Il videoclip ha successo? Parte la diffida

Il network televisivo NBC sguinzaglia gli avvocati contro YouTube.com, servizio gratuito per la condivisione di audiovisivi che ha reso celebre un video prodotto dall'emittente. Non doveva farlo?


New York – Le tecnologie di condivisione messe a disposizione da Internet possono essere potentissimi amplificatori mediatici: NBC , tra i più importanti network televisivi statunitensi, ne è ben consapevole. La velocità dell’informazione online è così alta da causare la diffusione virale di contenuti, idee e notizie. E non è detto che questo piaccia a chi quei contenuti li produce.

Servizi come YouTube.com , ad esempio, sono applicazioni che permettono agli utenti di scambiare filmati e garantirne un’ampia visibilità, mescolando social networking a tecnologie del Web 2.0 . E’ il caso del video musicale Lazy Sunday , nato dalla mente di Christ Parnell ed Andy Samberg del celebre Saturday Night Live , tra o più seguiti ed imitati comedy show del palinsesto statunitense.

Il video, che vede i due comici intenti ad imitare gli atteggiamenti dei rapper newyorkesi, è giunto sui server di YouTube quasi in sordina ma è riuscito a portare alla ribalta Samberg: in poco tempo, Lazy Sunday è stato visualizzato oltre cinque milioni di volte .

In termini di marketing televisivo, una simile audience ha sicuramente consistenza: malgrado l’ottimo risultato promozionale offerto gratuitamente da Internet, i direttori di NBC hanno snobbato la viralità raggiunta dal clip ed hanno accusato YouTube di violazione del DMCA .

I responsabili di YouTube sono stati raggiunti da una cosiddetta takedown notice , lo strumento che la discussa ed inossidabile legge statunitense sul copyright mette in mano agli autori che vogliono far valere i propri diritti.

Il servizio è stato costretto a rimuovere tutti i filmati di Lazy Sunday . NBC, contemporaneamente, ha iniziato a lucrare sulla popolarità del video attraverso il negozio online di Apple , il famoso iTunes . L’emittente ha inoltre rilasciato una versione gratuita del video, accessibile soltanto agli utenti di Windows XP, ma di scarsa qualità.

Molti, come ad esempio gli autori del blog BoingBoing , si domandano se questo comportamento da parte di un grande network televisivo possa essere giustificabile: “Non si tratta di violazione del copyright”, sostiene la giornalista Xeni Jardin , “perché YouTube si limita a mettere in contatto persone appassionate di certi argomenti, animate da spirito di condivisione”.

L’autrice è convinta che “il ricorso al DMCA sarebbe stato lecito se un’altra emittente avesse diffuso illegalmente il filmato”, specifica, “ma in questo caso si tratta di un vero e proprio fenomeno virale”. Ed i cosiddetti virus informativi , su Internet, viaggiano al ritmo degli utenti ed alla velocità di messaggio di posta elettronica.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    riciclare?
    chi mi può aiutare a intraprendere il lavoro nel riciclare materiale informatico?e-mail .... vincenzo.61@tiscali.it
  • Arcidiavolo scrive:
    Pile, accumulatori et similia...
    Qui, a Taranto, per smaltire la suddetta roba, devo portarla all "Auchan" ( !).Evvabé....transeat. Ma gli accumulatori grigi, quelli tipo 12 Volt, normalmente inclusi nelle sirene dei sistemi di allarme o nelle unità UPS, dove li ficco? Gli "armadietti" raccoglitori somigliano vagamente alle cassette postali rosse che tutti conosciamo ma hanno un foro di entrata calibrato molto inferiore alle dimensioni dei suddetti accumulatori. Risultato: io li poggio sopra e confido nella buona sorte. Di piombo, dentro, ve ne è parecchio...Sto, ogni tanto, eliminando anche vecchi accumulatori al nichel - cadmio, forse tra i più inquinanti, mano a mano che passo a quelli al litio.(Pregovi astenervi da ovvie battute..sul "dove li ficco"!!!)
  • Anonimo scrive:
    speriamo...
    Speriamo che li riciclino davvero e non finiscano in Africa come "aiuti umanitari". C'era in merito un report su una rivista internazionale pochi mesi fa: aziende senza scrupoli ritirano vecchi computer ed elettrodomestici per smaltirli facendosi pagare per il servizio, recuperano il recuperabile, e tutto il resto lo spediscono in Africa intascando i contributi dell'Unione Europea contro il digital divide...
  • Anonimo scrive:
    Re: Contenitori...
    in germania* ricarichi il tubetto del dentifricio, niente tubetti* compri solo la "setola" dello spazzolino, niente plastica buttata ogni volta* compri il latte andando a fare la ricarica con un tuo contenitore...eccse la loro economia tira ci sara' poi qualche motivo, no?
  • Solvalou scrive:
    Re: Contenitori...
    Quoto in pieno. E ci sarebbe una legge abbastanza facile da fare: all'atto dell'acquisto bisognerebbe pagare lo smaltimento del rifiuto delicato insieme coll'iva. Portando il rifiuto alla discarica verrebbe quindi smaltito gratuitamente senza tassa per un servizio gia' pagato in partenza. In questo modo chi ti vende contenitori inutili si troverebbe automaticamente un prodotto meno competitivo rispetto a chi usa cose riciclabili (dal costo di smaltimento inferiore) o riusabili (costo di smaltimento pagato una sola volta )
  • Anonimo scrive:
    Re: Contenitori...
    - Scritto da: Fulmy(nato)
    E se invece si obbligassero i produttori di
    "consumabili" a produrre meno rifiuti?

    Un esempio che riguarda proprio alcune aziende
    citate, se invece di costringere, una volta
    esaurita, a buttare una cartuccia con allegato
    chip e quant'altro, questi produttori
    fabbricassero stampanti con serbatoi riempibili?ha ha ha ha (rotfl)Ma se è proprio sulle cartucce che i produttori di stampanti hanno il maggior margine di profitto! Comunque l'idea è buona, guarda guarda ho giusto una boccetta d'inchiostro e un siringone... :D
  • ishitawa scrive:
    Re: Contenitori...
    hai perfettamente ragione.combiando un pochino il nostro stile di vita si potrebbero abbattere i rifiuti in misura enormee basterebbe una "tassa" sui prodotti con scartoe sui supermercati che citavi (li ho visti anch'io) troveremmo il prodotto con bottiglia usa&getta a tot euro e il ricarica-fai-da-te a metà prezzovedi che allora la gente diventa ecologica !
  • Anonimo scrive:
    Re: Se si riciclassero in toto...
    - Scritto da: Anonimo
    dell'Unione?

    (rotfl)(rotfl)(rotfl) frustrato.......chiavi in mano?!?
  • Anonimo scrive:
    Re: Se si riciclassero in toto...
    dell'Unione?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Se si riciclassero in toto...
    Se si riciclassero in toto i componenti hardware sarebbe una grossa vittoria!
Chiudi i commenti