Il sesso sconvolge Habbo Hotel

Un'emittente UK rivela chat a sfondo erotico e comportamenti non adatti a un pubblico da minorenni. Gli investitori si sfilano. L'azienda promette maggiori controlli

Roma – Un coacervo di predatori . Questa pesantissima accusa si è abbattuta su Habbo, il social network per teenager di proprietà dell’azienda finalndese Sulake. Tutto è nato da un’inchiesta della rete televisiva britannica Channel 4 che ha messo in luce come gli utenti del sito utilizzino un linguaggio esplicitamente sessuale.

Rachel Seifert, una delle produttrici del canale, ha utilizzato Habbo per due mesi fingendosi una ragazzina di 13 anni . A detta della donna, che nel giro di due minuti è stata coinvolta in conversazioni dal contenuto chiaramente sessuale, la chat del sito è “perversa, violenta e pornografica”.

Secondo Sulake, Habbo vanterebbe 268 milioni di utenti registrati e nove milioni di visitatori al mese. Con un giro di investimenti pari a 35 milioni di euro , il sito è disponibile in 11 lingue ed è attivo in 150 paesi del mondo. Il 65 per cento degli iscritti ha un’età compresa tra i 13 e i 16 anni ma, come in tutti i social network, è molto facile falsificare la propria identità. Basti pensare che le cronache riportano che lo scorso anno un giovane di 21 anni è stato condannato a sette anni di carcere dopo aver ammesso di aver abusato di alcune ragazzine incontrate su Habbo.

Nel settembre dello scorso anno, con l’arrivo del nuovo CEO Paul LaFontaine, era stata migliorata la capacità di reazione alle segnalazioni di materiale inappropriato ma, come hanno ribadito gli addetti ai lavori, si tratta di problemi ereditari, se non addirittura “sistemici”.

Nel frattempo su Habbo cominciano ad abbattersi le prime conseguenze dello scandalo: Balderton Capital , la seconda più grande azionista di Sulake, ha restituito all’azienda finlandese il suo 13 per cento delle azioni. Balderton Capital, che finanziava Sulake da otto anni, si è detta profondamente “scioccata” per essere stata coinvolta in un business dove i bambini “non vengono adeguatamente protetti”. La scelta di Balderton è stata definita da un imprenditore di Londra come “il più vile atto di lavarsi le mani che io abbia mai visto fare da un investitore”. Al contrario, l’azienda 3i, che con una quota del 15 per cento rappresenta il più grande investitore di Sulake, ha dichiarato di voler mantenere l’impegno con l’azienda finlandese.

Dal canto suo Paul LaFontaine, definitosi “incredibilmente preoccupato”, ha avviato un’indagine e ha promesso maggiori controlli e un rafforzamento della sicurezza. Il CEO si è detto inoltre “dispiaciuto” della decisione di Balderton, ma ha ribadito che la sua maggiore priorità, al momento, è affrontare i problemi messi in luce da Channel 4 .

Habbo ha infine preso una drastica decisione : “silenziare” il sito nel corso delle indagini. Questo significa che, se un utente utilizzerà parole che un moderatore considera offensive o inappropriate, scatterà automaticamente il “silenziatore” e l’utente non potrà comunicare per circa dieci minuti.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • menestrello scrive:
    Un'interessante recensione...
    Ho letto una recensione fuori dalle righe di questo gioco e devo ammettere che hanno ragione. Diablo 3 probabilmente non doveva essere il terzo capito della saga ma qualcosa di differente http://www.bitsandchips.it/8-gaming/1237-tre-cose-solamente-menno-in-grado-la-morte-la-violenza-e-il-dado
  • a1rz scrive:
    precisazione
    Volevo correggere quanto riportato nell articolo: i ban arrivano per diversi motivi, sopratutto per 2 tipi di exploit scoperti dai "farmer"Time clock, metti un oggetto in asta, lo vendi alle 12:00 logghi ritiri i soldi, slogghi mietti l' orologio di windows (tristezza client side) all ora in cui hai creato l' asta, la annulli e ti ritrovi soldi piu oggetto (dupe item). Il secondo exploit era nel livello goblin, con un NPC che ti segiuva (tyrel) pullavi il mondo, ti facevi ammazzare e in pochi secondi l' NPC XXXXva tutti i mob... in piu particolari livelli droppavano una esagerazione di gold. Tutta questa gente che ha usato questi exploit (farmer e comuni player) sono stati perma banned :)
    • AranBanjo scrive:
      Re: precisazione
      Tradotto in italiano ? ;)
    • Vero a meta scrive:
      Re: precisazione
      Il cheat del Time Clock è stato più volte dichiarato fake dalla Blizzard. Se leggi i forum troverai la risposta di Bash dove afferma che è vero che cambia l'orario dell'asta ma è SOLO una cosa visiva. Non è possibile jupare oro e item in questo modo. Purtroppo molta gente grida al cheat solo perchè vede in AH prezzi esagerati (e molti lo sono sia chiaro) senza pensare che comunque la fuori è pieno di nerdoni che hanno ben oltre i 100milioni di gold ad oggi.
      • Basito O_O scrive:
        Re: precisazione
        - Scritto da: Vero a meta
        Il cheat del Time Clock è stato più volte
        dichiarato fake dalla Blizzard. Se leggi i forum
        troverai la risposta di Bash dove afferma che è
        vero che cambia l'orario dell'asta ma è SOLO una
        cosa visiva. Non è possibile jupare oro e item in
        questo modo. Purtroppo molta gente grida al cheat
        solo perchè vede in AH prezzi esagerati (e molti
        lo sono sia chiaro) senza pensare che comunque la
        fuori è pieno di nerdoni che hanno ben oltre i
        100milioni di gold ad
        oggi.Io non capire vostra lingua.
      • Nonriescoaf areillogin scrive:
        Re: precisazione
        Un po' come quegli hack per WoW che ti danno i superpoteri... possibile che nessuno si accorga che in nei video dimostrativi quei coniglietti prima di morire devono ricevere una ventina di colpi, ognuno dei quali dovrebbe essere sufficiente a sbudellare un drago?
  • ultimate scrive:
    invece su max paine 3..
    Rockstar ha creato dei server apposta dove verranno confinati i cheater! :)
Chiudi i commenti