In Europa gli sviluppatori lo vogliono aperto

Il software a codice chiuso però viene apprezzato perché ha un mercato e un supporto consolidato. Molti considerano le licenze aperte meno... sicure


Londra – Agli sviluppatori europei piace l’open source ed anzi ritengono che siano molti i benefici che l’utilizzo del software a codice aperto può portare al loro lavoro, eppure non convince del tutto.

Ad affermarlo è il sondaggio condotto da BEA Systems , uno dei maggiori produttori di infrastrutture software per l’impresa, che ha intervistato mille sviluppatori europei.

Stando al sondaggio, il 60 per cento degli intervistati ha dichiarato che nel 2005 lavorererebbe su progetti open source. Tuttavia si mostra preoccupato per la mancanza di supporto e di servizi di maintenance e di aggiornamenti periodici regolari. E hanno un loro ruolo nell’allontanare dal software aperto anche le difficoltà nel definire con esattezza il TCO (Total cost of ownership) e molti citano anche problemi di proprietà intellettuale.

“Servizi di supporto affidabili – spiega BEA – sono il motivo più importante che spinge gli sviluppatori verso i produttori commerciali”. Il 68,6 per cento degli intervistati dichiara che un valido motivo per non occuparsi di open source è il fatto che il software commerciale dispone di un mercato e di servizi strutturati e consolidati, certamente meno frammentati di quanto accada tradizionalmente nel mondo open.

Ma non è tutto qui. “Questa attuale riluttanza – scrive BEA – può anche essere attribuita alla scarsa affidabilità che viene attribuita alle licenze del software libero, che il 42 per cento degli intervistati cita come ragione principale per non implementare il codice aperto”.

Secondo Jim Rivera, direttore della Tecnologia in BEA, “questo sondaggio mostra che gli sviluppatori sono poco convinti del livello di supporto e di affidabilità associati al software aperto. E come risultato vediamo che i clienti si rivolgono ancora ai sistemi proprietari per tecnologie più avanzate e complesse utilizzate per lo sviluppo della loro produzione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Multe online?
    A quando la possibilita' di saldare le multe stradali con la carta di credito? Annamoooooo
    • Anonimo scrive:
      Re: Multe online?
      Guarda che su www.poste.it puoi registrarti e lì pagare le multe.Ciao! 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: Multe online?
        - Scritto da: Anonimo
        Guarda che su www.poste.it puoi registrarti
        e lì pagare le multe.
        Ciao! 8)Credo intendesse prima vederle, tipo quello che fa Monte Paschi con i tributi. Vedi i sospesi e poi paghi online
    • matteo.moro scrive:
      Re: Multe online?


      A quando la possibilita' di saldare le multe
      stradali con la carta di credito?
      E tu ti fideresti ad affidare il numero della tua carta di credito a un sistema informatico della pubblica amministrazione italiana? :-Dciao.Matteo
  • matteo.moro scrive:
    Prima di parlare di e-qualcosa
    E' necessario che ci sia un aumento della cultura informatica di base (no, non parlo di ecdl, parlo di cultura) sia da parte dell'utenza (che viene sempre più spinta nell'ignoranza da enti pubblici/provider/riviste "del settore") che da parte di chi i servizi li deve fornire, ma non ha ben chiaro nè cosa fornire nè tantomeno come.ciao.Matteo
    • Albegor scrive:
      Re: Prima di parlare di e-qualcosa
      - Scritto da: matteo.moro
      E' necessario che ci sia un aumento della
      cultura informatica di base (no, non parlo
      di ecdl, parlo di cultura) sia da parte
      dell'utenza (che viene sempre più
      spinta nell'ignoranza da enti
      pubblici/provider/riviste "del settore") che
      da parte di chi i servizi li deve fornire,
      ma non ha ben chiaro nè cosa fornire
      nè tantomeno come.

      ciao.
      MatteoConcordo in pieno. Gli investimenti andrebbero fatti nella direzione di corsi gratuiti e di qualità per sopperire a questa notevole ignoranza informatica presente nel nostro paese, non nel regalare il PC alle famiglie e poi lasciarle apprendere per tentativi...
Chiudi i commenti