo riparare visto che
    funziona bene
    e nessuno vuole credere che il trasformatore
    emette strani suoni
    per fortuna ho testimoni...c'è scritto da qualche parte che deve essere silenzioso? non credo...se da' la corrente giusta al computer funziona.io, piuttosto che perdere tempo al telefono con il numero verde, aspettare che vengano a ritirarlo, la riparazione e la consegna ed eventuali incazzature, preferisco fare un salto in un negozio di elettronica e uscire con 20 euro in meno e un trasformatore che non fa rumore...
  • Anonimo scrive:
    Re: HP Italia
    l'alimentatore del mio Hp emette dei strani sibili quando e' collegato alla corrente e ti assicuro e' veramente fastidiso (non posso lasciarlo per esempio la notte a caricare nella mia stanza ...)non c'e' modo di farlo riparare visto che funziona benee nessuno vuole credere che il trasformatore emette strani suoniper fortuna ho testimoni...- Scritto da: Anonimo
    la mia esperienza con un portatile hp
    pavilion.

    a un certo punto comincinica ad essere
    lentissimo in fase di boot (resta fermo
    circa un minuto con il logo hp).
    boh...provo ad aggiornare il bios. il
    computer a quel punto non si accende
    più.
    apro il portatile x estrarre l'hard disk e
    farmi una copia di backup (e non c'era
    nessun sigillo). nel rimontarlo spanno pure
    una vite. "adesso mi beccano e mi fanno
    pagare..."
    telefono all'hp a una qualche ora di un
    qualche giorno dela setimana, diciamo
    giovedì:
    "buongiorno ho aggiornato il bios
    perché stava tanto a fare il boot ecc
    ecc e in più il processore non
    scalava mai la frequenza ecc ecc"
    "il corriere passerà domani. non so
    dirle quanto tempo paserà per la
    riparazione, probabilmente 3 giorni.
    però se i tecnici dicono che è
    colpa sua se lo deve pagare..."
    "ok. mi dia solo un po' di tempo x trovare
    la fattura e la richiamo"
    lunedì: trovo la fattura e chiamo.
    martedì sera: passa il corriere.
    mercoledì: niente
    giovedì, ore 11 (di mattina): ritorna
    il corriere con il portatile: funziona
    tutto, i dati ci sono ancora tutti. non
    hanno rotto le palle che c'era installato
    linux, non hanno rotto le palle che avevo
    aggiornato il bios, non hanno rotto le palle
    che era avevo aperto il portatile (ed era
    palese che lo avessi fatto).
    hanno sostituito scheda madre, il coperchio
    di plastica che sta attorno alla tastiera e
    quello del monitor (aveva tutti i bordi
    consumati)

    (una cosa da notare: c'ho messo piu' tempo
    io a trovare la fattura che loro a
    ripararmelo...)

    un mio amico (stesso identico portatile)
    perché gli cambiassero la scheda
    madre ha dovuto aspettare un mese...

    mi sorge un dubbio: non è che io,
    oltre ad essere stato indubbiamente
    fortunato perché ho trovato delle
    persone oneste, sia stato avvantaggiato dal
    fatto di avere la partita iva?
    secondo me privilegiano gli utenti
    "business", i privati forse non sono
    così importanti, anche se aspettano
    un po'...

    in ogni caso x avermi trattato così
    (bene, intendo) l'hp si è assicurata
    la vendita di un altro portatile (il mio
    prossimo, perché sicuramente non
    cercherò avventure con sconosciuti)

    peace out
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: Anonimo



    I prezzi in Italia tasse o non tasse
    sono

    troppo alte. Se vuole può
    abbassare e

    uniformare i prezzi.



    C'è una grossa differenza che va
    al

    di là di ogni spiegazione... Iva,

    tasse di dogana e di trasporto, non
    bastano,



    Ma forse fa piacere nascondersi dentro

    ipotetiche spiegazioni di tasse, di

    trasporti etc. Ma non siamo nel famoso

    villaggio globale? Non si può
    usare

    carte di credito, paypal etc?


    Il tuo intervento dimostra una cosa sola:
    totale e assoluta ignoranza di come funziona
    il commercio, come si crea un prezzo, e
    soprattutto quali sono le spese per
    internazionalizzare un prodotto e per
    esportarlo.

    Differenza di prezzi fra gli USA e l'Italia?
    C'è in tutti i prodotti, non solo i
    PC, e non solo su Apple, anzi: se tu - come
    me - andassi spesso negli USA, e come me
    comprassi spesso negli USA, e come me
    ordinassi spesso on-line su siti USA,
    sapresti che i prezzi italiani di Apple sono
    fra i più convenienti, tanto che io,
    che compro tutti i prodotti di informatica e
    fotografia in USA, compro tutti i prodotti
    Apple in Italia.
    Prova a fare un confronto con Dell, per
    esempio. Prendi il Mac mini e il Dell
    Dimension 2400, guarda i prezzi USA e quelli
    italiani, poi mi dici chi ha fatto la
    conversione più onesta da dollari a
    euro.
    Non sei convinto? Bene, al tuo primo viaggio
    in USA compra il Mac Mini laggiù. Lo
    paghi 499 dollari, più le "sales tax"
    (l'equivalente della nostra IVA, dal 2 al 7%
    a seconda dello stato); poi all'aeroporto ti
    fai rimborsare la sales tax, e torni ai 499
    dollari (383 euro). Quindi arrivi in Italia
    (Mac mini è leggerissimo quindi non
    paghi trasporto - nel senso che lo hai
    già pagato nel tuo biglietto aereo,
    che comprende circa 20 kg di bagaglio, il
    Mac è circa 2 kg).
    Alla dogana paghi IVA 20% più dazio
    circa 10%. Diciamo circa 145 dollari. Se la
    tua carta di credito ti applica le migliori
    condizioni sul mercato (quelle che fa alla
    fiat) il cambio te lo darà a 1,3
    dollari per euro. Quindi il Mac, comprato
    negli USA, ti sarà costato appena...
    vediamo... 495 euro, invece di 499!
    Accidenti, quegli str..zi di Apple italia
    volevano fottermi ben 4 euro! Che ladri!.
    Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA
    è venduto con il Mac Os X in inglese.
    Ma chissenefrega, al limite il sistema
    operativo te lo traduci da solo... vuoi
    mettere il risparmio di 4 euro rispetto alla
    piccola scomodità di un sistema in
    inglese? Ah, tra parentesi, la presa di
    alimentazione americana va sostituita. Te la
    cavi con due euro al Brico, se sai qualcosa
    di elettricità.ASSURDO I MACACHI CHE SI COMBATTONO FRA DI LORO CHE MACACHI
  • Anonimo scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    Non ti balena nella testa che tu potresti aver scheggiato il core cambiando il dissipatore e perchè mai ti dovrebbero sostituire il processore ?Come potresti anche aver ragione ma se vuoi fatti fare una perizia tecnica.
    • Anonimo scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      figurati se ammettera' mai di averlo scheggiatoComunque non bisogna scheggiarlobasta mettere la pasta sbagliata e dopo qualche mese si cuoce (se trovo il link all'articolo, ve lo posto)Gli amd socket a , non avevano nessuna protezioneSu ebay e' pieno di persone che li vendono per farne dei portachiave!Con i miei occhi ho visto in un negozio una scatola di scarpe PIENA di processori amd!! tutti rotti!bleah- Scritto da: Anonimo
      Non ti balena nella testa che tu potresti
      aver scheggiato il core cambiando il
      dissipatore e perchè mai ti
      dovrebbero sostituire il processore ?
      Come potresti anche aver ragione ma se vuoi
      fatti fare una perizia tecnica.
      • Dark-Angel scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo
        guarda, nn sono di quelli che vuole avere sempre ragione, se fosse scheggiato il core mi sarei messo l'anima in pace e nn avrei neanche iniziato il thread :)il punto è che visibilmente non c'è alcun difetto, nell'atto pratico nemmeno (visto che il "tecnico" ha operato con molta piu nonchalanche di me), forse la pasta termica ora che l'hai detto, ma ne presi una di buona marca, pagata anche cara... e se fosse stata scadente si sarebbe dovuto rilevare comunque come una temperatura insolita, le temperature che rilevavo fino ad un attimo prima del guasto le ho riportate, ed erano incredibilmente ottime (incredibilmente perchè non uso diavolerie di sorta, ma un comune dissipatore non di serie), cosi come i voltaggise ci fosse stato qualche contatto il guasto si sarebbe dovuto verificare subito, non durante un riavvio o cose simili, che invece danno l'impressione come se la cpu si fosse rotta attivando uno dei suoi settori, piu scadente (e quindi non conforme) rispetto al resto del die, ed è partitama vallo a dimostrare sto papiello...neanche l'amd stessa può, secondo me, ma una scusa la si trova sempre per escludere questo o quello dalla garanziala cosa mi amareggia molto, ma i processori amd li ritengo migliori del resto disponibile sul mercato (escludiamo i g5 please, altrimenti iniziano a trollare anche qui)....
  • Anonimo scrive:
    HP Italia
    la mia esperienza con un portatile hp pavilion.a un certo punto comincinica ad essere lentissimo in fase di boot (resta fermo circa un minuto con il logo hp).boh...provo ad aggiornare il bios. il computer a quel punto non si accende più. apro il portatile x estrarre l'hard disk e farmi una copia di backup (e non c'era nessun sigillo). nel rimontarlo spanno pure una vite. "adesso mi beccano e mi fanno pagare..."telefono all'hp a una qualche ora di un qualche giorno dela setimana, diciamo giovedì:"buongiorno ho aggiornato il bios perché stava tanto a fare il boot ecc ecc e in più il processore non scalava mai la frequenza ecc ecc""il corriere passerà domani. non so dirle quanto tempo paserà per la riparazione, probabilmente 3 giorni. però se i tecnici dicono che è colpa sua se lo deve pagare...""ok. mi dia solo un po' di tempo x trovare la fattura e la richiamo"lunedì: trovo la fattura e chiamo.martedì sera: passa il corriere.mercoledì: nientegiovedì, ore 11 (di mattina): ritorna il corriere con il portatile: funziona tutto, i dati ci sono ancora tutti. non hanno rotto le palle che c'era installato linux, non hanno rotto le palle che avevo aggiornato il bios, non hanno rotto le palle che era avevo aperto il portatile (ed era palese che lo avessi fatto).hanno sostituito scheda madre, il coperchio di plastica che sta attorno alla tastiera e quello del monitor (aveva tutti i bordi consumati)(una cosa da notare: c'ho messo piu' tempo io a trovare la fattura che loro a ripararmelo...)un mio amico (stesso identico portatile) perché gli cambiassero la scheda madre ha dovuto aspettare un mese...mi sorge un dubbio: non è che io, oltre ad essere stato indubbiamente fortunato perché ho trovato delle persone oneste, sia stato avvantaggiato dal fatto di avere la partita iva?secondo me privilegiano gli utenti "business", i privati forse non sono così importanti, anche se aspettano un po'...in ogni caso x avermi trattato così (bene, intendo) l'hp si è assicurata la vendita di un altro portatile (il mio prossimo, perché sicuramente non cercherò avventure con sconosciuti)peace out
  • Anonimo scrive:
    Re: ecco come si è risolta...
    gli amd sono dei fornettidissipano meno watt dei p4, ma il die e' piu' piccolo, quindi la dissipaazione e' molto piu' problematicaSe non usi una buona pasta, dopo qualche mese lo bruci Il bello e' che amd non ti da' nessun tipo di assistenza garanzia perche' ti dicono che sono processori oemEvidetenemten hanno troppi clienti e pensano di poter fare a meno di chi ha avuto problemimah- Scritto da: Anonimo
    Io dell'AMD non mi fido,
    in estate ho dovuto buttare due processori
    diventati instabili per surriscaldamento.
  • Anonimo scrive:
    Re: ecco come si è risolta...
    Io dell'AMD non mi fido,in estate ho dovuto buttare due processori diventati instabili per surriscaldamento.
  • Anonimo scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    non e' questione di fragilita?e allora perche' hanno messo la placca visto che come ben sai peggiora le prestazioni didissipazione?leggiti i docs amd con le foto di tutti i processori rotti e poi mi dici se non erano fragili i socket A (basta montare male il dissipatore, con un dislivello millimetrico e si brucia. mahhttp://www.fluctus.it/public/amd_rma.pdf- Scritto da: Anonimo
    Guarda, è vero che ci sono in giro
    più AMD bruciati di Intel ma non
    è questione di fragilità o
    altro, solo di insipienza degli utenti.

    Mi spiego meglio: Si dice che gli AMD sono
    più facilmente overcloccabili e
    perciò chiunque abbia preso in mano
    una rivista di informatica si sente subito
    uno smanettone e giù di overclock
    senza pensare che forse il dissipatore
    standard non è proprio adattissimo.
    Inoltre leggono che per avere migliori
    possibilità di overclock aumentano
    anche la tensione di alimentazione...
    ... naturalmente di un paio di volt per
    sicurezza, usando un alimentatore da 300
    Watt privo di qualsiasi certificazione di
    qualità, perchè non voglio
    spender soldi e, per lo stesso motivo con
    una mobo di marca ignoto assemblata con
    componenti di scarto. Non ti racconto di
    quanti ne ho visti bruciati in questo
    modo...

    Se non ci credi passa nel reparto
    informatica di un qualche supermercato e
    piazzati vicino ai pc a basso costo ma con
    case tamarro, ne senti di tutti i colori.

    Quanto al resto, allora, tutti gli AMD con
    core Barton e successivi hanno il sensore di
    temperatura on die come i Pentium 4 anche se
    il controllo è a carico della mobo.
    Quanto alla placchetta dissipativa copiata
    dai P4, ti assicuro che ogni esperto di
    computer ne dice peste e corna. Se infatti
    io compro un dissipatore di altissima
    qualità, per esempio totalmente in
    rame, non sono felicissimo di doverlo
    accoppiare al processore attraverso una
    placchetta di alluminio, con coefficiente
    termico inferiore...
  • Anonimo scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    - Scritto da: Anonimo
    i processori amd si bruciano in un attimo
    (non hanno nessun controllo/protezione sulla
    temperatura)ROTFL!!!E' da luoghi comuni da tipico italiano sottuttoio (e poi non sanno niente) come questo che intel può vendere i suoi scaldaforno a prezzi stratosferici, perchè la gente ci crede. Come del resto crede a chi gli sfila 50.000 euro per togliergli il malocchio...
    • Anonimo scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      contento te, contenti tuttiscaricati il pdf fatto da AMDguardati quante foto di bei processori distrutti, bruciati, scheggiati ha messo AMD in quel documentoPoi dimmi se trovi altrettanti problemi con intelNon ti sto' dicendo che intel e' meglio , ma solo che i processori amd, se il dissipatore non e' perfettamente montanto, si bruciano in un attimo(provato con le mie mani con il sistema antibruciatura della soltek che interviene appena il die supera gli 85gradi. Togliendo il dissipatore al boot, quindi cpu fredda, la scheda interviene in meno di un secondosu tomshardware hanno fatto dei test simili raggiungengo circa 300 gradi di temperatura Poi se tu sei convinto che comprare amd e' piu' figo perche' cosi' non sei schiavo del monopolio intel, allora non posso che darti ragioneecco il pdf trovato su un negozio italiano (se vuoi ti cerco il link sul sito amdhttp://www.fluctus.it/public/amd_rma.pdf- Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      i processori amd si bruciano in un
      attimo

      (non hanno nessun controllo/protezione
      sulla

      temperatura)


      ROTFL!!!
      E' da luoghi comuni da tipico italiano
      sottuttoio (e poi non sanno niente) come
      questo che intel può vendere i suoi
      scaldaforno a prezzi stratosferici,
      perchè la gente ci crede. Come del
      resto crede a chi gli sfila 50.000 euro per
      togliergli il malocchio...
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia: c'è distinzione?
    ma l'hai letta la legge?te lo chiedo perche' qui tutti parlano, scrivono articoli e commenti, ma mi sa' che nessuno l'ha letta o meglioognuno legge solo cio' che gli fa' comodoecco il linkhttp://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024dl.htm- Scritto da: Anonimo
    A quanto so io la garanzia di due anni
    è rivolta alle sole persone fisiche.
    Per soggetti in possesso di partita IVA la
    garanzia è di un anno salvo
    estensioni e/o diverse indicazioni della
    casa produttrice del bene risultato
    difettoso.
    A voi i commenti.
  • Anonimo scrive:
    Garanzia: c'è distinzione?
    A quanto so io la garanzia di due anni è rivolta alle sole persone fisiche. Per soggetti in possesso di partita IVA la garanzia è di un anno salvo estensioni e/o diverse indicazioni della casa produttrice del bene risultato difettoso.A voi i commenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: articolo di parte...
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    attento a non fare tu la figura dell'asinonon facciamocela mettere nel didietro da chi ci presenta solo le parti della legge che piu' fanno comodoleggi tu stessohttp://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024dl.htmSalvo prova contraria, si presume che i difetti di conformita' che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero gia' a tale data- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Visto che parli di difetto di

    conformità penso che tu ti
    riferisca

    al decreto legislativo n.24 del 2
    febbraio

    2002. Ho riguardato velocemente il
    testo, ma

    da nessuna parte ho trovato il termine
    di 6

    mesi a cui ti riferisci (anche per beni

    usati è non inferiore ai 12
    mesi).

    Potresti dirmi dove è indicato?

    SPLAT! Caduto l'asino dei sei mesi
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    e' ovvio che non l'hai trovatoSi vede solo cio' che ci interessa e non cio' che ci da' fastidio, per questo motivo le associazioni consumatori (vedi pc prof) cercano di farlo capire agli utenti che pero'non ne vogliono sapere....basta leggere la legge intera ATTENTAMENTEsolo conoscendo la legge potremo tutelare i ns dirittiAltrimenti lo prenderemo sempre nel didietro se diamo retta a tutte le fesserie che dicono/scrivono certe persone ecco il linkhttp://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024dl.htmcomma sestoSalvo prova contraria, si presume che i difetti di conformita' che si manifestano ENTRO SEI MESI dalla consegna del bene esistessero gia' a tale dataquindi nessun negoziante potra' dirvi che avete overclocckato una cpu, ma dovra' DIMOSTRARLOtrascorsi sei mesi, invece tocchera' a voi dimostrare di NON aver overclocckato la cpu- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Se non capiamo che la garanzia e' di
    soli

    sei mesi, la prenderemo sempre nel
    sedere!

    Dopo sei mesi, spetta al consumatore
    l'onere

    della prova

    La garanzia infatti copre SOLO difetti
    di

    conformita' presenti sin dall'origine!

    Nei primi sei mesi si presuppone che il

    difetto fosse preesistente (se quindi il

    negoziante dice che abbiamo
    overclocckato e

    rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo
    abbiamo

    veramente fatto)

    Dopo, l'onere della prova si ribalta

    Lo dicono da mesi anche le associazioni

    consumatori

    Se sono passati 6 mesi, non spendete
    soldi

    in avvocati o altro. Se non avete una

    perizia (che costa piu' del componente)
    e'

    tutto inutile!

    La legge e' chiara!

    non facciamoci fregare!

    - Scritto da: rscano


    Veramente la normativa parla
    chiaro:

    deve


    essere il venditore a fornire

    assistenza, e


    non delegare al produttore (sempre
    se si


    tratta di consumatore)

    Visto che parli di difetto di
    conformità penso che tu ti riferisca
    al decreto legislativo n.24 del 2 febbraio
    2002. Ho riguardato velocemente il testo, ma
    da nessuna parte ho trovato il termine di 6
    mesi a cui ti riferisci (anche per beni
    usati è non inferiore ai 12 mesi).
    Potresti dirmi dove è indicato?
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    - Scritto da: Anonimo
    Visto che parli di difetto di
    conformità penso che tu ti riferisca
    al decreto legislativo n.24 del 2 febbraio
    2002. Ho riguardato velocemente il testo, ma
    da nessuna parte ho trovato il termine di 6
    mesi a cui ti riferisci (anche per beni
    usati è non inferiore ai 12 mesi).
    Potresti dirmi dove è indicato?SPLAT! Caduto l'asino dei sei mesi
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia

    Visto che parli di difetto di
    conformità penso che tu ti riferisca
    al decreto legislativo n.24 del 2 febbraio
    2002. Ho riguardato velocemente il testo, ma
    da nessuna parte ho trovato il termine di 6
    mesi a cui ti riferisci (anche per beni
    usati è non inferiore ai 12 mesi).
    Potresti dirmi dove è indicato?Come non detto. Ho individuato il passaggio a cui ti riferisci (nell'articolo 1519-quater).
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    - Scritto da: Anonimo
    Se non capiamo che la garanzia e' di soli
    sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!
    Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere
    della prova
    La garanzia infatti copre SOLO difetti di
    conformita' presenti sin dall'origine!
    Nei primi sei mesi si presuppone che il
    difetto fosse preesistente (se quindi il
    negoziante dice che abbiamo overclocckato e
    rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo
    veramente fatto)
    Dopo, l'onere della prova si ribalta
    Lo dicono da mesi anche le associazioni
    consumatori
    Se sono passati 6 mesi, non spendete soldi
    in avvocati o altro. Se non avete una
    perizia (che costa piu' del componente) e'
    tutto inutile!
    La legge e' chiara!
    non facciamoci fregare!
    - Scritto da: rscano

    Veramente la normativa parla chiaro:
    deve

    essere il venditore a fornire
    assistenza, e

    non delegare al produttore (sempre se si

    tratta di consumatore)Visto che parli di difetto di conformità penso che tu ti riferisca al decreto legislativo n.24 del 2 febbraio 2002. Ho riguardato velocemente il testo, ma da nessuna parte ho trovato il termine di 6 mesi a cui ti riferisci (anche per beni usati è non inferiore ai 12 mesi). Potresti dirmi dove è indicato?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: TPK
    E poi io prendo per i fondelli i macachi,
    non i macuser.Mi sembra che iI termine "macaco" sia un termine dispregiativo, inventato da qualche PC user-saccentone di questo forum per sfottere/sottovalutare i macuser.O forse il termine "macaco" è il corrispondente di UTONTO del mondo PC (x86) ?Sinceramente, non m'importa come veniamo "edichettati" noi macuser in questo forum, quello che è certo è che lavoro come "PRO" dal lontano '84 in ambito creativo.Ripeto la domanda: TPK, non ti è possibile inserire un post senza mancare di rispetto ad una comunità di persone ? In questo caso i macuser.Sono sicuro che sei molto intelligente, beh, dimostralo.
  • Dark-Angel scrive:
    ecco come si è risolta...
    ...a me la situazioneil mio amico negoziante mi ha detto che il suo contatto alla AMD l'ha avvisato che oramai l'rma si richiede dal sito e direttamente da parte del cliente, quindi ioperò l'ha avvisato che se i laboratori amd dimostrassero tramite loro perizia che il guasto non si è verificato per un problema preesistente, non solo non mi sostituirebbero il processore, ma mi affibierebbero anche i costi di trasporto e di perizia, che messi insieme dubito siano roba da niente...io so che nn si è rotto di certo per colpa mia, ma la mia zona è soggetta a frequenti sbalzi di tensione, blackouts e non ho, ahime, gruppi di continuità o filtri di alcun genere, e il modo di escludere il guasto dalla garanzia lo trovano sempreun mio amico è stato fortunato, gli hanno sostituito una cpu per un problema simile (ma lui era colpevole di overclock) e l'AMD gliel'ha cambiato senza troppi problemi, aspettando solo 10 gg, non è detto però che la stessa fortuna capiti a me, e non ho voglia di pagare altri oneri inutiliquindi ora compro processore e sk madre nuova, sempre amd, perchè il problema è delle leggi assurde ed inique, non dei produttori, m'è capitato il pezzo difettoso, o la sfiga di avere una linea di corrente instabile, può succedere, ma di amd mi fido... (o meglio, mi fido dei suoi prodotti, il mio primo pc è stato amd (se escludiamo un atari e un commodore :P) ed è durato la bellezza di sei anni, senza mai dare problemi pur facendo cose che perfino il p3 800 di un mio amico non riesce a fare)comprerò una A8V DELUXE, perchè è l'unica asus che supporta socket 939 e agp insieme, e il wifi mi torna comodo, poi prendo un athlon64 3500+ che dai benchmark sembra uscire molto bene, anche rispetto ai suoi fratelli maggiori, piu un alimentatore da 500W e un gruppo di continuità ancora da definirecome vi sembra come scelta?avrei preferito anche io un nforce3 ultra, ma pare che l'asus non ne abbia, riguardo all'nforce4, purtroppo ho acquistato da poco una bella, ma molto, sk video agp, e non mi sento davvero di cambiarla...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?


    "sigillo di garanzia sul case" ?????? :s:s:s



    e poi venite a rompere le O.o a chi usa un

    Mac.... bah...

    anche i mac hanno sigilli, solo sono piu'
    discretise devo installare una scheda invalido la garanzia su un PC??:s:s:slo sai che i PowerMac hanno il case che si apre con una leva e senza viti?
  • Anonimo scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    - Scritto da: Anonimo
    Molto semplice: quei prodotti non li
    acquisti più e li minacci che gli fai
    una pessima pubblicità dicendo ai
    clienti che la tal ditta è
    inaffidabile e perciò non vendi
    più i suoi prodotti!!!Guarda che TUTTI i prodotti, di qualunque marca sono gestiti così e TUTTI i distributori si comportano così. Non è che un rivenditore si vada a cercare le rogne apposta, eh...
    Vuoi continuare a lavorare? Punta sulla
    quantità dei prodotti venduti e dici
    prima al cliente che se vuole l'assistenza
    la paga, così si regola!Questo dipende dalla zona in cui operi: in una grande città la clientela è varia, c'è il cliente che cerca la qualità e quello che cerca il prezzo. Se sei in provincia, è molto più difficile, in genere badano quasi solo al prezzo e danno per scontato che l'assistenza deve essere gratis o quasi. Un po' come chiamare l'idraulico e non volerlo pagare :-)
    Questi sicuramente sono clienti da evitare,
    cosa gli stai dietro a fare?Purtroppo i clienti in certi bacini d'utenza non te li puoi scegliere, se non riesci a vendere abbastanza, tutto fa brodo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      Molto semplice: quei prodotti non li

      acquisti più e li minacci che
      gli fai

      una pessima pubblicità dicendo ai

      clienti che la tal ditta è

      inaffidabile e perciò non vendi

      più i suoi prodotti!!!


      Guarda che TUTTI i prodotti, di qualunque
      marca sono gestiti così e TUTTI i
      distributori si comportano così. Non
      è che un rivenditore si vada a
      cercare le rogne apposta, eh...
      Ma penso che pochi rivenditori glielo dicano in faccia che fanno schifo e cambiano ditta/distributore!

      Vuoi continuare a lavorare? Punta sulla

      quantità dei prodotti venduti e
      dici

      prima al cliente che se vuole
      l'assistenza

      la paga, così si regola!

      Questo dipende dalla zona in cui operi: in
      una grande città la clientela
      è varia, c'è il cliente che
      cerca la qualità e quello che cerca
      il prezzo. Se sei in provincia, è
      molto più difficile, in genere badano
      quasi solo al prezzo e danno per scontato
      che l'assistenza deve essere gratis o quasi.
      Un po' come chiamare l'idraulico e non
      volerlo pagare :)
      No, l'idraulico se lo chiami lo sai che lo devi pagare! Allora hai a che fare con dei clienti idioti! Bisogna specificare subito che l'assistenza se la vuoi la paghi ed uno si regola! Al massimo se il cliente non lo capisce glielo dici ben chiaro e se gira i tacchi e se ne va che ti frega, clienti così sono solo un peso!

      Questi sicuramente sono clienti da
      evitare,

      cosa gli stai dietro a fare?

      Purtroppo i clienti in certi bacini d'utenza
      non te li puoi scegliere, se non riesci a
      vendere abbastanza, tutto fa brodo.

      Allora cambia bacino!
  • Anonimo scrive:
    Re: Seriamente...
    Se non capiamo che la garanzia EUROPEA e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: Anonimo


    scommetterei che se mi rivolgo alla
    apple

    ITALIA per uno di questi difetti dopo il

    primo anno, mi risponda picche, in
    quanto

    offre la garanzia solo per un anno,
    quando

    per legge dovrebbe offrire 1 + 1 anni di

    garanzia.

    E farebbe bene, perché la LEGGE
    è chiarissima su questo: devi
    rivolgerti AL TUO RIVENDITORE, per la
    garanzia, non alla Apple.
    E tanto per non citare a vanvera come il
    tipo più sopra, ecco cosa è
    specificato sul libretto di garanzia di un
    prodotto Apple che ho qui davanti a me:
    "For consumers who have the benefit of
    consumer protection laws or regulations in
    their country of purchase or, if different,
    their country of residence, the benefits
    conferred by this warranty are in addition
    to all rights and remedies conveyed by such
    consumer protection laws and regulations."
    Per chi non sa l'inglese, traduco in sintesi:
    "Per i consumatori che nei loro paesi
    dispongono di leggi e regolamenti specifici,
    i benefici dati da questa garanzia sono da
    intendere IN AGGIUNTA a tutti i diritti
    garantiti dalle leggi e dai regolamenti in
    vigore".
    Quindi: Apple dà una SUA garanzia di
    un anno, con determinate condizioni, che
    sono migliori rispetto alla garanzia
    obbligatoria per legge. Dal 13esimo al
    24esimo mese, c'è solo la garanzia di
    legge.
    CHIARO?
    E tanto per chiarire, quasi tutti i
    produttori hanno la STESSA clausola, solo
    che non la dichiarano, e vi dicono solo che
    danno "due anni di garanzia"... poi se vi si
    rompe la macchina al 13esimo mese avete la
    sorpresina...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece

    Lo dici tu! Per me l'esperienza Apple
    è stata un incubo! In 4 mesi ho fatto
    il "switch" e il "contro-switch"...
    Ma tanto è inutile scendere in
    particolare.. tanto chi non si genuflette
    alla casa della mela è
    automaticamente accusato di esere un trollMa scherzi??? Hai fatto benissimo! Devi uscire allo scoperto, e proclamare a tutti le tue ragioni! Devi fare outing! E' ora di finirla di vergognarsi perché si usa Windows. Mettiti subito in contatto con noi, che ti facciamo intervistare da tutte le riviste di informatica del mondo, ti mandiamo in TV, ti creiamo un sito internet apposta, ti paghiamo pure se proprio dobbiamo. E che diamine, l'unico switcher al contrario "vero" che siamo riusciti a trovare merita questo e altro (avevamo provato a postare delle storie di switch false, di gente comune che aveva lasciato il Mac per Win, ma ci hanno sgamato subito... quegli imbecilli del marketing avevano usato foto di modelli famosi...).Aspettiamo tue notizieCordialmenteBill Gates e Steve Ballmer
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    dati? privacy? semplice. Se hai tanta paura che il negoziante sbirci tra le foto porno che ti sei scaricato e ti dia del maniaco ti arrangi a farti il backup dei dati (attaccando device esterne o spostando il disco), formatti tutto e consegni così il pc vuoto al rivenditore. Basta solo che lo avvisi che hai cancellato tutto. Sta a te poi dirgli anche che tu ti arrangi a ripristinarti il sistema e che lui faccia tutte le prove che vuole basta che risolva il problema e che a te non interessa che ti ripristini lui il sistema operativo. Se non sai fare una o più delle cose qui suggerite ti adegui non rompi il ca**o e paghi per il servizio che ti viene offerto, e per la privacy sei costretto a farne a meno (mica è colpa del rivenditore)
  • Anonimo scrive:
    Re: GARANZIA X il resto d'Europa...
    Se non capiamo che la garanzia EUROPEA e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: Anonimo
    In Italia solo fregature!
  • Anonimo scrive:
    Re: GIGABYTE
    nel negozio dove lavoro, abbiamo preso 20 gigabyte a novembre . A gennaio ce n'erano gia' rientrate 11Inutile dirti che stiamo ancora aspettando che il distributore tedesco ce le cambi...- Scritto da: Anonimo
    Prima delle feste di Natale mi sono regalato
    un PC autoassemblato. Come Mobo avevo scelto
    una Asus K8N-E Deluxe, ma in quel periodo a
    Roma era impossibile trovarla, per cui
    convinto da un negoziante di una nota catena
    informatica alla fine ho preso, un pò
    titubante, una Gigabyte K8N Pro. Assieme
    alla Mobo ho aquistato anche due moduli di
    RAM. Poichè attendevo da un un altro
    negozio la sk video, non ho potuto provare
    l'hardware acquistato prima di una
    settimana. Non appena mi è arrivata
    la sk video ho iniziato a fare dei test, e
    sono cominciati una serie di problemi. Un
    modulo ram ha presentato subito dei bit
    difettosi per cui me lo sono fatto
    sostituire. Due giorni dopo si guasta
    l'altro modulo di RAM e la cosa mi comincia
    a insospettire. Premetto che non ho mai
    overclockato quel PC: mi serviva soprattutto
    per lavoro e quindi l'obiettivo principale
    era la stabilità della macchina.
    Dunque ho iniziato subito a sospettare un
    problema nelle tensioni, e dopo accurati
    controlli con tester e oscilloscopio sul
    connettore dell'alimentazione ho escluso che
    il problema dipendesse dall'alimentatore. Ho
    installato un software per il controllo
    delle tensioni ed il sospetto che il
    problema dipendesse dalla mobo si è
    rivelato fondato: circa 0.2 volt di
    overvoltage sul processore, sbalzi paurosi
    sulla linea 3.3v e 5v: sicuramente un
    difetto sui regolatori di tensione della
    mobo. Con un pò di incazzatura ho
    rismontato tutto e riportato la mobo al
    negoziante, il quale non me l'ha voluta
    sostituire (nonostante l'abbia testata anche
    lui e riscontrato il difetto) PERCHE' ERANO
    PASSATI 10 GIORNI DALL'ACQUISTO. Assurdo, la
    mobo è stata spedita all'assistenza
    Gigabyte, e io ho dovuto acquistare una
    altra mobo perchè la prima non
    sarebbe tornata indietro prima di un mese
    (questa volta ho preso la ASUS che funziona
    a meraviglia). Domanda: è questa una
    pratica regolare ? (ne so abbastanza di
    elettronica ma poco di diritto purtoppo).
  • Anonimo scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    Se non capiamo che la garanzia e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: Anonimo
    Perché per fare chiarezza non
    chiariamo anche la situazione dei
    rivenditori?
  • Anonimo scrive:
    Re: Negozio di fiducia
    sono l'autore del post iniziale. Si vede che molti rispondono senza leggere, ma comunque volevo fare un pò di scuse per quello che ho scritto. Innanzitutto scusate se solo voi siete l'informatica fatta a persona e solo voi siete i possessori della conoscenza. Scusate se solo voi sapete (daltronde tutti qui hanno un negozio e ci lavorano a quanto capisco dalle risposte) come funziona il mercato. Scusate inoltre se esistono solo delinquenti e incompetenti nei negozi mentre le persone oneste e preparate passano il tempo su questo forum. Scusate, se non posso fare considerazioni attendibili come le vostre che daltronde incontrate decine di persone e visonate decine di pc ogni giorno (lo fate vero?). Scusate se sto rovinando il mercato a qualcuno che meriterebbe di stare a Redmond (o in altre cattedrali informatiche) ma purtroppo è impegnato a diffondere sapere su questo forum... insomma scusate per il post. Ma non lamentatevi poi quando la vostra scheda madre vi ritorna dopo 3 mesi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Garanzia
    Se non capiamo che la garanzia e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: rscano
    Veramente la normativa parla chiaro: deve
    essere il venditore a fornire assistenza, e
    non delegare al produttore (sempre se si
    tratta di consumatore)
  • AlphaC scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Quando acquisti il PC stabilisci con il

    venditore la possibilità di
    aprire il

    PC, staccare l'HD per farti il backup su

    un'altra macchina e riformattare il
    disco in

    caso di intervento (fagli mettere la
    cosa

    per iscritto). Così stai certo
    che

    non ti romperà le balle se hai
    rotto

    l'eventuale sigillo di garanzia sul
    case.


    "sigillo di garanzia sul case" ?????? :s:s:s

    e poi venite a rompere le O.o a chi usa un
    Mac.... bah...anche i mac hanno sigilli, solo sono piu' discreti
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    In effetti capitano spesso questi improvvisati esperti.Cmq questo e' uno dei casi tipici della non/conformita'.Se e' evidenziato chiaramente che la stampante funziona solo in determinati contesti (w2k, xp, osx, linux 2.4, ecc...) mentre in realta' non funziona correttamente (anche se non c'e' nessun guasto) il cliente puo' pretendere la riparazione/sostituzione/rimborso.Ovviamente se questo non viene specificato, il cliente non puo' supporre che l'oggetto funzioni sempre e comunque, come pare sia il caso in questione.(pero' e' da considerarsi che anche la pubblicita' del prodotto vale come informazione, e qui ci sarebbe da ridire sulle pubblicita' ingannevoli...)Mi sono avvalso della tutela della conformita' in passato: una mainboard che dichiarava di funzionare con tutte le ram ddr fino a 400 mhz non funzionava con le ddr333/400. Non c'era un guasto, perche' ram con frequenze inferiori funzionavano correttamente (infatti io l'ho scoperto solo dopo 1 anno, in occasione di un upgrade), ma non con ddr333/400 (anche se underclocckate).Siccome la casa madre non poteva riparare la mainboard e non c'erano alternative disponibili per una sostituzione (mb equivalenti non ce ne erano, e le nuove revisioni della mb erano affette dallo stesso problema), il rivenditore ha rimborsato l'intera cifra d'acquisto. (dopo reciproci scambi di parole dure, insistenti, ma sempre cortesi)Byep.s.ho mantenuto i rapporti con il venditore. Tempo dopo ho notato che ha abbandonato quel produttore.Evidentemente gli eccessivi RMA e conseguente clientela insoddisfatta hanno convinto a cambiare azienda/fornitore.Sara' che questa "tutela" del consumatore che incide ANCHE sul rischio imprenditoriale dei rivenditori li renda piu' sensibili alla qualita' dei prodotti/servizi che offrono ?A quanto pare bisogna che i rivenditori, non solo il cliente, paghino le conseguenze dei guasti/errori perche' si impegnino a risolverli. Ovviamente con le giuste responsabilita' dei soggetti in gioco (clienti, rivenditori, fornitori, produttori)
  • rscano scrive:
    Garanzia
    Veramente la normativa parla chiaro: deve essere il venditore a fornire assistenza, e non delegare al produttore (sempre se si tratta di consumatore)
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere

    O tu pretenderesti oggi che la FIAT ti
    produca ancora macchine a benzina rossa solo
    perchè tu ne hai ancora tre taniche
    in cantina?!?!

    Ciao       
    Lascia perdere, Archi! Ho la netta impressione che quel tizio sia uno di quelli che hanno comprato la stampante USB Spippolix 3200C SuperColor e solo ora ha capito come mai non funziona col suo Nintendo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: Anonimo
    Quando acquisti il PC stabilisci con il
    venditore la possibilità di aprire il
    PC, staccare l'HD per farti il backup su
    un'altra macchina e riformattare il disco in
    caso di intervento (fagli mettere la cosa
    per iscritto). Così stai certo che
    non ti romperà le balle se hai rotto
    l'eventuale sigillo di garanzia sul case."sigillo di garanzia sul case" ?????? :s:s:se poi venite a rompere le O.o a chi usa un Mac.... bah...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le altre

    I prezzi in Italia tasse o non tasse sono
    troppo alte. Se vuole può abbassare e
    uniformare i prezzi.

    C'è una grossa differenza che va al
    di là di ogni spiegazione... Iva,
    tasse di dogana e di trasporto, non bastano,

    Ma forse fa piacere nascondersi dentro
    ipotetiche spiegazioni di tasse, di
    trasporti etc. Ma non siamo nel famoso
    villaggio globale? Non si può usare
    carte di credito, paypal etc?
    Il tuo intervento dimostra una cosa sola: totale e assoluta ignoranza di come funziona il commercio, come si crea un prezzo, e soprattutto quali sono le spese per internazionalizzare un prodotto e per esportarlo.Differenza di prezzi fra gli USA e l'Italia? C'è in tutti i prodotti, non solo i PC, e non solo su Apple, anzi: se tu - come me - andassi spesso negli USA, e come me comprassi spesso negli USA, e come me ordinassi spesso on-line su siti USA, sapresti che i prezzi italiani di Apple sono fra i più convenienti, tanto che io, che compro tutti i prodotti di informatica e fotografia in USA, compro tutti i prodotti Apple in Italia.Prova a fare un confronto con Dell, per esempio. Prendi il Mac mini e il Dell Dimension 2400, guarda i prezzi USA e quelli italiani, poi mi dici chi ha fatto la conversione più onesta da dollari a euro.Non sei convinto? Bene, al tuo primo viaggio in USA compra il Mac Mini laggiù. Lo paghi 499 dollari, più le "sales tax" (l'equivalente della nostra IVA, dal 2 al 7% a seconda dello stato); poi all'aeroporto ti fai rimborsare la sales tax, e torni ai 499 dollari (383 euro). Quindi arrivi in Italia (Mac mini è leggerissimo quindi non paghi trasporto - nel senso che lo hai già pagato nel tuo biglietto aereo, che comprende circa 20 kg di bagaglio, il Mac è circa 2 kg).Alla dogana paghi IVA 20% più dazio circa 10%. Diciamo circa 145 dollari. Se la tua carta di credito ti applica le migliori condizioni sul mercato (quelle che fa alla fiat) il cambio te lo darà a 1,3 dollari per euro. Quindi il Mac, comprato negli USA, ti sarà costato appena... vediamo... 495 euro, invece di 499! Accidenti, quegli str..zi di Apple italia volevano fottermi ben 4 euro! Che ladri!. Ah, ora che ci penso, il Mac mini in USA è venduto con il Mac Os X in inglese. Ma chissenefrega, al limite il sistema operativo te lo traduci da solo... vuoi mettere il risparmio di 4 euro rispetto alla piccola scomodità di un sistema in inglese? Ah, tra parentesi, la presa di alimentazione americana va sostituita. Te la cavi con due euro al Brico, se sai qualcosa di elettricità.
  • Dark-Angel scrive:
    Re: --- garanzia di 6 mesì!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Purtroppo il tuo avvocato ha ragione..
    secondo il decreto 24 del 2 fbraio 2002 si
    presume il vizio d'origine della cosa
    venduta se il guasto o comunqueproblema
    avviene nei primi 6 mesi. Dopo deve essere
    il consumatore a dimostrarlo con una
    perizia. la cosa divertente è:come cavolo si stabilisce che il processore si è fuso per un difetto di produzione?mai fatti overclock, ho i log dell'asusprobe che testimoniano temperature e voltaggi PERFETTI, ma piu di tanto...?l'aspetto esterno è slegato da qualsivoglia riscontroa meno che non si dotino di un laboratorio sottovuoto con microscopi elettronici a scansione dubito possano davvero vedere qualcosa, e anche fosse, come fanno a dire che è stata colpa mia o meno?la legge è stata fatta da ignoranti su materie che non competevano loro
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    Quando acquisti il PC stabilisci con il venditore la possibilità di aprire il PC, staccare l'HD per farti il backup su un'altra macchina e riformattare il disco in caso di intervento (fagli mettere la cosa per iscritto). Così stai certo che non ti romperà le balle se hai rotto l'eventuale sigillo di garanzia sul case.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo
    continuate a spalare merda su un'azienda che
    riuscì per prima a portare nelle case
    delle famiglie i primi computer; famosi sono
    l'Apple II e il Lisa.Perchè non si può vivere sugli allori. Se ora le garanzie apple sono una ... Va detto ed è giusto dirlo.
  • Anonimo scrive:
    GIGABYTE
    Prima delle feste di Natale mi sono regalato un PC autoassemblato. Come Mobo avevo scelto una Asus K8N-E Deluxe, ma in quel periodo a Roma era impossibile trovarla, per cui convinto da un negoziante di una nota catena informatica alla fine ho preso, un pò titubante, una Gigabyte K8N Pro. Assieme alla Mobo ho aquistato anche due moduli di RAM. Poichè attendevo da un un altro negozio la sk video, non ho potuto provare l'hardware acquistato prima di una settimana. Non appena mi è arrivata la sk video ho iniziato a fare dei test, e sono cominciati una serie di problemi. Un modulo ram ha presentato subito dei bit difettosi per cui me lo sono fatto sostituire. Due giorni dopo si guasta l'altro modulo di RAM e la cosa mi comincia a insospettire. Premetto che non ho mai overclockato quel PC: mi serviva soprattutto per lavoro e quindi l'obiettivo principale era la stabilità della macchina. Dunque ho iniziato subito a sospettare un problema nelle tensioni, e dopo accurati controlli con tester e oscilloscopio sul connettore dell'alimentazione ho escluso che il problema dipendesse dall'alimentatore. Ho installato un software per il controllo delle tensioni ed il sospetto che il problema dipendesse dalla mobo si è rivelato fondato: circa 0.2 volt di overvoltage sul processore, sbalzi paurosi sulla linea 3.3v e 5v: sicuramente un difetto sui regolatori di tensione della mobo. Con un pò di incazzatura ho rismontato tutto e riportato la mobo al negoziante, il quale non me l'ha voluta sostituire (nonostante l'abbia testata anche lui e riscontrato il difetto) PERCHE' ERANO PASSATI 10 GIORNI DALL'ACQUISTO. Assurdo, la mobo è stata spedita all'assistenza Gigabyte, e io ho dovuto acquistare una altra mobo perchè la prima non sarebbe tornata indietro prima di un mese (questa volta ho preso la ASUS che funziona a meraviglia). Domanda: è questa una pratica regolare ? (ne so abbastanza di elettronica ma poco di diritto purtoppo).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: fiammalibera
    Salve a tutti,

    mi sono sempre chiesto una cosa: se io mando
    un pc in garanzia, come devo comportarmi con
    i dati all'interno dell'hard disk?A parte un
    backup (ma quello anche senza garanzia) come
    ci si comporta per la privacy?Non ci crederai, ma e' una delle cose che mi ha spinto a imparare a fare tutto da me!Se comunque non si e' ancora rotto niente, dovrebbe bastare creare una partizione crittata (esistono molti programmi per farlo), e salvare li' tutti i materiali "sensibili". Quando si rompe, il fatto di avere una partizione crittata non crea nessun problema ai tecnici.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: Anonimo

    Ti attacchi al tram.

    A malincuore, quoto.Nel mio caso è più che altro una cosa di dati personali, ma non credo che tutti gli scaricatori quando mandano il pc in assistenza cancellino il loro materiale...
  • The_GEZ scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    Ciao castigo !
    è OT, ma chiariscimi una cosa per
    favore, che non ci sto capendo più
    nulla.
    il petrolio si paga in dollari.
    noi compriamo i dollari che ci servono per
    pagare il petrolio con l'euro.
    l'euro vale il 30% più del dollaro.
    la benzina e il gasolio aumentano.

    sbaglio o c'è qualcosa che NON torna??Comperi la benzina ?La paghi ?Bene.Il tuo compito è finito, non c'e' bisogno che tu capisca, non ti serve, intanto ritorna al punto 1.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      - Scritto da: The_GEZ
      Ciao castigo !


      è OT, ma chiariscimi una cosa per

      favore, che non ci sto capendo
      più

      nulla.

      il petrolio si paga in dollari.

      noi compriamo i dollari che ci servono
      per

      pagare il petrolio con l'euro.

      l'euro vale il 30% più del
      dollaro.

      la benzina e il gasolio aumentano.



      sbaglio o c'è qualcosa che NON
      torna??

      Comperi la benzina ?
      La paghi ?
      Bene.
      Il tuo compito è finito, non c'e'
      bisogno che tu capisca, non ti serve,
      intanto ritorna al punto 1.Dalla serie: "Zitto e paga" ? :|
  • Q88 scrive:
    Re: Invece dura proprio 24+2 mesi !!!

    Quindi, come ho gia' avuto modo di provare
    presso un rivenditore Apple, i 24 mesi ci
    sono... e' bastato litigare un po', portare
    le stampe del decreto legge e minacciare di
    rivolgermi presso il giudice di pace :@.Eh... ma sarebbe bello poter ottenere la riparazione senza esibire documenti e minacce...PS: che è sta toria dei +2 mesi?==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 15.25.25
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: The_GEZ



    installarlo su un PC che non
    avrebbe mai


    potuto farlo funzionare (es.
    stampante

    USB


    cercata di installare su un PC con
    Win


    95...)



    Cioè un tizio vi arrive
    dicendovi che

    il comuter non funziona e voi non siete
    in

    grado di teterminare un problema come
    questo

    ?!

    No.
    Arriva tizio: "avete la stmpante pippolix
    3700 fotoreality sbrodolix
    pentadimensionale, che mio cugggino mi ha
    spiegato esser la migliore sul mercato,
    mentre le altre sono tutte delle prese per
    il culo? Si? Bene, quanto la fate?"
    La compra e se la porta via.
    Ritorna tre giorni dopo, incazzato nero:
    "Non funziona!!!"
    O, nella migliore delle ipotesi "Ma non
    funziona con W95!!!! Tre giorni che provo ad
    installarla, e poi alla fine, solo leggendo
    il manuale, ho scoperto che non funziona con
    W95!!!! MA VOI DOVEVATE DIRMELO CHE NON
    FUNZIONA CON W95!!!!!!!"
    Be' potreste anche vedere un attimo se il cliente conosce i requisiti e magari consigliarlo per un'altro apparecchio compatibile, o siete una grande distribuzione in cui i commessi non ci capiscono una cippa e molte volte il cliente lo perdono perchè non sanno spiegargli niente??? Non tutti nascono imparati!!! E comunque se la stampante non funziona con W95 non è colpa del cliente, ma del produttore che dovrebbe far sì che l'apparecchio funzioni sempre!!!
    Compreso adesso?




    Mi spiace ma da gente che non riesce a

    capire al volo che una stampante USB non

    funziona con W95 prima versione io giro
    alla

    larga,

    Infatti anche noi faremmo volentieri a meno
    di clienti del genere... ;)

    Ciao       
  • Anonimo scrive:
    Asus... Assistenza senza macchia????
    Riferisco soltanto che da 8 mesi ho la mobo in garanzia....Il rivenditore mi ha detto che è cambiato il centro assistenza ed adesso è ubicato nella Repubblica Ceca, risultato mi dovuto comprare una mobo in attesa della mia a7v333.Grazie Asus!
  • TPK scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: TPK


    Attento macuser, ora arrivano i macachi
    che

    additandoti come traditore ti
    sbranano...

    TPK, non riesci proprio ad inserire un
    messaggio senza prendere per i fondelli i
    macuser.Non e' vero, oggi ho postato anche questi:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906535 http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906497 E poi io prendo per i fondelli i macachi, non i macuser.==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 15.10.21
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    non hai capito un tubose fossi un rivenditore, pregherei tutti i giorni di non aver mai a che fare con uno come tecapisci fischi per fiaschi...senza offesa!- Scritto da: The_GEZ
    Ciao Anonimo !


    - 540 (!!!) sono risultate infondate:

    l'oggetto funzionava perfettamente, ma
    il

    cliente non aveva saputo installarlo, o
    non

    aveva capito a cosa serviva, o non aveva

    neppure letto le istruzioni, o cercava
    di

    installarlo su un PC che non avrebbe mai

    potuto farlo funzionare (es. stampante
    USB

    cercata di installare su un PC con Win

    95...)

    Cioè un tizio vi arrive dicendovi che
    il comuter non funziona e voi non siete in
    grado di teterminare un problema come questo
    ?!


    Come abbiamo risolto?

    Adesso noi non cambiamo più nulla

    senza discutere: pretendiamo sempre di

    testatre il materiale in laboratorio.
    Dopo

    che il laboratorio ha visto e testato il

    materiale, eventualmente lo sostituiamo.

    Mi spiace ma da gente che non riesce a
    capire al volo che una stampante USB non
    funziona con W95 prima versione io giro alla
    larga, potreste dire anche il nome del
    negoizio, non vorrei capitarci per sbaglio.
    Chisaà se vi porto un computer con su
    Linux cosa mi combinate !
  • Anonimo scrive:
    Re: Le eccezioni esistono
    Confermo, ho comprato un router Wireless Netgear, mi si è rotto, me ne hanno mandato uno nuovo e ho rimandato indietro il vecchio, l'unica spesa è stata 5.16 euro (per mandare indietro quello rotto) ma in compenso mi hanno mandato un v4.Soddisfattissimo
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo
    Bravi utenti PC, continuate a rendervi
    ridicoli...
    E poi avete il coraggio di lamentarvi quando
    venite considerati dei x86luser.Ma i macusers sono tutti dei musoni o sei solo un caso patologico?
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: The_GEZ

    installarlo su un PC che non avrebbe mai

    potuto farlo funzionare (es. stampante
    USB

    cercata di installare su un PC con Win

    95...)

    Cioè un tizio vi arrive dicendovi che
    il comuter non funziona e voi non siete in
    grado di teterminare un problema come questo
    ?!No.Arriva tizio: "avete la stmpante pippolix 3700 fotoreality sbrodolix pentadimensionale, che mio cugggino mi ha spiegato esser la migliore sul mercato, mentre le altre sono tutte delle prese per il culo? Si? Bene, quanto la fate?"La compra e se la porta via.Ritorna tre giorni dopo, incazzato nero: "Non funziona!!!"O, nella migliore delle ipotesi "Ma non funziona con W95!!!! Tre giorni che provo ad installarla, e poi alla fine, solo leggendo il manuale, ho scoperto che non funziona con W95!!!! MA VOI DOVEVATE DIRMELO CHE NON FUNZIONA CON W95!!!!!!!"Compreso adesso?

    Mi spiace ma da gente che non riesce a
    capire al volo che una stampante USB non
    funziona con W95 prima versione io giro alla
    larga, Infatti anche noi faremmo volentieri a meno di clienti del genere... ;-)Ciao Archi
  • Anonimo scrive:
    Esperienza SONY
    Ho acquistato un notebook Sony, perchè, pur essendo più costoso, avevo letto bene dell'assistenza. Dopo circa sei mesi di utilizzo il portatile muore (non si accende più); con un tester verifico rapidamente che il problema non è nell'alimentatore esterno, quindi chiamo l'assistenza al numero di telefono indicato sulla garanzia (che risponde al terzo tentativo), indicando precisamente il difetto e le prove da me effettuate. Il giorno dopo viene la DHL a prendere il notebook, che viene portato in Francia. In una settimana mi viene riparato e riconsegnato a casa, con allegata documentazione della riparazione effettuata (hanno sostituito il processore). E ho potuto seguire tutti gli spostamenti su internet. Se fosse accaduto nel secondo anno probabilmente l'iter sarebbe stato diverso (avrei dovuto contare sul venditore!) e molto più lungo. Nota: la Sony a volte restituisce il portatile con l'HD formattato come in originale: prima di consegnare il notebook, collegate l'HD con un adattatore ad un PC desktop e salvate i dati (e riformattate l'HD per non mandare in giro documenti di lavoro e personali).
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: TPK



    - Scritto da: Anonimo





    Il problema della garanzia di 2
    anni


    prevista dalla normativa non
    è

    solo


    della apple, non capisco
    perchè


    continuate a spalare merda su

    un'azienda che


    riuscì per prima a portare
    nelle

    case


    delle famiglie i primi computer;
    famosi

    sono


    l'Apple II e il Lisa.



    Perche' loro sono i piu' fichi di tutti.

    Secondo me dovrebbero dare una garanzia
    a

    vita!

    It makes me COOL!
    69.93.111.150/albino_flash12/apple(www.albinoBravi utenti PC, continuate a rendervi ridicoli...E poi avete il coraggio di lamentarvi quando venite considerati dei x86luser.
  • Anonimo scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    con tutti i soldi che l'hai pagato, non ti si doveva rompere...sono vent'anni che vengono prodotti alimentatori, posso capire una scheda video dell'ultima generazione, ma che ancora vengano prodotti alimentatori che si guastano dopo qualche mese, e' uno scandalo- Scritto da: Anonimo
    Come assistenza sui portatili io non posso
    lamentarmi. Ho mandato in assitenza un
    alimentatore e il mio portatile con problemi
    alla retroilluminazione (inverter, mi
    sembra) tutti e due rientrati in 5 gg
    lavorativi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Invece dura proprio 24+2 mesi !!!
    NON confondente garanzia (del produttore) con la tutela europea da difetto di conformita' (del rivenditore).La prima puo' essere di 2 anni, 1 anno (come Apple e la maggior parte delle aziende), 6 mesi, 1 giorno oppure NULLA !!!Il difetto di conformita' invece e' a carico del rivenditore (che si rivale sul produttore), non sostituisce ma integra la garanzia "ordinaria", in genere e' piu' limitato della garanzia (per l'appunto alla sola non-conformita'), e se la garanzia del produttore termina prima dei 24 mesi i costi della non-conformita' fanno parte del RISCHIO IMPRENDITORIALE (termine oscuro a molti "imprenditori" italiani :$ ) del rivenditore (potrebbe essere un meccanismo per sensibilizzare i rivenditori a proporre merce di qualita' e non stock di seconda mano rifilati al mercato italiano o di produttori scorretti con i clienti :D )Quindi, come ho gia' avuto modo di provare presso un rivenditore Apple, i 24 mesi ci sono... e' bastato litigare un po', portare le stampe del decreto legge e minacciare di rivolgermi presso il giudice di pace :@.Sapevo che l'Apple Store Italiano inizialmente avesse ragione sociale in USA, quindi non vincolato alle normative europee (differentemente dall'acquisto in un negozio/rivenditore Apple ubicato un Europa).Sarebbe da verificare se e' cambiato qualcosa in proposito e, prima di vantare diritti presso Apple o altre aziende (tipo Dell), comprendere BENE il significato di difetto di conformita' (che nelle intenzioni dei migliori burocrati mostra al fianco a differenti interpretazioni... te pareva :( )
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: TPK
    Attento macuser, ora arrivano i macachi che
    additandoti come traditore ti sbranano...TPK, non riesci proprio ad inserire un messaggio senza prendere per i fondelli i macuser.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sulla garanzia Apple Italia
    Se non capiamo che la garanzia e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia europea 24 mesi, copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!- Scritto da: Anonimo
    Evidentemente sperano di potersela cavare in
    violazione della legge (europea, non solo
    italiana), e sinche` qualcuno non gli fa
    causa (a poco prezzo ma molta perdita di
    tempo davanti al giudice di pace, immagino)
    se la cavano. Brutta politica commerciale,
    ma la miopia di Apple Italia e` proverbiale.
    (Ah, attenzione: se si chiede fattura per
    scaricare l'IVA, non si e` "privati" dal
    punto di vista di questa legge, quindi
    nessuna speranza di vincere la causa).
  • Anonimo scrive:
    la garanzia e' di SEI mesi, non 24!!
    Se non capiamo che la garanzia e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!
  • Anonimo scrive:
    Re: come consumatore non mi interessa
    ma sei cosi' ottuso da non capire che il problema e' un altrola garanzia di 24 mesi , in realta' e' di SOLI SEI MESIriesci a capirlo?dopo sei mesi, sei TU a DOVER dimostrare che il difetto era esistente sin dall'origine (difetto di fabbricazione)- Scritto da: Anonimo
    Capisco che la maggior parte di chi legge
    P.I. sia un rivenditore che si lagna
    (giustamente) degli oneri che ricadono
    esclusivamente su di lui, ma per i
    consumatori, che non comprano per uso
    professionale e quindi solo con scontrino,
    la famosa Garanzia Europea prevede che ci si
    debba rivolgere ESCLUSIVAMENTE al
    rivenditore....quindi non vedo il problema
    assistenza delle case, non mi riguarda.

    Per quanto concerne gli oneri del
    rivenditore, a mio avviso sarebbe stato
    meglio se avessero costretto i produttori
    che importano in Europa a dare una garanzia
    minima di 2 anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: come consumatore non mi interessa
      Forse sei un po' miope, non sei riuscito a leggere tutto, ho detto che bisognava costringere i produttori a dare una garanzia di 2 anni se importano in Europa.E' questo il problema! Il rivenditore mi può anche raccontare la rava e la fava, ma se il telefonino o il pc o qualsiasi altro non mi funziona più dopo 23 mesi, vado dal rivenditore, gli lascio il ciarpame, e LUI lo manda in assistenza, e a me non me ne frega se i soldi li deve mettere lui. Il punto debole della legge è questo.Ti ricordo, visto che sei miope, che la notizia riguarda l'assistenza delle case produttrici, con cui IO non avrò mai a che fare.- Scritto da: Anonimo
      ma sei cosi' ottuso da non capire che il
      problema e' un altro
      la garanzia di 24 mesi , in realta' e' di
      SOLI SEI MESI
      riesci a capirlo?
      dopo sei mesi, sei TU a DOVER dimostrare che
      il difetto era esistente sin dall'origine
      (difetto di fabbricazione)

  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    Leggi bene.....
  • Anonimo scrive:
    Re: La mia avventura
    - Scritto da: Anonimo
    entro i primi sei mesi si presuppone che il
    guasto sia dovuto a difetto di fabbricazione
    (quindi se il commerciante dice che hai
    overclocckato, DEVE DIMOSTRARLO)
    dopo sei mesi spetta a te dimostrare che NON
    hai overclocckato
    Tutto questo grazie alla nuova garanzia 24
    mesi che in realta' e' di soli sei mesi
    un grazie alle associazioni consumatori che
    hanno permesso che in europa venisse creata
    una tale legge truffaMa dovrebbe essere il negoziante stesso a informarmi di questa notizia.E comunque, com'è possibile dimostrare che non sono stato io a overclockare? Se gli chiedo la scheda video, me la fanno vedere giustamente bruciata, ma bruciata da loro. E io come posso provare la mia tesi?
  • Anonimo scrive:
    Re: La mia avventura
    entro i primi sei mesi si presuppone che il guasto sia dovuto a difetto di fabbricazione (quindi se il commerciante dice che hai overclocckato, DEVE DIMOSTRARLO)dopo sei mesi spetta a te dimostrare che NON hai overclocckatoTutto questo grazie alla nuova garanzia 24 mesi che in realta' e' di soli sei mesiun grazie alle associazioni consumatori che hanno permesso che in europa venisse creata una tale legge truffa- Scritto da: Anonimo
    Ho comprato a Marzo 2004 un PC fisso da un
    negozio della catena Wellcome, assemblato.
    Io gli ho dato i nomi dei componenti che
    volevo inserissero (scheda madre, video,
    cpu, etc.) e loro me l'hanno montato
    fornendomi la garanzia del negozio nel caso
    avessi qualche problema (ossia riparazione
    gratuita in assenza di manomissione del
    cliente).
    Tutto è andato liscio fino a qualche
    settimana fa.
    Un giorno di Gennaio 2005 accendo il PC,
    arrivo alla schermata del BIOS e poi il nero
    perenne. Sostanzialmente l'hardware non
    boota. Ho provato anche con una distro live
    di Linux ma niente da fare, non solo gli HDD
    ma anche le unità ottiche non
    bootavano.
    Porto il PC dal negozio e gli dico di
    sistemarmi la cosa, la garanzia di
    assemblaggio era ancora valida, sarebbe
    scaduta a Marzo 2005.
    Dopo una settimana di attesa, ecco la
    risposta:
    "La scheda video è stata overclockata
    oltre le sue possibilità e si
    è bruciata. Per pura fortuna non ha
    bruciato anche la scheda madre. Non solo,
    anche la CPU è stata overclockata
    senza però bruciarsi, il tecnico per
    rimettere in sesto il PC ha dovuto
    downclockarlo in un'operazione durata 5
    ore".
    Risultato? Scheda video da acquistare nuova
    più 300 ? per il tecnico. Garanzia
    non valida perché l'overclock
    è stato effettuato dal cliente.
    Ovviamente non ho nessuna certezza della
    veridicità delle loro parole.
    E altrettanto ovviamente non ho mai
    overclockato nessun componente del mio PC,
    pur conoscendo bene l'OC e conscio del fatto
    che fa scadere la garanzia.
    La mia parola contro la loro ma se non li
    pagavo non mi restituivano il PC.
  • Anonimo scrive:
    Senza parole
    http://www.macologist.orge poi parlano di sette
  • The_GEZ scrive:
    Re: L'utonto idiota
    Ciao nicscics !
    L'utonto di turno cerca il PC di marca ed il
    prezzo basso, oltre che il pagamento
    rateale. Inutile spiegargli che l'assistenza
    e la sicurezza dei dati dovrebbero
    preponderare sulla scelta d'acquisto. Alla
    fine... si cuoce nel suo brodo... l'utonto
    idiota.Di prezzo di solito paga quello che c'e' scritto sul cartellino ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?

    ????
    Se il computer è ROTTO non crei un
    bell' accidente ! stacchi l'HD lo attacchi ad un altro PC e cambi le preferenze...oppure configuri fin da subito due utenti ed eviti il login automatico ed in caso di rottura dai la login solo dell'utente "pulito"
    Oltre al fatto che se non hai pieni
    privilegi anche la sola manutenzione la
    mandi a quel paese ...forse su Win, su Mac crei un utente amministratore che non può ficcanasare dentro la home di altri utenti.Il sistema lo gestisci tranquillamente ma la privacy è garantita.
  • Q88 scrive:
    Re: chiudere i negozini
    - Scritto da: Anonimo
    dispiace dirlo, ma la soluzione più
    facile è la chiusura dei negoziniQuasi sempre, il padrone del "negozino", per non perdere un cliente, riesce a metterci una pezza.Nelle grandi catene di distribuzione invece ce l'hai in quel posto; non te la puoi prendere con l'addetto alle vendite perchè è solo un povero pirla interinale, programmato per dirti di "rivolgerti alla casa produttrice" altrimenti lo sbattono fuori a calci in culo. E non te la puoi prendere nemmeno con l'addetto del call center quando telefoni alla casa produttrice, perchè è solo un'altro interinale programmato per dirti che "nel tuo caso non ci sono i termini per applicare la garanzia", e se non lo fa sbattono fuori anche lui a calci in culo.
  • The_GEZ scrive:
    Re: Ma i dati?
    Ciao Anonimo !
    crei un utente "pulito" e fai l'autologin su
    quello, in questo modo per ficcanasare
    devono crackare la passoword del tuo
    utente...????Se il computer è ROTTO non crei un bell' accidente ! Oltre al fatto che se non hai pieni privilegi anche la sola manutenzione la mandi a quel paese ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?

    Ti attacchi al tram.A malincuore, quoto.
  • Anonimo scrive:
    La mia avventura
    Ho comprato a Marzo 2004 un PC fisso da un negozio della catena Wellcome, assemblato. Io gli ho dato i nomi dei componenti che volevo inserissero (scheda madre, video, cpu, etc.) e loro me l'hanno montato fornendomi la garanzia del negozio nel caso avessi qualche problema (ossia riparazione gratuita in assenza di manomissione del cliente).Tutto è andato liscio fino a qualche settimana fa.Un giorno di Gennaio 2005 accendo il PC, arrivo alla schermata del BIOS e poi il nero perenne. Sostanzialmente l'hardware non boota. Ho provato anche con una distro live di Linux ma niente da fare, non solo gli HDD ma anche le unità ottiche non bootavano.Porto il PC dal negozio e gli dico di sistemarmi la cosa, la garanzia di assemblaggio era ancora valida, sarebbe scaduta a Marzo 2005.Dopo una settimana di attesa, ecco la risposta:"La scheda video è stata overclockata oltre le sue possibilità e si è bruciata. Per pura fortuna non ha bruciato anche la scheda madre. Non solo, anche la CPU è stata overclockata senza però bruciarsi, il tecnico per rimettere in sesto il PC ha dovuto downclockarlo in un'operazione durata 5 ore".Risultato? Scheda video da acquistare nuova più 300 ? per il tecnico. Garanzia non valida perché l'overclock è stato effettuato dal cliente.Ovviamente non ho nessuna certezza della veridicità delle loro parole.E altrettanto ovviamente non ho mai overclockato nessun componente del mio PC, pur conoscendo bene l'OC e conscio del fatto che fa scadere la garanzia.La mia parola contro la loro ma se non li pagavo non mi restituivano il PC.
  • nicscics scrive:
    L'utonto idiota
    L'utonto di turno cerca il PC di marca ed il prezzo basso, oltre che il pagamento rateale. Inutile spiegargli che l'assistenza e la sicurezza dei dati dovrebbero preponderare sulla scelta d'acquisto. Alla fine... si cuoce nel suo brodo... l'utonto idiota.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    - Scritto da: Buzz
    Sai, c'è anche gente che inizia
    un'attività per pura passione..allora ne accetta i rischi, lo fa per passione senza lamentarsi e servendo i clienti nel migliore dei modi, anche se questo comporta delle spese.Io sono appassionato di robotica, ma non mi sognerei mai di mettere in piedi un attivita' e se lo facessi lo farei sobbarcandomi gli oneri, anche quando ci perdo. Altrimenti non la farei veramente per passione, ma per lucro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      - Scritto da: DarkDirtyDwarf

      - Scritto da: Buzz

      Sai, c'è anche gente che inizia

      un'attività per pura passione..

      allora ne accetta i rischi, lo fa per
      passione senza lamentarsi e servendo i
      clienti nel migliore dei modi, anche se
      questo comporta delle spese.O forse detto il contrario? I miei clienti (abbastanza selezionati) li ho sempre serviti nel migliore dei modi.. Anche rimettendoci..Però sai, forse, questo mi da anche un po' il diritto di lamentarmi degli anelli deboli della produzione/test/distribuzione.. ti pare? :) Dopotutto a *pagare* in tempo e denaro gli *errori* di produzione e legislativi alla fine, siamo io e lui..Ti confesso una cosa: non mi sento un commerciante! Mi fa schifo anche solo il termine :)
      Io sono appassionato di robotica, ma non mi
      sognerei mai di mettere in piedi un
      attivita' e se lo facessi lo farei
      sobbarcandomi gli oneri, anche quando ci
      perdo. Altrimenti non la farei veramente per
      passione, ma per lucro.==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 14.26.50
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        - Scritto da: Buzz
        O forse detto il contrario? I miei clienti
        (abbastanza selezionati) li ho sempre
        serviti nel migliore dei modi.. Anche
        rimettendoci..Dov'e' che hai la tua attivita'? ;)
        Però sai, forse, questo
        mi da anche un po' il diritto di lamentarmi
        degli anelli deboli della
        produzione/test/distribuzione.. ti pare? :)beh, se quello che hai scritto e' vero ne hai diritto eccome! :)
        Ti confesso una cosa: non mi sento un
        commerciante! Mi fa schifo anche solo il
        termine :)Buh, su questo non so che dirti. Perche' se da un lato e' vero che si possono prendere molte fregature, dall'altro sappiamo tutti che sono aumentate perche' chi compra nuove tecnologie e' generalmente uno sprovveduto (nel senso che sa quali sono i suoi diritti e li esercita, a volte a sproposito ma non sa cosa compra e come si usa) perche' ora Pc e quant'altro sono piu' in voga di quanto non lo fossero anni fa e la cosa invoglia a tirare fregature.Un po' come i video giochi. Adesso sono un fenomeno di massa ("ci siamo trasferiti da un?industria i cui giocatori erano entusiasti hardcore gamer e ci troviamo in un mercato di massa", Martin Brown, Development Director Team17) il che significa che anche un prodotto scadente trova spazio nel mercato perche' ci sono molte persone che comprano a scatola chiusa, senza leggere review, prendendo cantonate paurose. E la cosa alimenta altri progetti sottotono che verranno venduti ad altri sprovveduti, mentre una volta (diciamo al tempo della Amiga 1200?) era molto raro trovare un gioco veramente pietoso (cosa che invece oggi e' piu' frequente che trovare un gioco veramente bello).E questa cosa accade un po' in tutti i settori, a mio avviso.Mi basta pensare alle fregature ad esempio nei vestiti. Nei negozi (ma anche nei mercati, dove i prezzi sono uguali a quelli delle boutique, almeno dalle mie parti) paghi un botto merce con cuciture fatte alla meno peggio, bottoni che saltano dopo due giorni e via avanti (dai cinesi la merce e' migliore...).Bah, l'unica consolazione in questa crisi e' che i libri te li tirano dietro con sconti sugli sconti...
  • Anonimo scrive:
    Re: Alla faccia dei professionisti.....
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Negozio di fiducia
    - Scritto da: Anonimo
    Un mio amico, per un problema simile ma
    altrove, dovette sporgere denuncia dai canarini.Purtroppo e' a questo che siamo arrivati.Non dimentichero' mai quando ho comprato il Box di Final Fantasy VIII per Playstation e quando andai dal negoziante dicendogli che il primo CD si inchiodava nella presentazione (provato su una play non chippata), lui mi rispose, dopo che aveva verificato il malfunzionamento su una sua macchina -chippata, sto' ladro- "Eh, la mia play e' chippata, per questo non va', ma il cd e' a posto!".Detto questo passo al cliente successivo.Quella volta ingoiai (mi procurai una copia pirata del primo cd e chippai la mia play) ma se tornassi indietro lo sbranerei.
  • The_GEZ scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    Ciao Anonimo !
    - 540 (!!!) sono risultate infondate:
    l'oggetto funzionava perfettamente, ma il
    cliente non aveva saputo installarlo, o non
    aveva capito a cosa serviva, o non aveva
    neppure letto le istruzioni, o cercava di
    installarlo su un PC che non avrebbe mai
    potuto farlo funzionare (es. stampante USB
    cercata di installare su un PC con Win
    95...)Cioè un tizio vi arrive dicendovi che il comuter non funziona e voi non siete in grado di teterminare un problema come questo ?!
    Come abbiamo risolto?
    Adesso noi non cambiamo più nulla
    senza discutere: pretendiamo sempre di
    testatre il materiale in laboratorio. Dopo
    che il laboratorio ha visto e testato il
    materiale, eventualmente lo sostituiamo.Mi spiace ma da gente che non riesce a capire al volo che una stampante USB non funziona con W95 prima versione io giro alla larga, potreste dire anche il nome del negoizio, non vorrei capitarci per sbaglio.Chisaà se vi porto un computer con su Linux cosa mi combinate !
  • Anonimo scrive:
    Re: La locandina è di "parte"
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: fiammalibera
    Salve a tutti,

    mi sono sempre chiesto una cosa: se io mando
    un pc in garanzia, come devo comportarmi con
    i dati all'interno dell'hard disk?A parte un
    backup (ma quello anche senza garanzia) come
    ci si comporta per la privacy?Ti attacchi al tram.
  • TPK scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: fiammalibera
    Salve a tutti,

    mi sono sempre chiesto una cosa: se io mando
    un pc in garanzia, come devo comportarmi con
    i dati all'interno dell'hard disk?A parte un
    backup (ma quello anche senza garanzia) come
    ci si comporta per la privacy?Dipende quante cose hai da nascondere...
  • Anonimo scrive:
    Re: La locandina è di "parte"
  • Anonimo scrive:
    Re: La locandina è di "parte"
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma i dati?
    - Scritto da: fiammalibera
    Salve a tutti,

    mi sono sempre chiesto una cosa: se io mando
    un pc in garanzia, come devo comportarmi con
    i dati all'interno dell'hard disk?A parte un
    backup (ma quello anche senza garanzia) come
    ci si comporta per la privacy?crei un utente "pulito" e fai l'autologin su quello, in questo modo per ficcanasare devono crackare la passoword del tuo utente...(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
  • TPK scrive:
    Re: La locandina è di "parte"
    Se lo copi e incolli nella barra degli indirizzi di Safari funziona.
  • The_GEZ scrive:
    Re: DELL: ma quando mai?
    Ciao marcolin0 !
    Verametne quello che avete scritto su DELL
    non è per niente vero, è una[...]
    Perchè scrivete cose non vere?Mah !Non credo che la gente si "inventi" le cose, anche se, tutto è possibile.Da quello che mi è parso di notare, da quello che ho letto e dalla mia esperienza, il tutto si riassume in una questione di culo ....Ci sono delle volte dove' l' assistenza arriva a sorprendere per l' efficienza (nel mio caso Nikon), solo per poi farti morire di rabbia un minuto dopo (nel mio caso HP).
  • Anonimo scrive:
    Ma i dati?
    Salve a tutti,mi sono sempre chiesto una cosa: se io mando un pc in garanzia, come devo comportarmi con i dati all'interno dell'hard disk?A parte un backup (ma quello anche senza garanzia) come ci si comporta per la privacy?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: TPK

    - Scritto da: Anonimo



    Il problema della garanzia di 2 anni

    prevista dalla normativa non è
    solo

    della apple, non capisco perchè

    continuate a spalare merda su
    un'azienda che

    riuscì per prima a portare nelle
    case

    delle famiglie i primi computer; famosi
    sono

    l'Apple II e il Lisa.

    Perche' loro sono i piu' fichi di tutti.
    Secondo me dovrebbero dare una garanzia a
    vita!It makes me COOL!http://69.93.111.150/albino_flash12/apple(www.albinoblacksheep.com).swf
  • TPK scrive:
    Re: Apple è un'azienda come tutte le alt
    - Scritto da: Anonimo

    Apple è un azienda come tutte le
    altre. A me piace molto, ma non per questo
    non posso esprimere critiche... Possiedo e
    uso sia apple che pc...Attento macuser, ora arrivano i macachi che additandoti come traditore ti sbranano...==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 14.04.26
  • Anonimo scrive:
    Re: La locandina è di "parte"
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    Cos'è un telequiz? un gioco a premi!? :)Credo che un semplice appassionato queste cose le conosca. Sono banalità!
    • The_GEZ scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      Ciao Buzz !
      Cos'è un telequiz? un gioco a premi!?
      :)
      Credo che un semplice appassionato queste
      cose le conosca. Sono banalità!AAAAAh !Era un esempio, ho messo le prime cose che min venivano in mente ....
  • Anonimo scrive:
    Re: il cliente, e la licenza di rompere
    - Scritto da: Anonimo

    Risultato ?
    Le "richieste di sostituzione in garanzia"
    sono crollate in meno due mesi del 75%... Beh una comportamento del genere e' piu' che normale.Ti posso dire per esperienza che il 95% dei guasti onon e' reale(funziona) o non e' imputabile ad un difetto difabbricazione(causa esterna).E' anche palese che dopo 6 mesi debba essere il"cliente" a "dover dimostrare" che il guasto e' imputabilead un vizio costruttivoe non il contrario.
  • TPK scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo

    Il problema della garanzia di 2 anni
    prevista dalla normativa non è solo
    della apple, non capisco perchè
    continuate a spalare merda su un'azienda che
    riuscì per prima a portare nelle case
    delle famiglie i primi computer; famosi sono
    l'Apple II e il Lisa.Perche' loro sono i piu' fichi di tutti.Secondo me dovrebbero dare una garanzia a vita!
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo
    Lo dici tu! Per me l'esperienza Apple
    è stata un incubo! In 4 mesi ho fatto
    il "switch" e il "contro-switch"...
    Ma tanto è inutile scendere in
    particolare.. tanto chi non si genuflette
    alla casa della mela è
    automaticamente accusato di esere un trollinutile provocazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    Concordo, e in effetti è così. Ma ci sono una serie di problematiche intrinseche, la prima su tutte è che NON CI SONO SOLDI e quindi (giustamente) non si spende. Parlandoci chiaro, il 90% degli "acquirenti" se ne sbatte alla grande dei servizi aggiunti, vuole spendere il meno possibile, e interessa solo quello (e ribadisco, allo stato attuale dell'economia, capisco benissimo questa linea di condotta)==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 13.47.10
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    - Scritto da: The_GEZ
    Ciao Diablo !


    e allora alziamo sti ca@@o di prezzi al

    cliente!

    INCOMINCIAMO AD ADDEBITARE I FERMI MACCHINA
    AI VENDITORI !!!!!!!!!!!!!!!!!!tu prima mi firmi (e mi paghi) uno SLA come dico io, e poi ne riparliamo.P.S.: non dici niente di nuovo, la tua ipotesi esiste già sul mercato...basta pagarla!!!!ridicolo
    • The_GEZ scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      Ciao Anonimo !
      - Scritto da: The_GEZ

      Ciao Diablo !




      e allora alziamo sti ca@@o di
      prezzi al


      cliente!



      INCOMINCIAMO AD ADDEBITARE I FERMI
      MACCHINA

      AI VENDITORI !!!!!!!!!!!!!!!!!!

      tu prima mi firmi (e mi paghi) uno SLA come
      dico io, e poi ne riparliamo.Mi può stare bene .... ma il giorno che mi dici "domani" e poi è "dopodomani" ... che il cielo ti salvi !
      P.S.: non dici niente di nuovo, la tua
      ipotesi esiste già sulIO LA GARANZIA LA PAGO ALL' ATTO DELL' ACQUISTO !!!!!!COSA CREDI ?!I soldi che ti do non li ho mica grattati dal muro, IO le cose le devo pagare SUBITO e non tra 60 ... 120 ... 250 ... 3000000000000 di giorni e l' IVA me succhio dal primo all' ultimo centesimo dato che non me la fa "scaricare" nessuno.Se io potessi fare queste forme di pagamento compri ora e pagi tra vent'anni ho come l' impressione che i servizi di assistenza diventerebbero magicamente efficienti rapidi e precisi, dato che al primo guasto non si vedrebbe arrivare neppure un centesimo.Certo con i soldi in saccoccia si fa presto a mandare a cagare il cliente ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Tu invece in cosa hai contribuito?Ho cercato di "moderare" il post....Sicuramente, non mi sono limitato a scrivere la solita presa per i fondelli verso i macuser! ma pensaci una buona volta!ci sono persone che se ne fregano di queste cose, anche utilizzando i mac per lavoro.Se vuoi continuare a sfottere i macuser, accomodati, non mi tocca.
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple: garanzia negata
      - Scritto da: Anonimo
      Se vuoi continuare a sfottere i macuser,
      accomodati, non mi tocca. Guarda che erano frasi scritte effettivamente in questi forum nel corso degli anni, da alcuni macusers. Chi ha scritto quel post non si è inventato nulla.
  • Anonimo scrive:
    Re: DELL: ma quando mai?
    - Scritto da: Anonimo
    poca documentazione sul sito ?
    ma se trovi i disegnini per smontare fino
    all'ultima vite ...per essere più chiaro volevo dire poca documentazione pre acquisto: ad esempio hard disk di cui non conosci i produttori e le caratteristiche tecniche specifiche, armadi rack di cui non capisci le fattezze con precisione,.... in questo contesto sei in balia dei commerciali che spesso ti raccontano (verba volant) le cose più disparate.....che spesso non corrispondono a realtà.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    - Scritto da: Anonimo
    Ho apprezzato il tuo post, ma permettimi
    alcune considerazioni:Ti ringrazio
    Non tutti i negozianti sono "facili" o si
    rifanno sui clienti (io non l'ho mai fatto),
    anche se purtroppo sembra che i disonesti
    abbiano sempre la meglio :Non dico che siano tutti disonesti. Purtroppo pero' ce ne sono molti che rovinano la categoria e la sfiducia che si e' creata e' molto diffusa (quanti di noi quando vanno da un nuovo meccanico si sentono tranquilli?)E a volte anche quelli onesti hanno le mani legate ma il cliente si sente truffato dal negoziante, e solo da questi, perche' e' questo l'unico contatto che ha di fronte (visto che i numeri verdi sono irraggiungibili e ai call center non "sanno mai niente").

    E da parte sua il cliente non ha nessun

    potere per risolvere la cosa.
    Nemmeno il negoziante [...]
    Purtroppo se non hai grandi numeri, non hai
    alcun potere contrattuale.questo e' un grosso problema che affligge molti settori e non ti posso dare torto.
    Il problema è che ora il cliente
    dispone di una legge che lo tutela
    (giustamente), mentre il negoziante no (la
    normativa prevede solo 12 mesi di garanzia
    per tutti i soggetti con partita IVA)in effetti non ero perfettamente al corrente di questo risvolto fino a quando non l'ho letto in chiaro in queste posts (infatti non mi era chiaro perche' i negozianti a fronte della legge continuavano a dire che la garanzia e' valida 12 mesi)ed effettivamente al momento non ho soluzioni realisticamente possibili. Non con i politici che abbiamo che calano le braghe solo davanti alle richieste delle major (Vedi decreto Urbani e amenita' simili).

    Ci sara' sempre la clientela che vorra'

    di piu' di quello che offre un ipermercato.
    Si, ma tale clientela è in rapida
    diminuzione. Da una parte perchè
    l'utente medio-alto ha acquisito maggior
    dimestichezza con la materia ed è in
    grado di affrontare in autonomia problemi
    che prima richiedevano l'intervento di un
    tecnicoIn effetti sono tra questi (finalmente, dopo anni di sofferenze come tutti gli autodidatti) pero' dal mio canto sono disposto a pagare un po' di piu' pur di avere il supporto quando veramente ne ho necessita' (in pratica quando l'hardware e' fisicamente danneggiato).Credo che questo tipo di utenza sia quella su cui puntare nel caso di centri professionali e specializzati. Il fatto che la clientela di questo tipo di utenza sia in calo significa solo che deve anche calare l'offerta in proporzione, ma con questo tipo di clientela l'assistenza dovrebbe poter essere fatta senza troppi oneri (a patto di vendere a prezzi leggermente piu' alti) perche' sarebbe un evento meno frequente che nel caso di clientela che "non legge le istruzioni".
    dall'altra l'utente medio-basso
    (quello che non legge le istruzioni e si
    rifiuta di imparare) ha sviluppato una sorta
    di rassegnazione nei confronti del computer
    e considera normale che si blocchi ogni
    tanto, che si debba formattare il disco
    fisso almeno una volta al mesegia', e' brutto dirlo, ma e' la realta'. Ma proprio per questo bisogna evitare questa clientela che punta piu' sul prezzo basso.Se ci fosse meno offerta, oppure una differenziazione nella stessa separando la clientela in chi vuole pagare poco e formattare spesso e chi vuole affidabilita' e servizi pagandoli, forse ci sarebbe spazio per i negozianti seri.Mi rendo conto che non e' una cosa facile da realizzare e che qualcuno non "sopravvivera'" commercialmente parlando, ma e' l'unica strada praticabile che vedo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Relativamente al fatto che a te non ti
    riguardano le polemiche, sottointendendo che
    i post a cui rispondi lo sono, mi viene da
    chiederti: e allora perché rispondi
    se le polemiche non ti riguardano?Semplicemente, perchè da addetto ai lavori ho deciso di contribuire scrivendo la mia esperienza diretta (dal lontano '84) con questi strumenti.Ci trovi qualcosa di male? O forse è vietato esprimere un commento positivo su Mac di Apple ?Se ho interrotto la vostra disputa personale, beh, sono dispiaciuto.
  • Anonimo scrive:
    Re: DELL: ma quando mai?
    poca documentazione sul sito ?ma se trovi i disegnini per smontare fino all'ultima vite ...
  • Anonimo scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    ma per me ha ragione il negozio... scusa dopo 19 mesi e dopo che TU senza far intervenire il negozio hai cambiato il dissipatore di tua scelta.dirai che non c'entra niente ma hai idea di quanti resi si sono visti i negozianti perchè la gente scheggiava anche solo leggermente il die cambiando il dissipatore? e poi su una componente come la cpu che unp può overclocckare senza lasciare segni, pretendi una sostituzione dopo 19 mesi?come fa il negoziante a sapere se tu non hai rovinato il die cambiando il dissipatore? forse se il cambio l'avessero fatto loro te l'avrebbero sostituito ma hai voluto risparmiare facendo da te, e adesso paghiquel risparmio. e come fa a sapere che magari tu il giorno prima non hai sparato il bus a valori assurdi per vedere se teneva bruciando tutto?insomma io non sono un negoziante ma un semplice consumatore e mai e poi mai mi sarei sognato di chiedere una sostituzione di una cpu dopo 19 mesi !!!
    • Dark-Angel scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      - Scritto da: Anonimo[cut]ti posso dare ragione nel caso fossi uno degli ennesimi "furbi" smanettoniio non ho mai overcloccato, ma non si può dimostrarein compenso ho i log di asus probe che tengo sempre attivo, che mostrano voltaggi e temperature degne del supremo...sostituire un dissipatore è un operazione delicata e rischiosa, sono d'accordo, ma il tecnico ha rimosso il dissipatore senza dire niente e in mia presenza, con procedure meno ortodosse di quelle adottate dal sottoscritto, e non c'erano scheggiamenti o graffi di sorta...per cui, esteriormente, non sono in difetto alcuno...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Non ho capito stai forse dicendo che il mac
    è per professionisti?il professionista è l'individuo, lo strumento usato è solo un mezzo per esprimere al meglio e/o mettere a frutto la propria professionalità.Comunque, i mac, io utilizzo i dualG5...sono decisamente per clientela PRO.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    cerchiamo di contribuire al forum, non di
    farlo diventare il parco giochi per bimbi
    dell'asilo.Tu invece in cosa hai contribuito?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    ...il resto, tipo le polemiche, ecc...non mi
    riguardano.La polemica penso la faccia chi scrive"mai avuto problemi con l'assistenza, se vuoi screditare apple in questo modo è davvero da x86lusers"come risposta ad un post che parla di un esperienza personale, perfettamente in tema con tutti gli altri post del forum che riguardano le più svariate ditte. Inoltre per le altre ditte nessuno si sogna di fare commenti del genere.Relativamente al fatto che a te non ti riguardano le polemiche, sottointendendo che i post a cui rispondi lo sono, mi viene da chiederti: e allora perché rispondi se le polemiche non ti riguardano?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: AnonimoStai trollando, quel poco di considerazione che potevi avere, beh , te la sei giocata...Se hai un opinione seria, riguardo a questo tema...sono felice di leggerla.Continuare a trollare contro i mac, i macuser, e altro non serve a nulla.cerchiamo di contribuire al forum, non di farlo diventare il parco giochi per bimbi dell'asilo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Certo, qualsiasi esperienza personale che
    non faccia comodo è da considerasi
    trollaggioCiao, le tua opinione ed esperienza diretta è ben accetta...comodo? pensi sul serio che ai macuser freghi così tanto di queste cose ? illuso...Ho scelto i mac per lavorare perchè sono ottimi strumenti per il mio settore...il resto, tipo le polemiche, ecc...non mi riguardano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    E tu come fai a dirlo che i casi
    negativi

    siano"pochi"? Solo perchè ti

    dà molto fastidio pensare che
    non sia

    in realtà così?

    Ciao,
    anch'io ho scelto come stumento di lavoro i
    mac, sin dal lontano '84, beh, ti posso
    assicurare che ho avuto a che fare ben poche
    volte con Applecare...quando è
    successo hanno sempre dimostrato
    professionalità e celerità nel
    sostituire/ riparare le macchine.
    Senza dubbio Apple, per quello che mi
    riguarda si è sempre comportata in
    modo molto corretto.
    Posso confermare che anche tutte le persone
    con le quali collaboro e conosco sono della
    mia stessa idea.
    Scusami, io ci lavoro da una vita con queste
    macchine , la mia opinione è comunque
    da tenere in considerazione considerando che
    sono uno dei tanti professionisti.Non ho capito stai forse dicendo che il mac è per professionisti?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece




    p.s.: mi dai qualche consiglio sul mondo

    Apple

    Si ma vedi il fatto è che se ti
    compri un Mac ben difficilmente avrai
    bisogno dell'assistenza.

    MA NON LA SMETTETE MAI DI RACCONTARE BUGIE.. NO EH?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    è eccellente





    (apple)

    Lo dici tu! Per me l'esperienza Apple
    è stata un incubo! In 4 mesi ho fatto
    il "switch" e il "contro-switch"...
    Ma tanto è inutile scendere in
    particolare.. tanto chi non si genuflette
    alla casa della mela è
    automaticamente accusato di esere un trollora gli scientologisti ti staranno alle calcagna
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    E tu come fai a dirlo che i casi negativi
    siano"pochi"? Solo perchè ti
    dà molto fastidio pensare che non sia
    in realtà così?Ciao,anch'io ho scelto come stumento di lavoro i mac, sin dal lontano '84, beh, ti posso assicurare che ho avuto a che fare ben poche volte con Applecare...quando è successo hanno sempre dimostrato professionalità e celerità nel sostituire/ riparare le macchine.Senza dubbio Apple, per quello che mi riguarda si è sempre comportata in modo molto corretto.Posso confermare che anche tutte le persone con le quali collaboro e conosco sono della mia stessa idea.Scusami, io ci lavoro da una vita con queste macchine , la mia opinione è comunque da tenere in considerazione considerando che sono uno dei tanti professionisti.Buona giornata, amico mio...
  • Anonimo scrive:
    GARANZIA X il resto d'Europa...
    In Italia solo fregature!
  • Anonimo scrive:
    La locandina è di "parte"
    Perchè è mostrato solo un cassone grigio e invece non avete messo ANCHE un bel mac tipo questohttp://gallery.pimprig.com/data/501/3240imac_trash.jpg
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Q88
    Il problema della garanzia di 2 anni
    prevista dalla normativa non è solo
    della apple, non capisco perchè
    continuate a spalare merda su un'azienda che
    riuscì per prima a portare nelle case
    delle famiglie i primi computer; famosi sono
    l'Apple II e il Lisa.
    (apple)Leggiti tutti gli altri post di questo forum. Non mi sembra che si parli male solo di apple
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata



    Insomma, non è tutto Apple

    quello che


    luccica, se un ex utente windows
    appena


    convertito si trova davanti
    l'opposto

    della


    customer satisfaction,





    Ciao!


    Marco

    **************



    Finalmente qualcuno che racconta le
    magagne

    dell'assistenza Apple. Sinora io e
    pochi che

    le abbiamo sempre denunciate siamo
    sempre

    stati accusati di essere dei troll, se
    on

    apertamente insultati.

    mi ricorda vagamente scientology..L'hai detto fratello!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple: garanzia negata
      - Scritto da: Anonimo

      mi ricorda vagamente scientology


      ..L'hai detto fratello!!!Ecco come contribuiscono gli utenti x86 di questo forum.Uscite e trovatevi una donna, sfogare le vostre frustrazioni con un forum è da luser.
  • Anonimo scrive:
    Sulla garanzia Apple Italia
    Evidentemente sperano di potersela cavare in violazione della legge (europea, non solo italiana), e sinche` qualcuno non gli fa causa (a poco prezzo ma molta perdita di tempo davanti al giudice di pace, immagino) se la cavano. Brutta politica commerciale, ma la miopia di Apple Italia e` proverbiale. (Ah, attenzione: se si chiede fattura per scaricare l'IVA, non si e` "privati" dal punto di vista di questa legge, quindi nessuna speranza di vincere la causa).
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata


    mai avuto problemi con l'assistenza, se vuoi
    screditare apple in questo modo è
    davvero da x86lusersSì, Sì.. Certo.. se qualcuno racconta delle brutte esperienze con la Apple è sempre la solita solfa: :D"Non è vero, sei un troll"" " Non mi è mai successo, ne mai mi succederà, nè mai succederà ad alcuno"" Sì, forse ti è successo ma sei l'unico sfigato al mondo""A me il mac una volta s'è rotto ed è venuto un corriere che mi ha steso un tappetino rosso, m ha fatto tre genuflessioni, si è scusato garantendo che non accadra mai più, me l'ha riportato entro 48ore, con tanto di scuse ufficiali scritte del CEO di Apple italia firmate dal consiglio di amministrazione tutto e una foto con dedica autografa di Steve Jobs.. Tu come fai a dire che ti hanno sbattuto giù il telefono, ti hanno rifiutato l'assistenza, ti hanno estorto dei soldi non dovuti, magari dopo aver aspettato un pezzo per più di due mesi? .. Sei un troll, sì dai, non puoi che essere un troll..."... insomma cambiate disco!.. non siete credibili! :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    - Scritto da: DarkDirtyDwarf
    Se i margini sono nulli, perche' non hai
    iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????
    Se lavoro in un posto dove non guadagno
    abbastanza per vivere CAMBIO lavoro.
    Allora perche' tutti vogliono iniziare un
    attivita' nel settore informatico se poi non
    si campa?
    Non me lo spiego in nessun modo logico.passione.. interesse...se ho studiato, e sono appassionato di informatica... perchè nn posso mettere a disposizione le mie conoscienze?altrimenti avrei fatto il fruttivendolo...tu che lavoro fai? vediamo le differenze e confrontiamoci, cerchiamo di capire.. non spariamo a caso di cose di cui nn si conosce nienteciaocarlo
    • The_GEZ scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      Ciao Anonimo !
      passione.. interesse...
      se ho studiato, e sono appassionato di
      informatica... perchè nn posso
      mettere a disposizione le mie conoscienze?
      altrimenti avrei fatto il fruttivendolo...Bei pensiuri ma quando ci sono di mezzo i soldi della tua passione o dell' interesse non può fregare di meno.Quanti SANNO a che tensione e a che temperatura deve funzionare il processorer di un PC, ed il bus ?Che differenza c'e' tra una alimentatore da 250W o uno da 450W, tutte quelle ventole servono davvero ? e le posso mettere dove voglio ?Perchè il mio computer (linux) non si connette ad internet ?E le reti non ethernet ?E queste sono le cose piu' semplici ...Non ci si può improvvisare informatici dall' oggi al domani
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: DarkDirtyDwarf


      Se i margini sono nulli, perche' non hai

      iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????
      passione.. interesse...
      se ho studiato, e sono appassionato di
      informatica... perchè nn posso
      mettere a disposizione le mie conoscienze?Perche' non viviamo in un mondo perfetto dove ognuno e' libero di fare cio' che vuole nel modo che preferisce, non se vuole anche mangiare.Pensa a tutti i laureati in lingue, lettere, conservazione dei beni culturali, storia (parlo di quelli votati a queste materie, non di quelli che hanno scelto certe facolta' perche' "ci sono piu' donne"). Sono tutti (quanti, 90%?) occupati (intendo con contratti a tempo indeterminato, non quelli con borse e borsette semestrali) in altri settori perche' non ci sono sbocchi per quello per cui hanno studiato.E in ogni caso ci sono molti modi per cui puoi sfruttare quello che sai. Forse avere un negozio non e' quello giusto, non in questo momento di crisi.
      tu che lavoro fai? vediamo le differenze e
      confrontiamoci, cerchiamo di capire.. non
      spariamo a caso di cose di cui nn si conosce
      nienteInnanzitutto quello che dico e' sulla base di quello che so' e che vedo ed e' quello che penso, soprattutto.Se dico qualcosa che viene smentito, se ho torto, sono pronto a rivedere la mia posizione, non voglio fare l'ottuso. In ogni caso io sono perito chimico, laureato in agraria indirizzo biotecnologico e sto facendo un dottorato di ricerca in nanotecnologie biomediche. E sono il primo che rischia di non fare quello per cui sta studiando perche' sbocchi professionali in Italia, da nanotecnologo, ce ne sono pochissimi -figurati da nanotecnologo biomedico- (da perito chimico invece troverei lavoro anche in questo istante, mentre da agronomo/biotecnologo sarebbe gia' piu' dura -parlo sempre di contratti di durata superiore ai 12 mesi o per lo meno pagati un compenso degno-) pertanto una soluzione (per quanto riguarda la mia figura professionale) e' emigrare in paesi che credono di piu' nella ricerca (ho un contatto a Singapore per esempio e altri negli Stati Uniti) una volta completato il dottorato in Italia.In parallelo sono consulente dell'Area Science Park di Trieste in qualita' di esperto nel settore bio-nanotech (anche se l'attivita' principale e' il dottorato di ricerca per cui sono pagato quel tanto che mi basta per vivere) per la redazione di documenti (per cui ho seguito dei corsi aggiuntivi di formazione) tipo Market Trends e Technology Trends (quindi di mercati ne so qualcosa, perche' anche se la merce e' diversa, i principi sono gli stessi), nella stesura di mappature dei maggiori attori del settore nonche' nella realizzazione di partenariati tra PMI e grossi gruppi del settore.Questo e' quanto, in dettaglio.Aspetto una tua risposta per riprendere il confronto, anche se ogni volta che parlo di quello che faccio mi rendo conto di vivere una realta parallela rispetto alle "persone normali" anche se al momento di sicuro siamo tutti accomunati dalla precarieta' (e dai bassi guadagni..).
  • fasibia scrive:
    Re: Apple: garanzia negata

    - Scritto da: Anonimo

    Dall'articolo pare quasi che Apple sia

    un'isola felice, invece non sempre
    è

    così.



    i casi negativi sono talmente pochi che
    statisticamente non offuscano l'immagine
    positivaSenza dubbio. Ciò non toglie che uno abbia il sacrosanto diritto di lamentarsi di un suo problema. Io per esempio contro Apple non ho niente, sono incazzato col bancoposta. Sul serio: in quattro anni di bancoposta, quattro anni di problemi. In più, per risolverli, dovevo passare ore al telefono.Parlo con qualcuno, mia ragazza compresa, e mi dicono: ti sbagli, io mi trovo bene, mai un problema ecc. ecc.Ma porco cane, me le invento le cose? machemmefrega che a voi è andato tutto liscio.. io ho avuto un sacco di rogne con loro, perso ore della mia vita per problemucci demenziali, ora pago di più con una banca, e, per ora, tutto ok.Se qualcuno mi chiede un parere su bancoposta gli dico: 9 persone su dieci si trovano bene col bancoposta. Io sono il decimo, chiedi un parere agli altri 9.
  • Anonimo scrive:
    Apple è un'azienda come tutte le altre
    Apple è un azienda come tutte le altre. A me piace molto, ma non per questo non posso esprimere critiche... Possiedo e uso sia apple che pc...I prezzi in Italia tasse o non tasse sono troppo alte. Se vuole può abbassare e uniformare i prezzi. L'esempio dell'eMac va benissimo, visto che è un prodotto diretto a clienti che non possono spendere troppo (e sta per educational, quindi studenti).C'è una grossa differenza che va al di là di ogni spiegazione... Iva, tasse di dogana e di trasporto, non bastano, visto che si compra da una on line store,visto che in Europa non ci sono negozi prorpi di Apple (i cosiddetti rivenditori autorizzati ordinano pure loro dal sito Apple). Allora c'è una distribuzione centralizzata ma prezzi diversi. Se fosse possibile comprare direttamente dall'usa? No però, non si può... perchè non spediscono al di fuori. Se fosse possibile ordinare dal sito usa, voglio vedere chi poi sarebbe rivolto al sito italiano.Ma forse fa piacere nascondersi dentro ipotetiche spiegazioni di tasse, di trasporti etc. Ma non siamo nel famoso villaggio globale? Non si può usare carte di credito, paypal etc?Il mini iPod rientra in questa logica. Troppa differenza di prezzo e non si può nemmeno ordinare dagli usa.RIPETO CHE IO USO MAC. MI PIACE L'APPLE.Ma non è possibile avere due misure. Un centro di vendite e di distribuzione unico, ma prezzi diversi. Per aumentare il numero di utenti mac, bisogna rivedere la politica di marketing.SE AVESSERO AGGIUNTO SOLO IL 20% DI IVA, AVREI POTUTO ANCHE CAPIRLO, MA VANNO OLTRE...INFINE, CHI PARLA MALE DELLE MIE IDEE (come di chiunque), DEVE ALMENO AVERE IL CORAGGIO DI FIRMARE (di essere iscritto o firmare almeno con un pseudonimo). Altrimenti si nasconde nell'anonimato... IO FIRMO!Qua non si parla chi è meglio, Apple o pc, macosx o winxp. Qua si parla di prezzi e di progetti di aumentare le vendite.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Q88
    Il mininimo, all'interno dell'UE non
    dovrebbe essere di 24 mesi per ogni
    prodotto?Il problema della garanzia di 2 anni prevista dalla normativa non è solo della apple, non capisco perchè continuate a spalare merda su un'azienda che riuscì per prima a portare nelle case delle famiglie i primi computer; famosi sono l'Apple II e il Lisa.(apple)
  • Anonimo scrive:
    SAMSUNG
    Ho la stampante rotta.Ho chiamato il centro assistenza samsung (A PAGAMENTO) che mi ha dato il numero di telefono dell'assistenza stampanti.E' un mese che faccio quel numero ed è sempre muto.W l'assistenza...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    Già... sai cosa non mi convince del tuo tentativo di salvare in corner il "buonnome" di APPLE vs "rivenditore cattivo"? La politica dei centri di assistenza Apple è che una volta che gli hai consegnato la macchina e te l'hanno guardata devi scucire dobloni per riaverla indietro anche se non accetti la riparazione. A quel punto è inutile chiamare "numeri verdi", a meno che non ti facciano un favore " ad personam"Insomma, non ti offendere, ma con le cose messe come le hai descritte non sei credibile...- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ho avuto il tuo stesso problema, il
    centro

    di assistenza consigliatomi nel negozio
    dove

    ho acquistato l'iBook mi negava la

    riparazione in garanzia per il tuo
    stesso

    motivo. Ho telefonato all'Apple Store
    devi

    chiamare prima il 800 554 533, poi loro
    ti

    forniscono un altro numero, mi hanno
    mandato

    il giorno dopo un corriere a casa per

    ritirare l'iBook e dopo una settimana

    è tornato riparato, funzionante
    e non

    ho dovuto pagare niente


    e quindi per finire di chi è la colpa
    dell'inefficienza ?
    del centro assistenza, di apple italia o di
    apple usa? o di chi altro?

    ?!?!?!?!?!
  • Anonimo scrive:
    Re: DELL: ma quando mai?
    - Scritto da: marcolin0
    Verametne quello che avete scritto su DELL
    non è per niente vero, è una
    delle poche che garantisce l'assistenza
    on-site il seguente giorno lavorativo a
    casa, è sufficiente chiamare un
    numero fisso di milano, con i tecnici fare
    diagnosi telefonica e subito si individua il
    pezzo guasto e viene inviato il giorno dopo
    il pezzo (eventualmente col tecnico) a casa.

    Perchè scrivete cose non vere?

    Marcodalla mia esperienza: ho telefonato, si sono venuti a riprendere la macchina. due giorni prima avevo la nuova macchina nuova che ha sostituito la vecchia a causa di problemi elettrici.Il tutto risolto in quattro giorni.non posso dire di essere globalmente soddisfatto di dell in termini di organizzazione (status ordine ridicolo e inaffidabile, commerciali che vanno e vengono, poca documentazione sul sito...), ma per amore di verità questo è quello che è successo a me.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Dall'articolo pare quasi che Apple sia

    un'isola felice, invece non sempre
    è

    così.



    i casi negativi sono talmente pochi che
    statisticamente non offuscano l'immagine
    positiva
    E tu come fai a dirlo che i casi negativi siano"pochi"? Solo perchè ti dà molto fastidio pensare che non sia in realtà così?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Anonimo
    E' come tutte le garanzie. 12 mesi la casa
    madre, 12 mesi il venditore a meno che la
    casa madre non copra tutti i 24 mesiLa apple italia garantisce solamente 12 mesi anche se è lei stessa a rivendere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    E' come tutte le garanzie. 12 mesi la casa madre, 12 mesi il venditore a meno che la casa madre non copra tutti i 24 mesi
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    mai avuto problemi con l'assistenza, se vuoi
    screditare apple in questo modo è
    davvero da x86lusersCerto, qualsiasi esperienza personale che non faccia comodo è da considerasi trollaggio
  • Anonimo scrive:
    ..tutto da ridere...
    leggo sia come rivenditore (che sono) sia da utente finale, l'unica cosa che ho imparato è:informarsi prima dell'acquisto... punto.chiedere a chi ti vende una qualsiasi cosa: come, dove, con chi esercitare il diritto di un'eventuale (sgrat sgrat) rientro in garanzia del prodotto.qualcuno però si sarà dimenticato di un buon metodo per giudicare e valutare l'acquisto di un determinato bene. il rapporto qualità/prezzo...un prezzo basso potrebbe voler dire un prodotto buono.. ma di bassa qualità... sembra un controsenso, un'assurdità.. però basta guardarsi intorno e si comprende subito.un prezzo alto non vuol dire però un ottimo prodotto e un'ottima qualità... dipendequalità: com'è un prodotto, come è fatto, robustezza, eccecc
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Dall'articolo pare quasi che Apple sia
    un'isola felice, invece non sempre è
    così.

    Ho acquistato nel 2003 un IBOOK 800 il cui
    numero di serie rientra perfettamente
    nell''elenco pubblicato sul sito Apple
    relativo all'?Ampliamento del programma di
    estensione della copertura per le
    riparazioni della scheda logica di iBook (18
    giugno 2004)?.

    Premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi (con blocco totale dell'ibook)
    sono esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti del centro
    assistenza al quale ho consegnato l'oggetto,
    a Milano (il centro a cui Apple e tutti gli
    altri fanno riferimento, non un negozietto
    qualsiasi).

    confidando nel detto programma di garanzia:
    premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi poche settimane fa sono
    esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti di PC
    Station nella descrizione del
    malfunzionamento relativo all?ampliamento
    della garanzia.

    Dal centro mi hanno richiamato invece pochi
    giorni fa dicendomi che, anche se il mio
    iBook rientra nel programma, il guasto alla
    scheda logica sarebbe stato in realtà
    causato dalla scheda video (che mi pare sia
    integrata con la scheda logica) e che
    quindi, nel mio caso, l?estensione di
    garanzia non sarebbe applicabile.

    Purtroppo, il costo della riparazione
    ammonta a circa 750 euro, ben al di sopra
    del valore attuale di mercato del mio iBook,
    spesa che forse mi costringerà a
    considerare l?acquisto, per pari cifra o
    appena superiore, di un nuovo notebook
    ovviamente non Apple.

    Insomma, non è tutto Apple quello che
    luccica, se un ex utente windows appena
    convertito si trova davanti l'opposto della
    customer satisfaction,

    Ciao!
    Marco**************Finalmente qualcuno che racconta le magagne dell'assistenza Apple. Sinora io e pochi che le abbiamo sempre denunciate siamo sempre stati accusati di essere dei troll, se on apertamente insultati.Ho avuto un'esperienza esattamente simile alla tua, con un imac nel 2000. Mi avevano prima spedito dalla Apple Italia in un centro di assistenza autorizzato a MI, diagnosticandomi telefonicamente un guasto hardware. Dopo tre gg mi richiamano dal centro ass. chiedendomi 250 mila lire perchè il guasto sarebbe stato "software", senza sapermi dare nessuna convincente spiegazione. Non solo, il tecnico mi ammette pure che potrebbe anche in realtà esserci un qualche broblema alla "scheda analogica" (cioè la circuitazione del monitor). Ovviamente poi il problema si ripresenta dopo qualche settimana e fanno orecchi da mercante sia al centro ALcor, sia alla Apple Italia da me contattata per telefono, raccomandata e fax.. una massa di veri furfanti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple: garanzia negata
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      Dall'articolo pare quasi che Apple sia

      un'isola felice, invece non sempre
      è

      così.



      Ho acquistato nel 2003 un IBOOK 800 il
      cui

      numero di serie rientra perfettamente

      nell''elenco pubblicato sul sito Apple

      relativo all'?Ampliamento del programma
      di

      estensione della copertura per le

      riparazioni della scheda logica di
      iBook (18

      giugno 2004)?.



      Premetto che i sintomi della disfunzione

      manifestatasi (con blocco totale
      dell'ibook)

      sono esattamente quelli segnalati dal
      sito e

      riconosciuti dagli stessi addetti del
      centro

      assistenza al quale ho consegnato
      l'oggetto,

      a Milano (il centro a cui Apple e tutti
      gli

      altri fanno riferimento, non un
      negozietto

      qualsiasi).



      confidando nel detto programma di
      garanzia:

      premetto che i sintomi della disfunzione

      manifestatasi poche settimane fa sono

      esattamente quelli segnalati dal sito e

      riconosciuti dagli stessi addetti di PC

      Station nella descrizione del

      malfunzionamento relativo
      all?ampliamento

      della garanzia.



      Dal centro mi hanno richiamato invece
      pochi

      giorni fa dicendomi che, anche se il mio

      iBook rientra nel programma, il guasto
      alla

      scheda logica sarebbe stato in
      realtà

      causato dalla scheda video (che mi pare
      sia

      integrata con la scheda logica) e che

      quindi, nel mio caso, l?estensione di

      garanzia non sarebbe applicabile.



      Purtroppo, il costo della riparazione

      ammonta a circa 750 euro, ben al di
      sopra

      del valore attuale di mercato del mio
      iBook,

      spesa che forse mi costringerà a

      considerare l?acquisto, per pari cifra o

      appena superiore, di un nuovo notebook

      ovviamente non Apple.



      Insomma, non è tutto Apple
      quello che

      luccica, se un ex utente windows appena

      convertito si trova davanti l'opposto
      della

      customer satisfaction,



      Ciao!

      Marco
      **************

      Finalmente qualcuno che racconta le magagne
      dell'assistenza Apple. Sinora io e pochi che
      le abbiamo sempre denunciate siamo sempre
      stati accusati di essere dei troll, se on
      apertamente insultati.mi ricorda vagamente scientology
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: marcolin0
    - Scritto da: Q88

    Il mininimo, all'interno dell'UE non

    dovrebbe essere di 24 mesi per ogni

    prodotto?

    assolutamente no , quella è la legge
    sul "difetto di conformita", non è
    direttamente legata alla garanzia, ma alla
    segnalazione da parte dell'utente di una
    difformita del prodotto presente al momento
    della consegna, o entro 6 mesi da questaLeggiamo bene cos'è il difetto di conformità. La legge dice, tra le altre cose, cosa si intende per difetto di conformità::"c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore puòragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazionipubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore odal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull'etichettatura;d) sono altresì idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato aconoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbiaaccettato anche per fatti concludenti."Secondo te un computer che si distrugge dopo un anno di utilizzo normale, senza aver ricevuto sbalzi di tensione, urti o altro, presenta la qualità che ragionevolmente il consumatore può aspettarsi, come indicato al punto c? Secondo me no, io sono ancora convinto che un computer debba ragionevolmente durare più di un anno
  • marcolin0 scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Q88
    Il mininimo, all'interno dell'UE non
    dovrebbe essere di 24 mesi per ogni
    prodotto?assolutamente no , quella è la legge sul "difetto di conformita", non è direttamente legata alla garanzia, ma alla segnalazione da parte dell'utente di una difformita del prodotto presente al momento della consegna, o entro 6 mesi da questa
  • Anonimo scrive:
    Re: Pc come elettrodomestici ?
    - Scritto da: Anonimo
    comperati nei grandi ipermercati a scatola
    chiusa?

    ... cakki vostri !!!!!!!!!!!!!!!!!!quoto, il gusto di assembrasi un PC è impagabile
  • Anonimo scrive:
    Re: articolo di parte...
    - Scritto da: sammily76

    - Scritto da: Anonimo

    scusatemi... ma a me questo articolo mi

    sembra un po' di parte e mi sa di

    pubblicità occulta... ma neanche

    tanto.....

    Se tu volessi essere più esplicito
    te ne saremmo tutti grati.PI tifa apple
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Dall'articolo pare quasi che Apple sia
    un'isola felice, invece non sempre è
    così.

    Ho acquistato nel 2003 un IBOOK 800 il cui
    numero di serie rientra perfettamente
    nell''elenco pubblicato sul sito Apple
    relativo all'?Ampliamento del programma di
    estensione della copertura per le
    riparazioni della scheda logica di iBook (18
    giugno 2004)?.

    Premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi (con blocco totale dell'ibook)
    sono esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti del centro
    assistenza al quale ho consegnato l'oggetto,
    a Milano (il centro a cui Apple e tutti gli
    altri fanno riferimento, non un negozietto
    qualsiasi).

    confidando nel detto programma di garanzia:
    premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi poche settimane fa sono
    esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti di PC
    Station nella descrizione del
    malfunzionamento relativo all?ampliamento
    della garanzia.

    Dal centro mi hanno richiamato invece pochi
    giorni fa dicendomi che, anche se il mio
    iBook rientra nel programma, il guasto alla
    scheda logica sarebbe stato in realtà
    causato dalla scheda video (che mi pare sia
    integrata con la scheda logica) e che
    quindi, nel mio caso, l?estensione di
    garanzia non sarebbe applicabile.

    Purtroppo, il costo della riparazione
    ammonta a circa 750 euro, ben al di sopra
    del valore attuale di mercato del mio iBook,
    spesa che forse mi costringerà a
    considerare l?acquisto, per pari cifra o
    appena superiore, di un nuovo notebook
    ovviamente non Apple.

    Insomma, non è tutto Apple quello che
    luccica, se un ex utente windows appena
    convertito si trova davanti l'opposto della
    customer satisfaction,

    Ciao!
    Marcomai avuto problemi con l'assistenza, se vuoi screditare apple in questo modo è davvero da x86lusers
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè la garanzia APPLE dura 12 mes
    - Scritto da: Q88
    Il mininimo, all'interno dell'UE non
    dovrebbe essere di 24 mesi per ogni
    prodotto?In realtà sono 12 + 12 mesi, comunque anche a me non sembra legale quanto offre appleitalia
  • marcolin0 scrive:
    DELL: ma quando mai?
    Verametne quello che avete scritto su DELL non è per niente vero, è una delle poche che garantisce l'assistenza on-site il seguente giorno lavorativo a casa, è sufficiente chiamare un numero fisso di milano, con i tecnici fare diagnosi telefonica e subito si individua il pezzo guasto e viene inviato il giorno dopo il pezzo (eventualmente col tecnico) a casa.Perchè scrivete cose non vere?Marco
  • Anonimo scrive:
    Re: Le eccezioni esistono
    oddio netgear... cercate un pò "dg632" su google e vedrete un sacco di cose da leggere sulla "qualità" dell netgear...sigh, 80? buttati...
  • Anonimo scrive:
    Re: finchè la gente guarda solo il prezz
    - Scritto da: Diablo
    quanto tu affermi è in gran parte
    vero.....

    MA!

    Purtroppo se compri alla GDO la garanzia la
    fa ilo produttore e non chi te lo ha venduto
    (GDO).

    Un'ultima cosa......con l'assistenza ci si
    guadagnava bene una volta, e ci si guardava
    bene dal farla male.

    Adesso che l'assistenza nessuno la vuole
    pagare abbiamo che il cliente si deve
    ARRANGIARE.

    Se paghi l'assistenza allora ce l'hai eccome
    se invece scegli la GDO......

    non è giusto ma è così
    mica lo ho deciso io, lo ha deciso il
    mercato e soprattutto le grandi case di PC.

    sui pixel bruciati ti do ragione al
    100%.....è una ladrata.Scusami ma a mio avviso è una stupidata, le leggi ci sono punto...e vanno rispettate, nel prezzo di acquisto c'è il diritto all'assistenza di due anni e tanto devono darmi.
    • Anonimo scrive:
      Re: finchè la gente guarda solo il prezz
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Diablo

      quanto tu affermi è in gran parte

      vero.....



      MA!



      Purtroppo se compri alla GDO la
      garanzia la

      fa ilo produttore e non chi te lo ha
      venduto

      (GDO).



      Un'ultima cosa......con l'assistenza ci
      si

      guadagnava bene una volta, e ci si
      guardava

      bene dal farla male.



      Adesso che l'assistenza nessuno la vuole

      pagare abbiamo che il cliente si deve

      ARRANGIARE.



      Se paghi l'assistenza allora ce l'hai
      eccome

      se invece scegli la GDO......



      non è giusto ma è
      così

      mica lo ho deciso io, lo ha deciso il

      mercato e soprattutto le grandi case di
      PC.



      sui pixel bruciati ti do ragione al

      100%.....è una ladrata.


      Scusami ma a mio avviso è una
      stupidata, le leggi ci sono punto...e vanno
      rispettate, nel prezzo di acquisto
      c'è il diritto all'assistenza di due
      anni e tanto devono darmi.e perchè allora qualcuno la vende?sono tutti ladri o deficienti?sono pronto ad abbeverarmi al pozzo del tuo sapere
      • Anonimo scrive:
        Re: finchè la gente guarda solo il prezz


        Scusami ma a mio avviso è una

        stupidata, le leggi ci sono punto...e
        vanno

        rispettate, nel prezzo di acquisto

        c'è il diritto all'assistenza di
        due

        anni e tanto devono darmi.si, certo, poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata...a proposito, dimmi dove ti danno l'ASSISTENZA come DIRITTO compreso nel rpezzo di un GDO o anche di un negoziante... vado subito, mi ci fiondo...p.s. cmq. la GARANZIA è diversa dall'ASSISTENZA. anche il dizionario lo dice...
    • Anonimo scrive:
      Re: finchè la gente guarda solo il prezz
      - Scritto da: Anonimo
      Scusami ma a mio avviso è una
      stupidata, le leggi ci sono punto...e vanno
      rispettate, nel prezzo di acquisto
      c'è il diritto all'assistenza di due
      anni e tanto devono darmi.Il diritto all'Assistenza non e' mai previsto, se non richiestoe ovviamente pagato.C'e' il diritto di Garanzia per 2 anni, che e' ben altra cosa.Se poi ti si folgora un prodotto dopo i primi 6 mesi e'Tuo ed esclusivamente Tuo l'onere di dimostrare che ilprodotto si e' guastato perche' aveva un difetto latentedall'origine.Ergo e' sempre meglio affidarsi a Negozi/Laboratoricompetenti e seri quando c'e' la necessita di acquistareprodotti con tecnologie delicate come lo sono i prodottiinformatici.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Ho avuto il tuo stesso problema, il centro
    di assistenza consigliatomi nel negozio dove
    ho acquistato l'iBook mi negava la
    riparazione in garanzia per il tuo stesso
    motivo. Ho telefonato all'Apple Store devi
    chiamare prima il 800 554 533, poi loro ti
    forniscono un altro numero, mi hanno mandato
    il giorno dopo un corriere a casa per
    ritirare l'iBook e dopo una settimana
    è tornato riparato, funzionante e non
    ho dovuto pagare nientee quindi per finire di chi è la colpa dell'inefficienza ?del centro assistenza, di apple italia o di apple usa? o di chi altro??!?!?!?!?!
  • Anonimo scrive:
    Re: chiudere i negozini
    Non sono d'accordo.Se non fosse per il negozino, io adesso sarei senza PC da una settimana http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906222Oltre tutto, sempre lo stesso negozino, si era smazzato il tira e molla alla consegna, quando ho aspettato una PC a catalogo per piu' di un mese (wellcome non mi rivedra' mai piu').E per i centri commerciali peggio che andar di notte http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=906228
  • Anonimo scrive:
    Re: DELL
    infatti non vedo che ci sia di cosi' difficile nell'assistenza dell.se uno non sa fare 2 click spero almeno sappia leggere il tag sull'etichetta e comporre un numero di telefono.vabbe', non hanno un numero verde, ma piuttosto di stare mezzora al telefono a sentire musichine e/o parlare con gente incompetente preferisco pagare la chiamata e magari risolvere la faccenda per telefono con dei veri tecnici.la mia esperienza personale con un notebook e' stata, dopo aver individuato il problema telefonicamente, la sostituzione della motherboard in poco meno di 24h on-site.
  • Q88 scrive:
    Perchè la garanzia APPLE dura 12 mesi???
    Il mininimo, all'interno dell'UE non dovrebbe essere di 24 mesi per ogni prodotto?
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo

    ovviamente poi se avrai problemi con
    altri produttori
    ovviamente cambierai di
    nuovo fino a quando ovviamente
    non
    saprei dove sbattere la testa....ovviamente

    Ovviamente avrà risparmiato qualche
    centinaio di euro, visto che anche gli apple
    si rompono, e sarà sempre peggio con
    l'aumentare delle fette di mercato
    conquistate dai signori di cupertino...
    ovviamente solo se non gli si romperà nulla altrimenti ovviamente ne spendera ancora di più per l'ulteriore riaprazione....sempre ovviamente e sempre che la matematica non sia un opinione....ovviamentee ovviamente le parti di mercato non sono la causa diretta...ma solo l'effetto dell'aumento delle vendite. A maggior domanda serve maggior offerta, una + grande produzione e il ricorso a produttori/assemblatori spesso non impeccabili nella qualità...da cui le partite difettate....ecc
    Io lavoro con entrambi.e?
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperienza personale
    Non è fortuna: per mia esperienza DELL è uno dei pochi che ha un servizio di assistenza eccezionale: diagnosi online, assistenza telefonica, tempi di risposta e di consegna sono sempre sopra la media.Da qualche anno per il parco macchine della ditta in cui lavoro hanno lasciato ogni altro produttore o rivenditore per DELL.
  • Anonimo scrive:
    Esperienza personale
    Credo di essere uno dei pochi fortunati che non possono lamentarsi dell'assistenza.Nel gennaio del 2003 compro un notebook dell Dell, era la prima volta che compravo da internet e potete capire la mia paura.Dopo 6 mesi il monitor va a farsi benedire. Comincio ad "imprecare" (eufemismo) all'idea del mazzo che avrei dovuto fare per far ripare il pc. Già immaginavo ore passate al telefono spiegando il problema, lamentandomi con questo o quel tipo dell'altra parte a cui non frega assolutamente nulla del mio problema.Beh, per non farla troppo lunga è andata cosi:1) chiamo la mattina del giorno X, e mi dicono che l'indomani sarebbe passato il corriere a prendere il pc (fra me e me ridevo)2) Il giorno X+1 passa il corriere3) il giorno X+4 avevo a casa il pc riparato che fortunatamente funzia (sgratsgrat) ancora!Mi ritengo fortunato, ma non posso lamentarmi! ;)
  • Anonimo scrive:
    il cliente, e la licenza di rompere i c.
    Il cliente ha sempre ragione?In questo settore, sempre meno spesso. Anzi, quasi mai.La nostra esperienza di rivenditori:- nel corso del 2004, 732 clienti si sono presentati al banco lamentando "questa supercazzola prematurata che ho comprato ieri/l'altroieri/tre mesi fa non funziona, ho diritto a due anni di garanzia, e pretendo che mi venga cambiata".Inizialmente, si cambiava senza fiatare.Poi ci siamo resi conto di un fenomeno, ed abbiamo cominciato a fare un po' di statistiche:Delle 732 richieste del 2004 di "sostituzione in garanzia":- 125 sono risultate fondate; l'oggetto effettivamente non funzionava- 540 (!!!) sono risultate infondate: l'oggetto funzionava perfettamente, ma il cliente non aveva saputo installarlo, o non aveva capito a cosa serviva, o non aveva neppure letto le istruzioni, o cercava di installarlo su un PC che non avrebbe mai potuto farlo funzionare (es. stampante USB cercata di installare su un PC con Win 95...)- per 42 invece si trattava di eventi esterni, non riconducibili alla garanzia (es. modem esploso per evidente sovratensione sulla linea telefonica)- per 19 l'oggetto risultava pesantemente manomesso- 6, infine, hanno cercato di rifilarci prodotti o con garanzia scaduta (ovvero: acquistano oggi una supercazzola, e si ripresentano domani lamentando che non funziona... solo che ci riportano la supercazzola acquistata due anni prima!!! questo, soprattutto con cartucce ink jet) o acquistati da altre partiCome abbiamo risolto?Adesso noi non cambiamo più nulla senza discutere: pretendiamo sempre di testatre il materiale in laboratorio. Dopo che il laboratorio ha visto e testato il materiale, eventualmente lo sostituiamo.E se il materiale risulta funzionante, addebitiamo al cliente le spese di diagnosi.E quando il cliente si presenta per consegnarci qualcosa per "riparazione in garanzia", gli facciamo ben presente un tanto, e gli chiediamo se ha fatto ben attenzione nell'installazione, se ha letto le istruzioni, ecc. ecc.Risultato ?Le "richieste di sostituzione in garanzia" sono crollate in meno due mesi del 75%...Ciao Archi
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    - Scritto da: The_GEZ
    Ciao DarkDirtyDwarf !ehm, ciao!

    Se i margini sono nulli, perche' non hai

    iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????

    Quello che mi sono sempre chiesto pure io ...A ecco! Mi sembrava strano il contrario
    Sento parlare a desre e a manca di gente che
    lavora gratis o addirittura in perdita ....
    Risposte :
    1) Sono tutti santi
    2) Sono ballisti
    A voi la scelta, io non mi esprimo.Se sono ricercatori italiani come me allora sono santi (lo facciamo per la gloria, anche se questa non arrivera' mai) gli altri sono ballisti.In ogni caso e' innegabile che l'Italia e' in una grave crisi e che presto o tardi il crack ci sara'.I problemi di assistenza sono solo uno dei tanti problemi di un sistema che non funziona e' non puo' piu' funzionare, non in questo modo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?

      n ogni caso e' innegabile che l'Italia e' in una grave crisi e che
      presto o tardi il crack ci sara'.che cosa vuoi dire con questo ? spiegati bene, per favore....
  • Diablo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    a volte nelle cose bisogna sbatterci il naso.......comunque: non vendete pc! non ci si guadagna niente, non conviene, oppure selezionate la clientela e fate loro capire che oltre al prezzo esiste un servizio e la disponibilità di persone competenti!
    • fasibia scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?

      comunque: non vendete pc! non ci si guadagna
      niente, non conviene, oppure selezionate la
      clientela e fate loro capire che oltre al
      prezzo esiste un servizio e la
      disponibilità di persone competenti!Il problema è che non basta più muovere scatole.Aprire un negozietto per vendere pc e basta, con i margini di oggi, è pura utopia.I migliori negozianti che conoscono offrono servizi aggiuntivi quali:-installazione reti di piccole dimensioni, cablate o wireless,-assistenza extra con abbonamenti annuali per piccole aziende (posta elettronica, antivirus ecc.)-corsi di alfabetizzazione informaticaecc. ecc.il pc serve ad entrare. Il negozio diventa il punto di riferimento del cliente, il negoziante fornisce servizi direttamente o servendosi di collaboratori esterni.I margini arrivano, i pc fanno il volume, l'offerta fa entrare la gente. Chiaramente gli stessi negozianti di cui parlo risolvono velocemente i problemi post-vendita, in qualche caso rimettendoci per evitare di perdere il cliente e, per passaparola, altri potenziali clienti.E' il valore aggiunto del negozio sulla grande distribuzione la soluzione alla crisi del settore.
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        - Scritto da: fasibia
        E' il valore aggiunto del negozio sulla
        grande distribuzione la soluzione alla crisi
        del settore.Hai riassunto nel modo migliore l'unica soluzione attuabile.Ma deve essere chiaro che non tutti sono alla portata di quel valore aggiunto; non tutti si possono salvare insomma.
        • fasibia scrive:
          Re: Di chi e' la colpa ?
          - Scritto da: DarkDirtyDwarf
          Ma deve essere chiaro che non tutti sono
          alla portata di quel valore aggiunto; non
          tutti si possono salvare insomma.Non tutti, nemmeno tanti aggiungo.Dei tanti che ho visto in questi anni, diciamo uno su 4 al massimo ce la può fare. Non che già lo faccia, intendo che abbia i numeri per farlo..
      • The_GEZ scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Ciao fasibia !
        -installazione reti di piccole dimensioni,
        cablate o wireless,
        -assistenza extra con abbonamenti annuali
        per piccole aziende (posta elettronica,
        antivirus ecc.)
        -corsi di alfabetizzazione informatica
        ecc. ecc.Ma la questione è LO SANNO FARE ?Configurare una rete vuole dire sapere una enorme quantità di nozioni che il 90% dielle persone qui descritte non conoscono, se per configurare una rete uso il wizard di windows e tutto va per il verso giusto la rete si configura da sola ... ma se qualcosa va storto ?Se nella mia rete ci sono macchine non-windows ?L' iformatica "consumer" sarà anche nata in un garage, ma ormai da quel grage ne è uscita da tempo e non basta più essere semplici "smanettoni" ....
        • fasibia scrive:
          Re: Di chi e' la colpa ?

          Ma la questione è LO SANNO FARE ?
          Configurare una rete vuole dire sapere una
          enorme quantità di nozioni che il 90%
          dielle persone qui descritte non conoscono,Ti porto un piccolo esempio. Porti la tua ragazza a parigi per un week-end romantico. Prenoti volo e albergo, per il resto sai poco e niente.Arrivi alle 11.30 in albergo e, come prima cosa, ti preoccupi del pranzo. Chiedi all'albergatore un consiglio.Lui ti prenota un tavolo e tu, tutto contento, vai a pranzo.In qualche caso il consiglio è disinteressato. Per esperienza ti dico che spesso l'albergatore è anche proprietario di almeno uno dei ristoranti che ti consiglia (non te ne fa segreto).Oppure il portiere dell'albergo prende un tot a coperto dal ristorante. Succede sempre, con taxi, prodotti tipici, ristoranti, bar ecc..Succede perché l'albergo è il tuo punto di riferimento in una città sconosciuta, e se non è in grado di darti le risposte che cerchi ci rimani pure male.Una buonissima parte di persone che acquista un pc in un negozio, se trova di fronte a se un negoziante sveglio, lo elegge a guru informatico.Mi serve un sito internet: a chi lo chiedo? Al negoziante, magari sa dove mandarmi.Una rete per un ufficio, una piccola azienda, un negozietto. Non è detto che debba fare tutto lui, può gestire del personale e fatturare lui, o ricevere commissioni (non parlo di nero) legittime su un lavoro procurato ad altri.Se è in grado di gestire una rete lui stesso, poi, ti assicuro che i produttori organizzoano di continuo minicorsi (ovviamente) gratuiti per formare installatori di una precisa famiglia di router, o di switch ecc. Di solito sono organizzati dai produttori in associazione coi distributori.Tutto il mio discorso è frutto di esperienza diretta, a ogni nome generico che ho dato nella mia mente corrisponde un nome reale.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori

    Ti quoto. E' successo come con i pub.
    Ragazzi che sapevano solo bere e tirar tardi
    hanno deciso di diventare imprenditori
    aprendo pub e locali. A qualcuno è
    andata bene, per il resto è stato un
    massacro. Hai colto perfettamente il messaggio.
    Sopravvivono i più svegli, per gli altri pazienza..Esattamente.Purtroppo in Italia e' ancora diffuso il concetto di lavoro sicuro e gli "imprenditori" italiani non si rendono nemmeno conto che essere Imprenditore significa per definizione NON avere un lavoro sicuro.
    • The_GEZ scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      Ciao DarkDirtyDwarf !

      Ti quoto. E' successo come con i pub.

      Ragazzi che sapevano solo bere e tirar
      tardi

      hanno deciso di diventare imprenditori

      aprendo pub e locali. A qualcuno
      è

      andata bene, per il resto è
      stato un

      massacro.

      Hai colto perfettamente il messaggio.Finalmente un discorso che ha un capo ed una coda.Sono' perfettamente d'accordo con voi.
      Purtroppo in Italia e' ancora diffuso il
      concetto di lavoro sicuro e gli
      "imprenditori" italiani non si rendono
      nemmeno conto che essere Imprenditore
      significa per definizione NON avere un
      lavoro sicuro.Figurati poi quello del dipendente, che si vede diminuire il valore dello stipendio giorno dopo giorno .... senza poterci fare assolutamente nulla perche secondo la ditta prende sempre la stessa cifra, e come dargli torto ...Adesso aumenteranno le tasse sui carburanti (meno tasse per tutti, cribbio ...) e chi le pagherà, secondo il governo ed i telegionali all' unisono le compagnie petrolifere, sarà sicuramente cosi !
      • castigo scrive:
        Re: Parliamo dei rivenditori
        - Scritto da: The_GEZ
        Ciao DarkDirtyDwarf !



        Ti quoto. E' successo come con i
        pub.


        Ragazzi che sapevano solo bere e
        tirar

        tardi


        hanno deciso di diventare
        imprenditori


        aprendo pub e locali. A qualcuno

        è


        andata bene, per il resto è

        stato un


        massacro.



        Hai colto perfettamente il messaggio.

        Finalmente un discorso che ha un capo ed una
        coda.
        Sono' perfettamente d'accordo con voi.


        Purtroppo in Italia e' ancora diffuso il

        concetto di lavoro sicuro e gli

        "imprenditori" italiani non si rendono

        nemmeno conto che essere Imprenditore

        significa per definizione NON avere un

        lavoro sicuro.

        Figurati poi quello del dipendente, che si
        vede diminuire il valore dello stipendio
        giorno dopo giorno .... senza poterci fare
        assolutamente nulla perche secondo la ditta
        prende sempre la stessa cifra, e come dargli
        torto ...

        Adesso aumenteranno le tasse sui carburanti
        (meno tasse per tutti, cribbio ...) e chi le
        pagherà, secondo il governo ed i
        telegionali all' unisono le compagnie
        petrolifere, sarà sicuramente cosi !è OT, ma chiariscimi una cosa per favore, che non ci sto capendo più nulla.il petrolio si paga in dollari.noi compriamo i dollari che ci servono per pagare il petrolio con l'euro.l'euro vale il 30% più del dollaro.la benzina e il gasolio aumentano.sbaglio o c'è qualcosa che NON torna??
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata

    ovviamente poi se avrai problemi con altri produttori
    ovviamente cambierai di nuovo fino a quando ovviamente
    non saprei dove sbattere la testa....ovviamenteOvviamente avrà risparmiato qualche centinaio di euro, visto che anche gli apple si rompono, e sarà sempre peggio con l'aumentare delle fette di mercato conquistate dai signori di cupertino...Io lavoro con entrambi.
  • Anonimo scrive:
    Stessa cosa con next computer nexths.it
    Non mi hanno sostituito il processore dopo 8 mesi perche "il core e' graffiato.. llo ha rotto lei " , certo forse qunado lo ho smontato perche' si era bruciato..MAi piu da loro.Pcgen invece si e' dimostrata molto piu seria sostituendomi una MB che si bloccava con xp , con una nuova versione, dopo 3 mesi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    Ho avuto il tuo stesso problema, il centro di assistenza consigliatomi nel negozio dove ho acquistato l'iBook mi negava la riparazione in garanzia per il tuo stesso motivo. Ho telefonato all'Apple Store devi chiamare prima il 800 554 533, poi loro ti forniscono un altro numero, mi hanno mandato il giorno dopo un corriere a casa per ritirare l'iBook e dopo una settimana è tornato riparato, funzionante e non ho dovuto pagare niente
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: chiudere i negozini


    chiusura dei negozini che

    vendono a prezzi ridicolmente bassi e la

    vendita diretta dei produttori, che possono

    allestire strutture per affrontare questi

    problemi: vedi dell acer apple hp.

    altrimenti questa situazione non

    cambierà mai.Non diciamo fesserie.Se i pezzi si venfono a "prezzi ridicolmente bassi" e' perche' ci sono troppi operatori nel settore.Se si vogliono prezzi piu' altri, bisogna che qualcuno fallisca, ci sia meno offerta e quindi il prezzo salga.Ma visto che si tagliano i costi ad esempio dell'assistenza e che il cliente non ha il potere di cambiare lo stato delle cose, i prezzi saranno sempre ridicolmente bassi e l'assistenza inesistente.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI
    Per la cronaca, un centro commerciale di Udine ha un contratto con un "riparatore" che viene pagato un tot forfettario al mese .Quest'ultimo, per avere un margine maggiore, nega l'assistenza su molti guasti.E la cosa pietosa e' che al centro commerciale di questa cosa non gliene frega nulla.Basta avere un riparatore sulla carta.Squallido.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    - Scritto da: The_GEZ
    Ciao Diablo !


    e allora alziamo sti ca@@o di prezzi al

    cliente!

    INCOMINCIAMO AD ADDEBITARE I FERMI MACCHINA
    AI VENDITORI !!!!!!!!!!!!!!!!!!Altro discorso spinoso.Due mesi per riavere una macchina (dopo che l'ho comprata da neanche una settimana) e' semplicemente ridicolo.
  • Anonimo scrive:
    Re: articolo di parte...
    - Scritto da: Anonimo
    scusatemi... ma a me questo articolo mi
    sembra un po' di parte e mi sa di
    pubblicità occulta... ma neanche
    tanto..... Se tu volessi essere più esplicito te ne saremmo tutti grati.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Negozio di fiducia
    - Scritto da: Anonimo
    (chiaramente se il negoziante è onesto) Se manca la fiducia nel negoziante allora lo stesso e' meglio che si dia all'ippica.Troppo spesso siamo costretti a "cercare il negoziante onesto" in un mare di "furbi" (avrei molti altri epiteti). E in questo stato di cose e' ovvio che il cliente sia insofferente e PRETENDA quello che gli spetta.I discorsi sui margini di profitto non valgono un fico secco in questo contesto.Se il negoziante non e' in grado di garantire quello che e' previsto per legge, allora non deve fare il negoziante.Se non paga l'affitto del locale cosa credete, che il negoziante puo' permettersi di fare il furbo? Lo sbattono fuori.E cosi' deve essere in termini di mercato. Non guadagni abbastanza per fare l'assistenza? Cambia lavoro.E che cavolo! E' ora di finirla di far gravare tutti i problemi sul cliente!
    • Anonimo scrive:
      Re: Negozio di fiducia
      - Scritto da: DarkDirtyDwarf

      - Scritto da: Anonimo

      (chiaramente se il negoziante è
      onesto)

      Se manca la fiducia nel negoziante allora lo
      stesso e' meglio che si dia all'ippica.
      Troppo spesso siamo costretti a "cercare il
      negoziante onesto" in un mare di "furbi"
      (avrei molti altri epiteti). E in questo
      stato di cose e' ovvio che il cliente sia
      insofferente e PRETENDA quello che gli
      spetta.
      I discorsi sui margini di profitto non
      valgono un fico secco in questo contesto.
      Se il negoziante non e' in grado di
      garantire quello che e' previsto per legge,
      allora non deve fare il negoziante.
      Se non paga l'affitto del locale cosa
      credete, che il negoziante puo' permettersi
      di fare il furbo? Lo sbattono fuori.
      E cosi' deve essere in termini di mercato.
      Non guadagni abbastanza per fare
      l'assistenza? Cambia lavoro.
      E che cavolo! E' ora di finirla di far
      gravare tutti i problemi sul cliente!Ai bottegai che meritano faccio il servizio di pubblicità negativa. Gratuitamente;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Negozio di fiducia
      - Scritto da: DarkDirtyDwarf

      - Scritto da: Anonimo

      (chiaramente se il negoziante è
      onesto)

      Se manca la fiducia nel negoziante allora lo
      stesso e' meglio che si dia all'ippica.
      Troppo spesso siamo costretti a "cercare il
      negoziante onesto" in un mare di "furbi"
      (avrei molti altri epiteti). E in questo
      stato di cose e' ovvio che il cliente sia
      insofferente e PRETENDA quello che gli
      spetta.
      I discorsi sui margini di profitto non
      valgono un fico secco in questo contesto.
      Se il negoziante non e' in grado di
      garantire quello che e' previsto per legge,
      allora non deve fare il negoziante.
      Se non paga l'affitto del locale cosa
      credete, che il negoziante puo' permettersi
      di fare il furbo? Lo sbattono fuori.
      E cosi' deve essere in termini di mercato.
      Non guadagni abbastanza per fare
      l'assistenza? Cambia lavoro.
      E che cavolo! E' ora di finirla di far
      gravare tutti i problemi sul cliente!Questa è la mia esperienza con un negozio della catena di Computer Discount.Alcuni anni fa comprai una stampante a getto di inchiostro (al momento non ricordo la marca). La collego alla parallela, quindi alla corrente e la accendo: niente, morta, defunta.Tra me e me esclamo "E che c[BEEP]zo non è possibile che sia cosi rintronato". Ricontrollo il manuale e comincio ad essere pervaso da una orrenda certezza: la stampante ... ARRRRGH!!!!Riimpacchetto tutto, prendo lo scontrino e mi ripresento al negozio. Al commesso (lo stesso che mi aveva venduto ieri) gli dico che la stampante non funge. Il tizio mi dice che non me la puo cambiare: questo è lo scontrino, questa è la stampante e se non mi risolvi il problema ti mando i canarini nel tuo bel negozietto che magari ti danno anche una bella lezione di vita.Il tipo verifica la stampante e si convince che in effetti aveva un problema. Allora ne prende un altra dal magazzino e me la consegna. Ed io: "Ti spiace se la proviamo? Non mi va di scarrozzarmela fino a casa per scoprire che non funziona come quell'altra. Grazie". Il commesso, strano ma vero, mi accontenta e, SORPRESA!!! Manco quella funzionava. Idem per la terza e la quarta."Vabbè ripresentati tra 4 giorni che te la faccio arrivare dal magazzino centrale". La stampante arrivò dopo due settimaneUn mio amico, per un problema simile ma altrove, dovette sporgere denuncia dai canarini.
  • The_GEZ scrive:
    Re: finchè la gente guarda solo il prezz
    Ciao Diablo !
    E allora di chi è la colpa?
    Di tutti!NO !La colpa è solo, esclusivamente, totalmente, asslutamente, integralmente, simpaticamente, idraulicamente, geologiamente e disacerbatamente di chi mi ha venduto quello che ho comperato.Punto e basta.
    Di chi a furia di calare le braghe sui[...]
    dei cliente che guardano solo al portafoglio
    e non alla qualità e al servizio,
    della carente cultura informatica del popolo
    italiano che non distingue una radeon 8700
    da una x850 ma conosce tutti i dettagli
    tecnici delle automobili (e a volte crede di
    conoscerli). NON ME NE IMPORTA UN FICO SECCO !!!!Ho pagato quanto pattuito ? SI.E allora mi dai tutte le garanzie del caso.Quello che so io è che quello che ho comperato non funziona ed io non sono soddisfatto quello che c'e' prima del mio acquisto per me sono solo tre cose :PALLE !PALLE !PALLE !Il fatto è che qui in Italia (all' estero non so ...) il cliente è solo un soggetto pagante, esaurita questa funzione e solo un fastidio, del quale non vale la pena preoccuparsi.E questo non vale solo per i prodotti tecnologici e/o informatici ma qper qualunque cosa (ogni riferimento a trenitalia ed alla recente "carta del viaggiatore" è puramente voluto).Finchè non si faranno rispettare molte norme che già ci sono la situazione non cambierà.Tanto per citare un' altra colossale baggianata:Perchè io mi devo tenere e pagare 3000Euro per un portatile con dei bei pixel bruciati sullo schermo (magari pure di quel berde acceso ...) solo perchè i produttori hanno deciso che è una "tolleranza" TOLLERANZA ????!!!Truffa legalizzata, un prodotto scadente è un prodotto scadente punto e basta ! E non esite una sola ragione nell' universo conosciuto per cui debba essere lecito venderlo come nuovo ed in perfette condizioni (leggi a prezzo pieno).
    • Diablo scrive:
      Re: finchè la gente guarda solo il prezz
      quanto tu affermi è in gran parte vero.....MA!Purtroppo se compri alla GDO la garanzia la fa ilo produttore e non chi te lo ha venduto (GDO).Un'ultima cosa......con l'assistenza ci si guadagnava bene una volta, e ci si guardava bene dal farla male.Adesso che l'assistenza nessuno la vuole pagare abbiamo che il cliente si deve ARRANGIARE.Se paghi l'assistenza allora ce l'hai eccome se invece scegli la GDO......non è giusto ma è così mica lo ho deciso io, lo ha deciso il mercato e soprattutto le grandi case di PC.sui pixel bruciati ti do ragione al 100%.....è una ladrata.
    • Anonimo scrive:
      Re: finchè la gente guarda solo il prezz

      Tanto per citare un' altra colossale baggianata:
      Perchè io mi devo tenere e pagare 3000Euro per un
      portatile con dei bei pixel bruciati sullo
      schermo (magari pure di quel berde acceso ...)
      solo perchè i produttori hanno deciso che è una
      "tolleranza"
      TOLLERANZA ????!!!
      Truffa legalizzata, un prodotto scadente è un
      prodotto scadente punto e basta ! E non esite una
      sola ragione nell' universo conosciuto per cui
      debba essere lecito venderlo come nuovo ed in
      perfette condizioni (leggi a prezzo pieno).Verissimo e sacrosanto, ho un lcd lg con uno ( ma forse due , dovrei guardare bene) pixel verdi e non c'è niente da fare: sono troppo pochi o messi in posizione "non critica" quindi tollerabili. Il monitor in questione l'ho pagato "solo" (mi pare di essere montezemolo che ironizza sulle magliette) 600 euri ma forse il vantaggio di aver speso così tanto è che almeno questi pixel tornano normali in presenza di una certa quantità di calore (ovviamente se sollecitati con la solita ditata).
  • Anonimo scrive:
    articolo di parte...
    scusatemi... ma a me questo articolo mi sembra un po' di parte e mi sa di pubblicità occulta... ma neanche tanto.....
  • Anonimo scrive:
    MA le grandi case lo sanno che ..
    i loro prodotti sono acuistati da persone che "ne capiscono di informatica " e che le notizie delle loro magagne volano in fretta su internet.Io ad esmpio non compro piu prodotti della :SONY SAMSUNGASUS ACER.se qualcuno vol aggiungere qualche altra casa faccia pure.ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    Dall'articolo pare quasi che Apple sia
    un'isola felice, invece non sempre è
    così.
    i casi negativi sono talmente pochi che statisticamente non offuscano l'immagine positiva
    Ho acquistato nel 2003 un IBOOK 800 il cui
    numero di serie rientra perfettamente
    nell''elenco pubblicato sul sito Apple
    relativo all'?Ampliamento del programma di
    estensione della copertura per le
    riparazioni della scheda logica di iBook (18
    giugno 2004)?.

    Premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi (con blocco totale dell'ibook)
    sono esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti del centro
    assistenza al quale ho consegnato l'oggetto,
    a Milano (il centro a cui Apple e tutti gli
    altri fanno riferimento, non un negozietto
    qualsiasi).

    confidando nel detto programma di garanzia:
    premetto che i sintomi della disfunzione
    manifestatasi poche settimane fa sono
    esattamente quelli segnalati dal sito e
    riconosciuti dagli stessi addetti di PC
    Station nella descrizione del
    malfunzionamento relativo all?ampliamento
    della garanzia.
    ma PC station è il centro assistenza apple?
    Dal centro mi hanno richiamato invece pochi
    giorni fa dicendomi che, anche se il mio
    iBook rientra nel programma, il guasto alla
    scheda logica sarebbe stato in realtà
    causato dalla scheda video (che mi pare sia
    integrata con la scheda logica) e che
    quindi, nel mio caso, l?estensione di
    garanzia non sarebbe applicabile.

    Purtroppo, il costo della riparazione
    ammonta a circa 750 euro, ben al di sopra
    del valore attuale di mercato del mio iBook,
    spesa che forse mi costringerà a
    considerare l?acquisto, per pari cifra o
    appena superiore, di un nuovo notebook
    ovviamente non Apple.
    ovviamente poi se avrai problemi con altri produttori ovviamente cambierai di nuovo fino a quando ovviamente non saprei dove sbattere la testa....ovviamente
    Insomma, non è tutto Apple quello che
    luccica, se un ex utente windows appena
    convertito si trova davanti l'opposto della
    customer satisfaction,
    certo e come te ci sono tanti altri soddisfatti e tanti altri non soddisfatti di altri produttori...quindi non comperiamo + nulla?
    Ciao!
    Marcomah
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    - Scritto da: Anonimo
    ti diranno che sei un troll. scommetti ?LUI NO MA TU SI!
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    - Scritto da: Anonimo
    il cliente finale vuole solo due cose: il prezzo più basso e il
    rivenditore al suo servizio, pronto a sostituirgli subito Nel contratto che il cliente stipula con il rivenditore e' prevista l'assistenza; il prezzo piu' basso uno lo cerca facendo il giro dei rivenditori.I problemi dei rivenditori sono solo loro. Se non e' conveniente farlo, ci saranno meno rivenditori. Legge di mercato, se un settore non e' proficuo, gli operatori saranno di meno. Tutto qui.Non e' scusabile che il rivenditore in difficolta' tenti in tutti i modi di fare le scarpe al cliente?!MA in che mondo viviamo?
  • Anonimo scrive:
    Re: Acer Invece
    Confermo la scarsa qualita dei prodotti acer. Il mio masteizzatore del portatile era gia difettoso al momento dell'acquisto e si e' rotto dopo 15 gg.Ci sono voluti 22 giorni per la sosituzione. Pero mi hanno tolto un 4x e mi hanno messo un 8x. Sempre slimtypesosw 852s della liteon (??) alquanto scarso.LA acer comunque e' un prodotto 'economico' . non all'altezza di HP, DELL e apple.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: Consiglio
    - Scritto da: Anonimo
    Quel ladrone del negoziante
    dove ho speso molte migliaia di euri per
    diversi pc, ho scoperto a un certo punto che
    mi faceva le sostituzioni in garanzia con
    avanzi di retrobottega.Non e' una novita'. Lo fanno almeno la meta dei meccanici di auto.Non vedo perche' speravi che i commercianti fossero onesti (da quando c'e' l'euro non mi fido piu' della categoria e meno male che molti adesso, almeno dalle mie parti, stanno fallendo e gli altri per evitarlo abbassano i prezzi).Quello che piu' brucia e' che chi lo fa' ti fa' pagare come nuovo. Facessero dei prezzi piu' abbordabili potrei anche essere d'accordo, a patto che me lo dicano.
  • DarkDirtyDwarf scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    - Scritto da: Anonimo
    e risapito che l'assistenza asus fa' schifoPurtroppo, almeno nel mio caso, non e' proprio la Asus che fa schifo, ma le ditte che per conto della Asus fanno l'assistenza e la mancanza di trasparenza dei rivenditori.Ho dovuto aspettare due mesi per avere indietro il portatile che aveva un inverter danneggiato (il difetta c'era gia' appena comprato) perche' prima la Chl (dove ho preso il portatile) non sapeva a quale ditta era arrivato il Pc -!!!- (poi ho scoperto che era alla Teknema di Milano) poi c'e' voluto un mese perche' fosse riparato, poi ho atteso un altro mese senza notizie alche' ho chiamato direttamente la ditta che, dopo enne telefonate a vuoto, mi ha fatto sapere che la Chl non pagava le spese di spedizione ma che in qualche modo me lo avrebbero fatto avere.Finalmente il Pc arriva alla Chl dove candidi candidi mi fanno pagare 25 euro di assicurazione del pacco (la Asus copre solo le spese di spedizione normali e la Chl aveva assicurato il pacco senza avvisarmi e senza dirmi che erano a mio carico).Insomma, due mesi (!!!) di attesa e ho pure dovuto pagare quando sulla garanzia e' specificato che la spedizione e' a carico di Asus: possibile che loro spediscano 2k euro di portatile SENZA assicurarlo???Bah; tra l'altro se non telefonavo alla ditta io, avrebbero continuato a palleggiarsi (la Teknema con Chl) la questione del pagamento della spedizione per chissa' quanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      - Scritto da: DarkDirtyDwarf

      - Scritto da: Anonimo

      e risapito che l'assistenza asus fa'
      schifo

      Purtroppo, almeno nel mio caso, non e'
      proprio la Asus che fa schifo, ma le ditte
      che per conto della Asus fanno l'assistenza
      e la mancanza di trasparenza dei
      rivenditori.
      Sì, ma la serietà di un'azienda è anche nello scegliere i propri partner per la vendita e l'assistenza e saperne verificare l'operato. ergo, la ASUS FA SCHIFO....
    • Anonimo scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      chl secondo me e' sull'orlo del fallimento (non invidio chi ha buttato i soldi nelle loro azioni!per quanto riguarda asus, se fosse uan ditta seria, controllerebbe le lamentele dei clienti ntervenendo o chiudendo i contratti a quelle ditte che fanno penare i clientiSe non interviene, evidentemente la asus nonha capito che l'assistenza e' l'unica occasione in cui una ditta seria puo' dimostrare al cliente quanto vale.tutti sono bravi a prendere i soldi, ma poi?- Scritto da: DarkDirtyDwarf

      - Scritto da: Anonimo

      e risapito che l'assistenza asus fa'
      schifo

      Purtroppo, almeno nel mio caso, non e'
      proprio la Asus che fa schifo, ma le ditte
      che per conto della Asus fanno l'assistenza
      e la mancanza di trasparenza dei
      rivenditori.
      Ho dovuto aspettare due mesi per avere
      indietro il portatile che aveva un inverter
      danneggiato (il difetta c'era gia' appena
      comprato) perche' prima la Chl (dove ho
      preso il portatile) non sapeva a quale ditta
      era arrivato il Pc -!!!- (poi ho scoperto
      che era alla Teknema di Milano) poi c'e'
      voluto un mese perche' fosse riparato, poi
      ho atteso un altro mese senza notizie alche'
      ho chiamato direttamente la ditta che, dopo
      enne telefonate a vuoto, mi ha fatto sapere
      che la Chl non pagava le spese di spedizione
      ma che in qualche modo me lo avrebbero fatto
      avere.
      Finalmente il Pc arriva alla Chl dove
      candidi candidi mi fanno pagare 25 euro di
      assicurazione del pacco (la Asus copre solo
      le spese di spedizione normali e la Chl
      aveva assicurato il pacco senza avvisarmi e
      senza dirmi che erano a mio carico).
      Insomma, due mesi (!!!) di attesa e ho pure
      dovuto pagare quando sulla garanzia e'
      specificato che la spedizione e' a carico di
      Asus: possibile che loro spediscano 2k euro
      di portatile SENZA assicurarlo???
      Bah; tra l'altro se non telefonavo alla
      ditta io, avrebbero continuato a
      palleggiarsi (la Teknema con Chl) la
      questione del pagamento della spedizione per
      chissa' quanto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple: garanzia negata
    ti diranno che sei un troll. scommetti ?
  • Anonimo scrive:
    Apple: garanzia negata
    Dall'articolo pare quasi che Apple sia un'isola felice, invece non sempre è così.Ho acquistato nel 2003 un IBOOK 800 il cui numero di serie rientra perfettamente nell''elenco pubblicato sul sito Apple relativo all'?Ampliamento del programma di estensione della copertura per le riparazioni della scheda logica di iBook (18 giugno 2004)?. Premetto che i sintomi della disfunzione manifestatasi (con blocco totale dell'ibook) sono esattamente quelli segnalati dal sito e riconosciuti dagli stessi addetti del centro assistenza al quale ho consegnato l'oggetto, a Milano (il centro a cui Apple e tutti gli altri fanno riferimento, non un negozietto qualsiasi). confidando nel detto programma di garanzia: premetto che i sintomi della disfunzione manifestatasi poche settimane fa sono esattamente quelli segnalati dal sito e riconosciuti dagli stessi addetti di PC Station nella descrizione del malfunzionamento relativo all?ampliamento della garanzia.Dal centro mi hanno richiamato invece pochi giorni fa dicendomi che, anche se il mio iBook rientra nel programma, il guasto alla scheda logica sarebbe stato in realtà causato dalla scheda video (che mi pare sia integrata con la scheda logica) e che quindi, nel mio caso, l?estensione di garanzia non sarebbe applicabile.Purtroppo, il costo della riparazione ammonta a circa 750 euro, ben al di sopra del valore attuale di mercato del mio iBook, spesa che forse mi costringerà a considerare l?acquisto, per pari cifra o appena superiore, di un nuovo notebook ovviamente non Apple.Insomma, non è tutto Apple quello che luccica, se un ex utente windows appena convertito si trova davanti l'opposto della customer satisfaction, Ciao!Marco
  • Diablo scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori
    la fai un po' facile tu, e parli senza sapere.Il calo dei margini è avvenuto bruscamente negli ultimi 3-4 anni, prima si stava bene e i margini c'èrano. Inoltre non c'èra l'? e la gente aveva + soldi in tasca.Certe cose si possono prevedere solo con la sfera di cristallo.Chi ha aperto una attività e poi si è ritrovato in questa situazione non ne ha colpa, l'unica cosa che consiglio di fare e cercare di diversificare i prodotti venduti perchè ormai con i PC non si mangia +.
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      - Scritto da: Diablo
      la fai un po' facile tu, e parli senza
      sapere.
      Il calo dei margini è avvenuto
      bruscamente negli ultimi 3-4 anni, qui non si tratta di parlare senza sapere. Qui si tratta di mancanza di studio del mercato.In Italia tutti si improvvisano imprenditori e nessuno sa cosa significhi esserlo. Nessuno sa nulla di marketing (apro il negozio e vedrai che il cliente arriva da solo ) o di indagini di mercato (cosa vuole il cliente? Buh, io vendo quello che voglio vendere, e' il cliente che si deve adattare!) e potrei andare avanti per ore.
      prima si
      stava bene e i margini c'èrano.Quindi tutti si sono buttati a capofitto nel settore
      Inoltre non c'èra l'? e la gente
      aveva + soldi in tasca.Sono i negozianti che hanno rincarato i prezzi (a sproposito) quindi non diamo la colpa alla "gente" se ha meno soldi in tasca.
      Certe cose si possono prevedere solo con la
      sfera di cristallo.Altrimenti non si chiamerebbe RISCHIO imprenditoriale.E in ogni caso se sei in gamba sai anche superare la crisi.Altrimenti come si trova in tutti i libri di economia, esci dal settore (leggi fallisci) e col ridimensionamento nel numero degli operatori, si ritrova l'equilibrio perso.
      Chi ha aperto una attività e poi si
      è ritrovato in questa situazione non
      ne ha colpa, non e' una colpa. Le attivita' falliscono, e' normale. Nemmeno chi finisce cassa integrato ne ha colpa. Succede, e quel che e' peggio e' che questo dovrebbe determinare un riassesto del mercato con vantaggi per i clienti (calo dei prezzi ad esempio, o innalzamento della qualita') ma stranamente questo porta solo alla creazione di oligopoli (come nel caso dei centri commerciali che fanno quello che vogliono tanto i clienti ci saranno sempre)
      l'unica cosa che consiglio di
      fare e cercare di diversificare i prodotti
      venduti perchè ormai con i PC non si
      mangia +.E allora e' il caso di cambiare settore.La diversificazione poi e' utile solo se supportata da altre azioni. E' inutile che mi vendi un prodotto meno performante se poi il prezzo e' comunque troppo elevato, o se come nell'articolo non c'e' copertura adeguata dei guasti.
      • fasibia scrive:
        Re: Parliamo dei rivenditori

        qui non si tratta di parlare senza sapere.
        Qui si tratta di mancanza di studio del
        mercato.
        In Italia tutti si improvvisano imprenditori
        e nessuno sa cosa significhi esserlo.
        Nessuno sa nulla di marketing (apro il
        negozio e vedrai che il cliente arriva da
        solo ) o di indagini di mercato (cosa vuole
        il cliente? Buh, io vendo quello che voglio
        vendere, e' il cliente che si deve
        adattare!) e potrei andare avanti per ore.Ti quoto. E' successo come con i pub. Ragazzi che sapevano solo bere e tirar tardi hanno deciso di diventare imprenditori aprendo pub e locali. A qualcuno è andata bene, per il resto è stato un massacro. Avevano le idee chiare su come dovesse essere il loro locale, senza sapere una mazza di come essere imprenditori.Stessa cosa nell'informatica: o negozietti aperti da smanettoni che sanno cosa vendere ma non sanno che vuol dire vendere, o da commercianti navigati che sanno vendere ma non sanno cosa.il crollo dei margini dovrebbe, naturalmente, portare alla chiusura di parecchi negozietti. Sopravvivono i più svegli, per gli altri pazienza..
      • Diablo scrive:
        Re: Parliamo dei rivenditori
        - Scritto da: DarkDirtyDwarf

        - Scritto da: Diablo

        la fai un po' facile tu, e parli senza

        sapere.

        Il calo dei margini è avvenuto

        bruscamente negli ultimi 3-4 anni,

        qui non si tratta di parlare senza sapere.
        Qui si tratta di mancanza di studio del
        mercato.
        In Italia tutti si improvvisano imprenditori
        e nessuno sa cosa significhi esserlo.
        Nessuno sa nulla di marketing (apro il
        negozio e vedrai che il cliente arriva da
        solo ) o di indagini di mercato (cosa vuole
        il cliente? Buh, io vendo quello che voglio
        vendere, e' il cliente che si deve
        adattare!) e potrei andare avanti per ore.
        MARKETING? Non so cosa sia! lo chiederò ai grandi esperti: Parmalat, Cirio, Alitalia.Perchè tu 6 veramente convinto di SCEGLIERE quello che acuquisti? illusione! tu compri quello che le aziende DECIDONO di farti acquistare (grazie a politiche di marketing).

        prima si

        stava bene e i margini c'èrano.

        Quindi tutti si sono buttati a capofitto nel
        settore
        Quoto, purtroppo cani e porci....ma la selezione del mercato è in atto.

        Inoltre non c'èra l'? e la gente

        aveva + soldi in tasca.

        Sono i negozianti che hanno rincarato i
        prezzi (a sproposito) quindi non diamo la
        colpa alla "gente" se ha meno soldi in
        tasca.
        quoto anche questo, ma si sono alzate anche le spese come gas, luce, telefono, GASOLIO, AUTOSTRADE.

        Certe cose si possono prevedere solo
        con la

        sfera di cristallo.

        Altrimenti non si chiamerebbe RISCHIO
        imprenditoriale.
        E in ogni caso se sei in gamba sai anche
        superare la crisi.
        Altrimenti come si trova in tutti i libri di
        economia, esci dal settore (leggi fallisci)
        e col ridimensionamento nel numero degli
        operatori, si ritrova l'equilibrio perso.
        Nel caso dei pc non si torna + indietro...ormai i margini sono questi.

        Chi ha aperto una attività e poi
        si

        è ritrovato in questa situazione
        non

        ne ha colpa,

        non e' una colpa. Le attivita' falliscono,
        e' normale. Nemmeno chi finisce cassa
        integrato ne ha colpa. Succede, e quel che
        e' peggio e' che questo dovrebbe determinare
        un riassesto del mercato con vantaggi per i
        clienti (calo dei prezzi ad esempio, o
        innalzamento della qualita') ma stranamente
        questo porta solo alla creazione di
        oligopoli (come nel caso dei centri
        commerciali che fanno quello che vogliono
        tanto i clienti ci saranno sempre)


        l'unica cosa che consiglio di

        fare e cercare di diversificare i
        prodotti

        venduti perchè ormai con i PC
        non si

        mangia +.

        E allora e' il caso di cambiare settore.
        La diversificazione poi e' utile solo se
        supportata da altre azioni. E' inutile che
        mi vendi un prodotto meno performante se poi
        il prezzo e' comunque troppo elevato, o se
        come nell'articolo non c'e' copertura
        adeguata dei guasti.Secondo me invece diversificare la propria attività è molto utile, lo si può fare non solo vendendo prodotti diversi ma anche fornendo sevizi in settori complementari o magari completamente diversi dall'IT, in attesa di tempi migliori.Chi vende pc adesso campa di assistenza mica del margine sui pc giusto? un esempio potrebbe essere il noleggio dei pc, che so, installare i DDT, fare impianti audio, servizi fieristici, servizi aziendali, software......le possibilità sono tante basta avere voglia di investire tempo e denaro.IMHO
  • Anonimo scrive:
    Re: Parliamo dei rivenditori

    Meglio fare i distributori, (finché
    ci saranno polli-rivenditori da spennare):
    margini uguali alla rivendita al pubblico,
    nessuna garanzia, nessun diritto di recesso,
    nessuna assistenza.Non è vero: i margini sono più bassi, e nella maggior parte degli RMA ci sono un sacco di spese di spedizione che gravano sul distributore.
  • Anonimo scrive:
    come consumatore non mi interessa
    Capisco che la maggior parte di chi legge P.I. sia un rivenditore che si lagna (giustamente) degli oneri che ricadono esclusivamente su di lui, ma per i consumatori, che non comprano per uso professionale e quindi solo con scontrino, la famosa Garanzia Europea prevede che ci si debba rivolgere ESCLUSIVAMENTE al rivenditore....quindi non vedo il problema assistenza delle case, non mi riguarda.Per quanto concerne gli oneri del rivenditore, a mio avviso sarebbe stato meglio se avessero costretto i produttori che importano in Europa a dare una garanzia minima di 2 anni.
  • Anonimo scrive:
    chiudere i negozini
    dispiace dirlo, ma la soluzione più facile è la chiusura dei negozini che vendono a prezzi ridicolmente bassi e la vendita diretta dei produttori, che possono allestire strutture per affrontare questi problemi: vedi dell acer apple hp. altrimenti questa situazione non cambierà mai.
    • Anonimo scrive:
      Re: chiudere i negozini
      BRAvo!tu hai capito proprio tutto...se i produttori facessero ilproprio lavoro (ossia smettessero di inventarsi scuse per non riparare i prodotti, vedi acer , asus, hp etc etc), i negozianti non avrebbero nessuna difficolta' a gestire la garanziaSecondo te per un negoziante e' piu' facile prendere il prodotto e cambiarlo (se ovviamente il produttore lo cambia) o perdere tempo con il cliente, litigi , discussioni e minacce legali? la prima soluzione avrai un cliente soddisfatto, nella seconda un cliente perso.La nuova legge e' stata fatta apposta per evitare che i consumatori vengano dirottati al produttore (con la nuova legge il venditore e' il primo responsabile ) e arrivi tu a dire il contrario?e come mi spieghi che io da oltre 2 anni attendo la sostitzione dalla philips di un monitor pagato all'epoca quasi 3milioni? garanzia FIRST CHOICE philipssostituzione europea in 48 orema fatemi il piacere...la signorina al telefono non la potevo prendere a schiaffiAvesso comprato nel "negozino", mettevo le tende li dentro finche' non me lo cambiavano!- Scritto da: Anonimo
      dispiace dirlo, ma la soluzione più
      facile è la chiusura dei negozini che
      vendono a prezzi ridicolmente bassi e la
      vendita diretta dei produttori, che possono
      allestire strutture per affrontare questi
      problemi: vedi dell acer apple hp.
      altrimenti questa situazione non
      cambierà mai.
  • Diablo scrive:
    finchè la gente guarda solo il prezzo...
    .....senza tener conto del servizio che eventualmente ci sta dietro, allora i supermercati vinceranno e vincono.Non esiste mentelità informatica, la GDO vende i pc alla stregua dei tostapane e il cliente si fa ingolosire esclusivamente dal prezzo, visto che mediamente un utente medio non sa neanche che cosa sta acquistando. (prende il super pentium 4 3,2GHz con la radeon 9200 e pretende di far girare DOOM3)Nessuno dirà mai al cliente che se si rompo sono affari suoi, devono vendere loro.Eppure stiamo assistendo alla morte lenta dei rivenditori di hardware, i negozi di pc per intenderci.Ci ho passato l'infanzia nei negozi di pc, erano come dei "templi del sapere" una volta, non esistevano i pc nella GDO.Certo, il pc nel negozio costa di +, c'è il servizio però!E la qualità della componentistica è a volte superiore a parità di prezzo rispetto al supermercato.E allora di chi è la colpa?Di tutti!Di chi a furia di calare le braghe sui prezzi ha ridotto il margine dei pc radente allo 0, delle grandi case di pc che vendono alla GDO a prezzi inferiori del rivenditore ufficiale e questo per fare i numeri, di chi per fare i numeri (vedi rivenditori HP) vende al costo e ti frega il cliente, di chi lavora gratis e poi dopo un anno fallisce, dei cliente che guardano solo al portafoglio e non alla qualità e al servizio, della carente cultura informatica del popolo italiano che non distingue una radeon 8700 da una x850 ma conosce tutti i dettagli tecnici delle automobili (e a volte crede di conoscerli). Non c'è + margine, i grandi produttori devono fare i numeri, e dove se non alla GDO.Non parliamo poi dei sottocosti che SPESSO la GDO propone.L'assistenza fa schifo? Vendete pc con contratti assistenza on site 24 o 4 ore.....vedrete che l'assistenza in quei casi funziona e come (sto parlando di DELL).....è ovvio che incide sul prezzo del pc, tutto sta nel convincere il cliente.
  • Anonimo scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    Nota di una persona che con l'hardware ci traffica quotidianamente:ASUS fà schifo, dai tempi successivi alla P3B-F le schede madri hanno progressivamente perso smalto fino a diventare delle cose obrobriose (già alcuni bug con le CUSL2 erano da piangere, per non parlare della P3C-2000 e non parlo dei modelli attuali).Come assemblatore consiglio ABit (in genere di ottima qualità) e Gigabyte, meno valide Chaintech e MicroStar (pur essendo accettabili), seguono FIC e tutto il resto; ottime le Intel anche se veramente limitate come customizzabilità e non brillanti in performance.Come portatili discorso a parte; ASUS li fà decentemente, i migliori portatili restano gli IBM, seguiti a ruota da Toshiba (a patto di non mandarli dal penoso centro assistenza), HP (non per la qualità ma per l'assistenza), Compaq (da quando è come HP, discorso a parte i Presario, bestia nera dell'incompatibilità) e poi si và a scendere; la marca diffusa peggiore è ACER che ha un assistenza censurabile, una qualità veramente dubbia del prodotto e spesso e volentieri mette in vendita modelli difettosi (non PEZZI difettosi, MODELLI difettosi) ma a prezzi economici.I Fujitsu-Siemens sono altalenanti, alcuni buoni, altri inguardabili.
  • Anonimo scrive:
    DELL
    Contrariamante quello che farebbe pensare l'articolo l'assitenza Dell è eccellente. Ho due notebook e, almeno per la mia esperienza, non posso che essere soddisfatto. Nel giro di 24 ore ti ritirano il PC rotto e te lo consegnano in settimana. Se po fai (a pagamento) l'assicurazione sei coperto per 3 anni anche in caso di furto.Due mesi fa ho chiamato per un filo spelato dell'alimentatore ed avevo il pezzo nuovo sul tavolo in meno di 24 ore.Quanto al Service tag è scritto chiaramente in etichetta e se hai problemi l'operatore del call center ti aiuta.bye all
  • 3p scrive:
    Re:Esperienze positive utili a tuti (OT)
    - Scritto da: Anonimo
    Sarei curioso di vedere senza il nano al
    governo.. Eppure mi sembra che in italia lo
    sport nazionale sia fottersene delle leggi..
    Nano o non nano.In fondo siamo tutti dei piccoli nani dentro...
  • Anonimo scrive:
    Bene LACIE e ACER
    Ho avuto esperienze positive di riparazione in garanzia con Lacie per un HD firewire e con Acer per un LCD.I prodotti erano stati acquistati da Essedi Shop e da ePrice, in ambo i casi nessun problema ad attivare la garanzia.
  • 3p scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    Confermo al 1000% :)ho avuto anch'io una brutta esperienza con la garanzia del mio portatile asus qualche anno fa.... :( Sorry, il prossimo non sarà asus, peccato perché sono macchine belline... ma guai ad avere un problema!
  • Anonimo scrive:
    Esperienza allucinante
    Anni fa a me era capitata un esperienza allucinante con una catena di cui manco ricordo il nome:praticamente avevamo comprato un PC per fare dei calcoli molto pesanti, era uno dei primi Athlon, scelto perché competitivo rispetto ai Pentium.Il PC continuava a fare reboot con una vita media di qualche ora, oggi direi un evidente problema di overheating: la risposta del venditore fu"lo sapevo io che non dovevo darvi l'Athlon! Quello non è uin prodotto per aziende" (come se dare una sola a un privato andasse bene). Il tutto perché noi non avendo ancora pagato abbiamo preteso la sosituzione, e dopo una seconda soluzione alterttanto instabile, abbiamo optato per un Pentium.Il tutto era stato possibile solo perché ero in unte pubblico che pagava sempre dopo il collaudo.Infine il nuovo PC ci venne consegnato con le parti non collegate e con degli insulti incisi con il cacciavite nel pannello interno del case. :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Acer Invece
    Come no: per riavere il mio portatile, guastatosi il giorno stesso dell'acquisto ci sono voluti due mesi e una minaccia scritta di causa legale, altrimenti sarebbe ancora lì. tutte le settimane "Sarà pronto la settimana prossima".Bella roba, complimenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI
    Simpatico: un percorso di imporatzione parallelea di un prodotto fatto in Italia....capirei di un telefonino fatto in Cina ma di uno fatto a Trieste!Tra Trieste e Torino c'è di mezzo la A4 in fondo :-)
    • Diablo scrive:
      Re: OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI OT
      non so se hai fatto mai la a4.....io la faccio tutti i giorni per lavoro..da BG vado a TO, vado a VE, a MI.......guarda.....faccio prima ad andare in CINA che da da Bergamo a Milano (tempo GPS 20 min - tempo reale 1.30 di media)
    • Anonimo scrive:
      Re: OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI
      telit e' francese, quello di udine e' l'importatore italiano ufficiale.
      • Anonimo scrive:
        Re: OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI
        - Scritto da: Anonimo
        telit e' francese, quello di udine e'
        l'importatore italiano ufficiale.Telit è nata come ditta italiana, ed è di trieste
  • Anonimo scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    - Scritto da: Anonimo
    e risapito che l'assistenza asus fa' schifola verità sta a metà strada: moltissima gente per anni ha comprato ASUS per fare overclocking e a volte hanno danneggiato loro le MB facendone usi impropri.E' vero che ASUS si è arricchita grazie agli overclocker, ma è evidente che dal momento che uno fa overclock rinuncia a qualasisi forma di garanzia. Usare qualsiasi prodotto fuori specifiche non può che essere a proprio rischio e pircolo. Chi ci rimette in questo caso sono quelli a cui la MB si guasta per altri motivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      Veramente mi risulta che Asus faccia i soldi producendo motherboard conto terzi che poi le rimarchiano (Hp, Compaq, etc etc etc).
    • Anonimo scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      sono quello che ha iniziato il threadnonl'avevo specificato, ma le lamentele si riferivano proprio ai notebookneanche valerio staffelli e' riuscito a risovlere il problema (maximum pc n.2 dicembre 2004)se consideri che costano pure parecchio...leggi poi anche su pc prof, sempre problemi relativi ai notebook!- Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      e risapito che l'assistenza asus fa'
      schifo

      la verità sta a metà strada:
      moltissima gente per anni ha comprato ASUS
      per fare overclocking e a volte hanno
      danneggiato loro le MB facendone usi
      impropri.

      E' vero che ASUS si è arricchita
      grazie agli overclocker, ma è
      evidente che dal momento che uno fa
      overclock rinuncia a qualasisi forma di
      garanzia. Usare qualsiasi prodotto fuori
      specifiche non può che essere a
      proprio rischio e pircolo.

      Chi ci rimette in questo caso sono quelli a
      cui la MB si guasta per altri motivi.
  • pecus scrive:
    Re: Acer Invece
    Bah. A me hanno dovuto sostituire 2 schede madri in 6 mesi, con fermi macchina di 6 settimane a volta.Proprio superlativi non mi sembrano!
  • Anonimo scrive:
    Parliamo dei rivenditori
    Perché per fare chiarezza non chiariamo anche la situazione dei rivenditori? Parliamo, ad esempio, di un piccolo rivenditore. Acquista i prodotti da un distributore, che glieli garantisce sei o 12 mesi al massimo. In caso di Monitor LCD, masterizzatori, ecc. non esiste nemmeno il DOA (dead on arrival), cioè se io rivenditore compro un monitor LCD e arrivato in negozio scopro che non funziona, non posso riportarlo al distributore e farmelo sostituire: devo rimandarlo, a mie spese al produttore, che me lo cambierà con comodo (con molto comodo, diciamo dai due a quattro mesi). Tutto questo, a fronte di un margine che oggi si attesta sul 10% lordo, in costante diminuzione (5 o 6 anni fa era il 25%).Vale la pena fare i rivenditori in queste condizioni? ovviamente, no. Ma se hai 150.000 euro di debito con una Banca e stai lavorando con il fido, il negozio non lo puoi chiudere, perché altrimenti dovrai restituire tutti soldi alla banca al volo. Ovvio che a nessuno gliene freghi niente, il cliente finale vuole solo due cose: il prezzo più basso e il rivenditore al suo servizio, pronto a sostituirgli subito anche le schede madri che ha fatto saltare con maldestri tentativi di overclock, i masterizzatori che ha distrutto dopo averci fatto 5000 DVD copiati, le CPU che non si overcloccano perché "Ho comprato un 2500 che non va a 3200, quindi pretendo che mi venga sostituito", ecc.Meglio fare i distributori, (finché ci saranno polli-rivenditori da spennare): margini uguali alla rivendita al pubblico, nessuna garanzia, nessun diritto di recesso, nessuna assistenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      Si chiama rischio impreditoriale , se prima di aprire non eri a conoscenza di queste cose , non venire qui a lamentarti , se hai aperto molto probabilmente è perchè avevi previsto di guadagnarci bene.
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: Parliamo dei rivenditori
        - Scritto da: Anonimo
        Si chiama rischio impreditoriale Sono d'accordo.Purtroppo siamo in Italia e quel rischio viene immancabilmente girato sul cliente. E' il solito schifo.Come ha scritto qualcuno, l'unica salvezza e' essere un ente pubblico (non funziona? Non ti pago! Non ti sta bene? Fai il tuo lavoro, ripara e stai zitto).
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      Il problema fondamentale è l'inadeguatezza della legge rispetto ad un settore particolare come quello dell'IT. Due anni di garanzia per prodotti in continua evoluzione sono un tantino eccessivi se non supportati dai produttori. Se, ad esempio, dopo diciotto mesi, si guasta un componente e tale pezzo non risulta più reperibile nemmeno in versione "aggiornata" (perchè nel frattempo per l'ennesima volta hanno cambiato socket o tipo di memoria o altre amenità) cosa devo fare per risolvere il problema? Cambiare al cliente tutto il PC (o quasi) a mie spese? Oppure dirgli: guarda, a te questo pezzo era costato X, eccoti X Euro, arrivederci e grazie, il PC puoi usarlo come complemento d'arredo?E poi io non voglio lagnarmi del lavoro che ho scelto (nonostante condivida le considerazioni dell'autore del post), ma è giusto che tutta la responsabilità della garanzia debba ricadere sul negoziante?Chi vende all'utente finale, solitamente commercializza solamente o al massimo assembla componenti costruiti da altri: perchè deve rispondere lui dei difetti di produzione, mentre il costruttore se ne lava le mani?I clienti hanno il sacrosanto diritto di vedere rispettata la garanzia sui prodotti che acquistano (ed in genere di comprare un bene che sia affidabile e durevole), ma allora le condizioni devono essere uguali per tutti (io posso offrire 24 mesi o anche di più perchè il mio distributore mi offre altrettanto, perchè a sua volta l'importatore assicura lo stesso termine ecc.).Se invece le cose continuano così, alla fine a rimetterci saranno nuovamente gli utenti finali: i negozianti chiuderanno bottega (io ho iniziato a spostarmi su altri prodotti e appena posso mollo tutto) ed i PC si venderanno solo più negli ipermercati senza alcun tipo di assistenza e di personalizzazione (se ti si rompe aspetti X mesi per la sostituzione, se prendi un virus e non sai come fare cavoli tuoi: butti il computer o cerchi qualcuno di quelli a cui davi del disonesto e lo paghi profumatamente per toglierti dai pasticci)Il tutto con buona pace di quelli che adesso dicono: "si, ma al supermercato costa meno, al massimo torno quando ho problemi...." , o "se non mi dai 15 anni di garanzia scritta è meglio che compro altrove, poi vengo a farmelo configurare bene da te (gratis)....", oppure "il pezzo di cui avevamo parlato me lo ha regalato la ragazza/padre/cugino/zio/amico/vicino di casa/ me lo monti che io non sono capace?" e poi ti guardano con disprezzo se gli chiedi 20 euro per mezza giornata di lavoro.Ciao.Silix.
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: Parliamo dei rivenditori
        - Scritto da: Anonimo
        è giusto che tutta la responsabilità della garanzia debba
        ricadere sul negoziante?No, non e' giusto.Ma non per questo deve pagare il cliente solo perche' per il negoziante e' facile.Ognuno combatta le sue battaglie al suo livello. Il cliente con il negoziante, il negoziante con i suoi fornitori.
        perchè deve rispondere lui dei
        difetti di produzione, mentre il costruttore
        se ne lava le mani?Perche' i negozianti si sono sempre rifatti sui clienti.Ora che i clienti sono piu' svegli e accorti il trucco e' stato scoperto e la baracca affonda.
        I clienti hanno il sacrosanto diritto di
        vedere rispettata la garanzia sui prodotti
        che acquistano (ed in genere di comprare un
        bene che sia affidabile e durevole), ma
        allora le condizioni devono essere uguali
        per tutti Giustissimo. Ma la battaglia tra negoziante e cliente deve finire perche' non e' questo il campo giusto in cui "combattere".E da parte sua il cliente non ha nessun potere per risolvere la cosa.
        Se invece le cose continuano così,
        alla fine a rimetterci saranno nuovamente
        gli utenti finali: i negozianti chiuderanno
        bottega ed i PC si venderanno solo più negli
        ipermercati senza alcun tipo di assistenza
        e di personalizzazione Non resteranno solo gli ipermercati.Ci sara' sempre la clientela che vorra' di piu' di quello che offre un ipermercato. Solo che ad oggi l'offerta e' spropositatamente elevata ed e' necessario che alcuni operatori escano dal settore per riequilibrare gli elementi in gioco.
        se prendi un virus e non sai come fare cavoli tuoi: butti
        il computer o cerchi qualcuno di quelli a
        cui davi del disonesto e lo paghi
        profumatamente per toglierti dai pasticcise non sai usare quello che compri (generalmente perche' l'italiano medio non legge le istruzioni) allora e' il caso di imparare, non credi?Ad essere sincero ne ho le scatole piene di risolvere problemi a persone che non hanno nemmeno l'accortezza di avere due partizioni sul disco (o che ne usano una sola anche se chi assembla il pc ne ha fatte due).
        "il pezzo di cui
        avevamo parlato me lo ha regalato la
        ragazza/padre/cugino/zio/amico/vicino di
        casa/ me lo monti che io non sono capace?" e
        poi ti guardano con disprezzo se gli chiedi
        20 euro per mezza giornata di lavoro.Ripeto, se non uno non sa usare quello che compra, e' il caso di imparare. Altrimenti paga e deve stare anche zitto.Almeno, io la penso cosi'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Parliamo dei rivenditori
          Ho apprezzato il tuo post, ma permettimi alcune considerazioni:...
          Ma non per questo deve pagare il cliente solo perche' per il negoziante e' facile....
          Perche' i negozianti si sono sempre rifatti sui clienti.
          Ora che i clienti sono piu' svegli e accorti il trucco e' stato scoperto e la baracca affonda.Non tutti i negozianti sono "facili" o si rifanno sui clienti (io non l'ho mai fatto), anche se purtroppo sembra che i disonesti abbiano sempre la meglio :...
          E da parte sua il cliente non ha nessun potere per risolvere la cosa.Nemmeno il negoziante. Pensi che freghi qualcosa delle mie lamentele ai distributori che vendono anche alla grande distribuzione?Purtroppo se non hai grandi numeri, non hai alcun potere contrattuale.Il problema è che ora il cliente dispone di una legge che lo tutela (giustamente), mentre il negoziante no (la normativa prevede solo 12 mesi di garanzia per tutti i soggetti con partita IVA)...
          Ci sara' sempre la clientela che vorra' di piu' di quello che offre un ipermercato.Si, ma tale clientela è in rapida diminuzione. Da una parte perchè l'utente medio-alto ha acquisito maggior dimestichezza con la materia ed è in grado di affrontare in autonomia problemi che prima richiedevano l'intervento di un tecnico, dall'altra l'utente medio-basso (quello che non legge le istruzioni e si rifiuta di imparare) ha sviluppato una sorta di rassegnazione nei confronti del computer e considera normale che si blocchi ogni tanto, che si debba formattare il disco fisso almeno una volta al mese e che sia necessario sostituire la maggior parte dell'hardware ogni sei mesi (tanto qualche amico so_tutto_io che fa il lavoro gratis lo si trova sempre) :|Ciao.Silix.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo dei rivenditori
      - Scritto da: Anonimo
      Perché per fare chiarezza non
      chiariamo anche la situazione dei
      rivenditori? Parliamo, ad esempio, di un
      piccolo rivenditore. Acquista i prodotti da
      un distributore, che glieli garantisce sei o
      12 mesi al massimo. In caso di Monitor LCD,
      masterizzatori, ecc. non esiste nemmeno il
      DOA (dead on arrival), cioè se io
      rivenditore compro un monitor LCD e arrivato
      in negozio scopro che non funziona, non
      posso riportarlo al distributore e farmelo
      sostituire: devo rimandarlo, a mie spese al
      produttore, che me lo cambierà con
      comodo (con molto comodo, diciamo dai due a
      quattro mesi). Molto semplice: quei prodotti non li acquisti più e li minacci che gli fai una pessima pubblicità dicendo ai clienti che la tal ditta è inaffidabile e perciò non vendi più i suoi prodotti!!!
      Tutto questo, a fronte di un
      margine che oggi si attesta sul 10% lordo,
      in costante diminuzione (5 o 6 anni fa era
      il 25%).5 o 6 anni fa non c'erano dei prezzi così esagerati!!!!
      Vale la pena fare i rivenditori in queste
      condizioni? ovviamente, no. Ma se hai
      150.000 euro di debito con una Banca e stai
      lavorando con il fido, il negozio non lo
      puoi chiudere, perché altrimenti
      dovrai restituire tutti soldi alla banca al
      volo.Vuoi continuare a lavorare? Punta sulla quantità dei prodotti venduti e dici prima al cliente che se vuole l'assistenza la paga, così si regola!
      Ovvio che a nessuno gliene freghi
      niente, il cliente finale vuole solo due
      cose: il prezzo più basso e il
      rivenditore al suo servizio, pronto a
      sostituirgli subito anche le schede madri
      che ha fatto saltare con maldestri tentativi
      di overclock, i masterizzatori che ha
      distrutto dopo averci fatto 5000 DVD
      copiati, le CPU che non si overcloccano
      perché "Ho comprato un 2500 che non
      va a 3200, quindi pretendo che mi venga
      sostituito", ecc.Questi sicuramente sono clienti da evitare, cosa gli stai dietro a fare?
      Meglio fare i distributori, (finché
      ci saranno polli-rivenditori da spennare):
      margini uguali alla rivendita al pubblico,
      nessuna garanzia, nessun diritto di recesso,
      nessuna assistenza.
  • Anonimo scrive:
    Negozio di fiducia
    Tutto quello che è descritto nell'articolo è purtroppo vero. Ma a tutto c'è un perchè. Questo è il frutto della continua corsa al ribasso dei prezzi dell'hardware che ha comportato dei tagli nei settori dell'assistenza. Una corsa al ribasso che ha colpito sia i produttori che i venditori, relegando oramai l'informatica negli ipermercati, in mano a personale incompetente e sottopagato. Una volta si vedevano per le città i negozi di informatica dove chi ci lavorarva dentro ne sapeva sicuramente di più dello (e mi scusi la categoria, non vorrei mancare di rispetto) studentello di psicologia che per arrotondare va a fare il commesso all'auchan nel reparto computer. I computer un tempo costavano di più ma si aveva un servizio post vendita degno di questo nome. Io lavoravo in un negozio di pc come tecnico, e sinceramente noi eravamo i primi ad avere problemi con le assistenze hardware (gli stessi descritti nell'articolo pur essendo rivenditori), ma fino a che c'era un certo margine di guadagno sulle vendite si poteva far fronte allo "sbattimento" delle assistenze in garanzia. Poi il mercato e la gente con il paraocchi ha costretto tutto il settore a rivaleggiare con i prezzi stracciati dei vari ipermercati, costringendo molti negozianti a chiudere o cambiare attività (io ora faccio solo assistenza e non più vendita). Non so in quanti sappiano effettivamente quanto poco ci si guadagni su un pc da 1000 euro, e per quei quattro soldi sicuramente non è possibile fornire un assistenza decente.Il mio consiglio è dunque compare pc e hardware in generale negli oramai pochi rimasti negozi di informatica, dove il prezzo d'acquisto è alto, ma (chiaramente se il negoziante è onesto) almeno si può avere a che fare con personale competente, avere un rapporto più umano e non essere considerato come una "patata bollente" da gettare a qualcun'altro: se a una multinazionale un cliente in più o in meno non cambia nulla (e dunque se ne frega di trattarli bene), per un piccolo privato i clienti sono una rara risorsa da tenersi stretti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Negozio di fiducia
      - Scritto da: Anonimo
      Tutto quello che è descritto
      nell'articolo è purtroppo vero. Ma a
      tutto c'è un perchè. Questo
      è il frutto della continua corsa al
      ribasso dei prezzi dell'hardware che ha
      comportato dei tagli nei settori
      dell'assistenza. Una corsa al ribasso che ha
      colpito sia i produttori che i venditori,
      relegando oramai l'informatica negli
      ipermercati, in mano a personale
      incompetente e sottopagato.se se si stava meglio quando si stava peggio e i tecnici dei negozi sono tutti bravissimi, ma che film vai a vedere al cinema? Io in questi negozi con tecnici bravissimi, altro che ipermercati (come dici tu) ho trovato ignoranza e spocchia quella da vendere, chiacchere e distintivo pure, se devo scegliere da informatico un portatile venduto da un'icompetente spocchioso o da uno che non sa come funziona un portatile preferisco quello che non sa nulla, mi infastidisce di meno... poi non si puo' fare di tutta un erba un fascio... ma da qui e da dire che i tecnici dentro ai negozietti di bricca e bracche informatici erano tutti esperti... ce ne vuole Una volta si
      vedevano per le città i negozi di
      informatica dove chi ci lavorarva dentro ne
      sapeva sicuramente di più dello (e mi
      scusi la categoria, non vorrei mancare di
      rispetto) studentello di psicologia che per
      arrotondare va a fare il commesso all'auchan
      nel reparto computer. ti ripeto preferisco lo studentello di psicologia che il boriosello nel negozio di briccabracche informatico, non scoccia e soprattutto non infastidisce. ora il boriosello nel negozietto di briccabracche fa il sistemista, preferisco lo studentello, almeno se non sa e' scusatoI
      computer un tempo
      costavano di più ma si aveva un
      servizio post vendita degno di questo nome.secondo tempo dello stesso film? I servizi erano schifosi, soltanto la gente a comperare il computer erano in pochi
      Io lavoravo in un negozio di pc come
      tecnico, e sinceramente noi eravamo i primi
      ad avere problemi con le assistenze hardware
      (gli stessi descritti nell'articolo pur
      essendo rivenditori), ma fino a che c'era un
      certo margine di guadagno sulle vendite si
      poteva far fronte allo "sbattimento" delle
      assistenze in garanzia. Poi il mercato e la
      gente con il paraocchi ha costretto tutto il
      settore a rivaleggiare con i prezzi
      stracciati dei vari ipermercati,
      costringendo molti negozianti a chiudere o
      cambiare attività (io ora faccio solo
      assistenza e non più vendita). Non so
      in quanti sappiano effettivamente quanto
      poco ci si guadagni su un pc da 1000 euro, e
      per quei quattro soldi sicuramente non
      è possibile fornire un assistenza
      decente.Il mio consiglio è dunque
      compare pc e hardware in generale negli
      oramai pochi rimasti negozi di informatica,
      dove il prezzo d'acquisto è alto, ma
      (chiaramente se il negoziante è
      onesto) almeno si può avere a che
      fare con personale competente, avere un
      rapporto più umano e non essere
      considerato come una "patata bollente" da
      gettare a qualcun'altro: se a una
      multinazionale un cliente in più o in
      meno non cambia nulla (e dunque se ne frega
      di trattarli bene), per un piccolo privato i
      clienti sono una rara risorsa da tenersi
      stretti.
    • Elwood_ scrive:
      Re: Negozio di fiducia
      - Scritto da: Anonimo
      Tutto quello che è descritto
      nell'articolo è purtroppo vero. Ma a
      tutto c'è un perchè. Questo
      è il frutto della continua corsa al
      ribasso dei prezzi dell'hardware che ha
      comportato dei tagli nei settori
      dell'assistenza. Una corsa al ribasso che ha
      colpito sia i produttori che i venditori,
      relegando oramai l'informatica negli
      ipermercati, in mano a personale
      incompetente e sottopagato.se se si stava meglio quando si stava peggio e i tecnici dei negozi sono tutti bravissimi, ma che film vai a vedere al cinema? Io in questi negozi con tecnici bravissimi, altro che ipermercati (come dici tu) ho trovato ignoranza e spocchia quella da vendere, chiacchere e distintivo pure, se devo scegliere da informatico un portatile venduto da un'icompetente spocchioso o da uno che non sa come funziona un portatile preferisco quello che non sa nulla, mi infastidisce di meno... poi non si puo' fare di tutta un erba un fascio... ma da qui e da dire che i tecnici dentro ai negozietti di bricca e bracche informatici erano tutti esperti... ce ne vuole Una volta si
      vedevano per le città i negozi di
      informatica dove chi ci lavorarva dentro ne
      sapeva sicuramente di più dello (e mi
      scusi la categoria, non vorrei mancare di
      rispetto) studentello di psicologia che per
      arrotondare va a fare il commesso all'auchan
      nel reparto computer. ti ripeto preferisco lo studentello di psicologia che il boriosello nel negozio di briccabracche informatico, non scoccia e soprattutto non infastidisce. ora il boriosello nel negozietto di briccabracche fa il sistemista, preferisco lo studentello, almeno se non sa e' scusatoI
      computer un tempo
      costavano di più ma si aveva un
      servizio post vendita degno di questo nome.secondo tempo dello stesso film? I servizi erano schifosi, soltanto la gente a comperare il computer erano in pochi
      Io lavoravo in un negozio di pc come
      tecnico, e sinceramente noi eravamo i primi
      ad avere problemi con le assistenze hardware
      (gli stessi descritti nell'articolo pur
      essendo rivenditori),voi siete sempre stati i primi, a vantarvi sempre... ma fino a che c'era un
      certo margine di guadagno sulle vendite si
      poteva far fronte allo "sbattimento" delle
      assistenze in garanzia. Poi il mercato e la
      gente con il paraocchi ha costretto tutto il
      settore a rivaleggiare con i prezzi
      stracciati dei vari ipermercati,
      costringendo molti negozianti a chiudere o
      cambiare attivitàma meno male ci siamo liberati dei vari negozietti che vendevano tutto caro e con servizi tecnici scadenti. (io ora faccio solo
      assistenza e non più vendita). eccolo lì un'altro sistemista non sistemista... e noi grazie invece alla rivendita di ignoranza a basso costo informatico, ci state rovinando il nostro di mercato... ma noi non ce la prendiamo certo con voi.Non so
      in quanti sappiano effettivamente quanto
      poco ci si guadagni su un pc da 1000 euro, e
      per quei quattro soldi sicuramente non
      è possibile fornire un assistenza
      decente.belle ste scuse, ognuno ne ha una di scusa sempre pronta come il buco di ....Il mio consiglio è dunque
      compare pc e hardware in generale negli
      oramai pochi rimasti negozi di informatica,
      dove il prezzo d'acquisto è alto, il mio consiglio e quello di darti al bagarinaggio di biglietti per corse di asini zoppi della catalogna... i guadagni sono altissimi se riesci a rivendere i biglietti :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Negozio di fiducia
      - Scritto da: Anonimo
      Tutto quello che è descritto
      nell'articolo è purtroppo vero. Ma a
      tutto c'è un perchè. Questo
      è il frutto della continua corsa al
      ribasso dei prezzi dell'hardware che ha
      comportato dei tagli nei settori
      dell'assistenza. Una corsa al ribasso che ha
      colpito sia i produttori che i venditori,
      relegando oramai l'informatica negli
      ipermercati, in mano a personale
      incompetente e sottopagato. Una volta si
      vedevano per le città i negozi di
      informatica dove chi ci lavorarva dentro ne
      sapeva sicuramente di più dello (e mi
      scusi la categoria, non vorrei mancare di
      rispetto) studentello di psicologia che per
      arrotondare va a fare il commesso all'auchan
      nel reparto computer. I computer un tempo
      costavano di più ma si aveva un
      servizio post vendita degno di questo nome.
      Io lavoravo in un negozio di pc come
      tecnico, e sinceramente noi eravamo i primi
      ad avere problemi con le assistenze hardware
      (gli stessi descritti nell'articolo pur
      essendo rivenditori), ma fino a che c'era un
      certo margine di guadagno sulle vendite si
      poteva far fronte allo "sbattimento" delle
      assistenze in garanzia. Poi il mercato e la
      gente con il paraocchi ha costretto tutto il
      settore a rivaleggiare con i prezzi
      stracciati dei vari ipermercati,
      costringendo molti negozianti a chiudere o
      cambiare attività (io ora faccio solo
      assistenza e non più vendita). Non so
      in quanti sappiano effettivamente quanto
      poco ci si guadagni su un pc da 1000 euro, e
      per quei quattro soldi sicuramente non
      è possibile fornire un assistenza
      decente.Il mio consiglio è dunque
      compare pc e hardware in generale negli
      oramai pochi rimasti negozi di informatica,
      dove il prezzo d'acquisto è alto, ma
      (chiaramente se il negoziante è
      onesto)caro mio è molto difficile trovare un negoziante onesto, soprattutto se sei alle prime armi e non ci capisci niente di pc: certi sono capaci di farti pagare il pc anche 3 volte il costo reale!!!!
      almeno si può avere a che
      fare con personale competente, avere un
      rapporto più umano e non essere
      considerato come una "patata bollente" da
      gettare a qualcun'altro: se a una
      multinazionale un cliente in più o in
      meno non cambia nulla (e dunque se ne frega
      di trattarli bene), per un piccolo privato i
      clienti sono una rara risorsa da tenersi
      stretti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperienze positive utili a tuti
    Alla fine mi sono accorto di essere liungo...Una esperienza positiva la segnalo con le videocamere Canon.In breve: acquisto via internet una videocamera in Germania per via del prezzo (25% in meno: "strano ma li' il costo della vita non e' piu' caro che da noi?" ) e garanzia Europea per fare delle riprese a mia figlia (primogenita di 9 mesi) per Natale.L'acquisto lo faccio un mese prima: se ci dovesse essere qualche vizio di produzione...La videocamera mi arriva e funziona per due giorni poi muore.Chiamo il call center Canon Italia che mi conferma che mi tratteranno la videocamera (alcune marche ti dicono di rimandarla nel paese di acquisto - ma allora che scrivono a fare garanzia europea? ), si offrono di mandare un corriere a loro spese o per recuperare un paio di giorni di portarla all''assistenza a mano: lavoro a Roma e opto per portarla a mano io.Spiego al riparatore autorizzato il mio problema (il primo Natale di mia figlia da riprendere: altrimenti potevano tenerla anche per due mesi ) e dopo qualche giorno mi richiama: "E' da sostituire ed in Canon non fanno in tempo a mandargliene una nuova : le prestiamo una equivalente nostra".Ho offerto di pagare il noleggio ma non hanno voluto nulla.Risultato: 1) la mia piccola ha il suo natale filmato (la ripresa forse e' un po' piu' scadente ma per me e' insostituibile)2) la Canon ha un nuovo cliente (non avevo mai fatto un acquisto Canon fino ad ora): il mio prossimo acquisto e' una stampante. Inoltre spesso i miei amici mi chiedono consigli su cosa acquistare in campo informatico.Quanto le e' costato?:1) la videocamera nuova : anche se mi sostituivano solo il pezzo difettato poer me andava benissimo,2) Un muletto (vecchio di tre anni) dato al cliente per 2 settimane.Togliamo di mezzo le giustificazioni circa i bassi margini: 1) a volte ci vuole poco per risolvere un problema 2)se noi cominciamo a comprare solo da chi ti fa una seria-assistenza post (peraltro obbligo di legge) vendita le aziende comincerebbero anche a contabilizzare seriamente il costo dei pezzi difettosiLe aziende automibilistiche del sol levante insegnano: il costo di un pezzo difettoso che esce dalla fabbrica e' dato da (prezzo del pezzo + manodopera per la sostituzione + mancate future vendite se il cliente ci giudica inefficienti) e IMHO il vero problema FIAT e' proprio la percezione di bassa qualita/prezzo dei suoi prodotti da parte del consumatore (me compreso) e non altro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienze positive utili a tuti
      - Scritto da: Anonimo
      Alla fine mi sono accorto di essere liungo...

      Una esperienza positiva la segnalo con le
      videocamere Canon.
      In breve: acquisto via internet una
      videocamera in Germania per via del prezzo
      (25% in meno: "strano ma li' il costo della
      vita non e' piu' caro che da noi?" ) e
      garanzia Europea per fare delle riprese a
      mia figlia (primogenita di 9 mesi) per
      Natale.Ciao non è che potresti dire dove l'hai comprata?Vorrei prendermi una videocamera...
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperienze positive utili a tuti
        - Scritto da: fiammalibera
        Ciao non è che potresti dire dove
        l'hai comprata?
        Vorrei prendermi una videocamera...www.Ebay.it il venditore mi e' sembrato molto affidabile (11000 transazioni) http://stores.ebay.de/city-foto-ulm_W0QQsspagenameZl2QQtZkm
  • Anonimo scrive:
    Re: Smarrimento scontrino e S/N
    - Scritto da: Anonimo
    Salve, ma se dovessi perdere lo scontrino
    del prodotto (mi è successo con una
    mainboard), è possibile rivolgersi al
    produttore utilizzando il serial number che
    di solito è stampato sull'etichetta?Basta controllare la data di fabbricazione: in molti casi differisce da quella di acquisto di uno o o due mesi al più. Quella è una prova ancora più sicura dato che viene stamapata dal produttore stesso.
  • Anonimo scrive:
    Re: Le eccezioni esistono
    anche a me è capitato una cosa del genere nel 2002 con un monitor sony lcd da 18 pollici, me lo hanno sostituito con uno rigenerato e il modello era decisamente di livello superiore .... ma in compenso me lo hanno ridato dopo 65 giorni ..... è che cazzo ioho speso 1500 euro di monitor perchè mi serviva e loro mi lasciano a piedi per 65 giornilo stesso anno ho avuto la malaugurata idea di comprare un palmare ipaq 3970 ad un prezzo che sfiorava i 600 euro, dopo 7 giorni di utilizzo si bruciano 6 pixel nel monitor ...... penso "che palle" ..... telefono all'assistenza faccio notare il mio problema e sembra che tutto si risolva con una sostituzione .... penso incredibile ..... dopo una decina di ore mi telefona un tizio dicendomi che il mio problema non è coperto da garanzia (parole testuali) "capisco il suo rammarico ma io ho le mani legate" e io ho risposto "se capisce il mio rammarico potrà anche capire che anchio avrò le mani legate in futuro quando dovrò comprare qualsiasi oggetto informatico HP ......"il palmare l'ho regalato, ogni volta che vedevo(e mannagia quanto si vedevano) quei pixel bruciati mi veniva un nervoso tale, e mi sono comprato un cliè che è ancora perfettamente funzionante e da allora bye bye HP
  • Anonimo scrive:
    Consiglio
    Quando vi fate sostituire un pezzo in garanzia fatevi consegnare l'inballo del pezzo nuovo (es. sostituita scheda madre, fatevi dare scatola con con manuali ecc. del pezzo nuovo). Quel ladrone del negoziante dove ho speso molte migliaia di euri per diversi pc, ho scoperto a un certo punto che mi faceva le sostituzioni in garanzia con avanzi di retrobottega.
  • Anonimo scrive:
    Pc come elettrodomestici ?
    comperati nei grandi ipermercati a scatola chiusa?... cakki vostri !!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    OCCHIO AI CENTRI COMMERCIALI
    Vi racconto della mia esperienza fatta ad un ipermercato Carrefour di Torino, con un telefonino, ma credo del tutto ribaltabile anche per i PC.Ho acquistato sotto le feste di dicembre del 2003 un telefonino Telit in promozione, con regolare garanzia che prevedeva la conservazione dello scontrino.A luglio 2004 si rompe il joistic di comando.Lo porto al centro di assistenza di zona, dove dichiarano il guasto coperto da garanzia, e mi ritirano il telefonino ed i documenti di garanzia.Il giorno dopo mi telefonano, dicendo che quel prodotto non e' coperto da garanzia ufficiale.Vado al centro di assistenza, e mi spiegano gentilmente che la matricola di produzione del mio apparecchio non puo' essere riparata da Telit, perche' probabilmente Carrefour lo ha acquistato da un importatore parallelo.E' Carrefour che mi dovrebbe fornire l'assistenza, tramite il loro importatore.Mi dicono anche che ci sono parecchie persone nelle mie stesse condizioni, non solo con Telit, ma anche con altre marche sempre acquistate in promozioni ai centri commerciali.Telefono a Telit Italia, dove gentilmente mi confermano il tutto.Vado da Carrefour, parlo con il caporeparto, cascano dalle nuvole, cercano di trovare delle documentazioni dell'epoca ma regna sovrano un gran casotto e non vengono a capo di nulla.Mi dicono che l'assistenza deve fornirla il costruttore.Telefono al servizio clienti di Milano, si fanno spiegare tutto e dopo 2 giorni mi telefona un loro responsabile, rispiego a lui il tutto con tanto di dati raccolti e dopo 1 giorno mi richiama dicendomi di portare il telefonino dove l'ho acquistato, fare il suo nome e dire di ridarmi indietro i soldi tenendosi il telefonino.E cosi' e' stato; probabilmente l'importatore parallelo non esiste piu' o non e' in grado di dare assistenza.Vabbe, con un telefonino non ci sono grossi danni, ma se fosse stato un PC, il mio materiale sull'hard disah chi me lo recuperava ???Conclusione: mai piu' acquisti "tecnologici" negli ipermercati.
  • Anonimo scrive:
    Wellcome
    Computer di 3 mesi, l'alimentatore e' partito con botto tipo petardo e una gran puzza di bruciato.Fortunatamente il rivenditore mi ha subito (3 ore) montato un alimentatore che aveva lui in casa, in attesa del ricambio CHE STO ASPETTANDO DA 9 GIORNI.Visti i tempi, e la qualita', spero non mi succeda niente di piu' grave.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    ****-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 aprile 2006 23.14-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    LOL!... :)Si, una brochure.. davvero! :DVorrei conoscere di persona l'anonimo, me le farei scrivere da lui per i miei clienti! :D
    • TPK scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Buzz
      LOL!... :)
      Si, una brochure.. davvero! :D
      Vorrei conoscere di persona l'anonimo, me le
      farei scrivere da lui per i miei clienti! :Dhttp://www.apple.com/it/support/products/overview.htmlhttp://www.apple.com/it/switch/whyswitch/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 23.29-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece
        ****-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 aprile 2006 23.12-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece
        - Scritto da: TPKbeh, cosa c'è di strano ?http://www.microsoft.com/italy/windows/default.mspx"Utilizzando programmi software Microsoft originali, godrai di maggiore affidabilità, un accesso più rapido agli aggiornamenti ed esperienze globali più ricche e soddisfacenti. Per ulteriori informazioni sulla semplice procedura di verifica dell'autenticità di Windows Genuine Advantage, visionare la demo online.""Scopri il nuovo Windows XP Media Center Edition 2005 - Un'esperienza multimediale senza confronti""Aggiornamento gratuito a Windows XP Tablet PC Edition 2005!Potente, mobile e versatile. Scopri ciò che rende Windows XP Tablet PC Edition 2005 veramente unico! ""Da Windows NT a Windows Server 2003Da Windows NT Server 4.0 a Windows Server 2003: tra i molti perché dell'aggiornamento, anche l'avvicinarsi del termine del supporto per NTSe è vero che NT Server 4.0 ha offerto alle aziende una valida infrastruttura IT, l?aggiornamento a Windows Server 2003 risulta oggi la scelta più idonea per raggiungere l?eccellenza operativa. "Queste sono delle chicce..."Windows XP ProfessionalIdeale per il business e le applicazioni più complesse, Windows XP Professional definisce un nuovo standard di affidabilità e performance.""Windows XP Home EditionIl sistema operativo pensato e disegnato per la casa ed il tempo libero. Windows XP Home Edition ti permette di spingerti con il tuo computer ed Internet verso nuovi orizzonti."Se volete ce ne sono milioni...di queste chicche...anche da altre aziende...
  • Anonimo scrive:
    Re: Di chi e' la colpa ?
    Che conosco bene anch'io queste problematiche, ed è un pianto! Ho iniziato da poco un attività nel campo e con i margini NULLI che si hanno, basta che vada male qualcosa ed il tuo guadagno esiguo si trasforma in perdita e sbattimenti..
    • Diablo scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      e allora alziamo sti ca@@o di prezzi al cliente!Convinciamo il cliente che da noi il sevizio C'E'!!! Lo so che non è facile....ma se non facciamo così lavoriamo per la gloria!A me arrivano le telefonate di gente che compra il pc alla GDO e poi mi chiama: "NON SAPEVO CHE VENDEVI PC", chissà pero' come mai sanno che ci faccio assistenza.Ormai questa è la mia strategia: " senti "cliente"! il pc costa così, ti dò l'assistenza, se ti va bene è così se no te ne vai al supermercato e te lo pigli........alla peggio te lo installo io (e mi faccio pagare = al margine del pc che avrei venduto)" e il cliente è felice perchè crede di aver speso poco.
      • The_GEZ scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Ciao Diablo !
        e allora alziamo sti ca@@o di prezzi al
        cliente!INCOMINCIAMO AD ADDEBITARE I FERMI MACCHINA AI VENDITORI !!!!!!!!!!!!!!!!!!
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        - Scritto da: Diablo
        Ormai questa è la mia strategia: "
        senti "cliente"! il pc costa così, ti
        dò l'assistenza, se ti va bene
        è così se no te ne vai al
        supermercato e te lo pigli........alla
        peggio te lo installo io (e mi faccio pagare
        = al margine del pc che avrei venduto)" e il
        cliente è felice perchè crede
        di aver speso poco.Ecco, questo discorso mi piace. Patti chiari, amicizia lunga.
      • Anonimo scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Non è alzando i prezzi che si risolve il problema. I soldi NON CI SONO.. Quella che andrebbe alzata è la qualità generale dei prodotti (non fanno più test, usano i clienti e assemblatori come cavie e betatester che si devono pure sobbarcare le varie spese) e, come diceva nell'altro post, se in italia la garanzia è due anni, allora lo è anche per tutta la catena, dal produttore al consumatore finale. Non solo per le ultime due ruote del carro, che sono le più strozzate tra l'altroI produttori che non si attengono alla legislazione -che IO devo rispettare- NON vendono in italia. E fine del problema==================================Modificato dall'autore il 22/02/2005 13.52.47
      • Anonimo scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?

        A me arrivano le telefonate di gente che
        compra il pc alla GDO e poi mi chiama: "NON
        SAPEVO CHE VENDEVI PC", chissà pero'
        come mai sanno che ci faccio assistenza.non sei l'unico!
        Ormai questa è la mia strategia: "
        senti "cliente"! il pc costa così, ti
        dò l'assistenza, se ti va bene
        è così se no te ne vai al
        supermercato e te lo pigli........la mia è così: se lo prendi qua quando il pc arriva lo apro, controllo che sia tutto a posto, lo tengo qui da me un paio di giorni in cui lo faccio lavorare per benino giusto per vedere che funzioni più o meno tutto.se si rompe qualcosa e non hai tempo di aspettare cambiamo il pezzo, poi io telefono al produttore del pc (vabbé, ad un suo rivenditore) e resto al telefono mezzora minacciando che se non mi ridà il pezzo che ho sostituito in garanzia divorzio da lui.a questo punto il cliente si fida di me e paga il pc il doppio perché sa di esser seguito. con i prezzi di oggi per uno che il computer è indispensabile per lavoro non è un problema anche ricomprarlo tutto: supponiamo che il pc abbia un cad/cam. quanto mi costa tenerlo fermo anche per una giornata sola? il mio costo del lavoro + il costo del lavoro di quelli (o delle macchine) che devono "prendere l'output del mio computer" + eventuali dati persi e da ricreare + eventuali ritardi con il cliente spesso quando il computer si rompe l'unica cosa che ci interessa è che torni a funzionare come prima nel tempo più breve possibile, ma nessuno ne tiene conto quando lo compra, perché è molto meglio risparmiare 1000 euro e sperare che non si rompa mai.ecco.
    • DarkDirtyDwarf scrive:
      Re: Di chi e' la colpa ?
      - Scritto da: Buzz
      Che conosco bene anch'io queste
      problematiche, ed è un pianto! Ho
      iniziato da poco un attività nel
      campo e con i margini NULLI Se i margini sono nulli, perche' non hai iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????Se lavoro in un posto dove non guadagno abbastanza per vivere CAMBIO lavoro.Allora perche' tutti vogliono iniziare un attivita' nel settore informatico se poi non si campa?Non me lo spiego in nessun modo logico.
      • The_GEZ scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Ciao DarkDirtyDwarf !
        Se i margini sono nulli, perche' non hai
        iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????Quello che mi sono sempre chiesto pure io ...Sento parlare a desre e a manca di gente che lavora gratis o addirittura in perdita ....Risposte :1) Sono tutti santi2) Sono ballistiA voi la scelta, io non mi esprimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Di chi e' la colpa ?
        Sai, c'è anche gente che inizia un'attività per pura passione..Io non mi lamento dei *bassi guadagni* sul singolo pezzo, è un mercato basato sui grandi volumi ed ovviamente sul valore aggiunto ed i servizi, assistenza, ecc. Mi lamento semplicemtne dell'iniquità delle responsabilità in caso di guasto: alla fine se lo prendono in cuBo assemblatori ed utenti finali, sostanzialmente è così.Io non mi definisco un commerciante. BleahE comunque ho due lavori, questo l'ho iniziato per passione, per l'appunto. bye- Scritto da: DarkDirtyDwarf

        - Scritto da: Buzz

        Che conosco bene anch'io queste

        problematiche, ed è un pianto! Ho

        iniziato da poco un attività nel

        campo e con i margini NULLI

        Se i margini sono nulli, perche' non hai
        iniziato UN'ALTRA attivita' scusa????
        Se lavoro in un posto dove non guadagno
        abbastanza per vivere CAMBIO lavoro.
        Allora perche' tutti vogliono iniziare un
        attivita' nel settore informatico se poi non
        si campa?
        Non me lo spiego in nessun modo logico.
  • FAM scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    - Scritto da: Ics-pi
    Il problema di Asus non sono le schede (una
    bruciata la accetto senza problemi) ma
    l'assistenza penosa....immagino tu l'abbia
    ridata al tuo negoziante vero? Prova a
    telefonare ad Asus e dire che hai una scheda
    Asus guasta e senti cosa ti rispondono (se
    riesci a prendere la linea,
    ovviamente)....ne sentirai delle belle.Da ciò che so, l'ASUS in italia fà assistenza solo sui portatili.L'hardware comune non lo trattano loro, ma una società con sede a Roma che testa i pezzi per loro, e poi li avvertono.Ora, su un altro forum (HWup) un utente proprietario di una V9999 morta al secondo giorno stà sclerando per farla sostituire....... basti dire che l'ha spedita (per l'appunto a tale società), ed è tornata indietro con LO STESSO IMBALLO INTEGRO, naturalmente etichettata come funzionante! :|Scheda che basta accendere il pc per capire che è spacciata.Augui, vivissimi auguri, ma non stò nè trollando ne cercando di farti star male....
  • Dark-Angel scrive:
    ma, alla fine...
    invece di fomentare tutti sti flame (che so che piacciono tanto ai troll ma che a me e molti altri fanno solo fare il frullato con i genitali...), non si potrebbe rispondere a post un tantinello piu seri e soprattutto attinenti al discorso?anche se non si ha la soluzione ai vari problemi (non si può sempre purtroppo), almeno un confronto di idee, un parere o un semplice "anche a me è successo" che dà impressione di solidarietà, farebbe piacerequesto è un forum, un centro dove si discute, se dovete scannarvi, ai tempi dell'antica roma c'era l'arena, oggi non so, ma non è certo qui, rompendo le scatole ai normali utenti, che si trova la vostra risposta...il mio post c'è, vi invito a leggerlo (vi, rivolto agli utenti responsabili), casomai si volesse discutere un po dell'ennesima ingiustizia made in italy... se qualcuno di voi ha vissuto la stessa esperienza e ne è uscito, un confronto e un consiglio sono bene accetti
  • Dark-Angel scrive:
    Re: gli switcher
    - Scritto da: Anonimo
    Il tuo messaggio l'ho apprezzato, finalmente
    ho capito il tuo punto di vista.mi dispiace di essere scostante a volte, me ne rendo conto, ma ormai tra "macachi" (intesi come troll da parte mac ;)) e wintroll, destreggiarsi è un impresa epica

    La vita è bella, farsi il sangue
    amaro per queste stupidate PC vs Mac non ne
    vale veramente la pena.completamente d'accordo
    • Anonimo scrive:
      Re: gli switcher
      - Scritto da: Dark-Angel

      - Scritto da: Anonimo


      Il tuo messaggio l'ho apprezzato,
      finalmente

      ho capito il tuo punto di vista.

      mi dispiace di essere scostante a volte, me
      ne rendo conto, ma ormai tra "macachi"
      (intesi come troll da parte mac ;)) e
      wintroll, destreggiarsi è un impresa
      epica




      La vita è bella, farsi il sangue

      amaro per queste stupidate PC vs Mac
      non ne

      vale veramente la pena.

      completamente d'accordoHai risposto ad un messaggio che non centra nulla, è un vecchio post di un macuser...C'è qualche (x86luser) che si diverte a fare copia-incolla.
      • Dark-Angel scrive:
        Re: gli switcher
        - Scritto da: Anonimo
        Hai risposto ad un messaggio che non centra
        nulla, è un vecchio post di un
        macuser...

        C'è qualche (x86luser) che si diverte
        a fare copia-incolla.
        se è davvero cosi non resta che dire C.V.D.
        • Anonimo scrive:
          Re: gli switcher
          - Scritto da: Dark-Angel
          se è davvero cosi non resta che dire
          C.V.D.Tranquillo, sono post che non centrano nulla...probabilmente c'è qualcuno che si diverte in questo modo infantile.
  • Anonimo scrive:
    Di chi e' la colpa ?
    Premetto che e' un po' lunghetto... :)Ho letto sia l'articolo che i commenti finora pubblicati, ma in tutto il fiume di parole manca la domanda fondamentale:Di chi e' la colpa del fatto che l'assistenza e' cosi' scarsa ?Le cause sono varie, ma il primo responsabile secondo me e' il margine ridottissimo di guadagno che si ottiene producendo/vendendo/aggiustando pc.La cosa ai prezzi bassi ha portato a "tagliare" su tutte le spese "accessorie" come la qualita' e l'assistenza post vendita.Vendo pc da anni e ho visto parecchie rotture, con casi particolari che volente o nolente non e' facile gestire in garanzia.Quando mi si rompe un componente di un pc che assemblo ad un cliente, molto spesso il distributore o produttore (a seconda dei casi) mi chiede di inviargli il componente rotto a mie spese. Conoscendo il ricarico che si applica ad un pc sa benissimo che un solo componente rotto (in due anni) con spese a carico del venditore per la spedizione piu' tutto il tempo perso annulla il guadagno iniziale, se non addirittura lo porta in negativo!Oppure i produttori/distributori che si rifiutano di applicare la garanzia di due anni, dicendo che il produttore ne riconosce solo uno (paradossale ma legale). In questo caso il cliente (giustamente) pretende di avere il secondo anno. Chi lo garantisce ? Facendolo io rischio di bruciare non i margini di guadagno di un pc ma di 5 con una sola rottura!Senza contare i casi particolari.Ad esempio, cosa succede se mi si brucia un alimentatore e il corto manda in tilt tutti i componenti ? E' corretto passare tutti i pezzi in garanzia ? Oppure dovrebbe essere il costruttore dell'alimentatore a rifondere i danni, visto che non ha messo un minimo di elettronica per prevenire questi guai ?E se cosi' fosse come ci si puo' rivalere su di un oscuro produttore di taiwan o cinese o malese o chissa cos'altro ?L'unico modo, a mio giudizio, sarebbe quello di imporre a tutti i soggetti che producono i beni (e che hanno le maggiori responsabilita' per la qualita' dei prodotti) di fornire la garanzia del paese in cui distribuiscono i propri prodotti in modo tale che nella catena distributiva il cliente, il venditore, ed il distributore non abbiano nessuna spesa (comprese le spese postali) per la riparazione/sostituzione del prodotto.In piu' tali produttori dovrebbero garantire anche la riparazione/sostituzione in x giorni lavorativi (10 direi) oltre i quali scattano penali e multe.Per questo ogni produttore che e' interessato a vendere in Italia (oppure ogni importatore) dovrebbe aprire un centro di assistenza nel nostro paese e farsi carico di queste problematiche.Vedrei questo come l'unico sistema per cambiare un po' le carte in tavola.La globalizzazione porta vantaggi e svantaggi. Questa discussione accentua uno degli svantaggi.Cosa ne pensate ?
  • Anonimo scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    Si, l'ho portata al negoziante.Cosa mi avrebbero detto, se avessi telefonato ? Ora sono curioso !Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Re: Fai da te
    - Scritto da: Anonimo

    Ritengo questo un caso di "assistenza
    intelligente" ovvero se il lavoro è
    semplice e basta cambiare il pezzo (oggi
    assemblare un home pc è come fare i
    lego) tanto vale fartelo da te: risparmi
    tempo e denaro.Per te è come fare il lego, ma tanti non hanno la minima idea di cosa sia l'alimentatore
    • Anonimo scrive:
      Re: Fai da te
      Questo è vero. Infatti io non difendo a spada tratta questa mia esperienza. E' stata positiva per me. Ma se avevo un pc di marca e solo provavo ad aprirlo per vedere se magari si era solo staccato o danneggiato un connettore ciao garanzia perchè rompevo il sigillo. Questo pc invece ha garanzia sui singoli pezzi (ovvio è un assemblato).Hai ragione, molti sanno a malapena dove si infila il cavo della tastiera.Però il messaggio che volevo veicolare era quello che talvolta il piccolo centro di assistenza pratica norme di garanzia più "elastiche" rispetto al grande centro che deve forzatamente seguire procedure protocollate. Molto dipende in questo caso dalla conoscienza diretta del cliente.Cmq il problema dell'assistenza dovrebbe ridursi con la sempre maggiore diffusione di dispositivi "all in one" tali per cui se si rompe qualcosa ti cambiano tutto, visto che è più facile e costa meno.
  • Anonimo scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    Giusto oggi ho riconsegnato in negozio una P4P800E-Deluxe, con una bel rigonfiamento sul southbridge che puzza di bruciato, dopo due mesi di vita. Dal '95 ad oggi ho usato una FIC PA2000, una Microstar MS5169, una Gigabyte GA7IXE4, e tutte funzionano perfettamente ... dovevo aspettare 10 anni per vedere una scheda crepare così.Comunque, non hanno rotto le palle, e mi hanno assicurato tempi di una settimana. Vedremo.Saluti,Piwi
    • Ics-pi scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      Il problema di Asus non sono le schede (una bruciata la accetto senza problemi) ma l'assistenza penosa....immagino tu l'abbia ridata al tuo negoziante vero? Prova a telefonare ad Asus e dire che hai una scheda Asus guasta e senti cosa ti rispondono (se riesci a prendere la linea, ovviamente)....ne sentirai delle belle.
  • jokanaan scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Dark-Angel

    ho deciso che comprerò un nuovo

    processore (con annessa mobo) e che di

    sicuro non sarà in quel negozio
    il

    mio acquisto...

    col processore sostituito ci

    upgraderò un altro pc, alla
    faccia

    loro...

    Per me è stata una questione di
    limiti. Arrivi a un punto in cui non ce la
    fai più. L?applicazione si chiude, il
    computer s?impalla, attese interminabili per
    i download, errori a non finire e ore
    gettate al vento cercando invano di chiamare
    aiuto... Ma chi sta lavorando per chi, qui?
    Alla fine il mio PC cominciava a farmi
    venire il mal di testa. Nel vero senso della
    parola.
    Non credo di essere neanche particolarmente
    esigente in fatto di computer: sono solo una
    studentessa di lingue. che coincidenza, anche a me piacciono le lingue! :D:p:$
  • Ics-pi scrive:
    Re: Le eccezioni esistono
    Anche io ho avuto ottime esperienze con Netgear, per un problema con il firmware me ne hanno mandato via mail uno dopo 2 ore dalla richiesta, e non uno di quelli sul sito (altrimenti l'avrei preso da me), ma uno nuovo che mi ha risolto un paio di stupidi problemini.
  • Anonimo scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    Ma l'assistenza funzionera' cosi' anche negli altri paesi europei? E in quelli extraeuropei? Volevo esprimere solidarieta' e anche dire che sognavo di farmi al piu' presto un bel portatile potente e gradevole di aspetto, ma dopo questa storia aspettero' ancora un po'... ..."fare orecchie da mercante", adesso suona meglio come "facce da mercante" anche se e' ironico nella societa' dell'informazione dove non ci sarebbe neanche bisogno di guardarsi in faccia come invece al tempo della buonanima del Manzoni... stiamo andando cosi' veloci da tornare indietro nel tempo?!?
  • Anonimo scrive:
    Le eccezioni esistono
    Giustamente è stato detto che le eccezioni esistono e io le ho sperimentate con un router Netgear, che essendo stato riconosciuto difettoso mi è stato sostituito con un modello di fascia molto più alta e senza che il prezzo venisse in alcun modo variato.Le ditte serie esistono.
  • Anonimo scrive:
    Re: gli switcher
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: TPK




    E per la pagnotta abbandoni il tuo
    Mac

    solo


    a casa?



    Cos'è sei l'alternativa di
    Marte2 ?

    il livello è simile...

    :|

    E se fosse lui con altro nick?
    Propongo il suo ban

    (apple)o il ri-BAN-bit-o ?!?!?;-)
  • Ics-pi scrive:
    Re: asus senza macchia? ma dove!!
    Io ho chiesto la sostituzione di una MB di pochi mesi in garanzia e mi hanno detto che non fanno assistenza sulle MB Asus. ROTFL! Gli ho detto che andavo in Peugeot, ma appena mi si rompeva la macchina gliela tiravo in testa a loro.
  • Dark-Angel scrive:
    Re: ho scritto a PI riguardo a questo
    mah, ti dirò, io ho sempre voluto provare un mac, ma non ho i dindi necessaricmq, non so se lo fate apposta o è una sindrome che affligge i macuser, ma potreste smetterla una volta tanto di parlare come i teleimbonitori di home shopping europe?no perchè l'impressione è proprio quellaio, come parecchi ormai qui, conosco le peculiarità dei mac, ma credetemi che voi con questi toni e queste parlantine fate venire lo schifo anche a chi volesse provare...io adoro AMD, ma di certo non mi metto a fare propagandanell'altro post ho risposto riportando le mie impressioni, forse anche tu volevi farlo, ma sembravi uscita da un agenzia pubblicitaria, almeno cosi credo, perchè dubito che una persona che voglia solo esprimere un opinione si metta a parlare cosiio avrei detto, che so"è piccolo, facile da trasportare, lo porto ovunque e posso collegarmi liberamente senza fili, l'ho anche comprato con lo sconto"
    • Anonimo scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      - Scritto da: Dark-Angel
      mah, ti dirò, io ho sempre voluto
      provare un mac, ma non ho i dindi necessari
      cmq, non so se lo fate apposta o è
      una sindrome che affligge i macuser, ma
      potreste smetterla una volta tanto di
      parlare come i teleimbonitori di home
      shopping europe?
      no perchè l'impressione è
      proprio quella
      io, come parecchi ormai qui, conosco le
      peculiarità dei mac, ma credetemi che
      voi con questi toni e queste parlantine fate
      venire lo schifo anche a chi volesse
      provare...
      io adoro AMD, ma di certo non mi metto a
      fare propaganda
      nell'altro post ho risposto riportando le
      mie impressioni, forse anche tu volevi
      farlo, ma sembravi uscita da un agenzia
      pubblicitaria, almeno cosi credo,
      perchè dubito che una persona che
      voglia solo esprimere un opinione si metta a
      parlare cosiDai, sembra un po' televendita anche a me, ma forse anche tu sei un po' prevenuto:)
      io avrei detto, che so
      "è piccolo, facile da trasportare, lo
      porto ovunque e posso collegarmi liberamente
      senza fili, l'ho anche comprato con lo
      sconto"
      • Dark-Angel scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo
        - Scritto da: Anonimo

        Dai, sembra un po' televendita anche a me,
        ma forse anche tu sei un po' prevenuto:)facilemi scuso se posso essere scostanteperò quando è troppo è troppomagari ho anche esagerato nei confronti di chi mi ha rispostoma io sono di quelli che accumulano e poi dice tutto^^;;;
      • The_GEZ scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo
        Ciao Anonimo !

        mie impressioni, forse anche tu volevi

        farlo, ma sembravi uscita da un agenzia

        pubblicitaria, almeno cosi credo,

        perchè dubito che una persona che

        voglia solo esprimere un opinione si
        metta a

        parlare cosi

        Dai, sembra un po' televendita anche a me,
        ma forse anche tu sei un po' prevenuto:)Mah !A me sebra che habbia perfettamente ragione ...
  • Anonimo scrive:
    Re: PLONK
    - Scritto da: Anonimo
    solo quando si comincierà a mostrare
    un minimo di rispetto dialettico e non mi si
    accuserà a vanvera...8):D
    • Anonimo scrive:
      Re: PLONK
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      solo quando si comincierà a
      mostrare

      un minimo di rispetto dialettico e non
      mi si

      accuserà a vanvera...
      8):Dveramente non capisco bah
  • TPK scrive:
    Re: PLONK
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: TPK



    - Scritto da: Anonimo


    e poi ... si ho molti soldi e
    spendere


    qualche migliaio per togliermi un

    bruciore


    allo stomaco non mi fa ne caldo e
    ne


    freddo...



    Hai provato con la Citrosodina?

    solo quando si comincierà a mostrare
    un minimo di rispetto dialettico e non mi si
    accuserà a vanvera...Guarda che poi l'ulcera e' difficile da curare.Pensa alla salute!
    • Anonimo scrive:
      Re: PLONK
      - Scritto da: TPK

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: TPK





      - Scritto da: Anonimo



      e poi ... si ho molti soldi e

      spendere



      qualche migliaio per
      togliermi un


      bruciore



      allo stomaco non mi fa ne
      caldo e

      ne



      freddo...





      Hai provato con la Citrosodina?



      solo quando si comincierà a
      mostrare

      un minimo di rispetto dialettico e non
      mi si

      accuserà a vanvera...

      Guarda che poi l'ulcera e' difficile da
      curare.
      Pensa alla salute!troll x86, il tuo è solo un evidente ODIO verso i macuser e i mac...
  • TPK scrive:
    Re: gli switcher
    - Scritto da: Anonimo


    La ragione principale che mi ha portato
    a

    comprare un Mac è stato OS X. Mi
    ha

    colpito al cuore. Continuavo a guardare
    e

    riguardare i video sul sito web, avrei

    potuto andare avanti all?infinito.

    Così alla fine mi sono deciso, ho

    fatto l?acquisto. E non mi sono pentito.

    Piccola nota: dopo aver visto OS X e la

    stabilità del Mac, un mio amico
    (un

    utente PC) ha ordinato un iMac con

    SuperDrive. Ormai non sta più
    nella

    pelle, e io sono sicuro che la

    penserà in tutto e per tutto
    come me.

    lui è anonimo, ma questi ci hanno
    messo nome e cognome:
    www.macitynet.it/forum/showthread.php?t=3106 Beh, anonimo...http://www.apple.com/it/switch/stories/
    • Anonimo scrive:
      Re: gli switcher

      Beh, anonimo...
      www.apple.com/it/switch/stories /bravo hai fatto u gioco, sei contento?voglia di flammare su PI? fattela passare...
      • TPK scrive:
        Re: gli switcher
        - Scritto da: Anonimo

        Beh, anonimo...

        www.apple.com/it/switch/stories /

        bravo hai fatto u gioco, sei contento?
        voglia di flammare su PI? fattela passare...Manco per idea... un thread sul Mac e' troppo ghiotto...
        • Anonimo scrive:
          Re: gli switcher
          • TPK scrive:
            Re: gli switcher
            ???????-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 00.51-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: TPK

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: TPK





            - Scritto da: Anonimo




            Beh, anonimo...






            www.apple.com/it/switch/stories /







            bravo hai fatto u gioco, sei

            contento?



            voglia di flammare su PI?
            fattela


            passare...





            Manco per idea... un thread sul
            Mac e'


            troppo ghiotto...



            fallito vatti a cercare un lavoro vero,
            io

            me ne vado a dormire domani io
            "LAVORO"...

            E per la pagnotta abbandoni il tuo Mac solo
            a casa?bella battuta, ma non riesci a cadere in piedi...RITENTA sarai più fortunato :)
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: TPK
            E per la pagnotta abbandoni il tuo Mac solo
            a casa?Cos'è sei l'alternativa di Marte2 ?il livello è simile...:|
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TPK


            E per la pagnotta abbandoni il tuo Mac
            solo

            a casa?

            Cos'è sei l'alternativa di Marte2 ?
            il livello è simile...
            :|E se fosse lui con altro nick?Propongo il suo ban(apple)
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: TPK

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: TPK





            - Scritto da: Anonimo




            Beh, anonimo...






            www.apple.com/it/switch/stories /







            bravo hai fatto u gioco, sei

            contento?



            voglia di flammare su PI?
            fattela


            passare...





            Manco per idea... un thread sul
            Mac e'


            troppo ghiotto...



            fallito vatti a cercare un lavoro vero,
            io

            me ne vado a dormire domani io
            "LAVORO"...

            E per la pagnotta abbandoni il tuo Mac solo
            a casa?e tu abbandoni la donna?occhio che non i magnino pagnotta e donna....ma tanto ti resterebbero le trollate su pi....sfigatonen!
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
          • Dark-Angel scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Anonimo
            Ma ti rendi conto di quando sono
            intolleranti verso i macuser?a dire il vero sono i macuser che rompono un po troppo*SPECIFICO E NON VOGLIO GENERALIZZARE*la maggior parte dei macuser che leggo, e che postano qui, sono sfacciati, arroganti e presuntuosi, e sembrano piu testimoni di geova (senza offesa per alcuna religione) che utenti di un computerin questo stesso thread ho visto copincollati da macuser commenti e propagande pubblicitarie come fossero versetti di un testo sacroonestamente a me sta cosa fa un po girare le scatole...non è "dando dello sfigato" al prossimo che lo convincerai a fare di meglio... se davvero si diventa cosi usando un mac, la cosa mi si prospetta con un po di paura piu che curiosità...se poi non sono questi i mac user ma semplici troll, beh, ce ne sono davvero parecchi o fanno troppo rumore... zittite questi elementi invece di offendere la "parte avversaria"perchè di mactroll ne vedo molti di piu che della controparte... e non fanno certo buona pubblicità al vostro rispettabile marchio
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Dark-Angel

            - Scritto da: Anonimo

            Ma ti rendi conto di quando sono

            intolleranti verso i macuser?

            a dire il vero sono i macuser che rompono un
            po troppo

            *SPECIFICO E NON VOGLIO GENERALIZZARE*

            la maggior parte dei macuser che leggo, e
            che postano qui, sono sfacciati, arroganti e
            presuntuosi, e sembrano piu testimoni di
            geova (senza offesa per alcuna religione)
            che utenti di un computer
            in questo stesso thread ho visto
            copincollati da macuser commenti e
            propagande pubblicitarie come fossero
            versetti di un testo sacro
            onestamente a me sta cosa fa un po girare le
            scatole...
            non è "dando dello sfigato" al
            prossimo che lo convincerai a fare di
            meglio... se davvero si diventa cosi usando
            un mac, la cosa mi si prospetta con un po di
            paura piu che curiosità...

            se poi non sono questi i mac user ma
            semplici troll, beh, ce ne sono davvero
            parecchi o fanno troppo rumore... zittite
            questi elementi invece di offendere la
            "parte avversaria"
            perchè di mactroll ne vedo molti di
            piu che della controparte... e non fanno
            certo buona pubblicità al vostro
            rispettabile marchioCriticare dei prodotti non li considero insulti...invece definire i macuser come appartenenti ad una setta, macachi, lobotomizzati e simili queste sono considerati insulti.Mi spiace tanto, ma qui quello che ha preso una cantonata sei proprio tu!Per me puoi utilizzare PC/Mac criticare quasiasi prodotto HW/SW non m'importa!!!!Sono intervenuto in questo caso solo perchè trovo disgustoso l'atteggiamento maleducato di certi utenti PC verso i macuser.Ripeto, non m'importa che critichi i mac, ma almeno non cercate di non insultare chi utilizza questi strumenti per lavoro.
          • Dark-Angel scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Anonimo
            Ripeto, non m'importa che critichi i mac, ma
            almeno non cercate di non insultare chi
            utilizza questi strumenti per lavoro.
            ecco il classico esempio di risposta senza aver compreso il testo a cui si rispondenon offendo nessunoho solo detto che tra i mac user, almeno qui, ci sono solo dei troll o fanatici che di certo non tengono alto il nome del mac ma lo fanno sembrare, come dici tu (e che io non ho mai detto) una setta satanica...quindi bello mio, la cantonata in questo senso l'hai appena presa tue ho aggiunto che se davvero vi sta a cuore, voi professionisti e utenti seri di mac, la vostra causa, dovreste provvedere voi stessi a eliminare questa "feccia" che infanga la vostra categoria, invece di (come hai fatto tu rispondendo in quel modo) criticare e tentare di zittire chi dall'altro lato osserva e (giustamente) criticanon togliendo che anche da questo lato ci sono i troll, ma se ne è gia discusso, li ho citati nella premessa (speravo di essere stato chiaro) e li si ritrova ogni volta che si cita linux, tanto per fare un esempioquindi bello mio, fai un favore a noi ma soprattutto a te stesso, per evitare di impegnare inutilmente tanta foga e buona volontàleggiti bene i post e assicurati di aver compreso, prima di rispondere e lanciarti verso la persona sbagliata
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Dark-Angel

            - Scritto da: Anonimo

            Ripeto, non m'importa che critichi i
            mac, ma

            almeno non cercate di non insultare chi

            utilizza questi strumenti per lavoro.


            ecco il classico esempio di risposta senza
            aver compreso il testo a cui si risponde
            non offendo nessuno
            ho solo detto che tra i mac user, almeno
            qui, ci sono solo dei troll o fanatici che
            di certo non tengono alto il nome del mac ma
            lo fanno sembrare, come dici tu (e che io
            non ho mai detto) una setta satanica...
            quindi bello mio, la cantonata in questo
            senso l'hai appena presa tu

            e ho aggiunto che se davvero vi sta a cuore,
            voi professionisti e utenti seri di mac, la
            vostra causa, dovreste provvedere voi stessi
            a eliminare questa "feccia" che infanga la
            vostra categoria, invece di (come hai fatto
            tu rispondendo in quel modo) criticare e
            tentare di zittire chi dall'altro lato
            osserva e (giustamente) critica

            non togliendo che anche da questo lato ci
            sono i troll, ma se ne è gia
            discusso, li ho citati nella premessa
            (speravo di essere stato chiaro) e li si
            ritrova ogni volta che si cita linux, tanto
            per fare un esempio

            quindi bello mio, fai un favore a noi ma
            soprattutto a te stesso, per evitare di
            impegnare inutilmente tanta foga e buona
            volontà
            leggiti bene i post e assicurati di aver
            compreso, prima di rispondere e lanciarti
            verso la persona sbagliataMi sono permesso di risponderti in questo modo perchè evidentemente dopo una vita che lavoro con i mac e non solo, essere etichettato a priori come macaco (cioè scimmia o utonto) senza conoscere la mia professionalità e le mie qualità, lo considero veramente offensivo.Non siamo tutti uguali, abbiamo esigenze professionali/personali ben distinte...quindi credo che ognuno sia libero di scegliere gli strumenti adatti per lui.Entrare in un forum pubblico a farsi screditare, beh, diciamo che non è tra i desideri di nessuno.Il tuo messaggio l'ho apprezzato, finalmente ho capito il tuo punto di vista.La vita è bella, farsi il sangue amaro per queste stupidate PC vs Mac non ne vale veramente la pena.
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: AnonimoX Dark-Angel ignora questa risposta è un semplice copia e incolla.
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: Dark-AngelDark-Angel, non hai capito che c'è un troll x86luser, che si diverte a fare copia e incolla di vecchi messaggi ????
            ecco il classico esempio di risposta senza
            aver compreso il testo a cui si risponde
            non offendo nessuno
            ho solo detto che tra i mac user, almeno
            qui, ci sono solo dei troll o fanatici che
            di certo non tengono alto il nome del mac ma
            lo fanno sembrare, come dici tu (e che io
            non ho mai detto) una setta satanica...
            quindi bello mio, la cantonata in questo
            senso l'hai appena presa tu

            e ho aggiunto che se davvero vi sta a cuore,
            voi professionisti e utenti seri di mac, la
            vostra causa, dovreste provvedere voi stessi
            a eliminare questa "feccia" che infanga la
            vostra categoria, invece di (come hai fatto
            tu rispondendo in quel modo) criticare e
            tentare di zittire chi dall'altro lato
            osserva e (giustamente) critica

            non togliendo che anche da questo lato ci
            sono i troll, ma se ne è gia
            discusso, li ho citati nella premessa
            (speravo di essere stato chiaro) e li si
            ritrova ogni volta che si cita linux, tanto
            per fare un esempio

            quindi bello mio, fai un favore a noi ma
            soprattutto a te stesso, per evitare di
            impegnare inutilmente tanta foga e buona
            volontà
            leggiti bene i post e assicurati di aver
            compreso, prima di rispondere e lanciarti
            verso la persona sbagliata
          • Anonimo scrive:
            Re: gli switcher
            - Scritto da: AnonimoMi spieghi per quale misterioso motivo ti permetti di riportare messaggi che non hai scritto tu?Qual'è lo scopo ?Vuoi screditare i macuser ? o cosa ?Questo tuo tentativo è assolutamente patetico.Ti meriti di essere considerato un x86luser.
      • Anonimo scrive:
        Re: gli switcher
        - Scritto da: Anonimo

        Beh, anonimo...

        www.apple.com/it/switch/stories /

        bravo hai fatto u gioco, sei contento?
        voglia di flammare su PI? fattela passare...no lui non flamma...trolla...ha fatto pubblica ammissionelascia perdere è un erede di marte2...ma + sfigato ancora
        • Anonimo scrive:
          Re: gli switcher
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Beh, anonimo...


          www.apple.com/it/switch/stories /



          bravo hai fatto u gioco, sei contento?

          voglia di flammare su PI? fattela
          passare...


          no lui non flamma...trolla...ha fatto
          pubblica ammissione

          lascia perdere è un erede di
          marte2...ma + sfigato ancoraSa solo offendere, non è capace ad interagire con le persone senza arrivare agli insulti
    • Anonimo scrive:
      Re: gli switcher
      ROTFL!!! HAHAHAHAM'hai fregato sul tempo!!! Stavo googlando anch'io!!HAHAAHAHAHRIDICOLO!!!! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo
    è eccellente
    Peccato che apple italia garantisca solo un anno di garanzia, quando in Italia il minimo legale è di due anni
    • Anonimo scrive:
      Re: PLONK
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      è eccellente



      Peccato che apple italia garantisca solo un
      anno di garanzia, quando in Italia il minimo
      legale è di due annisono un macuser e vengo insultato giorno e notte da diversi mesi su PI, anche con offese come quelle riportate dirette alla mia persona.e poi ... si ho molti soldi e spendere qualche migliaio per togliermi un bruciore allo stomaco non mi fa ne caldo e ne freddo...
      • TPK scrive:
        Re: PLONK
        - Scritto da: Anonimo
        e poi ... si ho molti soldi e spendere
        qualche migliaio per togliermi un bruciore
        allo stomaco non mi fa ne caldo e ne
        freddo...Hai provato con la Citrosodina?
        • Anonimo scrive:
          Re: PLONK
          - Scritto da: TPK

          - Scritto da: Anonimo

          e poi ... si ho molti soldi e spendere

          qualche migliaio per togliermi un
          bruciore

          allo stomaco non mi fa ne caldo e ne

          freddo...

          Hai provato con la Citrosodina?vi ha colpito tanto quella frase eh... sarà l'invidia....sapete che è peccato mortale?
          • Anonimo scrive:
            Re: PLONK
            - Scritto da: Anonimo

            vi ha colpito tanto quella frase eh...
            sarà l'invidia....

            sapete che è peccato mortale?Certo che come troll sei mitico :D
          • TPK scrive:
            Re: PLONK
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: TPK



            - Scritto da: Anonimo


            e poi ... si ho molti soldi e
            spendere


            qualche migliaio per togliermi un

            bruciore


            allo stomaco non mi fa ne caldo e
            ne


            freddo...



            Hai provato con la Citrosodina?

            vi ha colpito tanto quella frase eh...
            sarà l'invidia....

            sapete che è peccato mortale?L'invidia del bruciore di stomaco? :|Mi sa che devi ripassare al catechismo...
        • Anonimo scrive:
          Re: PLONK
          - Scritto da: TPK

          - Scritto da: Anonimo

          e poi ... si ho molti soldi e spendere

          qualche migliaio per togliermi un
          bruciore

          allo stomaco non mi fa ne caldo e ne

          freddo...

          Hai provato con la Citrosodina?solo quando si comincierà a mostrare un minimo di rispetto dialettico e non mi si accuserà a vanvera...
      • Anonimo scrive:
        Re: PLONK
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        - Scritto da: Anonimo


        è eccellente






        Peccato che apple italia garantisca
        solo un

        anno di garanzia, quando in Italia il
        minimo

        legale è di due anni

        sono un macuser e vengo insultato giorno e
        notte da diversi mesi su PI, anche con
        offese come quelle riportate dirette alla
        mia persona.

        e poi ... si ho molti soldi e spendere
        qualche migliaio per togliermi un bruciore
        allo stomaco non mi fa ne caldo e ne
        freddo...MA LOL :D
      • Anonimo scrive:
        Re: PLONK
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        - Scritto da: Anonimo


        è eccellente






        Peccato che apple italia garantisca
        solo un

        anno di garanzia, quando in Italia il
        minimo

        legale è di due anni

        sono un macuser e vengo insultato giorno e
        notte da diversi mesi su PI, anche con
        offese come quelle riportate dirette alla
        mia persona.Hai uno strano concetto di insulto
        e poi ... si ho molti soldi e spendere
        qualche migliaio per togliermi un bruciore
        allo stomaco non mi fa ne caldo e ne
        freddo...Il maalox è diventato così costoso?
        • Anonimo scrive:
          Re: PLONK
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo





          - Scritto da: Anonimo



          è eccellente









          Peccato che apple italia garantisca

          solo un


          anno di garanzia, quando in Italia
          il

          minimo


          legale è di due anni



          sono un macuser e vengo insultato
          giorno e

          notte da diversi mesi su PI, anche con

          offese come quelle riportate dirette
          alla

          mia persona.

          Hai uno strano concetto di insulto


          e poi ... si ho molti soldi e spendere

          qualche migliaio per togliermi un
          bruciore

          allo stomaco non mi fa ne caldo e ne

          freddo...

          Il maalox è diventato così
          costoso?da che pulpito, non è che tu sei un degno compare di Marte2...che è stato qui in PI anche la vigilia di Natale a trollare contro i Mac????
        • Anonimo scrive:
          Re: PLONK
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo





          - Scritto da: Anonimo



          è eccellente









          Peccato che apple italia garantisca

          solo un


          anno di garanzia, quando in Italia
          il

          minimo


          legale è di due anni



          sono un macuser e vengo insultato
          giorno e

          notte da diversi mesi su PI, anche con

          offese come quelle riportate dirette
          alla

          mia persona.

          Hai uno strano concetto di insulto


          e poi ... si ho molti soldi e spendere

          qualche migliaio per togliermi un
          bruciore

          allo stomaco non mi fa ne caldo e ne

          freddo...

          Il maalox è diventato così
          costoso?si e tua moglie è gratis....trollo hai razzato anche sta voltabuahahah
      • Anonimo scrive:
        Re: PLONK
    • FAM scrive:
      Seriamente...

      Peccato che apple italia garantisca solo un
      anno di garanzia, quando in Italia il minimo
      legale è di due anniChiedo seriamente senza volontà di trolare/flame (oh beh, c'è già)Effettivamente, perchè la garanzia Apple è solo 1 anno quando il minimo di legge è 2?Quale particolare mi stò perdendo?Grazie. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Seriamente...
        - Scritto da: FAM

        Peccato che apple italia garantisca
        solo un

        anno di garanzia, quando in Italia il
        minimo

        legale è di due anni

        Chiedo seriamente senza volontà di
        trolare/flame (oh beh, c'è
        già)
        Effettivamente, perchè la garanzia
        Apple è solo 1 anno quando il minimo
        di legge è 2?
        Quale particolare mi stò perdendo?
        Grazie. ;)Non è vero che la Apple garantisce solo 1 anno!Ma non la finite mai voi x86lusers di screditare Apple!ma che gente
        • TPK scrive:
          Re: Seriamente...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: FAM


          Peccato che apple italia garantisca

          solo un


          anno di garanzia, quando in Italia
          il

          minimo


          legale è di due anni



          Chiedo seriamente senza volontà
          di

          trolare/flame (oh beh, c'è

          già)

          Effettivamente, perchè la
          garanzia

          Apple è solo 1 anno quando il
          minimo

          di legge è 2?

          Quale particolare mi stò
          perdendo?

          Grazie. ;)

          Non è vero che la Apple garantisce
          solo 1 anno!
          Ma non la finite mai voi x86lusers di
          screditare Apple!

          ma che gentehttp://store.apple.com/Apple/WebObjects/italystore.woa/90506/wo/Md7MEKzHxV993ZC6uCCbEkLuT6Z/7.0.11.1.0.6.25.7.11.0.3 Tre anni di tranquillità Ogni computer Mac include 90 giorni di assistenza telefonica gratuita e un anno di servizio di copertura dei costi di riparazione presso un centro assistenza autorizzato Apple . Aderendo a AppleCare Protection Plan con il vostro Mac, potrete estendere la copertura a tre anni.
        • Dark-Angel scrive:
          Re: Seriamente...
          - Scritto da: Anonimo
          Non è vero che la Apple garantisce
          solo 1 anno!
          Ma non la finite mai voi x86lusers di
          screditare Apple!

          ma che gentema che gente quelli come teti ha chiesto delucidazioni, non ha voluto screditare alcunchènon è che avete un po troppo la coda di paglia?avete un buon sistema, e lui ha chiesto come funziona nel dettaglio la garanzia, dal momento che poteva essergli sfuggito qualcosama tu invece di fare il troll potevi linkare qualche informazione utile? o è troppo difficile da capire? non dire solo "non è vero questo e quello", porta qualche link cosi che chi ha chiesto venga soddisfatto, chi non capisce si informa, e chi rompe le scatole non ha piu dove arrampicarsi
          • Anonimo scrive:
            Re: Seriamente...
            - Scritto da: Dark-Angel

            - Scritto da: Anonimo


            Non è vero che la Apple
            garantisce

            solo 1 anno!

            Ma non la finite mai voi x86lusers di

            screditare Apple!



            ma che gente

            ma che gente quelli come te
            ti ha chiesto delucidazioni, non ha voluto
            screditare alcunchè
            non è che avete un po troppo la coda
            di paglia?
            avete un buon sistema, e lui ha chiesto come
            funziona nel dettaglio la garanzia, dal
            momento che poteva essergli sfuggito
            qualcosa
            ma tu invece di fare il troll potevi linkare
            qualche informazione utile? o è
            troppo difficile da capire? non dire solo
            "non è vero questo e quello", porta
            qualche link cosi che chi ha chiesto venga
            soddisfatto, chi non capisce si informa, e
            chi rompe le scatole non ha piu dove
            arrampicarsiIl problema della garanzia di 2 anni prevista dalla normativa non è solo della apple, il tutto sta nel fatto che la normativa non è chiara infatti qualsiasi prodotto che acquisti a un periodo di garanzia di un'anno se non dichiarato diversamente dalla casa produttrice, il famoso secondo anno è uno specchietto per le allodole, uno crede di avere 2 anni di garanzia ed invece ne ha 1+1 uno sul malfunzionamento o rorrura del prodotto e l'altro se il prodotto non rispecchia le caratteristiche tecniche dichiarate ovvero compri un g5 e scopri che è un g4 (scusa l'esempio non è dei migliori). Realisticamente parlando la garanzia è sempre e solo quella dichiarata dalla casa produttrice.
          • FAM scrive:
            Re: Seriamente...

            Il problema della garanzia di 2 anni
            prevista dalla normativa non è solo
            della apple, il tutto sta nel fatto che la
            normativa non è chiara infatti
            qualsiasi prodotto che acquisti a un periodo
            di garanzia di un'anno se non dichiarato
            diversamente dalla casa produttrice, il
            famoso secondo anno è uno specchietto
            per le allodole, uno crede di avere 2 anni
            di garanzia ed invece ne ha 1+1 uno sul
            malfunzionamento o rorrura del prodotto e
            l'altro se il prodotto non rispecchia le
            caratteristiche tecniche dichiarate ovvero
            compri un g5 e scopri che è un g4
            (scusa l'esempio non è dei migliori).
            Realisticamente parlando la garanzia
            è sempre e solo quella dichiarata
            dalla casa produttrice.Quindi.. 1 anno di vera garanzia (ma questa è garantita per legge o neppure?)ed 1anno se proprio ti hanno truffato alla grande.Bella legge :sAd ogni modo, grazie per la risposta ;)E' stata un pò dura ma ci siamo riusciti :$
          • Anonimo scrive:
            Re: Seriamente...
            - Scritto da: Anonimo
            uno crede di avere 2 anni
            di garanzia ed invece ne ha 1+1 uno sul
            malfunzionamento o rorrura del prodotto e
            l'altro se il prodotto non rispecchia le
            caratteristiche tecniche dichiarate ovvero
            compri un g5 e scopri che è un g4
            (scusa l'esempio non è dei migliori).
            Realisticamente parlando la garanzia
            è sempre e solo quella dichiarata
            dalla casa produttrice.Non è così. Il secondo anno è valido se vi sono difetti di conformità al contratto. Cosa sono i difetti di conformità al contratto? Al punto c) e d) della legge è specificato:"c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore puòragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazionipubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore odal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull'etichettatura;d) sono altresì idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato aconoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbiaaccettato anche per fatti concludenti."Ovvero, tanto per dire, se la apple dichiara che la batteria dei suoi portatili dura almeno tot ricariche ed io mi si fonde dopo che ne faccio meno di tot, direi che lo devono riparare. E così per tante piccole cose. Peccato che la apple garantisca solamente per un anno, e ci scommetterei che se mi rivolgo alla apple ITALIA per uno di questi difetti dopo il primo anno, mi risponda picche, in quanto offre la garanzia solo per un anno, quando per legge dovrebbe offrire 1 + 1 anni di garanzia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Seriamente...
            - Scritto da: Anonimo
            "c) presentano la qualità e le
            prestazioni abituali di un bene dello stesso
            tipo, che il consumatore può
            ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto
            della natura del bene e, se del caso, delle
            dichiarazioni
            pubbliche sulle caratteristiche specifiche
            dei beni fatte al riguardo dal venditore,
            dal produttore o
            dal suo agente o rappresentante, in
            particolare nella pubblicità o
            sull'etichettatura;Aggiungo inoltre che è ragionevole aspettarsi che un computer usato normalmente, che non subisca urti o sbalzi di tensione particolari abbia una vita maggiore di un anno, specie da un'azienda che sbandiera continuamente la qualità dei propri prodotti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Seriamente...

            scommetterei che se mi rivolgo alla apple
            ITALIA per uno di questi difetti dopo il
            primo anno, mi risponda picche, in quanto
            offre la garanzia solo per un anno, quando
            per legge dovrebbe offrire 1 + 1 anni di
            garanzia.E farebbe bene, perché la LEGGE è chiarissima su questo: devi rivolgerti AL TUO RIVENDITORE, per la garanzia, non alla Apple.E tanto per non citare a vanvera come il tipo più sopra, ecco cosa è specificato sul libretto di garanzia di un prodotto Apple che ho qui davanti a me:"For consumers who have the benefit of consumer protection laws or regulations in their country of purchase or, if different, their country of residence, the benefits conferred by this warranty are in addition to all rights and remedies conveyed by such consumer protection laws and regulations."Per chi non sa l'inglese, traduco in sintesi:"Per i consumatori che nei loro paesi dispongono di leggi e regolamenti specifici, i benefici dati da questa garanzia sono da intendere IN AGGIUNTA a tutti i diritti garantiti dalle leggi e dai regolamenti in vigore".Quindi: Apple dà una SUA garanzia di un anno, con determinate condizioni, che sono migliori rispetto alla garanzia obbligatoria per legge. Dal 13esimo al 24esimo mese, c'è solo la garanzia di legge.CHIARO?E tanto per chiarire, quasi tutti i produttori hanno la STESSA clausola, solo che non la dichiarano, e vi dicono solo che danno "due anni di garanzia"... poi se vi si rompe la macchina al 13esimo mese avete la sorpresina...
        • FAM scrive:
          Re: Seriamente...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: FAM


          Peccato che apple italia garantisca

          solo un


          anno di garanzia, quando in Italia
          il

          minimo


          legale è di due anni



          Chiedo seriamente senza volontà
          di

          trolare/flame (oh beh, c'è

          già)

          Effettivamente, perchè la
          garanzia

          Apple è solo 1 anno quando il
          minimo

          di legge è 2?

          Quale particolare mi stò
          perdendo?

          Grazie. ;)

          Non è vero che la Apple garantisce
          solo 1 anno!
          Ma non la finite mai voi x86lusers di
          screditare Apple!

          ma che genteSi, è vero, che gente...Stammi bene a sentire brutto maleducato, IO ho fatto una domanda, l'ho fatta educatamente, ho chiesto perchè quei due dati mi sembrano incongruneti e tu subito ad insultare.Oh, commentati da solo eh?Però questi mometi fanno passare la voglia di prendere un Mac. :
  • Anonimo scrive:
    manca una parte fondamentale
    come si puo' pretendere il rispetto dei nostri diritti se neanche chi li scrive gli articoli li conosce?per evitare perdite di tempo o peggio ancora spese legali presso giudici di pace o avvocati , per risovlere IMMEDIATAMENTE il problema, e' bene ricordare che in base alla legge 24 mesi (citata dall'autore solo nelle parti piu' "comode") , trascorsi 6 mesi (piu' due) , spetta al consumatore l'onere della prova del guastoUna volta che avrete capito questo (leggere la legge , please) , capirete anche perche' il 90% dei produttori continua a fornire solo la garanzia 12 mesiNon facciamo fregare....studiamo bene le leggi, cosi' poi sapremo cosa ci spetta
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: TPK


    I designer e gli ingegneri di casa Apple

    studiano minuziosamente ogni millimetro
    di

    ogni nuovo modello Macintosh, e ogni
    pixel

    dell?interfaccia utente. Il risultato? I

    computer Apple sono prodotti ergonomici
    che

    fanno brillare gli occhi ai creativi del

    design. iMac G5. PowerBook. iPod. iBook
    G4.

    L?ossessione per lo stile e il dettaglio

    è ovunque: ordine perfetto
    dietro al

    pannello posteriore removibile del nuovo

    iMac G5, incisioni al laser dove altri

    avrebbero incollato un?etichetta, il
    robusto

    case in policarbonato di eMac, lo
    chassis in

    lega di alluminio anodizzato di Power
    Mac

    G5, l?elegante mouse ottico incluso in
    ogni

    Mac desktop, le istruzioni sul retro del

    pannello che aprite per aggiungere
    memoria

    ai sistemi iBook o PowerBook. Sono
    oggetti

    che risulterebbero sensazionali anche
    se non

    fossero computer. Strumenti che, a ogni

    livello, sono un vero piacere da usare.


    Ho capito, ho capito, incornicio anche una
    copia...La ragione principale che mi ha portato a comprare un Mac è stato OS X. Mi ha colpito al cuore. Continuavo a guardare e riguardare i video sul sito web, avrei potuto andare avanti all?infinito. Così alla fine mi sono deciso, ho fatto l?acquisto. E non mi sono pentito.Vogliamo parlare degli applicativi? WOW. iTunes piace anche a mia madre, una patita di Windows fino al midollo. È senza dubbio il miglior jukebox del mondo. Quando vuole masterizzare un CD, anche lei usa il mio Mac. È assurdo che ?loro? non ce l?abbiano ancora. Ho visto che Windows Media Player ha cercato di copiare l?idea, ma ha fallito miseramente. Non capiscono che il segreto è uno solo: la semplicità.La sera che ho messo le mani sul mio nuovo iMac, ho aperto iMovie e nel giro di 5-10 minuti avevo creato un filmato con titoli, transizioni ed effetti audio con il modello di video che viene fornito insieme al software. È INCREDIBILE quanto sia facile da usare.Quando ho visto iPhoto l?ho voluto subito. Non ho una fotocamera digitale (non ancora), ma mi è utile lo stesso, perché ho passato allo scanner le foto del matrimonio di mio fratello e sto preparando un album per il suo primo anniversario. E proprio perché voi avete creato un prodotto tanto bello, ho deciso di acquistare al più presto una fotocamera digitale.Piccola nota: dopo aver visto OS X e la stabilità del Mac, un mio amico (un utente PC) ha ordinato un iMac con SuperDrive. Ormai non sta più nella pelle, e io sono sicuro che la penserà in tutto e per tutto come me.(apple)
    • Anonimo scrive:
      gli switcher

      La ragione principale che mi ha portato a
      comprare un Mac è stato OS X. Mi ha
      colpito al cuore. Continuavo a guardare e
      riguardare i video sul sito web, avrei
      potuto andare avanti all?infinito.
      Così alla fine mi sono deciso, ho
      fatto l?acquisto. E non mi sono pentito.
      Piccola nota: dopo aver visto OS X e la
      stabilità del Mac, un mio amico (un
      utente PC) ha ordinato un iMac con
      SuperDrive. Ormai non sta più nella
      pelle, e io sono sicuro che la
      penserà in tutto e per tutto come me.lui è anonimo, ma questi ci hanno messo nome e cognome:http://www.macitynet.it/forum/showthread.php?t=3106
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece

    Questa la stampo e la incornicio!
    A meno che non possa gia' trovarla su un
    depliant...tecnico PCista a richio lavoro anche tu?che è il ritrovo dei tecnici/consulenti PC questo?bah...
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperienze positive utili a tuti
    Anche la mia esperienza è stata positiva,qualche anno fa ho acquistato un packard bell e nel corso della sua vita(fortunatamente garantita spendendo qualche spiccio in più per 3 anni),mi hanno sostituito un masterizzatore e una cassa audio in modo celere e senza battere ciglio!Non nego che con altre attrezzature digitali ho avuto dei problemi ben più grossi,vorrei comunque far presente che esiste una legge attualmente che prevede due anni di garanzia,ma la stramaggioranza dei venditori infrange la legge applicando solamente uno dei due anni previsti!!!Ovviamente perchè siamo il paese delle banane!:@
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienze positive utili a tuti

      Ovviamente perchè siamo il paese
      delle banane!

      :@con un nano al governo ed un consiglio dei ministri che sembra la corte dei miracoli che pretendi?(apple)
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperienze positive utili a tuti
        - Scritto da: Anonimo

        Ovviamente perchè siamo il paese

        delle banane!



        :@

        con un nano al governo ed un consiglio dei
        ministri che sembra la corte dei miracoli
        che pretendi?

        (apple)Gia', cmq questo articolo e' stato utile anche a me oltre che a "tuti"...:D:D:D:D
        • Anonimo scrive:
          Re: Esperienze positive utili a tuti
          Sarei curioso di vedere senza il nano al governo.. Eppure mi sembra che in italia lo sport nazionale sia fottersene delle leggi.. Nano o non nano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Esperienze positive utili a tuti
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao a tutti,
    sono più di 10 anni che lavoro nel
    mondo IT,
    ed in 10 anni ho visto molti PC, stampanti,
    scanner ecc.. guastarsi per i motivi piu
    disparati.

    ciao
    Alessandroa77o... io sono 20 anni che lavoro in ambito grafico è ho visto l'assistenza solo 4 volte in vita mia, per una AppleLaserWriter, un Mac IIfx, uno scanner AGFA e un DualG4@867...:sCiaoP.
  • Dark-Angel scrive:
    ho scritto a PI riguardo a questo
    anche io vittima delle "garanzie italiane"ho scritto a PI una lunga e argomentata lettera e se oggi vedo questo servizio sono sicuro che un pò è anche "colpa" mia ;)riassumendoho comprato un pc assemblato su mia richiesta, da un negozio di cui nn faccio nomeil 24 dicembre (che c... fortuna), da un riavvio all'altro il pc non funziona piunessun segno di vita se non ventole e lucine varie che comunque si accendono, e l'hd che dice "io sono qui" con i suoi classici rumorima sk madre, sk video e cpu non danno segno di vitaessendo sotto le feste un po di ritardo è concepibile, cosi riportando il pc al negozio, riesco a sapere verso la prima settimana di gennaio, che il processore è andato a farsi benedire (il tecnico esegue le prove davanti a me, che ero andato a riprendermi il pc visto che passava tempo inutilmente), nessun difetto visibile dall'esterno, ovviamenteda precisare che ho sostituito dissipatore e ventola con un modello migliore, e che nel farlo sono stato molto piu accorto e delicato di questo "tecnico"ovviamente parto subito con la cosa della garanzia, in quanto in data del riscontro del guasto, erano passati solo 19 mesi dall'acquisto... con foglio del decreto alla manoloro (quelli del negozio), fanno faccia da mercante (chissà perchè si dice cosi eh?) e dicono che non importa cosa dice la legge, loro offrono solo un anno di garanzia, poi devo vedermela io coi produttori dei vari pezzi...ovviamente gli dico che vedrò io... vado subito dal mio avvocato il quale mi dice che purtroppo, dopo i primi 6 mesi, sono io a mie spese che devo dimostrare di non essere stato causa del dannoanche volendo però non trovo nessuna ditta qui in città (napoli) che voglia prendersi questa responsabilità di perizia giurata... la cosa divertente è che io sono perito...cmq...tutt'ora il mio pc è li fermo, sto usando un pc "di riserva", e non so che altro fareho chiamato l'amd, ma nessuna risposta, ho scritto, idem, ora ho chiesto aiuto ad un negoziante (non quello dove ho comprato) perchè mi aiuti con la procedura di sostituzione, e intanto vedo il pc "invecchiare" e svalutarsiho deciso che comprerò un nuovo processore (con annessa mobo) e che di sicuro non sarà in quel negozio il mio acquisto...col processore sostituito ci upgraderò un altro pc, alla faccia loro...
    • Anonimo scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      i processori amd si bruciano in un attimo (non hanno nessun controllo/protezione sulla temperatura)Magari la pasta si secca e perde le sue caratteristiche (termoconduttivita') con il passare del tempoe la cpu si bruciala garanzia di 24 mesi e' solo per i difetti di conformita' presenti sin dall'originesei un perito, quindi certe cose e certi trucchi li sai...- Scritto da: Dark-Angel
      anche io vittima delle "garanzie italiane"

      ho scritto a PI una lunga e argomentata
      lettera e se oggi vedo questo servizio sono
      sicuro che un pò è anche
      "colpa" mia ;)

      riassumendo
      ho comprato un pc assemblato su mia
      richiesta, da un negozio di cui nn faccio
      nome
      il 24 dicembre (che c... fortuna), da un
      riavvio all'altro il pc non funziona piu
      nessun segno di vita se non ventole e lucine
      varie che comunque si accendono, e l'hd che
      dice "io sono qui" con i suoi classici
      rumori
      ma sk madre, sk video e cpu non danno segno
      di vita

      essendo sotto le feste un po di ritardo
      è concepibile, cosi riportando il pc
      al negozio, riesco a sapere verso la prima
      settimana di gennaio, che il processore
      è andato a farsi benedire (il tecnico
      esegue le prove davanti a me, che ero andato
      a riprendermi il pc visto che passava tempo
      inutilmente), nessun difetto visibile
      dall'esterno, ovviamente
      da precisare che ho sostituito dissipatore e
      ventola con un modello migliore, e che nel
      farlo sono stato molto piu accorto e
      delicato di questo "tecnico"
      ovviamente parto subito con la cosa della
      garanzia, in quanto in data del riscontro
      del guasto, erano passati solo 19 mesi
      dall'acquisto... con foglio del decreto alla
      mano
      loro (quelli del negozio), fanno faccia da
      mercante (chissà perchè si
      dice cosi eh?) e dicono che non importa cosa
      dice la legge, loro offrono solo un anno di
      garanzia, poi devo vedermela io coi
      produttori dei vari pezzi...

      ovviamente gli dico che vedrò io...
      vado subito dal mio avvocato il quale mi
      dice che purtroppo, dopo i primi 6 mesi,
      sono io a mie spese che devo dimostrare di
      non essere stato causa del danno
      anche volendo però non trovo nessuna
      ditta qui in città (napoli) che
      voglia prendersi questa
      responsabilità di perizia giurata...
      la cosa divertente è che io sono
      perito...
      cmq...

      tutt'ora il mio pc è li fermo, sto
      usando un pc "di riserva", e non so che
      altro fare
      ho chiamato l'amd, ma nessuna risposta, ho
      scritto, idem, ora ho chiesto aiuto ad un
      negoziante (non quello dove ho comprato)
      perchè mi aiuti con la procedura di
      sostituzione, e intanto vedo il pc
      "invecchiare" e svalutarsi

      ho deciso che comprerò un nuovo
      processore (con annessa mobo) e che di
      sicuro non sarà in quel negozio il
      mio acquisto...
      col processore sostituito ci
      upgraderò un altro pc, alla faccia
      loro...
      • Dark-Angel scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo
        - Scritto da: Anonimo
        i processori amd si bruciano in un attimo
        (non hanno nessun controllo/protezione sulla
        temperatura)
        Magari la pasta si secca e perde le sue
        caratteristiche (termoconduttivita') con il
        passare del tempo
        e la cpu si brucia
        la garanzia di 24 mesi e' solo per i difetti
        di conformita' presenti sin dall'origine
        sei un perito, quindi certe cose e certi
        trucchi li sai...potresti quotare un tantino meglio eh?cmq ti devo contraddire, sono i soliti luoghi comuni quelli che stai riferendoho sempre usato amd, e ho anche pc pentium (come quello da cui sto scrivendo)i pentium riscaldano IMMENSAMENTE piu degli amd, inoltre la loro soglia di sopportazione (in percentuale) è minima rispetto a quella di amdil processore che poi si è guastato, un athlon XP 3000, ha ottimi sistemi di controllo della temperatura (grazie anche alla sk madre asus che trovo ottima) e ogni minimo sbalzo di temperatura o tensione scattava la protezionedetto questo ti riporto che questo stesso processore arrivò l'estate scorsa a toccare gli 85° centigradi, (motivo per il quale sostituii il dissipatore) e ha continuato a funzionare egregiamente senza throttle o cali di prestazioniper finire ti dico che prima dell'infausto riavvio, i voltaggi erano i piu stabili che avessi mai visto, mentre le temperature, udite udite, erano di 24° idle e 45° in full loadse erano alte e il processore si brucia cosi... penso che tu abbia proprio cannato :)m'è capitato un processore sfortunato, succedetanti amici ai quali ho consigliato amd, e io stesso, ci siamo trovati sempre bene e non posso che consigliare sempre amd a chiunque, anche dopo ciòsono stanco di questi inutili luoghi comuni
        • Anonimo scrive:
          Re: ho scritto a PI riguardo a questo
          chiedi ai rivenditori quanti resi amd (su ebay e' pieno di annunci di persone che vendono amd rotti per farci i portachiavi) e quanti intel rottima amd stessa, stufa di tutti i resi ha fatto un documento con le foto di amd bruciati, spaccati, cortocircuitati....Gli amd non hanno nessun controllo interno temperatura (parlo dei socket A che si rompevano anche solo a guardarliAdesso hanno messo una bella placca metallica, copiando la intel...- Scritto da: Dark-Angel

          - Scritto da: Anonimo

          i processori amd si bruciano in un
          attimo

          (non hanno nessun controllo/protezione
          sulla

          temperatura)

          Magari la pasta si secca e perde le sue

          caratteristiche (termoconduttivita')
          con il

          passare del tempo

          e la cpu si brucia

          la garanzia di 24 mesi e' solo per i
          difetti

          di conformita' presenti sin dall'origine

          sei un perito, quindi certe cose e certi

          trucchi li sai...

          potresti quotare un tantino meglio eh?
          cmq ti devo contraddire, sono i soliti
          luoghi comuni quelli che stai riferendo
          ho sempre usato amd, e ho anche pc pentium
          (come quello da cui sto scrivendo)
          i pentium riscaldano IMMENSAMENTE piu degli
          amd, inoltre la loro soglia di sopportazione
          (in percentuale) è minima rispetto a
          quella di amd
          il processore che poi si è guastato,
          un athlon XP 3000, ha ottimi sistemi di
          controllo della temperatura (grazie anche
          alla sk madre asus che trovo ottima) e ogni
          minimo sbalzo di temperatura o tensione
          scattava la protezione
          detto questo ti riporto che questo stesso
          processore arrivò l'estate scorsa a
          toccare gli 85° centigradi, (motivo per il
          quale sostituii il dissipatore) e ha
          continuato a funzionare egregiamente senza
          throttle o cali di prestazioni

          per finire ti dico che prima dell'infausto
          riavvio, i voltaggi erano i piu stabili che
          avessi mai visto, mentre le temperature,
          udite udite, erano di 24° idle e 45° in full
          load
          se erano alte e il processore si brucia
          cosi... penso che tu abbia proprio cannato
          :)
          m'è capitato un processore
          sfortunato, succede
          tanti amici ai quali ho consigliato amd, e
          io stesso, ci siamo trovati sempre bene e
          non posso che consigliare sempre amd a
          chiunque, anche dopo ciò

          sono stanco di questi inutili luoghi comuni
          • Anonimo scrive:
            Re: ho scritto a PI riguardo a questo
            - Scritto da: Anonimo
            chiedi ai rivenditori quanti resi amd (su
            ebay e' pieno di annunci di persone che
            vendono amd rotti per farci i portachiavi) e
            quanti intel rotti
            ma amd stessa, stufa di tutti i resi ha
            fatto un documento con le foto di amd
            bruciati, spaccati, cortocircuitati....
            Gli amd non hanno nessun controllo interno
            temperatura (parlo dei socket A che si
            rompevano anche solo a guardarli
            Adesso hanno messo una bella placca
            metallica, copiando la intel...Che per ricambiare ha copiato la tecnologia a 64bit di AMD ahahah. Però hai ragione, meglio intel, almeno d'inverno evito di accendere i termosifoni.
          • Anonimo scrive:
            Re: ho scritto a PI riguardo a questo
            Guarda, è vero che ci sono in giro più AMD bruciati di Intel ma non è questione di fragilità o altro, solo di insipienza degli utenti. Mi spiego meglio: Si dice che gli AMD sono più facilmente overcloccabili e perciò chiunque abbia preso in mano una rivista di informatica si sente subito uno smanettone e giù di overclock senza pensare che forse il dissipatore standard non è proprio adattissimo. Inoltre leggono che per avere migliori possibilità di overclock aumentano anche la tensione di alimentazione...... naturalmente di un paio di volt per sicurezza, usando un alimentatore da 300 Watt privo di qualsiasi certificazione di qualità, perchè non voglio spender soldi e, per lo stesso motivo con una mobo di marca ignoto assemblata con componenti di scarto. Non ti racconto di quanti ne ho visti bruciati in questo modo...Se non ci credi passa nel reparto informatica di un qualche supermercato e piazzati vicino ai pc a basso costo ma con case tamarro, ne senti di tutti i colori.Quanto al resto, allora, tutti gli AMD con core Barton e successivi hanno il sensore di temperatura on die come i Pentium 4 anche se il controllo è a carico della mobo. Quanto alla placchetta dissipativa copiata dai P4, ti assicuro che ogni esperto di computer ne dice peste e corna. Se infatti io compro un dissipatore di altissima qualità, per esempio totalmente in rame, non sono felicissimo di doverlo accoppiare al processore attraverso una placchetta di alluminio, con coefficiente termico inferiore...
      • HotEngine scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo
        - Scritto da: Anonimo
        i processori amd si bruciano in un attimo
        (non hanno nessun controllo/protezione sulla
        temperatura)L'unico AMD che ho bruciato (in un paio di secondi netti dall'accensione) aveva il suo perchè. L'ho acceso senza dissipatore... Per il resto ho visto alcuni vecchi AMD a 65..70 gradi (dissipatori inadeguati) che bloccavano la macchina, ma non bruciavano...
        • Anonimo scrive:
          Re: ho scritto a PI riguardo a questo
          - Scritto da: HotEngine
          - Scritto da: Anonimo


          i processori amd si bruciano in un
          attimo

          (non hanno nessun controllo/protezione
          sulla

          temperatura)

          L'unico AMD che ho bruciato (in un paio di
          secondi netti dall'accensione) aveva il suo
          perchè. L'ho acceso senza
          dissipatore... Per il resto ho visto alcuni
          vecchi AMD a 65..70 gradi (dissipatori
          inadeguati) che bloccavano la macchina, ma
          non bruciavano...io ho un PIII 450MHz, una volta, dopo averlo smontato tutto, l'ho fatto ripartire; dopo circa 5 minuti di uso ho sentito puzza di bruciato... mi sono detto : "ma che ca***" ... guardo il dissipatore e mi acorgo che mi sono dimenticato di collegare il cavetto di alimentazione della ventola :|:| ... ho staccato la spina e ho portato il PC in giardino (erano le 11 di sera a gennaio, faceva freddino)... nonostante questa 'sberla' il processore funziona perfettamente ancora oggi, dopo 2 anni dal fatto (e dopo 6 anni di uso intensivo)... ho proprio avuto cu....
          • Anonimo scrive:
            Re: ho scritto a PI riguardo a questo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: HotEngine

            - Scritto da: Anonimo




            i processori amd si bruciano in un

            attimo


            (non hanno nessun
            controllo/protezione

            sulla


            temperatura)



            L'unico AMD che ho bruciato (in un paio
            di

            secondi netti dall'accensione) aveva il
            suo

            perchè. L'ho acceso senza

            dissipatore... Per il resto ho visto
            alcuni

            vecchi AMD a 65..70 gradi (dissipatori

            inadeguati) che bloccavano la macchina,
            ma

            non bruciavano...

            io ho un PIII 450MHz, una volta, dopo averlo
            smontato tutto, l'ho fatto ripartire; dopo
            circa 5 minuti di uso ho sentito puzza di
            bruciato... mi sono detto : "ma che ca***"
            ... guardo il dissipatore e mi acorgo che mi
            sono dimenticato di collegare il cavetto di
            alimentazione della ventola :|:| ... ho
            staccato la spina e ho portato il PC in
            giardino (erano le 11 di sera a gennaio,
            faceva freddino)... nonostante questa
            'sberla' il processore funziona
            perfettamente ancora oggi, dopo 2 anni dal
            fatto (e dopo 6 anni di uso intensivo)... ho
            proprio avuto cu....Boh... io ho un vecchio PII 350 MHz... un paio di anni dopo averlo acquistato ho aggiunto un HD. In quell'occasione prima di richiudere il case ho dato per sfizio un colpetto alla ventola della CPU... e mi sono accorto che era completamente inchiodata... Guardandola meglio ho visto che la parte fissa era ovalizzata e quindi le pale raschiavano rimanendo così bloccate. Ovviamente l'ho rimessa in sesto, ma a quel punto mi sono accorto che era parecchio rumorosa (e fastidiosa) e che sicuramente non aveva mai funzionato prima (mi sarei accorto del rumore). In definitiva per farla breve ho smontato la ventola e il PC funziona ancora oggi senza ventola senza aver mai avuto il minimo problema. Evidentemente già solo per passare da 350 mHz a 450 MHz hanno avuto un po' di grane...
      • DarkDirtyDwarf scrive:
        Re: ho scritto a PI riguardo a questo


        loro (quelli del negozio), fanno faccia da

        mercante (chissà perchè si dice cosi eh?) In casi come questi mi verrebbe da presentarmi con una mazza da baseball...In ogni caso in alcuni casi ho minacciato di chiamare la finanza (chissa' perche' fa' colpo) e ho risolto.In ogni caso nel 90% dei casi il negoziante ti risponde picche e aspetta la tua reazione. Spesso i clienti si arrabbiano ma se ne vanno. Se invece resti qualche volta dicono cose del tipo: "Beh, aspetta, vediamo meglio" o cose del genere. Altre volte devi per forza ricorrere alle associazioni dei consumatori (ve le consiglio, sono la migliore fonte di informazione per risolvere questo tipo di problemi) o ad avvocati se ci sono in ballo molti soldi.In ogni caso siamo in Italia, il paese dei furbi.
    • Anonimo scrive:
      Re: ho scritto a PI riguardo a questo
      - Scritto da: Dark-Angel
      ho deciso che comprerò un nuovo
      processore (con annessa mobo) e che di
      sicuro non sarà in quel negozio il
      mio acquisto...
      col processore sostituito ci
      upgraderò un altro pc, alla faccia
      loro...Per me è stata una questione di limiti. Arrivi a un punto in cui non ce la fai più. L?applicazione si chiude, il computer s?impalla, attese interminabili per i download, errori a non finire e ore gettate al vento cercando invano di chiamare aiuto... Ma chi sta lavorando per chi, qui? Alla fine il mio PC cominciava a farmi venire il mal di testa. Nel vero senso della parola.Non credo di essere neanche particolarmente esigente in fatto di computer: sono solo una studentessa di lingue. E il mio nuovo iBook è il compagno perfetto: non occupa troppo spazio, è facile da portare all?Università e, con AirPort, posso fare ricerche in Internet ovunque mi trovi. È il computer ideale per gli studenti. E Apple è stata grande a offrire uno sconto speciale per i docenti e i ragazzi; mi piace comprare i prodotti di un?azienda che stimo. Quindi... un grazie di cuore a tutti voi! (apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: --- garanzia di 6 mesì!!!
      Purtroppo il tuo avvocato ha ragione.. secondo il decreto 24 del 2 fbraio 2002 si presume il vizio d'origine della cosa venduta se il guasto o comunqueproblema avviene nei primi 6 mesi. Dopo deve essere il consumatore a dimostrarlo con una perizia. praticamente il consumatore deve dimostrare cheil guasto è avvenuto come conseguenza di un difetto di assemblaggio o di produzione e non in conseguenza di un più o meno intenso uso .. La perizia probabilmente ti costerà quanto il PC, se riuscirai a trovare chi te la fa. Poi magari il giudice deciderà per la compensanzione delle spese al 50%e nemmeno riuscirai a recuperarla tutta. Questo equivoco nasce perche la Garanzia di confomità di 24 mesi (imposta da una direttiva europea) è separata da quella commerciale , che resta come minimo di legge a 12. Sarebbe bastato che il decreto sancisse che la garanzia commerciale non può essere inferiore a quella di conformità e si sarebbero evitati tutti questi pasticci... Purtroppo il recepimento della diretiva UE è stato tutto "all'italiana"....
  • Anonimo scrive:
    asus senza macchia? ma dove!!
    e risapito che l'assistenza asus fa' schifobasta vedere le varie proteste su pc professionale, sui forumSe ne e' addirittura occupato Valerio Staffelli (si, quiello di striscia la notizia) su maximum pc e neanche lui e' riuscito a risolvere...tutti bravi a prendere i soldi.....
    • Anonimo scrive:
      Re: asus senza macchia? ma dove!!
      Come assistenza sui portatili io non posso lamentarmi. Ho mandato in assitenza un alimentatore e il mio portatile con problemi alla retroilluminazione (inverter, mi sembra) tutti e due rientrati in 5 gg lavorativi.
  • Anonimo scrive:
    Esperienze positive utili a tuti
    Ciao a tutti,sono più di 10 anni che lavoro nel mondo IT,ed in 10 anni ho visto molti PC, stampanti, scanner ecc.. guastarsi per i motivi piu disparati.Ora prima di acquistare qualunque cosa (tecnologica) PRIMA chiamo il centro assistenza e vedo con quali tempi rispondono, se esiste un numero verde e come sono dislocati i centri di riparazione.Dalle ultime esperienze posso citare alcune case che si sono dimostrate serie e davvero efficienti, una volta tanto vediamo la cosa in modo positivo :)Per le stampanti mi sono trovato davvero bene con la SAMSUNG unico neo la comunicazione con il centro assistenza (nord italia) è efficace solo via email ma le riparazioni sono velocissime, e via email rispondono davvero subito.Per i notebook mi sono trovato bene con i Toshiba hanno molti centri assistenza in Italia e la comunicazione telefonica sia con toshiba che con i centri assistenza è ottima. Unico neo non c'e' un numero verde di assistenza ma il numero di Milano funziona bene e non ci sono lunghe attese.Con HP mi sono trovate bene con gli scannere veloccissimi nell'assistenza e ottima la comunicazione telefonica.Per le macchine foto digitali ho trovato per ora ottima l'asstenza di Canon. Numero a tariffa ubana si prende subito la linea e gli operatori sono disponibilo. Non ho effettuato riparazioni ma mi hanno spedito gratuitamente la manualistica italiana per una fotocamere digitale comprata in Germania.Spero che queste mi esperienze vi possano essere utili cmq un consiglio: chiamate sempre i centri assistenza PRIMA di comprare qualcosa per vedere con che tempi reagiscono...ciaoAlessandro
  • Anonimo scrive:
    Re: Acer Invece
    - Scritto da: Anonimo
    è superlativa con il suo nuovo centro
    a lainate. Ti sistemano tutto . Hurra per
    Sandro il tecnico della serie 800/8000se i loro prodotti fossero costruiti con maggiore qualita' e attenzione, non servirebbe il servizio assistenza...chiunque conosco che abbia un acer, ha sempre dovuto avere a che fare con l'assistenzasara' un caso
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ovvio, il rapporto prezzo/prestazioni di

    quei bagagli per signorine (a me
    sembrano

    dei bidet) fa si che lo abbiate pagato
    due

    volte....

    probabilmente sei stato traviato da quel
    cesso di PC che utilizzerai...

    dai su non te la prendere, mi spieghi che te
    ne frega se uno usa un computer diverso dal
    tuo? ci perdi di virilità?
    ti tolgono il lavoro? ops... ora ho capito,
    sei un TECNICO PCISTA! LOL!!!!

    fosse per i Macuser, sareste tutti
    disoccupati ;)E' il solito x86lusermeglio starne alla lavga(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece

    Decisamente negozi ben diversi dal "giggi er
    truzzo" dietro l'angolo che mi "avverte" che
    il mouse e la tastiera che sto comprando non
    funzioneranno sul mio Mac perché
    c'è solo il driver per PC...
    :sanche se l'assistenza in America è un'altra cosa:http://www.macitynet.it/macity/aA20404/index.shtml
    • marcodilenardo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Anonimo

      Decisamente negozi ben diversi dal
      "giggi er

      truzzo" dietro l'angolo che mi
      "avverte" che

      il mouse e la tastiera che sto
      comprando non

      funzioneranno sul mio Mac perché

      c'è solo il driver per PC...

      :s

      anche se l'assistenza in America è
      un'altra cosa:
      www.macitynet.it/macity/aA20404/index.shtml
      Cito dall'indirizzo che mi hai postato: Un Genius Bar "miracoloso" a San FranciscoA che servono i Genius Bar dentro gli AppleStore di Apple? A dare consigli ma anche ad effettuare piccole riparazioni ma anche a risolvere situazioni complicate come quella di Mario Bucolo in trasferta negli Stati Uniti. Ecco il suo racconto. .... Questa poi... in Italia dove li trovi posti del genere
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece


        www.macitynet.it/macity/aA20404/index.shtml




        Cito dall'indirizzo che mi hai postato:

        Un Genius Bar "miracoloso" a San
        Francisco

        A che servono i Genius Bar dentro gli
        AppleStore di Apple? A dare consigli ma
        anche ad effettuare piccole riparazioni ma
        anche a risolvere situazioni complicate come
        quella di Mario Bucolo in trasferta negli
        Stati Uniti. Ecco il suo racconto. ....

        Questa poi... in Italia dove li trovi posti
        del generesi è geniale, ti siedi prendi un caffè e aspetti che il "genius" si sieda al tuo tavolo per aiutarti!Spero che gli Applestore modello Americano arrivino anche in Italia!
        • marcodilenardo scrive:
          Re: Apple invece
          cut

          si è geniale, ti siedi prendi un
          caffè e aspetti che il "genius" si
          sieda al tuo tavolo per aiutarti!

          Spero che gli Applestore modello Americano
          arrivino anche in Italia!Speranze :sCon la cultura che c'è in italia.Basta vedere gli scontri tra Pcisti e mac user; tra windows e linux ecc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    Ovvio, il rapporto prezzo/prestazioni di quei bagagli per signorine (a me sembrano dei bidet) fa si che lo abbiate pagato due volte....
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvio, il rapporto prezzo/prestazioni di
      quei bagagli per signorine (a me sembrano
      dei bidet) fa si che lo abbiate pagato due
      volte....I designer e gli ingegneri di casa Apple studiano minuziosamente ogni millimetro di ogni nuovo modello Macintosh, e ogni pixel dell?interfaccia utente. Il risultato? I computer Apple sono prodotti ergonomici che fanno brillare gli occhi ai creativi del design. iMac G5. PowerBook. iPod. iBook G4. L?ossessione per lo stile e il dettaglio è ovunque: ordine perfetto dietro al pannello posteriore removibile del nuovo iMac G5, incisioni al laser dove altri avrebbero incollato un?etichetta, il robusto case in policarbonato di eMac, lo chassis in lega di alluminio anodizzato di Power Mac G5, l?elegante mouse ottico incluso in ogni Mac desktop, le istruzioni sul retro del pannello che aprite per aggiungere memoria ai sistemi iBook o PowerBook. Sono oggetti che risulterebbero sensazionali anche se non fossero computer. Strumenti che, a ogni livello, sono un vero piacere da usare.(apple)
      • TPK scrive:
        Re: Apple invece

        I designer e gli ingegneri di casa Apple
        studiano minuziosamente ogni millimetro di
        ogni nuovo modello Macintosh, e ogni pixel
        dell?interfaccia utente. Il risultato? I
        computer Apple sono prodotti ergonomici che
        fanno brillare gli occhi ai creativi del
        design. iMac G5. PowerBook. iPod. iBook G4.
        L?ossessione per lo stile e il dettaglio
        è ovunque: ordine perfetto dietro al
        pannello posteriore removibile del nuovo
        iMac G5, incisioni al laser dove altri
        avrebbero incollato un?etichetta, il robusto
        case in policarbonato di eMac, lo chassis in
        lega di alluminio anodizzato di Power Mac
        G5, l?elegante mouse ottico incluso in ogni
        Mac desktop, le istruzioni sul retro del
        pannello che aprite per aggiungere memoria
        ai sistemi iBook o PowerBook. Sono oggetti
        che risulterebbero sensazionali anche se non
        fossero computer. Strumenti che, a ogni
        livello, sono un vero piacere da usare. Ho capito, ho capito, incornicio anche una copia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvio, il rapporto prezzo/prestazioni di
      quei bagagli per signorine (a me sembrano
      dei bidet) fa si che lo abbiate pagato due
      volte....probabilmente sei stato traviato da quel cesso di PC che utilizzerai...dai su non te la prendere, mi spieghi che te ne frega se uno usa un computer diverso dal tuo? ci perdi di virilità?ti tolgono il lavoro? ops... ora ho capito, sei un TECNICO PCISTA! LOL!!!!fosse per i Macuser, sareste tutti disoccupati ;)
  • Anonimo scrive:
    Fai da te
    Computer comprato al negozietto "sotto casa" ma trasferito a milano per studio.Si brucia l'alimentatore. Chiedo:"ve lo devo portare?" e io già a preoccuparmi dello sbattimento di portarlo avanti e indietro. Chiamo l'assistenza: "Se sei capace di farti il lavoro portami l'alimentatore rotto che ti do il nuovo". Wov, cambiare l'alimentatore è un lavoretto da 5 minuti e così mi son evitato il trasporto del pc. Ovvio con l'assistenza on-site o carrie-in era un altro discorso, ma quanto di più avrei pagato il pc?Ritengo questo un caso di "assistenza intelligente" ovvero se il lavoro è semplice e basta cambiare il pezzo (oggi assemblare un home pc è come fare i lego) tanto vale fartelo da te: risparmi tempo e denaro.Chiaramente con un portatile sarebbe stato tutto più difficile, lo ammetto.Dico tutto questo perchè un amico ha avuto il pc in assistenza per 15 giorni (presso una nota catena italiana) per un prob simile, io me la sono cavata in 2 giorni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Smarrimento scontrino e S/N
    se il produttore è serio, siciao
    • Ics-pi scrive:
      Re: Smarrimento scontrino e S/N
      Appunto, quindi nel 99,9999% dei casi...no.
      • Anonimo scrive:
        Re: Smarrimento scontrino e S/N
        avevo scritto ad una famosa casa in effetti per l'rma (nominata nell'articolo, definita "senza macchia" e non è HP)mi hanno risposto che loro non se ne occupano ma dovevo rivolgermi al rivenditore...siccome col negoziante non ero in buoni rapporti, ho preferito cestinare la scheda e cambiare marca,:(
        • Ics-pi scrive:
          Re: Smarrimento scontrino e S/N
          Mi ci faccio le palle che e' Asus...
          • Anonimo scrive:
            Re: Smarrimento scontrino e S/N
            esatto
          • Ics-pi scrive:
            Re: Smarrimento scontrino e S/N
            Strano guarda, non l'avrei mai detto. Io ho avuto lo stesso problema. Scheda morta e loro la rifiutano.La cosa fastidiosa e' che le schede sono buone, io ne ho montate a decine, pero' l'assistenza nel malaugurato caso in cui ti tocca averci a che fare....FA SCHIFO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Smarrimento scontrino e S/N
            Io ho comprato una asus ritenendola una delle migliori per sentito dire, adesso lo penso anch'io, certo che se devo montarla ad un cliente adesso ci penso due volte...
        • Anonimo scrive:
          Re: Smarrimento scontrino e S/N
          - Scritto da: Anonimo
          avevo scritto ad una famosa casa in effetti
          per l'rma (nominata nell'articolo, definita
          "senza macchia" e non è HP)

          mi hanno risposto che loro non se ne
          occupano ma dovevo rivolgermi al
          rivenditore...

          siccome col negoziante non ero in buoni
          rapporti, ho preferito cestinare la scheda e
          cambiare marca,

          :(Mi spiace per te, ma la risposta di ASUS è stata correttissima: secondo la nuova legge dei "due anni di garanzia", è sempre il negoziante che deve fornire l'assistenza, e mai la casa madre. Questo proprio per evitare i continui rimpalli di responsabilità (devi andare da loro, no, devi andare da lui...). PER TUTTI: LA LEGGE E' CHIARA, PER LA GARANZIA SI VA DAL NEGOZIANTE. PUNTO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Smarrimento scontrino e S/N
            -

            Mi spiace per te, ma la risposta di ASUS
            è stata correttissima: secondo la
            nuova legge dei "due anni di garanzia",
            è sempre il negoziante che deve
            fornire l'assistenza, e mai la casa madre.
            Questo proprio per evitare i continui
            rimpalli di responsabilità (devi
            andare da loro, no, devi andare da lui...).
            PER TUTTI: LA LEGGE E' CHIARA, PER LA
            GARANZIA SI VA DAL NEGOZIANTE. PUNTO.Se non capiamo che la garanzia EUROPEA e' di soli sei mesi, la prenderemo sempre nel sedere!Dopo sei mesi, spetta al consumatore l'onere della prova La garanzia infatti copre SOLO difetti di conformita' presenti sin dall'origine!Nei primi sei mesi si presuppone che il difetto fosse preesistente (se quindi il negoziante dice che abbiamo overclocckato e rotto la cpu, DEVE dimostrare che lo abbiamo veramente fatto)Dopo, l'onere della prova si ribaltaLo dicono da mesi anche le associazioni consumatoriSe sono passati 6 mesi, non spendete soldi in avvocati o altro. Se non avete una perizia (che costa piu' del componente) e' tutto inutile!La legge e' chiara!non facciamoci fregare!
  • Anonimo scrive:
    Acer Invece
    è superlativa con il suo nuovo centro a lainate. Ti sistemano tutto . Hurra per Sandro il tecnico della serie 800/8000
  • Anonimo scrive:
    Smarrimento scontrino e S/N
    Salve, ma se dovessi perdere lo scontrino del prodotto (mi è successo con una mainboard), è possibile rivolgersi al produttore utilizzando il serial number che di solito è stampato sull'etichetta?GrazieSaluti
  • marcodilenardo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo
    è eccellente


    (apple)Quindi se mi compro il Mini mac e dovessi aver problemi posso contare su qualcuno?? p.s.: mi dai qualche consiglio sul mondo Apple
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: marcodilenardo

      - Scritto da: Anonimo

      è eccellente





      (apple)


      Quindi se mi compro il Mini mac e dovessi
      aver problemi posso contare su qualcuno??

      p.s.: mi dai qualche consiglio sul mondo
      AppleSi ma vedi il fatto è che se ti compri un Mac ben difficilmente avrai bisogno dell'assistenza.Comunque ti consiglio di andare in un centro Apple della tua città e non affidarti al "TRONY" et simili di turno, tutti i centri Apple sono di solito negozi "preparati" a recepire una clientela "pro" e quindi molto efficenti nel risolvere problemi o trovare soluzioni.Decisamente negozi ben diversi dal "giggi er truzzo" dietro l'angolo che mi "avverte" che il mouse e la tastiera che sto comprando non funzioneranno sul mio Mac perché c'è solo il driver per PC...:sCiaoPS: comunque che O.o io questo post su Apple non l'avrei iniziato, è solo un modo per iniziare un Flame!
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: marcodilenardo



        - Scritto da: Anonimo


        è eccellente








        (apple)





        Quindi se mi compro il Mini mac e
        dovessi

        aver problemi posso contare su
        qualcuno??



        p.s.: mi dai qualche consiglio sul mondo

        Apple

        Si ma vedi il fatto è che se ti
        compri un Mac ben difficilmente avrai
        bisogno dell'assistenza.

        Comunque ti consiglio di andare in un centro
        Apple della tua città e non affidarti
        al "TRONY" et simili di turno, tutti i
        centri Apple sono di solito negozi
        "preparati" a recepire una clientela "pro" e
        quindi molto efficenti nel risolvere
        problemi o trovare soluzioni.

        Decisamente negozi ben diversi dal "giggi er
        truzzo" dietro l'angolo che mi "avverte" che
        il mouse e la tastiera che sto comprando non
        funzioneranno sul mio Mac perché
        c'è solo il driver per PC...
        :s

        Ciao

        PS: comunque che O.o io questo post su Apple
        non l'avrei iniziato, è solo un modo
        per iniziare un Flame!Io consiglio invece di comprare online(apple)
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece
        Un giorno, avendo salvato dalla discarica un Mac LC475, decido di provarlo collegandolo ad un monitor SVGA. Vado a cercare l'adattatore video in un negozio Apple della mia città. Massima cura per il cliente, ottima organizzazione ... rimango basito nel constatare che trovano subito l'adattatore, nonostante si tratti di hardware vecchio di 10 anni. Prezzo : ~ 15 euro. "Ok, ci penserò". Esco, vado al negoziaccio di elettronica lì vicino quasi senza speranza, ed invece ... ecco lì lo stesso prodotto ... in vendita a 5 euro !La qualità si paga ....... ma io non ho danaro da buttare nel cesso !Saluti,PiwiP.S. Comunque, bella macchina l'LC475, ma cazzo, tutto proprietario .... addirittura il disco rigido SCSI con "bios" Apple, e la SIMM con la memoria video a 68 Pin, invece dei classici 72 ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: marcodilenardo

      - Scritto da: Anonimo

      è eccellente





      (apple)


      Quindi se mi compro il Mini mac e dovessi
      aver problemi posso contare su qualcuno?? Poiché Apple crea l'hardware, il sistema operativo e molte applicazioni incluse, i computer Apple sono sistemi davvero integrati con un supporto di livello superiore. AppleCare offre un'ampia gamma di servizi di supporto e assistenza per rispondere a ogni esigenza. Inoltre, le numerose risorse online del sito web di supporto AppleCare forniscono informazioni e istruzioni di rilievo.
      p.s.: mi dai qualche consiglio sul mondo
      AppleI designer e gli ingegneri di casa Apple studiano minuziosamente ogni millimetro di ogni nuovo modello Macintosh, e ogni pixel dell?interfaccia utente. Il risultato? I computer Apple sono prodotti ergonomici che fanno brillare gli occhi ai creativi del design. iMac G5. PowerBook. iPod. iBook G4. L?ossessione per lo stile e il dettaglio è ovunque: ordine perfetto dietro al pannello posteriore removibile del nuovo iMac G5, incisioni al laser dove altri avrebbero incollato un?etichetta, il robusto case in policarbonato di eMac, lo chassis in lega di alluminio anodizzato di Power Mac G5, l?elegante mouse ottico incluso in ogni Mac desktop, le istruzioni sul retro del pannello che aprite per aggiungere memoria ai sistemi iBook o PowerBook. Sono oggetti che risulterebbero sensazionali anche se non fossero computer. Strumenti che, a ogni livello, sono un vero piacere da usare.(apple)
      • TPK scrive:
        Re: Apple invece
        Poiché Apple crea l'hardware, ilsistema operativo e molte applicazioniincluse, i computer Apple sono sistemidavvero integrati con un supporto di livellosuperiore. AppleCare offre un'ampia gamma diservizi di supporto e assistenza perrispondere a ogni esigenza. Inoltre, lenumerose risorse online del sito web disupporto AppleCare forniscono informazioni eistruzioni di rilievo.I designer e gli ingegneri di casa Applestudiano minuziosamente ogni millimetro diogni nuovo modello Macintosh, e ogni pixeldell?interfaccia utente. Il risultato? Icomputer Apple sono prodotti ergonomici chefanno brillare gli occhi ai creativi deldesign. iMac G5. PowerBook. iPod. iBook G4.L?ossessione per lo stile e il dettaglioè ovunque: ordine perfetto dietro alpannello posteriore removibile del nuovoiMac G5, incisioni al laser dove altriavrebbero incollato un?etichetta, il robustocase in policarbonato di eMac, lo chassis inlega di alluminio anodizzato di Power MacG5, l?elegante mouse ottico incluso in ogniMac desktop, le istruzioni sul retro delpannello che aprite per aggiungere memoriaai sistemi iBook o PowerBook. Sono oggettiche risulterebbero sensazionali anche se nonfossero computer. Strumenti che, a ognilivello, sono un vero piacere da usare. Questa la stampo e la incornicio!A meno che non possa gia' trovarla su un depliant...
  • Anonimo scrive:
    Re: Apple invece
    - Scritto da: Anonimo
    è eccellente


    (apple)Che co...oni questi confronti!!!Anche nei pc ci sono marche buone che offrono buona assistenza...E poi se devo andare a pagare il triplo rispetto ad un pc per avere un mac con le stesse prestazioni, PRETENDO che l'assistenza sia eccellente!
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      è eccellente





      (apple)


      Che co...oni questi confronti!!!
      Anche nei pc ci sono marche buone che
      offrono buona assistenza...
      E poi se devo andare a pagare il triplo
      rispetto ad un pc per avere un mac con le
      stesse prestazioni, PRETENDO che
      l'assistenza sia eccellente!io invece pretenderei che la si finisse con i luoghi comuni del pago il triplo x cose che valgono la meta...i prezzi sono allineati su HP, Dell e compagnia bella
      • Anonimo scrive:
        Re: Apple invece
        - Scritto da: Anonimo
        i prezzi sono
        allineati su HP, Dell e compagnia bellaNon è obbligatorio comprare hp,dell o altre marche: si compra un assemblato che costa meno e ha anche componenti di qualità migliore(spesso nei pc di marca rifilano almeno un paio di pezzi di antiquariato).Detto questo,l'assistenza apple è perfetta.
  • Anonimo scrive:
    Apple invece
    è eccellente (apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: Apple invece
      - Scritto da: Anonimo
      è eccellente


      (apple)Lo dici tu! Per me l'esperienza Apple è stata un incubo! In 4 mesi ho fatto il "switch" e il "contro-switch"...Ma tanto è inutile scendere in particolare.. tanto chi non si genuflette alla casa della mela è automaticamente accusato di esere un troll
Chiudi i commenti