Il WIPO s'inventa il dominio allargato

Non ha precedenti la decisione con cui è stato assegnato ad un celebre attore scozzese non solo il dominio con il proprio nome ma anche un dominio con un nome molto simile. Una decisione gravida di conseguenze

Ginevra – Sta suscitando grande attenzione e sorpresa la decisione assunta dagli arbitri del WIPO di assegnare ad un celebre attore scozzese non solo il dominio Internet formato dal proprio nome ma anche un dominio, contestato a colui che l’aveva registrato originariamente, del tutto simile ma non uguale.

Gli arbitri hanno deciso che Billy Connolly non solo ha diritto a BillyConnolly.com ma anche a BillyConnelly.com, dove alla “o” viene sostituita una “e”. Ed è quello il nome che aveva registrato un celebre “accaparratore” di domini, il britannico Anthony Stewart. Secondo la decisione del WIPO, senza precedenti, Connolly è “sufficientemente famoso” per reclamare entrambi i domini…

Lo stesso Stewart si chiede se, andando così le cose, Connolly non finisca per essere un cybersquatter del dominio BillyConnelly.com. “Dopo tutto – ha affermato Stewart – quello non è il suo nome e lui nei fatti lo usa in malafede pur non avendo neanche il sito associato a quel dominio”.

Va detto che il WIPO in passato ha preso alcune importanti decisioni su domini legati ad altre celebrità, come Madonna con madonna.com o Sting, che si è visto negare Sting.com. In alcuni casi, gli arbitri se la sono anche presa con i cybersquatter che hanno registrato domini creati per “catturare” chi si reca su un certo sito ma scrive non correttamente l’indirizzo del sito stesso (caso tipico fu Hewettpackard.com).

Ma questa è la prima volta che un dominio legato al nome di una persona viene affidato “in diritto” ad un individuo a cui quel nome non corrisponde e che, tra l’altro, già dispone di un altro dominio con proprio nome. Una decisione, dunque, che potrebbe rivelarsi gravida di conseguenze sia nella lotta al cybersquatting che, soprattutto, nel creare nuovi conflitti sul “diritto al dominio”. E c’è da chiedersi come farà un eventuale Billy Connelly ad ottenere il suo dominio…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    toc toc.... si puo?
    salve(e scusate), non e' che ci capisca molto de st'intrallazzi, ma non mi pare che google sia un'"azienda" che miri all'accesso gratuito dell'archivio usenet. ci saranno sessioni free, ma sicuramente anche quelle a pagamento. Punto informatico le vendera' le opinioni scritte sui suoi forum ]:)) ?Pero' non capisco il senso di schifo che ho, come si puo' vendere qualcosa costruito con il contributo gratuito di tante persone? perche' c'e' questa tendenza al parassitismo insita nell'uomo?
    • Anonimo scrive:
      Re: toc toc.... si puo?
      - Scritto da: cybassh
      salve(e scusate),
      non e' che ci capisca molto de
      st'intrallazzi, ma non mi pare che google
      sia un'"azienda" che miri all'accesso
      gratuito dell'archivio usenet.
      ci saranno sessioni free, ma sicuramente
      anche quelle a pagamento. Punto informatico
      le vendera' le opinioni scritte sui suoi
      forum ]:)) ?
      Pero' non capisco il senso di schifo che ho,
      come si puo' vendere qualcosa costruito con
      il contributo gratuito di tante persone?
      perche' c'e' questa tendenza al parassitismo
      insita nell'uomo?guarda che sei liberissimo di metterti in piedi il tuo proprio archivio
    • Anonimo scrive:
      Re: toc toc.... si puo?
      - Scritto da: cybassh
      ci saranno sessioni free, ma sicuramente
      anche quelle a pagamento. Punto informatico
      le vendera' le opinioni scritte sui suoi
      forum ]:)) ?Tu non sei mica obbligato a comperarl, gli accessi agli archivi delle news...Cmq se leggi un qsiasi newsgroup, vedrai che i contenuti, i temi di massima e anche altre informazioni molto dettagliate su quello che si scrive sono raccolte nel sito internet del ng stesso...uno su tutti: it.arti.musica.spartiti, che ha il suo sito su www.amosfree.comE così moltissimi altri...Come puoi continuare a leggere le news su migliaia di newsserve sparsi x il mondo...Secondo me deja aveva di bello la possibilità di fare ricerche, farle bene e farle sull'intero archivio.Se adesso google vende questo surplus, questo servizio aggiuntivo, perchè dovrebbe far male???Se vuoi continuerai a leggere e a cercare le news gratis da qualche altra parte...
Chiudi i commenti