In Danimarca il passaporto biometrico

Lo strumento che presto si diffonderà in mezzo mondo, Europa compresa, troverà le prime applicazioni in Danimarca, dove ne è stata appena lanciata la produzione. Ma è solo il primo passo di una rivoluzione


Roma – Un passaporto biometrico, capace cioè di contenere non solo tutti i dati personali dell’intestatario ma anche i riferimenti digitali di alcune sue peculiari caratteristiche fisiche, è quanto si appresta a produrre in tre milioni di esemplari la società finlandese Setec .

E’ infatti Setec ad essersi aggiudicata la gara indetta dal governo danese che intende realizzare al più presto quanto previsto dalla International Civil Aviation Organization (ICAO) e richiesto anche dalle autorità federali degli Stati Uniti. Un obiettivo che qualcuno interpreta come il primo passo della rivoluzione biometrica .

Il prodotto finale punterà sulla sicurezza, sulla durabilità e sulla possibilità di essere letto da una pluralità di macchine, hardware che verrà via via installato negli aeroporti e più in generale nelle stazioni di frontiera, naturalmente non solo in Danimarca. Nel passaporto viene integrato un chip che contiene le informazioni biometriche. La prima funzionalità biometrica prevista è il riconoscimento della geometria del volto ma, evidentemente, sono diverse le opzioni di identificazione possibili, dalle impronte digitali alla scansione dell’iride.

Setec produrrà sia il software per la gestione del chip sia le pagine del passaporto in policarbonato. Secondo i boss dell’azienda entro pochi anni la maggioranza dei passaporti sarà dotata del nuovo chip. Questo si deve anche al fatto che molti paesi europei, tanto per le richieste di ICAO e USA quanto per una generale attenzione alla questione del terrorismo, stanno lavorando a progetti di passaporto biometrico.

Va detto che i sistemi biometrici proprio in ambito aeroportuale stanno conoscendo un autentico boom. Basti considerare il recentissimo varo dei primi scanner dell’iride già installati nell’aerostazione di Francoforte , in Germania. Negli USA una rete di controllo biometrico da 7 miliardi di dollari è al centro di un progetto per il controllo di chi giunge sul suolo americano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    pensino a parmalt
    cirio i reverse floater e tutti i metodi che hanno per metterloin quel posto al cliente medio..
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma contro i virus e worm

    Usate linux o un qualche altro OS serio e
    addio worm, addio backdoor, addio spedizione
    di documenti riservati (immagino .doc 8()

    (linux)Con Linux o con Win l'utonto rimane sempre un utonto e' questo e' l'unico vero pericolo.Comunque se dovessi esporre dei servizi sulla Rete preferirei comunque Linux... per adesso.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-commerce
    - Scritto da: Anonimo

    400 euro / anno mi hanno chiesto x riscutere
    via internet con carta di credito + 4% su
    ogni transazione.E se qualcuno riesce a "truffare" il sistema di controllo carte di credito chi ci rimette?tu o la banca? Bho!!
  • Alessandrox scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    400 euro / anno mi hanno chiesto x
    riscutere

    via internet con carta di credito + 4%
    su

    ogni transazione.
    Scusa ma tu lavori gratis?! Credi forse che
    il tempo di chi si occupa di realizzare il
    software e di gestire i sistemi per le
    transazioni valga meno del tuo? Pensi che
    alle banche le infrastrutture informatiche
    le regalino? BHA! per 400 euro..Beh dipende...Se tutto l' apparato informatico alla fine gli viene a costare di piu' di carta penna e pallottoliere mi sa' che o sono dei fessi o sono dei disonesti.Ma essendo chiaramente impossibile che una banca sia composta da fessi.... (anche se con il caso Parmalat praticamento vorrebbero convincerci che lo sono).Se l' uso di programmatori e sistemisti fa costare tutto di piu' allora sarebbe meglio rimandarli a casa.Il concetto e': perche' devo spendere di piu' con le transazioni elettroniche rispetto a quelle "analogiche" per ottenere lo stesso risultato?Mica si usa internet perche' e' piu' bellino... ma perche' mi da dei vantaggi, se se li mangiano tutti loro e' chiaro che non stanno favorendo l' e-commerce.
  • Anonimo scrive:
    Sto per andare in banca...
    Cosa posso chiedere per verificare se sono a un livello decente riguardo la sicurezza? Dove punzecchiarli?Uso un servizio di home banking tramite https con certificato che mi hanno rilasciato loro.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo
    contrassegno
    pago per un fisso o corriere
    non me ne frega un tubo cella CC

    hai qualche problema con il metodo ?
    non paghi neanche la commissione e non versi
    il 4%

    perche devo avere la carta di credito?

    il contrassegno e' il metodo che preferisco
    mi garantisce rapidita di consegna, prezzo
    chiaro
    nessuna commisione nessun conto in banca

    qualche problema ?
    Il contrassegno non funziona al di fuori dai confini italiani e annulla quindi l' utilita' di internet. Ecco il problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    maya e' un software 3d anche blenderho visto fare elle cose a dei programmatori grafici incredibiliil programma non ti costa nulla e' gplse vuoi contribuire allo sviluppo padronissimo di farlo
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-commerce
    contrassegnopago per un fisso o corrierenon me ne frega un tubo cella CChai qualche problema con il metodo ?non paghi neanche la commissione e non versi il 4%perche devo avere la carta di credito?il contrassegno e' il metodo che preferiscomi garantisce rapidita di consegna, prezzo chiaronessuna commisione nessun conto in bancaqualche problema ?
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    A parte che non credo che tu abbia speso

    15.000 euro per maja.....se io
    producessi sw

    da 15.000 euro, certo, il problema dell'

    e-commerce sarebbe il male
    minore......ma lo

    sai che esiste anche sw

    gratuito/economico/free..... ???

    Ma tu sai cosa è Maya, non ha nulla a
    che fare con VB per bambocci.
    Conosco Maja e conosco vb, ma sono stato frainteso.Volevo dire che non esiste solo sw da 15.000 euro, ma, di contro, esiste anche sw che costa il solo costo di spedizione e il supporto di memorizzazione (vedi per esempio alcune distro linux). Un sw puo' essere regalato allo scopo di permettere la fruizione di servizi a pagamento....In italia, per chi produce pezzi da 4 euro (o meno) non conviene vendere su internet, e questo mi sembra grave, anche perche' all'estero si vede che se le cose SI VOGLIONO far funzionare, lo si fa senza problemi.[cut]
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    Maja craccato ? :)Nei nostri studios la finanza ormai è di casa quindi escluderei questa ipotesi.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo


    La demo gratuita di Maja ?Quando presenterai al tuo cliente questa immaginehttp://fweb.midi.co.jp/~3dcg/cgi/diary2/UPDIARY/8_2.jpege ti chiede di toglier le scritte perchè devi metterlo in quei mega manifesti che vedi quando vai al lavoro tu che gli dici?che hai la Maya PLE?
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    A parte che non credo che tu abbia speso

    15.000 euro per maja.....se io
    producessi sw

    da 15.000 euro, certo, il problema dell'

    e-commerce sarebbe il male
    minore......ma lo

    sai che esiste anche sw

    gratuito/economico/free..... ???

    Ma tu sai cosa è Maya, non ha nulla a
    che fare con VB per bambocci.

    www.alias.com/eng/index.shtml

    www.alias.com/eng/products-services/maya/maya

    ti dice niente il signore degli anelli
    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/products-services/industrie

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    maya unlimited 5 costa sui 20.000 euro

    trovami un software di rendering 3D di
    questo livello in versione free.Maja craccato ? :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    A parte che non credo che tu abbia speso

    15.000 euro per maja.....se io
    producessi sw

    da 15.000 euro, certo, il problema dell'

    e-commerce sarebbe il male
    minore......ma lo

    sai che esiste anche sw

    gratuito/economico/free..... ???

    Ma tu sai cosa è Maya, non ha nulla a
    che fare con VB per bambocci.

    www.alias.com/eng/index.shtml

    www.alias.com/eng/products-services/maya/maya

    ti dice niente il signore degli anelli
    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    www.alias.com/eng/products-services/industrie

    www.alias.com/eng/community/customer_stories/

    maya unlimited 5 costa sui 20.000 euro

    trovami un software di rendering 3D di
    questo livello in versione free.La demo gratuita di Maja ?
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    A parte che non credo che tu abbia speso
    15.000 euro per maja.....se io producessi sw
    da 15.000 euro, certo, il problema dell'
    e-commerce sarebbe il male minore......ma lo
    sai che esiste anche sw
    gratuito/economico/free..... ???Ma tu sai cosa è Maya, non ha nulla a che fare con VB per bambocci.http://www.alias.com/eng/index.shtmlhttp://www.alias.com/eng/products-services/maya/maya_complete/index.shtmlti dice niente il signore degli anellihttp://www.alias.com/eng/community/customer_stories/index.jhtmlhttp://www.alias.com/eng/community/customer_stories/bmw_portfoliowall.jhtmlhttp://www.alias.com/eng/community/customer_stories/pininfarina_ferrari_360_modena.jhtmlhttp://www.alias.com/eng/products-services/industries/film_and_video/index.shtmlhttp://www.alias.com/eng/community/customer_stories/zoic_studios_csi.jhtmlmaya unlimited 5 costa sui 20.000 eurotrovami un software di rendering 3D di questo livello in versione free.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    No, ma dovrebbe esistere un concetto

    chiamato concorrenza, soprattutto su

    internet. Infatti sono orientato su
    Paypal,

    ma anche loro purtroppo hanno problemi a

    interagire con le banche italiane.

    Cosa centra la concorrenza?
    Centra ne senso che e' venuta l'ora di aprirsi un conto in svizzera, alle cayman, o alla peggio, in usa........e usare i servizi finanziari relativi.

    Io ho una sw house, a quanto credi
    debba far

    pagare i cd rom, solo per rientrare dei
    400

    euro ? Calcola che i cd rom che produco
    io

    vengono venduti (per chi vive in paesi
    che

    hanno strutture che lo permettono) a 3/4

    euro ognuno, e no posso permettremi di
    farli

    pagare di piu'.

    No valgono più di 3 - 4 euro? No.Mbe' ? Non hai mai visto un cd da 4 euro in vita tua ?
    Scusa
    ma che programmi fai? Un mio amico per il
    sofware che usa per gestire un piccolo
    negozietto di ottica spende una barca di
    soldi, per ogni nuova versione deve tirar
    fuori almeno 2000 euro!
    Io non ho un negozio, sono un programmatore indipendente.Mi basta un pc, un buon sistema operativo e una connessione alla rete....a me una nuova versione costa solo il tempo impiegato a creare i files e metterli in rete. Ma che c'entra poi ? Il problema non e' solo mio, e' generale:il problema e' che se mio nipote volesse vendere limonate, gli conviene di piu' mettere un baracchino fuori dalla porta piuttosto che vendere su internet, e questo e' pazzesco come concetto, al di fuori di qualunque concezione capitalistica.Il tuo amico spende 2000 euro ? Ma dove li spende non lo dici ?

    La concorrenza nel mondo sul

    software e' fortissima, e la cosa
    peggiore

    che i freni piu' forti vengono posti
    'sotto

    casa'.

    Dipende dal tipo di sofware, se realizzi
    programmi in visual basic è chiaro
    che non puoi competere con nessuno, E perche' ? Io non programmo usualmente in vb, ma cosa c'entra il linguaggio utilizzato scusa ? Si possono fare programmi interessantissimi e utilissimi con qualsiasi linguaggio (se no che cavolo di linguaggio e' ?)Mah....Cosa vuoi che gli frega a chi compra il sw con che linguaggio e' stato fatto.....tanto piu' che ho il sospetto che i sw piu' venduti sono proprio fatti in visual basic.....
    se un
    programma vale e magari serve anche per
    lavoro allora uno mette mano al portafoglio
    tranquillamente. Maya può costare
    2000, 3000, 5000, 10000 euro, se rimane un
    prodotto valido continuerò a
    comprarlo.
    A parte che non credo che tu abbia speso 15.000 euro per maja.....se io producessi sw da 15.000 euro, certo, il problema dell' e-commerce sarebbe il male minore......ma lo sai che esiste anche sw gratuito/economico/free..... ???

    E comunque solo in Italia la situazione

    'internet e finanza' e' cosi' orrenda:
    in

    Germania in Olanda vendono i MIEI cd su

    internet, quelli che a me dall' Italia
    NON

    CONVIENE vendere.

    Questo è un altro discorso, che non
    ha niente a che fare con il fatto che la
    banca ti chiede 400 miserabili euro per
    gestire le transazioni. In Germania con 30
    euro apri tranquillamente un negozio..
    Beh, so di essere OT, ma e' proprio questo il concetto che mi fa girare le balle....Costa di piu' vendere su internet piuttosto che aprire un negozio ??? Ma da che pianeta venite ???

    Certo che se sei uno che alle 17,30 e'
    gia'

    uscito dall'ufficio, perdipiu' se
    lavori in

    una banca, questi sono gli ultimi dei
    tuoi

    problemi.....

    Ma quale ufficio, ma quale banca! Devo
    spendere soldi per comprare l'hardware
    adeguato, devo spendere soldi per programmi
    come Maya, Autocad, Photoshop, devo spendere
    soldi in manuali per non restare indietro..
    e tu mi vieni a fare storie per 400 euro?Mi spiace che spendi cosi' tanti soldi, ma quello che spendi non mi riguarda, e' un problema tuo che non tutti hanno.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo
    No, ma dovrebbe esistere un concetto
    chiamato concorrenza, soprattutto su
    internet. Infatti sono orientato su Paypal,
    ma anche loro purtroppo hanno problemi a
    interagire con le banche italiane. Cosa centra la concorrenza?
    Io ho una sw house, a quanto credi debba far
    pagare i cd rom, solo per rientrare dei 400
    euro ? Calcola che i cd rom che produco io
    vengono venduti (per chi vive in paesi che
    hanno strutture che lo permettono) a 3/4
    euro ognuno, e no posso permettremi di farli
    pagare di piu'. No valgono più di 3 - 4 euro? Scusa ma che programmi fai? Un mio amico per il sofware che usa per gestire un piccolo negozietto di ottica spende una barca di soldi, per ogni nuova versione deve tirar fuori almeno 2000 euro!
    La concorrenza nel mondo sul
    software e' fortissima, e la cosa peggiore
    che i freni piu' forti vengono posti 'sotto
    casa'.Dipende dal tipo di sofware, se realizzi programmi in visual basic è chiaro che non puoi competere con nessuno, se un programma vale e magari serve anche per lavoro allora uno mette mano al portafoglio tranquillamente. Maya può costare 2000, 3000, 5000, 10000 euro, se rimane un prodotto valido continuerò a comprarlo.
    E comunque solo in Italia la situazione
    'internet e finanza' e' cosi' orrenda: in
    Germania in Olanda vendono i MIEI cd su
    internet, quelli che a me dall' Italia NON
    CONVIENE vendere.Questo è un altro discorso, che non ha niente a che fare con il fatto che la banca ti chiede 400 miserabili euro per gestire le transazioni. In Germania con 30 euro apri tranquillamente un negozio..
    Certo che se sei uno che alle 17,30 e' gia'
    uscito dall'ufficio, perdipiu' se lavori in
    una banca, questi sono gli ultimi dei tuoi
    problemi.....Ma quale ufficio, ma quale banca! Devo spendere soldi per comprare l'hardware adeguato, devo spendere soldi per programmi come Maya, Autocad, Photoshop, devo spendere soldi in manuali per non restare indietro.. e tu mi vieni a fare storie per 400 euro?
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-commerce
    - Scritto da: Anonimo

    Scusa ma tu lavori gratis?! Credi forse che
    il tempo di chi si occupa di realizzare il
    software e di gestire i sistemi per le
    transazioni valga meno del tuo? Pensi che
    alle banche le infrastrutture informatiche
    le regalino? BHA! per 400 euro..Chi lavora nel mondo Open Source lo fa per passione e non per soldi.(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-comm
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    400 euro / anno mi hanno chiesto x
    riscutere

    via internet con carta di credito + 4%
    su

    ogni transazione.

    Scusa ma tu lavori gratis?! Credi forse che
    il tempo di chi si occupa di realizzare il
    software e di gestire i sistemi per le
    transazioni valga meno del tuo? Pensi che
    alle banche le infrastrutture informatiche
    le regalino? BHA! per 400 euro..No, ma dovrebbe esistere un concetto chiamato concorrenza, soprattutto su internet. Infatti sono orientato su Paypal, ma anche loro purtroppo hanno problemi a interagire con le banche italiane. Io ho una sw house, a quanto credi debba far pagare i cd rom, solo per rientrare dei 400 euro ? Calcola che i cd rom che produco io vengono venduti (per chi vive in paesi che hanno strutture che lo permettono) a 3/4 euro ognuno, e no posso permettremi di farli pagare di piu'. La concorrenza nel mondo sul software e' fortissima, e la cosa peggiore che i freni piu' forti vengono posti 'sotto casa'.E comunque solo in Italia la situazione 'internet e finanza' e' cosi' orrenda: in Germania in Olanda vendono i MIEI cd su internet, quelli che a me dall' Italia NON CONVIENE vendere.Certo che se sei uno che alle 17,30 e' gia' uscito dall'ufficio, perdipiu' se lavori in una banca, questi sono gli ultimi dei tuoi problemi.....
  • Anonimo scrive:
    per favore.. per favore.. per favore..
    tenete lontana la polizia postale dalle banche, per favore...
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Banche italiane contro l'e-commerce
    - Scritto da: Anonimo

    400 euro / anno mi hanno chiesto x riscutere
    via internet con carta di credito + 4% su
    ogni transazione.Scusa ma tu lavori gratis?! Credi forse che il tempo di chi si occupa di realizzare il software e di gestire i sistemi per le transazioni valga meno del tuo? Pensi che alle banche le infrastrutture informatiche le regalino? BHA! per 400 euro..
  • Anonimo scrive:
    [OT] Banche italiane contro l'e-commerce
    400 euro / anno mi hanno chiesto x riscutere via internet con carta di credito + 4% su ogni transazione.Negli ultimi due anni stiamo assistendo a come si riduce un idea-gioiello come e' internet in un sacco di spazzatura per via politica e poliziesca.E intanto quelli ingrassano (magnando magnando, prima o poi scoppieranno....)....
  • Anonimo scrive:
    Ma contro i virus e worm
    "E non si parla evidentemente solo delle temute azioni di cracking ma anche della circolazione di virus e worm che, come noto, spesso possono portare con sé numerosi pericoli sul piano della riservatezza, aprendo backdoor o spedendo in rete documenti riservati."Usate linux o un qualche altro OS serio e addio worm, addio backdoor, addio spedizione di documenti riservati (immagino .doc 8() (linux)
Chiudi i commenti