Il telecomando sarà a onde radio

Presto i vecchi controller remoti a infrarossi andranno in pensione. La nuova tecnologia offrirà bidirezionalità e una minore latenza nella risposta
Presto i vecchi controller remoti a infrarossi andranno in pensione. La nuova tecnologia offrirà bidirezionalità e una minore latenza nella risposta

Un consorzio di produttori sta per avviare quella che, se non è una rivoluzione, di certo rappresenta un miglioramento significativo alla vita di tanti poltroni e aficionado del telecomando: entro un paio d’anni i controller remoti dovrebbero sostituire interamente l’attuale principio di funzionamento, basato sugli infrarossi, con una tecnologia a onde in radiofrequenza.

Il nuovo standard, noto come RF4CE , offre un bel po’ di vantaggi rispetto a quanto oggi possibile con i telecomandi “standard”: la sostituzione dei diodi che “sparano” infrarossi verso lo schermo, l’impianto Hi-Fi e il resto di dispositivi elettronici ed elettrodomestici controllabili da remoto con trasmettitori radio permetterà prima di tutto una maggiore praticità di utilizzo del controller remoto, che potrà operare e controllare i suddetti dispositivi da qualunque punto della stanza (o anche fuori da essa) senza l’obbligo di doversi trovare sulla linea visiva necessaria a colpire il ricevitore con il raggio luminoso .

E se questa è in fondo “semplicemente” una comodità per chi ha stampato la forma del proprio didietro su una poltrona non perfettamente allineata al TV-set, l’altro grande vantaggio dei telecomandi operanti in radiofrequenza sta nella loro capacità di operare in maniera bidirezionale , impartendo ordini agli apparecchi ma anche ricevendo in cambio feedback o informazioni di stato.

Un altro vantaggio è caratterizzato dalla minore latenza nella risposta ai segnali radio , che potrebbe arrivare a scendere dai 100 millisecondi degli infrarossi ai 5 millisecondi. RF4CE è basato sullo standard IEEE 802.15.4. MAC/PHY delle tecnologie radio e opera nella banda libera dei 2,4 GHz, una caratteristica che ne permetterebbe l’adozione a livello mondiale.

La bidirezionalità dei segnali e la ridotta latenza, neanche a dirlo, aprono nuovi scenari di utilizzo dei controller remoti, inclusa la navigazione in rete direttamente dal televisore e la capacità dei dispositivi elettronici di “avvisare” il telecomando sullo stato di funzionamento ed eventuali aggiornamenti delle funzionalità offerte.

Il vantaggio maggiore di RF4CE, a ogni modo, sarebbe l’interoperabilità , la qual cosa dovrebbe facilitare la sua adozione estesa entro il prossimo anno o poco di più. Attualmente è necessario infatti rivolgersi ai singoli produttori come Sony, che offre controller in radio frequenza con alcuni televisori della serie Bravia.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 03 2009
Link copiato negli appunti