In Cina carcere per il pornoweb

Un giovane gestiva un servizio internet a luci rosse con 1.500 abbonati: avrà un anno per pensare a quel che ha fatto tra le mura di un carcere. A qualcuno è andata peggio


Pechino – La crociata voluta dal regime cinese contro la pornografia su Internet ha appena prodotto l’ennesima vittima: si tratta di uno studente di 22 anni messo agli arresti, processato e condannato ad un anno di carcere per aver avviato un servizio commerciale pornografico sulla rete.

Stando a quanto riferito dalle fonti ufficiali, il giovane della provincia di Zhegiang era riuscito in poco più di un anno a mettere in piedi un servizio capace di rendere fino a 6mila euro l’anno e di spingere all’abbonamento più di 1.500 utenti internet. Utenti che, in quanto registrati sul server usato dall’uomo, potrebbero finire nel mirino delle autorità.

La sentenza, oltre al carcere, ha previsto anche il sequestro di tutti i guadagni accumulati dall’uomo nonché imposto una multa equivalente a circa 4mila euro .

Le attività antiporno del regime pechinese, condite da delazioni di massa e da filtri di stato , si stanno dunque confermando severe come molti avevano previsto dopo il primo megablitz contro 67 siti a luci rosse dello scorso luglio. Un’operazione di sequestri e arresti a cui ne sono già seguite altre. E ora iniziano a piovere le condanne.

Va detto che a Xie, questo il nome del neocondannato, è andata meglio che ad altri suoi colleghi. Nelle scorse settimane nella stessa provincia un altro operatore del pornoweb, Dong Haibin, è stato condannato a passare cinque anni dietro le sbarre .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ancora molto bravo Arnold!
    :-)
  • Anonimo scrive:
    Schwarzy, hai scocciato
    che stress, da quando è diventato governatore della california non passa giorno senza che firmi qualche legge che vieta questo e quello e quell'altro, sempre naturalmente su argomenti tipo internet e informatica di cui, SICURAMENTE, lui è un grande esperto.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Schwarzy, hai scocciato
      - Scritto da: Anonimo
      che stress, da quando è diventato
      governatore della california non passa
      giorno senza che firmi qualche legge che
      vieta questo e quello e quell'altro, sempre
      naturalmente su argomenti tipo internet e
      informatica di cui, SICURAMENTE, lui
      è un grande esperto.....credi davvero che Schwarzy si occupo solo di internet... e poi cosa c'è di male in questa leggeBeh... bisogna ammettere che PI riesce davvero a distorcere la realtà di alcuni :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Schwarzy, hai scocciato
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        che stress, da quando è diventato

        governatore della california non passa

        giorno senza che firmi qualche legge che

        vieta questo e quello e quell'altro,
        sempre

        naturalmente su argomenti tipo internet
        e

        informatica di cui, SICURAMENTE, lui

        è un grande esperto.....

        credi davvero che Schwarzy si occupo solo di
        internet... e poi cosa c'è di male in
        questa legge

        Beh... bisogna ammettere che PI riesce
        davvero a distorcere la realtà di
        alcuni :(Hai ragione, ormai chi vuole difendere la sua (poca) libertà è un reazionario....
        • Anonimo scrive:
          Re: Schwarzy, hai scocciato


          Hai ragione, ormai chi vuole difendere la
          sua (poca) libertà è un
          reazionario....
          Fammi capire... abiti in California?
    • Anonimo scrive:
      Re: Schwarzy, hai scocciato
      - Scritto da: Anonimo
      che stress, da quando è diventato
      governatore della california non passa
      giorno senza che firmi qualche legge che
      vieta questo e quello e quell'altro, sempre
      naturalmente su argomenti tipo internet e
      informatica di cui, SICURAMENTE, lui
      è un grande esperto.....oh, ma guarda che lui era quello di total recall, se non ne capisce lui di futuro e tecnologia.
  • Anonimo scrive:
    Schwarzy, hai rotto i co........
  • Anonimo scrive:
    Una legge semplice semplice
    Non si può dire che qualsiasi software installato contro la volontà dell'utente è illegale, che sia spyware o malware o anche il wordprocessor? Per ogni installazione una bella conferma scritta.So che può sembrare complesso ma alla fine conivolge solamente tutti quei programmi che si installano direttamente da Internet oppure le assistenze tecniche delle varie aziende.Oltre ai malware ecc anche gli activex dovranno essere proibiti, non è un vantaggio per tuti?ciao
  • Anonimo scrive:
    Uso legittimo
    Alcuni programmi di monitoraggio a distanza e anche alcuni keylogger sono perfettamente legittimi in alcuni ambiti.Se debitamente segnalata, la presenza di un keylogger su un computer e' autorizzata e legale e viene spesso impiegata per controllare postazioni di lavoro, computer scolastici, terminali per tecnici e cosi' via.Va inoltre segnalata l'esistenza di alcuni keylogger particolari in grado di registrare il timestamp di molte azioni, in modo da essere utilizzati come prova di un reato o simili.Per non parlare dell'uso piu' che legittimo degli hook, che facciamo vietiamo anche quelli?Mi sembra che da un po' di tempo a questa parte gli stati facciano a gara a chi vieta piu' cose.Si vietano cose legalissime perche' potrebbero essere usate in maniera distorta (vedi i programmi per duplicare i cd, i programmi p2p, i password retriever, ecc...)A questo punto, visto che i politici possono benissimo usare il loro potere in maniera malevola, io li vieterei a priori... non si sa mai :DCoD
    • Anonimo scrive:
      Re: Uso legittimo

      malevola, io li vieterei a priori... non si
      sa mai :D

      CoDLa tua prposta e' appena stata dichiarata illegale da una nuova legge! :-D
Chiudi i commenti