Il SETI@HOME scova... un portatile

Curiosa vicenda di uno smanettone che partecipa al progettone di ricerca e che proprio grazie a questo è riuscito a individuare il portatile rubato alla moglie

Roma – Slashdot titola ironicamente “SETI ha finalmente trovato qualcosa”, un’ironia giustificata dalla particolarità di un caso di ritrovamento di un portatile rubato.

La vicenda la racconta Associated Press . In breve, uno dei numerosissimi volontari del progettone SETI@HOME , che contribuiscono alla ricerca di vita extraterrestre donando tempo di elaborazione del proprio computer, ha scovato proprio tramite SETI@HOME la localizzazione di quel notebook.

A quanto pare, infatti, il ladro si era introdotto a casa sua e aveva sottratto il portatile della moglie, sul quale si trovava installato il client del SETI@HOME. Deciso a rintracciarlo, il volontario ha potuto verificare che per tre volte quel portatile si è connesso con i server dell’Università della California al quale si connettono tutti i suoi computer sui quali è installato il client. Forte degli IP di quelle rilevazioni, l’uomo ha avvertito la polizia e pochi giorni dopo, individuato il ladro, il notebook è tornato nelle mani della legittima proprietaria.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Interpreto anche io
    La polizia non può dirmi niente so ho 3 tonnellate di DVD pieni di mp3 e film, infatti diventano musica e immagini solo se inseriti in un computer, altrimenti sono solo plastica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Interpreto anche io
      Plastica plastica, e' solo plastica.Trovo fantastico che gli americani se le diano sui maroni a vicenda con tanta intensita' e tafazziana passione. Spero che presi per sfinimento se ne accorgano il prima possibile e ci diano un taglio.Osso di Seppia
  • rockroll scrive:
    Molto comoda l'interpretazione MS!
    secondo Microsoft quello che viene esportato ( Golden Master ) non è considerabile porzione di software e, come tale, non può essere assoggettato alle regole che riguardano l'esportazione di codice licenziato Proprio una interpretazione di comodo spudorata!Ma allora posso ricavare dal loro prezioso golden master tutte le copie che voglio da distribuire liberamente, non c'è più vincolo su master d'importazione! Ma allora parallelamente MP3 e DivX di contenuti ricavati da siti esteri sono una forma di master d'importazione non soggetti a vincoli? Se passa la tesi, può tornarci comodo!Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 febbraio 2007 05.42-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Microsoft e gli MP3!!!
    Notizia di oggi che ha fatto scendere il titolo MSFT al NASDAQ: Una corte federale americana ha condannato Microsoft al versamento a Lucent-Alcatel, a titolo di risarcimento danni, di USD1,52 mld , per violazione di brevetti sugli MP3. Un miliardemmezzo di dollari!!!!Minchia, qua in Italia ci si fa a malapen un sito web... (rotfl)(apple)(apple)(apple)
  • Anonimo scrive:
    Chi di brevetti SW ferisce...
    ...di brevetti SW perisce.
  • MeX scrive:
    sento rumore di unghie sugli specchi...
    ma... come si fa a dire che il GOLDEN DISK non contiene software... quindi il disco esportato in realtà non contiene il brevetto... allora a cosa servono i codici regionali dei DVD? tanto io non esporto mica il FILM, esporto il DISCO :)Che BUFFONI!
  • Anonimo scrive:
    Ma tu guarda....
    ....non è brevettabile un codice che fa 2+2=4strano, visto che proprio 2 giorni fa Ballmer aveva tuonato contro l'opensource.....pensate che un pò che MS voleva brevettare l'interfaccia grafica ( dopo averla rubata alla Apple ovviamente )....anche un X su una finestra è una cosa ovvia ...mi sa che hanno ragione quelli che si oppongono ai brevetti software, del resto il software è un bene immateriale similmente alle opere letterarie o musicali e queste ultime non sono brevettabili, quindi perchè il software dovrebbe esserlo?come al solito MS usa due pesi e due misure...vuole i brevetti quando si tratta di colpire gli altri, non li vuole quando invece a violarli è lei ( e di brevetti MS ne ha violati parecchi )
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma tu guarda....
      A bello svegliati! Microsoft non ha rubato nessuna interfaccia grafica. Se lo avesse fatto credi che la gelosissima Apple si sarebbe girata dall'altra parte? Se invece lo ha fatto le è stato concesso di farlo e non ha rubato nulla ugualmente. Ha messo a frutto proficuamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma tu guarda....
        - Scritto da:
        A bello svegliati! Microsoft non ha rubato
        nessuna interfaccia grafica. Se lo avesse fatto
        credi che la gelosissima Apple si sarebbe girata
        dall'altra parte? Se invece lo ha fatto le è
        stato concesso di farlo e non ha rubato nulla
        ugualmente. Ha messo a frutto
        proficuamente.Svegliati tu!M$ ha perso una causa con Apple a questo proposito già molto tempo fa!
  • Anonimo scrive:
    Oz proprio oggi
    "Non inculi un inculatore"...chissà se è vero
Chiudi i commenti