Il Romanzo Totale è open source

Un annuncio


Roma – Dal primo aprile 2005 sul sito www.romanzototale.it parte un nuovo progetto di scrittura collettiva in rete ambientato in Alto Adige, realizzato dall?ensemble narrativo Kai Zen con il contributo della Provincia Autonoma di Bolzano. Chiunque potrà partecipare, inviando la sua proposta di capitolo per continuare la storia, fino ad arrivare alla stesura e pubblicazione di un vero romanzo (editrice Bacchilega).

Il romanzo prevede 10 capitoli. La scrittura del I, del V e del IX sarà affidata a Kai Zen, mentre i rimanenti capitoli saranno realizzati dai partecipanti.

Le proposte di capitolo (massimo 15.000 caratteri spazi inclusi in formato RTF) dovranno essere inviate al sito www.romanzototale.it (info@romanzototale.it) entro dieci giorni dalla comparsa del capitolo precedente. Tutte le proposte pervenute saranno selezionate da una giuria entro i 4 giorni successivi. Il capitolo prescelto sarà pubblicato sul sito e andrà a proseguire la storia fino al X, che sarà l?ultimo ma non l?unico. “Il Romanzo Totale – si legge in una nota – prevede infatti un finale aperto e molteplice”.

Nel sito troveranno spazio, oltre al capitolo destinato alla prosecuzione della storia, altri due capitoli che per loro qualità saranno segnalati dalla giuria, e che potrebbero essere utilizzati come spunto per andare avanti. Saranno disponibili pagine web con informazioni storiche, una trama appena tratteggiata per stimolare l?ispirazione e un bestiario con i vari personaggi del racconto. Si potranno anche inviare a www.romanzototale.it illustrazioni di propria creazione, ispirate ai vari capitoli prescelti, che seguiranno in parallelo la storia affiancandosi alla parola scritta.

L’iniziativa è “open source”, sotto licenza Creative Commons e basata su software aperti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Bravi
    Già che ci siete, mettete in giro i kit per sbloccare i telefonini di TRE, visto che chi li sblocca si fa pagare profumatamente.
Chiudi i commenti