In Macedonia la maggiore rete wireless

Il paese balcanico potrà vantare un network broad band da 1600 chilometri quadrati, capace di fornire servizi dati e sistemi telefonici anche tra le montagne che caratterizzano il paese


Skopje (FYROM) – La FYROM (Former Yugoslavic Republic of Macedonia) si candida ad essere il primo paese al mondo a disporre di una rete wireless nazionale . Un mesh network che coprirà 1600 chilometri quadrati, per fornire servizi broadband e di telefonia tramite VoIP. On.Net, il maggiore service provider del paese, in collaborazione con Strix Systems , azienda specializzata in soluzioni hardware wireless, hanno infatti varato il progetto che porterà all’implementazione di quello che viene definito un Outdoor Wireless System (OWS) dalle dimensioni impressionanti.

“Questo permetterà ai consumatori, alle imprese e al Governo di sfruttare le potenzialità del Web e favorire lo sviluppo del nostro paese”, ha dichiarato Predrag Cemerikic, dirigente di On.Net. Per ora è stata realizzata la copertura della capitale Skopje con servizi broadband e voce: un progetto pilota che ha dimostrato sul campo la qualità delle soluzioni tecnologiche adottate e che ha reso i tecnici piuttosto fiduciosi per il futuro.

Negli scorsi sette mesi On.Net sostiene di aver testato prodotti single e dual radio con risultati mediocri. Il problema più grande sembrerebbe essere legato alla conformazione morfologica del territorio, caratterizzato dalla presenza di vaste aree montane . Solo il sistema multi-radio wireless di Strix ha dimostrato di funzionare egregiamente. Si tratta, infatti, di una soluzione proprietaria che separa ogni funzione, come client access, backhaul ingress e backhaul egress . On.Net si occuperà della standardizzazione dei dispositivi di accesso Strix, così che sia possibile realizzare un piano wireless broadband esportabile in altri paesi in via di sviluppo .

“La Macedonia è nota per le sue montagne e vallate, difficilmente utilizzabili per l’implementazione di una network wireless. Quando a On.Net è stata affidata questa sfida, abbiamo testato ogni soluzione presente sul mercato. I risultati ottenuti sono stati diversi. Solo Strix ci ha permesso di raggiungere il più alto livello di performance con il minore sforzo ingegneristico. La possibilità di disporre di nodi multi-radio che si auto-configurano e forniscono una trasmissione potente, anche nelle zone più difficili, ha dell’incredibile”, ha aggiunto Cemerikic.

L’accesso Strix sfrutta le potenzialità di un unico modulo multi-radio e multi-canale in sinergia con un’architettura wireless mesh multi-RF. La latenza è sufficientemente bassa per permettere servizi wireless voce, video e dati . Secondo On.Net la piattaforma è flessibile e scalabile, e quindi facilmente implementabile nel tempo. I network Strix operano simultaneamente, e in multi-canale, sulle frequenze di 2.4 GHz e 5 GHz. Questo permette la separazione del client access dal mesh backbone, con conseguente ottimizzazione del traffico dati e risoluzione degli eventuali problemi di congestione e interferenza.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • teddybear scrive:
    Re: intel su tutte le furie!
    - Scritto da: Santos-Dumont
    Quoto tutto, e aggiungo un dettaglio...Aggiungi anche il motivo per il quale quoti tutto... non ti pare assurdo? Chi vuole leggere quello che hai quotato va all'articolo precendente, e chi vuole leggere le tue parole, deve fare tre pg-dn per vedere quattro righe sotto a un altro cento che tanto ha appena letto nel messaggio precedente.Santi NG, quando la quotatura era un'arte ... e la si insegnava ai niubbi.
  • Anonimo scrive:
    DragonChip o Godson chip 64 bit
    ma non stavano per fare uscire un nuovo mega processore proprietaio loro senza copiare quello di Itel ?il Godson si chiama...ps..ma sti pc da 70 euro funzionano bene ??quasi quasi ...
    • Anonimo scrive:
      Re: DragonChip o Godson chip 64 bit
      - Scritto da: Anonimo
      ma non stavano per fare uscire un nuovo mega
      processore proprietaio loro senza copiare quello
      di Itel ?Si, infatti erano copiati da quelli della MIPS.Gli hanno fatto causa e smascherati.
      • Anonimo scrive:
        Re: DragonChip o Godson chip 64 bit
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma non stavano per fare uscire un nuovo mega

        processore proprietaio loro senza copiare quello

        di Itel ?
        Si, infatti erano copiati da quelli della MIPS.
        Gli hanno fatto causa e smascherati.Ma dove ?!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: DragonChip o Godson chip 64 bit
      - Scritto da: Anonimo
      ma non stavano per fare uscire un nuovo mega
      processore proprietaio loro senza copiare quello
      di Itel ?
      il Godson si chiama...
      ps..ma sti pc da 70 euro funzionano bene ??
      quasi quasi ...La Cina è bella grossa :-) questi lavorano con processori Intel.
  • Ekleptical scrive:
    Re: intel su tutte le furie!

    quelle borse, quegli orologi, quei vestiti,
    escono tutti dalla stessa fabbrica, lavorati
    dagli stessi operai... solo che una parte, per
    quei 5 grammi di plastica che si chiamano
    "MARCHIO" te li fanno pagare 10 volte tanto...C'è solo un problema. Dietro quei 5 grammi di plastica del Marchio c'è ricerca, innovazione e design. Tutte cose che costituiscono il vero costo produttivo in vari settori, come le CPU e l'abbigliamento, appunto. (vatti a vedere i budget Intel e le percentuali di spesa in R&S)Se li rubi non è che ci voglia molto a produrre, son buoni tutti, anche i cinesi, appunto....
    • Dark-Angel scrive:
      Re: intel su tutte le furie!
      - Scritto da: Ekleptical
      C'è solo un problema. Dietro quei 5 grammi di
      plastica del Marchio c'è ricerca, innovazione e
      design. Tutte cose che costituiscono il vero
      costo produttivo in vari settori, come le CPU e
      l'abbigliamento, appunto. (vatti a vedere i
      budget Intel e le percentuali di spesa in R&S)
      Se li rubi non è che ci voglia molto a produrre,
      son buoni tutti, anche i cinesi, appunto....capisco perfettamente e condivido appieno il discorso ma...il vantaggio dell'economia di scala e della produzione in serie, è proprio quello di dilazionare queste spese su quanti piu prodotti possibilela produzione in serie permette di produrre in pratica copie dello stesso oggetto... la spesa iniziale è una soltantoloro invece moltiplicano anche questa, assieme all'oggettoun po come "l'industria" della musica che vorrebbe far pagare a pieno per ogni singolo brano, il prezzo di tutti gli investimenti che sono dietro, da questi ragionamenti vengono fuori brani a 99 cent, in pratica il prezzo del brano su cd facendo la media... o puntate in streaming a 1 dollaro e qualcosa che, moltiplicato per tutta la serie, supera addirittura il prezzo del dvd...o piu semplicemente in orologi dal prezzo millenariocapisco la ricerca e la pubblicità, ma se magari investissero meno in pubblicità e piu in qualità, sarebbe quest'ultima la pubblicità migliorequanto alla ricerca... prendo ad esempio la intel o le produttrici di vga, che sfornano un modello al mese, facendo precipitare il numero di modelli venduti e aumentando contemporaneamente i costi di ingegnerizzazionee poi, giusto per fare qualche calcolo folle, visto che mi piace ad ora tarda... prendiamo ancora ad esempio il rolex millenarioa 6000 euro, riportato dall'amico teddyvisto che un clone del suddetto, anch'esso realizzato con materiali pregiati, costa 250 euro, è da supporre che una spesa minima per la realizzazione sia su questa ciframettiamo pure di raddoppiarla per gli introiti netti, siamo a 500 euro, mettiamoci tasse e dazi, e pubblicità, arrivamo a 700-800 euro...rimangono 5200 EUROpossibile che siano tutti di ricerca e sviluppo? un orologio?quanti ne vendono? di certo non 1 o 2, o 100, o 1000, ma qualcosina in piu, non so i dati precisi ma visto che i ricconi sono sempre i soliti, penso che 100 mila (o addirittura 1 milione) non sia una cifra molto distante dalla realtà100 mila * 5200 euro...520 MILIONI di euro... piu o meno 1000 miliardi delle vecchie lire... tutti in ricerca e sviluppo rolex???ma che producono, orologi per la nasa??sicuramente c'è qualche variabile che mi sfugge, perchè una follia del genere se è realmente cosi è un enorme presa per il culoe ciò diventa ancora piu folle per roba di consumo, come ad esempio le scarpe nike, chi di noi non ne ha avute anche solo 1 paio in vita sua?una media di 100 euro a paioin italia siamo una sessantina di milioninel mondo "sviluppato" 2 o 3 miliardimettiamo che 1 su 10 abbia scarpe nike, almeno 1 volta nella sua vita200-300 milioni, 20-30 MILIARDI di euro, su un paio di scarpe... ricerca e sviluppo?potrebbero comprarsi uno stato con questi soldi, e parliamo solo di scarpe...decisamente c'è qualcosa che non va...mi parlano di qualità, e questa raramente c'èmi parlano di garanzie... quali? mi cambiano le scarpe se la suola si scolla dopo 2 km? (è successo)mi parlano di affidabilità... e questa pure scarseggia...perchè mai dovrei scegliere un marchio piuttosto che un altro o piuttosto che sceglierne uno?mi hai detto che è facile copiare quando altri hanno ricercato e sviluppato...mi sa però che in parecchi casi, piu che copiare si punta a migliorare... visto che i "Non di marca" che compo, pur simili nello stile usano: materiali diversi, spesso migliori... "assemblaggio" diverso, spesso piu saldo (cuciture, viti, saldature, dipende dall'oggetto), anche affidabilità diversa, derivante dalle due cose...hai ragione, sfruttano la ricerca e lo sviluppo dei marchi, MA PER EVITARLI!mi scuso per la lunghezza del post e per l'eventuale poca chiarezza di alcuni punti, ma credo di aver detto tutto
  • Anonimo scrive:
    Cina vs Italia
    Da due anni vado spesso in Cina per lavoro e mi permetto delle considerazioni "dal campo".1) Per fare un cementificio di dimensioni assurde in Cina è stato impiegato lo stesso tempo che veder realizzata una rotonda sul ponte di Greco a Milano (spero che almeno la rotonda sia costata di meno...)2) A Pechino stanno facendo una centrale nucleare in periferia (l'energia si produce dove serve) e nessuno ha fiatato. In Italia non si riesce nemmeno a fare un termovalorizzatore: tutti vogliono l'energia ma con centrali lontane da loro.3) I parka Woolrich sono fatti in cina per meno di 20 euro.. che colpa hanno i cinesi se i falsi ricchi italiani li pagano 400 euro e sono pure contenti? (notare che l'etichetta Made in China è in bella vista)4) In cina le università sfornano prevalentemente ingegneri maschi e ben preparati, in italia il tipico laureato è la donna con laurea umanistica e pure fuori corso.Signori, invece che farvi la settimana a Cuba fatevi un giro in Cina. Meno puttane ma scoprirete perchè nel giro di 10 anni ci massacreranno economicamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cina vs Italia
      - Scritto da: Anonimo

      Signori, invece che farvi la settimana a Cuba
      fatevi un giro in Cina. Meno puttane ma
      scoprirete perchè nel giro di 10 anni ci
      massacreranno economicamente.Embè?!E che ce frega?Loro lavorano e producono, noi compriamo a basso prezzo e passiamo il nostro tempo per i caxxi nostri divertendoci.Ti pare male?Devi essere proprio fuori te.Voi mettere 15gg a Cuba che lavorare?Io preferisco ovviamente 15gg a Cuba!Te no so.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cina vs Italia


        Signori, invece che farvi la settimana a Cuba

        fatevi un giro in Cina. Meno puttane ma

        scoprirete perchè nel giro di 10 anni ci

        massacreranno economicamente.
        Loro lavorano e producono, noi compriamo a basso
        prezzo e passiamo il nostro tempo per i caxxiPer comprare devi avere i soldi.Difficile averne se il tuo posto di lavoro è stato "spostato" nello Huangdong.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cina vs Italia
          numero 2 sei proprio un itelligentonenumero 1 ) sulla preparazione degli ingegneri cinesi non so ........ ho qualche dubbio ...solo che non ho mai vedere test che fanno giù da loro .. bho -.-
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia

            numero 1 ) sulla preparazione degli ingegneri
            cinesi non so ........ ho qualche dubbio ...E' incredibile come nel 2005 c'è ancora qualcuno che confonde il termine "occidentale" con "migliore". Guarda che si applicano nello studio esattamente come nel lavoro: ritmi e precisione che noi ci sognamo.Nelle università non si entra per i soldi del papà (in pratica è tutto gratuito) ma per capacità (le selezioni incominciano alle medie) e se non passi gli esami presto e bene sei fuori.Risultato: ogni anno escono centinaia di migliaia di persone motivate e ben preparate che cominceranno a produrre e soprattutto a "pensare".
          • otacu scrive:
            Re: Cina vs Italia

            Risultato: ogni anno escono centinaia di migliaia
            di persone motivate e ben preparate che
            cominceranno a produrre e soprattutto a
            "pensare".Sul produrre siamo tutti d'accordo sul "pensare" molto meno ma penso che sia proprio quello il motivo che hai messo le virgolette... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: otacu


            Risultato: ogni anno escono centinaia di
            migliaia

            di persone motivate e ben preparate che

            cominceranno a produrre e soprattutto a

            "pensare".

            Sul produrre siamo tutti d'accordo sul "pensare"
            molto meno ma penso che sia proprio quello il
            motivo che hai messo le virgolette...
            ;)Visto, che ho appena scritto?Ecco la reazione troglodita degli italiani: "Cinesi colti? Ma daaaaaaaaaiii"
          • otacu scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: otacu




            Risultato: ogni anno escono centinaia di

            migliaia


            di persone motivate e ben preparate che


            cominceranno a produrre e soprattutto a


            "pensare".



            Sul produrre siamo tutti d'accordo sul "pensare"

            molto meno ma penso che sia proprio quello il

            motivo che hai messo le virgolette...

            ;)

            Visto, che ho appena scritto?
            Ecco la reazione troglodita degli italiani:
            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaaaiii"Dipende cosa intendi per colti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: otacu

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: otacu






            Risultato: ogni anno escono centinaia di


            migliaia



            di persone motivate e ben preparate che



            cominceranno a produrre e soprattutto a



            "pensare".





            Sul produrre siamo tutti d'accordo sul
            "pensare"


            molto meno ma penso che sia proprio quello il


            motivo che hai messo le virgolette...


            ;)



            Visto, che ho appena scritto?

            Ecco la reazione troglodita degli italiani:

            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaaaiii"


            Dipende cosa intendi per colti.E' facile, e' italiano, lo hai studiato:"COLTOLat. cu°ltu(m), part. pass. di cole°re 'coltivare'agg.1 istruito, che ha cultura; che denota cultura; erudito, dotto: un uomo molto colto; argomento colto | lingua colta, quella della tradizione letteraria, in contrapposizione alla lingua parlata"
          • otacu scrive:
            Re: Cina vs Italia

            E' facile, e' italiano, lo hai studiato:

            "COLTO
            Lat. cu°ltu(m), part. pass. di cole°re 'coltivare'
            agg.
            1 istruito, che ha cultura; che denota cultura;
            erudito, dotto: un uomo molto colto; argomento
            colto | lingua colta, quella della tradizione
            letteraria, in contrapposizione alla lingua
            parlata"Appunto. Che denota cultura .... mi definisci tu cosa è Cultura e cosa è cultura?
          • Anonimo scrive:
            5 --
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: otacu

            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaaaiii"


            Dipende cosa intendi per colti.Avere cultura credo sia una espressione che ti sia chiarissima, se vuoi la definizione cercatela, visto che il moderatore le odia e le rimuove.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            Saranno colti quei quattro gatti che non stanno in fabbrica quindici ore al giorno !Anche gli italiani non scherzano. Ma la scelta di rimanere CAPRE è loro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo


            numero 1 ) sulla preparazione degli ingegneri

            cinesi non so ........ ho qualche dubbio ...

            E' incredibile come nel 2005 c'è ancora qualcuno
            che confonde il termine "occidentale" con
            "migliore".Praticamente e' un problema del 95% degli italiani, convinti che il sistema scolastico nostrano, cpur con tutte le sue beghe, sia il solo a produrre persone con la cultura. I paesi poveri, quelli in via di sviluppo, quelli ricchi ma senza storia, non contano mai.Degli studenti degli altri paesi molti pensano "non sono mai alla nostra altezza".Lasciali perdere.Anche io conosco come si applicano in Asia nello studio, gente che non ha mai sentito parlare di Manzoni ma che ci fa il culo su molti fronti del sapere.Ma se ne parli in Italia, ti ridono in faccia."Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo




            numero 1 ) sulla preparazione degli ingegneri


            cinesi non so ........ ho qualche dubbio ...



            E' incredibile come nel 2005 c'è ancora qualcuno

            che confonde il termine "occidentale" con

            "migliore".

            Praticamente e' un problema del 95% degli
            italiani, convinti che il sistema scolastico
            nostrano, cpur con tutte le sue beghe, sia il
            solo a produrre persone con la cultura. I paesi
            poveri, quelli in via di sviluppo, quelli ricchi
            ma senza storia, non contano mai.
            Degli studenti degli altri paesi molti pensano
            "non sono mai alla nostra altezza".
            Lasciali perdere.
            Anche io conosco come si applicano in Asia nello
            studio, gente che non ha mai sentito parlare di
            Manzoni ma che ci fa il culo su molti fronti del
            sapere.
            Ma se ne parli in Italia, ti ridono in faccia.
            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".Ma per favore! Sono dei trogloditi.Manco sanno la Storia, la Divina Commedia per loro è roba da bordelli.Saranno anche tecnicamente preparati, ma sono degli emeriti ignorantotti e lontanissimi cuilturalmete mille miglia da noi.Pensano solo al Dio soldo, ...insomma buzzurri sena cuore nè anima.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo

            Ma se ne parli in Italia, ti ridono in faccia.

            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".

            Ma per favore! Sono dei trogloditi.
            Manco sanno la Storia, la Divina Commedia per
            loro è roba da bordelli.
            Saranno anche tecnicamente preparati, ma sono
            degli emeriti ignorantotti e lontanissimi
            cuilturalmete mille miglia da noi.
            Pensano solo al Dio soldo, ...insomma buzzurri
            sena cuore nè anima.Visto? "Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo






            numero 1 ) sulla preparazione degli
            ingegneri



            cinesi non so ........ ho qualche dubbio ...





            E' incredibile come nel 2005 c'è ancora
            qualcuno


            che confonde il termine "occidentale" con


            "migliore".



            Praticamente e' un problema del 95% degli

            italiani, convinti che il sistema scolastico

            nostrano, cpur con tutte le sue beghe, sia il

            solo a produrre persone con la cultura. I paesi

            poveri, quelli in via di sviluppo, quelli ricchi

            ma senza storia, non contano mai.

            Degli studenti degli altri paesi molti pensano

            "non sono mai alla nostra altezza".

            Lasciali perdere.

            Anche io conosco come si applicano in Asia nello

            studio, gente che non ha mai sentito parlare di

            Manzoni ma che ci fa il culo su molti fronti del

            sapere.

            Ma se ne parli in Italia, ti ridono in faccia.

            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".

            Ma per favore! Sono dei trogloditi.
            Manco sanno la StoriaLi hai interrogati?
            la Divina Commedia per
            loro è roba da bordelli.Da noi la loro letteratura e' diventata Dragonball, pensa te.
            Saranno anche tecnicamente preparati, ma sono
            degli emeriti ignorantottiIl nostro professore qui deve averli proprio interrogati uno a uno.
            e lontanissimi
            cuilturalmete mille miglia da noi.Si certo, QUELLI CHE NON STUDIANO.Anche gli italiani che non studiano li senti non poco distanti.
            Pensano solo al Dio soldo, ...Gli Italiani almeno al dio soldo e al dio calcio.
            insomma buzzurri
            sena cuore nè anima.Se sono senz'anima allora li possiamo sterminare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo
            Anche io conosco come si applicano in Asia nello
            studio, gente che non ha mai sentito parlare di
            Manzoni ma che ci fa il culo su molti fronti del
            sapere.
            Ma se ne parli in Italia, ti ridono in faccia.
            "Cinesi colti? Ma daaaaaaaiiii".Beh, saranno dei buoni ingegneri, ma da quando ci stanno i compagni al potere la maggioranza di loro è costituita da beoti allo stato puro. Già solo guardare un documentario sulla Rivoluzione Culturale è da sbellicarsi dal ridere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da: Anonimo
            Risultato: ogni anno escono centinaia di migliaia
            di persone motivate e ben preparate che
            cominceranno a produrre e soprattutto a
            "pensare".Ma quelli che pensavano non li hanno accoppati tuttiin Piazza Tien-Ammen?Pensare è una parola grossa.Ora i Cinesi pensano con metriche diverse dalle nostre. Pensano solo a come accopparci.
          • andrea84cn scrive:
            Re: Cina vs Italia
            - Scritto da:
            numero 2 sei proprio un itelligentone

            numero 1 ) sulla preparazione degli ingegneri
            cinesi non so ........ ho qualche dubbio
            ...

            solo che non ho mai vedere test che fanno giù da
            loro .. bho
            -.-Lo sai che in USA le scoperte scientifiche sono magior parte sviluppati da cinesi e per quelli informatici da Indiani
    • Ekleptical scrive:
      Re: Cina vs Italia

      2) A Pechino stanno facendo una centrale nucleare
      in periferia (l'energia si produce dove serve) e
      nessuno ha fiatato. In Italia non si riesce
      nemmeno a fare un termovalorizzatore: tutti
      vogliono l'energia ma con centrali lontane da
      loro.Sul resto non dubito ma qui, se in generale condivido al 100%, farei notare che nel caso particolare della Cina non è che ci voglia molto: le proteste non sono ammesse, pena: arresti, bastonate e gulag di "rieducazione"!Grazie al ca**o!
      • Anonimo scrive:
        Re: Cina vs Italia
        Eppoi scusa, quanti testi antichi hanno bruciato durante la rivoluzione rossa ?!La MAGNA SUMMA del sapere è il libercolo rosso.c'è tutto lì ... piccolo facile da trasportare, omnicomprensivo di tutto il sapere (rosso) umano.insomma .. hanno il bigino della vita e della cultura :@ rossi? no, grazie ! :| :D :D :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Cina vs Italia
          - Scritto da:
          Eppoi scusa, quanti testi antichi hanno bruciato
          durante la rivoluzione rossa
          ?!
          La MAGNA SUMMA del sapere è il libercolo rosso.
          c'è tutto lì ... piccolo facile da trasportare,
          omnicomprensivo di tutto il sapere (rosso)
          umano.

          insomma .. hanno il bigino della vita e della
          cultura

          :@ rossi? no, grazie ! :|
          :D :D :D
          Ti quoto Ti dico che sono cinese e penso che la rivoluzione culturale è stata la cosa che ha danneggiato la Cina dopo il communismo. Il mondo è paese, in cina Sfornano tanti ingegneri come lo fa in italia. Non vuol Sicuramente in italia le università Italiane sono molto più prestigiose di quelli cinesi. In USA le maggiori scoperte scietifiche lo fanno vengono fatte dai cinesi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cina vs Italia
      - Scritto da: Anonimo

      Da due anni vado spesso in Cina per lavoro e mi
      permetto delle considerazioni "dal campo".

      1) Per fare un cementificio di dimensioni assurde
      in Cina è stato impiegato lo stesso tempo che
      veder realizzata una rotonda sul ponte di Greco a
      Milano (spero che almeno la rotonda sia costata
      di meno...)E' costata di più la rotonda. Inoltre gli opeari morti durante la costruzione del cementificio sono diventati materia prima a loro volta.

      2) A Pechino stanno facendo una centrale nucleare
      in periferia (l'energia si produce dove serve) e
      nessuno ha fiatato. In Italia non si riesce
      nemmeno a fare un termovalorizzatore: tutti
      vogliono l'energia ma con centrali lontane da
      loro.Tanto se scoppia la centrale ammazza solo una piccola percentuale degli abitanti di Pechino.
      4) In cina le università sfornano
      prevalentemente ingegneri maschi e ben preparati,
      in italia il tipico laureato è la donna con
      laurea umanistica e pure fuori corso.Vero.
      Signori, invece che farvi la settimana a Cuba
      fatevi un giro in Cina. Meno puttane ma
      scoprirete perchè nel giro di 10 anni ci
      massacreranno economicamente.Io confido sempre nella Sars o qualche altro virus...
  • Anonimo scrive:
    Portale Alibaba?
    Scusate, ma se uno va a comprare sun un sito che si chiama Alibaba allora se le cerca!
  • Anonimo scrive:
    X redazione
    cosa significa esattamente:"Le differenze tra i due chip, grazie ad un accortissimo processo di sofisticazione software, vengono portate ad un livello difficilmente percettibile dai meno esperti" stiamo parlando di prestazioni? cioe' fanno andare dei Celeron a 1,7GHz quasi come dei Pentium 4 da 3,6GhZ ?
    • bowlingbpsl scrive:
      Re: X redazione
      Me lo stavo chiedendo anch'io. Nessuno che abbia ipotizzato niente, solo flames.OK, ipotizzo io: driver che taroccano le info del processore, che imbrogliano i programmi di benchmark.L'utente medio come fa ad accorgersene? Vedendo che il reauthoring del DVD ci mette il doppio? Qualcuno gli dira' che windoze e' un cesso (e via di flame), qualcun altro che forse ha appesantito troppo il sistema, qualcuno gli consigliera' di mettere un giga di ram... ma per capire che ha un processore tarocco, ci vorrebbe la sfera di cristallo.Ipotesi mia basata su buonsenso. Sarebbe bello che, invece, avessero overcloccato il celeron, ridotto i colli di bottiglia e cosi' via. Ma credo piu' alla truffa.
  • Anonimo scrive:
    La differenza...
    ...fra Celeron e P4, in termini di prestazioni, evidentemente non è così marcata come vorrebbe sottolineare Intel (che non per niente aveva cambiato un po' di tempo fa la scala per la definizione delle prestazioni).Per esperienza personale, il mio celeron 1.2 non è poi così tanto più veloce dell'altro mio P4 2.4 (che infatti ho venduto, potendoci ricavare di più dal secondo che dal primo).Sono l'unico che non vede più gli abissi prestazionali fra un procio e l'altro che caratterizzavano gli anni dei 286/386/486/pentium, anche con differenze di solo qualche MHz nella stessa categoria? Niente Troll plz.
    • Anonimo scrive:
      Re: La differenza...
      Sono sempre quello che ha aperto il thread. Ho scordato di precisare che intendo la differenza fra le "prestazioni percepite", non quelle ottenute dai benchmark (che naturalmente, essendo numeri, sono incontestabili).
    • Anonimo scrive:
      Re: La differenza...
      - Scritto da: Anonimo
      ...fra Celeron e P4, in termini di prestazioni,
      evidentemente non è così marcata come vorrebbe
      sottolineare Intel (che non per niente aveva
      cambiato un po' di tempo fa la scala per la
      definizione delle prestazioni).

      Per esperienza personale, il mio celeron 1.2 non
      è poi così tanto più veloce dell'altro mio P4 2.4
      (che infatti ho venduto, potendoci ricavare di
      più dal secondo che dal primo).
      Sono l'unico che non vede più gli abissi
      prestazionali fra un procio e l'altro che
      caratterizzavano gli anni dei
      286/386/486/pentium, anche con differenze di solo
      qualche MHz nella stessa categoria?

      Niente Troll plz.Certo. Se scrivi una lettera non vedi la differenza, ma prova a fare della grafica spinta e vedi come il Celeron si "siede"!!! :(
      • AnyFile scrive:
        Re: La differenza...
        Sarebe interessante ampliare questo thread.Cioe' vi sono delle classi di utilizzo in cui e' poco utile utilizzare processori piu' evoluti?Dove si colloca esattamente (o all'incirca) la linea di demarcazione?
        • Ekleptical scrive:
          Re: La differenza...

          Dove si colloca esattamente (o all'incirca) la
          linea di demarcazione?Se devi usare Internet, scrivere qualche letterina col Word e togliere gli occhi rossi con le foto, ti va bene anche un vecchio PC.Se invece devi fare grafica, musica, video, o lavori in Excel pesanti, ti assicuro che la differenza fra CPU è assolutamente palese!
    • otacu scrive:
      Re: La differenza...
      - Scritto da: Anonimo
      ...fra Celeron e P4, in termini di prestazioni,
      evidentemente non è così marcata come vorrebbe
      sottolineare Intel (che non per niente aveva
      cambiato un po' di tempo fa la scala per la
      definizione delle prestazioni).

      Per esperienza personale, il mio celeron 1.2 non
      è poi così tanto più veloce dell'altro mio P4 2.4
      (che infatti ho venduto, potendoci ricavare di
      più dal secondo che dal primo).
      Sono l'unico che non vede più gli abissi
      prestazionali fra un procio e l'altro che
      caratterizzavano gli anni dei
      286/386/486/pentium, anche con differenze di solo
      qualche MHz nella stessa categoria?

      Niente Troll plz.Ovvio che dipende da che software utilizzi! Non è che hai detto molto nel tuo post ma ti assicuro che la differenza si sente con software pretenziosi!Buon per te se il celeron ti va a pennello. Hai fatto bene perchè hai capito le tue esigenze e hai speso il giusto ma molti hanno bisogno di qualcosa in più.
    • Anonimo scrive:
      Re: La differenza...
      - Scritto da: Anonimo
      Sono l'unico che non vede più gli abissi
      prestazionali fra un procio e l'altro che
      caratterizzavano gli anni dei
      286/386/486/pentium, anche con differenze di solo
      qualche MHz nella stessa categoria? Certo, sino a quando ci stanno i Chipset del C...oprodotti dai soli fabbricanti Cinesi che hanno una larghezza di banda sulla memoria di 100 Mega non ti accorgerai mai della differenza fra un P3 a 500 Mhz ed un P4 a 4 Ghz.
  • Anonimo scrive:
    Sono contento...
    ... loro sono di più ed è giusto che dominino il mondo intero. Basta con questo occidentalismo e questa destra.Magari fosse così anche l'italia dove lo stato è proprietario e padrone.... almeno la smettevano di fare i comodacci loro. Qui le fabbriche chiudono e li aprono sapete perchè? Perchè hanno una mentalità migliore della nostra, non c'è niente da fare... tra 10 anni le nostre città saranno poverissime e noi saremo costretti ad accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è giusto così.Troppa libertà fa male.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono contento...
      - Scritto da: Anonimo
      ... loro sono di più ed è giusto che dominino il
      mondo intero. Basta con questo occidentalismo e
      questa destra.
      Magari fosse così anche l'italia dove lo stato è
      proprietario e padrone.... almeno la smettevano
      di fare i comodacci loro. Qui le fabbriche
      chiudono e li aprono sapete perchè? Perchè hanno
      una mentalità migliore della nostra, non c'è
      niente da fare... tra 10 anni le nostre città
      saranno poverissime e noi saremo costretti ad
      accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è
      giusto così.
      Troppa libertà fa male. Ti dò 6- per l'impegno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono contento...
      - Scritto da: Anonimo
      ... loro sono di più ed è giusto che dominino il
      mondo intero. Basta con questo occidentalismo e
      questa destra.
      Magari fosse così anche l'italia dove lo stato è
      proprietario e padrone.... almeno la smettevano
      di fare i comodacci loro. Qui le fabbriche
      chiudono e li aprono sapete perchè? Perchè hanno
      una mentalità migliore della nostra, non c'è
      niente da fare... tra 10 anni le nostre città
      saranno poverissime e noi saremo costretti ad
      accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è
      giusto così.
      Troppa libertà fa male.Ti do un consiglio, perchè non vai a lavorare in Cina nelle fabbriche lager ? Magari capisci cosa significa lavorare...PS.: la tua mentalità da colletivista è vecchia quasi di un secolo :D Aggiornati
    • AnyFile scrive:
      Re: Sono contento...
      - Scritto da: Anonimo



      tra 10 anni le nostre città

      saranno poverissime e noi saremo costretti ad

      accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è

      giusto così.

      Piano con le previsioni, ti vogliamo alla prova
      dei fatti fa 10 anni.
      Perche' forse questo non e' quello che gia' accade da molti anni (piu' di 10) in molte zone d'Italia?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono contento...
        - Scritto da: AnyFile

        - Scritto da: Anonimo






        tra 10 anni le nostre città


        saranno poverissime e noi saremo costretti ad


        accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è


        giusto così.



        Piano con le previsioni, ti vogliamo alla prova

        dei fatti fa 10 anni.



        Perche' forse questo non e' quello che gia'
        accade da molti anni (piu' di 10) in molte zone
        d'Italia?E certo. Ma e' sempre accaduto, vale poco come previsione.Ma lui evidentemente intende una situazione peggiore di questa.Staremo a vedere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono contento...
      - Scritto da: Anonimo
      ... loro sono di più ed è giusto che dominino il
      mondo intero. Basta con questo occidentalismo e
      questa destra.
      Magari fosse così anche l'italia dove lo stato è
      proprietario e padrone.... almeno la smettevano
      di fare i comodacci loro. Qui le fabbriche
      chiudono e li aprono sapete perchè? Perchè hanno
      una mentalità migliore della nostra, non c'è
      niente da fare... tra 10 anni le nostre città
      saranno poverissime e noi saremo costretti ad
      accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è
      giusto così.
      Troppa libertà fa male.voto: 10 .... all'inutilità, alla superficialità, all'arroganza e all'ignoranza di questo commento.. complimenti... :(
      • Ubu re scrive:
        Re: Sono contento...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ... loro sono di più ed è giusto che dominino il

        mondo intero. Basta con questo occidentalismo e

        questa destra.

        Magari fosse così anche l'italia dove lo stato è

        proprietario e padrone.... almeno la smettevano

        di fare i comodacci loro. Qui le fabbriche

        chiudono e li aprono sapete perchè? Perchè hanno

        una mentalità migliore della nostra, non c'è

        niente da fare... tra 10 anni le nostre città

        saranno poverissime e noi saremo costretti ad

        accettare il lavoro che lo stato ci offre ed è

        giusto così.

        Troppa libertà fa male.Come non dargli ragione, solo non capisco perche' si ostini a voler impiegare la liberta' di parola se non ne e' d'accordo.
        voto: 10 .... all'inutilità, alla superficialità,
        all'arroganza e all'ignoranza di questo
        commento.. complimenti... :(Magari ce ne fossero di piu', questi benpensanti con la mentalita' migliore sono la fortuna di tutte le ideologie, pensa che per evitare di correre il rischio che tra 10 anni si debba dover accettare un lavoro malpagato e disumano, dovremmo farlo ora. In pratica come in Cina! Capito che genio.Farei una ditta di solo gente cosi', mal pagata, 14 ore al giorno, anche i bambini (in modo da non separarli dalla famiglia), e tutti felici e contenti! E se mi gira, giu' botte.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono contento...
      Se vuoi fare lo schiavo, puoi farlo anche qui ... ci sono campi pieni di rumeni dalle mie parti
  • Anonimo scrive:
    Re: intel su tutte le furie!

    un rolex, costa svariate migliaia di euro... lo
    stesso orologio (non parlo di quelli placcati e
    gemmati, si intende, parlo di design) sulla
    bancarella lo trovi a 25 euroBe, sono daccordo sul resto ma gli orologi sulle bancarelle di solito si fermano dopo aver girato l'angolo o la sera stessa... sono delle gran sole... piuttosto meglio un casio o altra marca economica che senza copiare niente da un prodotto che fa le stesse cose, anzi, magari ha più funzioni. Altrimenti se è solo per il design, be, tanto vale considerare quegli orologi tarocchi come dei braccialetti...
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: intel su tutte le furie!
      - Scritto da: Anonimo

      un rolex, costa svariate migliaia di euro... lo

      stesso orologio (non parlo di quelli placcati e

      gemmati, si intende, parlo di design) sulla

      bancarella lo trovi a 25 euro
      Be, sono daccordo sul resto ma gli orologi sulle
      bancarelle di solito si fermano dopo aver girato
      l'angolo o la sera stessa... sono delle gran
      sole... piuttosto meglio un casio o altra marca
      economica che senza copiare niente da un prodotto
      che fa le stesse cose, anzi, magari ha più
      funzioni. Altrimenti se è solo per il design, be,
      tanto vale considerare quegli orologi tarocchi
      come dei braccialetti...In Italia forse si, ma gli orologi "made in Paraguay" che trovo sulle bancarelle dei "centri commerciali tarocco" di qui (e che con buona probabilità sono di origine cinese) sono tranquillamente equiparabili per qualità ai prodotti reperibili nei negozi "regolari" (non nel senso che fanno tutti schifo, eh?... ;))
      • Anonimo scrive:
        Re: intel su tutte le furie!

        In Italia forse si, ma gli orologi "made in
        Paraguay" che trovo sulle bancarelle dei "centri
        commerciali tarocco" di qui (e che con buona
        probabilità sono di origine cinese) sono
        tranquillamente equiparabili per qualità ai
        prodotti reperibili nei negozi "regolari" (non
        nel senso che fanno tutti schifo, eh?... ;))Quelli cinesi, almeno, venduti da ambulanti cinesi qui in Italia, mediamente fanno schifo nel senso che durano più o meno come il latte fresco, hut se proprio sei molto fortunato... con quel MTBF ti conviene di gran lunga comprare un rolex vero che ti dura decenni!Si vede che saranno gli scarti di quelli tarocchi venduti in Paraguay...Meglio un bel casio da 20 euro con il decuplo delle funzioni, o anche, aggratis, gli orologi-omaggio al quarzo con semplice schermo digitale che fanno diversi anni senza perdere un secondo, prima che la plastica che li riveste si disintegri (e poi dicono che non è biodegradabile...).Se invece l'orologio non serve per vedere l'ora (oggi ci sono orologi ultraprecisi ed aggiornati via radio o via internet ovunque ed in ogni prodotto) tanto vale un bel braccialetto così si evitano noie tecniche di qualsiasi genere.
      • teddybear scrive:
        Re: intel su tutte le furie!
        - Scritto da: Santos-Dumont
        In Italia forse si, ma gli orologi "made in
        Paraguay" che trovo sulle bancarelle dei "centri
        commerciali tarocco" di qui (e che con buona
        probabilità sono di origine cinese) sono
        tranquillamente equiparabili per qualità ai
        prodotti reperibili nei negozi "regolari" (non
        nel senso che fanno tutti schifo, eh?... ;))Certo, ma se esistono i famosi "Replica" di cui sono possessore (non perchè voglio fare il figo di avere un rolex, ma perchè quel modello in particolare mi piaceva, ma certo non da spendere 6000 euro), e funzionano benissimo, sono fatti con gli stessi materiali (oro, argento, acciaio, titanio, ecc) e non danno mai problemi...Mi spieghi perchè un orologio da 6000 euro vale 6000 euro ed un orologio praticamente uguale da 250 ne fa le stesse funzioni ed ha la stessa estetica e materiali?Non capisco... ci sono 5750 euro di differenza. Capisco pagare il nome (perchè poi?), capisco pagare il designer (in fondo però anche i replica sono opera di design, visto che un disegnatore li ha dovuti copiare e reinventare), ma sinceramente mi pare che pagare un prodotto il 2400% in più mi pare assurdo. O no? Potrei capire (non giustificare) se l'originale costa 1000 e la replica 250 ... anche se il divario è altissimo... vabbè.
        • Dark-Angel scrive:
          Re: intel su tutte le furie!
          - Scritto da: teddybear
          Certo, ma se esistono i famosi "Replica" di cui
          sono possessore (non perchè voglio fare il figo
          di avere un rolex, ma perchè quel modello in
          particolare mi piaceva, ma certo non da spendere
          6000 euro)
          Mi spieghi perchè un orologio da 6000 euro vale
          6000 euro ed un orologio praticamente uguale da
          250 ne fa le stesse funzioni ed ha la stessa
          estetica e materiali?hai centrato pienamente il punto, in questi due pezzi che ho quotato1) se di un oggetto mi piace l'estetica, o anche solo qualche funzione, o che ne so, il materiale, perchè sono obbligato a pagare un nome se il nome a me non interessa?se vedo una cosa che mi piace, falsa, ma a 10 euro, perchè spenderne 100 per averla cosiddetta "originale"?2) perchè questo divario enorme tra i prezzi? d'accordo la manodopera a bassissimo costo, d'accordo le tasse e i dazi, ma possibile che, come riportato da teddy, due orologi simili nel design, materiali e funzioni, differenti solo nel "nome" costino in una proporzione cosi sballata???come per le scarpe del resto... quelle da ginnastica "nike style" si sprecano, ma materiali, stile (appunto) e caratteristiche sono pressochè le stesse, se non migliori... ma se c'è quella "virgola" costano 10 volte di piu!!!tant'è che una volta per sfizio mostrai un paio di scarpe che avevo ad un mio amico sempre "griffato", gli chiesi secondo lui quanto valevano...le guardò attentamente, le volle anche provare, poi sparò un prezzo: 20 euro...gli chiesi: se erano nike?lui rispose: "boh, penso sui 150..." ricordo ancora le paroleandai a prendere una cosa dal cassetto: le griffe nike che erano cucite su quelle scarpe, e che avevo rimosso (una si era staccata da se... l'altra la tolsi per fare il paio)"sti due pezzi di plastica costano 130 euro secondo te?" gli dissi...evito se posso di comprare roba griffata... sempre... a meno che non ne abbia avuta una diretta e comprovata esperienza positiva (come le marche sconosciute che compro, o quelle dell'elettronica con cui ho a che fare, come asus, amd, intel, nvidia, etc...)
          • teddybear scrive:
            Re: intel su tutte le furie!
            - Scritto da: Dark-Angel
            se vedo una cosa che mi piace, falsa, ma a 10
            euro, perchè spenderne 100 per averla cosiddetta
            "originale"?Se non c'è un "furto" o duplicazione abusiva, quella da 10 vale come quella da 100. È lo stesso discorso che con i cd. Se compro il cd di ramazzotti (non l'ho comprato, è un esempio) negli states e lo pago 13 dollari, mentre se lo compro in italia lo pago 22 euro, deve esserci qualcosa che non va. E quello da 13 euro (credo, almeno era così per quello di giorgia che comprai sempre negli states), ha la scritta "printed in italy". Quello comprato in italia deve avere la scritta "printed on the moon" per giustificare il prezzo.Tredici dollari sono anche un prezzo accettabile per un best seller o una novità. Ventidue sono un furto ingiustificabile. Che rendono tristemente comprensibile il fenomeno della pirateria domestica (non quella dei grossi volumi).
            2) perchè questo divario enorme tra i prezzi?
            d'accordo la manodopera a bassissimo costo,I "replica" non sono fatti in cina o a taiwan, ma sono made in USA o made in germany. Il mio è un made in USA. Non mi pare che li la manodopera costa così tanto meno che qua.
            d'accordo le tasse e i dazi, ma possibile che,
            come riportato da teddy, due orologi simili nel
            design, materiali e funzioni, differenti solo
            nel "nome" costino in una proporzione cosi
            sballata???Conosco appassionati di orologi che comprano i "replica" perchè in tal modo riescono a cambiare ogni giorno della settimana orologio, o accompagnarlo con il vestito, facendo sempre la stessa figura da "figo" che con un unico orologio di marca. Quindi sia che sei una persona "seria" che vuole pagare il giusto, sia che sei uno "sborone" che si vuole far vedere, il prodotto di qualità a basso costo vale di più. Ti da un valore aggiuntivo superiore.
            come per le scarpe del resto... quelle da
            ginnastica "nike style" si sprecano, ma
            materiali, stile (appunto) e caratteristiche sono
            pressochè le stesse, se non migliori... ma se c'è
            quella "virgola" costano 10 volte di piu!!!Io ormai compro solo scarpe di marca "lumberjack". Si, sono prodotti di marca. Ma costano "poco". Con 60 euro compro qualsiasi paio, e mi durano almeno due anni. Contrariamente a molti modelli griffati "nike-style" che costano tre volte tanto e ti durano la metà.
            evito se posso di comprare roba griffata...
            sempre... a meno che non ne abbia avuta una
            diretta e comprovata esperienza positiva (come le
            marche sconosciute che compro, o quelle
            dell'elettronica con cui ho a che fare, come
            asus, amd, intel, nvidia, etc...)Sinceramente delle marche che hai citato (forse intel esclusa) hanno sempre prezzi paragonati alla concorrenza senza marca. Non mi pare che una ASUS la paghi il triplo di una sottomarca con le stesse caratteristiche (sempre che, in molti casi, ce ne sia una)
  • Anonimo scrive:
    Re: intel su tutte le furie!

    Quoto tutto, e aggiungo un dettaglio...
    Anche su quei prodotti che definisci non di
    marca, dev'esserci un ricarico non indifferente
    in Italia (e presumibilmente in Europa).
    Altrimenti non si spiega come io posso comprare
    qui in Brasile dei jeans di ottima qualità per
    mia moglie, ultima moda e senza marca, per 50-60
    R$ che corrispondono a 20-25 €.Quoto anch'io, aggiungendo una cosa: c'e' una legge, praticamente in tutti gli Stati (mi sto riferendo alla Cina), che obbliga un'azienda ad immettere i proprio prodotti nel mercato nazionale.In pratica, non puoi destinare TUTTO all'esportazione.Se quindi una certa societa' produce le scarpe da ginnastica in Cina, e' evidente che parte di quanto prodotto verra' immesso sul mercato locale. A prezzi cinesi.Non e' difficile quindi trovare in Cina le piu' famose marche e, nonostante tutti dicono siano taroccate, non ci vuole molto ad accorgersi che non e' sempre cosi'....ciao ciao
  • Anonimo scrive:
    gli utnti se ne accorgono?
    Chissa' quanti utenti home si accorgerebbero che il loro pentium 4 e' in realta un celeron taroccato. La mia e' una provocazione ovviamente che non vuole giustificare nessuno, pero' il dubbio mi viene lo stesso :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: gli utnti se ne accorgono?
      probabilmente in pochissimi, anzi, si vanteranno coi loro amici di aver comprato su ebay un P4 EE a soli 199 euro
  • Kudos scrive:
    Riflessione
    ok la cina ruba, ok la cina usurpa, ok la cina imita....ma non mi dispiacerebbe affatto se la cina imparasse a farne di veri, e facesse concorrenza a intel e AMD....in quel caso, anche volendo dare credito all'ipotesi catastofista del palladium, la cina salverebbe il culo a molti...
    • again scrive:
      Re: Riflessione
      Ciao Kudos, non diamo per scontato che i Cinesi siano buoni perchp sono Cinesi, lo sai che ogni ditta (straniera e non) che ha una sede in cina deve ospitare un server (pagato dalla ditta) che serve ad avere una copia di tutte le transazioni commerciali e comunicazioni fatte all'interno di questa ditta?Quando l'ho saputo sono rimasto stupito,ma daltronde ci si tira giù le braghe per fare affari in cina (e perdonami, per sfruttare la povera manodopera di la, che manco hanno una idea di quello che sono i sindacati, nella republica popolare cinese).Inoltre, sono passate diverse notizie negli ultimi tempi dei controlli imposti dalla cina ai telefoni cellulari e alle varie forme di comunciazione su internet.Diciamo che gli americano lo fanno zitti zitti, con degli strumenti da paura, al "governo" cinese non gle ne frega niente di farlo in segreto, lo fà e basta (anche per la famosa questione dei pantaloni calati di sopra).Insomma, non sò se poi i cinesi ci salveranno da palladium, magari ci proporranno il loro palladium. Manon li considerei dei grandi paladini delle libertà digitali,Antonio
      • Kudos scrive:
        Re: Riflessione
        - Scritto da: again
        Ciao Kudos,

        non diamo per scontato che i Cinesi siano buoni
        perchp sono Cinesi, lo sai che ogni ditta
        (straniera e non) che ha una sede in cina deve
        ospitare un server (pagato dalla ditta) che serve
        ad avere una copia di tutte le transazioni
        commerciali e comunicazioni fatte all'interno di
        questa ditta?

        Quando l'ho saputo sono rimasto stupito,ma
        daltronde ci si tira giù le braghe per fare
        affari in cina (e perdonami, per sfruttare la
        povera manodopera di la, che manco hanno una idea
        di quello che sono i sindacati, nella republica
        popolare cinese).

        Inoltre, sono passate diverse notizie negli
        ultimi tempi dei controlli imposti dalla cina ai
        telefoni cellulari e alle varie forme di
        comunciazione su internet.

        Diciamo che gli americano lo fanno zitti zitti,
        con degli strumenti da paura, al "governo" cinese
        non gle ne frega niente di farlo in segreto, lo
        fà e basta (anche per la famosa questione dei
        pantaloni calati di sopra).

        Insomma, non sò se poi i cinesi ci salveranno da
        palladium, magari ci proporranno il loro
        palladium. Manon li considerei dei grandi
        paladini delle libertà digitali,


        AntonioCapisco il tuo punto di vista, certamente loro non lo faranno per spirito di libertà, ma daltronde non credo che la Repubblica popolare cinese abbia molti adpti in occidente, stai pur certo che ad un certo punto qualcuno li fermerà o li ostacolerà. nel frattempo, non potendo certamente immischiarci nella loro situazione sindacale, o soffrendo della loro supremazia esportativa, mi permetto di sperare almeno che rendano, involontariamente, questo servizio al mondo dell'informatica...
        • Anonimo scrive:
          Re: Riflessione

          Capisco il tuo punto di vista, certamente loro
          non lo faranno per spirito di libertà, ma
          daltronde non credo che la Repubblica popolare
          cinese abbia molti adpti in occidente, stai pur
          certo che ad un certo punto qualcuno li fermerà o
          li ostacolerà. direi che è un dovere
          Nel frattempo, non potendo
          certamente immischiarci nella loro situazione
          sindacale, o soffrendo della loro supremazia
          esportativa, mi permetto di sperare almeno che
          rendano, involontariamente, questo servizio al
          mondo dell'informatica...quale servizio? sono la morte di qualsiasi attività commerciale occidentale, a loro confronto i terroristi sono solo un "fastidio".....
      • AnyFile scrive:
        Re: Riflessione
        - Scritto da: again
        non diamo per scontato che i Cinesi siano buoni
        perchp sono Cinesi, lo sai che ogni ditta
        (straniera e non) che ha una sede in cina deve
        ospitare un server (pagato dalla ditta) che serve
        ad avere una copia di tutte le transazioni
        commerciali e comunicazioni fatte all'interno di
        questa ditta?Perche' forse in Italia non sei obbligato a tenere tutte le fatture e tutte le bolle? Forse non puo' succedere che da un momento all'altro si presenti una persona delle forze armate (precisamente della guardia di finanza, ma sempre delle forze armate e', con tanto di pistola) e pretendere di entrare non solo nel tuo ufficio, ma anche in casa tua, senza mandato e non perche' hai commesso un reato, ma giusto cosi' per controllare se per caso lo hai fatto?
        • again scrive:
          Re: Riflessione
          - Scritto da: AnyFile

          - Scritto da: again


          non diamo per scontato che i Cinesi siano buoni

          perchp sono Cinesi, lo sai che ogni ditta

          (straniera e non) che ha una sede in cina deve

          ospitare un server (pagato dalla ditta) che
          serve

          ad avere una copia di tutte le transazioni

          commerciali e comunicazioni fatte all'interno di

          questa ditta?

          Perche' forse in Italia non sei obbligato a
          tenere tutte le fatture e tutte le bolle? Forse
          non puo' succedere che da un momento all'altro si
          presenti una persona delle forze armate
          (precisamente della guardia di finanza, ma sempre
          delle forze armate e', con tanto di pistola) e
          pretendere di entrare non solo nel tuo ufficio,
          ma anche in casa tua, senza mandato e non perche'
          hai commesso un reato, ma giusto cosi' per
          controllare se per caso lo hai fatto?Direi che sei obbligato a tenere le bolle per un certo tempo e i dati finanziari, in qualsiasi parte del mondo, e la cina fà la stessa cosa. Quello che mi stupisce è che esiste un sistema centralizzato così efficiente che manco gli stati uniti ce l'hanno.Quindi, per ritornare alla mia risposta, la cina usa eccome, strumenti informatici per il controllo di alcuni aspetti della vita quotidiana.Mica ho detto che bisogna evadere il fisco in cina :-)CiaoAntonio
          • AnyFile scrive:
            Re: Riflessione
            - Scritto da: again

            Direi che sei obbligato a tenere le bolle per un
            certo tempo e i dati finanziari, in qualsiasi
            parte del mondo, e la cina fà la stessa cosa.
            Quello che mi stupisce è che esiste un sistema
            centralizzato così efficiente che manco gli stati
            uniti ce l'hanno.
            Quindi, per ritornare alla mia risposta, la cina
            usa eccome, strumenti informatici per il
            controllo di alcuni aspetti della vita
            quotidiana.
            continuo a non capire la differenza con l'Italia. Ovvimanente la differenza c'e', ma non e' che in Italia non ci sia nulla
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Riflessione
      - Scritto da: Kudos
      ok la cina ruba, ok la cina usurpa, ok la cina
      imita....


      ma non mi dispiacerebbe affatto se la cina
      imparasse a farne di veri, e facesse concorrenza
      a intel e AMD....


      in quel caso, anche volendo dare credito
      all'ipotesi catastofista del palladium, la cina
      salverebbe il culo a molti...Non nascondo che anch'io ci spero discretamente, e sapendo che il governo brasiliano e quello cinese stanno stringendo sempre più i rapporti commerciali, un giorno non troppo lontano vedremo processori a bassissimo costo prodotti nella zona industriale di Manaus invadere il mercato sudamericano e non solo.PC a 100 $ equipaggiati con "processore amazzonico". :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Riflessione
        - Scritto da: Santos-Dumont

        - Scritto da: Kudos

        ok la cina ruba, ok la cina usurpa, ok la cina

        imita....





        ma non mi dispiacerebbe affatto se la cina

        imparasse a farne di veri, e facesse concorrenza

        a intel e AMD....





        in quel caso, anche volendo dare credito

        all'ipotesi catastofista del palladium, la cina

        salverebbe il culo a molti...

        Non nascondo che anch'io ci spero discretamente,
        e sapendo che il governo brasiliano e quello
        cinese stanno stringendo sempre più i rapporti
        commerciali, un giorno non troppo lontano vedremo
        processori a bassissimo costo prodotti nella zona
        industriale di Manaus invadere il mercato
        sudamericano e non solo.
        PC a 100 $ equipaggiati con "processore
        amazzonico". :)Magari con batterie a Celle di Caipirinha...Torna a sognare, và!
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: Riflessione
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Santos-Dumont



          - Scritto da: Kudos


          ok la cina ruba, ok la cina usurpa, ok la cina


          imita....








          ma non mi dispiacerebbe affatto se la cina


          imparasse a farne di veri, e facesse
          concorrenza


          a intel e AMD....








          in quel caso, anche volendo dare credito


          all'ipotesi catastofista del palladium, la
          cina


          salverebbe il culo a molti...



          Non nascondo che anch'io ci spero discretamente,

          e sapendo che il governo brasiliano e quello

          cinese stanno stringendo sempre più i rapporti

          commerciali, un giorno non troppo lontano
          vedremo

          processori a bassissimo costo prodotti nella
          zona

          industriale di Manaus invadere il mercato

          sudamericano e non solo.

          PC a 100 $ equipaggiati con "processore

          amazzonico". :)
          Magari con batterie a Celle di Caipirinha...
          Torna a sognare, và!Dimostri la tua ignoranza, in senso letterale.Il polo industriale amazzonico c'è già, o credi come qualche mio ex-collega di lavoro che qui si vada ancora tutti a cavallo?Tutta l'elettronica nazionale viene da lí, i PC già li fanno; esiste una marca di PC Amazon a prezzo ridotto equipaggiati con Linux, li trovi nelle catene di supermercati (per non fare nomi: Carrefour).Ora posso godermi la caipirinha alla faccia tua e dei detrattori. Felicidade! (cylon) (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Riflessione

            Dimostri la tua ignoranza, in senso letterale.
            Il polo industriale amazzonico c'è già, o credi
            come qualche mio ex-collega di lavoro che qui si
            vada ancora tutti a cavallo?
            Tutta l'elettronica nazionale viene da lí, i PC
            già li fanno; esiste una marca di PC Amazon a
            prezzo ridotto equipaggiati con Linux, li trovi
            nelle catene di supermercati (per non fare nomi:
            Carrefour).
            Ora posso godermi la caipirinha alla faccia tua e
            dei detrattori. Felicidade! (cylon) (rotfl)Anche il Brasile esporta roba taroccata mi risulta. Per la precisione donne :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Riflessione
            No i loro erano gli originali taroccati.Poi noi ci abbiamo messo del nostro e abbiamo creato le copie casalinghe...perchè Patrizia era Italiana mica Brasiliana......
          • Anonimo scrive:
            Re: Riflessione
            - Scritto da: Anonimo
            No i loro erano gli originali taroccati.
            Poi noi ci abbiamo messo del nostro e abbiamo
            creato le copie casalinghe...perchè Patrizia era
            Italiana mica Brasiliana......E si vede! Mi chiedo che razza di problemi agli occhi deve avere Lapo, poveraccio, gli avrà fottuto dei vasi sanguigni della retina l'effetto vasocostrittore della bonza?Oppure chi gli ha presentato "Patrizia" gliel'ha spacciato/a per un'antichità egizia?
  • again scrive:
    I cinesi copiano propio tutto
    Ma valà che lo facevano 5 anni fà a napoli, quando c'erano i celeron quelli enormi, liprendevano, li taroccavano con il saladatore, gli alzavano il clock e li mettevano sul mercato, I cinesi mica inventano niente daltronde Antonio
    • Anonimo scrive:
      Re: I cinesi copiano propio tutto
      - Scritto da: again
      Ma valà che lo facevano 5 anni fà a napoli,
      quando c'erano i celeron quelli enormi,
      liprendevano, li taroccavano con il saladatore,
      gli alzavano il clock e li mettevano sul mercato,


      I cinesi mica inventano niente daltronde

      Antonioah, un fremito di orgoglio italiano! :p
    • Anonimo scrive:
      Re: I cinesi copiano propio tutto
      - Scritto da: again
      Ma valà che lo facevano 5 anni fà a napoli,
      quando c'erano i celeron quelli enormi,
      liprendevano, li taroccavano con il saladatore,
      gli alzavano il clock e li mettevano sul mercato,Ne sembri quasi fiero.
      I cinesi mica inventano niente daltronde Vuoi dire che i cinesi non ci battono in disonesta'?Sei gentile verso i cinesi.
      • Anonimo scrive:
        Re: I cinesi copiano propio tutto
        Si... io ne sono orgoglioso!La ditta Napoletana si chiama Genesys, e modificava i processori intel celeron slot 1, quelli a 300 che se mettevi in corto alcuni pin andavano a 500.Codesta ditta, rimuoveva la Cache aumentandola.Hanno vinto anche la causa con intel, all'epoca il giudice obbligo di far aggiornare il bios a tutti i loro clienti, in modo da mostrare nel pc Genesys e il modello della cpu.La cpu di cui parlo si chiama GENESYS B52 450, io sono in possesso di tale cpu. è (era) una bestia! La parte plastica è di colore bianco.Cmq, anche le riviste parlavano di tale cpu..se volete una foto?... quasta chiedere.. ciaoW L'ITALIA
        • otacu scrive:
          Re: I cinesi copiano propio tutto
          Sì ma lo dicevano che era roba modificata non originale?- Scritto da: Anonimo
          Si... io ne sono orgoglioso!

          La ditta Napoletana si chiama Genesys, e
          modificava i processori intel celeron slot 1,
          quelli a 300 che se mettevi in corto alcuni pin
          andavano a 500.

          Codesta ditta, rimuoveva la Cache aumentandola.

          Hanno vinto anche la causa con intel, all'epoca
          il giudice obbligo di far aggiornare il bios a
          tutti i loro clienti, in modo da mostrare nel pc
          Genesys e il modello della cpu.

          La cpu di cui parlo si chiama GENESYS B52 450, io
          sono in possesso di tale cpu. è (era) una
          bestia! La parte plastica è di colore bianco.

          Cmq, anche le riviste parlavano di tale cpu..

          se volete una foto?... quasta chiedere.. ciao

          W L'ITALIA
          • Anonimo scrive:
            Re: I cinesi copiano propio tutto
            - Scritto da: otacu
            Sì ma lo dicevano che era roba modificata non
            originale?

            si!! si!!Su loro sito, erano pubblicate anche tutte le sentenze dei tribunali e i ricorsi della Intel.
          • otacu scrive:
            Re: I cinesi copiano propio tutto
            Beh allora tanto di cappello. Comunque non riguarda questo articolo visto che qui era proprio una truffa.- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: otacu

            Sì ma lo dicevano che era roba modificata non

            originale?





            si!! si!!

            Su loro sito, erano pubblicate anche tutte le
            sentenze dei tribunali e i ricorsi della Intel.
        • again scrive:
          Re: I cinesi copiano propio tutto

          La ditta Napoletana si chiama Genesys, e
          modificava i processori intel celeron slot 1,
          quelli a 300 che se mettevi in corto alcuni pin
          andavano a 500.sì propio loro, che miti!!Antonio
    • Anonimo scrive:
      Re: I cinesi copiano propio tutto
      un linkhttp://www.01net.it/01NET/HP/0,1254,0_ART_28719,00.html
    • Anonimo scrive:
      Re: I cinesi copiano propio tutto
      la Genesys esiste ancora!Lo ho chiamati... e mi hanno detto che sono ancora in possesso di alcuni B52.Genesys Di Marcello Console Produzione Hardware & Software
  • Anonimo scrive:
    intel inka§§ata!
    I suoi processori li vuole taroccare solo lei!
  • Anonimo scrive:
    W la Cina
    Finalmete saranno costretti ad abbasare i prezzi rubandoci di meno.Grazie Cina!!
    • Anonimo scrive:
      Re: W la Cina
      vediamo se falsificano i prodotti Italiani come la pensi.Ma da che parte stai?- Scritto da: Anonimo
      Finalmete saranno costretti ad abbasare i prezzi
      rubandoci di meno.
      Grazie Cina!!
      • Anonimo scrive:
        Re: W la Cina
        è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del mercato.
        • Anonimo scrive:
          Re: W la Cina
          - Scritto da: Anonimo
          è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola
          qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del
          mercato.Loro fanno i loro interessi.Mica sono scemi!
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola

            qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del

            mercato.

            Loro fanno i loro interessi.
            Mica sono scemi!Certo, i "loro interessi". Mica i nostri.
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola


            qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole
            del


            mercato.



            Loro fanno i loro interessi.

            Mica sono scemi!

            Certo, i "loro interessi". Mica i nostri.O quelli dei loro lavoratori...
        • Anonimo scrive:
          Re: W la Cina
          - Scritto da: Anonimo
          è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola
          qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del
          mercato.Non è il solo.Secondo te quale paese:- sta cercando di "derubricare" la tortura (quella che fa lui sia chiaro)- usa armi di ditruzione di massa in guerra- sta limitando sempre di più la libertà dei propri cittadini- Ha sostenuto (e sostiene) dei terroristi?Consiglio: http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=169
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola

            qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del

            mercato.

            Non è il solo.certo
            Secondo te quale paese:
            - sta cercando di "derubricare" la tortura
            (quella che fa lui sia chiaro)
            - usa armi di ditruzione di massa in guerra
            - sta limitando sempre di più la libertà dei
            propri cittadini
            - Ha sostenuto (e sostiene) dei terroristi?nessuno pensa che gli USA sia un paradiso ma non puoi paragonare la situazione di questo paese con la Cina

            Consiglio:

            http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=169Consiglio:http://www.amnesty.it/pressroom/ra2005/cina.html
          • otacu scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            è un paese estraneo a qualsiasi regola, viola

            qualsiasi cosa dai diritti umani alle regole del

            mercato.

            Non è il solo.
            Secondo te quale paese:
            - sta cercando di "derubricare" la tortura
            (quella che fa lui sia chiaro)
            - usa armi di ditruzione di massa in guerra
            - sta limitando sempre di più la libertà dei
            propri cittadini
            - Ha sostenuto (e sostiene) dei terroristi?



            Consiglio: http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=169Principianti.... in tutti questi "settori" la cina è all'avanguardia se proprio vuoi cominciare questo discorso...Tu vorresti essere cittadino (per modo di dire) cinese o statunitense? :D==================================Modificato dall'autore il 22/11/2005 13.52.02
      • Anonimo scrive:
        Re: W la Cina
        - Scritto da: Anonimo
        vediamo se falsificano i prodotti Italiani come
        la pensi.
        Ma da che parte stai?
        Sto dalla parte dei cinesi, e non certo dalla parte di quegli industriali ITALIANI i quali furbastri hanno spostato la loro produzione in Cina per poi rivenderci la loro merd...(pardon) la loro merce firmata con tanto di marchio "made in Italy" ma che in realtà è made in China.Per cui i rprimi falsari sono proprio i proprietari delle varie griffe che ci spacciano per made in Italy ciò che made in Italy non è.
        - Scritto da: Anonimo

        Finalmete saranno costretti ad abbasare i prezzi

        rubandoci di meno.

        Grazie Cina!!
        • bit01 scrive:
          Re: W la Cina

          Sto dalla parte dei cinesi, e non certo dalla
          parte di quegli industriali ITALIANI i quali
          furbastri hanno spostato la loro produzione in
          Cina per poi rivenderci la loro merd...(pardon)
          la loro merce firmata con tanto di marchio "made
          in Italy" ma che in realtà è made in China.
          Per cui i rprimi falsari sono proprio i
          proprietari delle varie griffe che ci spacciano
          per made in Italy ciò che made in Italy non è.Sono d'accordo. Il Made in Italy è scomparso oppure rimane in quelle botteghe di artigiani che conoscono la vera arte Italiana di fare bene le cose. Sono però prodotti di nicchia e costosi che non tutti possono permettersi proprio perchè dietro ci stanno ore e ore di lavoro manuale. Però la colpa non la posso dare solo agli italiani che scappano all'estero per spendere meno. La colpa la do anche alle tasse che un libero professionista o una azienda devono pagare al nostro stato tutti gli anni. Siamo super-tassati e al giorno d'oggi la vita costo molto. Non ci sono aiuti sufficienti e il cittadino non è motivato a fatturare di più, a crescere e a farsi una posizione nel mercato. Provate a partire da zero, andate a vedere cosa costa mettersi in proprio e vi verranno i capelli dritti. E' vero che mantenere il paese Italia in piedi costa ma è anche vero che di sprechi ne son stati fatti troppi e questo debito nel tempo lo stiamo pagando noi, come sempre. Io sono convinto che siamo una grande nazione e abbiamo delle teste valide e un'economia che potrebbe essere la migliore d'europa ma dalla destra alla sinistra siamo sempre stati succubi di governi avidi e spregiudicati votati soltanto al prosciugamento delle nostre tasche. Fare politica in Italia è un business, è un affare è un lavoro "a caste", da passarsi da padre in figlio quando invece dovrebbero essere tutti, dal primo all'ultimo al *servizio* di noi cittadini.==================================Modificato dall'autore il 22/11/2005 9.38.33
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina


            Sono d'accordo. Il Made in Italy è scomparso
            oppure rimane in quelle botteghe di artigiani che
            conoscono la vera arte Italiana di fare bene le
            cose. Sono però prodotti di nicchia e costosi che
            non tutti possono permettersi proprio perchè
            dietro ci stanno ore e ore di lavoro manuale.
            Però la colpa non la posso dare solo agli
            italiani che scappano all'estero per spendere
            meno. La colpa la do anche alle tasse che un
            libero professionista o una azienda devono pagare
            al nostro stato tutti gli anni. Siamo
            super-tassati e al giorno d'oggi la vita costo
            molto. Non ci sono aiuti sufficienti e il
            cittadino non è motivato a fatturare di più, a
            crescere e a farsi una posizione nel mercato.
            Provate a partire da zero, andate a vedere cosa
            costa mettersi in proprio e vi verranno i capelli
            dritti. E' vero che mantenere il paese Italia in
            piedi costa ma è anche vero che di sprechi ne son
            stati fatti troppi e questo debito nel tempo lo
            stiamo pagando noi, come sempre. Io sono convinto
            che siamo una grande nazione e abbiamo delle
            teste valide e un'economia che potrebbe essere la
            migliore d'europa ma dalla destra alla sinistra
            siamo sempre stati succubi di governi avidi e
            spregiudicati votati soltanto al prosciugamento
            delle nostre tasche. Fare politica in Italia è un
            business, è un affare è un lavoro "a caste", da
            passarsi da padre in figlio quando invece
            dovrebbero essere tutti, dal primo all'ultimo al
            *servizio* di noi cittadini.Quoto. Ma c'è da aggiungere che la nostra economia andava a gonfie vele fino all'?uro, con cui abbiamo parificato il nostro costo della vita a quello di Francia/Germania, distruggendo la nostra capacità competitiva continentale, con grande felicità dei due paesi sopra indicati....
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina

            Quoto. Ma c'è da aggiungere che la nostra economia andava a gonfie vele fino all'?uro, con cui abbiamo parificato il nostro costo della vita a quello di Francia/Germania, distruggendo la nostra capacità competitiva continentale, con grande felicità dei due paesi sopra indicati....non e problema del euro ma del uso che ne ha fato il NANOun esempio:prima di introduzione del euro1000 Kg di materia prima 100$dopo la introduzione del euro1000 Kg di materia prima 100$valor di 100$ prima di euro come moneta stampata ~120?poco dopo la introduzione di euro 100$ ~80?per noi in europa( area euro) le materie prime costavano molto di menoanzi che far aumentare il prezzo di moltissimi prodoti doveva scendere ma non e sucesso perche oltre al inflazzione esiste anche la deflazzione( pericolo pegiore per la economia) modo erato di contrastare la deflazzione ha prodoto i dani atuali ed ha aricito gia ricchisaluti
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: bit01

            Sto dalla parte dei cinesi, e non certo dalla

            parte di quegli industriali ITALIANI i quali

            furbastri hanno spostato la loro produzione in

            Cina per poi rivenderci la loro merd...(pardon)

            la loro merce firmata con tanto di marchio "made

            in Italy" ma che in realtà è made in China.

            Per cui i rprimi falsari sono proprio i

            proprietari delle varie griffe che ci spacciano

            per made in Italy ciò che made in Italy non è.

            Sono d'accordo. Il Made in Italy è scomparso
            oppure rimane in quelle botteghe di artigiani che
            conoscono la vera arte Italiana di fare bene le
            cose. Sono però prodotti di nicchia e costosi che
            non tutti possono permettersi proprio perchè
            dietro ci stanno ore e ore di lavoro manuale.
            Però la colpa non la posso dare solo agli
            italiani che scappano all'estero per spendere
            meno. La colpa la do anche alle tasse che un
            libero professionista o una azienda devono pagare
            al nostro stato tutti gli anni. Siamo
            super-tassati e al giorno d'oggi la vita costo
            molto. Non ci sono aiuti sufficienti e il
            cittadino non è motivato a fatturare di più, a
            crescere e a farsi una posizione nel mercato.
            Provate a partire da zero, andate a vedere cosa
            costa mettersi in proprio e vi verranno i capelli
            dritti. E' vero che mantenere il paese Italia in
            piedi costa ma è anche vero che di sprechi ne son
            stati fatti troppi e questo debito nel tempo lo
            stiamo pagando noi, come sempre. Io sono convinto
            che siamo una grande nazione e abbiamo delle
            teste valide e un'economia che potrebbe essere la
            migliore d'europa ma dalla destra alla sinistra
            siamo sempre stati succubi di governi avidi e
            spregiudicati votati soltanto al prosciugamento
            delle nostre tasche. Fare politica in Italia è un
            business, è un affare è un lavoro "a caste", da
            passarsi da padre in figlio quando invece
            dovrebbero essere tutti, dal primo all'ultimo al
            *servizio* di noi cittadini.

            ==================================
            Modificato dall'autore il 22/11/2005 9.38.33Si sono d'accordo e capisco i motivi per i quali le aziende italiane delocalizzano. Però non vi è dubbio che lo stato italiano e sopratutto la Ue stanno facendo di tutto per incentivare queste delocalizzazioni. In primis grazie all'abolizione dei dazi, perchè è chiaro che togliendo i dazi per moltiimprenditori diventa un invito a nozze andare in Cina e poi rivendere in Italia ai prezzi italiani ovviamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: W la Cina
        - Scritto da: Anonimo
        vediamo se falsificano i prodotti Italiani come
        la pensi.Guarda che l' "azienda italia" stà tornando alle origini:Paese di Contadini !Tutti a Zappareeeee !W il mondo agricolo, W il trattore segno del progresso proletario del popolo !!!Basta industrie! Basta servi e padroni ! Tutti a Zappare il proprio orticello / vigna / campo / villa.
    • AnyFile scrive:
      Re: W la Cina
      - Scritto da: Anonimo
      Finalmete saranno costretti ad abbasare i prezzi
      rubandoci di meno.
      Grazie Cina!!boh ... tutti dicono che ora le magliette arrivano dalla Cina perche' costano menocome mai allora adesso costano di piu' di quando arrivavano dall'Italia?
      • otacu scrive:
        Re: W la Cina

        boh ... tutti dicono che ora le magliette
        arrivano dalla Cina perche' costano meno

        come mai allora adesso costano di piu' di quando
        arrivavano dall'Italia?Ma di cosa stai parlando????
        • AnyFile scrive:
          Re: W la Cina
          - Scritto da: otacu

          boh ... tutti dicono che ora le magliette

          arrivano dalla Cina perche' costano meno



          come mai allora adesso costano di piu' di quando

          arrivavano dall'Italia?

          Ma di cosa stai parlando????Mi spiego meglio ... tutti dicono che il motivo per cui l'industria italiana non produce piu' perche' conviene importare piuttosto dalla Cina: costa meno che pordurre in Italia. Un tipico settore dove si sentono questi discorsi è quello del tessile. Prendo questo settore ad esempio, ma il ragionamento vale anche nel resto. Molti prodotti d'abigliamento sono effettivamente prodotti in Cina o altri paesi asiatici. Dunque se i prodotti vengono acquistati da li' anziche' dall'Italia perche' cosi' costano meno ci si dovrebbe aspettare che anche al consumatore fianle costano meno ... tutt'altro ....
          • otacu scrive:
            Re: W la Cina

            Mi spiego meglio ... tutti dicono che il motivo
            per cui l'industria italiana non produce piu'
            perche' conviene importare piuttosto dalla Cina:
            costa meno che pordurre in Italia. Un tipico
            settore dove si sentono questi discorsi è quello
            del tessile. Prendo questo settore ad esempio, ma
            il ragionamento vale anche nel resto. Molti
            prodotti d'abigliamento sono effettivamente
            prodotti in Cina o altri paesi asiatici. Dunque
            se i prodotti vengono acquistati da li' anziche'
            dall'Italia perche' cosi' costano meno ci si
            dovrebbe aspettare che anche al consumatore
            fianle costano meno ... tutt'altro ....Ah ok ma allora sono i commercianti italiani che ti fanno la cresta per prodotti che loro pagano effettivamente meno. E' un problema tutto italiano.Comunque non è che il tessile italiano non produce più.... produce meno e sta sfrondando le fasce di bassa qualità. E' inevitabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: W la Cina


            Comunque non è che il tessile italiano non
            produce più.... produce meno e sta sfrondando le
            fasce di bassa qualità. E' inevitabile.Via le fasce basse, poi le medie, poi le alte. E' inevitabile. Lavorando si impara e si migliora. Noi ritorneremo competitivi quando saremo poveri (a breve). Ripartendo dal fondo.
          • otacu scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: Anonimo




            Comunque non è che il tessile italiano non

            produce più.... produce meno e sta sfrondando le

            fasce di bassa qualità. E' inevitabile.


            Via le fasce basse, poi le medie, poi le alte. E'
            inevitabile. Lavorando si impara e si migliora.
            Noi ritorneremo competitivi quando saremo poveri
            (a breve). Ripartendo dal fondo.Ritorneremo competitivo semplicemente finchè riusciremo a fare qualcosa meglio di loro.
          • AnyFile scrive:
            Re: W la Cina
            - Scritto da: otacu

            - Scritto da: Anonimo







            Comunque non è che il tessile italiano non


            produce più.... produce meno e sta sfrondando
            le


            fasce di bassa qualità. E' inevitabile.





            Via le fasce basse, poi le medie, poi le alte.
            E'

            inevitabile. Lavorando si impara e si migliora.

            Noi ritorneremo competitivi quando saremo poveri

            (a breve). Ripartendo dal fondo.

            Ritorneremo competitivo semplicemente finchè
            riusciremo a fare qualcosa meglio di loro.E quante sono le persone disposte a pagare di piu' per avere qualcosa di meglio? Non e' che tutti possano produrre il lusso
  • Ekleptical scrive:
    'sti cinesi han stufato
    Ormai la Cina si sente troppo forte e se ne frega di tutto e di tutti, compreso il tanto odiato Bush, che mentre nel resto del mondo raccoglie proteste e casini, in Cina si fa un giro di incontri e viene bellamente ignorato!Qualcuno può anche goderci sul momento, ma è un pessimo sintomo. Avere come prima nazione futura al mondo un feroce stato dittatoriale non mi pare una bella prospettiva. A quel punto è addirittura meglio Bush!Sarebbe il caso di intervenire, prima che sia troppo tardi (forse già lo è). Il totale disprezzo delle leggi (quali?) da quelle parti si ritorcerà velocemente contro le stesse imprese straniere, come Intel.Stiamo scherzando col fuoco e pochi se ne rendono conto...
    • Anonimo scrive:
      Re: 'sti cinesi han stufato
      Una soluzione ci sarebbe, salveremmo capra e cavoli, potremmo riportare la democrazia in USA e fermare i cinesi con una sola azione, due piccioni con una fava...il mio sesto senso mi dice che i più sagaci di voi hanno già capito...OK, lo diciamo anche agli altri:basterebbe far diventare Bush capo del Partito Comunista Cinese! :D :D :D :D :D :p :p :p :p :p
      • again scrive:
        Re: 'sti cinesi han stufato

        Una soluzione ci sarebbe, salveremmo capra e
        cavoli, potremmo riportare la democrazia in USA eNon penso che tu sia mai stato in USA, se pensi che sia una nazione poco democratica, vorrei ricordare le code di ORE, davanti ai seggi di diversi stati, per le ultime elezioni presidenziali, tutti belli in fila. In italia, se aspetti 1 ora al seggio come minimo c'e' la RAI.Che poi le persone in coda non abbiano votato per chi voleva fassino e prodi, questo non vuol dire che non sia una nazione democratica. O una nazione è democratica solo se è di sinistra? mi sembra un concetto un pò "antidemocratico", solo i voti di sinistra contano perchè sono giusti, quelli di destra sono di buzzurri contadini (come nell'ohio).Mah!Antonio
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          Sì, peccato che non sono ancora riusciti per la seconda volta a contare tutti i voti... mi chiedo cosa ci vadano a fare la fila...- Scritto da: again


          Una soluzione ci sarebbe, salveremmo capra e

          cavoli, potremmo riportare la democrazia in USA
          e


          Non penso che tu sia mai stato in USA, se pensi
          che sia una nazione poco democratica, vorrei
          ricordare le code di ORE, davanti ai seggi di
          diversi stati, per le ultime elezioni
          presidenziali, tutti belli in fila. In italia, se
          aspetti 1 ora al seggio come minimo c'e' la RAI.
          Che poi le persone in coda non abbiano votato per
          chi voleva fassino e prodi, questo non vuol dire
          che non sia una nazione democratica. O una
          nazione è democratica solo se è di sinistra? mi
          sembra un concetto un pò "antidemocratico", solo
          i voti di sinistra contano perchè sono giusti,
          quelli di destra sono di buzzurri contadini (come
          nell'ohio).

          Mah!


          Antonio
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo
            Sì, peccato che non sono ancora riusciti per la
            seconda volta a contare tutti i voti... mi chiedo
            cosa ci vadano a fare la fila...
            E quelli che in fila non ci possono andare perchè esclusi a priori, tipo i negri in Florida?E quel 50% circa che a votare non ci va proprio, sarà che non amano la fila o cos'altro?Bella democrazia, soprattutto ad alta partecipazione. Entusiasmante.
            - Scritto da: again




            Una soluzione ci sarebbe, salveremmo capra e


            cavoli, potremmo riportare la democrazia in
            USA

            e





            Non penso che tu sia mai stato in USA, se pensi

            che sia una nazione poco democratica, vorrei

            ricordare le code di ORE, davanti ai seggi di

            diversi stati, per le ultime elezioni

            presidenziali, tutti belli in fila. In italia,
            se

            aspetti 1 ora al seggio come minimo c'e' la RAI.

            Che poi le persone in coda non abbiano votato
            per

            chi voleva fassino e prodi, questo non vuol dire

            che non sia una nazione democratica. O una

            nazione è democratica solo se è di sinistra? mi

            sembra un concetto un pò "antidemocratico", solo

            i voti di sinistra contano perchè sono giusti,

            quelli di destra sono di buzzurri contadini
            (come

            nell'ohio).



            Mah!





            Antonio
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Sì, peccato che non sono ancora riusciti per la

            seconda volta a contare tutti i voti... mi
            chiedo

            cosa ci vadano a fare la fila...



            E quelli che in fila non ci possono andare perchè
            esclusi a priori, tipo i negri in Florida?Prove, links, please...
            E quel 50% circa che a votare non ci va proprio,
            sarà che non amano la fila o cos'altro?Si chiama: LIBERA SCELTA (sai cosa vuol dire, no?)...o pensi fossero meglio le elezioni bulgare o sovietiche col 99,9% di votanti (eh sì, quelle erano vere Democrazie Popolari: fila a votare-chi ti dico io- se no 10 anni di gulag !!!!)
            Bella democrazia, soprattutto ad alta
            partecipazione. Entusiasmante.Come sopra...ma tant'è...anche quì mi pare vige il concetto: non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace...
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Sì, peccato che non sono ancora riusciti per
            la


            seconda volta a contare tutti i voti... mi

            chiedo


            cosa ci vadano a fare la fila...






            E quelli che in fila non ci possono andare
            perchè

            esclusi a priori, tipo i negri in Florida?

            Prove, links, please...


            E quel 50% circa che a votare non ci va proprio,

            sarà che non amano la fila o cos'altro?

            Si chiama: LIBERA SCELTA (sai cosa vuol dire,
            no?)...o pensi fossero meglio le elezioni bulgare
            o sovietiche col 99,9% di votanti (eh sì, quelle
            erano vere Democrazie Popolari: fila a votare-chi
            ti dico io- se no 10 anni di gulag !!!!)No, si chiama NON PARTECIPARE ALLA VITA POLITICA DEL PROPRIO PAESE perché si ritiene che non serva a nulla e non possa migliorare la propria vita; ed il 50% è proprio tanto.Ed è preoccupante, meno delle elezioni bulgare, ma è preoccupante.
          • Santos-Dumont scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo


            E quel 50% circa che a votare non ci va proprio,

            sarà che non amano la fila o cos'altro?

            Si chiama: LIBERA SCELTA (sai cosa vuol dire,
            no?)...o pensi fossero meglio le elezioni bulgare
            o sovietiche col 99,9% di votanti (eh sì, quelle
            erano vere Democrazie Popolari: fila a votare-chi
            ti dico io- se no 10 anni di gulag !!!!)Intervengo per dire che l'astenersi non é una manifestazione di libertà. semmai di menefreghismo.Qui in Brasile, che checchè ne possano pensare i disinformati é un'ottima democrazia e per taluni aspetti più evoluta della nostra (per esempio: non mi risulta che in Italia esista un Consiglio Municipale della Sanitá aperto a tutta la cittadinanza dove si decide con voto pubblico la destinazione dei fondi per il quadriennio successivo. Qui esiste, e io come straniero ho partecipato con diritto di voto!) il voto é obbligatorio. Sono esentati solo gli ultrasessantacinquenni, tutti gli altri devono giustificare l'assenza alle urne pena conseguenze indesiderabili nei rapporti con l'amministrazione pubblica (impossibilità di richiedere il passaporto e altre cosette).Imposizione? Io non credo, anzi: ritengo che senza partecipazione la democrazia si riduca a un baraccone pubblicitario di facciata come negli USA; non che in caso contrario siano eliminati tutti i rischi, beninteso, ma il voto é una conditio sine qua non per la realizzazione pratica della democrazia.Che poi si voglia annullare la scheda o lasciarla in bianco, quella sì é una scelta individuale e di libertà che nessuno può negare (essendo le urne elettroniche non si può votare per Mazinga Z, pazienza... 8)). Ma sul fatto di andare a votare e per una volta rinunciare alla superficialità - siamo seri: nessuno muore per non essere andato al mare o in discoteca un fine settimana - una cittadinanza realmente consapevole delle proprie prerogative non dovrebbe neppure transigere.Ma si sa: i diritti si conquistano, non si guadagnano aggratis. Forse il popolo brasiliano, reduce da una dittatura più recente della nostra, é più sensibile di noi italiani in quest'ambito.==================================Modificato dall'autore il 22/11/2005 12.13.59
          • Anonimo scrive:
            Re: e daje...
            Siamo sempre lì....Ma lo volete capire o no che certe cose NON DEVONO ESSERE IMPOSTE !!!Il votare DEVE essere UNA SCELTA. Punto.Poi se io non voto e mi lamento poi del risultato elettorale , mi attacco al tram, perchè con il mio non andare a votare ho implicitamente delegato altri a decidere per me. Ma devo essere libero di scegliere se votare o no. Legittimamente e senza perdita di alcun diritto civile. Questo è tipico di quelle che si chiamano democrazie mature, quali sono quelle europee o gli stessi Stati Uniti, checchè voi ne pensiate.... L'obbligare le persone al voto è tipico di dittature o democrazie "immature". Poi se per voi il male assoluto sono solo gli Stati Uniti, qualunque cosa succeda altrove, allora è inutile che discutiamo. Per discutere occorrono almeno due persone ed entrambi col cervello acceso.Ciao.- Scritto da: Santos-Dumont
            - Scritto da: Anonimo




            E quel 50% circa che a votare non ci va
            proprio,


            sarà che non amano la fila o cos'altro?



            Si chiama: LIBERA SCELTA (sai cosa vuol dire,

            no?)...o pensi fossero meglio le elezioni
            bulgare

            o sovietiche col 99,9% di votanti (eh sì, quelle

            erano vere Democrazie Popolari: fila a
            votare-chi

            ti dico io- se no 10 anni di gulag !!!!)

            Intervengo per dire che l'astenersi non é una
            manifestazione di libertà. semmai di
            menefreghismo.
            Qui in Brasile, che checchè ne possano pensare i
            disinformati é un'ottima democrazia e per taluni
            aspetti più evoluta della nostra (per esempio:
            non mi risulta che in Italia esista un Consiglio
            Municipale della Sanitá aperto a tutta la
            cittadinanza dove si decide con voto pubblico la
            destinazione dei fondi per il quadriennio
            successivo. Qui esiste, e io come straniero ho
            partecipato con diritto di voto!) il voto é
            obbligatorio. Sono esentati solo gli
            ultrasessantacinquenni, tutti gli altri devono
            giustificare l'assenza alle urne pena conseguenze
            indesiderabili nei rapporti con l'amministrazione
            pubblica (impossibilità di richiedere il
            passaporto e altre cosette).
            Imposizione? Io non credo, anzi: ritengo che
            senza partecipazione la democrazia si riduca a un
            baraccone pubblicitario di facciata come negli
            USA; non che in caso contrario siano eliminati
            tutti i rischi, beninteso, ma il voto é una
            conditio sine qua non per la realizzazione
            pratica della democrazia.
            Che poi si voglia annullare la scheda o lasciarla
            in bianco, quella sì é una scelta individuale e
            di libertà che nessuno può negare (essendo le
            urne elettroniche non si può votare per Mazinga
            Z, pazienza... 8)). Ma sul fatto di andare a
            votare e per una volta rinunciare alla
            superficialità - siamo seri: nessuno muore per
            non essere andato al mare o in discoteca un fine
            settimana - una cittadinanza realmente
            consapevole delle proprie prerogative non
            dovrebbe neppure transigere.
            Ma si sa: i diritti si conquistano, non si
            guadagnano aggratis. Forse il popolo brasiliano,
            reduce da una dittatura più recente della nostra,
            é più sensibile di noi italiani in quest'ambito.

            ==================================
            Modificato dall'autore il 22/11/2005 12.13.59
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Santos-Dumont
            - Scritto da: Anonimo




            E quel 50% circa che a votare non ci va
            proprio,


            sarà che non amano la fila o cos'altro?



            Si chiama: LIBERA SCELTA (sai cosa vuol dire,

            no?)...o pensi fossero meglio le elezioni
            bulgare

            o sovietiche col 99,9% di votanti (eh sì, quelle

            erano vere Democrazie Popolari: fila a
            votare-chi

            ti dico io- se no 10 anni di gulag !!!!)

            Intervengo per dire che l'astenersi non é una
            manifestazione di libertà. semmai di
            menefreghismo.O di protesta. O di noia. O di rabbia. O di sfiducia.Ma che ne sai? Sei entrato nella testa di tutti i non votanti degli ultimi 50 anni?
            Imposizione? Io non credoPazienza, anche io non ti credo
            anzi: ritengo che
            senza partecipazione la democrazia si riduca a un
            baraccone pubblicitario di facciata come negli
            USA; non che in caso contrario siano eliminati
            tutti i rischi, beninteso, ma il voto é una
            conditio sine qua non per la realizzazione
            pratica della democrazia.
            Che poi si voglia annullare la scheda o lasciarla
            in bianco, quella sì é una scelta individuale e
            di libertà che nessuno può negareInsomma io DEVO andare al seggio ma poi ho la liberta' di votare in bianco dato che e' una scelta individuale.Allora non ti sembra che:a) la cosa si risolva in un presenzialismo di forma, un un baraccone di facciata al pari dei tanto criticati USA?b) il risultato pratico sia il medesimo rispetto al non votare?
            siamo seri: nessuno muore per
            non essere andato al mare o in discoteca un fine
            settimana - una cittadinanza realmente
            consapevole delle proprie prerogative non
            dovrebbe neppure transigere.Appunto perche' nessuno muore se non va al mare, non votare e' proprio una scelta, altro che menefreghismo. una democrazia realmente consapevole dei diritti dei cittadini non dovrebbe avere dubbi sulla liberta' individuale, sia dentro che fuori dal seggio.
            Ma si sa: i diritti si conquistano, non si
            guadagnano aggratis.In effetti, e per conquistare tutti i diritti che abbiamo adesso, hanno combattuto e sono morti migliaia e migliaia di italiani nelle guerre, sin dai moti del 1800 fino ad oggi.Allora, noi italiani ci siamo conquistati questi diritti, oppure dobbiamo ancora risentire la lezioncina?
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          Mah, i Democratici USA somigliano molto a una destra liberaldemocratica europea, i Repubblicani più alle destre conservatrici, nessuno dei due somiglia alle nostre sinistre, mi spiace per Fassino e c. che si raccontano le favole così tante volte che finiscono col crederci.Io sono liberaldemocratico con tendenze radicali e nella situazione attuale mi sento molto più vicino ai Democratici, ma penso che i migliori presidenti USA degli ultimi 30 anni siano stati Reagan e Clinton.
        • AnyFile scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: again
          Non penso che tu sia mai stato in USA, se pensi
          che sia una nazione poco democratica, vorrei
          ricordare le code di ORE, davanti ai seggi di
          diversi stati, per le ultime elezioni
          presidenziali, tutti belli in fila. In italia, se
          aspetti 1 ora al seggio come minimo c'e' la RAI.La conclusione immediata di questo ragionamento e' che negli USA spendono meno soldi per i seggi che non in Italia ... poi al massimo si pareggia con il tempo che bisogna apsettare per avere un permesso o un appuntamento con un assessore
    • Anonimo scrive:
      Re: 'sti cinesi han stufato
      - Scritto da: Ekleptical
      Ormai la Cina si sente troppo forte e se ne frega
      di tutto e di tutti, compreso il tanto odiato
      Bush, che mentre nel resto del mondo raccoglie
      proteste e casini, in Cina si fa un giro di
      incontri e viene bellamente ignorato!

      Qualcuno può anche goderci sul momento, ma è un
      pessimo sintomo. Avere come prima nazione futura
      al mondo un feroce stato dittatoriale non mi pare
      una bella prospettiva. A quel punto è addirittura
      meglio Bush!

      Sarebbe il caso di intervenire, prima che sia
      troppo tardi (forse già lo è). Il totale
      disprezzo delle leggi (quali?) da quelle parti si
      ritorcerà velocemente contro le stesse imprese
      straniere, come Intel.

      Stiamo scherzando col fuoco e pochi se ne rendono
      conto...Quando gli occidentali smetteranno di alimentare i cinesi saremo a posto. Intanto per ora tutti portano se possibile le loro ditte in cina, tutti vogliono fare affari con la cina, e tutti importano dalla cina, magari spacciando anche quei prodotti per nostri.
    • Anonimo scrive:
      Re: 'sti cinesi han stufato
      - Scritto da: Ekleptical
      Ormai la Cina si sente troppo forte e se ne frega...
      Sarebbe il caso di intervenire, prima che sia
      troppo tardi (forse già lo è).E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?
      • Anonimo scrive:
        Re: 'sti cinesi han stufato
        In effetti la situazione attuale è diventata insostenibile: Giusto ieri ai TG han fatto vedere quelle minimoto esposte addirittura al salone di Milano...identiche in tutto (pure il marchio) ad una nota casa ceca che produce modelli da competizione e vendute a cifre ridicole, senza alcuna garanzia!!Ma cosa ben più grave: ieri sera sul televideo ho letto la notizia di una maxi sequestro di carne di pollo, proveniente dalla Cina e peggio ancora dalla Thailandia, contraffatta (data di scadenza abrasa e peggio ancora falsa nazione di produzione: Brasile!!!!!!!!)......Non sono razzista...ma adesso han davvero rotto: Un sabato sera che ero a casa (due settimane fa), mi son imbattutto in una trasmissione di Italia 1 (verso la mezza) dove erano in diretta da Milano, dal quartiere cinese, assurdo...si son comperati tutte le attività degli italiani (pagandoli a peso d'oro) costituendo di fatto una Cinatwon milanese!!!!addirittura un bar, faceva (fa) da ufficio di collocamento per i cinesi...mentre noi poveri italiani stupidi, per trovare un posto di lavoro (temporaneo pure) siamo costretti a girare a destra e sinistra....ma che schifo!!!! :@
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Anonimo
          addirittura un bar, faceva (fa) da ufficio di
          collocamento per i cinesi...mentre noi poveri
          italiani stupidi, per trovare un posto di lavoro
          (temporaneo pure) siamo costretti a girare a
          destra e sinistra....ma che schifo!!!! :@Ma scusa ti schifo che si organizzino?
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            fanno tutto quello che gli pare come gli pare... mai visto un cinese morto?mai visto cinesi in ospedale?mai visto cinesi dal dottore?sono immortali?no si seppelliscono a vicenda e riciclano i visti .. combatterli.. nono... basterebbe fare rispettare le leggia qua e chiedere che migliori la situazione la... altrimenti chiudere i ponti.. se li si aiuta a migliorare la qualità produttiva automaticamente tutti i prezzi si allineeranno
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato

            Ma scusa ti schifo che si organizzino?Lavorano tutti in nero, nessuno escluso. Non pagano le tasse dove possibile, non rispettano le più basilari norma igienico/sanitarie, come scrive l'amico sopra a Milano stanno comprando centinaia di attività, pagando in contanti, preferibilmente in nero, nessuno sa da dove arrivino i soldi. Se ne infischiano completamente delle nostre regole/leggi/consuetudini e non si integrano, si autoescludono vivendo in una società parallela autogestita che sfugge ad ogni controllo. Il fatto che vendano merce contraffatta ed avariata, per quanto grave, è solo la punta di un iceberg molto ben più grande.Alla faccia del fatto che si organizzino...
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo



            Ma scusa ti schifo che si organizzino?


            Lavorano tutti in nero, nessuno escluso. Non
            pagano le tasse dove possibile, non rispettano le
            più basilari norma igienico/sanitarie, come
            scrive l'amico sopra a Milano stanno comprando
            centinaia di attività, pagando in contanti,
            preferibilmente in nero, nessuno sa da dove
            arrivino i soldi. Se ne infischiano completamente
            delle nostre regole/leggi/consuetudini e non si
            integrano, si autoescludono vivendo in una
            società parallela autogestita che sfugge ad ogni
            controllo. Il fatto che vendano merce
            contraffatta ed avariata, per quanto grave, è
            solo la punta di un iceberg molto ben più grande.
            Alla faccia del fatto che si organizzino...A proposito.Voglio vendere il mio ufficio perchè mi sono ROTTO i COGLIONI a lavorare in sta italietta di ladroni dove se non ti prosciugano i LADRI ti prosciugano i LADRONI di Stato delle tasse.C' è nessuno che conosce qualche Cinese che mi dà 200.000 Euro in contanti (in nero ovviamente) che glielo vendo subito e mi dò alla bella vita come vedo in tutte le TV Italiote a champagne e mignottone?!!
          • AnyFile scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo

            A proposito.
            Voglio vendere il mio ufficio perchè mi sono
            ROTTO i COGLIONI a lavorare in sta italietta di
            ladroni dove se non ti prosciugano i LADRI ti
            prosciugano i LADRONI di Stato delle tasse.Su un articolo del Corriere della Sera (cronaca di Milano) di qualche giorno fa c'era scritto che perfino quelli del Canton Grigioni (in Svizzera) oganizzano una vera e propria campagna perche' le aziende vengano trasferite li' dall'Italia (tra gli slogan ci sono: i treni arrivano in orario, si pagano meno tasse e c'e' maggiore stabilita' politica)
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo



            Ma scusa ti schifo che si organizzino?

            Lavorano tutti in nero, nessuno escluso. Non
            pagano le tasse dove possibile, non rispettano le
            più basilari norma igienico/sanitarie, come
            scrive l'amico sopra a Milano stanno comprando
            centinaia di attività, pagando in contanti,
            preferibilmente in nero, nessuno sa da dove
            arrivino i soldi. Se ne infischiano completamente
            delle nostre regole/leggi/consuetudini e non si
            integrano, si autoescludono vivendo in una
            società parallela autogestita che sfugge ad ogni
            controllo. Il fatto che vendano merce
            contraffatta ed avariata, per quanto grave, è
            solo la punta di un iceberg molto ben più grande.
            Alla faccia del fatto che si organizzino...Ah ecco, lo schifo allora non era per il bar che fa da collocamento.Quanto al resto, ci sono alcuen cose che i cinesi possono compiere al pari tuo ed altre su cui non va affatto bene.Acquistare immobili e' lecito per tutti, avresti potuto farlo tu se avessi avuto il denaro. La provenienza del denaro non ci e' dato sapere neanche quando a fare acquisti sono italiani, figuriamoci se vengono dall'estero, non presuppone pero' a priori che siano frutto di illeciti, ma se fosse e se tali illeciti fossero stati commessi fuori dall'Italia, non sono perseguibili.Sono liberi di autoescludersi in qualsiasi gruppo gli garbi finche' rispettano le leggiQuando non le rispettano invece e' assai grave.
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato

            Ah ecco, lo schifo allora non era per il bar che
            fa da collocamento.
            Quanto al resto, ci sono alcuen cose che i cinesi
            possono compiere al pari tuo ed altre su cui non
            va affatto bene.
            Acquistare immobili e' lecito per tutti, avresti
            potuto farlo tu se avessi avuto il denaro. La
            provenienza del denaro non ci e' dato sapere
            neanche quando a fare acquisti sono italiani,
            figuriamoci se vengono dall'estero, non
            presuppone pero' a priori che siano frutto di
            illeciti, ma se fosse e se tali illeciti fossero
            stati commessi fuori dall'Italia, non sono
            perseguibili.
            Sono liberi di autoescludersi in qualsiasi gruppo
            gli garbi finche' rispettano le leggi
            Quando non le rispettano invece e' assai grave.Ospitali a casa tua se ti piace.
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            No non da fastidio, ma dovrebbero rispettare le leggi Italiane in termini di fisco e sanità.Da noi stanno aprendo supermercati cinesi con i prezzi in cinese, le etichette dei prodotti in cinese e senza la benchè minima tutela sanitaria. La USL e la GdF li chiudono ma dopo tre giorni riaprono da un'altra parte.Tanto le multe e le licenze sono intestate a persone che non si sa chi sono.
        • vb scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Anonimo
          addirittura un bar, faceva (fa) da ufficio di
          collocamento per i cinesi...mentre noi poveri
          italiani stupidi, per trovare un posto di lavoro
          (temporaneo pure) siamo costretti a girare a
          destra e sinistra....ma che schifo!!!! :@guarda, se vuoi un lavoro, basta che vai a fare il muratore, il bracciante o l'operaio tessile. i cinesi e gli altri immigrati lo fanno, mettono da parte i soldi, si comprano le nostre attività, mentre l'italiano medio non si "abbassa" e preferisce stare a casa a spese dei genitori a guardare il campionato su Sky.certo che poi non ci si può lamentare se gli italiani diventano sempre più poveri e disoccupati.
          • Anonimo scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: vb

            - Scritto da: Anonimo

            addirittura un bar, faceva (fa) da ufficio di

            collocamento per i cinesi...mentre noi poveri

            italiani stupidi, per trovare un posto di lavoro

            (temporaneo pure) siamo costretti a girare a

            destra e sinistra....ma che schifo!!!! :@

            guarda, se vuoi un lavoro, basta che vai a fare
            il muratore, il bracciante o l'operaio tessile. i
            cinesi e gli altri immigrati lo fanno, mettono da
            parte i soldi, si comprano le nostre attività,
            mentre l'italiano medio non si "abbassa" e
            preferisce stare a casa a spese dei genitori a
            guardare il campionato su Sky.Te devi essere proprio fuori di testa.Ma fammi capire, secondo te è meglio andare a fare il muratore che starsene tranquillamente a casa a guardarsi Sky? Devi essere veramente PAZZO.
      • Ekleptical scrive:
        Re: 'sti cinesi han stufato

        E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?Io proporrei chiusura etica del mercato. Non rispetti i diritti umani? Stop totale al commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la Cina? Solo per fare affari che si ritorceranno contro tutti noi, a partire dagli operai, per finire alle aziende che verranno tranquillamente "clonate" e rapinate del loro know-how e brevetti (che tanto in Cina, al di là delle parole, se ne fregano, anzi l'obbligo che sussiteva fino a poco tempo fa di entrare in partnership con un'azienda locale sembra fatto apposta per fregarci)?E' chiedere troppo?
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Ekleptical

          E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?

          Io proporrei chiusura etica del mercato. Non
          rispetti i diritti umani? Stop totale al
          commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la
          Cina? Solo per fare affari che si ritorceranno
          contro tutti noi, a partire dagli operai, per
          finire alle aziende che verranno tranquillamente
          "clonate" e rapinate del loro know-how e brevetti
          (che tanto in Cina, al di là delle parole, se ne
          fregano, anzi l'obbligo che sussiteva fino a poco
          tempo fa di entrare in partnership con un'azienda
          locale sembra fatto apposta per fregarci)?
          E' chiedere troppo?si, perchè le multinazionali stanno portando le produzioni in cina (ibm per dirne una)
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Ekleptical

          E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?

          Io proporrei chiusura etica del mercato. Non
          rispetti i diritti umani? Stop totale al
          commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la
          Cina? Solo per fare affari che si ritorceranno
          contro tutti noi, a partire dagli operai, per
          finire alle aziende che verranno tranquillamente
          "clonate" e rapinate del loro know-how e brevetti
          (che tanto in Cina, al di là delle parole, se ne
          fregano, anzi l'obbligo che sussiteva fino a poco
          tempo fa di entrare in partnership con un'azienda
          locale sembra fatto apposta per fregarci)?
          E' chiedere troppo?Quoto, nn è più tollerabile sopportare questa gente...
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Ekleptical

          E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?

          Io proporrei chiusura etica del mercato. Non
          rispetti i diritti umani? Stop totale al
          commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la
          Cina? Solo per fare affari che si ritorceranno
          contro tutti noi, a partire dagli operai, per
          finire alle aziende che verranno tranquillamente
          "clonate" e rapinate del loro know-how e brevetti
          (che tanto in Cina, al di là delle parole, se ne
          fregano, anzi l'obbligo che sussiteva fino a poco
          tempo fa di entrare in partnership con un'azienda
          locale sembra fatto apposta per fregarci)?
          E' chiedere troppo?Quoto. E si potrebbe scrivere per ore su questo argomento.Qualcuno prova a dire che noi quì dovremmo buttarci sulla qualità, sulle piccole serie ad alto contenuto ed infine, soprattutto sulla 'ricerca'. Beh, per esperienza dico che sono str*nzate. Quello che alimenta la ricerca è la produzione. Se io produco, e tanto, allora ho i fatturati che mi consentono di inserire in bilancio i budget per la ricerca. Le piccole serie, i 'top di gamma', i prodotti di nicchia non consento innovazione e ricerca, bensì possono solo portare a specializzazione ed abilità manuale proprie di piccole aziende ed artigiani, ma con questo non si conquistano i mercati. Molti manager, nascondendosi dietro alla parola 'innovazione', fanno in realtà 'delocalizzazione', altro che innovare, produrre in Cina costa 1/10mo, ma viene fatto tutto manualmente da persone sfruttate: altro che innovazione. Presto loro innoveranno davvero, perchè avranno in mano tutta la produzione che gli consentirà la ricerca.
          • AnyFile scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Ekleptical


            E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?Uno Stato che fuznioni meglio (e che non sia solo interessato alle televisioni di qualcuno e a farci spendere soldi, ve la ricordate la pubblicita', anziche' favorire la produzione e lo sviluppo e soprtattuto la ricerca) sarebbe un buon inizio... ovviamnete non me la sto' prendendo con un detrminato partito ... visto che quando sono al governo sono tutti uguali ... la maggior parte dei soldi vengono spesi per i politici e per i maneggi politici ... vergogna
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Ekleptical

          E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?

          Io proporrei chiusura etica del mercato. Non
          rispetti i diritti umani? Stop totale al
          commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la
          Cina?Mi pare un confronot azzardato. Non e' che ti sfugge il ruolo ed il peso economico della Cina rispetto ad un paese come Cuba che vive di tabacco e zucchero di canna - e alla buon ora anche di turismo?Solleva un oggetto dal tavolo e troverai subito Made in China scritto sotto.
          ha come pricipaleSolo per fare affari che si ritorceranno...
          locale sembra fatto apposta per fregarci)?
          E' chiedere troppo?Direi di si. Anche se in principio il discorso know-how e' corretto, produrre in Italia costa eccessivamente. Per cui non rimane altro da fare che inventarci cose nuove qui.Per fare un esempio, secoli addietro gli europei rubarono il know-how dell'allevamento del baco agli orientali. E l'economia cinese ebbe una grave crisi nel mercato della seta, persero il monopolio.Adesso siamo noi con le nostre industrie i moderni allevatori di bachi da seta.Visto che non possiamo chiudere i nostri bachi in gabbia e che ce li stanno gia' prendendo, tocca passare ad altro e rispecializzarci.
          • Ekleptical scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato

            Adesso siamo noi con le nostre industrie i
            moderni allevatori di bachi da seta.
            Visto che non possiamo chiudere i nostri bachi in
            gabbia e che ce li stanno gia' prendendo, tocca
            passare ad altro e rispecializzarci.Esattamente a cosa? All'alta tecnologia? Hai mai fatto caso alla provenienza dell'hi-tech? Non è che viene tutto da Cina, Taiwan, Indonesia, Malaysia e zone limitrofe?Al low-tech? No di sicuro, visto che i costi del lavoro sono ridicoli!Alla ricerca? Ma se i cinesi sono 1,2 miliardi!!! Ma se già stanno sorgendo grossi centri di ricerca da quelle parti (vedi Siemens e Microsoft)! C'è tanta di quella gente, in un territorio geograficamente limitato che appena la cultura si diffonde è finita anche la ricerca, qua! E una volta sviluppati avranno sempre, statisticamente, un numero di ricercatori superiori al blocco occidentale perchè USA+Europa Unita fanno poco più della metà della loro popolazione!!! Saranno sempre, inevitabilmente, il doppio!Le teoria di Ricardo della specializzazione produttiva funziona finchè i soggetti sono più o meno paragonabili. Il problema di fondo, che nessuno dice, è che la Cina è un'anomalia, rispetto alla legge. E' un paese talmente grande e popoloso che non ha bisogno di cedere nessuna specializzazione agli altri! Può contenere in sè tutto, perchè ha già più abitanti di tutta la popolazione attiva del sistema produttivo occidentale!!! E' un fatto che sembra sfuggire ai più, economisti compresi...
          • otacu scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            Io non la vedrei così nera la situazione. La cina ha anche molte debolezze interne. Finora non ha ancora conosciuto una vera crisi economica. Presto o tardi arriverà.
            Le teoria di Ricardo della specializzazione
            produttiva funziona finchè i soggetti sono più o
            meno paragonabili. Il problema di fondo, che
            nessuno dice, è che la Cina è un'anomalia,
            rispetto alla legge. E' un paese talmente grande
            e popoloso che non ha bisogno di cedere nessuna
            specializzazione agli altri! Può contenere in sè
            tutto, perchè ha già più abitanti di tutta la
            popolazione attiva del sistema produttivo
            occidentale!!! E' un fatto che sembra sfuggire ai
            più, economisti compresi...
          • Ekleptical scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato

            Io non la vedrei così nera la situazione. La cina
            ha anche molte debolezze interne.
            Finora non ha ancora conosciuto una vera crisi
            economica. Presto o tardi arriverà.Il problema è che più tardi arriva da loro, prima arriva da noi!
          • otacu scrive:
            Re: 'sti cinesi han stufato
            Vero però non mi darei totalmente per vinto. Certo è dura e se si continua con la faciloneria che abbiamo avuto finora siamo tagliati fuori in italia... bisognerebbe rivedere tutto il sistema "produttivo" in italia a cominciare dalla scuola (ancora troppo legata ad una concezione "umanistica"), investire molto di più in ricerca e bene e aumentare la concorrenza interna.Ecc.ecc.- Scritto da: Ekleptical

            Io non la vedrei così nera la situazione. La
            cina

            ha anche molte debolezze interne.

            Finora non ha ancora conosciuto una vera crisi

            economica. Presto o tardi arriverà.

            Il problema è che più tardi arriva da loro, prima
            arriva da noi!
        • Anonimo scrive:
          Re: 'sti cinesi han stufato
          - Scritto da: Ekleptical

          E che proponi? Bombe? Sanzioni? Forte sdegno?

          Io proporrei chiusura etica del mercato. Non
          rispetti i diritti umani? Stop totale al
          commercio, come si fa con Cuba. Perchè non con la
          Cina? Perchè ci dichiarerebbero guerra nel giro di pochi mesi.
    • Anonimo scrive:
      Re: 'sti cinesi han stufato
      Quoto in pieno, se il posto di potenza egemone degli USA venisse preso dalla Cina non sarebbe un bene per nessuno.Però, pur essendo di DX e fondamentalmente filoamericano, ho un'avversione istintiva per Bush, è stupido, bigotto e venduto alle multinazionali.E non biasimo affatto i suoi interventi contro i Talebani in Afghanistan e contro Saddam, lo biasimo per il modo stupido, pasticcione e autolesionista in cui ha agito, dando destro a tutti gli antiamericani per partito preso di dare addosso agli USA, lo biasimo per aver fatto delle leggi sulla proprietà intellettuale che peggiorano quelle già pessime di Clinton e lo biasimo perché davanti alla Cina si sta calando le braghe e mettendosi a 90°.Con tutti i suoi difetti (fra cui non includo la vita sessuale allegra, ma la mancanza del coraggio di ammetterlo) rimpiango Clinton.
  • Anonimo scrive:
    Questi cinesi hanno rotto!
    Non se ne può più! Bisogna cominciare a prendere provvedimenti o saremo costretti ad emigrare in Cina, visto che praticamente qui non ci sarà più posto per noi!
    • Ekleptical scrive:
      Re: Questi cinesi hanno rotto!

      Non se ne può più! Bisogna cominciare a prendere
      provvedimenti o saremo costretti ad emigrare in
      Cina, visto che praticamente qui non ci sarà più
      posto per noi!ROTFL! Quasi coincidenza di titolo in pochi minuti .. :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi cinesi hanno rotto!

      Non se ne può più! Bisogna cominciare a prendere
      provvedimenti o saremo costretti ad emigrare in
      Cina, visto che praticamente qui non ci sarà più
      posto per noi!Gia' fatto. Vivo nel Liaoning, ho sposato una cinese ed ho un bellissimo bimbo di 5 mesi.A proposito: le ragazze sono davvero molto belle
      • Anonimo scrive:
        Re: Questi cinesi hanno rotto!
        - Scritto da: Anonimo

        Non se ne può più! Bisogna cominciare a prendere

        provvedimenti o saremo costretti ad emigrare in

        Cina, visto che praticamente qui non ci sarà più

        posto per noi!
        Gia' fatto. Vivo nel Liaoning, ho sposato una
        cinese ed ho un bellissimo bimbo di 5 mesi.
        A proposito: le ragazze sono davvero molto belleAle', un altro coraggioso!
        • Anonimo scrive:
          Re: Questi cinesi hanno rotto!
          si andiamo a vivere in un paese dittatoriale .. il sogno della mia vita ...tanto .. la ci sono le ragazze belle .. si ok .. c'è la pena di morte per 68 capi di imputazione ( spaccio , corruzione , furto ... )quindi metti che sei accusato ingiustamente ( o magari sei 1 che voglion togliere di mezzo ) ...una bella pallottola in testa ... e pallotola a carico della famiglia...Che mestiere fai in cina ????
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            - Scritto da: Anonimo
            Che mestiere fai in cina ????Il boia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            ha ecco ..
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            - Scritto da: Anonimo
            si andiamo a vivere in un paese dittatoriale ..
            il sogno della mia vita ...

            tanto .. la ci sono le ragazze belle ..

            si ok .. c'è la pena di morte per 68 capi di
            imputazione ( spaccio , corruzione , furto ... )

            quindi metti che sei accusato ingiustamente ( o
            magari sei 1 che voglion togliere di mezzo ) ...

            una bella pallottola in testa ... e pallotola a
            carico della famiglia...

            Che mestiere fai in cina ????Non ero io lo spiritoso con la battuta del boia.Sono ovviamente un informatico, progetto software per il controllo di grandi impianti industriali.Per quanto riguarda il resto, beh, lo apprendo da questo forum. Sai, e' un po' come alimentare le voci che circolano sull'Italia e gli italiani...Scherzi a parte, trovo che sia la nazione, al mondo, che assomiglia di piu' all'Italia, con gli stessi problemi e gli stessi punti di forza: bellissime montagne, mare meraviglioso, gente amica, cibo molto curato ma anche malavita organizzata, corruzione, ...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            è ke te devo di ... se stai facendo i $ è logico che ti piace il posto ....non è comunque un paese che mi ispira ...e poi 1 domanda .. un paese cosi irrispetoso di regole .. di autoregolamentazioni ... potra reggere 1 corsa cosi sfrenata ?leggevo che si stanno costrunedo le infrastrutture etc etc .. ma .. queste infrastrutture daranno denaro anche 1 volta finite ?d'altro tutti i paesi dopo 1 periodo di enorme espansione ( a maggior ragione la cina che va in maniera sfrenata ) non incapperà nell'inevitabile depressione ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            - Scritto da: Anonimo
            è ke te devo di ... se stai facendo i $ è logico
            che ti piace il posto ....

            non è comunque un paese che mi ispira ...

            e poi 1 domanda .. un paese cosi irrispetoso di
            regole .. di autoregolamentazioni ... potra
            reggere 1 corsa cosi sfrenata ?

            leggevo che si stanno costrunedo le
            infrastrutture etc etc .. ma .. queste
            infrastrutture daranno denaro anche 1 volta
            finite ?

            d'altro tutti i paesi dopo 1 periodo di enorme
            espansione ( a maggior ragione la cina che va in
            maniera sfrenata ) non incapperà nell'inevitabile
            depressione ?peccato che cina cresce cosi da diversi decenisaluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi cinesi hanno rotto!
            al 9% ?sei male informato ..
  • Anonimo scrive:
    Già sentita...
    Questa frase l'ho già sentita:"Non tentiamo di nascondere quanto facciamo ed i nostri acquirenti sanno esattamente cosa comprano"Vanna Marchi?
    • CamperOfDuty scrive:
      Re: Già sentita...
      - Scritto da: Anonimo
      Questa frase l'ho già sentita:
      "Non tentiamo di nascondere quanto facciamo ed i
      nostri acquirenti sanno esattamente cosa
      comprano"

      Vanna Marchi?tanto per esser originali:forse l'ha detto anche la sony??? =PPPPPP*don't cry, I'm joking* ;o]==================================Modificato dall'autore il 22/11/2005 0.27.08
      • CamperOfDuty scrive:
        Re: Già sentita...
        ops, ho sbajato :come deletto il msg, boh....==================================Modificato dall'autore il 22/11/2005 0.26.55
    • Anonimo scrive:
      Re: Già sentita...
      - Scritto da: Anonimo
      Questa frase l'ho già sentita:
      "Non tentiamo di nascondere quanto facciamo ed i
      nostri acquirenti sanno esattamente cosa
      comprano"Beh, tieni conto che i loro acquirenti non sono certo gli utenti finali, ma assemblatori e rivenditori.Tradotto significa: non siamo noi a truffare, ma i negozianti che comprano questo prodotto sapendo che è falso e lo rivendono agli utenti come vero.
      • Anonimo scrive:
        Re: Già sentita...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Questa frase l'ho già sentita:

        "Non tentiamo di nascondere quanto facciamo ed i

        nostri acquirenti sanno esattamente cosa

        comprano"

        Beh, tieni conto che i loro acquirenti non sono
        certo gli utenti finali, ma assemblatori e
        rivenditori.
        Tradotto significa: non siamo noi a truffare, ma
        i negozianti che comprano questo prodotto sapendo
        che è falso e lo rivendono agli utenti come vero.Diciamo che uno dei due ruba e l'altro tiene il sacco. Chi sia l'uno e chi sia l'altro è poco importante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Già sentita...
      - Scritto da: Anonimo
      Questa frase l'ho già sentita:
      "Non tentiamo di nascondere quanto facciamo ed i
      nostri acquirenti sanno esattamente cosa
      comprano"

      Vanna Marchi?Silvio Berlusconi?
Chiudi i commenti