In Svezia grosse multe antispam

Sanzioni fino a 550mila euro per le società svedesi che vengono riconosciute come spammer. Questa la proposta di legge avanzata dal Governo svedese. E' la prima norma antispam nel paese
Sanzioni fino a 550mila euro per le società svedesi che vengono riconosciute come spammer. Questa la proposta di legge avanzata dal Governo svedese. E' la prima norma antispam nel paese


Stoccolma – Servirà a poco o a niente e lo sanno bene anche i suoi promotori, ma quello che il Governo di Stoccolma vuole consegnare al paese nel proporre la prima legge antispam è un principio, quello che boccia senza appello le email non richieste.

La bozza della nuova legge che dovrà essere approvata dal Parlamento prevede in particolare sanzioni economiche progressive e pesanti contro le società svedesi che siano riconosciute come fonte di spam. Le multe per i casi più gravi, quelli che in Italia possono portare dietro le sbarre , in Svezia potranno arrivare a 550mila euro.

“Grazie alla nuova legge – ha affermato il ministro Ann-Christin Nykvist – i consumatori riceveranno nelle proprie caselle di posta elettronica una minore quantità di immondizia”. Il Ministro ha anche citato i dati dell’industria informatica, secondo cui oggi più di metà delle email che circolano nel paese sono costituite da spam. Una situazione che impatta su tutti, dagli utenti ai provider, alle aziende e ai costi dello storage.

Nessuno in Svezia, peraltro, si nasconde che la legge in sé non servirà a fermare lo spam, perché il numero di spammer svedesi è decisamente ridotto rispetto a quello dei grandi e piccoli spammer che affollano il mondo, soprattutto in quei paesi in cui meno rigorose sono le legislazioni in materia di privacy e Internet.

Secondo la società di ricerca IDC , citata anche da Nykvist, entro il 2005 circoleranno 35 miliardi di messaggi di spam all’anno contro i quasi 10 miliardi del 2000.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 12 2003
Link copiato negli appunti