Il Wi-Fi non esiste

di Guido Villa (lidis.it) - Due anni non sono stati sufficienti per aprire il mercato di una delle tecnologie di connessione più importanti e promettenti, che già si evolve e diventa altro. Complimenti a tutti


Roma – Sono passati quasi due anni dall’emanazione del Decreto Ministeriale 28 maggio 2003 del Ministero delle Comunicazioni, in materia di “fornitura dei servizi Wi-fi ad uso pubblico”. Come molti ricorderanno, la pubblicazione del testo scatenò molte polemiche , poiché uno dei servizi che più allettava (ed interessa tuttora) gli operatori, era stato escluso dalle previsioni normative. Il decreto, infatti, introduceva un’autorizzazione generale per fornire connettività internet tramite Radio-Lan (bande a 2.4 e 5 Ghz), ma allo stesso tempo la fornitura di tali servizi veniva limitata ai “locali aperti al pubblico o in aree confinate a frequentazione pubblica quali aeroporti, stazioni ferroviarie e marittime e centri commerciali”. Non veniva dunque regolamentata la fornitura di connettività wireless, ad esempio, alle abitazioni dei cittadini di un comune non raggiunto dall’adsl,ad una scuola di montagna ecc.

Il mercato della connettività wireless si può infatti suddividere in due “macro-mercati”: quello del “Wi-Fi Pubblico” e quello dell'”ultimo miglio”; il primo si rivolge a chi per motivi di lavoro, studio, svago ecc. si trovi a sostare in aree quali sale convegni, aeroporti, stazioni ferroviarie, ed abbia necessità di collegarsi ad internet tramite il proprio notebook, palmare, smart phone, ecc.; il secondo, invece, a chi desideri una connessione internet ad alta velocità nella propria abitazione, ufficio ecc., soprattutto in zone non coperte dalla “banda larga” tradizionale (tecnologie XDsl).

Il Ministero delle Comunicazioni, dopo le polemiche seguite all’emanazione del decreto a causa della mancata regolamentazione di questo secondo mercato, convocava alcune audizioni con gli operatori del settore, a seguito delle quali concedeva a questi ultimi la possibilità di richiedere autorizzazioni per la sperimentazione del servizio di connettività wireless ultimo miglio.

Grazie a queste sperimentazioni centinaia di scuole, ospedali, comuni, uffici ed abitazioni private, hanno potuto usufruire della banda larga pur trovandosi in zone non ancora coperte da Dsl.

Ad oggi, un anno e mezzo dopo l’inizio delle prime sperimentazioni (iniziate nel settembre del 2003) non vi sono segnali chiari sull’evoluzione della normativa in materia e gli operatori, che hanno investito tempo e denaro senza poter ottenere un riscontro economico immediato (dal momento che i servizi sperimentali devono essere forniti gratuitamente), rischiano di vedere vanificato il lavoro svolto.

Nel frattempo l’evoluzione tecnologica non si è fermata, e mentre nuovi standard (come il WiMax, di cui si parlerà in seguito) si sono affacciati all’orizzonte, le nostre città si sono popolate di “access point”. Nel centro di Roma, ad esempio, è difficile trovare un luogo che non sia sotto la copertura di una rete wireless. La maggior parte di queste non sono “Hot-Spot” pubblici, ma reti aziendali o casalinghe. I notebook ed i palmari di ultima generazione, poi, sono dotati di connettività wireless integrata.

La tecnologia RadioLan è indubbiamente in una fase di crescita esponenziale, e le applicazioni pratiche sono praticamente illimitate. L’incertezza causata dalla mancata regolamentazione del mercato dell’ultimo miglio, tuttavia, sta causando notevoli ritardi e perplessità da parte di molti operatori, che prima di investire risorse in questo settore vogliono ovviamente delle regole chiare.

I “polemici”, a suo tempo, avevano insinuato che la mancata regolamentazione dell’ultimo miglio wireless (e comunque di tutte le applicazioni Radiolan non comprese nel D.M. 28 maggio 2003) fosse figlia di una politica protezionistica a favore degli operatori di telefonia mobile che avevano acquistato le licenze UMTS. Ebbene, ora che i quattro giganti della telefonia mobile hanno da tempo lanciato le proprie offerte 3G, si prospetta loro un nuovo spauracchio: il Wi-Max, un recente standard (IEEE 802.16) di connettività wireless che consente di inviare dati nel raggio di 50 chilometri e ad una velocità di trasmissione di circa 70 megabit al secondo, e si candida come concorrente diretto delle tecnologie mobili 3G, ma anche dell’ultimo miglio tradizionale. E già si parla di licenze.

Guido Villa
Studio Legale Sarzana & Partners
www.lidis.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FDG scrive:
    Re: Guardando le foto...
    - Scritto da: Anonimo
    infatti, è proprio l'ultima versione di gnome che
    è molto "ispirata" a OS X.Ispirata esteticamente o funzionalmente?
  • augustmay scrive:
    Intel: pratica commerciale illegale
    Ho trovato su http://misterreset.blogspot.com un interessante pezzo pubblicato da Reuters su Intel e il mercato giapponese. Se ne parlava da anni in Europa di pratiche illegali di Intel. Forse non sono solo parole...Si può approfondire su PI?Augusto
  • FDG scrive:
    Precisazione

    Trattandosi di un software di videoscrittura, non possono mancare neanche tutte quelle opzioni necessarie per poterlo definire tale, come il dizionario che segnala errori di battituraSu OS X controllo ortografico e dizionario sono funzioni del sistema operativo. Pages non fa altro che usarle come può fare una qualunque altra applicazione. Lo stesso vale per alcuni strumenti, come la finestra dei colori e quella dei font.
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: FDG

      Trattandosi di un software di videoscrittura,
      non possono mancare neanche tutte quelle opzioni
      necessarie per poterlo definire tale, come il
      dizionario che segnala errori di battitura

      Su OS X controllo ortografico e dizionario sono
      funzioni del sistema operativonel kernel? o in una lib?
      • FDG scrive:
        Re: Precisazione
        - Scritto da: Anonimo
        nel kernel? o in una lib?Nel kernel il controllo ortografico?
        • Anonimo scrive:
          Re: Precisazione
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: Anonimo


          nel kernel? o in una lib?

          Nel kernel il controllo ortografico?- Scritto da: FDG

          Su OS X controllo ortografico e dizionario sono
          funzioni del sistema operativo.Ora prendi il Tanembaum e vedi sotto la voce funzioni del sistema operativo alias "syscalls", non è forse il kernel?
  • Anonimo scrive:
    E' figlio di...
    ... Gobe Productive per BeOS, e si vede lontano un chilometro. La struttura dei documenti è la stessa.Non che per la Apple sia stato difficile: anziché comprare la Gobe, ha semplicemente assunto tutti i suoi programmatori!!!Avendo inoltre assunto (o riassorbito) parecchi ex dipendenti della stessa Be Inc., si è praticamente impadronita del mondo BeOS senza spendere un centesimo. Come altra conferma c'è lo stesso Tiger, certe "nuove" features sono la copia sputata di quelle che c'erano già nel BeOS ormai quasi dieci anni fa.P.S. prima che qualcuno cominci ad insultarmi: sto scrivendo questo dal mio iBook...
    • HiWeb scrive:
      Re: E' figlio di...
      - Scritto da: Anonimo
      ... Gobe Productive per BeOS, e si vede lontano
      un chilometro. La struttura dei documenti è la
      stessa.Non conosco questo prodotto, mi fido delle tue parole.
      Non che per la Apple sia stato difficile: anziché
      comprare la Gobe, ha semplicemente assunto tutti
      i suoi programmatori!!!Ricordati che Apple non è Microsoft...non può permettersi di acquistare società come fossero noccioline.Da parte sua comunque Apple ha rilevato/acquistato qualche società importante...tipo Emagic e Nothing Real.
      Avendo inoltre assunto (o riassorbito) parecchi
      ex dipendenti della stessa Be Inc., si è
      praticamente impadronita del mondo BeOS senza
      spendere un centesimo.Meglio assumere i dipendenti o rovinare una società per concorrenza sleale ? neanche da chiederlo, la prima.Al contrario Microsoft"MS ha preferito pagare i danni alla Be per la concorrenza sleale e dannosa condotta negli anni scorsi piuttosto che "discutere" la questione in tribunale" Come altra conferma c'è lo
      stesso Tiger, certe "nuove" features sono la
      copia sputata di quelle che c'erano già nel BeOS
      ormai quasi dieci anni fa.Tipo? sono curioso...ovviamente non ho ancora potuto provare questa nuova release.
      P.S. prima che qualcuno cominci ad insultarmi:
      sto scrivendo questo dal mio iBook...Nessuno vuole insultarti, non serve essere prevenuti verso gli utenti di PI, da parte mia, mi piacerebbe sapere come mai hai sentito la necessità di scrivere questo intervento, considerando che non centra molto con l'articolo in questione.Ovviamente rispetto la tua idea, mi piacerebbe solamente sapere cosa ne pensi di questa suite iworks.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' figlio di...
        - Scritto da: HiWeb
        Da parte sua comunque Apple ha
        rilevato/acquistato qualche società
        importante...tipo Emagic e Nothing Real.Anche la Spruce, quelli che facevano DVD Maestro, che credo sia poi diventato DVD Studio Pro, dopo varie modifiche.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' figlio di...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: HiWeb


          Da parte sua comunque Apple ha

          rilevato/acquistato qualche società

          importante...tipo Emagic e Nothing Real.

          Anche la Spruce, quelli che facevano DVD Maestro,
          che credo sia poi diventato DVD Studio Pro, dopo
          varie modifiche.
          Ma DVD Studio Pro non deriva da un software di Astarte?
          • HiWeb scrive:
            Re: E' figlio di...
            - Scritto da: Anonimo

            Anche la Spruce, quelli che facevano DVD
            Maestro,

            che credo sia poi diventato DVD Studio Pro, dopo

            varie modifiche.


            Ma DVD Studio Pro non deriva da un software di
            Astarte?Tutti e due avete ragione, qui c'è una piccola descrizione che potrà essere utile.http://www.computervideo.net/dec03-3.htm" Two big changes have happened with DVD Studio Pro, however. First, earlier in the year, the price was cut by more than a half - from £830 to under £400. Then, in September, version 2 came out - and this, it turns out, is far more than a simple features upgrade. In its original incarnation, DVD Studio Pro was a rebadged version of Astarte's DVdirector - a program that was selling for US$5,400 before the company was bought up by Apple. That program now appears to have been dumped altogether in favour of authoring software originating from another acquisition - Spruce. When Apple bought Spruce, we figured that the purchase had been made to acquire the company's high-end MPEG encoding hardware. Thankfully, it's now clear that the software development team has been kept working, too. But DVD Studio Pro 2 is much more than a port of the Maestro program from Windows to Mac - a lot of work has gone into the interface to make the learning curve as gentle as possible, and it's had a facelift to bring it into line with the aesthetics of Final Cut Pro and iDVD."
  • Anonimo scrive:
    Bellissimo, quando esce per Windows?
    Lo voglio, quando potro' usarlo su Windows?
    • HiWeb scrive:
      Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
      - Scritto da: Anonimo
      Lo voglio, quando potro' usarlo su Windows?Ciao, la suite precendente (appleworks) esiste anche per Win, faranno anche questa, un attimo di pazienza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
        - Scritto da: HiWeb

        - Scritto da: Anonimo

        Lo voglio, quando potro' usarlo su Windows?

        Ciao, la suite precendente (appleworks) esiste
        anche per Win, faranno anche questa, un attimo di
        pazienza.
        Ma sul mac mini come gira tutto ciò?
        • HiWeb scrive:
          Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
          - Scritto da: Anonimo
          Ma sul mac mini come gira tutto ciò?Non ho mai usato/visto il macmini, però ho installato questa suite sul mio portatile (pb17 g4 a 1ghz), pages è molto veloce, keynote2 è senza dubbio più pesante da gestire, ma comunque rispetto alla versione precendente è molto più veloce.Insomma i due prodotti interessanti che si comportano decisamente bene.
        • Anonimo scrive:
          Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
          benissimo, pages non e' un sw molto pesante e i processori dei mini sono parecchio veloci, non fatevi impressionare dalle dimensioni dei computer.
        • Anonimo scrive:
          Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
          - Scritto da: Anonimo

          Ciao, la suite precendente (appleworks) esiste

          anche per Win, faranno anche questa, un attimo di

          pazienza.



          Ma sul mac mini come gira tutto ciò?Molto bene... gira ottimamente sul mio vecchio PB da 800MHz. Basta assicurarsi di avere molta RAM, come in tutto OSXciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
        non credo proprio, Apple sta facendo sw per il mac soltanto, tutti i Sw della serie ilife non esistono e non esisteranno mai per windows e cosi' nemmeno quelli della serie iworks
        • HiWeb scrive:
          Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
          - Scritto da: Anonimo
          non credo proprio, Apple sta facendo sw per il
          mac soltanto, tutti i Sw della serie ilife non
          esistono e non esisteranno mai per windows e
          cosi' nemmeno quelli della serie iworksScusami, ma non è corretto quello che scrivi, semplicemente perchè itunes, quicktime, appleworks, filemaker e WebObjects esistono per win e mac.Considerando che la suite iworks è la nuova release della suite appleworks, si può immaginare che verrà creata anche una versione per win.Come detto in precendenza, un attimo di pazienza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?

            Scusami, ma non è corretto quello che scrivi,
            semplicemente perchè itunes, quicktime,
            appleworks, filemaker e WebObjects esistono per
            win e mac.
            Considerando che la suite iworks è la nuova
            release della suite appleworks, si può immaginare
            che verrà creata anche una versione per win.
            Come detto in precendenza, un attimo di pazienza.
            Apple works non appartiene alla serie iworks infatti Keynote che invece gli appartiene e' gia' alla versione 2 ma non e'mai stato rilasciato per windows, diverso e' il caso di itunes che serve per promuovere l'ipod e quicktime per promuovere lo standard.Chi vorra' usare sw apple dovra' comperarsi un mac, sara' sempre di piu' cosi'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: Anonimo
            Apple works non appartiene alla serie iworksquello è vero, ma comunque appleworks esiste per windows.Ehm,
            infatti Keynote che invece gli appartiene e'
            gia' alla versione 2 ma non e'mai stato
            rilasciato per windows,Ma scusami, con Windows non vogliono tutti utilizzare MS powerpoint ?Keynote è l'ottima alternativa di Powerpoint. diverso e' il caso di
            itunes che serve per promuovere l'ipod e
            quicktime per promuovere lo standard.cosa pensi di Filemaker e WebObjects ?
            Chi vorra' usare sw apple dovra' comperarsi un
            mac, sara' sempre di piu' cosi'.Perchè pensi questo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: Anonimo

            Apple works non appartiene alla serie iworks

            quello è vero, ma comunque appleworks esiste per
            windows.Certo, ma iLife no, FinalCut no, DVD Studio Pro no, ecc... ecc...

            infatti Keynote che invece gli appartiene e'

            gia' alla versione 2 ma non e'mai stato

            rilasciato per windows,

            Ma scusami, con Windows non vogliono tutti
            utilizzare MS powerpoint ?
            Keynote è l'ottima alternativa di Powerpoint.Quindi? Cosa c'entra col fatto che qualcuno vuole iWork per Windows?

            diverso e' il caso di

            itunes che serve per promuovere l'ipod e

            quicktime per promuovere lo standard.

            cosa pensi di Filemaker e WebObjects ?FileMaker non l'ha certo inventato Apple, ed è sempre esistito anche per Win. WebObjects (che, sinceramente, non so da dove viene) sarebbe da stupidi farlo solo per Mac

            Chi vorra' usare sw apple dovra' comperarsi un

            mac, sara' sempre di piu' cosi'.

            Perchè pensi questo? Perché Apple vende principalmente hardware (90% del fatturato), non software...ciao
          • HiWeb scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: Anonimo
            Certo, ma iLife no, FinalCut no, DVD Studio Pro
            no, ecc... ecc...Ci lavoro, senza dubbio sono dei punti a favore della piattaforma Apple.
            Quindi? Cosa c'entra col fatto che qualcuno vuole
            iWork per Windows?praticamente nulla.
            FileMaker non l'ha certo inventato Apple, ed è
            sempre esistito anche per Win. WebObjects (che,
            sinceramente, non so da dove viene) sarebbe da
            stupidi farlo solo per Macaspetta, questo dovrebbe rinfrescarti la memoria...http://www.macosx.it/cgi-bin/WebObjects/macosx.woa/wa/Articolo?pk=1000021Il 20 Dicembre 1996 la Apple comunicò ufficialmente la sua decisione di acquisire la Next di Steve Jobs, Chairman and CEO della NeXT Software, per circa 400 milioni di dollari. Da questa operazione, la Apple si portò in casa un meraviglioso gruppo di ingegneri, il loro sistema operativo (NEXTSTEP che diventò il nostro MacOS X) e WebObjects... un prodotto venduto fino a pochi anni fa per la non indifferente cifra di 50'000 $ (si, 50 mila!!!).A seguito della volontà di allargare la base di installato, durante il keynote della WWDC di maggio 2000, Steve comunicò che la versione unlimited sarebbe stata messa in vendita ad un nuovo prezzo: 700 dollari.Fu così che WebObjects diventò un prodotto molto più interessante... e diffuso!!!!
            Perché Apple vende principalmente hardware (90%
            del fatturato), non software...

            ciaoSu questo hai perfettamente ragione, anche se devo ammettere che il software prodotto da Apple è veramente notevole.Scusami, sono di parte, lavoro con questi prodotti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: HiWeb
            Il 20 Dicembre 1996 la Apple comunicò
            ufficialmente la sua decisione di acquisire la
            Next di Steve Jobs, Chairman and CEO della NeXT
            Software, per circa 400 milioni di dollari. Da
            questa operazione, la Apple si portò in casa un
            meraviglioso gruppo di ingegneri, il loro sistema
            operativo (NEXTSTEP che diventò il nostro MacOS
            X) e WebObjects... un prodotto venduto fino a
            pochi anni fa per la non indifferente cifra di
            50'000 $ (si, 50 mila!!!).

            A seguito della volontà di allargare la base di
            installato, durante il keynote della WWDC di
            maggio 2000, Steve comunicò che la versione
            unlimited sarebbe stata messa in vendita ad un
            nuovo prezzo: 700 dollari.

            Fu così che WebObjects diventò un prodotto molto
            più interessante... e diffuso!!!!Perfetto... a maggior ragione, si tratta di qualcosa che già esisteva anche per hardware x86, non di qualcosa realizzato da Apple per i propri Mac.Mi pare ancora più evidente il perché alcune applicazioni esistano solo per Mac e altre anche per Win. E mi pare evidente che, se in questo casoApple aveva tutto il vantaggio di commercializzarneuna versione per Win, nel caso di iWork non ha alcunmotivo per farlo.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: HiWeb

            - Scritto da: Anonimo

            non credo proprio, Apple sta facendo sw per il

            mac soltanto, tutti i Sw della serie ilife non

            esistono e non esisteranno mai per windows e

            cosi' nemmeno quelli della serie iworks

            Scusami, ma non è corretto quello che scrivi,
            semplicemente perchè itunes, quicktime,
            appleworks, filemaker e WebObjects esistono per
            win e mac.
            Considerando che la suite iworks è la nuova
            release della suite appleworks, si può immaginare
            che verrà creata anche una versione per win.iWork, per ora, è iWork e basta.Keynote è già in commercio da qualche anno, e non è ancora stata rilasciata una versione per Win, né credo che verrà mai fatto. iWork e iLife usano pesantemente gli effetti del motore Quartz, ed è impensabile ripensarli per Win.iTunes e QT sono un altro discorso, Filemaker non esce certo dai laboratori Apple (ed è sempre esistito per Win), altri software più professionali hanno motivo d'esistere per altri motivi. A riprova di ciò, iMovie, iDVD, iPhoto e Garageband sono tutti software maturi, alcuni in commercio da ormai 5 anni e oltre (pensa a iMovie) eppure sempre e solo per mac.
            Come detto in precendenza, un attimo di pazienza.IMHO, campa cavallo che l'erba cresce...Apple, con il Mac mini, sta "attaccando" una certa fascia di utenti PC: chi è attratto dal sw per Mac, sarà spinto ad acquistare un Mac mini... difficilmente Apple gli darà le stesse cose su Win... ciao
          • HiWeb scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: Anonimo
            iWork, per ora, è iWork e basta.
            Keynote è già in commercio da qualche anno, e non
            è ancora stata rilasciata una versione per Win,
            né credo che verrà mai fatto. iWork e iLife usano
            pesantemente gli effetti del motore Quartz, ed è
            impensabile ripensarli per Win.
            iTunes e QT sono un altro discorso, Filemaker non
            esce certo dai laboratori Apple (ed è sempre
            esistito per Win), altri software più
            professionali hanno motivo d'esistere per altri
            motivi. A riprova di ciò, iMovie, iDVD, iPhoto e
            Garageband sono tutti software maturi, alcuni in
            commercio da ormai 5 anni e oltre (pensa a
            iMovie) eppure sempre e solo per mac.
            IMHO, campa cavallo che l'erba cresce...
            Apple, con il Mac mini, sta "attaccando" una
            certa fascia di utenti PC: chi è attratto dal sw
            per Mac, sarà spinto ad acquistare un Mac mini...
            difficilmente Apple gli darà le stesse cose su
            Win...

            ciaoSenza dubbio, il tuo punto di vista è interessante, non l'avevo considerato questo aspetto del macmini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            Filemaker nacque nei laboratori Claris, società controllata da apple. in pratica era una piccola sezione indipendente. Le prime versioni di filemaker erano disponibili solo x mac, successivamente hanno aperto al modo windows
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: HiWeb
            Considerando che la suite iworks è la nuova
            release della suite appleworks, si può immaginare
            che verrà creata anche una versione per win.
            Come detto in precendenza, un attimo di pazienza.Dubito che accordi tra Zio Bill e Steve Jobs permettano questo. La Apple vola basso anche su Mac, per quanto riguarda i prodotti pseudo-Office. iWorks e anche il vecchio Appleworks erano *volutamente* tenuti ad un livello più semplice e non in diretta competizione con Office per Mac, per evitare di attirarsi le ire di Bill, e rischiare di perdere Office per Mac.Figuramoci se gli vanno a rompere le scatole a casa loro ( su Windows ). Non credo che Appleworks per Windows verrà ulteriormente aggiornato e dubito che faranno mai iWorks su Windows.Quicktime per Windows esiste per diffondere lo standard, altrimenti nessun webmaster posterebbe filmati in .MOV se non funzionassero anche su Windows.iTunes esiste per un semplice motivo: vendere iPod e canzoni agli utenti Windows, che sono la maggioranza, ed infatti è l'unico gratuito delle serie iLife.Filemaker esiste perchè altrimenti su Mac non esisterebbe un corrispettivo di Access, che la Microsoft si ostina a non voler realizzare. Ufficialmente perchè costerebbe troppo e c'è già Filemaker. In realtà, perchè vorrebbe dire portare Jet su Mac, e dare la possibilità a migliaia di applicazioni che dipendono da questo di essere portate rapidamente su Mac, cosa che per la M$ non sarebbe molto salutare.
          • FDG scrive:
            Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
            - Scritto da: Anonimo
            La Apple vola basso anche su Mac, per quanto
            riguarda i prodotti pseudo-Office. iWorks e anche
            il vecchio Appleworks erano *volutamente* tenuti
            ad un livello più semplice e non in diretta
            competizione con Office per Mac, per evitare di
            attirarsi le ire di Bill, e rischiare di perdere
            Office per Mac.Secondo me è una errata interpretazione dei fatti. Se è pur vero che non ha senso per Apple mettersi in concorrenza con Microsoft, è anche vero che molti utenti hanno richieste che Office non soddisfa pienamente e comunque ad un costo esagerato. Da qui l'esistenza di software come iWork. Ovvero iWork non ha nulla a che fare con Office perché non serve agli stessi scopi. Altrimenti sarebbe come paragonare iMovie a Final Cut Pro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bellissimo, quando esce per Windows?
      - Scritto da: Anonimo
      Lo voglio, quando potro' usarlo su Windows?con meno dei soldi della licenza di Office, ti compri un Mac Mini.
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardando le foto...
    AHahahaha :D:D:DMa falla finita! Ma vatti a nascondere! (anonimo)Quel cesso di 'gnòme ha copiato a piene mani da Aqua, così come KDE. Cantinari maledetti, non inventate niente :D:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Guardando le foto...
      - Scritto da: Anonimo
      AHahahaha :D:D:D

      Ma falla finita! Ma vatti a nascondere! (anonimo)

      Quel cesso di 'gnòme ha copiato a piene mani da
      Aqua, così come KDE. Cantinari maledetti, non
      inventate niente :D:D
      Non uso Mac.......ma neanche tu mi sa'! (non sono l' autore del thread)
  • Anonimo scrive:
    Macaco sul balcone
    http://punto-informatico.it/punto/20050308/maschera.jpgdove l'avete ripreso?:s
  • HiWeb scrive:
    Grazie Galimberti :)
    Come al solito, un ottimo articolo sui prodotti Apple.Buona serataAntonio
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie Galimberti :)
      - Scritto da: HiWeb
      Come al solito, un ottimo articolo sui prodotti
      Apple.Chissà quanto paga la Apple per questi articoli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie Galimberti :)
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: HiWeb

        Come al solito, un ottimo articolo sui prodotti

        Apple.

        Chissà quanto paga la Apple per questi articoli.IMHO non paga. Mai avuto Mac? Non puoi capire.
      • fasibia scrive:
        Re: Grazie Galimberti :)

        Chissà quanto paga la Apple per questi articoli.Qualche giorno fa ho detto la stessa cosa, e Galimberti ha risposto che la Apple non gli regala nemmeno lo Shuffle.Mi sono scusato pubblicamente con lui. apple non paga, tranquillizzati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie Galimberti :)
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: HiWeb

        Come al solito, un ottimo articolo sui prodotti

        Apple.

        Chissà quanto paga la Apple per questi articoli.Chissà cosa ci guadagni a parlare a vanvera senza aver mai provato questi prodotti, e probabilmente senza aver mai usato un Mac. La descrizione fatta è perfettamente in linea con l'effettiva bontà del prodotto, e anche i difetti (o le mancanze) evidenziati sono quelli che realmente si riscontrano.E' scritto più volte che il prodotto "manca" di parecchie funzionalità e che è "globalmente inferiore" a Office; ma non si può nascondere che quello che c'è è fatto veramente bene, soprattutto Keynote, che si lascia PowerPoint alle spalle, staccato di un bel pezzo.Mi pare una recensione più che obiettiva, quindi il tuo commento è assolutamente fuori luogo.PS: io uso iWork da quasi un mese... e tu?Bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie Galimberti :)
        mah... la solita filippica su prodotti indegni di nota ma griffatici sono svariate suite office complete e freeware/gpl/open/shareware che sono ottime alternative a ms office, e a volte pure migliori (certamente migliori di questi cosi citati nell'articolo) ma io non ho mai visto una parola qui... http://www.freebyte.com/office/http://mac.tucows.fastwebnet.it/office_wordprocessors_default.htmlhttp://tucows.fastwebnet.it/osuites95_default.htmlhttp://www.google.it/search?q=free+office+software
        • Anonimo scrive:
          Re: Grazie Galimberti :)
          - Scritto da: Anonimo
          mah... la solita filippica su prodotti indegni di
          nota ma griffatiSono sicurissimo che tu iWork non l'hai mai usato, quindi non vedo in base a cosa dici che si tratta di un prodotto "indegno"... senza considerare il fatto che è un prodotto venduto ad un prezzo quasi da shareware
          ci sono svariate suite office complete e
          freeware/gpl/open/shareware che sono ottime
          alternative a ms office, e a volte pure migliori
          (certamente migliori di questi cosi citati
          nell'articolo) ma io non ho mai visto una parola
          qui... Guarda che c'è scritto più volte che iWork non è alternativo a Office. Pages è carino e molto usabile (parola quasi sconosciuta da molte delle cosiddette alternative free), ma carente di molte funzionalità, mentre Keynote dà la paga a tutti i possibili concorrenti. punto. iWork si ferma qui. Ogni altre elucubrazione (come questa _tua_ *filippica* sull'open-source) è inutile e sterile.
  • TPK scrive:
    REDAZIONE, SIETE DEI GRANDI!!!!!!!!!!!!!
    http://punto-informatico.it/punto/20050308/maschera.jpg(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE, SIETE DEI GRANDI!!!!!!!!!
      sarà un gibbone?
    • Anonimo scrive:
      Re: REDAZIONE, SIETE DEI GRANDI!!!!!!!!!
      - Scritto da: TPK
      http://punto-informatico.it/punto/20050308/mascher

      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(
      Un vero macaco!:o
  • TPK scrive:
    Per la Redazione
    Non vi sembra vi sia un'immagine un po' troppo grande nell'articolo? :o-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 23.28-----------------------------------------------------------
    • la redazione scrive:
      Re: Per la Redazione
      Già, ci stiamo lavorando.... ;)- Scritto da: TPK
      Non vi sembra vi sia un'immagine un po' troppo
      grande nell'articolo? :o
    • Anonimo scrive:
      Re: Per la Redazione
      - Scritto da: TPK
      Non vi sembra vi sia un'immagine un po' troppo
      grande nell'articolo? :oAspetta stanno ancora spostando la barra orizzontale, ci vorranno ancora un paio d'ore e poi ti sapranno dire.
Chiudi i commenti