Il radar contro la superonda

Ricercatori spagnoli al lavoro per prevenire i disastri in mare. Una tecnologia sarebbe in grado di salvare decine di imbarcazioni ogni anno

Roma – Onde alte decine di metri che affondano le navi e spezzano le piattaforme galleggianti? Nessun problema, c’è il radar a tenerle d’occhio: grazie al lavoro di Jose Carlos Nieto, ricercatore dell’ Università di Madrid , e dell’istituto di ricerca tedesco GKSS , basterà un’occhiata agli strumenti di bordo per mettere in salvo la propria imbarcazione.

Una superpetroliera da 300.000 tonnellate I sistemi usati fino ad oggi per la ricerca delle onde anomale si sono dimostrati poco efficaci: le boe, il metodo più utilizzato, sono in grado di valutare solo l’informazione puntuale sulle condizioni del mare e finiscono spesso per non rilevare affatto situazioni eccezionali o per indurre a sottovalutarne la portata.

Grazie al nuovo strumento, invece, è possibile sfruttare il radar già installato sulle imbarcazioni più grosse per scrutare l’orizzonte in cerca di onde anomale: per mezzo di un algoritmo di elaborazione, l’immagine radar viene trasformata e mostrata in falsi colori sullo schermo, permettendo di valutare il moto ondoso in avvicinamento. Verde indica mare piatto, rosso un’onda alta più di 18 metri : meglio cambiare rotta. Anche perché, a fare le spese degli imprevisti e dei pericoli del mare sono quasi sempre le imbarcazioni commerciali: sono portacontainer e petroliere le imbarcazioni più diffuse, e ogni mese si registrano diversi incidenti che le coinvolgono.

Persino i giganti del mare, in grado di trasportare centinaia di tonnellate di merce, non possono gestire onde di dimensioni imponenti: quando un colosso d’acqua alto come una casa di 10 piani impatta contro un’imbarcazione, grande o piccola che sia, è raro che quest’ultima se la cavi indenne. Anche le piattaforme petrolifere sono esposte a questi rischi. E ogni naufragio o incidente causa ingenti danni economici ed ambientali .

Le storie dei marinai sono farcite di riferimenti a questi muri liquidi, “emersi dal nulla” e in grado di spazzare via qualsiasi cosa si frapponga al loro cammino. Ma non si tratta di leggende: i dati satellitari hanno dimostrato che centinaia di onde anomale solcano gli oceani di tutto il mondo. Potrebbero nascondersi delle onde anomale dietro alle generiche “avverse condizioni atmosferiche” causa dei naufragi più terribili e spettacolari.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AlexFocus scrive:
    TASER, ma di cosa stiamo parlando
    Cari signori, forse qualcuno guarda agli USA come se fossero un paese avanzato del terzo millennio, democratico, ideale, ma a me sembra un paese avanzato dal quarto millennio avanti Cristo. Il concetto stesso di democrazia è nato nella zona mediterranea con i filosofi greci e lo stesso concetto di "occidente" è sorto prepotente con la resistenza di Leonida e dei suoi trecento eroi spartani alle Termopili. Che cosa possono insegnarci dei selvaggi che, ancora negli anni '50 del XX secolo d.C. stavano cercando, con difficoltà, di abolire gli ultimi rigurgiti violenti di razzismo? Queste armi cosiddette NLW (Not Letal Weapon, cioè arma non letale), nella maggior parte dei casi, hanno un selettore mortale / non-mortale il cui uso è affidato (praticamente) solo alla saggezza dell'utilizzatore. E qualcuno pensa che, in caso di emergenza, la quasi totalità dei poliziotti sia in grado di mantenere il sangue freddo? Oppure sia dotata di superiori freni morali? IO non credo...
  • gennarino scrive:
    anche a Napoli
    su Il Mattino del 27.11.2007, pag. 30, scrivono "a Secondigliano, zona già teatro della faida tra il clan Di Lauro e gli scissionisti, la polizia ha trovato una pistola Advanced Taser, un’arma con puntatore laser in grado di folgorare istantaneamente una persona con scariche elettriche ad altissimo voltaggio. È la prima volta in Italia. Non essendo inclusa nell'elenco nazionale delle armi da sparo, ed essendo comunque inquadrata tra gli strumenti atti ad offendere, questo tipo di pistola non è importata legalmente nel nostro Paese".Ancora una volta è il Meridione che porta l'Italia fra le nazioni più progredite ed elevate! Altro che i polentoni del Nord o i buonisti papalini del Centro!
  • painlord2k scrive:
    L'irresponsabilità dell'ONU
    L'ONU è quell'organismo dove dei burocrati con manie di grandezza e decisi a salvare il mondo comunque, quale che sia il costo.L'ONU è quell'organismo che nelle commissioni contro la tortura da la presidenza alla Libia (e nella commissione ci sono altri paesi famosi per il loro rispetto dei diritti umani basilari - tipo l'Arabia Saudita).L'IPCC è diventato un circo.L'ONU è quello dei soldati belgi che fraternizzavano con i serbi che ammazzavano i mussulmani bosniaci (e forse li aiutavano pure). L'ONU è quello che in Iraq, dopo una bomba, è scappato a gambe levate, invece di rimanere per aiutare la popolazine contro i terroristi.L'ONU è un consesso pieno di politici e burocrati di carriera, quanto volete che conti la realtà e il buon senso in quello che scrivono?E, sopratutto, se sbagliano, non devono rendere conto a nessuno. Quindi possono continuare a sbagliare tranquillamente.
    • Rido Lini scrive:
      Re: L'irresponsabilità dell'ONU
      L'ONU e' quell'organismo dove siedono praticamente tutte le nazioni del mondo, USA e paesi europei compresi.E' quell'organizzazione nata dopo la Seconda guerra mondiale con l'intento di evitare altri conflitti, fu voluta dalle superpotenze dell'epoca e dalle nazioni vincitrici di quel conflitto (Francia), questo il motivo per cui loro hanno un seggio permanente nel consiglio di sicurezza dell'ONU.E' quell'organizzazione che prima dell'attacco all'Iraq diceva che sarebbe stato illegale ed inutile una guerra e varo' una risoluzione in questo senso.E' quell'organizzazione che non fu ascoltata e si fece ugualmente la guerra con motivi (ufficiali) che si sono poi dimostrati falsi, e non molto tempo dopo gli USA vi si sono rivolti per averne la benedizione e riuscire cosi a trovare un modo per uscire dal pantano.Avere la memoria corta non aiuta a capire le cose.Dicevi dell'ONU?- Scritto da: painlord2k
      L'ONU è quell'organismo dove dei burocrati con
      manie di grandezza e decisi a salvare il mondo
      comunque, quale che sia il
      costo.
      L'ONU è quell'organismo che nelle commissioni
      contro la tortura da la presidenza alla Libia (e
      nella commissione ci sono altri paesi famosi per
      il loro rispetto dei diritti umani basilari -
      tipo l'Arabia
      Saudita).
      L'IPCC è diventato un circo.
      L'ONU è quello dei soldati belgi che
      fraternizzavano con i serbi che ammazzavano i
      mussulmani bosniaci (e forse li aiutavano pure).
      L'ONU è quello che in Iraq, dopo una bomba, è
      scappato a gambe levate, invece di rimanere per
      aiutare la popolazine contro i
      terroristi.
      L'ONU è un consesso pieno di politici e burocrati
      di carriera, quanto volete che conti la realtà e
      il buon senso in quello che
      scrivono?
      E, sopratutto, se sbagliano, non devono rendere
      conto a nessuno. Quindi possono continuare a
      sbagliare
      tranquillamente.
    • A O scrive:
      Re: L'irresponsabilità dell'ONU
      - Scritto da: painlord2k
      L'ONU è quell'organismo dove dei burocrati con
      manie di grandezza e decisi a salvare il mondo
      comunque, quale che sia il
      costo.
      L'ONU è quell'organismo che nelle commissioni
      contro la tortura da la presidenza alla Libia (e
      nella commissione ci sono altri paesi famosi per
      il loro rispetto dei diritti umani basilari -
      tipo l'Arabia
      Saudita).
      L'IPCC è diventato un circo.
      L'ONU è quello dei soldati belgi che
      fraternizzavano con i serbi che ammazzavano i
      mussulmani bosniaci (e forse li aiutavano pure).
      L'ONU è quello che in Iraq, dopo una bomba, è
      scappato a gambe levate, invece di rimanere per
      aiutare la popolazine contro i
      terroristi.
      L'ONU è un consesso pieno di politici e burocrati
      di carriera, quanto volete che conti la realtà e
      il buon senso in quello che
      scrivono?
      E, sopratutto, se sbagliano, non devono rendere
      conto a nessuno. Quindi possono continuare a
      sbagliare
      tranquillamente.e quindi?di cosa stai parlando?il concetto quale sarebbe?
      • painlord2k scrive:
        Re: L'irresponsabilità dell'ONU
        - Scritto da: A O
        e quindi?
        di cosa stai parlando?
        il concetto quale sarebbe?Il concetto sarebbe che usare una dichiarazione o un documento dell'ONU per dimostrare una tesi è come andare al Parlamento italiano o in qualsiasi organo politico.La risposta sarà in linea con gli interessi della maggioranza o le sue convinzioni ideologiche PRIMA e con la verità DOPO.Ovvio che se sei un organismo che si occupa di tortura, improvvisamente tutto diventa strumento di tortura e deve essere bandito (altrimenti come giustifichi la tua esistenza?).Se invece sei l'IPCC, vuoi mica dire che non ne sai abbastanza se il riscaldamento globale esiste oppure no, se è prodotto dall'uomo oppure no, se produrrà dei danni oppure no? Dici che esiste, farà danni, servono delle politiche stataliste per evitarlo (dato che sono gli stati che ti pagano lo stipendio) e poi passi ad incassare nuovi fondi per continuare a studiarlo. Ovviamente, quando i critici ti chiedono i dati che hai usato per elaborare la tua teoria, rifiuti di mostrarli.Se sei il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, proclami un embargo illegale delle armi verso due paesi in guerra (Serbia e Bosnia) fregandotene che una parte è già armata e l'altra no. Illegale, perché poi la Corte Internazionale dell'Aia lo ha dichiarato tale, in quanto infrange i diritti umani fondamentali, compreso quello all'autodifesa.Poi, se vi piace l'ONU, tenetevela.Tenetevi pure Kojo Annan (figlio di Kofi) che prendeva le bustarelle da Saddam per l'Oil For Food (che se gli USA o gli iracheni gli mettono le mani addosso lo sbattono in galere per un bel pezzo).Ma la realtà è che l'ONU e la maggior parte dei suoi organismi sono marci e corrotti e andrebbe chiuso e rifondato da zero.
  • Ricky scrive:
    EH?!
    Secondo la Taser quelle persone non sono morte a causa della loro "scarichina dolce e leggiadra".E sono morti per ...COSA? Se non si beccavano la scarica non morivano..quindi la scarica li ha uccisi quindi il taser reclamizzato come NON LETALE e' a volte LETALE,quindi hanno mentito.Ergo, ora dovranno pagare.Ah no...dimenticavo le grandi societa' non pagano...hanno i CAVILLI a parare loro il culo.Comunque sia qualsivoglia amministrazione che dia il via all'uso di oggetti simili e' da deprecare...
  • Luca3187 scrive:
    Bah...
    Io li adotterei in Italia...la gente ci pensa 2 volte poi prima di infrangere la legge.Siamo in un mondo in cui ormai la gente vede solo diritti e niente doveri. 2 scossette sono più che giuste, sono il minimo, contro chi commette reati.
    • DuDe scrive:
      Re: Bah...
      - Scritto da: Luca3187
      Io li adotterei in Italia...la gente ci pensa 2
      volte poi prima di infrangere la
      legge.
      Siamo in un mondo in cui ormai la gente vede solo
      diritti e niente doveri. 2 scossette sono più che
      giuste, sono il minimo, contro chi commette
      reati.Di quali reati parli? il tipo nel video non aveva commesso nessun reato, se non consideri reato l'eccesso di velocita, lo studente voleva solo avere delle risposte.Come mai non sento mai di taser usati su delinquenti ben piu pericolosi di una padre ed uno studente? semplice quei delinquenti veri ti sparano come vedono una divisa allora conviene usare i taser su gente che non e' delinquente.Dunque, secondo te e' normale andare in giro in borghese fermare tre ragazzi che stanno facendo una chiacchierata in macchina,puntandogli la pistola addosso senza nemmeno qualificarsi? per me non lo e', ancora mi caco addosso ripensandoci , quindi di che doveri e diritti mi parli? esistono delle leggi e quelle vanno fatte rispettare , se sei psicolabile non fai il poliziotto
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Polizia Americana
    Ha imparato ad usare questo strumento sapendo che i loro dirigenti garantiscono al poliziotto che ne abusa completa impunibilità.Il risultato è che su filmati di liveleak vedrete un poliziotto sparare alle spalle ad un ragazzo che torna verso la macchina dopo esserne per la verità imprudentemente sceso.Avevano tutti i dati per perseguirlo con una multa, ma il poliziotto spara di fronte alla moglie incinta, se non è abuso e crudeltà mentale questo che altro lo è ?La verità è che ormai la polizia ne abusa, se parli troppo e dai un minimo di appiglio ti becchi una taserata, se ti lasci andare ancora peggio magari te ne scaricano 2.Si fa fatica a distinguere chi è il criminale.http://www.liveleak.com/view?i=fae_1195587967Il taser è brutale barbaro, potrebbe essere usato con giudizio, ma di fatto non lo è, anzi i poliziotti più deboli (mentalmente) ne abusano dato che non hanno la forza di opporsi a chi ha obiezioni valide contro il loro operato o semplicemente gli sono antipatici.L'uso del taser è un fallimento e ha aumentato la violenza anzichè prevenirla, notate bene come il poliziotto spari alle spalle.
    • Izio scrive:
      Re: Polizia Americana
      - Scritto da: Giuseppe Rossi
      Ha imparato ad usare questo strumento sapendo che
      i loro dirigenti garantiscono al poliziotto che
      ne abusa completa
      impunibilità.
      Il risultato è che su filmati di liveleak vedrete
      un poliziotto sparare alle spalle ad un ragazzo
      che torna verso la macchina dopo esserne per la
      verità imprudentemente
      sceso.Ma questo video è bestiale! Nemmeno per un secondo il guidatore sembra dare l'impressione di voler aggredire il poliziotto!Vigliacco in uniforme, spero tanto che qualche delinquente *vero* gli piazzi una bella pallottola nella testa quanto prima!
      • DuDe scrive:
        Re: Polizia Americana
        - Scritto da: Izio

        Ma questo video è bestiale! Nemmeno per un
        secondo il guidatore sembra dare l'impressione di
        voler aggredire il
        poliziotto!
        Vigliacco in uniforme, spero tanto che qualche
        delinquente *vero* gli piazzi una bella
        pallottola nella testa quanto
        prima!Non esageriamo, la violenza non va mai bene se no si innescano faide senza fine.Da quello che ho visto, ( si sente male ed il mio inglese non e' eccelso) il tipo fermato voleva un po' mandare a remare il poliziotto, che ha reagito da essere umano e non da poliziotto , cio' non giustifica minimamente cosa ha fatto, pero' pure il tipo fermato, dagli i documenti e amen
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Polizia Americana
          Teniamo pure in conto che in america purtroppo esiste anche il fenomeno dei "suicidi per mano della polizia".Ora questo con il video c'entra poco, con i TASER invece di più.Questi sono quelli che fanno spaventare i poliziotti "buoni", che di sparare addosso a qualcuno farebbero proprio a meno. Il taser in quel caso offre un'alternativa.
    • Giginho scrive:
      Re: Polizia Americana
      Se linki un video in inglese, vuol dire che uno che parla inglese quanto meno lo capisci. Dunque, perchè il ragazzo si avvia verso la macchina se il poliziotto gli ORDINA di girarsi per 3-4 volte?Lo sai che quando ti fermano, anche solo per una multa, stai in "stato di fermo"? sai cosa comporta?Se ci fai caso in tutti questi video, i poliziotti (ab)usano il taser solo in caso di resistenza all'arresto. E' normale poi che in uno stato come gli USA dove, quando ti fermano se non metti le mani bene in vista sul volante tirano fuori la pistola, si abusi di un arma apparentemente non letale. Ricordiamoci anche che li le armi sono alla portata di tutti...te le danno anche in banca le armi...basta aprire un conto corrente :D
  • Mocio Vileda scrive:
    Non è poi così male!
    A meno che non siate portatori di gravi (e nascoste) patologie cardiache, il Taser di per sè non è letale, sono gli agenti che lo rendono pericoloso.Se si limitassero a dare mini-scariche anzichè i 5 secondi predefiniti e a detta loro non modificabili (balle, c'è il trucco..), molte persone sarebbero ancora vive.Continuare a colpire la persona a terra non solo è un atto vile, ma un vero atto di tortura.Potete vedere il modello di punta in azione qui:http://www.youtube.com/watch?v=3arOts_ZkFMChi vuole si può anche "moddare" il chip ed eliminare il vincolo della durata delle scariche, per avere il piacere di provarlo su sè stessi:http://www.webfilehosting.com/371O33LAKX1N/zoot.ASFp.s. Chi è che diceva "ma che c'entra il Taser con l'informatica"?
    • fred scrive:
      Re: Non è poi così male!
      - Scritto da: Mocio Vileda
      A meno che non siate portatori di gravi (e
      nascoste) patologie cardiache, il Taser di per sè
      non è letale, sono gli agenti che lo rendono
      pericoloso.e' proprio questo il problema;viene usata in maniera errata col risultato che diventa piu' pericoloso delle armi vere; e se allora le forze dell'ordine non sono idonee ad usarlo se ne faccia a meno.
    • www scrive:
      Re: Non è poi così male!
      il problema è che fra poco ce l'avranno anche i malviventi... e la useranno un bel po', insomma non avranno paura di scaricare la batteria su qualche malcapitato...
    • uibbs2 scrive:
      Re: Non è poi così male!
      - Scritto da: Mocio Vileda
      A meno che non siate portatori di gravi (e
      nascoste) patologie cardiache, il Taser di per sè
      non è letale, sono gli agenti che lo rendono
      pericoloso.Ah, beh, allora anche un proiettile camiciato calibro 9 non e' pericolo, a meno che tu non soffra di saturnismo... :D
      Se si limitassero a dare mini-scariche anzichè i
      5 secondi predefiniti e a detta loro non
      modificabili (balle, c'è il trucco..), molte
      persone sarebbero ancora
      vive.Se porti il pacemaker una scarica di 1/2 secondo lo manda a $donnine_di_facili_costumi e tanti saluti ai limiti di tempo...
      Continuare a colpire la persona a terra non solo
      è un atto vile, ma un vero atto di
      tortura.Anzitutto colpire uno con le mani alzate che ha fatto una domanda ad un senatore e non vedendo la risposta si vede circondare di poliziotti incavolati che pensano bene di friggerlo, a mio parere, e' un reato da 15 anni di galera anche se quello sotto non si fa una virgola di danni.
  • mirkojax scrive:
    l'onu ha guardato troppo youtube
    mo sembra che per tortura ci sia solo il taser, ma quelli dell'onu hanno visto come fanno gli arresti i poliziotti americani con le persone che resistono all'arresto? se non usano il taser, ti buttano per terra con la forza, ti montando sopra coi piedi o ginocchia sul collo, ti spruzzano lo spray al pepe negli occhi, e ti manganellano. Spesso le foto segnaletiche degli arrestati sono pieni di lividi. Si vede che questa non e' tortura.. deve essere una massaggio tailandese...Voglio togliere il taser, per me va bene, ma cosi si ritornera' all'uso facile delle pistole e manganelli.
    • Anonimo torinese scrive:
      Re: l'onu ha guardato troppo youtube
      - Scritto da: mirkojax
      Spesso le foto segnaletiche degli arrestati sono
      pieni di lividi.

      Si vede che questa non e' tortura.. deve essere
      una massaggio
      tailandese...

      Voglio togliere il taser, per me va bene, ma cosi
      si ritornera' all'uso facile delle pistole e
      manganelli.Che è più facile punire... visto che c'è meno impunità per chi usa le pistole senza motivo. Quanto ai manganelli, almeno lasciano segni evidenti (prove) e non uccidono... beh, almeno non 275 volte l'anno, visto che li usano con meno frequenza dei taser
      • Cotti Mo' scrive:
        Re: l'onu ha guardato troppo youtube
        - Scritto da: Anonimo torinese
        - Scritto da: mirkojax

        Spesso le foto segnaletiche degli arrestati sono

        pieni di lividi.



        Si vede che questa non e' tortura.. deve essere

        una massaggio

        tailandese...



        Voglio togliere il taser, per me va bene, ma
        cosi

        si ritornera' all'uso facile delle pistole e

        manganelli.

        Che è più facile punire... visto che c'è meno
        impunità per chi usa le pistole senza motivo.
        Quanto ai manganelli, almeno lasciano segni
        evidenti (prove) e non uccidono... beh, almeno
        non 275 volte l'anno, visto che li usano con meno
        frequenza dei
        taserpreferirei li prendessero a pugni. Almeno si fanno male anche loro e quindi dopo un po' smettono.Ma sempre nei limiti... se tengono fermo uno e lo picchiano, comunque è tortura: si può uccidere uno con un pestaggio.
        • pippo75 scrive:
          Re: l'onu ha guardato troppo youtube

          preferirei li prendessero a pugni. Almeno si
          fanno male anche loro e quindi dopo un po'
          smettono.preferierei che ci fosse meno delinquenza nel mondo.Voto frase fatta: 9+
    • Sgabbio scrive:
      Re: l'onu ha guardato troppo youtube
      hmm hai ragione in parte, però ci sono persone che sono morte subendo il Teser
    • Cotti Mo' scrive:
      Re: l'onu ha guardato troppo youtube
      - Scritto da: mirkojax
      mo sembra che per tortura ci sia solo il taser,
      ma quelli dell'onu hanno visto come fanno gli
      arresti i poliziotti americani con le persone che
      resistono all'arresto? se non usano il taser, ti
      buttano per terra con la forza, ti montando sopra
      coi piedi o ginocchia sul collo, ti spruzzano lo
      spray al pepe negli occhi, e ti manganellano.
      Spesso le foto segnaletiche degli arrestati sono
      pieni di lividi.

      Si vede che questa non e' tortura.. deve essere
      una massaggio
      tailandese...

      Voglio togliere il taser, per me va bene, ma cosi
      si ritornera' all'uso facile delle pistole e
      manganelli.infatti ritengo che il problema sia il pericolo che non permettano più di filmare le azioni troppo violente della polizia.
  • Anonimo scrive:
    E allora non torturiamoli...
    Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e subito dopo gli si spara un bel tranquillante così non urlano quindi non sono torturati...Bah...
    • A O scrive:
      Re: E allora non torturiamoli...
      - Scritto da: Anonimo
      Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e
      subito dopo gli si spara un bel tranquillante
      così non urlano quindi non sono
      torturati...

      Bah...BLEAH...fai vomitare
      • A O scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        - Scritto da: A O
        - Scritto da: Anonimo

        Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e

        subito dopo gli si spara un bel tranquillante

        così non urlano quindi non sono

        torturati...



        Bah...

        BLEAH...
        fai vomitareuhm... forse il tuo post era ironico... e se così è, allora ritiro il vomito... ;-)
    • Comet scrive:
      Re: E allora non torturiamoli...
      - Scritto da: Anonimo
      Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e
      subito dopo gli si spara un bel tranquillante
      così non urlano quindi non sono
      torturati...

      Bah...Scusa qual'è il tuo problema? Gli esagitati si riducono alla ragione, con le buone o con le cattive (ti assicuro che basta qualche manganellata ben assestata a ricondurti alla ragione).Se poi invece sei PERICOLOSO e puoi fare del male, usi la pistola vera e propria per minacciare l'aggressore. Se quello non si ferma neanche dopo che gli punti una pistola cazzi suoi...Il fatto di avere un'arma "non letale" invece induce i poliziotti a pensare di avere un giocattolo... e i morti per arresto cardiaco fioccano.
      • rock3r scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        ricordiamo che una volta l'elettroshock veniva fatto ai malati mentali e che questa pratica è stata accantonata come barbara ed incivile... adesso i poliziotti girano allegramente a friggere la gente
      • plutoIV scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        La manganellata è PIU' pericolosa. Ci sono buone probabilità che ti lasci paralizzato, invalido, sulla sedia a rotelle, e non è altrettanto deterrente del taser perchè fa meno male. Le morti da taser sono rarissime. ONU anche lei si muove sull'onda degli scandali giornalistici senza valutare le conseguenze di quello che dice
      • Cotti Mo' scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        - Scritto da: Comet
        - Scritto da: Anonimo

        Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e

        subito dopo gli si spara un bel tranquillante

        così non urlano quindi non sono

        torturati...



        Bah...

        Scusa qual'è il tuo problema? Gli esagitati si
        riducono alla ragione, con le buone o con le
        cattive (ti assicuro che basta qualche
        manganellata ben assestata a ricondurti alla
        ragione).questa è la più grande stronzata del mondo.basta che quello che intendi "ridurre alla ragione " ti spacchi la TUA testa: secondo la tua saggezza, avrebbe dimostrato di avere niente meno che ragione .
        Se poi invece sei PERICOLOSO e puoi fare del
        male, usi la pistola vera e propria per
        minacciare l'aggressore. Se quello non si ferma
        neanche dopo che gli punti una pistola cazzi
        suoi...a meno che non ti spari lui.allora che diresti di bello di tutta questa merda?se conferisci RAGIONE alla violenza, semplicemente siamo alla legge del più forte. Se non sei tu, non hai ragione.Non mi pare esattamente ragionevole .
        Il fatto di avere un'arma "non letale" invece
        induce i poliziotti a pensare di avere un
        giocattolo... e i morti per arresto cardiaco
        fioccano.mi confondi con la tua sensibilità
    • uibbs2 scrive:
      Re: E allora non torturiamoli...

      Quando ci sono gli esagitati li si gambizza e
      subito dopo gli si spara un bel tranquillante
      così non urlano quindi non sono
      torturati...Non so se sei ironico o no, ma io mi sono rotto le scatole. E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI GRIGIO! Eliminiamo i Taser e diamo 30 anni di carcere a chi ne ha fatto uso non significa "lasciamo che i poveri poliziotti restino indifesi di fronte a frotte e frotte di criminali incavolati neri", bensi' significa: insegnamo un po' di concetti.1) essere un agente di polizia rappresenta essere sottoposto ad un dovere , non essere uno sceriffo da far west che fa valere la legge del piu' forte;2) esistono strumenti come idranti, spray urticanti, proiettili in gomma, manganelli, persino proiettili in piombo camiciati, ma se un agente non sa la differenza fra questi strumenti o ritiene che taluni di questi strumenti siano dei giocattoli , va licenziato in tronco e condannato affinche' non possa piu' prendere un porto d'armi o servire qualsivoglia sistema di vigilanza pubblica o privata;3) devono essere encomiati gli agenti che riescono a mantenere una situazione di pericolo non evidente [un polacco disarmato contro quattro agenti (IMHO, IMHO!) *non* non e' paragonabile a sei rapinatori di banca armati di mitra (e sparanti sventagliate a destra & a manca) contro due agenti venuti fuori da una volante] nella quale abbiano fatto un uso ponderato degli strumenti a loro disposizione senza lasciare pesti & doloranti gli eventuali "criminali" coinvolti.Come dici? Non succede mai che si usino metodi equilibrati? Guarda un po' quando hanno arrestato Lo Piccolo con tutta la cricca armata sino ai denti i poliziotti non sono entrati sbraitando, smanganellando & sparando all'impazzata... Cos'e' con la gente importante si fa cosi'? E il carabiniere fuori servizio che ha visto un latitante in piazza che prendeva il caffe' e gli ha ribaltato contro tutto il caricatore della pistola d'ordinanza?Mi pare che ci siano troppo i concetti che "se indossa un'uniforme con scritto Forze dell'Ordine " per qualcuno e' sempre, chiunque, dovunque e comunque un santo; per qualcun altro - invece - uno st%%nzo, un porco, un bas%%rdo, uno che gode a torturare etc. etc.Il concetto e' che il comportamento di un singolo non puo' e non deve danneggiare un'istituzione, e per fare cio' il comportamento di un singolo va punito pesantemente.Il comandante dei vigili urbani di Roma ha parcheggiato in divieto di sosta con un pass per invalidi scaduto/smarrito? Bene. Mi ci faccio la birra a sapere che e' stato sollevato dall'incarico: gli si faccia una multa *DOPPIA* e gli si decurtino *DOPPI* punti dalla patente: sei un pubblico ufficiale, rappresenti lo Stato e non ti devi permettere di prendere in giro la gente.Attenzione, non ho detto: "tutti i vigili urbani sono dei disgraziati", ne' "ecco: tutti contro la polizia municipale e poi i cinesi che li picchiano etc. etc.", ho detto che *quel singolo* va sanzionato pesantemente, affinche' non vi siano altri eventuali singoli che si sognino di poter fare come lui.Il discorso e' il medesimo coi Taser. Se un agente spara una pistolettata ad una persona palesemente disarmata (e non parlo solo dei fatti di Arezzo, ma in generale ed in tutto il mondo) l'incriminazione per omicidio e' dietro l'angolo; se la frigge col taser no. Facciamo che quanto un agente tira una taserata venga considerata come aver sparato due caricatori, e mettiamo una bella incriminazione dietro l'angolo... voi che dite? Se non c'e' stato equilibrio prima non c'e' neanche adesso?
      • Max Della Torre scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...

        E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O
        BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI
        GRIGIO! ...fondamentalmente d'accordo!
      • Anonimo torinese scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        - Scritto da: uibbs2
        E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O
        BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI
        GRIGIO! Completamente d'accordo, ma non esageriamo con le sfumature, eh? Poi si cade nel relativismo. Mi dichiaro a due bit: bianco, nero, grigio chiaro e grigio scuro. (Notare la mancanza del grigio neutro, della comoda risposta "non è ne bene ne male").
        1) essere un agente di polizia rappresenta
        essere sottoposto ad un dovere , non essere
        uno sceriffo da far west che fa valere la legge
        del piu'
        forte;...
        3) devono essere encomiati gli agenti che
        riescono a mantenere una situazione di pericolo

        Mi pare che ci siano troppo i concetti che "se
        indossa un'uniforme con scritto Forze
        dell'Ordine " per qualcuno e' sempre,
        chiunque, dovunque e comunque un santo; per
        qualcun altro - invece - uno st%%nzo, un porco,
        un bas%%rdo, uno che gode a torturare etc.
        etc. Encomiabile pensiero. Pare che anche tu riesca a sollevarti al di sopra delle opposte fazioni che cercano di sostituire le idee con le ideologie, e il pensiero con la propaganda...

        Il concetto e' che il comportamento di un singolo
        non puo' e non deve danneggiare un'istituzione , e
        per fare cio' il comportamento di un singolo va
        punito
        pesantemente.

        Il comandante dei vigili urbani di Roma ha
        parcheggiato in divieto di sosta con un pass per
        invalidi scaduto/smarrito? Bene. Mi ci faccio la
        birra a sapere che e' stato sollevato
        dall'incarico:Su questo non sono d'accordo. L'eesenza del lavoro dei vigili urbani è far rispettare le regole della viabilità. Un comandante che le viola in modo così pesante va rimosso non per dare un esempio ma perchè è incompatibile con il ruolo che ricopre. Non può far rispettare la legge chi la tiene in così poco conto. Il prestigio della divisa (specie in posizioni di comando) è un privilegio che si paga sopportandone il peso.
        gli si faccia una multa
        *DOPPIA* e gli si decurtino *DOPPI*
        punti dalla patente: sei un pubblico ufficiale,
        rappresenti lo Stato e non ti devi permettere di
        prendere in giro la gente.
        Il discorso e' il medesimo coi Taser. Se un
        agente spara una pistolettata ad una persona
        palesemente disarmata (e non parlo solo dei fatti
        di Arezzo, ma in generale ed in tutto il mondo)
        l'incriminazione per omicidio e' dietro l'angolo;
        se la frigge col taser no. Facciamo che quanto un
        agente tira una taserata venga considerata come
        aver sparato due caricatori, e mettiamo una bella
        incriminazione dietro l'angolo... voi che dite?
        Se non c'e' stato equilibrio prima non c'e'
        neanche adesso?
        • uibbs2 scrive:
          Re: E allora non torturiamoli...
          - Scritto da: Anonimo torinese

          E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O

          BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI

          GRIGIO!
          Completamente d'accordo, ma non esageriamo con le
          sfumature, eh? Poi si cade nel relativismo.Mi sta bene :D
          Mi dichiaro a due bit: bianco, nero, grigio
          chiaro e grigio scuro. (Notare la mancanza del
          grigio neutro, della comoda risposta "non è ne
          bene ne male").Diciamo che non e' solo "o sei con me o sei contro di me"? Ti sta bene? ;)

          Mi pare che ci siano troppo i concetti che "se

          indossa un'uniforme con scritto Forze

          dell'Ordine " per qualcuno e' sempre,

          chiunque, dovunque e comunque un santo; per

          qualcun altro - invece - uno st%%nzo, un porco,

          un bas%%rdo, uno che gode a torturare etc.

          etc.
          Encomiabile pensiero. Pare che anche tu riesca a
          sollevarti al di sopra delle opposte fazioni che
          cercano di sostituire le idee con le ideologie, e
          il pensiero con la propaganda...Mi pare che siamo in pochi, pero'...

          Il concetto e' che il comportamento di un

          singolo non puo' e non deve danneggiare un'istituzione

          per fare cio' il comportamento di un singolo va

          punito pesantemente.

          Il comandante dei vigili urbani di Roma ha

          parcheggiato in divieto di sosta con un pass per

          invalidi scaduto/smarrito? Bene. Mi ci faccio la

          birra a sapere che e' stato sollevato

          dall'incarico:
          Su questo non sono d'accordo. L'eesenza del
          lavoro dei vigili urbani è far rispettare le
          regole della viabilità. Un comandante che le
          viola in modo così pesante va rimosso non per
          dare un esempio ma perchè è incompatibile con il
          ruolo che ricopre. Non può far rispettare la
          legge chi la tiene in così poco conto. Il
          prestigio della divisa (specie in posizioni di
          comando) è un privilegio che si paga
          sopportandone il peso.Sicuramente, quello che critico e' che l'unica sanzione presentata e' stata la rimozione dall'incarico. Niente multa. Facciamo come la figuraccia con il governatore lombardo?-- Grizzly - http://www.g-sr.eu/
          • Anonimo torinese scrive:
            Re: E allora non torturiamoli...
            - Scritto da: uibbs2
            - Scritto da: Anonimo torinese

            Su questo non sono d'accordo. L'eesenza del

            lavoro dei vigili urbani è far rispettare le

            regole della viabilità. Un comandante che le

            viola in modo così pesante va rimosso non per

            dare un esempio ma perchè è incompatibile con il

            ruolo che ricopre. Non può far rispettare la

            legge chi la tiene in così poco conto. Il

            prestigio della divisa (specie in posizioni di

            comando) è un privilegio che si paga

            sopportandone il peso.
            Sicuramente, quello che critico e' che l'unica
            sanzione presentata e' stata la rimozione
            dall'incarico. Niente multa. Facciamo come la
            figuraccia con il governatore
            lombardo?Concordo che in un mondo ideale piccole pene applicate con alta probabilità sono un deterrente maggiore che punizioni esemplari a probabilità infinitesima (=per pochi sfigati).Purtroppo non viviamo in un mondo ideale e mi piacerebbe credere che si tratti dell'evento eclatante che talvolta si usa per mostrare che è cambiata l'aria e quello che si faceva prima non si può più fare.Il mio realismo mi fa pensare che, purtroppo, è solo la finta durezza di facciata che serve per far credere di essere diversi da come si è, e perciò capisco il tuo punto vista, che comunque non condivido per la ragione già detta (incompatibilità con il ruolo, vista la probabile malafede).Riguardo al presidente lombardo, non so a cosa ti riferisci. Per caso parli di Burlando (Presidente Regione Liguria) pescato a fare una infrazione grave? In quel caso, è difficile dire se l'errore fosse l'aver percorso in senso vietato una strada per non aver capito il senso giusto (sua versione) o se l'errore fosse aver pensato che avrebbe potuto reimmettersi nella giusta careggiata più avanti, quando questo era invece impedito da "dissuasori" in plastica, e quindi essersi trovato in una situazione senza via d'uscita.Le due diverse interpretazioni, IMHO, porterebbero a diverse conseguenze. Un errore senza conseguenze in buona fede è sempre scusabile. Un errore in malafede ("è solo un pezzettino in contromano, non passa nessuno, e mi rimetto nella strada giusta") no. Anche se, conoscendo quel punto, è chiaramente una Zona infelice ("trappola"), perchè commesso un errore può richiedere svariati Km e molte decine di minuti riparare (causa forte traffico nella zona incriminata e l'impossibilità di correggere la direzione, dovendo a quel punto per forza entrare in autostrada e uscire al casello successivo). Questo solo fatto mi fa propendere per il secondo tipo di "errore".Comunque i fatti avvenuti dopo (la chiamata al prefetto, la richiesta di durezza, l'irrituale velocità della sanzione, le "interferenze" nella stesura dei verbali, se ci sono state) sarebbero, a mio parere, da punire con altrettanta durezza del caso del ex-comandante.O ti riferivi a qualche altro fatto che non sono riuscito ad individuare?
        • Zac Wild scrive:
          Re: E allora non torturiamoli...
          - Scritto da: Anonimo torinese
          - Scritto da: uibbs2

          E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O

          BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI

          GRIGIO!

          Completamente d'accordo, ma non esageriamo con le
          sfumature, eh? Poi si cade nel relativismo.

          Mi dichiaro a due bit: bianco, nero, grigio
          chiaro e grigio scuro. (Notare la mancanza del
          grigio neutro, della comoda risposta "non è ne
          bene ne
          male").


          1) essere un agente di polizia rappresenta

          essere sottoposto ad un dovere , non
          essere

          uno sceriffo da far west che fa valere la legge

          del piu'

          forte;
          ...

          3) devono essere encomiati gli agenti che

          riescono a mantenere una situazione di pericolo




          Mi pare che ci siano troppo i concetti che "se

          indossa un'uniforme con scritto Forze

          dell'Ordine " per qualcuno e' sempre,

          chiunque, dovunque e comunque un santo; per

          qualcun altro - invece - uno st%%nzo, un porco,

          un bas%%rdo, uno che gode a torturare etc.

          etc.


          Encomiabile pensiero. Pare che anche tu riesca a
          sollevarti al di sopra delle opposte fazioni che
          cercano di sostituire le idee con le ideologie, e
          il pensiero con la propaganda...





          Il concetto e' che il comportamento di un
          singolo

          non puo' e non deve danneggiare un'istituzione
          ,
          e

          per fare cio' il comportamento di un singolo va

          punito

          pesantemente.



          Il comandante dei vigili urbani di Roma ha

          parcheggiato in divieto di sosta con un pass per

          invalidi scaduto/smarrito? Bene. Mi ci faccio la

          birra a sapere che e' stato sollevato

          dall'incarico:

          Su questo non sono d'accordo. L'eesenza del
          lavoro dei vigili urbani è far rispettare le
          regole della viabilità. Un comandante che le
          viola in modo così pesante va rimosso non per
          dare un esempio ma perchè è incompatibile con il
          ruolo che ricopre. Non può far rispettare la
          legge chi la tiene in così poco conto. Il
          prestigio della divisa (specie in posizioni di
          comando) è un privilegio che si paga
          sopportandone il peso.




          gli si faccia una multa

          *DOPPIA* e gli si decurtino
          *DOPPI*

          punti dalla patente: sei un pubblico ufficiale,

          rappresenti lo Stato e non ti devi permettere di

          prendere in giro la gente.


          Il discorso e' il medesimo coi Taser. Se un

          agente spara una pistolettata ad una persona

          palesemente disarmata (e non parlo solo dei
          fatti

          di Arezzo, ma in generale ed in tutto il mondo)

          l'incriminazione per omicidio e' dietro
          l'angolo;

          se la frigge col taser no. Facciamo che quanto
          un

          agente tira una taserata venga considerata come

          aver sparato due caricatori, e mettiamo una
          bella

          incriminazione dietro l'angolo... voi che dite?

          Se non c'e' stato equilibrio prima non c'e'

          neanche adesso?Quoto tutto e aggiungerei:è così difficile usare il buon senso?se sono quattro poliziotti contro uno fuori di testa è così difficile in 4 immobilizzarlo con un corpo a corpo? avranno studiato qualche mossa per immobilizzare le persone?o siamo tutti abituati che se abbiamo in mano qualche arnese possiamo dimenticarci che forse si può fare in maniera diversa.il fine non deve giustificare i mezzi, al fine ci si arriva con il buon senso...
      • Cotti Mo' scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...
        - Scritto da: uibbs2sono sostanzialmente d'accordo con te, ma vorrei puntualizzare delle cosine
        bensi' significa: insegnamo un po' di
        concetti.
        1) essere un agente di polizia rappresenta
        essere sottoposto ad un dovere , non essere
        uno sceriffo da far west che fa valere la legge
        del piu'
        forte;penso tu abbia ragione soprattutto perché quella legge dice che se passa il pistolero più veloce del west da bandito, ha ragione lui, vince lui, quindi ha ragione. E questo non c'entra una sega con la giustizia. La forza della giustizia deve essere conferita dalla comunità, ma anche nei modi.Il punto è però che i pulotti non hanno poi tanti mezzi e la gente è tanta e se è schizzata non stai tanto a ragionarci. Trovati contro a 10 tizi che ti caricano... e poi dimmi se non ti metti a smanganellare a dx e sx.
        2) esistono strumenti come idranti, spray
        urticanti, proiettili in gomma, manganelli,
        persino proiettili in piombo camiciati, ma se un
        agente non sa la differenza fra questi strumenti
        o ritiene che taluni di questi strumenti siano
        dei giocattoli , va licenziato in tronco e
        condannato affinche' non possa piu' prendere un
        porto d'armi o servire qualsivoglia sistema di
        vigilanza pubblica o
        privata;Dipende da come funziona la gerarchia per quell'agente.Se gli viene insegnato ed ordinato quello, lui lo fa, oppure cambia mestiere. Se invece sono agenti violenti coperti dalla categoria, bisogna riuscire a fare qualcosa.E' sempre stato il leitmotif del guerriero quello del "io vi difendo ma se faccio troppo il cattivo mi rompete le scatole... e allora arrangiatevi!". Questo denota tutto il marcio di un sistema; esempietto traslato a film:da " Codice d'onore " Tu non puoi reggere la verità. Figliolo, viviamo in un mondo pieno di muri e quei muri devono essere sorvegliati da uomini col fucile. Chi lo fa questo lavoro, tu? O forse lei, tenente Weinberg? Io ho responsabilità più grandi di quello che voi possiate mai intuire. Voi piangete per Santiago e maledite i Marines. Potete permettervi questo lusso. Vi permettete il lusso di non sapere quello che so io. Che la morte di Santiago nella sua tragicità probabilmente ha salvato delle vite, e la mia stessa esistenza, sebbene grottesca e incomprensibile ai vostri occhi, salva delle vite! Voi non volete la verità perché è nei vostri desideri più profondi che in società non si nominano, voi mi volete su quel muro, io vi servo in cima a quel muro. Noi usiamo parole come onore, codice, fedeltà. Usiamo queste parole come spina dorsale di una vita spesa per difendere qualcosa. Per voi non sono altro che una barzelletta. Io non ho nè il tempo nè la voglia di venire qui a spiegare me stesso a un uomo che passa la sua vita a dormire sotto la coperta di quella libertà che io gli fornisco e poi contesta il modo in cui gliela fornisco. Preferirei che mi dicesse la ringrazio e se ne andasse per la sua strada. Altrimenti gli suggerirei di prendere un fucile e di mettersi di sentinella. In un modo o nell'altro io me ne sbatto altamente di quelli che lei ritiene siano i suoi diritti. (Col. Nathan R. Jessep = Jack Nicholson)
        3) devono essere encomiati gli agenti che
        riescono a mantenere una situazione di pericolo
        non evidente [...]d'accordissimo.
        Come dici? Non succede mai che si usino metodi
        equilibrati? Guarda un po' quando hanno arrestato
        Lo Piccolo [...] E il
        carabiniere fuori servizio che ha visto un
        latitante in piazza che prendeva il caffe' e gli
        ha ribaltato contro tutto il caricatore della
        pistola
        d'ordinanza?

        Mi pare che ci siano troppo i concetti che "se
        indossa un'uniforme con scritto Forze
        dell'Ordine " per qualcuno e' sempre,
        chiunque, dovunque e comunque un santo; per
        qualcun altro - invece - uno st%%nzo, un porco,
        un bas%%rdo, uno che gode a torturare etc.
        etc.D'accordissimo.
        Il concetto e' che il comportamento di un singolo
        non puo' e non deve danneggiare un'istituzione, e
        per fare cio' il comportamento di un singolo va
        punito
        pesantemente.Attenzione. Capisco quello che vuoi dire, ma riguardo all'istituzione "popolazione" o "democrazia", punire pesantemente e quello che chiedi di non fare. Quindi attenzione ;)
        Il comandante dei vigili urbani di Roma ha
        parcheggiato in divieto di sosta con un pass per
        invalidi scaduto/smarrito? Bene. Mi ci faccio la
        birra a sapere che e' stato sollevato
        dall'incarico: gli si faccia una multa
        *DOPPIA* e gli si decurtino *DOPPI*
        punti dalla patente: sei un pubblico ufficiale,
        rappresenti lo Stato e non ti devi permettere di
        prendere in giro la
        gente.preferisco lo sollevino dall'incarico e magari gli facciano fare il tassista o il trasportatore.
        Attenzione, non ho detto: "tutti i vigili urbani
        sono dei disgraziati", ne' "ecco: tutti contro la
        polizia municipale e poi i cinesi che li
        picchiano etc. etc.", ho detto che *quel
        singolo* va sanzionato pesantemente,
        affinche' non vi siano altri eventuali
        singoli che si sognino di poter fare come
        lui.super d'accordo
        Il discorso e' il medesimo coi Taser. Se un
        agente spara una pistolettata ad una persona
        palesemente disarmata (e non parlo solo dei fatti
        di Arezzo, ma in generale ed in tutto il mondo)
        l'incriminazione per omicidio e' dietro l'angolo;talvolta anche troppo, talvolta anche troppo poco. Se ti metti la mano in tasca e sei morto... non è un granché carino :)
        se la frigge col taser no. Facciamo che quanto un
        agente tira una taserata venga considerata come
        aver sparato due caricatori, e mettiamo una bella
        incriminazione dietro l'angolo... voi che dite?io dico di si.è talmente simile alla sedia elettrica che non vedo perché non debba essere considerata tortura.in fondo se l'agente girasse con un coltello da macellaio e si mettesse a sfregiare la gente (mica li uccido! li sfregio solamente!...) tutti avremmo chiaro che non è accettabile. Ritengo che vietare le riprese sia una delle cose più gravi. Se prendono a elettrificare la sciura al parcheggio del walmart e si vede in giro, è meglio. Molto meglio.
        Se non c'e' stato equilibrio prima non c'e'
        neanche
        adesso?d'accordo con te.
      • Anonimo scrive:
        Re: E allora non torturiamoli...

        E PORCA DI QUELLA PU%%ANA IL MONDO NON E' O
        BIANCO O NERO, CI SONO DIVERSE SFUMATURE DI
        GRIGIO! 4...
  • franco scrive:
    a proposito dell'ungherese ammazzato
    Come si chiamava quella specie di fascista che commentando la morte del cittadino ungherse in un aeroporto canadese si espresse come se si stesse parlando di un animale??Beccatelo tutto questo articolo e poi rifletti sull'uso di un arma di tortura che ti piaceva tanto difendere
    • Cotti Mo' scrive:
      Re: a proposito dell'ungherese ammazzato
      - Scritto da: franco
      Come si chiamava quella specie di fascista che
      commentando la morte del cittadino ungherse in un
      aeroporto canadese si espresse come se si stesse
      parlando di un
      animale??
      Beccatelo tutto questo articolo e poi rifletti
      sull'uso di un arma di tortura che ti piaceva
      tanto
      difendereperchè secondo te a quelli gliene frega delle ragioni di chicchessia...
Chiudi i commenti