Il WWF salva, ma non stampa

Un'iniziativa del Fondo Mondiale per la Natura, sezione Germania. Un software per il salvataggio di documenti che non consente di stampare. L'obiettivo: ridurre le copie superflue

Roma – Un software che consente di salvare un documento come file PDF, ma che non può essere stampato.
È l’iniziativa del WWF per tentare di risparmiare carta: una campagna di sensibilizzazione volta a ridurre il consumo di materiale a causa di stampe superflue prodotte da scuole, uffici e tutti colore che fanno un uso enorme (talvolta eccessivo) del derivato della cellulosa.

Un meccanismo pensato dalla filiale teutonica del WWF per il risparmio della carta , per la salvaguardia degli alberi e di conseguenza delle foreste, ma anche per l’uso di toner per le stampanti che non sono prodotti molto ecologici.

Con tale software, trattasi di un plugin, basterà scegliere di salvare un documento in formato WWF . I file così creati potranno essere aperti e visualizzati con la maggior parte dei browser già utilizzati per i PDF. L’unica differenza, la flag che consente o impedisce la stampa sarà bloccata per impedire di mettere – letteralmente – nero su bianco quello che già è disponibile sullo schermo.

Per ora il software WWF per creare file in tale formato è disponibile solo per Mac OS X, ma arriverà presto anche la versione Windows. Ovviamente il software, che non introduce alcuna innovazione tecnica, rappresenta semplicemente un metodo per aumentare la consapevolezza sull’utilizzo spropositato della carta compiuto quotidianamente in tutto il mondo.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti