Il sarcofago digitale sfida l'eternità

Il celebre gruppo di net-artist svizzeri etoy lancia Mission Eternity, progetto di conservazione del sapere dell'individuo e realizzazione di un sarcofago multimediale post mortem

Francoforte – Raggiunge la maturità uno dei progetti più interessanti di etoy , il celeberrimo collettivo di net artist svizzeri alle prese questa volta con Mission Eternity , singolare strumento di conservazione e “manutenzione” della memoria dell’individuo.

L’idea di fondo è realizzare un network di spazi digitali, comprensivo di server, telefoni mobili e via dicendo, che dia accesso in permanenza a quella che viene definita < strong> capsula digitale , contenitore multimediale di conoscenza, immagini e dati dell’individuo.

“Grazie al nostro collaudatore Sepp Keiser (nella foto, ndr.), nato nel 1923 a Zurigo – spiega Vincent, ricercatore del laboratorio di chimica presso ETH Zurich – abbiamo estratto una prima capsula digitale che contiene messaggi multimediali per le future generazioni: dati ufficiali, feedback da google, registrazioni voce, immagini, segreti e conoscenze che Keiser intende condividere dopo la propria morte”.

Il tester etoy L’insieme di queste informazioni, organizzate in una piattaforma di consultazione accessibile da strumenti diversi, va a costituire una sorta di “fantasma digitale” a cui in futuro chiunque potrà “rivolgersi” visitando la “Capsula Arcanum”. “Nei fatti – sottolinea Vincent – si tratta di una nuova dimensione del ritratto artistico. Perché documenta la vita umana in un modo radicalmente nuovo e interattivo, anche a migliaia di anni da oggi”.

Al fine di conservare questa memoria organizzata, questa “capsula” appunto, etoy “distribuisce i dati in una rete di migliaia di server e telefoni nel mondo”. Si costituisce così quello che etoy descrive come nuovo “sarcofago” caratterizzato non solo dalla sua accessibilità e dalla multimedialità dei suoi contenuti ma anche dalla sua permanenza nel tempo , un obiettivo non poco ambizioso nell’era digitale.

“Il sarcofago ad alta tecnologia realizzato in Svizzera – scrivono gli artisti autori di questa operazione – diventa la spoglia mortale che l’utente di Mission Eternity inserisce in una matrice da 17mila LED che rendono i dati accessibili interattivamente su tre dimensioni”.

etoy è a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Creare la licenza
    Mi sono sempre chiesto una cosa: chiunque può inventarsi la propria licenza, allegarla ad un proprio prodotto ed aspettarsi che questa venga legalmente riconosciuta e fatta rispettare o bisogna perdere in chissà quale malebolgia di avvocati notai ecc. ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Creare la licenza
      - Scritto da:
      Mi sono sempre chiesto una cosa: chiunque può
      inventarsi la propria licenza, allegarla ad un
      proprio prodotto ed aspettarsi che questa venga
      legalmente riconosciuta e fatta rispettare o
      bisogna perdere in chissà quale malebolgia di
      avvocati notai ecc.
      ?la seconda...
    • Anonimo scrive:
      Re: Creare la licenza
      Chiunque puo' inventarsi la propria licenza e la legge la riconosce come valida.Gli avvocati servono per evitare che la licenza contenga clausole vessatorie o contrarie alle leggi vigenti (e quindi nulle), che sia scritta in una legalese accettabile e che ti tuteli effettivamente, ma se conosci le leggi abbastanza bene gli avvocati non servono.
  • Anonimo scrive:
    Router hardware...
    ...tutti i produttori di ROUTER (come NetGear) usano linux...ma non c'è da nessuna parte alcun riferimento alla licenza GPL...(ne tantomento i sorgenti delle applicazioni modificate nel router)....?
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Router hardware...
      - Scritto da:
      ...tutti i produttori di ROUTER (come NetGear)
      usano linux...ma non c'è da nessuna parte alcun
      riferimento alla licenza GPL...(ne tantomento i
      sorgenti delle applicazioni modificate nel
      router)....
      ?Se per creare i loro software non usano componenti coperti da GPL, nulla glielo impedisce. Quel che non puoi fare é lucrare sul lavoro che un altro ha messo a disposizionde gratuita del pubblico mediante GPL, ponendo come unico limite che tale licenza si propaghi a tutti gli utenti successivi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Router hardware...


        Se per creare i loro software non usano
        componenti coperti da GPL, nulla glielo
        impedisce. Quel che non puoi fare é lucrare sul
        lavoro che un altro ha messo a disposizionde
        gratuita del pubblico mediante GPL, ponendo come
        unico limite che tale licenza si propaghi a tutti
        gli utenti
        successivi.immagino che almeno una mdifichina (closed-source!?) al kernel la debbano fare comunque (newbie)....
      • Anonimo scrive:
        Re: Router hardware...
        - Scritto da: Santos-Dumont
        Se per creare i loro software non usano
        componenti coperti da GPL, nulla glielo
        impedisce. Quel che non puoi fare é lucrare sulsbagliato. Se il software che stanno integrando è incompatibile con la GPL i problemi ci sono e come.
        lavoro che un altro ha messo a disposizionde
        gratuita del pubblico mediante GPL, ponendo come
        unico limite che tale licenza si propaghi a tutti gli utenti successivi.sbagliato.Chiunque può vendere qualsiasi prodotto GPL al prezzo che vuole.La stessa microsoft vendeva (forse lo fa ancora, non so) parte dei tools GNU sul suo sito (mi sembra per 150$ un CD con gcc, make, ...) per far interagire unix con il suo sistemaHai bisogno di dare una lettura alla licenza GPL.
        • Anonimo scrive:
          Re: Router hardware...
          No, non ha bisogno di leggere...perché i cantinari non leggono... parlano senza leggere...- Scritto da:

          - Scritto da: Santos-Dumont


          Se per creare i loro software non usano

          componenti coperti da GPL, nulla glielo

          impedisce. Quel che non puoi fare é lucrare sul

          sbagliato. Se il software che stanno integrando è
          incompatibile con la GPL i problemi ci sono e
          come.


          lavoro che un altro ha messo a disposizionde

          gratuita del pubblico mediante GPL, ponendo come

          unico limite che tale licenza si propaghi a
          tutti gli utenti
          successivi.

          sbagliato.
          Chiunque può vendere qualsiasi prodotto GPL al
          prezzo che
          vuole.

          La stessa microsoft vendeva (forse lo fa ancora,
          non so) parte dei tools GNU sul suo sito (mi
          sembra per 150$ un CD con gcc, make, ...) per far
          interagire unix con il suo
          sistema

          Hai bisogno di dare una lettura alla licenza GPL.
          • Anonimo scrive:
            Re: Router hardware...
            - Scritto da:
            No, non ha bisogno di leggere...
            perché i cantinari non leggono... parlano
            senza leggere...I cantinari leggono, altrimenti come imparerebbero a configurarsi i linux ?
            - Scritto da:



            - Scritto da: Santos-Dumont




            Se per creare i loro software non usano


            componenti coperti da GPL, nulla glielo


            impedisce. Quel che non puoi fare é lucrare
            sul



            sbagliato. Se il software che stanno integrando
            è

            incompatibile con la GPL i problemi ci sono e

            come.




            lavoro che un altro ha messo a disposizionde


            gratuita del pubblico mediante GPL, ponendo
            come


            unico limite che tale licenza si propaghi a

            tutti gli utenti

            successivi.



            sbagliato.

            Chiunque può vendere qualsiasi prodotto GPL al

            prezzo che

            vuole.



            La stessa microsoft vendeva (forse lo fa ancora,

            non so) parte dei tools GNU sul suo sito (mi

            sembra per 150$ un CD con gcc, make, ...) per
            far

            interagire unix con il suo

            sistema



            Hai bisogno di dare una lettura alla licenza
            GPL.
    • gerry scrive:
      Re: Router hardware...
      - Scritto da:
      ...tutti i produttori di ROUTER (come NetGear)
      usano linux...ma non c'è da nessuna parte alcun
      riferimento alla licenza GPL...(ne tantomento i
      sorgenti delle applicazioni modificate nel
      router)....
      ???Il mio netgear aveva una copia cartacea della GPL dentro la confezione.Spero non abbiano deciso di perdere questa abitudine...PS. qui puoi scaricare i sorgenti:http://kbserver.netgear.com/inquira/default.asp?ui_mode=answer&prior_transaction_id=630247&action_code=5&highlight_info=16778095,6,10&turl=http%3A%2F%2Fkbserver.netgear.com%2Fkb_web_files%2Fn101238.asp&answer_id=16000621#__highlightNon ci sono tutti, alcune utility sono closed.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 giugno 2006 08.09-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti