Il VoIP targato BG

Una nuova infrastruttura integrata voce-dati consentirà alla Provincia di Bergamo di modernizzarsi e predisporsi per nuovi servizi di comunicazione

Bergamo – La Provincia di Bergamo avrà presto una propria infrastruttura di telefonia VoIP. A curare la progettazione, l’installazione e la messa in esercizio delle nuove applicazioni di comunicazione sarà Dimension Data .

La Provincia di Bergamo – intesa come istituzione – si compone di sei sedi sul territorio del capoluogo, con circa 700 dipendenti, e dodici sedi sul territorio provinciale, con circa 80 dipendenti. “Come molti degli enti pubblici e privati – spiega una nota – disponeva di una rete dati a bassa velocità di connessione, differenti reti telefoniche e altrettanti centralini dislocati nelle singole sedi”. Due “mondi” completamente separati (un’infrastruttura telefonica e una rete dati), “con un conseguente raddoppio dei costi di gestione e manutenzione”.

L’obiettivo è dunque dotarsi di un’infrastruttura interoperabile sul fronte voce-dati. Iniziato nel 2004, il progetto condotto con Dimension Data è stato suddiviso in quattro fasi: adeguamento delle architetture voce e dati per centralizzare i servizi, aumento del livello di sicurezza e di affidabilità, potenziamento della rete locale LAN e messa in opera dell’applicazione di telefonia vera e propria, con la soluzione Call Manager di Cisco .

La nuova architettura, si legge nella nota, consentirà alla Provincia di Bergamo di attivare nuovi servizi come videotelefonate, videoconferenze, servizi fax integrati al sistema di posta elettronica e al nuovo sistema telefonico, mobile office, telelavoro, videosorveglianza. Ma permetterà anche di attivare un progetto per il disaster recovery e di continuare con il processo di consolidamento dei server. E darà modo alla Provincia di Bergamo di supportare eventuali applicazioni quali la web TV, la multicanalità e l’attivazione di Call Center per il cittadino.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • okokokok scrive:
    okokokok
    okokokokokokokok
  • eugenio mondello scrive:
    cafon stret
    yyoyhhhiiiy
  • mirko lo dico scrive:
    ti voglio bene
    p) :-o :-o :-o :-o(cylon) :$ :@(troll1) :@(cylon) O)(apple)(nolove)(anonimo)
  • Sergio scrive:
    secondo me...
    ....il codice è stato rubato da un operatore tim prima dell'immissione della ricaricard sul mercato... secondo me...
  • gianmario destefano scrive:
    anche con vodafone
    a mio figlio è successo lo stesso con una ricaricabile vodafone circa 9 mesi fa. Dopo varie proteste la voda ha provveduto alla ricarica
  • Ugolino scrive:
    Tim Keygen ?
    Qualche furbotto a mio avviso ha beccatoil sistema su come calcolarsi il codice,viene fatto con algoritmi molto più potentidei più blasonati programmi, era prevedibileche ci riuscissero pure con le ricaricard.
    • HomoSapiens scrive:
      Re: Tim Keygen ?
      ma quale keygen, hanno buttato giù un codice ad capocchiam... eheheh. in ogni caso per rubare l'algoritmo che usano i software per la registrazione è piu facile perchè tu il programma ce l'hai e puoi debuggarlo, infatti le operazioni vengono fatte sulla tua macchina..
      • pablo rando bernet scrive:
        Re: Tim Keygen ?
        - Scritto da: HomoSapiens
        ma quale keygen, hanno buttato giù un codice ad
        capocchiam... eheheh. in ogni caso per rubare
        l'algoritmo che usano i software per la
        registrazione è piu facile perchè tu il programma
        ce l'hai e puoi debuggarlo, infatti le operazioni
        vengono fatte sulla tua
        macchina..
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Tim Keygen ?
      contenuto non disponibile
    • pegasus2000 scrive:
      Re: Tim Keygen ?
      Anche secondo me la causa è dovuta ad un keygen...Una volta se ne trovavano in rete, ora non so se ne esistono più in giro...
    • ioetu scrive:
      Re: Tim Keygen ?
      potrebbe esser tutto ma in qualsiasi caso si puo' risalire a chi ha usato il codice non suo...quindi so cavoli suoi. tutto è registrato mie cari :-P
  • ------ scrive:
    SISTEMA FALLACE...
    Quello delle ricariche "da grattare" è un sistema fallace in quanto sono al portatore ma non c'è modo di stabilire se siano già state usate o meno... non ha armi legali né il consumatore né tim quindi meglio affidarsi a sistemi "transazionali" dove rimanga traccia del pagamento verso ricarica.
  • dario scrive:
    usate altri metodi
    perchè non usare il bancomat?o la ricarica online?o altro?si fa prima, funziona sempre (o quasi) e si eliminano pezzi di plastica usa e getta.
  • infernet scrive:
    Confermo
    In casa abbiamo 3 telefoni TIM e questa cosa e' gia' successa 2 volte: carta totalmente scarica.Ora non acquistiamo piu' le card ricaricabili, facciamo tutto online.Certo che e' strana la concomitanza di tempi con l'abolizione del costo di ricarica...
    • abracadabra scrive:
      Re: Confermo
      Quoto le ricariche online.
    • Marco Pigozzi scrive:
      Re: Confermo
      Puoi anche chiedere il rimborso non credo sia la tim che lo fa per fregarti, e' un tuo diritto fallo valere e poi quoto anch'io continua a ricaricare online che e' piu' sicuro.
  • Alessandro Lorenzi scrive:
    lol
    Per caso qualche furbone che ha capito come calcolarsi il codice e di tanto in tanto si fa 5 euri sul cell?? :)
  • Sim Sala Bim scrive:
    Immaginazione
    Qualcuno con la vista debole che ha inserito un codice diverso dal proprio, ma corrispondente a quello dello sfortunato, oppure un errore di stampa...o a voler fare i soliti italiani cattivoni possiamo vederci una organizzazione che si frega i codici dei poveri utenti sistematicamente o una mossa del gestore a campione per vendere qualche scheda in più contando sulla inazione degli utenti posti di fronte al meccanismo un po' macchinoso per ottenere il credito acquistato.Sinceramente credo che sia banalmente la prima ipotesi o al max qualche furbetto che ha provato ad usare un numero a caso simile a quello proprio sperando di non vedersi poi tolto il credito così ottenuto.
Chiudi i commenti