In Europa, Scienza by Microsoft

William H. annuncia la nuova iniziativa che intende collegare importanti strumenti e lab di ricerca del Vecchio Continente per accelerare l'innovazione in chiave Windows. Italia in prima linea


Praga – L’ultimo tour europeo di Bill Gates sta rivelandosi di grande rilievo per Microsoft, come dimostra la EuroScience Initiative che lo stesso chairman dell’azienda ha annunciato.

Si tratta di un programma pluriennale che punta alla collaborazione nella ricerca laddove questa si focalizza sul computing e in particolare, ha spiegato Microsoft, su nuovi “paradigmi informatici” della scienza computazionale e degli “ambienti intelligenti”.

L’idea, dunque, è quella di portare Microsoft Research verso collaborazioni attive con altre società europee, università e pubbliche amministrazioni, dando vita a “nuove forme di partnership pubblico-privato”. “L’iniziativa – ha dichiarato Microsoft – intende incoraggiare una aumentata innovazione e produttività a supporto degli obiettivi di Lisbona, per spingere la crescita e la creazione di lavoro nell’economia europea basata sulla conoscenza”.

Microsoft Research, che come noto ha già avviato i nuovi programmi di borse di studio per stabilire “centri di eccellenza” anche nel nostro paese, in particolare presso l’Università di Trento, è uno dei motori di ricerca privati più importanti del mondo, potendo contare sull’allocazione di risorse multimilionarie da parte del big di Redmond. Da qui ad organizzare una spinta collaborativa sulla ricerca anche in Europa per una multinazionale di questo calibro il passo è, per così dire, piuttosto breve.

“Portando insieme la scienza e la tecnologia dell’informazione – ha dichiarato Gates – l’iniziativa EuroScience accelererà il progresso in aree chiave come le scienze fisiche e biologiche, nell’ingegneria e nell’agricoltura”.

Da segnalare in questo quadro, come accennato, che l’accordo con l’Università di Trento, con il Governo e con gli enti locali, ha consentito a Microsoft di stabilire in Italia il primo Centro di eccellenza. A Trento si lavorerà su nuovi strumenti informatici mirati alla biologia e allo studio dei processi biologici, “cosa che potrebbe consentire di capire meglio e più rapidamente l’origine di una malattia, di stabilire nuove terapie e realizzare migliori vaccini”. L’iniziativa trentina ha ricevuto il plauso anche del ministro alla Ricerca Letizia Moratti, secondo cui si tratta di “ottime notizie per la ricerca italiana”. I prossimi centri sorgeranno in alcuni altri paesi europei, Regno Unito e Germania in testa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ziotom24 scrive:
    Jmmy.it aste on line gratis
    Si chiama Jmmy.it, é targato Messina ed è il neonato portale di aste on line interamente italiano. Si avvale dei software e delle tecnologie più avanzate e vanta un team di tecnici di tutto rispetto e rinomati sul territorio italiano. Il portale si presenta solido, fluido, dinamico e molto veloce. Si propone sul web come valida alternativa ad ebay, il colosso USA che spopola in Italia. I preparativi per ottimizzare i sistemi informatici sono durati quasi due anni ed i risultati del meticoloso lavoro svolto sono già evidenti, poiché, dopo pochi mesi dalla sua messa in rete, le iscrizioni, sotto la spinta di una campagna promozionale mirata, crescono a dismisura in tutta la penisola. Infatti sono molti gli utenti, privati e commerciali, che hanno aderito all'iniziativa cominciando a trattare i propri affari su Jmmy.it. A seguito di tale successo la dirigenza ha reso noto che, a breve, attiverà i media per promuovere su larga scala Jmmy.it. I servizi offerti da Jmmy.it (già on line all'indirizzo www.jmmy.it) ai propri utenti sono totalmente gratuiti grazie all'intervento di importanti aziende italiane ed estere che lo sponsorizzano. Il sito vanta 420 categorie commerciali, all'interno delle quali si può vendere ed acquistare praticamente di tutto, stando comodamente seduti sulla propria poltrona e senza pagare alcuna commissione. Sul sito, oltre alle suddette sezioni commerciali, è stato adibito un forum per l'assistenza agli utenti gestito dai tecnici dello staff di Jmmy.it ed inoltre sono presenti delle aree nelle quali gli utenti della comunty possono trascorrere piacevoli ore on line e scambiare idee. Visitando le pagine di Jmmy.it si comprende subito che l'iniziativa è valida e che le premesse per un suo sviluppo ci sono tutte. Jmmy.it ha messo in primo piano la sicurezza delle transazioni ed ha deciso di collaborare con le due aziende leaders mondiali nel settore. La sicurezza sulle transazioni degli utenti sono tutelate dall'utilizzo dei servizi di deposito a garanzia gestiti da ESCROW-EUROPA ed i pagamenti possono essere gestiti tramite PAYPAL. Jmmy.it é una scommessa Italiana sul web.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    Beh quella del contratto con i fornitori è proprio bella!!Si sa che il sito di ebay è semplicemente TRADOTTO.. come quello di Pay pal dall'inglese..così si generano una marea di procedure assurde!!!Tipo la tassa regionale di pay pal.. in effetti è solo l'indicatore dell'iva nei vari stati Americani, ma il campo è arrivato anche sul sito pay pal italia e tradotto come tassa regionale!! e MAI INIBITO da PAY PAL....quindi ci sono venditori che chiedono questa tassa regionale!! solo che NON è un dato che si mette in ASTA, appare solo DOPO il ceckpoint e DOPO essere arrivati su pay pal per pagare....Ah, per chi non lo sapesse PAYPAL è di proprietà di Ebay!!!ARGHHHHHHHHHHHH
  • Anonimo scrive:
    Re: eBay nel mirino: è troppo cara
    ma sei pazzo?prima ebay aveva delle tariffe normali, da quando è diventato il monopolista comprando i concorrenti ha delle tariffe da capogiro!secondo te è normale per vendere un oggetto a 28euro dover pagare:1,15 euro di inserzione1,44 euro di tariffa valore finale1,44 euro di paypal se l'aquirente paga con paypal!totale 4euro su 28!sono dei ladri!!!su 100 le tariffe arrivano a 5 sia per valore finale che per paypal.e secondo te sn giustificate quando su qxl sn mi sembra gratis??
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    Ciao Amicigestisco un negozio su eBay da alcuni mesi... Si vende bene ma è CARISSIMA...A Luglio ho venduto 8000 Euro di gonfiabili per mare piscine etc... diciamo che il mio guadagno netto è stato di appena 3000 Euro...eBay per quel mese si è presa la bellezza di 480 Euro... e se si considera che se ti pagano con paypal ti detraggono il 4% in tutto mi sono visto detrarre la cifra spropositata di 800 euro...cioé il 30% del mio guadagno è andato nelle loro tasche!!NON E' AMMISSIBILE GENTE!! RIBELLIAMOCIhttp://finance.yahoo.com/q/is?s=EBAY&annual
  • Anonimo scrive:
    Re: EVENTUALE ALTERNATIVA
    akkett ma che te fai?
  • staff scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    Purtroppo sono completamente daccordo con te, posso anche portare un piccolo aneddoto successo a me di recente.ho un impresa commerciale, decido quindi di comprare un bel negozio online di ebay, tra le varie classi scelgo il premium il più costoso, (prezzi fissi da aggiungere poi alla lauta percentuale sulla vendita che si prende ebay)metto le mie belle inserzioni, e dopo 2 giorni mi vedo mandare una bella lettera da ebay dove mi si chiedono tutte le ricevute fiscali,i documenti E IL CONTRATTO CON I FORNITORI" (tale contratto NON ESISTE perchè nessun compratore a contratti con i fornitori).Spedito quanto mi è stato richiesto continuo con il comprare materiale (ad oggi ?800,00) .nella data di ieri mi è stato richiesto da ebay ancora tutta la documentazione causa NON SI VEDEVA BENE (PREMETTO CHE AVENDO GIA FATTO LA REGISTRAZIONE E AVENDO MANDATO N°PARTITA IVA AVEVANO GIA TUTTI I DATI) , HO RIMANDATO NUOVAMENTE IL TUTTO ed nella giornata di oggi cosa mi vedo?UTENTE SOSPESO causa violazione REGOLE EBAY.(IL MATERIALE DA ME VENDUTO è ACQISTATO CON FATTURA E RIVENDUTO CON FATTURATO DA ME)Bhe ora mi trovo nella situazione di : avere 800,00 di soldi versati e non avere ne il materiale ne una sicurezza per qualsiasi rivalsa, 40,90 ? di spese di un negozio che non ho in rete, e molto altro.LA COSA MIGLIORE?????Ci sono utenti che vendono a prezzi impensabili accessi a mailing list di dubbia consistenza per avere regali...Venditori con sede in cina che vendono materiale che nel miglior dei casi viene trattenuto in doganaEcc....Fate un po voi! grazie
  • Anonimo scrive:
    Per fortuna non esiste solo ebay
    Anche in italia , come in tutto il mondo, il panorama delle aste on line si sta ampliando, per fortuna non esiste solo ebay , e se in questi ultimi periodi ebay ha monopolizzato il mercato dell'asta on line, penso che questo monopolio stia per esaurirsi, inutile citare siti come delcampe.com, qxl e altri, io stesso sto preparando un sito di aste che non avrà nulla da invidiare ad ebay.passaparolach.com
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    www.interactivehelps.com
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    sicuramente e' diverso, ok. ma anche dire "c'e' gia' ebay, di meglio non si puo' fare, non c'e' spazio per un'alternativa, ci vogliono troppi tempo e soldi" non mi par sensato.e' una sfida, va presa come tale. e' una questione di spirito- Scritto da: Anonimo

    gia'! chi mai avrebbe dato due lire ai

    fondatori di google per mettere su un
    motore

    di ricerca quando all'epoca
    furoreggiavano

    Altavista, Hotbot, Yahoo...?

    ehm....

    mi pare un pò diverso non credi?

    oppure mi stai dicendo che hai anche in
    mente un modo nuovo ed innovativo di mettere
    in piedi la baracca?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    tutto si puo' fare... mi trovi su miotz77 at libero
  • Anonimo scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali

    fanno lo stesso quelli che vendono in
    cantina o quelli che affittano un magazzino,
    vendono, non dichiarano nulla e sparisconoverissimo ma questo non basta legittimare un "non negozio" su ebay.
    e-bay è un'infrastruttura, non
    è di sua competenza controllare
    l'evasione fiscale, per quello ci sono le
    autoritài controlli li può fare eccome, anzi dovrebbe farli visto che "conpartecipa" ai negozi chiedendo una % sulle transazioni e vende servizi a pagamento agli stessi commercianti.E' loro dovere, una volta venuti a conoscenza di un atto illecito, segnalarlo all'autorità competente.Non possono e non devono nascondersi dietro al dito dicendo "non non sappiamo cosa fanno i nostri inserzionisti... è loro la responsabilità".Benissimo l'asta fra privati, ottima la funzione di avvicinare le aziende al mondo e-commerce fornendogli strumenti semplici e un ampia visibilità, ottimo il market place.... malissimo permettere a "non commercianti" di vendere senza rispettare le regole base.Il consumatore non è tutelato, i competitors non sono tutelati, il fisco non ha entrate ma sopratutto il settore e-commerce subisce danni seri perchè frequentato da gente "non competente"Amico Italiano del Commercio Elettronico - www.aicel.it
  • Anonimo scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    Per la serie: "Gli AdSense non vengono mai a caso"Alla tua risposta ho notato che nella barra in fondo comparivano 2 link per la costruzione di società off-shore :-DeBay puo' essere un buon sistema, ma dovrebbe collaborare maggiormente per il rispetto della normativa. Per coloro che hanno un negozio (stores.ebay.it/nomenegozio) online dovrebbero obbligare alla presentazione di tutti i dati previsti dalla legge (non ultima la partita IVA sulla home page) oltre a tutti i dati anagrafici per il recesso.E dobrebbero obbligare chi ha piu' di X (30-50) vendite al mese ad avere il suo negozio.Saluti.Stefano Scardovi.
  • jokanaan scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    fanno lo stesso quelli che vendono in

    cantina o quelli che affittano un
    magazzino,

    vendono, non dichiarano nulla e
    spariscono



    e-bay è un'infrastruttura, non

    è di sua competenza controllare

    l'evasione fiscale, per quello ci sono
    le

    autorità



    cmq prevedono già delle
    facilitazioni

    per la gestione dell'esenzione IVA

    Utenti privati con 3000 vendite secondo te
    non sono di responsabilita' di Ebay? i soldi
    li incassa comunque, ma questi utenti sono
    palesemente fuori ogni legge.
    C'e' un noto truffatore piu' volte
    segnalato, che ancora vende indisturbato,
    anche questo non e' di competenza Ebay? e
    allora cosa gli compete? l'Incasso e basta?
    Se e' come dici tu io potrei vendere eroina
    all' asta e andrebbe bene lo stesso?denuncialo alle fiamme gialle.
  • Isak scrive:
    Re: Ibazar ...

    ahahahahahahahahah

    e i conti chi li paga?

    oppure server, banda, persone, transazioni
    commerciali vengono fuori tutti a uffa?Linux è nato così. Mozilla è nato così. e molti, molti altri.. se avessero pensato tutti quanti così non avrebbero fatto molta strada non credi?Resta comunque una situazione di disagio e di monopolio, e secondo me un'alternativa prima o poi salterà fuori.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    - Scritto da: Anonimo
    fanno lo stesso quelli che vendono in
    cantina o quelli che affittano un magazzino,
    vendono, non dichiarano nulla e spariscono

    e-bay è un'infrastruttura, non
    è di sua competenza controllare
    l'evasione fiscale, per quello ci sono le
    autorità

    cmq prevedono già delle facilitazioni
    per la gestione dell'esenzione IVAUtenti privati con 3000 vendite secondo te non sono di responsabilita' di Ebay? i soldi li incassa comunque, ma questi utenti sono palesemente fuori ogni legge.C'e' un noto truffatore piu' volte segnalato, che ancora vende indisturbato, anche questo non e' di competenza Ebay? e allora cosa gli compete? l'Incasso e basta?Se e' come dici tu io potrei vendere eroina all' asta e andrebbe bene lo stesso?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ebay protegge gli evasori Fiscali
    fanno lo stesso quelli che vendono in cantina o quelli che affittano un magazzino, vendono, non dichiarano nulla e sparisconoe-bay è un'infrastruttura, non è di sua competenza controllare l'evasione fiscale, per quello ci sono le autoritàcmq prevedono già delle facilitazioni per la gestione dell'esenzione IVA
  • Anonimo scrive:
    Ebay protegge gli evasori Fiscali
    Ci sono utenti ebay con migliaia di vendite che hanno un negozio Ebay (ma anche senza) che non esistono per il Fisco, altri siti E-commerce regolari come il mio, pagano tutto quello che devono pagare e danno tutte le tutele che la legge prevede.Ebay incoraggia questi utenti disonesti a discapito di quelli che le tasse le pagano.E NESSUNO FA NULLA
  • Anonimo scrive:
    Re: Offerenti non paganti...
    Per un oggetto che magari ne vale 8 sul mercato, direi di sì.E comunque se il venditore non spedisce cosa faccio, lo vado a cercare all' estero?
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!
    Non vorrei dire una boiata e non ne sono sicuro al 100%, ma credo che per legge (sia in Europa che negli USA) un *qualsiasi tipo di venditore* non possa far ricadere sull'acquirente le spese per l'utilizzo della carta di credito come mezzo di pagamento. E PayPal è fondamentalmente utilizzare la carta di credito. Insomma, un venditore che applicasse una maggiorazione del prezzo, non solo violerebbe il regolamento di Ebay ma commetterebbe un vero e proprio atto illecito.D'altra parte non credo che sia capitato a nessuno di andare in un negozio a comprare, ad esempio, un telefonino e sentirsi dire "se paga con la carta devo applicare una maggiorazione"
  • Anonimo scrive:
    Re:ALTERNATIVA - NON SEI CREDIBILE

    Nella categoria software ne ho trovati solo
    2 , anzi 1 : XP home edition, l'altro
    è un modem adsl... quale sarebbe
    quello che hai trovato tu? Ma non è
    questo il punto, il punto è che tutto
    il forum non è credibile. A leggere i
    post sembra che da un lato ci siano gli
    estimatori senza se e senza ma per i quali
    non si DEVE parlare male di Ebay e
    dall'altra quelli che cercano di trovare le
    pecche ai quali arriva immediatamente una
    controreplica demolitrice. Ma chi me lo dice
    che gli estimatori non siano persone, o
    magari anche 1 persona che in qualche modo
    sta curando gli interessi di Ebay? (o di
    microsoft, o dell'IBM... ecc., il mio
    riferimento è generale). Questo mi
    confonde e perciò non credo a
    ciò che si dice in questi forum...
    estendendo il discorso si potrebbe dire che
    comincio a non credere in ciò che si
    dice in tutto PI, articoli a parte... e ne
    sono dispiaciuto.Senti non è che puoi usare gli a capo?Non te lo dico per fare il precisetti, ma a quest'ora, dopo 8 ore di LCD, gli occhi sono stanchi e francamente i post come i tuoi li salto ed è un peccato perché magari sono interessanti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Qualche alternativa eppure c'è!
    ecco questo già mi sembra più serio di tutti quelli postato oggi, generalisti e VUOTI
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualche alternativa eppure c'è!
      Gia' ci sono accenni a far pagare a luglio 2005....- Scritto da: Anonimo
      ecco questo già mi sembra più
      serio di tutti quelli postato oggi,
      generalisti e VUOTI
  • wup scrive:
    Re:ALTERNATIVA - NON SEI CREDIBILE
    - Scritto da: Anonimo
    Wow, ho trovato il software che cercavo e
    costa come nei negozi e spesso di
    più. Dai, conviene!Nella categoria software ne ho trovati solo 2 , anzi 1 : XP home edition, l'altro è un modem adsl... quale sarebbe quello che hai trovato tu? Ma non è questo il punto, il punto è che tutto il forum non è credibile. A leggere i post sembra che da un lato ci siano gli estimatori senza se e senza ma per i quali non si DEVE parlare male di Ebay e dall'altra quelli che cercano di trovare le pecche ai quali arriva immediatamente una controreplica demolitrice. Ma chi me lo dice che gli estimatori non siano persone, o magari anche 1 persona che in qualche modo sta curando gli interessi di Ebay? (o di microsoft, o dell'IBM... ecc., il mio riferimento è generale). Questo mi confonde e perciò non credo a ciò che si dice in questi forum... estendendo il discorso si potrebbe dire che comincio a non credere in ciò che si dice in tutto PI, articoli a parte... e ne sono dispiaciuto.
  • Anonimo scrive:
    Qualche alternativa eppure c'è!
    Cara redazione,gestisco un piccolo negozio di abbigliamento, all'inizio utlizzavo E-bay per "svuotarmi" di alcune delle rimanenze, fino a quando non mi sono imbattuto in un nuovo sito (e per ora gratuito!) che pubblica i miei annunci.Funziona discretamente bene!Purtroppo è solamente per il settore dell'abbigliamento, ma sembra che siano interessati ad espandere il servizio anche verso altri prodotti... Chissà !il link è http://e-stockflow.com.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    chi può dirlo
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    - Scritto da: Anonimo
    Massì non ti preoccupare, siamo tutti
    fratelli, una grande comunità di
    sviluppatori che vuole il bene della
    società. Iniziamo con un forum, poi
    "per i soldi si vedrà".ROTFL no, no, la frase giusta (da capetto) è questa:"Non ti preoccupare, NOI siamo una GRANDE FAMIGLIA!!" ROTFL:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...

    gia'! chi mai avrebbe dato due lire ai
    fondatori di google per mettere su un motore
    di ricerca quando all'epoca furoreggiavano
    Altavista, Hotbot, Yahoo...?ehm....mi pare un pò diverso non credi?oppure mi stai dicendo che hai anche in mente un modo nuovo ed innovativo di mettere in piedi la baracca?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    gia'! chi mai avrebbe dato due lire ai fondatori di google per mettere su un motore di ricerca quando all'epoca furoreggiavano Altavista, Hotbot, Yahoo...?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    nessuno avrebbe scommesso su molte cose.......ma i risultati sono stati diversi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...

    io in primisbuona fortuna allora, anche se io non ci scommetterei un nichelino
  • Anonimo scrive:
    Re: rischio
    - Scritto da: Palla

    - Scritto da: Anonimo

    è la tipica mentalità

    italiana: esigo ma non pago. Qui la
    gente

    vuole vendere, vendere, vendere... e non

    cacciare un centesimo. Tanto chi paga?
    eBay.

    Hai ragione...
    Chissà se tutti quelli che criticano
    si sono mai messi nei panni di chi possiede
    eBay: avrebbero fatto così anche loro
    o si sarebbero dati alla beneficenza,
    costruendo e mantenendo un servizio simile
    gratis?Io credo che eBay abbia poco da piangere miseria.Come tante altre aziende tipo Secondamano, fa leva sui piccoli (inserzionisti) per mettere il pepe al *ulo ai grandi (concessionarie, agenzie immobiliari, supermercati del settore high tech, negozi di giocattoli e di hobbistica, ecc..) che sono costretti sia a mettere la pubblicità che a vendere i prodotti a prezzi apparentemente cristiani.Il 70% di ciò che gira su eBay arriva direttamente da un magazzino (e non è quello del nonno).Ragionando come voi, si da ragione anche alla grande distribuzione che negli ultimi anni ha applicato dei rincari a raffica, anche su prodotti di prima necessità, usando la scusa dei costi.Comunque se pago un servizio non vedo il motivo di pagare anche la commissione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    io in primis
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...

    600mb in struttura di hosting sherato,
    conosciuta.si, ma i costi della struttura chi li rimette?tu in prima persona oppure il padrone della struttura?
  • Anonimo scrive:
    Re: www.asteinrete.com
    uella!ben 50 oggetti in asta in tutte le categorie :o:o
  • Anonimo scrive:
    www.asteinrete.com
    E' tutto italiano, inserimento degli oggetti gratuito.Semplice e veloce
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!


    non mi sembra sia solo un fornitore di

    contatti, ti fornisce un'infrastruttura

    completa di servizi per i quali chiede

    denaro

    se guardi nel regolamento, è scritto
    chiaramente che Ebay in nessun caso fa da
    mediatore fra le partie dove avrei scritto io che fa da mediatore?li c'é scritto che fornisce l'infrastruttura (tecnologia, supporto, continuità, ecc.) e servizi (pagamento automatico, il bidding automatico, le mail, i feedback ecc. ecc.)
    ok ma Paypal, per quanto caro, è pur
    sempre comodo e spesso per acquirenti
    internazionali (Extra-UE) risulta molto meno
    costoso di bonifici ordinari.. quindi in
    questo caso converrebbe agli acquirenti
    stessi, anche se dovessero pagare il
    servizio Paypal.la botte piena e la moglie ubriaca non la puoi avere, o paghi per il servizio di Paypal, o scegli la scomodità
    E poi scusa, a EBay che gliene frega di chi
    paga il servizio? A loro basta che venga
    usato Paypal, quindi non vedo il
    perché di questa imposizione.questo devo dire non lo capisco neppure io, dovrebbero lasciare la decisione al venditore (e all'acquirente scegliendo un venditore piuttosto che un altro).dato che la stessa scelta non esiste neanche nei negozi non virtuali quando paghi con le carte, qualche motivo ci sarà

    intendiamoci: sto facendo l'avvocato del

    diavolo, anche a me farebbe più

    comodo fare come dici tu

    ;) ecco quindi siamo d'accordo!PI potrebbe fare un'intervista a qualche responsabile di e-bay in Italia e tirare fuori qualche risposta ufficialealtrimenti basta portarli da Mi Manda Rai3 :-)
  • Palla scrive:
    Re: rischio
    - Scritto da: Anonimo
    è la tipica mentalità
    italiana: esigo ma non pago. Qui la gente
    vuole vendere, vendere, vendere... e non
    cacciare un centesimo. Tanto chi paga? eBay.Hai ragione...Chissà se tutti quelli che criticano si sono mai messi nei panni di chi possiede eBay: avrebbero fatto così anche loro o si sarebbero dati alla beneficenza, costruendo e mantenendo un servizio simile gratis?
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!

    Ah.. io ho sempre messo il 5% in più
    se mi pagano con PayPal...
    Si vede che mi è sempre andata bene..
    :pehehehe CVD fatto il regolamento...
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!

    no, ovvero: puoi mettere in aggiunta le
    spese di spedizione, ma esse devono essere
    FISSE e non espresse in misura percentuale
    (come invece viene pagato Paypal).questo non è esatto, puoi mettere anche che le spese vanno concordate a posteriori e mi pare anche logico (per capirlo basta farsi un giro sul sito delle poste, ad esempio un celere in Europa non si applica a tutti i paesi, Svizzera e Norvegia sono fuori)
    Se tu scrivi sull'inserzione che fai pagare
    il costo di Paypal all'acquirente sei contro
    il regolamento di Ebay e pertanto passibile
    di sospensione dell'account.ok ,questo risponde al mio quesito, grazie.
  • Anonimo scrive:
    Re: Se lo facesse google...
    perche', tu ti passi tutti gli oggetti inseriti, uno ad uno? :o
  • Palla scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!
    - Scritto da: Isak
    no, ovvero: puoi mettere in aggiunta le
    spese di spedizione, ma esse devono essere
    FISSE e non espresse in misura percentuale
    (come invece viene pagato Paypal).
    Se tu scrivi sull'inserzione che fai pagare
    il costo di Paypal all'acquirente sei contro
    il regolamento di Ebay e pertanto passibile
    di sospensione dell'account.Ah.. io ho sempre messo il 5% in più se mi pagano con PayPal...Si vede che mi è sempre andata bene.. :p
  • Palla scrive:
    Re: Ibazar ...
    Sì, iBazar era bello..Però io mi ricordo questa cosa:1 - registro un nuovo account di posta (su Libero), da utilizzare solo su iBazar; :)2 - creo il mio account su Ibazar; :D3 - dopo nemmeno 24 ore, quel mio account di posta, NON comunicato a nessun'altro, nè scritto da nessun'altra parte, viene invaso da una TONNELLATA di SPAM.. :@Che simpaticoni quelli di iBazar, vero? :o
  • jokanaan scrive:
    forum e mercatini (REDAZIONE, leggi!)
    non capisco perché non venga creato anche su PI un mercatino dell'usato come ce ne sono in tanti altri forum.Forse è per il fatto che, mentre negli altri forum la registrazione è sempre un obbligo, su PI no, e molti registrati lo sono solo per la pi-box ecc, quindi postano da anonimi, sarebbe difficile farsi un'idea su di loro... non so.cmq, secondo me è molto meglio di ebay:1) più sicuro: se conosci la persona difficilmente avrai (o farai) brutte sorprese.2) più economico: lo scambio avviene alla pari, con sgravio da parte del venditore e del compratore (che non è costretto a sobbarcarsi tariffe maggiorate per venire incontro agli aumenti del portale)3) SI FANNO GLI AFFARI: lasciando perdere chi si rivolge a ebay perché desidera materiale introvabile in italia, il resto delle persone si rivolge ad esso per fare l' "affare", ovvero comprare a meno dei prezzi di negozio e dei portali on-line. Quale modo migliore se non creare un portale esclusivamente dedicato alla vendita dell'usato? La sezione "Mercatino" del forum di hwupgrade.it possiede una regola secondo la quale non è possibile vendere un prodotto ad un prezzo maggiore del più basso trovato in rete, togliendo l'iva. Nel peggiore dei casi si risparmia comunque il 20%sono ben consapevole che questa soluzione non è la definitiva risoluzione al problema... ma evitando di rivolgersi ad ebay per ogni stupidaggine, e trovare alternative quando si può, può erodere quote di mercato a ebay e magari costringerlo/convincerlo a rivedere i prezzi...o tenerli alti per continuare a vendere prodotti che con questa metodologia di vendita non possono essere venduti (prodotti nuovi, prodotti rari e di nicchia, ecc)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    ma scusate... esistono intere comunita' di sviluppatori opensource... c'e' pure chi fa i sistemi operativi, o i browser... e riescono pure a offrire l'assistenza tecnica via telefono! e' mai possibile che non riusciamo a mettere in piedi un cacchio di sito di aste online? dobbiamo chinare il capo e ossequiare supini ad eBay? un po' di spirito avventuriero diamine!eppoi, di che banda c'e' bisogno, ne avete idea? iniziamo a parlare un po' di numeri..? buttiamo giu' un piccolo piano di business, cerchiamo di stimare i costi che si affacceranno e vediamo se riusciamo a cavarne fuori qualcosa, no?chi stava preparando un forum? c'e' un indirizzo? tanto per non intasare gli amici di punto informatico...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    600mb in struttura di hosting sherato, conosciuta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    Massì non ti preoccupare, siamo tutti fratelli, una grande comunità di sviluppatori che vuole il bene della società. Iniziamo con un forum, poi "per i soldi si vedrà".
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    Lavora lavora, poi per i soldi si vedrà
  • Anonimo scrive:
    Re: Brancaleone
    Appunto. Costi pari a zero e tutto già pronto. Poi però non lamentiamoci se il venditori ci ha tirato una sòla.
  • Anonimo scrive:
    Re: bah..
    Le fregature "possono" capitare anche su eBay, ovviamente. Ma il sistema ti offre ECCOME un plusvalore: feedback, commenti, ecc... sono tutte cose che trasformano un venditore in un utente sicuro, affidabile. Io ho acquistato software per pochi dollari quando in Italia li paghi il doppio (quando va bene) o il triplo. Tutta roba regolarmente licenziata, intendiamoci, solo che da noi fanno con al solito una cresta spaventosa. Basta cercare venditori "pluridecorati" e si fanno affari d'oro. I costi per chi vende ci sono ma del resto su eBay vendi anche le mutande del nonno, qualcuno che compra lo trovi sempre. Offline le venderesti? No.
  • Anonimo scrive:
    Re: Brancaleone
    Allora esiste già tutto per fare le cose in piccolo: i newsgroup, basta una buona FAQ su come fare i post.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...

    Io posso hostare senza problemi.fino a che carici? ridondanza? accessibilità in caso di down?
    Per la parte web si trova sicuramente la
    gente.quello sicuramente
    Per i soldi si vedrà......ah ecco...
  • Anonimo scrive:
    Re: bah..

    per me ebay rimane solo una accozzaglia di
    oggetti e oggettini e basta!macchine fotografiche da 1500 euro oggettini ed accozaglia? ah beh...
    Ebay ti chiede un TOT per cosa??per i servizi che ti fornisceper l'infrastruttura che ti fornisceper la visibilità che quell'infrastruttura ha e che tu mooooolto difficilmente avresti
    Qual'è il servizio aggiunto che ti
    offre? vedi sopracerto poi lo so bene che qui prolifernao i cuggini che ci mettono 5 minuti a fare un sito piaccapì più bello, più funzionale, più tuttotutto da dimostrare, sopratutto per quanto riguarda banda e disponibilità del servizioma ancora di più per la visibilità che se non c'é, nun se vende e non ci sono neppure sufficienti referenze per potersi fidare
    Gli ONP proliferano, le truffe pure, andate
    a leggere un po sui forum.io non ho mai avuto problemi, basta leggersi bene i feedback
    Poi.. addirittura chiedono agli utenti di
    segnalare aste scorrette o contro il loro
    fantomatico "regolamento".. ma vi rendete
    conto?cosa c'é di strano? anche lo stato ti chiede di denunciare illeciti che vanno contro la legge
    Con tutti i soldi che fanno.. non si possono
    manco permettere di pagare un tot di persone
    per controllare quali inserzioni vengono
    messe sul sito!!!credo che lo facciano, ma proprio come le forse dell'ordine non riescono a scoprire tutti gli illeciti, anche in questo non tutti vengono rilevati
    Per poi non parlare del fatto che un
    qualsiasi utente può senza problemi
    aprire 5432043 account e fare quello che
    vuole... almeno negli USA chiedono un n. di
    carta di credito!se apri troppi account avrai poco feedback su ognuno e quindi meno fiducia...
    E la cosa preoccupante è che ha di
    fatto il monopolio globale! Può fare
    quello che vuole e applicare le condizioni
    che gli stanno più comode.basta farsi avanti e mettere in piedi questa banalità di piazza delle aste e dei negozi virtuali
    Sta utilizzando una strategia di marketing a
    dir poco aggressiva.. in qualsiasi portale
    nazionale c'è sempre il link o il
    banner a ebay! ASTE=EBAY punto.
    Vi sembra corretto? mahcosa facciamo? li frazioniamo? obblighiamo qualcuno ad aprirne altri? ci sarà effettivamente interesse dal punto di vista economico una volta frazionato il potenziale mercato su più attori?boh
  • Isak scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!

    non si può, al posto di usare la
    funzionalità integrata di paypal,
    specificare altro come metodo di pagamento e
    mettere nella descrizione che le spese di
    spedizione saranno maggiorate di eventuali
    spese per la transazione?no, ovvero: puoi mettere in aggiunta le spese di spedizione, ma esse devono essere FISSE e non espresse in misura percentuale (come invece viene pagato Paypal).Se tu scrivi sull'inserzione che fai pagare il costo di Paypal all'acquirente sei contro il regolamento di Ebay e pertanto passibile di sospensione dell'account.
  • Isak scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!


    Dove'è finita l'autonomia

    contrattuale delle parti? Ebay è
    solo

    il fornitore del CONTATTO fra due
    parti, non

    è MEDIATORE fra essi e se si
    arroga

    il diritto di limitare l'autonomia

    contrattuale delle parti dovrebbe
    prendersi

    anche molte altre responsabilità
    (che

    ovviamente non si prende).

    non mi sembra sia solo un fornitore di
    contatti, ti fornisce un'infrastruttura
    completa di servizi per i quali chiede
    denarose guardi nel regolamento, è scritto chiaramente che Ebay in nessun caso fa da mediatore fra le parti
    non è necessario usare paypal per
    vendere, c'é sempre il bonifico, in
    contrassegno ecc. ecc. puoi usare quelli se
    vuoi, altrimenti stai alle loro condizioniok ma Paypal, per quanto caro, è pur sempre comodo e spesso per acquirenti internazionali (Extra-UE) risulta molto meno costoso di bonifici ordinari.. quindi in questo caso converrebbe agli acquirenti stessi, anche se dovessero pagare il servizio Paypal.E poi scusa, a EBay che gliene frega di chi paga il servizio? A loro basta che venga usato Paypal, quindi non vedo il perché di questa imposizione.
    intendiamoci: sto facendo l'avvocato del
    diavolo, anche a me farebbe più
    comodo fare come dici tu;) ecco quindi siamo d'accordo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!

    Quello che si contesta è l'OBBLIGO
    imposto da Ebay perché il venditore
    si faccia carico delle spese di questo
    servizio; se BEN ESPRESSO nella descrizione
    non vedo perché non dovrebbe poter
    farsene carico il compratore, d'altronde
    anche per le spese di spedizione si decide
    di volta in volta sul da farsi (se le paga
    cioé l'acquirente o il venditore).non si può, al posto di usare la funzionalità integrata di paypal, specificare altro come metodo di pagamento e mettere nella descrizione che le spese di spedizione saranno maggiorate di eventuali spese per la transazione?
  • Anonimo scrive:
    Re: Brancaleone
    Si dai, vabbe'. Nessuno vuol negare il fatto che i costi ci siano. Si vuol solo sottolineare che il markup che ci carica eBay e' troppo alto. Del resto, eBay performa circa 980 milioni di dollari di reddito operativo nel 2004, con +55% rispetto all'anno precedente.Ha fatturato nel 2003 poco piu' di 2 milioni di dollari (nel 2004 si prevede un +34%), e ha speso per costi operativi circa 500mila dollari. Il grosso dei costi sono costi amministrativi, pubblicitari, e commissioni (800mila dollari), ovvero costi che servono ad eBay per essere eBay (gestione delle fatturazioni, politiche di marchio, sviluppi futuri etc) e non per offrire il servizio in se'.http://finance.yahoo.com/q/is?s=EBAY&annualInfatti Ibazar nel suo piccolo sopravviveva molto bene. eBay ha adottato una politica troppo aggressiva e sta sul c***o.
  • Isak scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!
    - Scritto da: Muppet
    Insomma: ci sono sempre stati i balzelli
    sugli incassi elettronici.
    Non è un invenzione di PayPal
    nè di Ebay.Secondo me non si sta a sindacare sull'opportunità o meno delle commissioni sul servizio Paypal (per quanto secondo me siano comunque troppo care, parliamo del 4%...).Quello che si contesta è l'OBBLIGO imposto da Ebay perché il venditore si faccia carico delle spese di questo servizio; se BEN ESPRESSO nella descrizione non vedo perché non dovrebbe poter farsene carico il compratore, d'altronde anche per le spese di spedizione si decide di volta in volta sul da farsi (se le paga cioé l'acquirente o il venditore).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    ci sto lavorando sopra.se mi dai tua email ti contatto quando ok
  • Anonimo scrive:
    Re: eBay costa ma i motivi ci sono
    Balle. Tanto per avere dei riferimenti, la provvigione per la mediazione si aggira normalmente sul 3%.Un agente, un procacciatore d'affari chiedono tra il 5 e il 12%, frequentemente il 10%. Sicuramente si puo' riconoscere ad eBay il fatto che metta a disposizione la piattaforma tecnologica, la pubblicita' etc, ma da qui ad arrivare a portarsi a casa il 10-15% come fanno loro, ce ne passa....E poi la cosa fa ancora piu' infastidire perche' e' entrata nell'immaginario collettivo l'idea che uno stesso servizio offerto via internet debba costare meno di quanto costi fuori. Idea suffragata dal fatto che i costi del web sono molto molto piu' bassi dei costi per la stessa attivita' fatta fuori.
    • Anonimo scrive:
      Re: eBay costa ma i motivi ci sono

      Sicuramente si puo' riconoscere ad eBay il
      fatto che metta a disposizione la
      piattaforma tecnologica, la pubblicita' etc,
      ma da qui ad arrivare a portarsi a casa il
      10-15% come fanno loro, ce ne passa....ehm... lo richiedo... come si arriva a questa cifra?
    • Anonimo scrive:
      Re: eBay costa ma i motivi ci sono

      E poi la cosa fa ancora piu' infastidire
      perche' e' entrata nell'immaginario
      collettivo l'idea che uno stesso servizio
      offerto via internet debba costare meno di
      quanto costi fuori. Idea suffragata dal
      fatto che i costi del web sono molto molto
      piu' bassi dei costi per la stessa attivita'
      fatta fuori.ma infatti costa menoprova ad immaginarti quanto costerebbe una rete di aste non online
      • Anonimo scrive:
        Re: eBay costa ma i motivi ci sono
        ma no, non si tratta di mettere su un network di aste mondiali offline... è che se io chiedo a te di vendermi qualcosa, la commissione che mi chiedi si aggira intorno al 5-10%, 15% in alcuni casi...no?
  • Anonimo scrive:
    rischio
    è la tipica mentalità italiana: esigo ma non pago. Qui la gente vuole vendere, vendere, vendere... e non cacciare un centesimo. Tanto chi paga? eBay.
  • Anonimo scrive:
    Re: La MORTE dei piccoli scambi
    Questo è assolutamente vero ed è un peccato.Se ad esempio volessi mettere all'asta la mia scheda PCI ISDN TA della 3com chi me la prende?Ammettiamo che qualcuno sia anche disposto a spendere 10 euro, poi ci sono i 7 del pacco ordinario, le commissioni ecc.Insomma non conviene ne a me ne a chi compera.Meglio mettere un annuncio sul newsgroup: chi lo vuole se lo porta via a 10 euro ma se lo viene a prendere a casa mia oppure ci troviamo in un posto di passaggio (cioé dove io passo tutti i giorni per andare al lavoro)
    • Anonimo scrive:
      Re: La MORTE dei piccoli scambi
      - Scritto da: Anonimo
      Questo è assolutamente vero ed
      è un peccato.Assolutamente vero mica tanto...Mi dispiace, ma la mia esperienza con eBay non mi trova affatto d'accordo con cio` che scrivi.

      Se ad esempio volessi mettere all'asta la
      mia scheda PCI ISDN TA della 3com chi me la
      prende?Magari lo stesso che la prenderebbe leggendo il newsgroup di cui parli piu` avanti, magari... e comunque che c'entra?
      Ammettiamo che qualcuno sia anche disposto a
      spendere 10 euro, poi ci sono i 7 del pacco
      ordinario, le commissioni ecc.[...]
      Meglio mettere un annuncio sul newsgroup:
      chi lo vuole se lo porta via a 10 euro ma se
      lo viene a prendere a casa mia oppure ci
      troviamo in un posto di passaggioE se il tizio del newsgroup abita in Calabria mentre tu vivi a Milano?? :)Guarda che non sei mica obbligato ad usare la posta se usi eBay. Basta specificare -nella descrizione dell'articolo- che non sei disposto a spedire l'articolo. Esistono le eBay regionali, ad esempio, e comunque le commissioni non sono poi cosi` alte..SalutiG.
      • Anonimo scrive:
        Re: La MORTE dei piccoli scambi

        Guarda che non sei mica obbligato ad usare
        la posta se usi eBay. Basta specificare
        -nella descrizione dell'articolo- che non
        sei disposto a spedire l'articolo. Esistono
        le eBay regionali, ad esempio, e comunque le
        commissioni non sono poi cosi` alte..la commissione se la prendono lo stesso e su 10 euro contano anche i centesimi
        • Anonimo scrive:
          Re: La MORTE dei piccoli scambi
          Ti costa di più uscire di casa e fare 2 minuti in automobile. Oppure pretendi di vendere il modem ISDN di 10 anni fa aspettandoti che l'acquirente arrivi fino all'ingresso di casa tua, fammi capire.eBay può non andare bene per vendere una spilla da 5 euro, per carità... Ma per vendere molte altre cose è ottimo. Prendi solo l'esempio del software, trovi di tutto e a prezzi che da noi sono impensabili. I venditori qualificati ci sono e sono tantissimi.
          • Anonimo scrive:
            Re: La MORTE dei piccoli scambi

            Ti costa di più uscire di casa e fare
            2 minuti in automobile. Oppure pretendi di
            vendere il modem ISDN di 10 anni fa
            aspettandoti che l'acquirente arrivi fino
            all'ingresso di casa tua, fammi capire.ti faccio capire: per quattro lirette preferisco buttarlo nella pattumiera, capito il concetto?
            eBay può non andare bene per vendere
            una spilla da 5 euro, per carità...che è esattamente ciò di cui si sta discutendo in questo thread
            Ma per vendere molte altre cose è
            ottimo.e chi ha detto nulla?vedo e compro anche io molte altre cose e lo trovo comodo e le tariffe non così vampiresche come dicono molti altrima il thread si chiama "La MORTE dei ___piccoli scambi___", vedi tu
  • Anonimo scrive:
    Re: Suggerisco Glo-Con Bazar.
    - Scritto da: Anonimo
    Visto che ci sono suggerimenti, suggerisco
    anche io:

    Versione Inglese - Internazionale:
    bazar.glo-con.com /

    Versione Italiana:
    bazar.glo-con.com/it /

    Però non è un sito d'asta. E'
    possibile vendere gli oggetti a prezzi
    fissi, il sito è nuovissimo, meno di
    1 anno di vita.SE è QUESTA L'ALTERNATIVA....SIAMO MESSI PRORIO MALE :|
  • Anonimo scrive:
    Mmmm wow... quanta scelta!
    Sistemi operativi - sezione software. Ben DUE scelte:- Windows 98 seconda edizione - Mandrake Linux WOOOOOOOOOOOWWW che potenza!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mmmm wow... quanta scelta!
      - Scritto da: Anonimo
      Sistemi operativi - sezione software. Ben
      DUE scelte:

      - Windows 98 seconda edizione
      - Mandrake Linux


      WOOOOOOOOOOOWWW che potenza!L'ironia non ti difetta, eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: EVENTUALE ALTERNATIVA
    Wow, ho trovato il software che cercavo e costa come nei negozi e spesso di più. Dai, conviene!
  • Anonimo scrive:
    bah..
    per me ebay rimane solo una accozzaglia di oggetti e oggettini e basta!Ebay ti chiede un TOT per cosa?? Qual'è il servizio aggiunto che ti offre? Gli ONP proliferano, le truffe pure, andate a leggere un po sui forum.Poi.. addirittura chiedono agli utenti di segnalare aste scorrette o contro il loro fantomatico "regolamento".. ma vi rendete conto?Con tutti i soldi che fanno.. non si possono manco permettere di pagare un tot di persone per controllare quali inserzioni vengono messe sul sito!!! E' pazzesco! Cioè se io metto "Vendo film masterizzati in Divx" e nessun utente la segnala, l'asta si svolge regolarmente.Per poi non parlare del fatto che un qualsiasi utente può senza problemi aprire 5432043 account e fare quello che vuole... almeno negli USA chiedono un n. di carta di credito!E la cosa preoccupante è che ha di fatto il monopolio globale! Può fare quello che vuole e applicare le condizioni che gli stanno più comode.Sta utilizzando una strategia di marketing a dir poco aggressiva.. in qualsiasi portale nazionale c'è sempre il link o il banner a ebay! ASTE=EBAY punto.Vi sembra corretto? mah
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!

    Stiamo parlando di lasciare ad Ebay anche
    più del 15% del guadagno su un'asta
    di medio valore... CI RENDIAMO CONTO??? per curiosità, visto che sto guardando come fare a vendere delle cose, come sei arrivato al 15%?io sto guardando qui:http://pages.ebay.it/help/sell/fees.html?fromFeature=Vendi%20il%20tuo%20oggetto
    • Anonimo scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!
      scusate, mi intrometto per fare due conti (e' il mio mestiere.. sob!)Ipotizziamo di vendere un oggetto che alla fine dell'asta raggiunge i 100euro.Per portarmi a casa questi 100 euro io venditore spendo:- 4 euro di commissione sul prezzo finale- mettiamo 0,5 euro per la tariffa di inserzione (e' una media)- mettiamo 3-4 foto: 0,5euro- e ora un po' di "spinta": 0,95 euro per metterlo in grassetto- il doppio delle tariffe di inserzione se voglio metterlo in due categorie - quindi +0,5 + 0.95fin qui sono 7,40euro.- aggiungiamo il 4% di commissione paypal: 4euro.siamo a 11,4 euro per portarne a casa 100, l'11,4%.nota bene che non mi sono messo ad esagerare: ci sarebbe la possibilita' di mettere l'oggetto in "galleria", "evidenziato" (0,15 eur, 1,45 eur) etc etc. oppure posso mettere un prezzo di riserva e lasciarci giu' altri 0,5-1 euro.come vedi fai presto a lasciarci giu' in tutto 10-15euro.non male no?
  • Anonimo scrive:
    eBay costa ma i motivi ci sono
    Sicuramente eBay è cara e sicuramente il motivo principale è il guadagno, del resto non si vive di aria fritta e lo sappiamo tutti. Il problema èerò è seeeeempre lo stesso: la gente VUOLE, PRETENDE, ESIGE... aggratis.Con eBay oggi come oggi la possibilità di fregare un utente è bassissima, rispetto a qualche tempo fa. Le procedure di controllo e di pagamento (oltre alle assicurazioni) permettono di offire un ottimo servizio. Certo si deve pagare qualcosa ma cosa pretendiamo, di vendere aggratis?A chi passa le giornate vendendo roba su eBay è mai saltato in testa quanto si RISPARMIA con un'asta su internet? Provate a farlo "offline", per i fatti vostri. Cercate la gente, chiedete permessi e concessioni, trovatevi un locale... Poi parliamo dei costi.
  • Anonimo scrive:
    Brancaleone

    Per i soldi si vedrà......Arriva l'armata Brancaleone. eBay si fa pagare e c'è un motivo, oltre al mero guadagno (giustissimo). I COSTI.Dai, date vita a un forum e date il via all'iniziativa. Poi quando avrete qualche migliaio di utenti e GIGA di banda giornaliera "per i soldi si vedrà".Poi ci si chiede perchè eBay costa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Suggerisco Glo-Con Bazar.
    Se non è un'asta e vendi a prezzi fissi... è un mercatino dell'usato. Ha poco a che vedere con le alternative a eBay.
  • Anonimo scrive:
    Problema per chi ha alti punteggi
    I venditori con feedback 100% o quasi e soprattutto con molte transazioni e commenti al loro attivo... Sicuramente non sono molto felici all'idea di ripartire da zero su un sistema nuovo. C'è gente su eBay che fa soldi a palate anche donando il 10-15% alla causa. Con eBay ho visto aste in cui la gente vendeva delle boiate a prezzi 10 volte superiori rispetto ai negozi, non è che il 15% di tassa sia poi così dannoso, in fin dei conti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bisogna puntare sul mercato tedesco

    lì c'è molta cultura
    dell'usato sono stato in Germania l'anno scorso, in Renania: confermo... I mercatini delle pulci sono tanti, ricchi (di oggetti, i più impensabili), anche nelle città più piccole. Puoi davvero trovare quello che cerchi e fare buoni affari. Commerciando molto su ebay, tra America, Cina, Germania e Italia, non posso che confermare il fatto che, in seno all'Europa, la Germania sia il paese più interessante per fare compravendite. Molto spesso, interi segmenti di mercato sono completamente inesistenti nel settore dell'usato in Italia (reale e virtuale).
  • Anonimo scrive:
    Suggerisco Glo-Con Bazar.
    Visto che ci sono suggerimenti, suggerisco anche io:Versione Inglese - Internazionale:http://bazar.glo-con.com/Versione Italiana:http://bazar.glo-con.com/it/Però non è un sito d'asta. E' possibile vendere gli oggetti a prezzi fissi, il sito è nuovissimo, meno di 1 anno di vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: http://www.pulciannunci.it
    Stiamo parlando di eBay e citi pulciannunci?
    • Anonimo scrive:
      Re: http://www.pulciannunci.it
      Ti do ampiamente ragione nel dire che Pulciannunci non ha nulla a che vedere con la "potenza" di ebay... è solo una bacheca virtuale valida in Italia. Tieni presente che a differenza di Ebay però non prende una lira ne da te ne da nessuno e forse per qualcuno può cmq essere utile.Mi scuso con quanti la pensano come te e continuate con Ebay.
  • Anonimo scrive:
    Re: Offerenti non paganti...
    - Scritto da: Anonimo
    Per non parlare dei venditori che si beccano
    i tuoi bei quattrini e poi dietro la
    copertura del pacco smarrito dalle poste non
    ti fanno vedere più nulla...
    E cosa fai... denunci un venditore inglese?Fatti fare una spedizione come si deve invece della TARTARUGA SPEDIZIONE SENZA TRACKING E SENZA RICEVUTAEh si, 10 euro sono troppi per un corriere espresso, eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    mi leggo un po' la disciplina delle fondazioni...ottima l'idea di lanciare un forum... lo dividerei magari gia' in 2-3 argomenti: parte tecnica - parte gestionale/organizzativa
  • cristianx scrive:
    Re: EVENTUALE ALTERNATIVA
    akkett? e che e'? ma andiamo.....:$
  • Anonimo scrive:
    Re: Per non parlare di PAYPAL!
    Aggiungo la regola ASSURDA di Ebay di non poter aggiungere le commissioni Paypal sul prezzo finale pagato dal compratore... ma scusa, è solo un favore in più che io venditore faccio al compratore, perché dovrei pagarlo io se nella descrizione è ben specificato che chi vuole pagare in quel modo se lo paga?Da che mondo e mondo non è il venditore che paga per ricevere soldi ma è il compratore che spende per inviare denaro (chi paga le commissioni di un bonifico? le spese del vaglia postale? ecc. ecc...).Tantopiù che un'IMPOSIZIONE discendente dall'alto (Ebay) in tal senso mi sembra INIQUA e INGIUSTIFICATO ESERCIZIO DI POTERE. Dove'è finita l'autonomia contrattuale delle parti? Ebay è solo il fornitore del CONTATTO fra due parti, non è MEDIATORE fra essi e se si arroga il diritto di limitare l'autonomia contrattuale delle parti dovrebbe prendersi anche molte altre responsabilità (che ovviamente non si prende).
    • Anonimo scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!
      - Scritto da: Anonimo
      Da che mondo e mondo non è il
      venditore che paga per ricevere soldi ma
      è il compratore che spende per
      inviare denaro (chi paga le commissioni di
      un bonifico? le spese del vaglia postale?
      ecc. ecc...).è vero, ma è anche vero che questi meccanismi hanno incoraggiato le transazioni su internet che fino a due anni fa' erano robe da grandi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!
      Hai perfettamente ragione, ci vorrebbe una bella sentenza di un tribunale. Chissà cosa ne pensa un' associazione di consumatori, tanto più che ora Paypal è anche registrato in Italia. Una bella multina per clausole vessatorie?- Scritto da: Anonimo
      Aggiungo la regola ASSURDA di Ebay di non
      poter aggiungere le commissioni Paypal sul
      prezzo finale pagato dal compratore... ma
      scusa, è solo un favore in più
      che io venditore faccio al compratore,
      perché dovrei pagarlo io se nella
      descrizione è ben specificato che chi
      vuole pagare in quel modo se lo paga?
      Da che mondo e mondo non è il
      venditore che paga per ricevere soldi ma
      è il compratore che spende per
      inviare denaro (chi paga le commissioni di
      un bonifico? le spese del vaglia postale?
      ecc. ecc...).
      Tantopiù che un'IMPOSIZIONE
      discendente dall'alto (Ebay) in tal senso mi
      sembra INIQUA e INGIUSTIFICATO ESERCIZIO DI
      POTERE. Dove'è finita l'autonomia
      contrattuale delle parti? Ebay è solo
      il fornitore del CONTATTO fra due parti, non
      è MEDIATORE fra essi e se si arroga
      il diritto di limitare l'autonomia
      contrattuale delle parti dovrebbe prendersi
      anche molte altre responsabilità (che
      ovviamente non si prende).
    • Anonimo scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!
      - Scritto da: Anonimo
      Aggiungo la regola ASSURDA di Ebay di non
      poter aggiungere le commissioni Paypal sul
      prezzo finale pagato dal compratore... ma
      scusa, è solo un favore in più
      che io venditore faccio al compratore,E' giusto cosi'. Stesso discorso nei negozi che si pagano le commissioni bancomat e carta di credito. (1-3% sinceramtne non so quanto siano quelle di paypalciao
    • Muppet scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!
      Scusa per la "precisazione"...Ma quando tu paghi con Bancomat il negoziante si fà carico di:a.-) Telefonata che parte dal lettore alla centraleb.-) Percentuale sul totale pagato + fissoInfatti molti negozi NON accettano pagamenti con carta bancomat sotto una certa cifra perchè sarebbe sconveniente.Quindi PayPal non fà altro che applicare un modello di transazione già diffuso e accettato da tutti.Con la sola differenza che di questi "balzelli" erano a conoscenza e contatto solo i commercianti, mentre adesso pure un ragazzino che vende i giochi della PSX su Ebay se ne accorge.Insomma: ci sono sempre stati i balzelli sugli incassi elettronici.Non è un invenzione di PayPal nè di Ebay.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per non parlare di PAYPAL!

      Aggiungo la regola ASSURDA di Ebay di non
      poter aggiungere le commissioni Paypal sul
      prezzo finale pagato dal compratore... ma
      scusa, è solo un favore in più
      che io venditore faccio al compratore,
      perché dovrei pagarlo io se nella
      descrizione è ben specificato che chi
      vuole pagare in quel modo se lo paga?con amex non mi pare funzioni così...
      Dove'è finita l'autonomia
      contrattuale delle parti? Ebay è solo
      il fornitore del CONTATTO fra due parti, non
      è MEDIATORE fra essi e se si arroga
      il diritto di limitare l'autonomia
      contrattuale delle parti dovrebbe prendersi
      anche molte altre responsabilità (che
      ovviamente non si prende).non mi sembra sia solo un fornitore di contatti, ti fornisce un'infrastruttura completa di servizi per i quali chiede denaronon è necessario usare paypal per vendere, c'é sempre il bonifico, in contrassegno ecc. ecc. puoi usare quelli se vuoi, altrimenti stai alle loro condizioniintendiamoci: sto facendo l'avvocato del diavolo, anche a me farebbe più comodo fare come dici tu
  • Anonimo scrive:
    Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
    - Scritto da: Benny
    Io soino passato da tempo, a QXL e mi trovo
    bene. E' meno caro ed anche serio.
    Provare per credere!Se è vero quello che dicono allora sono veramente corretti" - Creare le aste e' completamente gratutito. - Escluso promozioni di vendita e aste con prezzo di riserva - Pagherai una commissione del 4% sul prezzo finale di vendita. Ad esempio se vendi un oggetto per ?100 pagherai una commissione di ?4." In pratica se non si vende non si deve, giustamente, pagare nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!

      Se è vero quello che dicono allora
      sono veramente corretti

      " - Creare le aste e' completamente
      gratutito.E questo è giusto.
      - Escluso promozioni di vendita e aste con
      prezzo di riservamm insomma un po' meno giusto
      - Pagherai una commissione del 4% sul
      prezzo finale di vendita. Ad esempio se
      vendi un oggetto per ?100 pagherai una
      commissione di ?4."Qui è decisamente troppo caro (sarebbe congruo un 1-2% massimo), considerando cos'è OGGI QXL (cioé niente).
      In pratica se non si vende non si deve,
      giustamente, pagare nulla.Già.. chi glielo dice ad Ebay?
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
      - Scritto da: Anonimo


      In pratica se non si vende non si deve,
      giustamente, pagare nulla.
      sembra strano ma questa affermazione è contraria all'interesse del venditore.se per inserire l'asta non si pagasse niente il sito si riempirebbe di oggetti inutili a prezzi base d'asta elevati, che è contrario allo spirito delle aste, tanto che lo vende pensa: io ci provo a venderlo caro, tanto non spendo niente e regolarmente non lo vende, ma questi prodotti poi messi in quantità oscurano anche i prodotti validi.Mentre lo spirito delle aste è partire da un prezzo di partenza basso, in modo da invogliare gli acquirenti, in quel modo ci si assume il rischio di vendere un oggetto ad un prezzo troppo basso, ma questo fa parte del meccanismo di mercato.
      • Anonimo scrive:
        Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!

        sembra strano ma questa affermazione
        è contraria all'interesse del
        venditore.Ok capisco il concetto ma io implementerei il sistema di ricerca con altri criteri; mi sta bene che ci siano una marea di oggetti anche inutili o costosi a patto che riesca a trovare senza troppi sbattimenti quelli che servono a me.Quindi si potrebbe pensare al "feedback" non solo come voto fatto dai positivi/negativi rilasciati dagli altri utenti, ma come un numero che riassumesse in maniera concisa tutta la qualità e validità dell'operato dell'utente sul mercato delle aste(ad esempio, questo numero potrebbe dipendere fortemente dalla percentuale di oggetti venduti da quel venditore sul totale di oggetti messi in vendita =
        si presume quindi che i prezzi fossero interessanti, ecc...)
      • Anonimo scrive:
        Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
        - Scritto da: Anonimo

        se per inserire l'asta non si pagasse niente
        il sito si riempirebbe di oggetti inutili a
        prezzi base d'asta elevati, che è
        contrario allo spirito delle aste, tanto che
        lo vende pensa: io ci provo a venderlo caro,
        tanto non spendo niente e regolarmente non
        lo vende, ma questi prodotti poi messi in
        quantità oscurano anche i prodotti
        validi.Allora non si dovrebbe pagare una commissione sul venduto: ho già pagato per il servizio, perché devo pagare ancora? In realtà ebay ti frega in tutti e due i modi.
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
      - Scritto da: Anonimo

      In pratica se non si vende non si deve,
      giustamente, pagare nulla.
      no, secondo me invece chi non vende deve pure pagare qualcosa in quanto sta utilizzando una struttura di terzi che ha un costo di mantenimentoe si sa dalla prima elementare che ad ogni attività imprenditoriale (anche quella del venditore su aste on line) corrisponde e deve corrispondere un rischio...bello rischiare sul cul*o degli altri...
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!

      In pratica se non si vende non si deve, giustamente
      pagare nulla.Giustamente secondo il tuo punto di vista. Dillo a eBay che ti ha offerto lo strumento, la banda, ecc ecc ecc ecc. Quei costi per te non ci sono ma per loro si. Sia che tu venda sia che tu non venda.
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!

      In pratica se non si vende non si deve,
      giustamente, pagare nulla.Su e-bay se non vendi non paghi nulla e le sole tariffe di e-bay per l'inserzione sono:EUR 0,01 - EUR 1,99 EUR 0,10EUR 2,00 - EUR 9,99 EUR 0,25EUR 10,00 - EUR 24,99 EUR 0,40EUR 25,00 - EUR 49,99 EUR 0,80EUR 50,00 - EUR 99,99 EUR 1,30EUR 100,00 o superiore EUR 2,50direi irrisoriecomunque ben ripagate per la visibilità che ha il sito
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    - Scritto da: Anonimo
    In Italia ebay funziona solo perchè
    ha COMPRATO il vecchio IBazar e il relativo
    giro di affari.
    Altrimenti sarebbe stato a vivacchiare per
    secoli ....Già ricordo che prima che comprasse Ibazar Ebay era scarsissimo, con un numero di oggetti e utenti ridicolo.. ma si sa il pesce più grosso mangia quello piccolo e quindi Ebay, con le buone o le cattive, si è impadronita anche del mercato delle aste italiano.
    Che nostalgia! Ibazar era OTTIMO e si
    comprava benissimo, altro che quello schifo
    di ebay ......Ibazar era davvero ben fatto, a onor del verò però c'erano più possibilità di fare i "furbetti" con conseguente maggiore probabilità di prendere delle fregature.Ora il regolamento Ebay è molto più stringente (forse troppo per certi aspetti) e consente meno disinvoltura..
    • Anonimo scrive:
      Re: Ibazar ...
      e allora diamoci da fare........
      • Anonimo scrive:
        Re: Ibazar ...
        - Scritto da: Anonimo
        e allora diamoci da fare..........cosa proponi per dare una svolta al sistema?Sarebbe bello creare un "open source" delle aste... una comunità autoregolata che partisse dal basso! basterebbe solo un po' di organizzazione!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ibazar ...
          Perchè no, lamentarsi e basta non serve nulla.All'arrembaggio.Se qualcuno interessato posti di seguito che ci organizziamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ibazar ...
            ... la butto lì: PuntoInformatico, da sempre promotore e sostenitore di tutto ciò che è LIBERO e COMUNITARIO, non potrebbe farsi portavoce della causa, ad esempio indicendo una petizione contro le tariffe EBay? oppure coordinando le operazioni di creazione di una community ALTERNATIVA ad Ebay?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ibazar ...
            io posso rendere disponibile una forum di discussione.www.interactivehelps.comdatemi 30 min e vi metto su il forum
          • Anonimo scrive:
            Re: Ibazar ...
            ottima cosa..! ma bisognerebbe anche un attimo capire come sono organizzate le comunita' opensource... mi spiego meglio: per mettere su un sito di aste online c'e' bisogno della parte tecnica, ovvero la realizzazione del sito, il database etc. e questo puo' essere un problema tranquillamente risolvibile grazie a chi ha delle competenze tecniche e ci dedica un po' di tempo.ma per farlo girare poi, servono dei soldi per metterlo su dei server, della pubblicita' per lanciarlo come si deve... come si gestisce tutto cio'? si fa nascere una fondazione? come funziona?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ibazar ...
            sicuramente non sarà facile, ma non è sicuramente impossibile.Io posso hostare senza problemi.Per la parte web si trova sicuramente la gente.Per i soldi si vedrà......
          • Anonimo scrive:
            Re: Ibazar ...
            La cosa si fa interessante in quanto nostalgico di ibazar....per quanto riguarda il sito da te postato non riesco ad accedere...potresti mettere un link + preciso?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ibazar ...

          ..cosa proponi per dare una svolta al
          sistema?
          Sarebbe bello creare un "open source" delle
          aste... una comunità autoregolata che
          partisse dal basso! basterebbe solo un po'
          di organizzazione!ahahahahahahahahahe i conti chi li paga?oppure server, banda, persone, transazioni commerciali vengono fuori tutti a uffa?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    mi associo in pieno, che bei tempi quando c'era iBazar!!!- Scritto da: Anonimo
    In Italia ebay funziona solo perchè
    ha COMPRATO il vecchio IBazar e il relativo
    giro di affari.
    Altrimenti sarebbe stato a vivacchiare per
    secoli ....
    Che nostalgia! Ibazar era OTTIMO e si
    comprava benissimo, altro che quello schifo
    di ebay ......
  • Anonimo scrive:
    La MORTE dei piccoli scambi
    Una cosa veramente disgustosa è che ormai Ebay è sempre più una vetrina per negozianti virtuali, che vendono cose nuove a prezzi solo di poco inferiori (a volte superiori) ai negozi reali che abbiamo sotto casa.E dire che Ebay era nato come sito per collezionisti, in cui scambiare oggetti dall'importo anche modico!Oggi le inserzioni di piccolo valore (quelle che vengono vendute a pochi euro) sono altamente penalizzate, soprattutto dalle tariffe d'inserzione, tutto questo perché ad Ebay non conviene più puntare su questo tipo di venditori...
  • Anonimo scrive:
    Per non parlare di PAYPAL!
    Cioè rendiamoci conto che se uno fa un'inserzione su Ebay, mette qualche foto e qualche opzione di vendita, accetta il pagamento con Paypal è praticamente DISSANGUATO!!Stiamo parlando di lasciare ad Ebay anche più del 15% del guadagno su un'asta di medio valore... CI RENDIAMO CONTO??? per un servizio dal costo IRRISORIO!!!Non capisco come ancora non sia emerso un concorrente credibile, quando ci sono alti guadagni e un monopolio questa situazione non dovrebbe durare a lungo.Anche perché le barriere all'entrata non sono altissime (insomma non credo che l'investimento necessario per creare un sito -ben fatto, per carità- come Ebay sia di molto superiore a quello di impiantare un'impresa di medio-piccole dimensioni qui in Italia..)
  • Anonimo scrive:
    Bisogna puntare sul mercato tedesco
    Un nuovo sito d'aste che volesse imporsi sul mercato europeo dovrebbe puntare sul mercato tedesco. A parte la numerosità della popolazione (i tedeschi sono 80 milioni mi pare), lì c'è molta cultura dell'usato: basta farsi un giro su Ebay.de per vedere l'elevatissimo numero di oggetti in vendita, a prezzi di partenza davvero bassi, come sarebbe nel vero spirito delle aste (altro che Ebay.it!)In Germania Ebay è diffusissimo e pertanto un valido concorrente con tariffe più basse secondo me avrebbe un successo incredibile.Una volta conquistato il mercato tedesco, il resto dell'Europa seguirebbe a traino.. IMHO.
  • Anonimo scrive:
    Re: Se lo facesse google...
    Infatti non capisco cosa trattenga Google dal buttarsi nel mercato delle aste.. l'azienda sta cercando di espandersi in tutte le direzioni, ebbene quello delle aste è un mercato con redditi altissimi monopolizzato da Ebay.. Google potrebbe avere la forza, le risorse e la popolarità per opporsi ad Ebay come concorrente valido..Già m'immagino un sito d'aste col motorone di ricerca Google con opzioni avanzate di ricerca.. penso potrebbe davvero funzionare bene!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se lo facesse google...
      - Scritto da: Anonimo
      Infatti non capisco cosa trattenga Google
      dal buttarsi nel mercato delle aste..
      Perchè allora ebay entrerebbe, ad esempio, nel mercato delle mega-biblioteche online......ma dividere in due un mercato non significa fare 50 e 50, significa polverizzarlo, mentre invece tenersi un monopolio significa solo ed unicamente tenersi un monopolio...ed è esattamente quello che tutt'eddue stanno facendo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Se lo facesse google...
        Ok ma non c'è solo Ebay, c'è anche Yahoo, Amazon, e tantissime altre aziende online molto grosse.. insomma non credo alla "tacita spartizione dei monopoli", da che mondo e mondo dove c'è lucro c'è concorrenza, e sul mercato delle aste girano UN SACCO DI SOLDI.. quindi mi aspetto concorrenti a breve!LE ASTE NON SONO PROPRIETA' ESCLUSIVA DI EBAY!
        • cristianx scrive:
          Re: Se lo facesse google...
          non e' proprieta' indubbiamente ma hai presente l'effetto network?
          • Anonimo scrive:
            Re: Se lo facesse google...
            - Scritto da: cristianx
            non e' proprieta' indubbiamente ma hai
            presente l'effetto network?no, potresti spiegarmi brevemente in cosa consiste? grazie :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Se lo facesse google...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: cristianx

            non e' proprieta' indubbiamente ma hai

            presente l'effetto network?

            no, potresti spiegarmi brevemente in cosa
            consiste? grazie :)sono un altro.Credo volesse farti notare che esiste una barriera all'ingresso di dimensioni gigantesche, che non è tecnologica ma di notorietà.Per sua natura (tempo!) è improbabile che un utente medio segua molte case d'aste diverse, e se lo fa, diminuisce il tempo dedicato ad ognuna. Quindi il massimo di efficacia si ottiene con un unico operatore, e questo ha il potere per trasferire a se tutto o quasi il vantaggio di efficienza ottenuto, ad esempio sotto forma di profitti (se è un azienda efficiente) o sotto forma di inefficienza tollerabile (cioè se fa male il suo lavoro, guadagna meno lui, ma la barriera all'ingresso potrebbe essere tale da non rendere conveniente a nessun altro cercare di sostituirsi a lui). Il concetto del network è spesso spiegato facendo l'esempio dei fax: un solo fax al mondo non serve a niente e non vale niente. Due fax valgono poco. Un milione di fax diffusi capillarmente hanno un valore di network molto maggiore, e tale valore cresce al crescere del numero di utenti. Se esiste un unico standard di comunicazione per i fax il valore del network (per l'insieme di persone che lo usano) è maggiore che nel caso di due standard non interoperabili (perchè esistono casi di impossibilità di comunicare, è come se questi non l'avessero).E' con ragionamenti di questo tipo che in passato si è arrivati alla definizione di monopoli "naturali" e alla nazionalizzazione di certe utility (anche se naturalmente con scopi spesso poco trasparenti e errori madornali: un esempio è la rete elettrica: solo il trasporto d'energia potrebbe essere considerato un monopolio naturale, ma in Italia si è nazionalizzata anche la produzione, ed oggi la si privatizza in un modo che sfavorisce svariate categorie d'utenza, tanto per cambiare le più deboli).Ed è il motivo per cui certi monopoli informatici suggeriscono l'introduzione di standard che limitando il potere dei monopolisti aumentino il vantaggio per tutti gli altri, sia attraverso l'introduzione della concorrenza, sia aumentando il valore intrinseco del network che ne consegue.Marlenus
      • Anonimo scrive:
        Re: Se lo facesse google...

        ...ma dividere in due un mercato non
        significa fare 50 e 50, significa
        polverizzarlo, mentre invece tenersi un
        monopolio significa solo ed unicamente
        tenersi un monopolio...un mercato simile polverizzato non credo proprio convenga al consumatorevedi tutti i piccoli sitarelli con poca roba, chi ha voglia di passarsene 100?meglio uno solo con un sacco di cosela tendenza è la stessa per i centri commerciali (ma guarda un pò)
    • Anonimo scrive:
      Re: Se lo facesse google...

      Già m'immagino un sito d'aste col
      motorone di ricerca Google con opzioni
      avanzate di ricerca.. penso potrebbe davvero
      funzionare bene!capirai a cosa serve il motorone per delle aste
  • Anonimo scrive:
    Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
    Sì ma purtroppo ci sono pochissimi oggetti.. il sito avrebbe bisogno di promozione anche su canali "convenzionali", al di fuori di internet (vi ricordate Ibazar che faceva pubblicità in TV e su manifesti con Platinette?).Solo così potrebbe iniziare un po' di concorrenza che potrebbe abbassare i prezzi ESOSI di Ebay!
    • Anonimo scrive:
      Re: SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!

      Sì ma purtroppo ci sono pochissimi
      oggetti.. eeeh... ci sono finito anche io ieri ma se cerchi roba particolare, vecchia non trovi moltopeccato
  • Anonimo scrive:
    Re: EVENTUALE ALTERNATIVA
    è valida se riesci a registrarti...inserisco tuii i miei dati...registra...errore...la città dell'indirizzo e la provincia non corrispondono (??? per loro non abito + a casa mia...)metto la città principale allora (col mio cap però che è diverso)questa volta passa però...la città di nasciata e la provincia non corrispondono (????????????? ora oltre a non abitare + a casa mia non sono nemmeno nato nel posto giusto)avendo la "i" accentata allora provo a cambiare quella con "i" normale.non va ancora bene e oltre a questo ora non va bene nemmeno il codice fiscale...oltre a non abitare a casa mia e a non essere nato nel posto giusto non sono proprio nato per loro..al 4° tentativo "errore microsoft database, sql error, asp ecc...."non c'è male dai...ebay sarà caro e vi do ragione ma non fa tante suppe per la registrazione...cya
  • Anonimo scrive:
    http://www.pulciannunci.it
    Non è nenache degno forse di stare qui...Ma è gratis e semplice... solo per l'Italia...Deve ancora prendere piede ma per chi deve scambiare un paio di cose... forse basta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ibazar ...
    perchè Ebay fa schifo?
  • Anonimo scrive:
    Ibazar ...
    In Italia ebay funziona solo perchè ha COMPRATO il vecchio IBazar e il relativo giro di affari.Altrimenti sarebbe stato a vivacchiare per secoli ....Che nostalgia! Ibazar era OTTIMO e si comprava benissimo, altro che quello schifo di ebay ......
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione: errorino
    5 capoverso: "altrovedelle aste";)CoD
  • Anonimo scrive:
    EVENTUALE ALTERNATIVA
    Un'altra valida alternativa ad Ebay, però solo per il mercato italiano è Akkett! (www.akkett.it). Io l'ho provato e mi son trovato bene, non ha tantissimi oggetti come su e-bay ma credo che se venga preso come alternativa parallela possa diventare un simpatico portale di aste on line!
  • Benny scrive:
    SUGGERISCO QXL: MOLTO CORRETTI!
    Io soino passato da tempo, a QXL e mi trovo bene. E' meno caro ed anche serio.Provare per credere!
  • Anonimo scrive:
    Se lo facesse google...
    funzionerebbe tutto bene e non ci si potrebbe nemmeno arrabbiare perche' fa tutto lui, se lo fa bene lo fa bene..........ma perche' non lo fa?
  • beka scrive:
    Re: Offerenti non paganti...
    - Scritto da: Anonimo
    Voi, si, GLI OFFERENTI NON PAGANTI...
    Vi prego! Non comprate nulla se non potete
    pagare... è cosi difficile?
    Paginate e paginate di inserzioni dove viene
    riportato tutto... come fate a "non aver
    visto che il contrassegno non è
    accettato..." a dire che "volevo vedere se
    funzionava..." a "ma ho clickato per
    sbaglio..."
    Ormai rappresentate il 35% delle "vendite"
    totali :( ... se non di più...
    Vi prego, non clickateE io vi prego, venditori confusionari, ho appena comprato un Inspiron 9200 (portability anyone?)....aspetto da venerdì (giorno di consegna a poste Roma Tiburtina) ad oggi (limite del Pacco Celere 3)...apro il pacco e voilà!!!!Zio altamente bastardo e totalmente cinico!Un dell Latitude D505!!!!Richiamo: eh, ma sa abbiamo spedito 16 (?? ma chi sei? Gill Bates?) portatili in un giorno e lo abbiamo confuso. Domattina provvediamo a contattare l'altro acquirente che lo scambierà con lei (speriamo non abiti in Cina!) oppure lo riinvia a noi che nel frattempo abbiamo ricevuto il suo dall'altro acquirente e riaggiustiamo le cose...Venditori confusionari: se non siete in grado di vendere fa niente...come si dice dalle mie parti: in camara bianca a fer di gumein!(trad. in camera bianca a montare dei dispositivi biomedicali 8 ore al giorno coi turni, il camice, le pantofole di plastica e la cuffia)
    • Giambo scrive:
      Re: Offerenti non paganti...
      - Scritto da: beka
      E io vi prego, venditori confusionari, ho
      appena comprato un Inspiron 9200
      (portability anyone?)....Bella macchinetta, ho un 9100 e Linux ci gira che e' una meraviglia :-)
      Un dell Latitude D505!!!!Per me ti hanno fregato :-)Ma l'hai comandato dalla Dell ?
      • cico scrive:
        Re: Offerenti non paganti...

        Bella macchinetta, ho un 9100 e Linux ci
        gira che e' una meraviglia :)anche io ho un 9100 ma da me ci gira XP che è una meraviglia ;-)scherzi a parte non me lo aspettavo così "grosso", soopratutto il trasformatore :|cmq ci ho fatto l'abitudine ed anzi lo trovo fin più comodo di quelli piccolini per chi ha le manine da fata ;-)
        • Giambo scrive:
          Re: Offerenti non paganti...
          - Scritto da: cico

          Bella macchinetta, ho un 9100 e Linux ci

          gira che e' una meraviglia :)

          anche io ho un 9100 ma da me ci gira XP che
          è una meraviglia ;)Da me XP preinstallato non e' mai girato
          :-

          scherzi a parte non me lo aspettavo
          così "grosso", soopratutto il
          trasformatore :|Pure altri modelli hanno il trasformatore cosi' grosso. Probabilmente dopo che la Dell ha dovuto ritirarne parecchi dal mercato perche' prendevano fuoco, hanno deciso di andare sul sicuro :-)
          cmq ci ho fatto l'abitudine ed anzi lo trovo
          fin più comodo di quelli piccolini
          per chi ha le manine da fata ;)Vero, infatti la Dell lo spaccia per un "Desktop replacement", non per un vero e proprio portatile,
  • Anonimo scrive:
    Offerenti non paganti...
    Voi, si, GLI OFFERENTI NON PAGANTI...Vi prego! Non comprate nulla se non potete pagare... è cosi difficile?Paginate e paginate di inserzioni dove viene riportato tutto... come fate a "non aver visto che il contrassegno non è accettato..." a dire che "volevo vedere se funzionava..." a "ma ho clickato per sbaglio..."Ormai rappresentate il 35% delle "vendite" totali :( ... se non di più... Vi prego, non clickate
    • Anonimo scrive:
      Re: Offerenti non paganti...
      Per non parlare dei venditori che si beccano i tuoi bei quattrini e poi dietro la copertura del pacco smarrito dalle poste non ti fanno vedere più nulla...E cosa fai... denunci un venditore inglese?
Chiudi i commenti