Il Pentium M si fa più economico

Intel ha sfornato un nuovo modello di Pentium M che, a fronte di qualche sacrificio sul lato delle prestazioni, vanta il prezzo più basso della sua linea


Santa Clara – Intel ha deciso di assecondare le richieste di diversi produttori di notebook e commercializzare, senza troppa pubblicità, un nuovo modello entry-level di Pentium M, il 705, dal prezzo inferiore ai 200 dollari.

Per contenere il costo del nuovo chip, Intel ne ha sacrificato prestazioni e consumi: il Pentium M 705 gira infatti a 1,5 GHz, contro i 2 GHz del modello più veloce; include un solo megabyte di cache L2 (contro i 2 MB dei suoi più recenti predecessori); e si basa sul core Banias, lo stesso che è stato di recente sostituito dal core di seconda generazione Dothan.

Il precedente modello entry-level, il Pentium M 715 , gira alla stessa velocità di clock del nuovo chip ma, a dispetto di questo, adotta il più efficiente core Dothan e una quantità di cache doppia. Intel non ha svelato a quale prezzo fornisce il Pentium M 705 agli OEM, tuttavia questo dovrebbe essere di circa 50 dollari più basso di quello del 715, che attualmente costa 209 dollari. Stando ad alcune fonti, la produzione di quest’ultimo chip dovrebbe cessare a breve.

Fra i primi produttori di laptop ad includere il nuovo processore sulle proprie macchine vi saranno HP e Dell: entrambe le società hanno ancora a listino PC portatili equipaggiati con la prima generazione di Pentium M.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello
    - Scritto da: Ekleptical

    Liquid Nitrogen (azoto liquido). Per la

    seconda generazione del chip in
    questione si

    è pensato di riservare le

    installazione alle sole MoBo presenti in

    Antartide.....a 20 Mt sotto il suolo.

    Sottoterra fa più CALDO, non
    più freddo! :p
    Sei un genio, spostiamo tutte le cantine al quinto piano dei palazzi....
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: avvelenato
    mi aspetto che il tuo meccanico ti dia del
    rincoglionito perché non sai
    cambiarti una gomma
    che il tuo idraulico ti dia del
    rincoglionito perché non sai
    ripararti il lavandino
    che il tuo elettricista, il tuo medico, il
    dentista ti diano del rincoglionito.Lascialo perdere. di solito chi scrive cose del genere non saprebbe neppure distinguere SPSS da un programma di contabilità, e in generale non sa un cazzo oltre quelle 4 fregnacce che ha imparato sui siti "hackerz".
  • avvelenato scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Ekleptical

    come al solito dipende tutto o molto dal

    diné.

    però nel tco bisogna considerare

    anche:

    spazio fisico per piazzare 100 pc

    alimentazione

    manutenzione (100pc hanno

    un'affidabilità enormemente
    inferiori

    ad un unica superworkstation)

    Bravo. Ora trovami 50 P100 e un P4 3 GHz
    (che più o meno saranno equivalenti,
    contando i MHz e la differente performance
    architetturale). Quale ti costa di
    più fra i 2 secondo te?

    Ti do un suggerimento: un P100 in fiera
    dell'informatica non lo trovi usato a meno
    di 50-100 euro.te l'ho detto, va relativizzato tutto, ci sono delle ditte che dan via decine e decine di pc del genere gratuitamente, purché ci si premuri del ritiro degli stessi a proprie spese. Generalmente essi vanno a finire da onlus o altro, però nulla esclude che si possano usare per calcoli pseudointensivi.cmq un p4 a 3ghz è ancora relativamente economico, ma superato l'orizzonte di potenza delimitato dal mercato consumer, i costi salgono esponenzialmente con una ripidezza molto maggiore, che spesso rendono conveniente architetture a clusters molto più inefficienti ed esose in ogni aspetto del tco.cmq ritornando ai termini della domanda iniziale: quale potrebbe essere un problema estremamente esoso in termini di calcoli e comunque difficilmente parallelizzabile? Si è visto infatti che sia per problemi di crittografia, sia meteorologia o simulazioni belliche, i sistemi distribuiti sono i più usati, i più "potenti" (secondo criteri forse opinabili), e quindi i più pubblicizzati, cosa che mi rende curioso su sistemi che magari non sono sul top500.org, ma hanno dalla loro un'architettura specificatamente studiata per appz che prevedono molte interazioni fra i threads.
  • Ekleptical scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    come al solito dipende tutto o molto dal
    diné.
    però nel tco bisogna considerare
    anche:
    spazio fisico per piazzare 100 pc
    alimentazione
    manutenzione (100pc hanno
    un'affidabilità enormemente inferiori
    ad un unica superworkstation)Bravo. Ora trovami 50 P100 e un P4 3 GHz (che più o meno saranno equivalenti, contando i MHz e la differente performance architetturale). Quale ti costa di più fra i 2 secondo te?Ti do un suggerimento: un P100 in fiera dell'informatica non lo trovi usato a meno di 50-100 euro.
  • avvelenato scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: avvelenato


    quali saranno le appz determinanti
    per

    tutta


    'sta potenza elaborativa?



    Vacca ragass... ma possibile che non
    riesci

    neppure per un solo unico maledetto
    istante

    a schiodarti dalla tua micragnosa

    insignificante prospettiva di ragazzino

    singleusersohofaidate ? C@zzo, i
    computer

    servono ALLE AZIENDE !!!

    Certo, e' noto che per far girare Office e
    darlo in mano ad un rincoglionito che sa a
    malapena accendere il PC occorre grande
    potenza.
    andiamo pure ot, ma perché chi sa a malapena accendere il pc è un rincoglionito?mi aspetto che il tuo meccanico ti dia del rincoglionito perché non sai cambiarti una gommache il tuo idraulico ti dia del rincoglionito perché non sai ripararti il lavandinoche il tuo elettricista, il tuo medico, il dentista ti diano del rincoglionito.e che ti freghino pure dei soldi. Auguri.
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: avvelenato

    quali saranno le appz determinanti per
    tutta

    'sta potenza elaborativa?

    Vacca ragass... ma possibile che non riesci
    neppure per un solo unico maledetto istante
    a schiodarti dalla tua micragnosa
    insignificante prospettiva di ragazzino
    singleusersohofaidate ? C@zzo, i computer
    servono ALLE AZIENDE !!! Certo, e' noto che per far girare Office e darlo in mano ad un rincoglionito che sa a malapena accendere il PC occorre grande potenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo
    ovvero? 2d? impaginazione? vettoriale?
    photoshop? quale programma 2d potrà
    mai aver bisogno di tale potenza di
    calcolo....

    te lo dico io, nessunoE dici male, perché sei ignorante. EDA CAD, per esempio, bidimensionale puro. Prova a fare il ratsnest di una board Eurocard doppia anche con soli 6 strati, una generosa grid da 25 mil, piste 8mil/16mil e 50 o 60 mila poligoni di massa, tra due settimane il tuo PC è ancora lì che agonizza. Sono applicazioni che solo oggi timidamente si permettono di girare anche su PC, sempre come entry level.
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    mah in fase di rendering sicuramente, per la
    modellazione quasi nulla, e poi per il
    rendering, ormai ci si oriente verso il
    rendering distribuito, quindi più che
    superproci, occorrono tante macchine e
    sistemi ottimizzati di distribuzione (tipo
    quello di after effects RTOFL)ROTFL, mai lavorato in 3D?In fase di lavorazione la velocità di rendering serve eccome!.Preview non ne fai? Se usi un software procedurale parametrico la CPU serve come il pane.
    grafica avanzata?
    ovvero? 2d? impaginazione? vettoriale?
    photoshop? quale programma 2d potrà
    mai aver bisogno di tale potenza di
    calcolo....carica un'immagine di 20.000 pixels su PS e prova ad applicare qualche effetto.
    te lo dico io, nessunoROTFL
    videoediting?
    nahhhh si vede che non l'hai mai fatto, hard
    disk veloci, tanta ram, e un processore
    esterno per effetti real time... non serve
    altro.Compositing?
    torna a scaricare mp3, eklè, altro
    non sai fare... giassaisveglia!
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    Bhe, credi che un processore veloce sia
    determinante quando devi aspettare circa
    10/100 volte tanto per recuperare qualcosa
    da disco invece che in ram?e' tutto molto relativo.se fai rendering in genere e hai molta memoria, io ho 2 gb, il collo di bottiglia e' la cpu.se poi tu hai a che fare con computer con 64 mega è un'altro discorso.
  • Anonimo scrive:
    Re: 1Ml di transistor inutili
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    "pur"?

    Guarda che passando alla tecnologia a

    90nanometri

    a parita' di transistor (ad esempio)
    occupi

    si un'area

    minore di substrato etc, ma il calore da

    dissipare e' lo

    stesso!

    se il processo produttivo e' a 0,09 invece
    che a 0,13 la corrente assorbita e quindi il
    riscaldamento dato da ogni singolo
    transistor e' minore... [...]
    a parita' di numero di transistor un
    processo produttivo piu' raffinato porta a
    temperature piu' basse (anche se poi in
    genere si alza il clock, proprio per questo
    motivo)In effetti in uno scaling di un fattore alfa
    1hai tensioni e correnti alfa volte piu' piccole,e quindi potenze istantanee dissipate dai dispositivialfa^2 volte minori (P=VI). Questo e' ovviamente un effettopostivo, oltre al fatto che si riducono di alfa anche itransitori di commutazione etc... quindi aumentera' lavelocita' della cpu.Ma non hai considerato che nonostante i dispositiviattivi funzionino generalmente meglio, sono leinterconnessioni tra quest'ultimi che vanno peggio!Infatti forzando una corrente (alfa volte piu' piccola)a passare per una sezione di un conduttore che sara' alfa^2 volte piu' piccola (poiche' consideri le 2 dimensioni..)la densita' di corrente aumentera' di un fattore alfa......e quindi anche la densita' di calore da dissipare aumentera'di alfa (oltre ovviamente alla resistenza).E tutto questo considerando che le dimensioni medie delleinterconnessioni rimane circa la stessa per le 2 tecnologie.Quindi se scalda meno (ma dubito) una cpu in tecnologia90nm rispetto a una 130nm credo che sia per altrimotivi (miglioramenti del routing delle connessioni o altro)che non per il semplice fatto che il processo produttivosia piu' "raffinato"....si potrebbe approfondire con altre considerazioni, ma e' tardie magari ho gia' detto delle cavolate :p--bye,The Reptilian
  • Anonimo scrive:
    Re: 1Ml di transistor inutili
    - Scritto da: Anonimo
    "pur"?
    Guarda che passando alla tecnologia a
    90nanometri
    a parita' di transistor (ad esempio) occupi
    si un'area
    minore di substrato etc, ma il calore da
    dissipare e' lo
    stesso! se il processo produttivo e' a 0,09 invece che a 0,13 la corrente assorbita e quindi il riscaldamento dato da ogni singolo transistor e' minore... guarda i barton a 0,13 rispetto ai "vecchi" athlon a 0,18(potrei sbagliarmi, correggetemi)il mio 1800+ ha in idle 55 gradi in questo momento con un buon dissipatoreil barton 2500 di un mio amico sta a 40 gradi in idle d'estate con un dissipatore da 10 euro... a parita' di numero di transistor un processo produttivo piu' raffinato porta a temperature piu' basse (anche se poi in genere si alza il clock, proprio per questo motivo)poi e' ovvio che piu' transistor ci metti in un die e piu' scaldanel prescott la cache e' oltre meta' del processore vero e proprio ed e' stata raddoppiata dal vecchi p4, per questo il prescott consuma oltre 100 watt(il 3600 uscito da qualche giorno gira voce che sta su 115 watt)
  • Anonimo scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc.
    dove hai copiato il testo di questo post???????
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    del mercato home non sono un vero
    vantaggio

    per le altre corporation che usano

    l'informatica, se non ci hai mai
    pensato.
    Esclusa la Apple che grazie alle schede per
    PC a basso costo è riuscita a non
    fallire...Se non ho capito male il post parlava di aziende che USANO l'informatica. E' abbastanza chiaro che col mercato soho/home ci hanno mangiato tutti quelli che FANNO i PC...
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    qualche maledetto squalo affamato di

    quattrini ha deciso di svendere PC a
    tutti,

    invece di consolle inkiavardate.
    se lo ha fatto avrà deciso che gli
    conveniva.Probabilmente è interessante valutare qualcos'altro, oltre la mera convenienza economica.
    piaccia o no una fetta enorme dell'IT
    è orientato a vendere prodotti e
    servizi al cliente e a risparmiare sulla
    produzione per il cliente di questi beni e
    serviziPerfettamente d'accordo, ci girano dei soldi (altrimenti il tutto non avrebbe senso). Ma l'approccio di progetto è diverso rispetto alla fissazione per la qualità, anzi diametralmente opposto.
    - molte grandi aziende senza personal usano
    thin client con gran parte dell'hw derivato
    dal mondo dei personalMa questo lo facevano già vent'anni fa, con i dumb terminal tipo VT100/VT220 e similari. L'evoluazione dell'HW per quelle applicazioni è sufficientemente indipendente dal mainstream.
    lo stesso principio è
    alla base dell'idea di raid per i dischi
    fissi, In realtà il RAID è "inexpensive" solo nelle intenzioni, visto il costo pressoché invariato delle unità SCSI. Personalmente non credo di aver mai visto dei RAID EIDE o S-ATA là dove l'affidabilità dei dati conta davvero, quindi questo c'entra fino ad un certo punto.
    popolarizzazione dei prezzi (e ripeto, se
    qualcuno è 20 anni che ci vive, vuole
    dire che ha anche lui il suo buon
    tornaconto)Questa è la solita faccenda del gioielliere che vende un diamante al mese guadagnandoci X quasi senza rompersi i coglioni e del verduraio che smercia tonnellate di carote guadagnando 1/10000 di X a carota, rompendosi i coglioni circa 10.000 volte di più... grandi quantità significa quasi sempre guadagni notevoli, tutto sta a vedere 1) a cosa si rinuncia e 2) se, lavorando in un mercato top notch, si guadagnerebbe lo stesso vendendo quantità limitatissime. Il problema è che con la saturazione dei mercati le "nicchie" qualitative non bastano più, e quindi c'è gente che punta all'uno E all'altro tipo di mercato.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc...
    Ti meravigli ? Gli italioti sono così. Esempi sociologici. C'è il mondiale di pallone ? Tutti esperti allenatori, catenaccio, 3+2+7, sanno loro chi mandare in campo e quando, se c'erano loro si vinceva subito. Va di moda Luna Rossa ? Cazzo, da un giorno all'altro tutti skipper e lupi di mare, anche gente che non ha mai visto neppure un pedalò a Cervia; e giù a blaterare di regolamenti, strambate, tangoni e gomene anche al bar. Mondiale di F1 ? Sanno a memoria i dettagli dei regolamenti FIA, e a sentir loro, un italiano su due saprebbe guidare meglio di Schumacher, e uno su tre ha progettato almeno una trentina di motori e scocche per monoposto... italiani popolo di poeti, santi, navigatori ed eroi. Soprattutto popolo di circensi, saccenti millantatori e accattoni intellettuali.
  • Anonimo scrive:
    Re: 1Ml di transistor inutili
    - Scritto da: Anonimo
    limite) la pipeline cosi' lunga e'
    controproducente, infatti i processori
    efficienti e ultraveloci non superano gli 8
    stadiSu questo hai ragione.
    transistor.... solo che gia' adesso hanno
    problemi a far salire di frequenza per colpa
    della dissipazione di calore assurda che si
    ritrovano pur essendo costruiti a 0,09"pur"?Guarda che passando alla tecnologia a 90nanometria parita' di transistor (ad esempio) occupi si un'area minore di substrato etc, ma il calore da dissipare e' lostesso! Il problema e' che se prima potevi dissiparlosu 2 cm^2 ora hai a disposizione solo 1cm^2 (vabe'non proprio, pero' il principio e' questo), quindi ti serveuna superficie radiante maggiore o cmq piu' efficiente...E via di mega-castelli in rame con eliche :)Naturalmente questo e' uno dei problemi che si rende piu'significativo, mentre vi sono ovviamente agli vantaggi...(alcuni ovvi)Saluti,--bye,The Reptilian
  • avvelenato scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo

    Mah, se pensiamo che tutta questa
    potenza di

    calcolo servirà solo per far
    girare

    l'ennesimo taroccamento dello zio

    bill......forse non hai tutti i torti a
    fare

    quel salto!

    MAH...
    PowerPc rulez!
    e adesso aspetto i soliti ignoranti che
    verranno a dire cose come "i mac sono
    leeeeeeeeenti" " i mac non hanno cloooooock"
    senza conoscere la vera architettura ppc e
    senza sapere che ciò che da la
    Potenza (si con la P maiuscola) non è
    il clock...
    (apple)(linux)un tempo avrebbero avuto tutte le ragioni per dirteloadesso c'è il g5 e tanto di cappello ad un signor processore, ma non è che chi ha criticato apple prima l'ha fatto per stupidità.anzi se non fosse stato per loro adesso non starebbero costruendo un superpc con i g5, ma i macachi starebbero ancora a gongolare sui grafici dei test farlocchi su apple.com
  • avvelenato scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Ekleptical

    superproci, occorrono tante macchine e

    sistemi ottimizzati di distribuzione


    disk veloci, tanta ram, e un processore

    esterno per effetti real time


    200 tracce con effetti real time su ogni

    traccia senza coprocessore esterno?

    T'è sfuggito che in tutte queste cose
    che hai detto stai usando metodi per avere
    più potenza di calcolo che non hai?
    Secondo te è più comodo usare
    una rendering farm di 100 computer o uno
    solo che faccia per 100? Un tot di
    processori esterni o far tutto con la
    potenza interna di un computer?come al solito dipende tutto o molto dal diné.però nel tco bisogna considerare anche:spazio fisico per piazzare 100 pcalimentazionemanutenzione (100pc hanno un'affidabilità enormemente inferiori ad un unica superworkstation)laddove questi elementi non siano economicamente penalizzanti rispetto al prezzo del singolo supermegacoso, si sceglierà l'architettura cluster... quindi non esiste una soluzione giusta o sbagliata, ma una adatta ad ogni scopo.(ad esempio se il problema da svolgere non è molto parallelizzabile, con un cluster di 100pc ci si può friggere le uova)
  • Ekleptical scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    superproci, occorrono tante macchine e
    sistemi ottimizzati di distribuzione
    disk veloci, tanta ram, e un processore
    esterno per effetti real time
    200 tracce con effetti real time su ogni
    traccia senza coprocessore esterno?T'è sfuggito che in tutte queste cose che hai detto stai usando metodi per avere più potenza di calcolo che non hai?Secondo te è più comodo usare una rendering farm di 100 computer o uno solo che faccia per 100? Un tot di processori esterni o far tutto con la potenza interna di un computer?
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?


    meglio investire con un maggiore

    quantitativo di RAM (in molti casi, evitare

    lo swap o tenere memorizzato in ram

    risultati di operazioni usate spesso

    permettono di guadagnare molto di + che con

    l'upgrade di un singolo processore) :o
    ROTFLBhe, credi che un processore veloce sia determinante quando devi aspettare circa 10/100 volte tanto per recuperare qualcosa da disco invece che in ram?Se fosse economico, mettere tutto quanto in RAM e fushare su disco solo quando serve e quando c'è tempo (cioè c'è tempo quasi sempre, tranne quando serve, è un po il principio della fila, non serve una strada più larga fino a che non c'è l'ingorgo) sarebbe un ottima cosa.Certo anche i sistemi dovrebbero essere pensati per lavorare in questo modo, ora lo fanno molto alla lontana cioè solo con un pool di dati molto ristretto, perdendo tra l'altro tempo a decidere cosa tenere e cosa no.
  • avvelenato scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc.
    - Scritto da: Anonimo
    come mai tutti qui a scrivere su P I
    anziché occupare il vostro tempo nei
    settori R & D di Intel, AMD, SUN, IBM e
    compagnia?beh, non è tanto difficile, è un po' come conoscere a memoria il nome degli attaccanti di serie A :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello
    - Scritto da: Ekleptical

    Liquid Nitrogen (azoto liquido). Per la

    seconda generazione del chip in
    questione si

    è pensato di riservare le

    installazione alle sole MoBo presenti in

    Antartide.....a 20 Mt sotto il suolo.

    Sottoterra fa più CALDO, non
    più freddo! :pok allora appena vuoi, ti porto in antartide e ti sbatto 20 mt sotto terra, così vedrai che divertimento.... e noi ci leviamo dal c***o te e le tue paranoi sui furti di mp3
  • Anonimo scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc.
    - Scritto da: Anonimo
    perche' alla intel li progettano gli
    ingegneri i processori????

    pensavo gli esperti di marketing!!ciao, torna a giocare con i circuiti che ti fanno fare al primo anno di itis...au vughima
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    3D, grafica avanzata, videoediting con
    effettistica, audio editing e produzione
    musicale.3D?mah in fase di rendering sicuramente, per la modellazione quasi nulla, e poi per il rendering, ormai ci si oriente verso il rendering distribuito, quindi più che superproci, occorrono tante macchine e sistemi ottimizzati di distribuzione (tipo quello di after effects RTOFL)grafica avanzata?ovvero? 2d? impaginazione? vettoriale? photoshop? quale programma 2d potrà mai aver bisogno di tale potenza di calcolo....te lo dico io, nessunovideoediting?nahhhh si vede che non l'hai mai fatto, hard disk veloci, tanta ram, e un processore esterno per effetti real time... non serve altro.audio editing?e che devi fare? 200 tracce con effetti real time su ogni traccia senza coprocessore esterno?produzione musicale?vedi sopra...torna a scaricare mp3, eklè, altro non sai fare... giassai
  • Anonimo scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc.
    - Scritto da: Anonimo
    perche' alla intel li progettano gli
    ingegneri i processori????

    pensavo gli esperti di marketing!!alla microsoft sicuramente!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ma quanti ingegneri esperti di proc.
    perche' alla intel li progettano gli ingegneri i processori????pensavo gli esperti di marketing!!
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?


    Piuttosto che un Processore da 10 Ghz
    (quando uscirà ci saranno un sacco di
    colli di bottiglia con bus e memorie),
    meglio investire con un maggiore
    quantitativo di RAM (in molti casi, evitare
    lo swap o tenere memorizzato in ram
    risultati di operazioni usate spesso
    permettono di guadagnare molto di + che con
    l'upgrade di un singolo processore) :oROTFL
  • Anonimo scrive:
    ma quanti ingegneri esperti di proc...
    come mai tutti qui a scrivere su P I anziché occupare il vostro tempo nei settori R & D di Intel, AMD, SUN, IBM e compagnia?
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    Speriamo che, il bus e le memorie tengano il passo con i Ghz altrimenti non ci guadagniamo molto ;)CiaoXa'
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    Cmq più che aziende, direi medie e grandi aziende.Tra i miei clienti (piccole e medie aziende), trovo ancora dei vecchi pentium... :|Piuttosto che un Processore da 10 Ghz (quando uscirà ci saranno un sacco di colli di bottiglia con bus e memorie), meglio investire con un maggiore quantitativo di RAM (in molti casi, evitare lo swap o tenere memorizzato in ram risultati di operazioni usate spesso permettono di guadagnare molto di + che con l'upgrade di un singolo processore) :oCiaoXa'
  • Ekleptical scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    quali saranno le appz determinanti per tutta
    'sta potenza elaborativa?3D, grafica avanzata, videoediting con effettistica, audio editing e produzione musicale.Più tutte le applicazioni scientifiche.Per questi la potenza non basta mai (va beh, quando arriviamo a 1THz forse il discorso cambia, ma siamo un po' lontani! :P)
  • Ekleptical scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello

    Liquid Nitrogen (azoto liquido). Per la
    seconda generazione del chip in questione si
    è pensato di riservare le
    installazione alle sole MoBo presenti in
    Antartide.....a 20 Mt sotto il suolo.Sottoterra fa più CALDO, non più freddo! :P
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    Ma il mondo NON ruota attorno all'utonto
    home, esclusi mercati di entertainment e
    roba del genere che sono secondari rispetto
    alla IT professionale. Le grandi
    quantità e la bassa qualità
    del mercato home non sono un vero vantaggio
    per le altre corporation che usano
    l'informatica, se non ci hai mai pensato.Esclusa la Apple che grazie alle schede per PC a basso costo è riuscita a non fallire...
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    ohi, scemo di guerra, non venirmi a trattare
    come un poppante.Allora _non_ fare domande da poppante :D
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    qualche maledetto squalo affamato di
    quattrini ha deciso di svendere PC a tutti,
    invece di consolle inkiavardate. se lo ha fatto avrà deciso che gli conveniva.
    Ma il mondo NON ruota attorno all'utonto
    home, esclusi mercati di entertainment e
    roba del genere che sono secondari rispetto
    alla IT professionale. hanno un gran bell'indotto, comincia a mettere insieme il boom di internet, il risparmio possibile in costi gestionali con i servizi remoti (e relativo indotto per l'IT e TLC), il boom del PC, foto/videocamere digitali, il risparmio per le aziende che operano nel multimedia (cinema, musica...) per l'uso di tecnologie digitali.piaccia o no una fetta enorme dell'IT è orientato a vendere prodotti e servizi al cliente e a risparmiare sulla produzione per il cliente di questi beni e servizi
    Le grandi
    quantità e la bassa qualità
    del mercato home non sono un vero vantaggio
    per le altre corporation che usano
    l'informatica, se non ci hai mai pensato.Non fare di tutte le erbe un fascio, in molti settori l'utilizzo di tecnologie mainstream hanno portato benefici notevoli.Ad esempio:- le postazioni lavorative nelle pmi sono quasi sempre personal- molte grandi aziende senza personal usano thin client con gran parte dell'hw derivato dal mondo dei personal- il clustering parte dal principio che a volte e per certi scopi è meglio usare macchine ridondanti in parallelo anche se singolarmente sono meno potenti ed affidabili, lo stesso principio è alla base dell'idea di raid per i dischi fissi, in pratica è l'elogio di ciò che costa poco indipendentemente da quella che ne è la qualità e la potenzacerto ci sono anche linee di ricerca per il mondo consumer che non sono vantaggiose per il mondo professionale, ma è vero che volente o nolente il mondo professionale per molte cose attinge a piene mani da quello mainstream e ha beneficiato della popolarizzazione dei prezzi (e ripeto, se qualcuno è 20 anni che ci vive, vuole dire che ha anche lui il suo buon tornaconto)
  • avvelenato scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: avvelenato

    quali saranno le appz determinanti per
    tutta

    'sta potenza elaborativa?

    Vacca ragass... ma possibile che non riesci
    neppure per un solo unico maledetto istante
    a schiodarti dalla tua micragnosa
    insignificante prospettiva di ragazzino
    singleusersohofaidate ? C@zzo, i computer
    servono ALLE AZIENDE !!!

    Tu ce l'hai sulla scrivania, e ti è
    costato un c@zzo anzichè 8 milioni
    come il primo XT o 30 milioni come una WS,
    solo per grazia ricevuta e perchè
    qualche maledetto squalo affamato di
    quattrini ha deciso di svendere PC a tutti,
    invece di consolle inkiavardate.
    Ma il mondo NON ruota attorno all'utonto
    home, esclusi mercati di entertainment e
    roba del genere che sono secondari rispetto
    alla IT professionale. Le grandi
    quantità e la bassa qualità
    del mercato home non sono un vero vantaggio
    per le altre corporation che usano
    l'informatica, se non ci hai mai pensato.ohi, scemo di guerra, non venirmi a trattare come un poppante. Ho chiesto cosa ci si potrebbe fare con un chip del genere, mi aspetto una risposta, che può anche essere gestire un database da un trillione di records, o altre cose del genere, ma non fare il saccente, dì ciò che sai oppure taci!
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: avvelenato
    quali saranno le appz determinanti per tutta
    'sta potenza elaborativa?Vacca ragass... ma possibile che non riesci neppure per un solo unico maledetto istante a schiodarti dalla tua micragnosa insignificante prospettiva di ragazzino singleusersohofaidate ? C@zzo, i computer servono ALLE AZIENDE !!! Tu ce l'hai sulla scrivania, e ti è costato un c@zzo anzichè 8 milioni come il primo XT o 30 milioni come una WS, solo per grazia ricevuta e perchè qualche maledetto squalo affamato di quattrini ha deciso di svendere PC a tutti, invece di consolle inkiavardate. Ma il mondo NON ruota attorno all'utonto home, esclusi mercati di entertainment e roba del genere che sono secondari rispetto alla IT professionale. Le grandi quantità e la bassa qualità del mercato home non sono un vero vantaggio per le altre corporation che usano l'informatica, se non ci hai mai pensato.
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: avvelenato
    - Scritto da: Anonimo

    a me serve...


    per fare cosa?
    ho capito: stai sviluppando un simulatore in
    grado di prevedere il comportamento delle
    donne* :DCon un generatore di numeri casuali hai più possibilità di indovinare.:D :D :D :p
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare.....
    E pensare che Goldrake aveva i circuiti di mille valvole!!!
  • soulista scrive:
    Re: Per la redazione
    - Scritto da: Anonimo
    nanometri, non manometri.
    I presume ;)Ma noo! i nuovi processori funzioneranno ad aria compressa!:D
  • soulista scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello
    - Scritto da: Anonimo
    10GHz????
    Consumo?? 2KW??
    Raffreddamento a CO2???
    Magari anche un core + inefficente del
    Pentium 4???"prevedo che fra 100 anni i computer saranno 2 volte più potenti, 10000 volte più grandi e quindi talmente costosi che solo i 5 Re più ricchi d'europa potranno permetterseli..."(il professor Frink de "I Simpson" che illustra ad alcuni studenti il suo nuovo computer, il "Frintiak 7", negli anni '70)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    10GHz????

    Consumo?? 2KW??

    Ottimista.....


    Raffreddamento a CO2???

    Liquid Nitrogen (azoto liquido). Per la
    seconda generazione del chip in questione si
    è pensato di riservare le
    installazione alle sole MoBo presenti in
    Antartide.....a 20 Mt sotto il suolo.



    Magari anche un core + inefficente del

    Pentium 4???

    Questo è difficile, sarebbe un
    record.... ;)intel come microsoft ha giocato sull'essere di fatot monopolista del mercato e i pentium 4 sono usciti fin da subito un prodotto mediocre ma di fatto era il loro prodotto e sono andati avanti ora dato che AMD ha consolidato la posizione divenendo più di uan semplice spina nel fianco correranno ai ripari. Ma intel ha più di AMD la potenza e i soldi per fare ottimi prodotti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    MAH...
    PowerPc rulez!
    e adesso aspetto i soliti ignoranti che
    verranno a dire cose come "i mac sono
    leeeeeeeeenti" " i mac non hanno cloooooock"
    senza conoscere la vera architettura ppc e
    senza sapere che ciò che da la
    Potenza (si con la P maiuscola) non è
    il clock...
    (apple)(linux)a parità di frequenza pero' io sono stato deluso da g4 800mhz...nel compilare lo stesso programma l'amd athlon 800mhz faceva mooolto prima del mac (a parità di os, entrambi gentoo). quindi per il momento, mi tengo linux e intel e/o amde.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    E soprattutto pensano che il clock
    sia


    quello sullatray di windows... o

    qualcosa


    del genere che hanno letto su un

    depliant


    del supermercato...



    HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA si si è
    vero

    :D


    La pubblicità di un notebook HP
    "Centrino" ('azzo di nome...) apparsa sulle
    maggiori riviste diceva, LETTERALMENTE: "Da
    oggi con la nuova tecnologia Centrino
    potrete collegarvi a internet senza fili
    alla fantastica velocità di
    802.11B!!!!!"

    Non so se ridere o piangere...... :|


    (apple)hahahahah, cmq i centrini li faceva anche mia nonna, con l'uncinetto..... e, probabilmente, era più veloce!!!(linux)
  • avvelenato scrive:
    Re: 1Ml di transistor inutili
    beh, se questo superprocio da 1m transistor è costruito dagli ingegneri intel, e non dagli esperti di marketing intel, sono convinto che ne verrà fuori una bella cosa.
  • avvelenato scrive:
    Re: E pensare.....
    - Scritto da: Anonimo
    E pensare che nel 1969 (e non 1968 come
    l'autore della battuta ha scritto in altro
    post su P.I.) con la potenza elaborativa
    paragonabile a 2 C64 siamo andati e tornati
    dalla Luna.....:(:(
    8)e scusa, che calcoli doveva fare il computer di bordo?se non erro tutti i calcoli più imponenti erano già stati fatti a terra....cmq in ambito areospaziale pur di avere affidabilità, la potenza è tenuta in secondo piano. Tanto mica devono giocare a FarCry!
  • Anonimo scrive:
    Re: E pensare.....
    - Scritto da: Anonimo
    E pensare che nel 1969 (e non 1968 come
    l'autore della battuta ha scritto in altro
    post su P.I.) con la potenza elaborativa
    paragonabile a 2 C64 siamo andati e tornati
    dalla Luna.....:(:(
    8)E pensa che nel 2004 c'è ancora gente che ci crede :s
  • Anonimo scrive:
    1Ml di transistor inutili
    alla intel sono dei buffoni....si ritrovano con un architettura (quella netburst... il p4 per intenderci) che assolutamente mette in secondo piano l'efficienza e la capacita' elaborativa in favore della frequenza di clock.... i 31 stadi di pipeline del prescott fanno ridere i polli... chiunque abbia studiato un po' sa che oltre i 10-12 stadi (e gia' stiamo al limite) la pipeline cosi' lunga e' controproducente, infatti i processori efficienti e ultraveloci non superano gli 8 stadiper rendere un poco veloce quell'accozzaglia di cpu(prescott) devono aumentare a dismisura la cache di secondo livello... grazie al cavolo che arrivano a 1Ml di transistor.... solo che gia' adesso hanno problemi a far salire di frequenza per colpa della dissipazione di calore assurda che si ritrovano pur essendo costruiti a 0,09guardate gli A64 hanno meno della meta' della cache e le prestazioni non cambiano di molto nel variare la quantita' della stessagli amd sono molto piu' efficienti e permettera' di crescere in velocita' con pochi sforzi... e alla intel a rincorrere... se non si liberano di netburst e vano verso i processori pentium-m like che guardacaso sono derivati dal pentium 3bah!
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo
    ...e un alimentatore da 500 watt solo per la
    CPU....
    CUT
    ..e poi nella maggior parte dei
    casi usa il computer per navigare e
    giocare..... :|
    Mah....Il 20 di agosto, invece di perdere tempo in spiaggia, entra in un negozio di videogiochi, acquista DOOM 3, va a casa, installalo sul tuo pc, lancialo.... sbava.... e poi maledici Intel e AMD (+ Nvidia e ATI) che non hanno ancora prodotto hardware sufficientemente potenti per godersi il "mostro".BFG9K
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    La pubblicità di un notebook HP
    "Centrino" ('azzo di nome...) apparsa sulle
    maggiori riviste diceva, LETTERALMENTE: "Da
    oggi con la nuova tecnologia Centrino
    potrete collegarvi a internet senza fili
    alla fantastica velocità di
    802.11B!!!!!"

    Non so se ridere o piangere...... :|


    (apple)io si lo so:ROTFL :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo

    E soprattutto pensano che il clock sia

    quello sullatray di windows... o
    qualcosa

    del genere che hanno letto su un
    depliant

    del supermercato...

    HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA si si è vero
    :DLa pubblicità di un notebook HP "Centrino" ('azzo di nome...) apparsa sulle maggiori riviste diceva, LETTERALMENTE: "Da oggi con la nuova tecnologia Centrino potrete collegarvi a internet senza fili alla fantastica velocità di 802.11B!!!!!"Non so se ridere o piangere...... :|(apple)
  • Anonimo scrive:
    E pensare.....
    E pensare che nel 1969 (e non 1968 come l'autore della battuta ha scritto in altro post su P.I.) con la potenza elaborativa paragonabile a 2 C64 siamo andati e tornati dalla Luna.....:(:(8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    E soprattutto pensano che il clock sia
    quello sullatray di windows... o qualcosa
    del genere che hanno letto su un depliant
    del supermercato...HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA si si è vero :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    verranno a dire cose come "i mac sono
    leeeeeeeeenti" " i mac non hanno cloooooock"
    senza conoscere la vera architettura ppc e
    senza sapere che ciò che da la
    Potenza (si con la P maiuscola) non è
    il clock...E soprattutto pensano che il clock sia quello sullatray di windows... o qualcosa del genere che hanno letto su un depliant del supermercato...
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    Mah, se pensiamo che tutta questa potenza di
    calcolo servirà solo per far girare
    l'ennesimo taroccamento dello zio
    bill......forse non hai tutti i torti a fare
    quel salto!MAH...PowerPc rulez!e adesso aspetto i soliti ignoranti che verranno a dire cose come "i mac sono leeeeeeeeenti" " i mac non hanno cloooooock"senza conoscere la vera architettura ppc e senza sapere che ciò che da la Potenza (si con la P maiuscola) non è il clock...(apple)(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo

    [...] a che serve?

    A far girare il desktop di Longhornbhe... sarà...secondo me non gira manco se lo preghi in ginocchio :De sicuramente non girerà mai, nemmeno su macchine di quella potenza :DGNU/Linux Rulez!(e di certo non su x86, almeno almeno su ppc ;) (ma solo perchè sparc costa troppo:( ))
  • Anonimo scrive:
    Re: Per la redazione
    UAHAHAHAHAQuesta andrebbe segnalata in Sviste in reteCoD
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo

    Il numero di transistor determina la
    potenza

    assorbita indipendentemente dalla
    tecnologia

    utilizzata e dal livello di

    miniaturizzazione ?
    Il livello di miniaturizzazione riduce
    l'assorbimento energetico E riduce ( ^2) la
    superficie attraverso cui la parte di
    energia che per inefficienza dei circuiti si
    trasforma in calore, da sola senza grandi
    avanzamenti nel campo dell'efficienza dei
    circuiti stessi (come il SOI) la
    miniaturizzazione fa quasi quanti danni
    quanti utili... guarda quello cosa successe
    ad amd passando da 18 a 13 nm, stessa cup
    stessa tecnologia ( + o - ), in pochi mesi
    il clock è aumentato di poco ma in
    compenso è stato mangiato
    completamente il vntaggio in dissipazione.


    Quindi tu preferisci che ci si fermi
    qui, o

    magari si regredisca.
    senti, ci sono processori di nuova
    generazione, come i G, che sono composti da
    un decimo dei componenti degli x86 e
    funzionano pure meglio, ad una frazione del
    consumo, e non sono neppure ottimizzati i
    modo spinto come gli x86 in cui ciascun
    componente è accuratamente piazzato
    innanzitutto per una distribuzione del
    calore sopportabile.
    sinceramente sarebbe ora di disfarsi di
    questi patetici fornetti, ma visto che il
    trend con amd64 sembra quello di aggiungere
    un'altro layer di emulazione anzichè
    fare un salto generazionale, mi sa che il
    salto lo faccio io ad un altra famiglia di
    macchine di cui non faccio il nome.Mah, se pensiamo che tutta questa potenza di calcolo servirà solo per far girare l'ennesimo taroccamento dello zio bill......forse non hai tutti i torti a fare quel salto!
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....

    Il numero di transistor determina la potenza
    assorbita indipendentemente dalla tecnologia
    utilizzata e dal livello di
    miniaturizzazione ?Il livello di miniaturizzazione riduce l'assorbimento energetico E riduce ( ^2) la superficie attraverso cui la parte di energia che per inefficienza dei circuiti si trasforma in calore, da sola senza grandi avanzamenti nel campo dell'efficienza dei circuiti stessi (come il SOI) la miniaturizzazione fa quasi quanti danni quanti utili... guarda quello cosa successe ad amd passando da 18 a 13 nm, stessa cup stessa tecnologia ( + o - ), in pochi mesi il clock è aumentato di poco ma in compenso è stato mangiato completamente il vntaggio in dissipazione.
    Quindi tu preferisci che ci si fermi qui, o
    magari si regredisca.senti, ci sono processori di nuova generazione, come i G, che sono composti da un decimo dei componenti degli x86 e funzionano pure meglio, ad una frazione del consumo, e non sono neppure ottimizzati i modo spinto come gli x86 in cui ciascun componente è accuratamente piazzato innanzitutto per una distribuzione del calore sopportabile.sinceramente sarebbe ora di disfarsi di questi patetici fornetti, ma visto che il trend con amd64 sembra quello di aggiungere un'altro layer di emulazione anzichè fare un salto generazionale, mi sa che il salto lo faccio io ad un altra famiglia di macchine di cui non faccio il nome.
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    nanometri, non manometri.I presume ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Un miliardo di transistor....
    - Scritto da: Anonimo
    ...e un alimentatore da 500 watt solo per la
    CPU....Perche' hai dovuto scrivere questa stupidaggine ?Il numero di transistor determina la potenza assorbita indipendentemente dalla tecnologia utilizzata e dal livello di miniaturizzazione ?Considerato quanto consumava l'ENIAC allora un 486 dovrebbe consumare quanto una citta'."By today's standards for electronic computers the ENIAC was a grotesque monster. Its thirty separate units, plus power supply and forced-air cooling, weighed over thirty tons. Its 19,000 vacuum tubes, 1,500 relays, and hundreds of thousands of resistors, capacitors, and inductors consumed almost 200 kilowatts of electrical power. "

    Loro li capisco, devono inventarsene sempre
    di nuove per vendere, quello che invece
    sfugge alla comprensione del mio limitato
    encefalo Vai cosi'.
    è com'è possibile che
    ci sia ancora chi crede a 'ste ca77ate.....Senti chi parla.
    aspetta con la bavetta alla bocca per
    comprarle....e poi nella maggior parte dei
    casi usa il computer per navigare e
    giocare..... :|Quindi tu preferisci che ci si fermi qui, o magari si regredisca.Ho capito.
    Mah....Gia'.Burp
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?

    [...] a che serve?A far girare il desktop di Longhorn
  • avvelenato scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: Anonimo
    a me serve...per fare cosa?ho capito: stai sviluppando un simulatore in grado di prevedere il comportamento delle donne* :D*battuta rubata a qualche anonimo su PI, lo confesso :( ma era troppo bella 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    - Scritto da: avvelenato
    quali saranno le appz determinanti per tutta
    'sta potenza elaborativa?
    perché effettivamente è
    affascinante una cosa del genere; ma come
    altrove è stato scritto, se poi il pc
    lo si usa soprattutto nel navigare, a che
    serve?a me serve...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Prescot è un pivello
    - Scritto da: Anonimo
    10GHz????
    Consumo?? 2KW??Ottimista.....
    Raffreddamento a CO2???Liquid Nitrogen (azoto liquido). Per la seconda generazione del chip in questione si è pensato di riservare le installazione alle sole MoBo presenti in Antartide.....a 20 Mt sotto il suolo.
    Magari anche un core + inefficente del
    Pentium 4???Questo è difficile, sarebbe un record.... ;)
  • Anonimo scrive:
    Il Prescot è un pivello
    10GHz????Consumo?? 2KW??Raffreddamento a CO2???Magari anche un core + inefficente del Pentium 4???
  • Anonimo scrive:
    Re: e poi cosa ci facciamo?
    non sempre la ricerca ha un senso preciso per applicazioni di tutti i giorni (sopratutto).....
  • avvelenato scrive:
    e poi cosa ci facciamo?
    quali saranno le appz determinanti per tutta 'sta potenza elaborativa?perché effettivamente è affascinante una cosa del genere; ma come altrove è stato scritto, se poi il pc lo si usa soprattutto nel navigare, a che serve? forse servirà a far girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che farà girare la vm che alla fine ci permetterà di giocare a duke nukem 3d su web. ==================================Modificato dall'autore il 16/07/2004 0.21.10
  • Anonimo scrive:
    Un miliardo di transistor....
    ...e un alimentatore da 500 watt solo per la CPU....Loro li capisco, devono inventarsene sempre di nuove per vendere, quello che invece sfugge alla comprensione del mio limitato encefalo è com'è possibile che ci sia ancora chi crede a 'ste ca77ate.....e aspetta con la bavetta alla bocca per comprarle....e poi nella maggior parte dei casi usa il computer per navigare e giocare..... :|Mah....
Chiudi i commenti