In Cina il Grid Computing IBM

E' capace di 15 trilioni di calcoli al secondo la griglia di computer messa a disposizione del regime pechinese. Collegherà fra loro università e centri di ricerca di tutto il paese


Pechino (Cina) – Si chiama China Education and Research Grid (CERG) ed è il progetto di Grid computing più ambizioso mai varato fino a oggi dal Governo cinese. Il regime di Pechino può sfruttare per questo traguardo la collaborazione di un colosso americano dell’informatica, IBM, intenzionato a consolidare la propria posizione anche presso i ministeri monocolore della capitale cinese.

La rete verrà utilizzata per consentire alle università di tutto il Paese di collaborare a progetti di ricerca, scientifici e didattici, fra i quali l’e-learning.

L’iniziativa, che è stata varata ad ottobre con la partecipazione del Ministero cinese per l’Educazione e di sei università locali, vedrà al suo completamento oltre 200.000 studenti , docenti e ricercatori collegati a un centinaio di altri istituti in tutta la Cina. IBM ha spiegato che al completamento della fase iniziale, previsto per il 2005, l’infrastruttura Grid sarà in grado di eseguire più di 6 teraflop (trilioni di operazioni al secondo) con una capacità di crescita fino a oltre 15 teraflop .

L’infrastruttura Grid fa leva sulla tecnologia Web services integrata all’interno di WebSphere e si basa sugli standard OGSA (Open Grid Services Architecture). Per il progetto sono stati installati 49 sistemi IBM eServer xSeries equipaggiati con Linux, 6 server pSeries con AIX e sistemi IBM TotalStorage FAStT200 per l’archiviazione dei dati.

“L’infrastruttura China Grid – si legge in un comunicato di IBM – semplificherà l’accesso da parte di studenti e ricercatori alle risorse di elaborazione sparse in tutto il Paese. Le università saranno collegate a un hub virtuale comune che identificherà automaticamente le risorse e le applicazioni più adeguate. Il nuovo sistema Grid delle università cinesi permetterà enormi risparmi sui costi di sviluppo, poiché i singoli istituti potranno concentrarsi sulle aree in cui sono specializzati collegandosi ad altre applicazioni eventualmente necessarie attraverso l’infrastruttura Grid”.

Nel luglio scorso IBM aveva già avuto l’opportunità di sostenere la realizzazione di un’infrastruttura Grid per la città di Shangai, tesa ad integrare le risorse informatiche sparse nelle varie sedi municipali e gestire più efficacemente i sistemi sanitari e di emergenza della metropoli. Questa nuova infrastruttura Grid dal sapore agrodolce, che entra a far parte di quella appena inaugurata, viene utilizzata soprattutto per ricerche nel campo della bioinformatica e, proprio di recente, è servita per identificare il gene della SARS e scoprire le somiglianze tra le differenti tipologie di virus SARS.

L’altro importante campo applicativo della rete grid cinese è l’ insegnamento a distanza . Attraverso il software Real Course, l’Università di Pechino fornisce agli studenti un accesso ai corsi video permettendo lo smistamento delle informazioni tramite server distribuiti. Un’altra applicazione di e-learning, fornita dall’Università di Hong Kong, offre invece agli studenti la possibilità di imparare il cinese mandarino attraverso un portale didattico integrato che mette a disposizione un’interfaccia Web per la verifica della pronuncia dei vari fonemi attraverso il riconoscimento vocale e un servizio chat in tempo reale.

Big Blue sostiene che il proprio grid computer è in grado di identificare automaticamente l’applicazione più adatta per gestire una richiesta, quale ad esempio l’analisi di una proteina complessa per una ricerca sulle malattie infettive, e di trasmettere il risultato al computer da cui la richiesta ha avuto origine.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    sempre meno computer
    la strada e` questa, decine di apparecchi che faranno quello che puo` fare il computer ma senza il computer, in questo modo anche l` 80% della gente che non ha il computer potra` utilizzarli senza dover imparare
  • Anonimo scrive:
    dov'è la novità?
    Fastweb con la video station porta la tv via IP nelle case di molti (ma non tantissimi a dire il vero) italiani.A Milano da ANNI.Non hanno fatto altro che integrare l'unità ricevente (tecnologicamente ridicola) con una Tv. Si sentono così all'avanguardia?boh...mi sono perso qualche puntata?
    • Anonimo scrive:
      Re: dov'è la novità?
      - Scritto da: Anonimo
      Fastweb con la video station porta la tv via
      IP nelle case di molti (ma non tantissimi a
      dire il vero) italiani.
      A Milano da ANNI.
      Non hanno fatto altro che integrare l'unità
      ricevente (tecnologicamente ridicola) con
      una Tv. Si sentono così all'avanguardia?
      boh...Per l'utonto e' una novita!quello che mi meraviglia e' che un giornalista dica su PI che i contenuti sono disponibili attraverso la "tv" "senza utilizzare computer" :-|Cioe' una rete p2p (Internet) che funziona senza computer?.. Evidentemente e' possibile trasmettere contenuti su PI "senza utilizzare l'intelligenza" :-|
      mi sono perso qualche puntata?
    • Anonimo scrive:
      Re: dov'è la novità?
      - Scritto da: Anonimo
      Non hanno fatto altro che integrare l'unità
      ricevente (tecnologicamente ridicola) con
      una Tv. Si sentono così all'avanguardia?
      boh...La novità non è tecnologica ma nello standard e nella trasposizione dei servizi broadcast via etere offerti dalle stazioni televisive in servizi IP e nelle conseguenze di questa operazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: dov'è la novità? Palladium
        La novità è che non potrai usare il videoregistratore con quei segnali. La novità è che sarà integrato nel sistema "anche un robusto meccanismo di protezione dei contenuti ".Chiaro lo spartito?
        • Anonimo scrive:
          Re: dov'è la novità? Avalon
          - Scritto da: Anonimo
          La novità è che non potrai usare il videoregistratore con
          quei segnali. La novità è che sarà integrato nel sistema
          "anche un robusto meccanismo di protezione dei
          contenuti ".Who cares?
      • Anonimo scrive:
        Re: dov'è la novità?
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo


        Non hanno fatto altro che integrare
        l'unità

        ricevente (tecnologicamente ridicola) con

        una Tv. Si sentono così all'avanguardia?

        boh...

        La novità non è tecnologica ma nello
        standard e nella trasposizione dei servizi
        broadcast via etere offerti dalle stazioni
        televisive in servizi IP e nelle conseguenze
        di questa operazione.????? ripeto dove e' la novita????tutto questo si fa da un pezzo! (tivo e altri set top box) quindi? ripeto novita? :-D L'unica vera novita' sarebbe (anche qui ripeto) la intelligenza del giornalista se "applicata" una volta tanto alle "press release" delle varie aziende del settore! :D (scusate la franchezza!)
  • Anonimo scrive:
    perche devo cambiare il tv ?
    scoratevelo !
    • Anonimo scrive:
      Re: perche devo cambiare il tv ?
      - Scritto da: Anonimo
      scoratevelo !pensa che togliendo l'antenna ti risparmi il canone rai...ciao ciaomaretto
      • Anonimo scrive:
        Re: perche devo cambiare il tv ?

        pensa che togliendo l'antenna ti risparmi il
        canone rai...magari! e invece noil canone è per legge applicabile a tutti gli apparecchi idonei a ricevere e trasmettere trasmissioni televisive... (NB idonei)hai la tv via satellite o via cavo anzichè antenna? paghi!hai un monitor per pc? il pc può essere dotato di scheda tv o ricevere trasmissioni broadcasting in rete ed è equiparato ad un decoder, quindi il monitor è considerato come classe di apparecchi tra quelli idonei a ricevere e trasmettere trasmissioni televisive, quindi paghi... e se non hai la scheda tv nè l'abbonamento ad internet? paghi, comunque hai in casa uno strumento idoneo!Unica chance di non pagare: dimostri che l'unità abitativa non è coperta da antenne televisive, da satellite, da cavo ecc... (see, see, anche Soldini aveva la copertura tramite satellite!) e quindi dimostri che lo strumento non è idoneo a ricevere nulla lì dov'è e se lo tieni in quella unità non paghi! (ma che ce lo tieni a fare? magari per presunzione di colpevolezza minacciano di mandarti la finanza...)
        • Anonimo scrive:
          Re: perche devo cambiare il tv ?
          - Scritto da: Anonimo

          pensa che togliendo l'antenna ti risparmi
          il

          canone rai...

          magari! e invece no
          il canone è per legge applicabile a tutti
          gli apparecchi idonei a ricevere e
          trasmettere trasmissioni televisive... (NB
          idonei)
          hai la tv via satellite o via cavo anzichè
          antenna? paghi!nono, il regio decreto che regola la cosa dice che è necessario avere un'antenna che capti il segnale via etere
          hai un monitor per pc? il pc può essere
          dotato di scheda tv o ricevere trasmissioni
          broadcasting in rete ed è equiparato ad un
          decoder, quindi il monitor è considerato
          come classe di apparecchi tra quelli idonei
          a ricevere e trasmettere trasmissioni
          televisive, quindi paghi... e se non hai la
          scheda tv nè l'abbonamento ad internet?
          paghi, comunque hai in casa uno strumento
          idoneo!anche un asciugacapelli opportunamente modificato può essere idoneo.... se non hai un'antenna non puoi ricevere il segnale nemmeno con una scheda TV
          Unica chance di non pagare: dimostri che
          l'unità abitativa non è coperta da antenne
          televisive, da satellite, da cavo ecc...
          (see, see, anche Soldini aveva la copertura
          tramite satellite!) e quindi dimostri che lo
          strumento non è idoneo a ricevere nulla lì
          dov'è e se lo tieni in quella unità non
          paghi! (ma che ce lo tieni a fare? magari
          per presunzione di colpevolezza minacciano
          di mandarti la finanza...)e infatti io ho anche richiesto che me la mandino per acclarare che non ho un'antenna e che non ho un televisore.Ad oggi non li ho visti
          • Anonimo scrive:
            Re: perche devo cambiare il tv ?

            nono, il regio decreto che regola la cosa
            dice che è necessario avere un'antenna che
            capti il segnale via etere bo, a Staffelli in "al posto vostro" di radio24 risultava diversamente, hanno parlato proprio con degli avvocati e con dei dirigenti amministrativi rai, almeno a quello che ho capito era chiaro: il dispositivo può ricevere segnali televisivi? allora paga il canone... facevano l'esempio dei negozi di PC che in teoria dovrebbero pagare il canone per i monitor!Abberrante!
            anche un asciugacapelli opportunamente
            modificato può essere idoneo....
            se non hai un'antenna non puoi ricevere il
            segnale nemmeno con una scheda TVbe, oggi c'è il satellite, la cable tv, se volessero applicare le norme in modo zelante potrebbero (ma poi in fin dei conti chi ha i soldi e il potere non l'ha sempre fatto?)la mia paura è che a forza di mettercelo lì ce lo adattino come l'asciugacapelli di cui sopra e che ci facciano pagare il canone anche per il b. del c... ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: perche devo cambiare il tv ?
      - Scritto da: Anonimo
      scoratevelo !Perché in dieci anni tanto lo cambi lo stesso. Devi solo comprare quello giusto.Ah... vi ricordo che il digitale terrestre prevede la morte dell'analogico. Quindi, almeno il decoder ve lo dovrete procurare.
    • Anonimo scrive:
      Perchè non è sicuro.
      Ti permette di fare troppe illegalità.Puoi abusare della proprietà altrui, ad esempio guardando striscia mezz'ora dopo perché a quell'ora stai mangiando (bisogna registrarlo -illegalità immensa!)Puoi rubare ai programmisti schiacciando Fast Forward quando c'è la pubblicità.Puoi minare alla base il sistema registrando un programma educativo per farlo vedere ai tuoi studenti.Puoi impedire la "ripresa economica" guardando una street TV.Puoi essere traviato dalla visione di telegiornali stranieri che dicono cose false e tendenziose sulla situazione del tuo paese.Ecco perchè.
    • Anonimo scrive:
      Re: perche devo cambiare il tv ?
      - Scritto da: Anonimo
      perche devo cambiare il tv ?X' le trasmissioni analogike via terrestre son destinate a morire a breve-medio termine (si spera).
  • Anonimo scrive:
    Orwell-realtà ?
    Guarderemo e saremo guardati ?Ragazzi, io il futuro lo vedo brutto. Questi gingilli solleticano più di un'idea e farsi prendere la mano è facile...........Lo so, sono paranoico.Sono contento così :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Orwell-realtà ?
      - Scritto da: Anonimo
      Lo so, sono paranoico.

      Sono contento così :DContento di essere paranoico? Mmm... fossi in te mi fare vedere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Orwell-realtà ?
      - Scritto da: Anonimo
      Lo so, sono paranoico.Infatti: informati (e quindi cresci) prima di sparare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Orwell-realtà ?
      diceva il divino Giulio (Andreotti): a parlare male si fa peccato, ma spesso ci si indovina.Meglio essere un po' paranoici.Anche se chi agisce sa (quasi) sempre quello che fa. Come i prestidigitatori che ci fanno vedere una mano mentre l'altra compie il trucco.Un altro paranoico: Daniele.
      • Anonimo scrive:
        OT Zu Giulio
        - Scritto da: Anonimo
        diceva il divino Giulio (Andreotti): ao zu'giulio..quanta nostalgia...allora la sinistra stava cogli operai la dc dipende e i liberali coi padroni...ora stan tutti col padrone(PRC Escluso)
Chiudi i commenti