Il transformer è un robot Xerox

Xerox inizia a raccogliere i frutti di dieci anni di lavoro su una nuova generazione di robot in grado assumere da sé forme diverse per svolgere compiti differenti
Xerox inizia a raccogliere i frutti di dieci anni di lavoro su una nuova generazione di robot in grado assumere da sé forme diverse per svolgere compiti differenti


Palo Alto, USA – Forse un giorno potremmo davvero toccare con mano robot del tipo di quelli che hanno popolato, anni or sono, la nota serie di cartoni animati “transformers”: mostri d’acciaio che, oltre a sparare missili e sferrare pugni micidiali, avevano anche l’abilità di trasformarsi in veicoli spaziali o terrestri.

Sembrerà una banalità, ma è esattamente lo stesso concetto che anima gli studi condotti da Xerox su di una generazione di robot in grado di auto-assemblarsi ed assumere forme sempre diverse e funzionali al compito assegnatogli: oggi carrello motorizzato, domani taglialamiere.

I transformers di casa Xerox si chiamano PolyBot e sono costituiti da piccoli blocchi componibili “intelligenti” in grado di unirsi gli uni agli altri secondo differenti schemi e attraverso strutture a 3 dimensioni. Versatilità, robustezza e basso costo potrebbero essere le principali doti dei robot modulari, in grado di riconfigurarsi dinamicamente, bypassare i blocchi difettosi evitando guasti più seri, basarsi su parti prodotte su larga scala e per questo economiche.

Naturalmente, a detta della stessa Xerox, il progetto non è affatto semplice e nonostante sia partito nei primi anni ’90, i prototipi prodotti sono ancora molto primitivi. La parte più difficile è programmare il software affinché gestisca le interazioni fra centinaia, migliaia o milioni di blocchi fra loro. Ma l’azienda è certa che questa tecnologia un giorno potrebbe rivoluzionare la nostra vita, sia sul lavoro che in casa.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 01 2000
Link copiato negli appunti