Il wi-fi si avvia verso il crash

Lo dicono gli esperti di Forrester che prevedono un'offerta wireless molto superiore alla richiesta. Aziende in pericolo. Intanto in Vietnam apre la prima zona wi-fi
Lo dicono gli esperti di Forrester che prevedono un'offerta wireless molto superiore alla richiesta. Aziende in pericolo. Intanto in Vietnam apre la prima zona wi-fi


Roma – Gli operatori che intendono investire nell’accesso wireless a banda larga wi-fi dovranno fare molta attenzione. Sui loro risultati pesano infatti le previsioni degli esperti di Forrester che equiparano gli attuali investimenti in hotspot di connessione wi-fi a quanto diede vita alla bolla speculativa della new economy, che quando è scoppiata ha causato danni a non finire.

“Gli accessi delle WLAN pubbliche – scrivono i gufi della società di ricerca – costituiranno il prossimo crollo per le dot-com”. “Riteniamo – spiegano – che molti dei soldi che oggi vengono investiti in WLAN che offrono accesso, come quelle nei bar, sulle spiagge, negli hotel o negli areoporti, nei treni, negli autobus o alle fermate della metro – siano soldi buttati. Per dirla semplicemente, problemi di base sul numero di device wi-fi utilizzati nonché la poca propensione dell’utente a pagare significativamente per un accesso internet di questo tipo limiterà il numero di utenti WLAN ben al di sotto delle potenzialità dei network. In più, i costi altissimi per fornire broad band agli hotspot ucciderà molti di questi business”.

Secondo Forrester , inoltre, nel 2008 non useranno gli hotspot wi-fi più di 7,7 milioni di persone, un numero ben al di sotto delle speranze degli operatori. Cresceranno invece i costi per gli operatori.

Gli esperti ritengono che in Europa, dove si guarda al wi-fi con grande interesse, se si considera il numero di coloro che possiedono un computer portatile si scopre che solo un utente informatico su dieci ne possiede uno. E questo numero non crescerà che del 16 per cento da qui al 2008. Se a questo poi si aggiungono problemi di sicurezza, questioni di licenze e di accordi di roaming tra gli operatori, allora si ha un quadro che, secondo Forrester, garantisce come le WLAN saranno sotto-utilizzate molto a lungo.

In un quadro totalmente diverso, però, giunge l’annuncio della creazione del primo hotspot wi-fi in Vietnam. L’operatore di telecomunicazioni di stato, VDE, ha infatti annunciato l’avvio dei primi accessi wireless ad Hanoi, la capitale del Vietnam. Un hotspot che è frutto della collaborazione della divisione locale di Intel.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 06 2003
Link copiato negli appunti