Il Web per la Storia delle Storie

Al via il progetto Our Stories. Bambini e adulti di tutto il mondo sono invitati a tramandare e condividere una cultura orale che si va perdendo. Dentro c'è OLPC, Google e altri big. Applausi dall'ONU

Roma – Il web è un archivio aperto a chiunque, nel quale si depositano racconti e narrazioni, nel quale si intrecciano le voci di culture diverse. Per concentrare e coordinare questa potenzialità narrativa delle tecnologie digitali è stato avviato il progetto Our Stories , al quale collaborano la fondazione One Laptop Per Child ( OLPC ), UNICEF e Google , con l’appoggio di StoryCorps , organizzazione non profit che da anni si occupa di conservare la tradizione orale scaturita da tutte le culture.

Al progetto parteciperanno bimbi ed XO Our Stories si propone come punto di raccordo in cui far convergere sprazzi di tradizione orale registrati con i mezzi a disposizione dei cittadini digitali disseminati in ogni angolo del globo. Le audio storie potranno essere catturate con telefonini, webcam o con XO, che prevede delle funzioni integrate per la registrazione e per la condivisione. Corredarle con qualche immagine sgranata per indirizzare l’immaginazione e dare un volto al racconto sarà possibile ma non necessario.

Per ora sono i volontari delle fondazioni coinvolte a postare i contenuti, localizzati su una mappa fornita da Google: UNICEF ha già pubblicato delle storie raccolte in Uganda, in Pakistan e in Tanzania, alle quali si sono aggiunti i racconti archiviati dal museo virtuale Pessoa . Presto compariranno sulla mappa anche quelli dei bardi di StoryCorps e le interviste, le canzoni, le narrazioni dei bimbi che avranno a disposizione il computer solidale XO. L’obiettivo, spiegavano gli organizzatori nei mesi scorsi, è quello di raccogliere e condividere milioni di storie personali entro il 2010, estendendo a chiunque l’invito a partecipare con la propria voce e con il patrimonio culturale della terra in cui è radicato.

Il formato consigliato è l’ intervista : i griot dell’era digitale sono invitati a raccogliere le storie e le esperienze delle persone della loro comunità nella lingua originale. I file audio non verranno doppiati né sottotitolati ma, spiegano da Our Stories, “speriamo di raccogliere tante voci in tante lingue così che ciascuno potrà ascoltare le storie nella lingua che comprende”. Un modo per non appiattire le differenze e le peculiarità che caratterizzano ogni cultura, un modo per non uniformarsi alla lingua e a certe tendenze globalizzanti della rete.

Il web si legge e si scrive. È un intreccio di storie, i racconti dei narratori si intessono sulle piattaforme di sharing e nei social media. La cultura si preserva e si condivide online perché i cittadini della rete possano conoscerla , rielaborarla e reinventarla. “Così possiamo condividere le nostre esperienze – ha spiegato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon – Possiamo gettare dei ponti, possiamo costruire la pace”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Camullaido scrive:
    fa male solo a telecom
    Il wifi farebbe perdere un sacco di soldi alle compagnie telefoniche grazie ai telefonini voip, il resto sono minch### questi politicanti pensano che siamo scemi.
  • kala scrive:
    Basta con sto Wifi! dateci un taglio!!
    allora sassate pure tutti i cellulari dalla finestra..è che si sono accorti che il wireless si ritorcerà contro le compagnie telefoniche.. perchè potrebbe essere GRATIS per tutti!!!!!!!!!!!!!!!
  • roberts pierre scrive:
    controinformazione
    e' stato dimostrato che l'assenza del campo magnetico terrestre provoca danni notevoli all'organismo, lo sanno bene i cosmonauti che agiscono in un campo magnetico ridotto o addirittura assente. Al polo nord/sud esistono due singolarita' nel campo magnetico che risulterebbe nullo, i ricercatori che hanno operato in quelle zone hanno subito danni in termini di riduzione dell'attivita' del sistema immunitario ecc.. Lo stesso succede in alcune zone vicino l'equatore. Avete notato come in tutte le zone equatoriali siano presenti problemi notevolissimi e questi tendano a mitigarsi man mano che si sale in latitudine? Quel che voglio dire e' che l'attivita' magnetica ed elettromagnetica sembra influenzare fisicamente e psichicamente l'essere umano in modi che ancora non conosciamo, bollare tutto come una cazzata non mi pare corretto, bisogna effettuare ricerche e basarsi su dati anche statistici per cercare di saperne di piu'.
    • Martino scrive:
      Re: controinformazione
      - Scritto da: roberts pierre
      e' stato dimostrato che l'assenza del campo
      magnetico terrestre provoca danni notevoli
      all'organismo, lo sanno bene i cosmonauti che
      agiscono in un campo magnetico ridotto o
      addirittura assente. Al polo nord/sud esistono
      due singolarita' nel campo magnetico che
      risulterebbe nullo, i ricercatori che hanno
      operato in quelle zone hanno subito danni in
      termini di riduzione dell'attivita' del sistema
      immunitario ecc.. Lo stesso succede in alcune
      zone vicino l'equatore. Avete notato come in
      tutte le zone equatoriali siano presenti problemi
      notevolissimi e questi tendano a mitigarsi man
      mano che si sale in latitudine?

      Quel che voglio dire e' che l'attivita' magnetica
      ed elettromagnetica sembra influenzare
      fisicamente e psichicamente l'essere umano in
      modi che ancora non conosciamo, bollare tutto
      come una cazzata non mi pare corretto, bisogna
      effettuare ricerche e basarsi su dati anche
      statistici per cercare di saperne di
      piu'.Quoto. E' inutile presumere, in un senso o nell'altro. E infatti anche sui telefonini le cose non sono ancora molto chiare direi.
  • contenuto ingiurioso scrive:
    Implicazioni?
    "È quindi giusto sapere le implicazioni che potremo avere da un sempre più frequente contatto con queste tecnologie". [img]http://wsuccess.typepad.com/photos/uncategorized/borg_1.jpg[/img] Implicazioni?Di quali implicazioni sta parlando?
    • KgalpAoPxLR gwMAip scrive:
      Re: Implicazioni?
      http://clonidinehydrochloride.ga/clonidine-price.html#2142 clonidine drug, http://clonidinehydrochloride.ga/clonidine-catapres.html#1176 clonidine tablets, http://cashadvancesnearme.tk/homepath-loan-rates.html#4572 homepath loan rates,
  • daniel scrive:
    Solite balle per controllarne il mercato
    La nostra patria dell'illecito, intravedendo un'ennesima fonte di furti a ripetizione nei confronti dei ns portafogli e della ns libertà..lancia subito l'allarme sulla pericolosità del WI FI dicendo "..attenzione..noi vigileremo per il bene degli italiani!!.." nel frattempo si spartiscono i guadagni e i favori ottenuti dalla vendita dei permessi del segnale ai loro amici industriali e noi ce la prendiamo come sempre nel...portafoglio.E la cosa buffa è che parecchia gente ci crede sul serio..
  • gino scrive:
    Altre informazioni
    Leggetevi il forum del sito www.elettrosensibili.it...
  • lupo449 scrive:
    CACCIA ALLE STREGHE
    oltre 3000 medici, a caccia di streghe, hanno sottoscritto l'Appello di Friburgo sui danni alla salute da Radio Frequenze.
  • asbesto scrive:
    la solita CACCIA ALLE STREGHE
    Eccoli li', GLI ITALIANI, al solitoche vergogna, che vergogna mio diocultura scientifica ZERO8(
  • 4est scrive:
    ma che si preoccupino degli inceneritori
    ....di cui gli effetti sono ben noti, invece di preoccuparsi del wifi.. che tra le tecnologie wireless è quella che spara meno potenza dopo il bluetooth e l'UWB (il wireless usb)bah :(
    • proinceneri tore scrive:
      Re: ma che si preoccupino degli inceneritori
      quali sono scusa?attualmente non sono assolutamente nocivi,anche i famigerati ppb si possono fermare.
  • Luca scrive:
    Donatella Poretti
    Scommetto che Donatella Poretti usa il cellulare...e penso che non si lamenti per quello. Oppure per tutte le onde radio e tv che le attraversano il corpo in ogni istante...
    • Stargazer scrive:
      Re: Donatella Poretti
      - Scritto da: Luca
      Scommetto che Donatella Poretti usa il
      cellulare...e penso che non si lamenti per
      quello. Oppure per tutte le onde radio e tv che
      le attraversano il corpo in ogni
      istante...Ma per quel che si sa può anche avere la casa accanto a un elettrodotto, oppure una serie di quei ripetitori a cella abusivi opportunatamente occultati per la telefonia che gli spara in linea d'aria diretta
  • DrSlump scrive:
    Io invece non sono soddisfatto..
    Vorrei sapere quali studi vengono fatti sui dispositivi wifi.Se prendiamo un singolo dispositivo, certamente, è difficile pensare che sia potenzialmente dannoso per la salute.Ma cosa succede se in un condominio, tutti hanno un modem wifi a caso, il modem della signora alice, e che lo usino accoppiato ad un altro dispositivo?In un condominio di 8 abitazioni, avremmo 16 antenne wifi che trasmettono.Allora, non voglio stare quì a spiegare la teoria delle onde elettromagnetiche, dei fenomeni di interferenza etc etc, ma vi assicuro che, in alcuni punti del palazzo, si possono creare potenze decisamente preoccupanti per la salute di qualsiasi organismo vivente.
    • e i cellulari? scrive:
      Re: Io invece non sono soddisfatto..
      scusa ma (teoria molto più realistica) se tutti hanno invece un cellulare? non è peggio?
      • henry scrive:
        Re: Io invece non sono soddisfatto..
        Repubblica Popolare Democratica di Corea.C'è solo qualche GSM, ma pochi, li il problema non esiste.La consiglio a tanti...
      • DrSlump scrive:
        Re: Io invece non sono soddisfatto..
        Ovvio, l'argomento verteva sul wifi, ma non ho escluso gli apparecchi cellulari.Consiglio sempre di usare poco il cellulare, distante dagli organi vitali e dalla testa e di usare sempre gli auricolari con filo.Il problema comunque, come ho appena scritto in un altro commento, è da ricercarsi anche nelle frequenze usate, oggi oggetto di studio nel mondo scientifico.Consiglio a tutti di utilizzare le reti cablate per ragioni di salute, affidabilità e sicurezza.
    • Marcello Clarizia scrive:
      Re: Io invece non sono soddisfatto..
      - Scritto da: DrSlump
      Allora, non voglio stare quì a spiegare la teoria
      delle onde elettromagneticheSe scrivessi "qui" senza accento, magari saresti un minimo attendibile...
    • Fabio Arista scrive:
      Re: Io invece non sono soddisfatto..
      Esattamente. Nel pio palazzo ci sono ben 6 reti wifi di privati e di un'azienda. Ho comprato un rilevatore di microtesla e in alcuni punti andiamo a 0.20 che è basso per creare pericoli alla salute, ma non è aria fresca.Certo niente a che vedere con le emissioni dell'asciugacapelli o del trasformatore degli alogeni 12V, ma quello lo lo si usa pochi minuti al giorno.Intanto la giovanissima segretaria della mia azienda si è fatta anni con un router wifi a 30 centimetri: ogni tre mesi era in visita all'oncologico....
      • MeX scrive:
        Re: Io invece non sono soddisfatto..
        30cm? ma dove lavorava nello sgabuzzino di 60x60cm? :D
        • Stargazer scrive:
          Re: Io invece non sono soddisfatto..
          - Scritto da: MeX
          30cm? ma dove lavorava nello sgabuzzino di
          60x60cm?
          :DPiù o meno è così:[tecnico adsl]Buongiorno dove ha il computer con presa telefonica?[neofita]prego di qua accanto alla scrivania[tecnico adsl]Bene questo è il modem router per gli altri computer queste sono le chiavette usb[neofita]Ma non fa male così vicino?[tecnico adsl]Andiamo su non crederà a quelle leggende metropolitane? Al giorno d'oggi siamo invasi da campi elettrici tutto il giorno, che vuole che sia uno più uno meno[nefita]Ah bene grazie mi ha rassicuratoNota:naturalmente il tecnico portava un auricolare bluetooth all'orecchio sempre attivo e un cellulare-palmare quindi acceso alla cintola
    • Stargazer scrive:
      Re: Io invece non sono soddisfatto..
      - Scritto da: DrSlump
      Vorrei sapere quali studi vengono fatti sui
      dispositivi
      wifi.Nessuno, il fatto poi che siano quasi tutti made in china ad alcuni può far pensare che criteri di sicurezza abbiano
      Se prendiamo un singolo dispositivo, certamente,
      è difficile pensare che sia potenzialmente
      dannoso per la
      salute.
      Ma cosa succede se in un condominio, tutti hanno
      un modem wifi a caso, il modem della signora
      alice, e che lo usino accoppiato ad un altro
      dispositivo?
      In un condominio di 8 abitazioni, avremmo 16
      antenne wifi che
      trasmettono.Aggiungiamo anche gli altri vapensando al solo interno mi verrebbe da fare una lista concellularimouse e tastiere senza filitelefoni cordlessqualche radioamatore o cbqualche access point (alcuni pure intensificati per irraggiare meglio nel locale)qualche ripetitore di segnale televisivo per le altre stanzevarie ed eventuali (asciugacapelli forni a microonde ecc)Questo ovviamente solo in casapoi bisognerebbe fare una stima di quel che c'è "fuori"
      Allora, non voglio stare quì a spiegare la teoria
      delle onde elettromagnetiche, dei fenomeni di
      interferenza etc etc, ma vi assicuro che, in
      alcuni punti del palazzo, si possono creare
      potenze decisamente preoccupanti per la salute di
      qualsiasi organismo
      vivente.io sto studiando per i cavoli miei l'effetto che hanno anche le tanto amate lampadine a fluorescenza ma sono un pinco pallino quindi non ha alcuna rilevanza In soldoni direi che la salute viene per ultima (basta vedere il caso all'acciaieria...)e segue in ordine invece risparmio e comodità
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Io invece non sono soddisfatto..
      Ho avuto all'università un'infarinatura sulle onde elettromagnetiche, e anch'io non sono così tranquillo e beato.
      • Martino scrive:
        Re: Io invece non sono soddisfatto..
        Infatti questo è uno studio del 2002 condotto dall'università di Firenze sugli effetti biologici delle radiazioni non-ionizzanti irradiate da un telefonino GSM su cellule umane: "Exposure to Global System for Mobile Communication (GSM) Cellular Phone Radiofrequency Alters Gene Expression, Proliferation, and Morphology of Human Skin Fibroblasts"http://www.ingentaconnect.com/content/cog/or/2002/00000013/00000001/or259Quindi quantomento degli effetti ce li hanno.
  • TLH scrive:
    Si, certo
    I cellulari non fanno male ma internet wireless si.
    • Enrico scrive:
      Re: Si, certo
      Sbagliato, i sistemi wireless hanno potenza inferiore rispetto ai cellulari, i quali per coprire normalmente aree vaste come 20 e passa km superano i limiti di soglia :D
      • sdfgdsfg scrive:
        Re: Si, certo
        - Scritto da: Enrico
        Sbagliato, i sistemi wireless hanno potenza
        inferiore rispetto ai cellulari, i quali per
        coprire normalmente aree vaste come 20 e passa km
        superano i limiti di soglia
        :DMi sa che non hai capito quello che intendeva.
      • henry scrive:
        Re: Si, certo
        Chi l'ha detto che superano i livelli di guardia ?Il limite in Italia è di 6v/m per 24h, ora i ripetitori non superano MAI questa soglia in zone abitate, altrimenti li "segano", le varie Arpa da qlc anno lasciano poco all'immaginazione.Questi valori vengono superati solo nelle immediate vicinanze dall'antenna(qualche metro) dove regolarmente nessuno soggiorna più di 8h al giorno.Il singolo telefonino raggiunge livelli anche di 60 v/m vicino all'orecchio dove lo teniamo.Ma considerando che, si spera, uno non stia più di 4 ore la giorno al telefono, il rischio è minimo.Chi ci "vive sopra" sono ca_zi sua, tutti ne sconsigliano un uso intenso, così come per la lampada etc. ognuno è padrone della propria vita a salute.Considerate che in tanti paesi europei e non, il limite è di 30-60-90 v/m quindi decine di volte superiore a quello imposto in Italia.Ma se qlc si preoccupasse anche dell'iquinamento atmosferico ?Ogni anno nelle nostre città ci sono migliaia di decessi causati da questo tipo d'inquinamento, certificati dall'associazione mondiale della sanità.Perchè non si fa qlc ?Invece di farsi seghe mentali per un tipo d'inquinamento, che nessuno per il momento ha indicato senza ragionevole dubbio come pericoloso ? Politca raga...politica.
      • Dany700 scrive:
        Re: Si, certo
        Era ironico il commento di TLH, penso sia palese...
Chiudi i commenti