Il Pinguino a caccia di petrolio in Arabia

Il Pinguino a caccia di petrolio in Arabia

Il primo colosso petrolifero del mondo affiderà ad un supercomputer basato su Linux e hardware Intel la delicata analisi dei dati relativi alla ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e metano
Il primo colosso petrolifero del mondo affiderà ad un supercomputer basato su Linux e hardware Intel la delicata analisi dei dati relativi alla ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e metano


Dhahran (Arabia Saudita) – Sembra proprio che il Pinguino abbia sviluppato doti da segugio nel cercare l'oro nero. Dopo i gruppi petrolchimici Shell e Conoco anche Saudi Aramco, la più grande azienda petrolifera al mondo, ha infatti “assoldato” Linux per scovare nuovi giacimenti petroliferi.

Il colosso saudita sta costruendo un supercomputer basato su Linux e sull'hardware di Intel che, nella sua prima incarnazione, sarà composto da 900 server, ognuno con doppio processore Pentium III a 1,4 GHz, 2 GB di memoria e sistema operativo Red Hat Linux 7.2. Durante il 2003 è stato pianificato un aggiornamento che dovrebbe portare il numero di processori a 4.000.

Questo nuovo mostro scova-petrolio verrà sviluppato congiuntamente da IBM e Intel, che si incaricheranno anche di portare su Linux il software fino ad oggi utilizzato da Saudi Aramco su computer con hardware proprietario di Big Blue per analizzare i dati sismici e geofisici necessari all'individuazione di nuovi giacimenti di petrolio e metano.

“Questa è un'applicazione mission-critical. Essa svolge la parte di lavoro più importante per il nostro business”, ha affermato Mohammad Huwaidi, responsabile del sistema di esplorazione e analisi di Saudi Aramco. Un'affermazione che, secondo IBM, dimostra una volta di più come Linux sia ormai sufficientemente maturo per entrare in ambiti applicativi anche molto delicati.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 12 2002
Link copiato negli appunti