In Giappone il PC si controlla via cellulare

Un software IBM e la rete i-Mode DoCoMo consentono alle imprese giapponesi di accedere al PC attraverso un telefonino Java-based


Tokyo (Giappone) – Se ne parla da tempo ma, fino ad oggi, il controllo remoto di un PC attraverso un telefono cellulare è stato frenato dai limiti delle attuali tecnologie mobile. Dal Giappone, patria delle prime reti mobile 2,5-3G, IBM ha ora lanciato “Desktop On-Call Gateway Version 1.0”, una piattaforma che permette di accedere ad un PC appartenente ad una rete aziendale attraverso la semplice connessione ad un server.

Visualizzando alcune parti dello schermo di un PC su di un telefono cellulare di nuova generazione, Big Blue sostiene che l’utente può controllare remotamente un computer attraverso i bottoni dell’apparecchio, simulando così il doppio click o altre funzioni tipiche delle interfacce grafiche di un PC. Il sistema rende inoltre possibile connessioni protette di tipo telnet.

La parte client mobile di Desktop On-Call gira per il momento solo su quei pochi cellulari che supportano i-Appli, il recente servizio offerto dell’operatore giapponese NTT DoCoMo con cui è possibile scaricare e far girare su un telefonino alcune piccole applicazioni in linguaggio Java. Il servizio, che ha da tempo superato i 10 milioni di abbonati, sfrutta la preesistente rete mobile i-Mode.

IBM ha spiegato che il suo nuovo software può essere installato in server localizzati nelle “zone demilitarizzate” di una rete aziendale ed è in grado di comunicare con PC posti anche dietro un firewall. Sul lato della sicurezza, Desktop On-Call Gateway supporta lo standard SSL e adotta un sistema di autenticazione basato sul numero seriale integrato in ogni telefono cellulare.

Big Blue sostiene che il server è in grado di supportare fino a 300 utenti per CPU ed un numero massimo di utenti contemporanei pari a 30. Il software lato server è compatibile con AIX 4.3.3, Windows 2000 e Red Hat Linux 7.2.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma perchè vi fa schifo la semplicità?
    cosa vi spinge ad installarvi codice inutile e sconosciuto come quello del cosidetto file sharing quando esiste da sempre l'ftp?Ci sono programmi gratuiti con una interfaccia a prova di utonto come windows...Inoltre se non volete proprio usare l'ftp, perchè non condividere i files con una semplice pagina web?Ogni volta che inserite un file basta inserire una riga in ordine alfabetico, e poi nel browser c'è la ricerca, non serve fare cose tanto complicate...
  • Anonimo scrive:
    se sono idioti che ci possono fare quelli di Kazaa
    se gli utonti sono utonti, che ci possono fare quelli di Kazaa?io mi preoccupo perché winmx mi chiede abilitazioni amministrative per funzionare ...ma condivido una cartella e come insegna il nonno, non condivido quella dei download.per cui ... io so quello che sto facendo, e non faccio cazzate così grosse ... eppure mi espongo ad un rischio immenso ... il mio pc con abilitazioni amministrative è in rete! qualunque lamer può fare cagate con luidel resto ... non ho nulla che sia così privato (numeri di carte di credito, curriculum, riferimenti personali ...)
  • Anonimo scrive:
    Quando si da la tecnologia in mano a certa gente
    Come si fa a lamentarsi se un programma di file sharing condivide i files che tu hai deciso di condividere?Capirei sei questo problema fosse dovuto ad uno screen saver, ma programmi come kazaa o morpheus no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando si da la tecnologia in mano a certa gen
      - Scritto da: vaira
      Come si fa a lamentarsi se un programma di
      file sharing condivide i files che tu hai
      deciso di condividere?
      Capirei sei questo problema fosse dovuto ad
      uno screen saver, ma programmi come kazaa o
      morpheus no.E` il solito problema: spesso la sicurezza e` inversamente proporzionale alla facilita` d'uso e proporzionale alle competenze tecniche..Non ci sara` mai un pc facilissimo e sicurissimo: l'utente puo` sempre essere in gradi di fregarsi da solo..Quello e` il baco-ultimo ineliminabile (se non con un po` di istruzione informatica - basta un minimo, e anche fai-ta-te).. Questo a meno che in futuro qualcuno non controlli in remoto tutti pc (!) o tutti i cervelli!!! :))Ciao!! S.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quando si da la tecnologia in mano a certa gen
        S.L. wrote:
        Questo a meno che in futuro qualcuno non controlli
        in remoto tutti pc (!) o tutti i cervelli!!!E' il mio sogno proibito quando parlo con certi superiori al lavoro, eheheh! ^_^
  • Anonimo scrive:
    un minimo di conoscenza...
    io kazaa lo uso regolarmente,mi pare parecchio funzionale e chiaro nella sua configurazione.Se poi la maggior parte degli utenti pc non riescono nemmeno leggendo le spiegazioni del wizard a capire che la directory del materiale condiviso (e di conseguenza tutte le sue sotto-directory) è la "My Shared Folder" che ci possono fare gli sviluppatori? Insomma un briciolo di conoscenza è richiesto a tutti gli utilizzatori di computer, altrimenti è come guidare la macchina ma non sapere dov'è il cambio...Gli spyware invece sono un altro discorso. A parte che basta scaricare il kazaa-light che è la versione "ripulita", ma buttandosi sui software gratuiti moltissimi sono quelli che ti installano vari "Gator" e "SaveNow" e immondizia varia sull'hd (che cmq in fase di installazione devono sempre essere dichiarati nella "licenza" che va letta e accettata) ma con un volgarisismo regcleaner (gratuito) è facile tenere sotto controllo il proprio registro di windows da eventuali cydoor... Insomma, non si può mettere sotto accusa i programmatori di kaaza se l'utente non è in grado di gestire adeguatamente il proprio pc... e se proprio non siete un minimo "smanettoni" scaricatevi Winmx. W il filesharing!!!!tedlight
    • Anonimo scrive:
      Re: un minimo di conoscenza...
      Beh, kazaa è un sw popolare e come a tutte le cose di largo "consumo" ne hanno accesso soprattutto i principianti.... c'è chi lo disdegna per questo... ma finchè ci si potrà trovare roba "alternativa" e magari introvabile altrove ben venga.Certo, meglio non sharare le proprie mail o files riservati..... ma alla fine chi se ne frega, a me darebbe piu fastidio avere installata tutta la merd@ che installeresti con kazaa che non uploadare il mio curriculum......e allora con chi usa mirc su pc pubblici senza guardare nemmeno se le query vengono loggate? Le ultime versioni di mirc non loggano di default, ma quelle vecchie si, e non è raro trovare discorsi privatissimi e delicati loggati :DD'altra parte per mettersi a scaricare/guardare questi files bisogna anche avere del tempo da perdere...
    • Anonimo scrive:
      Re: un minimo di conoscenza...
      Verissimo. E poi è l'utente a decidere quali cartelle condividere, mica il client p2p! Se vuole condividere i suoi documenti riservati, contento lui! E cmq quando è in atto un upload il file viene sempre indicato.
    • Anonimo scrive:
      Re: un minimo di conoscenza...
      A proposito di avere un minimo di conoscenza: il 99% di quelli che ho incontrato nella rete utilizzando i client WinMX/Morpheus/Kazaa è CONVINTA che se io prelevo (download) un file a te, tu scarichi a velocità MINORE!!Infatti secondo loro le due bande si sommano: se un modem è a 56K ed uno scarica a 48K, non rimane quasi nulla per fare un upload!!!! Ragazzi che gente!
      • Anonimo scrive:
        Re: un minimo di conoscenza...
        - Scritto da: rg
        A proposito di avere un minimo di
        conoscenza: il 99% di quelli che ho
        incontrato nella rete utilizzando i client
        WinMX/Morpheus/Kazaa è CONVINTA che se io
        prelevo (download) un file a te, tu scarichi
        a velocità MINORE!!

        Infatti secondo loro le due bande si
        sommano: se un modem è a 56K ed uno scarica
        a 48K, non rimane quasi nulla per fare un
        upload!!!!

        Ragazzi che gente!????? perchè le bande non si sommano??? ai miei tempi la banda era una sola...nel caso di adsl non so, ma con un 56k sicuramente si, se uno scarica da te, ti toglie banda, ed a te per scaricare rimane la differenza. se il 99% della gente la pensa così probabilmente è vero, lo avranno constatato sul campo.
      • Anonimo scrive:
        Re: un minimo di conoscenza...
        - Scritto da: rg
        Infatti secondo loro le due bande si
        sommano: se un modem è a 56K ed uno scarica
        a 48K, non rimane quasi nulla per fare un
        upload!!!!

        Ragazzi che gente!infatti, che gente..mi sa che l'unico che non ha capito sei tu.lolprova (con un 56k) a uppare un file a 4k/sec e allo stesso tempo scaricarne un altro a 5k/secse ci riesci (impossibile) ti faccio un monumento
    • Anonimo scrive:
      Re: un minimo di conoscenza...
      - Scritto da: tedlight
      ma con un volgarisismo regcleaner (gratuito)meglio l'AD-Aware della Lavasoft :) (http://www.lavasoftusa.com/)
  • Anonimo scrive:
    A me sembra proprio scritto male....
    Scusate, ma io dopo 20 anni che uso i personal (si, da prima del pc Ibm) non mi ritengo un pivello o uno che non gestisce i propri dischi e infatti Kazaa l'ho installato per provarlo su un pc in ufficio e l'ho usato una volta sola, poi l'ho buttato nel cesso.Proprio perche' tanti anni di esperienza mi hanno dato un'idea di chi com'e' un programma fatto per essere utile agli utenti e qual'e' invece un programma fatto per FREGARLI, o volendo usare un eufemismo, sfruttarli.Infatti non solo la condivisione non e' organizzata in modo da rispettare la sicurezza, avvisando bene l'utente dei pericoli che corre, ma anzi e' nebulosa e la condivisione automatica di tutte le cartelle che contengano mp3 o altre cose condivisibili e di tutte le sottocartelle relative, oltre alla scelta di default di fare da nodo di riferimento e' chiaramente un tentativo di metterti alla merce' di qualsiasi furbo a cui venga in mente di frugare nel tuo PC.Per non parlare dello SPYWARE e ADWARE che mi sono ritrovato installato senza neanche saperlo, il quale a sua volta ha scaricato di nascosto e installato altri programmi simili, rallentando infine il PC al punto che l'OROLOGIO INTERNO ANDAVA INDIETRO! :-ONon vi dico quante schifezze ho trovato e per fortuna eliminato facendo una bella scannata con Ad-Aware.
    • Anonimo scrive:
      un minimo di conoscenza...
      io kazaa lo uso regolarmente,mi pare parecchio funzionale e chiaro nella sua configurazione.Se poi la maggior parte degli utenti pc non riescono nemmeno leggendo le spiegazioni del wizard a capire che la directory del materiale condiviso (e di conseguenza tutte le sue sotto-directory) è la "My Shared Folder" che ci possono fare gli sviluppatori? Insomma un briciolo di conoscenza è richiesto a tutti gli utilizzatori di computer, altrimenti è come guidare la macchina ma non sapere dov'è il cambio...Gli spyware invece sono un altro discorso. A parte che basta scaricare il kazaa-light che è la versione "ripulita", ma buttandosi sui software gratuiti moltissimi sono quelli che ti installano vari "Gator" e "SaveNow" e immondizia varia sull'hd (che cmq in fase di installazione devono sempre essere dichiarati nella "licenza" che va letta e accettata) ma con un volgarisismo regcleaner (gratuito) è facile tenere sotto controllo il proprio registro di windows da eventuali cydoor... Insomma, non si può mettere sotto accusa i programmatori di kaaza se l'utente non è in grado di gestire adeguatamente il proprio pc... e se proprio non siete un minimo "smanettoni" scaricatevi Winmx. W il filesharing!!!!tedlight
      • Anonimo scrive:
        Re: un minimo di conoscenza...
        E' vero che chi usa il computer dovrebbe conoscere bene ogni cosa, ma se fosse così nessuno utilizzerebbe windows ma linux.E' indubitabile che la maggior parte delle persone che utilizzano il computer non sappia praticamente niente e non legga la linceza d'uso dei programmi (magari perchè in inglese); perciò penso che i programmatori dovrebbero cercare di rendere i programmi utilizzabili da chiunque.
  • Anonimo scrive:
    Un nuovo hobby
    Lo sport maggiormente in voga nel nostro ufficio e' il download dei file autoexec.bat... chi trova piu' fessi che condividono tutto l'hard disk con kazaa diventa l'eroe del giornoCiao
    • Anonimo scrive:
      Re: HAUAHUHAU
      bello vediamo se vi batto quale è il vostro record massimo??
      • Anonimo scrive:
        Re: HAUAHUHAU
        mi pare 8
        • Anonimo scrive:
          Re: HAUAHUHAU
          A me invece piacerebbe condividere anche il mio uccello.... potresti chiedere ad uno di quei 8 "esperti" in file sharing se è possibile infilarlo in una cartella? :pLe cose è meglio usarle se le si ha e c'è chi le sa apprezzare ;) :p
          • Anonimo scrive:
            Re: HAUAHUHAU
            Non capisco la battuta...sospetto che sei un troglodita ma non vorrei aver capito male...
          • Anonimo scrive:
            Re: HAUAHUHAU
            - Scritto da: Giggio
            Non capisco la battuta...
            sospetto che sei un troglodita ma non vorrei
            aver capito male...Non capisco la battuta...sospetto che sei un troglodita ma non vorrei aver capito male...
        • Anonimo scrive:
          Re: HAUAHUHAU
          gjkugi wrote:
          mi pare 8Tsk, ke skiappa! La I volta ke c' ho provato me ne son saltati fuori 19!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Un nuovo hobby
      sono io senti e voi avete mai trovato il c... di trovare qualche p.... che si segna le pasoword su un txt io si un macello di volte e chimandolo con nomi che ricordano le password è tropo comico
    • avvelenato scrive:
      Re: Un nuovo hobby
      io una volta mi sono dilettato nello scaricare la posta in arrivo di un simpatico outlook-utente che condivideva il suo disco duro... ma poi l'ho trovata un'azione riprovevole, quindi non l'ho più fatto.avvelenato un po' voyeur (ma solo un poìno!)
  • Anonimo scrive:
    La "legge" non ammette ignoranza...
    Io uso Grokster e per quanto ne so è praticamente uguale a Kazaa, ma non m'è mai nemmeno lontanamente capitato di condividere files personali...Non è che io sia un genio, ovvio, ma semplicemente perchè sto un po' attento tutto qui!Quindi cerchiamo di non puntare il dito accusatore contro questi programmi di file sharing, ma bensì di far comprendere un po' meglio a tutti cosa significa tenere il proprio PC in ordine.Questo sia per comodità nostra che per la sicurezza di quello che ci teniamo archiviato.La dura legge del file sharing non ammette ignoranza ;-)Buona settimana a tutti, sharatori e non!!!
Chiudi i commenti