In Italia sabato è Linux Day

La manifestazione nata l'anno scorso, nell'edizione 2002 coinvolge un numero notevolissimo di comuni, con importanti iniziative, dalla presentazione di progetti Open Source alle installation fest, al lancio di fondamentali testi tecnici


Roma – Nulla come il Linux Day previsto per sabato 23 novembre in tutta Italia testimonia l’enorme seguito ed interesse suscitato dal Pinguino e più in generale dal Software Libero nel nostro paese. Dopo le scosse prodotte al mercato e alla conoscenza di Linux dall’edizione 2001 , questo sabato, vista l’enorme partecipazione prevista, si rischia di provocare una tempesta elettrica.

La manifestazione indetta anche quest’anno dalla Italian Linux Society , si annuncia infatti ancora più ricca di quella dell’anno passato. Iniziative, manifestazioni, eventi, presentazioni, installation fest sono previste nella bellezza di 61 comuni ad opera di un numero ancora più elevato di Linux User Group ed altre associazioni legate all’uso e alla diffusione del Pinguino ( qui l’intero programma e dei comuni).

L’intera manifestazione si svolge senza alcuno scopo di lucro, principio al quale si sono adeguati i tantissimi appassionati, tecnici e pinguinomani che hanno deciso di mobilitarsi per dare vita a quella che si annuncia senza dubbio come una delle manifestazioni legate a Linux di maggiore importanza sulla scena europea.

Impossibile in questa sede enumerare le diverse notevolissime iniziative che i tanti gruppi coinvolti hanno organizzato. Tra quelle di maggiore rilievo si segnalano:

A Latina , il Linux User Group locale organizza una importante conferenza che toccherà anche l’insegnamento di Linux e soprattutto la presenza di Linux nelle imprese italiane. Questa parte della conferenza sarà a cura di Stefano Tagliaferri, IT Consultant e autore, tra l’altro, di Squid-Book , senza dubbio il più importante testo di riferimento in Italia del proxy server Squid. Un testo reso disponibile online proprio in occasione del Linux Day di cui si parlerà nel corso dell’iniziativa.

A Siena , in uno degli eventi che si annunciano tra i più affollati, il Firenze Linux User Group affida a Marco A. Calamari e a Gianni Bianchini la presentazione di un progetto sulla creazione di servizi per la difesa dei diritti individuali in Rete e sull’e-privacy. Si tratta della costituzione di un remailer e di un nym server sul server del Flug dove è già installato un nodo Freenet.

A Prato , oltre ad un incontro su Linux, sul suo funzionamento e ad una installation fest per chi vuole iniziare a smanettare sul Pinguino, si terrà una anteprima del progetto AGNULA , un sistema GNU/Linux per musica e audio interamente composto da software libero, finanziato dalla Commissione Europea.

Tutte le informazioni su Linux Day in Italia sono disponibili sul sito dedicato .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Passate tutti a
    http://www.winmx.comniente spyware, migliaia di utenti (pieno di italiani)multi download, auto-resume, auto-retry, ricerche intelligenti, E' IL MIGLIORE P2P MAI CREATO!
  • Anonimo scrive:
    come mai non dicono niente agli altri? sono tanti!
    non che io voglia il loro male, ma non capisco come fanno a lasciarli fuori ... kazaa, grockster, blubster ... direct connect ... boh!
    • Anonimo scrive:
      Re: come mai non dicono niente agli altri? sono tanti!
      - Scritto da: interesante
      non che io voglia il loro male, ma non
      capisco come fanno a lasciarli fuori ...
      kazaa, grockster, blubster ... direct
      connect ... Per i primi tre non so, ma direct connect se non sbaglio è decentralizzato, quindi anche volendo non possono farci una mazza, come per WinMX.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: come mai non dicono niente agli altri? sono tanti!
      meglio tacere su ciò che non si può sconfiggere.come chiudere una rete come quella di edonkey?ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: come mai non dicono niente agli altri? sono tanti!
        - Scritto da: simo
        meglio tacere su ciò che non si può
        sconfiggere.
        come chiudere una rete come quella di
        edonkey?ciaoBloccando i server per esempio... sarebbe come andare a caccia di cellule tumorali con uno spillo ed un microscopio ma sarebbe fattibile...Pero' con Overnet penso che questo problema (remoto) cessera' di esserci... Appena uscira' dal betatest :)www.overnet.com
Chiudi i commenti