Il Radeon si fa mobile

ATI aggiorna la sua linea di chipset grafici dedicati al mercato dei notebook e sforna l'atteso Radeon Mobility. Nemico giurato, ancora una volta, un chip di Nvidia: il Geforce2 Go


Markham (Canada) – ATI ha finalmente rilasciato sul mercato il nuovo Radeon Mobility, la versione mobile del noto chipset grafico che avrà il compito di succedere al Rage Mobility 128 e di duellare sul segmento di mercato dei notebook con il GeForce2 Go , lanciato da Nvidia lo scorso novembre.

La sfida dei nuovi chipset grafici per notebook è quella di mantenere bassi i consumi pur offrendo prestazioni sufficienti per consentire finalmente anche agli utenti mobili la possibilità di eseguire applicazioni e giochi 3D dell’ultima generazione.

Il nuovo Radeon Mobility è in grado di “addormentare” quei componenti del chipset non utilizzati, come ad esempio il motore 3D, riuscendo in questo modo ad abbassare i consumi anche drasticamente: nella sola modalità 2D il consumo medio è infatti al di sotto degli 0,5 watt, mentre si attesta sui 2 watt al massimo utilizzo. Il chip riesce a variare dinamicamente, e a seconda delle necessità, anche la frequenza di funzionamento della memoria (da 66 MHz a 200 MHz) e il voltaggio del core.

Il chip grafico sfoggia un motore di rendering a 32 bit in grado di supportare il multitexturing a tre vie e fino a 16 MB di memoria DDR integrata o, nelle versioni più spinte, fino a 64 MB di memoria esterna (DDR o SDRAM). Come il GeForce2, anche il Radeon Mobility supporta più monitor, fino ad un massimo di tre, ed offre le più comuni accelerazioni hardware per la riproduzione dei DVD.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti