Il Primo Aprile e la Rete dei calzini spaiati

Il motore di ricerca estende le sue funzionalità in uno dei settori più complicati della ricerca umana, e il resto della Rete non rimane a guardare, tra cuscini per l'apprendimento delle lingue e droni per birre in pronta consegna

Roma – Google non vuole farsi lasciare sfuggire nessun ambito del suo core business, il search: così ha annunciato che a partire dall’Australia lancerà un nuovo servizio di ricerca dedicato ai calzini spaiati . Per farlo Mountain View ha “stretto un accordo con con i principali rivenditori australiani” e pensato ad un’idea tanto semplice quanto geniale: utilizzare il bluetooth e piccoli inserti con chip LTE avvolti nel lato superiore del calzini e dotati di un pulsante. Quando si perderà una parte della coppia basterà premere il pulsante del calzino rimasto e verificare la sua posizione sull’app ad esso collegata (accessibile da qualsiasi dispositivo mobile Android). Inoltre il calzino andato perduto per farsi trovare avvierà questa canzone per “aiutare a trovarlo”.

Ma non basta: l’altro settore su cui Mountain View continua ad investire è quello della realtà immersiva. Un risultato sorprendente si è conquistato con la nuova versione di plastica e trasparente di Google Cardboard: del tutto indipendente da dispositivi mobile, permette di godere di un’esperienza immersiva a 360 gradi e piena risoluzione della realtà che ci circonda.


Quello dei video di realtà virtuale è un settore su cui continua ad investire anche YouTube, che ha presentato un nuovo pulsante per il suo lettore che permette di accedere alla visione “Snoopavision”, introdotta da Snoop Dogg.


Come noto, il Primo aprile è una data importante per Google e le sue innovazioni. La sua divisione giapponese ha presentato una versione hardware della sua tastiera mobile: chiamata Furikku , è pensata per gli utenti ormai disabituati ad utilizzare una tastiera fisica e che quindi vogliono utilizzare sempre quella accessibile da smartphone.

Altra invenzione per il 2016, tra serio e faceto, è la ricerca per emoticon, che permette di trovare immagini su Google Image inserendo solo una emoticon .


Ma non tutti gli scherzi di Google hanno fatto sorridere, e in almeno un’occasione hanno superato le aspettative, e non in senso positivo: mandare via Gmail tramite il nuovo tasto “Mic Drop” un’immagine con dei Minion che cantano una canzone sembra infatti aver provocato qualche problema agli utenti che utilizzano il servizio di posta elettronica di Google per lavoro e che, mandando diverse email al giorno in velocità, non sempre si sono accorti della modifica incappando così – plausibilmente – in magre figure professionali.

Non è solo Google a scatenarsi nell’annuale appuntamento con la festa pagana più amata online: il giorno in cui si libera la fantasia e si materializzano i sogni. Come per esempio nel caso di Duolingo, che ha annunciato un cuscino che, al modico costo di 99 dollari, permette di apprendere una nuova lingua durante il sonno, ed ha già pronto il motto di lancio “non contare le pecore, apprendi una nuova lingua”.


Pensando invece al mattino, Razer ha presentato un tostapane-console pensato per i gamer: le fette appena tostate, magari, potrebbero essere fotografate con la nuova funzionalità di OpenTable che permette, leccando lo schermo, di assaporarne il sapore per un assaggio ; oppure potrete gustarle a casa con una birra fresca consegnata con il nuovo servizio veloce di droni da consegna di Tennent’s.


Oltre a Tennent’s, in generale il mondo delle app per i trasporti si è mobilitato per il primo aprile: Lyft, per esempio, ha offerto un nuovo servizio di “scherzi a chiamata” con cui incastrare i propri amici, mentre Lexus, con un video , ha presentato un nuovo modello collegato direttamente al guidatore… Comodamente adagiato su sedili in velcro.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bradipao scrive:
    causalità indiretta
    Magari l'aver compromesso la navigazione in iOs9.3 , ha indirettamente ridotti i crash del sistema operativo. Meno funzioni usi, meno crash possono esserci.Sarebbe curioso vedere lo stesso grafico man mano che la 9.3.1 si diffonde.
  • markette becere scrive:
    ma a chi le raccontano queste balle
    Il link a zdnet... sono razzate paurose e lo testimoniano i commenti alla notizia. Inoltre provate a cercate su google iphone crash (83M di risultati) e poi cercate android crash (28M di risultati), belli miei se ci mettiamo che ios non arriva al 15% di market share mentre android va oltre l' 80% si capisce che ios é il re assoluto dei crash.Su ios non esiste proprio la stabilità, fa XXXXXX.Ps: odio android e non ho smartphones, solo che mi scoccia la gente che cerca di prendermi per il ****.
  • SalvatoreGX scrive:
    E che cavolo! Tirchi.
    Dopo che scrivo .. refresh della pagina...E via nel secchio il mio commento. E pagatelo un informatico che possa ovviare a questo fastidioso problema!E che cavolo!
    • bradipao scrive:
      Re: E che cavolo! Tirchi.
      - Scritto da: SalvatoreGX
      Dopo che scrivo .. refresh della pagina...E via
      nel secchio il mio commento.

      E pagatelo un informatico che possa ovviare a
      questo fastidioso problema!E' una feature (non sto scherzando).Ma si risolve facile bloccando il refresh delle pagine.
      • SalvatoreGX scrive:
        Re: E che cavolo! Tirchi.
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: SalvatoreGX

        Dopo che scrivo .. refresh della pagina...E via

        nel secchio il mio commento.



        E pagatelo un informatico che possa ovviare a

        questo fastidioso problema!

        E' una feature (non sto scherzando).

        Ma si risolve facile bloccando il refresh delle
        pagine.Bè su chrome dovrei installare un plugin che voglio evitare.
    • dormi piccino scrive:
      Re: E che cavolo! Tirchi.
      Hanno pagato un "informatico" per attivare il refresh, caro il mio sveglione, tu piuttosto pagati un corso dedicato agli utenti alle prime armi per capire come fare ad aggirare il NON problema.P.s.: programmatore java da oltre 10 anni, uno schifo.
      • SalvatoreGX scrive:
        Re: E che cavolo! Tirchi.
        - Scritto da: dormi piccino
        Hanno pagato un "informatico" per attivare il
        refresh, caro il mio sveglione, tu piuttosto
        pagati un corso dedicato agli utenti alle prime
        armi per capire come fare ad aggirare il NON
        problema.

        P.s.: programmatore java da oltre 10 anni, uno
        schifo.E perchè io dovei installare un plugin su chrome? per PI ?Ma XXXXXXXXXXXX.
        • Etype scrive:
          Re: E che cavolo! Tirchi.
          Mai pensato una cosa assai banale tipo scrivere il tuo commento per intero su un editor di testo e poi incollarlo qui ? :D
          • SalvatoreGX scrive:
            Re: E che cavolo! Tirchi.
            - Scritto da: Etype
            Mai pensato una cosa assai banale tipo scrivere
            il tuo commento per intero su un editor di testo
            e poi incollarlo qui ?
            :DDi solito se prevedo che devo scrivere un articolo lo faccio :)Questo giro mi ha preso in contropiede... Comunque... "stop auto refresh" installato.
    • Etype scrive:
      Re: E che cavolo! Tirchi.
      Ma veramente pensi che sia un problema il refresh automatico e non qualcosa di voluto ? :|
      • SalvatoreGX scrive:
        Re: E che cavolo! Tirchi.
        - Scritto da: Etype
        Ma veramente pensi che sia un problema il refresh
        automatico e non qualcosa di voluto ?
        :|Certo che è voluto.Quando io consiglio di pagare un infomatico, non è inteso per "risolvere il problema" ma di avere lo stesso risultato voluto senza per forza fare il refresh di tutta la pagina.
Chiudi i commenti