In Svizzera vietati i telefonini.. anonimi

Alcuni membri di Al-Qaeda hanno sfruttato le SIM prepagate anonime in vendita sul mercato svizzero. Ora il Parlamento cambia la legge e si adegua alle norme in vigore solo in Italia, Germania e Ungheria


Roma – Ha suscitato sensazione il fatto che alcuni membri della rete di Al-Qaeda, secondo le forze dell’ordine svizzere, avrebbero fatto uso nel recente passato della possibilità di effettuare chiamate anonime con le SIM prepagate in vendita sul mercato svizzero. Una sensazione tale che ieri il Parlamento svizzero ha varato una nuova normativa che mette fuorilegge quelle SIM.

L’intelligence di Ginevra aveva segnalato l’utilizzo di quelle SIM da parte dei terroristi anche al di fuori del territorio svizzero. Grazie agli accordi tra operatori, infatti, membri di Al-Qaeda hanno potuto effettuare telefonate senza timore di essere rintracciati. Una evenienza che risulta evidentemente indigeribile di questi tempi per le forze di sicurezza.

Non tutti sono però stati d’accordo nel prendere questa drastica decisione anche perché, è stato notato da più parti, nella sola Europa sono moltissimi i paesi che offrono SIM di quel tipo. Non sarebbe dunque difficile procurarsi la possibilità di chiamare alle stesse condizioni fuori dalla Svizzera, il tutto a danno degli operatori e rivenditori elvetici.

Fino a questo momento in Europa gli unici a registrare i dati di traffico telefonico e gli utenti sono Italia, Germania e Ungheria. In Svizzera d’ora in poi i dati dovranno essere conservati per almeno due anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Finalmente iniziano ad usare RFID.
    Ottima iniziativa, l'obiettivo è quello di soppiantare i codici a barre per velocizzare enormemente i pagamenti.Un risvolto per la privacy in effetti c'è su articoli come l'abbigliamento: ogni RFID potrebbe contenere un codice univoco per cui in teoria un utente che compra una giacca con il tag RFID e non lo rimuove dopo l'acquisto potrebbe in teoria essere tracciato durante i suoi spostamenti nei negozi della città.In altre parole si potrebbe sapere quanti e quali negozi ha visitato il cliente 746562987 fornendo un profilo commerciale preciso.Ma in fondo esattamente come come i rivelatori antitaccheggio, l'utente può rimuovere l'etichetta RFID dopo l'acquisto, l'importante è che sia visibile e l'operazione sia agevole.Un po' come staccare l'adesivo in cui è stampato il codice a barre.Tamerlano
  • Funz scrive:
    Una sforbiciata...
    .. e via l'etichetta :)ciao!
  • Akiro scrive:
    per adesso va bene, ma poi?
    "La distanza operativa non supera il metro e mezzo."non vorrei che la distanza operativa si alzasse di qualke km... sarebbe un attimo violar la privacy
Chiudi i commenti