Il phaser del Pentagono può uccidere

Ricercatori americani rendono note alcune indiscrezioni sull'arma del Pentagono: l'invenzione pare più pericolosa e meno controllabile di quanto annunciato inizialmente
Ricercatori americani rendono note alcune indiscrezioni sull'arma del Pentagono: l'invenzione pare più pericolosa e meno controllabile di quanto annunciato inizialmente

Washington – La nuova arma sviluppata dal Pentagono per disperdere e bloccare le folle inferocite con un fascio di microonde potrebbe rivelarsi ben più letale del previsto. L’ Active Denial System elettromagnetico, già battezzato phaser dalla stampa internazionale, potrebbe infatti causare gravi ustioni sui bersagli colpiti.

Edward Hammond, direttore del Sunshine Project , un osservatorio sulle armi di nuova generazione, ha rivelato che i test condotti su bersagli umani hanno provocato dolorosissime bruciature . Questo perché, stando ai commenti di alcuni scienziati britannici dell’Università di Bradford, il raggio elettromagnetico a 95 GHz dell’ ADS è troppo potente per non essere letale.

I risultati ufficiali degli esperimenti – che come riporta il New Scientist sono stati rivelati grazie alla trasparenza imposta dalla legge Freedom of Information Act – svelano che tra il 2003 ed il 2004 il governo americano ha “irraggiato” molti volontari nel corso di alcune simulazioni, svoltesi presso una base militare di Albuquerque .

Una installazione del phaser I dati riportati da Hammond lasciano poco spazio alla fantasia: il dolore causato dall’esposizione ad un irraggiamento prolungato, di poco superiore ai cinque secondi, è pressoché insopportabile. “Come evitare che questo armamento possa creare danni irreparabili?”, si domanda Neil Davidon, ricercatore britannico impegnato nello sviluppo di armi non letali.

Il governo americano prevede di implementare il “phaser non letale” a bordo di veicoli M117 per fornire supporto antisommossa alle unità militari impegnate sul teatro iracheno . Tuttavia, la tecnologia a microonde realizzata con l’aiuto di Scientific Applications & Research Associates inizia ad assumere tratti davvero preoccupanti.

Durante le prove tecniche, gli scienziati del Pentagono avrebbero addirittura proibito ai volontari di utilizzare occhiali, lenti a contatto e qualsiasi oggetto metallico . Precauzioni, per così dire, che secondo i responsabili del Sunshine Project costituiscono una ulteriore prova della pericolosità di ADS .

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 07 2005
Link copiato negli appunti