Il proiettore che si infila nei pantaloncini

Originale la trovata di un giovane che, entrato in un negozio di hi-fi, non riesce a trattenersi dal far uso di un videoproiettore. Un uso molto, molto singolare

Roma – Ci sono ladri che non si vedono, non si odono e non si fanno riconoscere, altri invece che, vuoi per improvvisazione o per mancanza di scaltrezza, non solo si fanno inquadrare dalle telecamere di sorveglianza ma riescono persino a rendere un fatto grave come un furto un evento capace di far ridere mezza rete.

È quanto accaduto al giovane protagonista di un video ospitato su LiveLeak.com, riprodotto qui sotto, che aiutato da un complice che fungeva da “palo” preleva, in un negozio di hi-fi, il videoproiettore a cui non ha saputo resistere: dopo averci pensato su, non trova niente di meglio che infilarselo nei pantaloncini per nasconderlo e farla franca con gli agenti di sorveglianza del negozio.

Ne parla Metro.co.uk , spiegando che si tratta di due giovani australiani, che qualche ora dopo hanno rubato anche alcuni farmaci nella zona (Mandurah, Western Australia). Nonostante siano stati ripresi in lungo e in largo dalle cam, parrebbe che i due per ora l’abbiano fatta franca. Ma ecco il video:

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Symbian S60 Rulez!
    Ovviamente il programma sarà per i diffusissimi symbian s60!
    • Anonimo scrive:
      Re: Symbian S60 Rulez!
      - Scritto da:
      Ovviamente il programma sarà per i diffusissimi
      symbian
      s60!quale programma?
  • Anonimo scrive:
    Ottima idea, ma...
    Bisognerebbe aggiungere, oltre alla già citata anidride solforosa, i PM10. Inoltre un (A)GPS sarebbe quasi fondamentale per permettere di trasmettere in maniera esaustiva ed automatica i dati ad un qualche centro di raccolta.
  • Anonimo scrive:
    Molto molto interessante
    Potrebbe essere il primo di una genìa di funzioni di questo genere se usassimo davvero le tecnologie mobili anche per questi scopi saremmo molto ma molto più avanti
Chiudi i commenti