Il sito ufficiale dell'antipirateria italiana

Le pagine sobrie dell'Unità antipirateria sorgono sul sito dell'Autorità TLC. Con informazioni di legge e un clic per denunciare i pirati

Roma – “Segnalazioni – Per denunciare la violazione delle norme sulla tutela del diritto d’autore – Fai clic qui”: questo il link di spicco nella prima pagina dell’Unità antipirateria italiana che ha ufficialmente lanciato il proprio sito . Uno spazio web che nasce all’interno del web dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Cliccando sul link delatorio si apre un micro-modulino dove è possibile inserire cognome, nome ed email. Sotto, chiunque volesse potrebbe inserire un proprio commento. Nelle intenzioni del sito, evidentemente, si attendono i dati di qualcuno da denunciare perché dedito ad attività di pirateria o di violazione del copyright.

Gli altri materiali del sito comprendono le leggi che hanno portato alla costituzione dell’Unità antipirateria informatica, la cui preparazione è già stata raccontata da Punto Informatico. La legislazione presente comprende anche tutta la normativa di settore.

L’Unità, come noto, servirà alle forze dell’ordine come “raccordo” per la creazione di task dedicate alla repressione della pirateria, anche mediante l’indicazione delle più recenti iniziative intraprese sia sotto il profilo della prevenzione sia sotto quello del controllo.

Altre pagine comprendono link ai siti di istituzioni, associazioni ed operatori del settore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Parole Sante!
    E allora i siti denominati lolita-art sites?Vogliono per caso mettere in galera per pedofilia anche i fotografi che fanno fotografie di giovani adolescenti in pose "nature" Mikail Rusinov,David Hamilton.... Se potessi farei una lista,anzichè fare i bacchettoni e puritani del caxxo,sarebbe meglio che le autorità si concentrassero sui casi reali e si facesse una vera e propria campagna contro i veri pedofili.Statisticamente il 45% dei pedofili sono persone che da piccole hanno subito lo stesso fenomeno sulla loro pelle e la maggior parte di essi consumati in famiglia:vogliamo pensare ai casi reali anzichè quelli campati in aria?
  • Anonimo scrive:
    Re: Natura e bacchettoneria
    Stracondivido in tutti i Sensi quello che hai detto.FORZA ROMAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    io preferisco la mi' ragazza...
    solo per dire che vi vado in culo, tra 6 mesi mi sposo, i pedofili mi fanno' caca', e mi fanno caca' anche quelli che vado co le 'adolescenti'.Se la vostra frustrazione giornaliera vi porta appresso a persone che saranno vostre succubi perche' perse nello sconosciuto fate vobis, ma siete dei vigliacchi bastardi.W la topa, ma pelosa ed esperta! :)Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: io preferisco la mi' ragazza...
      MA CHE pensieri profondi
    • Anonimo scrive:
      La preferisco anche io ...
      Peccato perchè è un cesso, ma ... 'azzo se ci sa fare, che esperienza!Pensa a lavorare, certe idee non interessano a nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: La preferisco anche io ...
        sei off topic, i figli di puttana hanno un forum a parte.e la mia ragazza non e' un cesso, anzi e' bella bella :)))- Scritto da: The Raptus!
        Peccato perchè è un cesso, ma ... 'azzo se
        ci sa fare, che esperienza!


        Pensa a lavorare, certe idee non interessano
        a nessuno.
    • Anonimo scrive:
      La preferisco anch'io!
      Azz mi hanno censurato. è la prima volta!E ti ripeto: che sia bella è meglio per te. Ma che mi frega di leggerlo qui!Se "io" ho un forum a parte (prob lo conosci tu, perchè io non ho mai trovato il forum per i "figli di ") allora cercane uno anche per le tue str, parlare di topa e di altro. Leggiti gli interventi più in basso, ne troverai di interessanti! Ed impara a stare allo scherzo, invece di arrabbiarti!
  • Anonimo scrive:
    Ma le statistiche si fanno diversamente
    Posso essere d'accordo sulla tesi dell'articolo.Ma non condivido per niente la "metodologia scientifica" dell'autrice. Per esempio: guarda caso usando come chiave di ricerca "bambini" (parola italiana) si ottengono meno risultati che usando "preteen" (parola inglese e quindi internazionale). Che scoperta sarebbe? Al di là delle conclusioni dell'autrice, significa solo che ci sono meno italiani che inglesi online. Ma và.Inoltre trovo che la questione metatag sia trattata con troppa leggerezza. Troppo semplice limitarsi ai meta indicati nel pezzo... provate a cercare tag come "bambini stuprati" (in inglese, of course) e vedrete quante tonnellate di siti di tutti i generi vi vengono segnalati! Siti di e-commerce, soprattutto, e solo secondariamente siti erotici che peraltro non c'entrano nulla (per fortuna) con queste parole chiave.Poi potremmo questionare certe definizioni. Smettiamola di fare gli ipocriti: lo sapete anche voi che per gli americani "teen" e "preteen" indicano qualunque pornostar (anche quarantenne) che si è fatta le treccine. E' il mercato, baby.In compenso sapete altrettanto bene che ci sono pacchi di siti giapponesi o filoasiatici in cui con la scusa delle foto artistiche ci sono veramente raccolte di ragazzine o pseudotali a disposizione di chiunque.E poi non parliamo di Irc. Ebbene sì, lo confesso: faccio il giornalista e anni fa mi era venuta l'idea di preparare un'inchiesta su questo tema. Risultato: sul web non si trova *nulla* di quanto viene troppo spesso pubblicizzato negli articoli scandalistici dei giornali, ma in compenso su Irc ci sono dozzine di stanza da voltastomaco. Si va da "papà che vendono le figlie" a "zietti perversi" a "mamme pedofile" e via così. Nella maggior parte dei casi sono solo tane di ragazzini che giocano a fare i trasgressivi, ma lì sì che si trovano loschi individui che spediscono a destra e a manca immagini illegali - anzi, criminali.Concludendo: un plauso a chiunque faccia informazione corretta o anche solo ci provi. Però sarebbe bello se almeno i siti "non for dummies" come questo approfittassero della loro esperienza per chiarire una volta per tutte questi lati oscuri della rete e magari facessero qualcosa per combattere concretamente fenomeni criminali online.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' e' un buon articolo
    Con tutto il rispetto per le buone intenzioni dell'autrice, neanche a me sembra che questo articolo contribuisca gran che alla messa in discussione dei pregiudizi su pornografia infantile e pedofilia. Anche il metodo di ricerca utilizzato è alquanto discutibile.Gran parte dei siti che reclamizzano servendosi di termini quali "Lolita" e "young school boys", in realtà mostrano immagini di "lolite" a cui anche il più versatile dei pedofili avrebbe sicuramente smesso di interessarsi come minimo 8 anni prima.Quanto alla faccenda dei "250.000 clienti americani", si tratta di una delle ennesime operazioni di adescamento, con successiva opera di propaganda mediatica, effettuate dall'FBI secondo la consueta logica d'oltreoceano; dunque non: "mandare la gente in galera è un mezzo per evitare i crimini", ma bensì: "creiamo apposta i crimini per mandare la gente in galera (e giustificare le nostre richieste di stanziamenti e di leggi più repressive)". Se l'autrice dell'articolo si fosse documentata meglio, avrebbe scoperto che il responsabile americano dei siti in questione è stato condannato all'ergastolo senza avere venduto né desiderato di vendere una sola fotografia illegale! Al contrario, fu proprio lui a rivolgersi all'FBI per chiedere ragguagli in quanto non era sicuro della legittimità del materiale a cui controllava l'accesso verificando che chi ne faceva richiesta fosse effettivamente maggiorenne.Ma alla fin fine l'autrice dell'articolo non ha nemmeno tutti i torti: come si fa a non essere vittime della propaganda degli americani, quando ne siamo immersi fino al collo anche in Europa? Quegli stessi americani che poi vengono a fare le vittime quando un paio di aerei vanno fuori rotta...Una dettagliata spiegazione (in inglese) della realtà dei fatti dietro ai "250.000" clienti di pornografia infantile la si può leggere qui:http://www.danpedo.dk/english/porn.shtml#exSalutiF.
  • Anonimo scrive:
    Io non ho mai avuto rapporti con ragazzine........
    di 14-15 anni ma devo dire che alcune hannoun fascino incredibile,sono quelle che NABOKOVl'autore di "LOLITA" definisce le "NINFETTE"Non so cosa possa provocare in un uomo adulto queste sensazioni ma alcune ragazzine hanno veramente un fascino incredibile.Dato a volte da comportamenti naturali e "innocenti" anche se non è sempre vero.Si tratta ormai di "donne" nel fisico e bambine nel pensiero,una combinazione decisamente irresistibile per un uomo.E non venitemi a dire che non avete mai guardato una 15enne senza fare alcun pensiero morboso.Ma comunque dal dire al fare c'è di mezzo il mare.Per quanto riguarda chi fà o vuole fare sesso con bambini-ne al di sotto dell'età di maturazione sessuale penso siano malati mentalmente.
  • Anonimo scrive:
    Connivenze
    Ma come si può sgominare la pedopornografia se tutte, dico tutte, le comunità virtuali come YAHOO (questa è la top winner), MSN, TRIPOD, GEOCITIES, FORTUNECITY, ANGELFIRE, etc., offrono nei loro servers terabites di immagini pornografiche di minori e persino filmati, il tutto più o meno criptato in files zippati e con ridicole password decriptabili in 10' da appositi softwares.Il problema carissimi è che non esiste una reale volontà di sradicare alla radice il problema; le attuali tecnologie in possesso alle forrze dell'ordine di qualsiasi paese occidentale potrebbe individuare in poche ore i siti pedopornografici, coloro che li frequentano e detentori di tale materiale nei loro PC, con indirizzo, numero di telefono e taglia delle loro mutande se necessario.E se qualcuno di questi imbecilli mi sta leggendo voglio ricordare che i meschini trucchetti che adoperano (proxy server, etc.) sono solo una pia illusione di un anonimato che può essere smantellato molto facilmente.....solo se c'è la volontà di farlo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' e' un buon articolo
    Le osservazioni dello Scuro mi sembrano molto sensate.L'indagine di Talhita Malagò è certo interessante, ma non mi sembra fondata la conclusione
    forse si dovrebbe iniziare a pensare ad una prevenzione come
    "riduzione delle opportunità", che questi soggetti hanno di porre in
    essere determinati comportamenti illegali. Mi chiedo talvolta:1) il danno per il minore avviene quando viene costretto a giochi pedofili o quando la relativa fotografia si diffonde?2) la pedopornografia INCORAGGIA certi istinti o LI SFOGA?3) questo fenomeno telematico, va PREVENUTO o va SFRUTTATO dalla polizia per risalire ai "pedofili" intesi come persecutori di bambini, ma quelli reali, non virtuali?Infine, immaginate di aprire un sito dedicato alla pedofilia con scritti, fotomontaggi e disegni.Se non finirete in prigione sarete fortunati... eppure non fareste male a nessuno!
  • Anonimo scrive:
    un'opinione da chi ci sta dentro
    questi link non contengono immagini (faccio che non commentare quelle relative ai messaggi precedenti, certa gente dovrebbe dare link meno diretti!), ma contengono idee che è bene conoscere, anche solo per curiosità (quello che da sempre mi spinge).http://www.boylinks.net/ (webring)http://www.danpedo.to/italiano/ (informativo)si tenga presente che non sto scherzando. scarico "pedopornografia" (questo non significa che ne tenga su HD altro che una minima parte, criptata) da 3 anni (dalla sera dopo un fatidico TG, mi ha incuriosito, pensavo "non può essere cosi facile trovare certe cose su internet.." beh facile no, ma possibile e, una volta trovato il posto, anche veloce ...fateci un pensierino, sulla TV...) e fra un mese ne compio 18... questa è la mia realtà, e l'ho voluta dire. solo questo. ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: VIRTUALIZZAZIONE !?!
    Mamma mia !Mi hai rovinato la giornata !!!Bleah....- Scritto da: BrUtAlD
    Facciamo un esperimento, guardatevi sti siti:
    http://www.sickestsites.com/
    http://www.bme.freeq.com/service/samples/tour
  • Anonimo scrive:
    immagini parafiliche
    "Non soltanto le immagini pedofile apparivano, insieme a quelle parafiliche, come le immagini..."scusate la domanda, ma cosa cavolo sono le immagini parafiliche???foto di paracadutisti che si inchiappettano durante i lanci???
    • Anonimo scrive:
      Re: immagini parafiliche
      Parafilia = Attaccamento morboso a forme anormali o socialmente riprovate di soddisfazione dell'istinto, specialmente di quello sessuale.[Zingarelli]- Scritto da: dubbioso
      "Non soltanto le immagini pedofile
      apparivano, insieme a quelle parafiliche,
      come le immagini..."

      scusate la domanda, ma cosa cavolo sono le
      immagini parafiliche???

      foto di paracadutisti che si inchiappettano
      durante i lanci???
Chiudi i commenti