Il PARC vuole l'interoperabilità fra device

I celebri laboratori Xerox hanno sviluppato alcune tecnologie che, nel prossimo futuro, potrebbero consentire una stretta e trasparente interoperabilità fra reti e dispositivi differenti


Santa Clara (USA) – Il Palo Alto Research Center ( PARC ), il centro di ricerche di Xerox in cui è nata la stampa laser e le interfacce grafiche utente, ha sviluppato delle tecnologie che promettono di semplificare e automatizzare la sicurezza delle reti wireless, sia aziendali che domestiche, e fornire un elevato grado di interoperabilità fra reti e dispositivi differenti.

L’obiettivo del PARC è quello di permettere agli utenti di effettuare il roaming fra differenti tipi di rete e collegare l’uno con l’altro una vasta gamma di dispositivi elettronici di consumo. Per raggiungere lo scopo il PARC sta portando avanti due diversi progetti: uno relativo alla sicurezza delle reti wireless, e l’altro all’interoperabilità fra device.

“Questi progetti rappresentano delle tappe fondamentali per operare in un mondo dove il computing sta divenendo sempre più pervasivo e alla portata di tutti”, ha commentato Mark Bernstein, president e center director di PARC.

Il primo progetto utilizza una private key infrastructure (PKI) per automatizzare lo scambio di chiavi crittografiche fra reti e dispositivi differenti e consentire ai client, una volta ottenuto un certificato digitale, di configurare automaticamente le impostazioni di sicurezza. Il PARC sostiene che questo meccanismo può ridurre i tempi di set-up di una connessione sicura portandoli a meno di due minuti.

Il secondo progetto riguarda lo sviluppo di una piattaforma chiamata Obje e utilizzata per interconnettere fra loro diverse tipologie di dispositivi attraverso reti wired e wireless. Il PARC ha spiegato di aver sviluppato un linguaggio comune che, attraverso degli speciali codici, permette ai dispositivi mobili di scambiarsi informazioni sul proprio funzionamento e sul tipo di rete utilizzato. In questo modo i dispositivi saranno in grado di condividere dati e applicazioni senza la necessità di utilizzare protocolli o standard comuni.

Il PARC afferma che la propria architettura è indipendente dal sistema operativo e dell’hardware e potrà essere implementata su praticamente tutti i dispositivi consumer, dai PDA agli smart phone, dalle set-top box alle videocamere digitali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Secondo me...
    Sto pacco e' solo un gran "pacco" .. come tutti i "pacchi" che ha sfornato microsoft in tutti questi anni e a subire il "pacco" saranno solo gli utenti
  • Anonimo scrive:
    Re: Unico neo
    [CUT]

    Prendevi il SO che volete e smettetela di
    perdere tempo.
    E questo vale anche per me. Ne ho perso
    già abbastanza.Io aggiungerei: Prendetevi il SO che volete e STUDIATELO. Ma soprattutto USATELO con il cervello attivo.Per il resto sono PIENAMENTE concorde con quanto hai detto tu.CiaoLucaP.S. Per tutti i troll...questo post è scritto con SuSE9 e Firefox anche se oggi ho lavorato con Win2003.
  • Anonimo scrive:
    Un Pacco
    Sarà come al solito un "Pacco". Come nelle migliori delle tradizioni Microsoft.;)
  • Anonimo scrive:
    Re: anti-che?
    - Scritto da: Anonimo
    "Microsoft inietterà nel proprio
    sistema operativo gli anticorpi necessari a
    irrobustirne le difese contro le minacce
    più comuni, come virus e cracker"

    ah ah ah ah

    (linux)cosa ti ridi, e' una cosa seria, billy ha sbagliato siringa, ed ora sniffa anticorpi e si e' iniettato la coca.
  • Anonimo scrive:
    Re: programmatori: no ADMINISTRATOR
    - Scritto da: Anonimo
    un semplice concetto da sviluppare nei
    programmi è che non devono funzionare
    solo sotto administrator!

    devono funzionare con tutti gli
    utenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


    o perlomeno prevedere gli usi delle diverse
    politiche usersDipende dal programma, da come e' strutturato win, alcuni programmi non possono prescindere dall'usare i privilegi di administrator.E poi con il pepe al sedere che l'amministratore ti mette per distrubuire la nuova release del programma chi vuoi che ci pensi alla sicurezza. :'(
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@???
    Ma che centra l'open source ? Se un prg e' scritto con i piedi , lo e' sia open che closed.... e ci sono esempi da tutte le parti....Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Unico neo
    Ti chiedi perche' PI fa' questo ?Ma e' semplice caro amico .... guardati in giro sulla pagina ... che vedi ....? banner ... banner ... banner .. Sono almeno otto mesi che PI e' diventato Punto-Troll.E con i troll si sa .... si guadagna.Ciao
  • paulatz scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@???
    - Scritto da: Anonimo
    Qualcuno può spiegare come rimuovere
    la scellerata patch
    in oggetto?perché vieni a disturbare noi???Rivolgiti alla tanto decantata assistenza M$ e lascia in pace gli utenti che non li paga nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Re: pacchi
    - Scritto da: Anonimo
    MS i pacchi li prepara per tutti

    :(troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@??
    - Scritto da: Anonimo
    PS: anche la trovata pubblicitaria
    buy@fiat.com/ non funziona piu' con IE, solo
    con Mozilla. Ma di questo ce ne faremo una
    ragione :)scrivi buyATfiat.com
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@???
    con IE patchato non si può più usareun'url così formata:http://user:passw@www.esempio.com/
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@???
    - Scritto da: Anonimo
    Qualcuno può spiegare come rimuovere
    la scellerata patch
    in oggetto?

    ho dovuto installare il sp4 e è stata
    installata in automatico..Veramente potrei essere io male informato, ma non ho capito la questione della patch. E' una patch di IE o di Windows? Che "problema" dovrebbe "risolvere"? E a te che fastidi crea?

    che nervoso..
    ma come si fa a ragionare così!!!??

    Come spingere clienti nell'accogliente bocca
    dell'open source.
    a frotte

    benvenga allora.
    ma porc'
  • Anonimo scrive:
    Re: Unico neo
    Beh, con un titolo così cosa ti aspettavi?"Microsoft prepara un pacco per gli sviluppatori"da "prepara" a "tira" il passo è breve ed è quello che vogliono a PI. Mi piace PI ma non perde occasione per alimentare questa STUPIDA e INUTILE guerra di religione.Come mai? Perchè PI non riesce ad essere al di sopra delle parti? Perchè ha interesse ad ospitare una vagonata di post. Perchè più ne ha e più diventa famosa e più guadagna con la pubblicità. Lo stesso motivo che muove Microsoft a non fare le cose come dovrebbero essere fatte, ma credete davvero che SUN, IBM, Red Hat (tanto care al pinguino) siano migliori? Pensate davvero che se SUN avesse avuto qualche speranza di fare soldi con StarOffice lo avrebbe messo a disposizione gratuitamente con OpenOffice. No! No! No! Credete davvero che se Linux arriverà ad avere la diffusione che windows ha adesso IBM e le altre restino a guardare? Faranno di tutto per dichiarare la GPL illegale e rendere Linux ne più ne meno come Windows. Guardate quello che succede tra SCO. IBM, Novell. Sono tutti li ad azzannarsi. Ma non lo avete ancora capito? Sono tutte UGUALI.Prendevi il SO che volete e smettetela di perdere tempo.E questo vale anche per me. Ne ho perso già abbastanza.
  • ldsandon scrive:
    .NET piattaforma per i web services?
    Per favore Punto Informatico, non disinformare!Il .NET framework è l'insieme di tutte le librerie utilizzate da tutte applicazioni .NET - non solo i web services - e quindi applicazioni GUI, pagine asp.net, ecc. ecc.La sicurezza "si fa" anche informando correttamente gli utenti!E avendo parlato prima di "motore" e poi di framework intendete solo le librerie o anche la virtual machine - che è il motore vero e proprio?
    • la redazione scrive:
      Re: .NET piattaforma per i web services?
      - Scritto da: ldsandon
      Per favore Punto Informatico, non
      disinformare!

      Il .NET framework è l'insieme di
      tutte le librerie utilizzate da tutte
      applicazioni .NET - non solo i web services
      - e quindi applicazioni GUI, pagine asp.net,
      ecc. ecc.Hai ragione, abbiamo corretto ;-)
      La sicurezza "si fa" anche informando
      correttamente gli utenti!

      E avendo parlato prima di "motore" e poi di
      framework intendete solo le librerie o anche
      la virtual machine - che è il motore
      vero e proprio?Pee saperlo, bisognerà attendere notizie più dettagliate da MS.Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: .NET piattaforma per i web services?
      - Scritto da: ldsandon
      ... la virtual machine - che è il motore
      vero e proprio?NET . . . . virtual machine . . . mi sento mancare . . . MS ha inventato una cosa completamente nuova e rivoluzionaria . . . . una cosa incredibile che non si era mai vista nell'universo !!! e si chiama CLR, dopo aver in tutti i modi cercato di involgarire quello schifo di Java ora ha finalemnte coniato le sue nuove e rivoluzionarie tecnologie . . . IL, CLR, C# . . . lame rotanti e via dicendo, altro che virtual machine
    • Anonimo scrive:
      Re: .NET piattaforma per i web services?
      .NET fa schifoooooooooooo !!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: programmatori: no ADMINISTRATOR
    Si, ma questo è difficile per gli pseudo programmatori che lavorano sotto windows. Ancora per anni e anni dovremo lottare con programmi che funzionano solo da amministratore e non da utente. Per poi sentirci dire dall'assistenza profumatamente pagata che basta dare i diritti di amministratore a tutti gli utenti sulla macchina e il programma funziona a meraviglia. Ma che vadano a fare in c##o!!!
  • Anonimo scrive:
    programmatori: no ADMINISTRATOR
    un semplice concetto da sviluppare nei programmi è che non devono funzionare solo sotto administrator!devono funzionare con tutti gli utenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!o perlomeno prevedere gli usi delle diverse politiche users
  • Anonimo scrive:
    Re: Unico neo
  • Anonimo scrive:
    pacchi
    MS i pacchi li prepara per tutti:
  • Anonimo scrive:
    Re: Unico neo

    da win2000 la mia vita è cambiata ehai provato anche l'ultimo ammorbidente della Vernel? da allora la mia vita e' diventata molto piu' morbida.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@??
    O mi sono perso un qualche nuovo RFC, oppure Microsoft non tiene in considerazione il 2396 [ ftp://ftp.rfc-editor.org/in-notes/rfc2396.txt ] che per me e' l'ultimo.Lo RFC 2396 sconsiglia vivamente l'uso di passare nello url[user]:[password]@[host]:[port]ma non lo vieta! E comunque ammette sempre un URL tipo http://userinfo@host/ . Notare che per lo RFC "userinfo" potrebbe comunque ancora trattarsi della sconsigliata accoppiata "user@pass".Certo, passare le chiavi di accesso ad un sito nello url non e' assolutamente sicuro, ma la responsabilita' dovrebbe essere dell'utente. Il browser dovrebbe limitarsi a non passare tali informazioni nei "referrer" e di non mantenerle in memoria o nella cronologia.Personalmente giudico questa cosa GRAVE anche se prevedibile. Microsoft possiede una quasi completa egemonia per quanto riguarda i browser e di conseguenza Microsoft comincia a fregarsene degli standard.Ma forse non e' neanche un problema MS, probabilmente qualunque altra azienza nelle stesse condizioni di egemonia avrebbe fatto lo stesso.PS: anche la trovata pubblicitaria http://buy@fiat.com/ non funziona piu' con IE, solo con Mozilla. Ma di questo ce ne faremo una ragione :-)- Scritto da: Anonimo
    Qualcuno può spiegare come rimuovere
    la scellerata patch
    in oggetto?

    ho dovuto installare il sp4 e è stata
    installata in automatico..
    ...
  • Anonimo scrive:
    la notizia sul p2p
  • Anonimo scrive:
    anti-che?
    "Microsoft inietterà nel proprio sistema operativo gli anticorpi necessari a irrobustirne le difese contro le minacce più comuni, come virus e cracker"ah ah ah ah(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Come rimuovere la patch user:pass@???
    - Scritto da: Anonimo
    Qualcuno può spiegare come rimuovere
    la scellerata patch
    in oggetto?

    ho dovuto installare il sp4 e è stata
    installata in automatico..

    che nervoso..
    ma come si fa a ragionare così!!!??

    Come spingere clienti nell'accogliente bocca
    dell'open source.
    a frotte

    benvenga allora.
    ma porc'non ti ho capito, di cosa parli?
  • Anonimo scrive:
    Come rimuovere la patch user:pass@???
    Qualcuno può spiegare come rimuovere la scellerata patch in oggetto?ho dovuto installare il sp4 e è stata installata in automatico..che nervoso..ma come si fa a ragionare così!!!??Come spingere clienti nell'accogliente bocca dell'open source.a frottebenvenga allora.ma porc'
Chiudi i commenti